Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘chiara lubich’

Il 2020 sarà l’anno di Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 novembre 2019

Roma Lunedì 18 novembre alle 12.00 presso la Sala Stampa Estera (Via dell’Umiltà, 83 – Roma), si terrà la conferenza stampa con la presenza di Maria Voce, presidente del Movimento dei Focolari, Andrea Riccardi, storico e fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Giuseppe Ferrandi, direttore Museo storico del Trentino, Maurizio Gentilini, autore della biografia di imminente uscita “Chiara Lubich, la via dell’unità tra storia e profezia” (Città Nuova Ed.). Modera Paola Severini Melograni, giornalista. . Dal 7 dicembre 2019 partiranno da Trento, città natale di Chiara Lubich, una serie di eventi per celebrare in tutto il mondo i cento anni dalla nascita della fondatrice del Movimento dei Focolari (1920-2008).Insignita del Premio UNESCO per l’Educazione alla Pace (Parigi 1996), del Premio Diritti umani del Consiglio d’Europa (Strasburgo 1998) ha ricevuto anche diciassette cittadinanze onorarie, tra le quali Roma, Firenze, Torino, Milano, Palermo, Buenos Aires e sedici lauree ad honorem da parte di università di quattro continenti.Personalità carismatica, Chiara Lubich continua ad ispirare milioni di persone, organizzazioni e movimenti con una spiritualità che parla a tutti perché mette al centro la fraternità della famiglia umana.“Desideriamo che questo centenario favorisca un incontro vivo con la persona di Chiara e il suo messaggio, oggi particolarmente attuale e fecondo – spiega Maria Voce –; un incontro che può avvenire nelle migliaia di persone che si spendono per un mondo più unito e in pace; nei movimenti economici, politici e culturali nati dalla sua spiritualità, come l’Economia di Comunione o il Movimento Politico per l’Unità; nelle centinaia di progetti sociali, ambientali e umanitari che contribuiscono a un mondo più unito e giusto”.Promossa dalla Fondazione Museo storico del Trentino e dal Centro Chiara Lubich, con il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento e sotto gli auspici del Segretario Generale del Consiglio d’Europa, la mostra avrà luogo nella cornice suggestiva della Galleria Bianca. “Il percorso espositivo – spiega Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino – intende ripercorrere le tappe significative della vita della Lubich attraverso documenti, scritti autografi, testimonianze fotografiche, video e istallazioni multimediali. La mostra racconterà l’avventura spirituale, culturale e sociale di questa figura che, dal contesto trentino negli anni della seconda guerra mondiale, alle sfide del mondo globalizzato, è stata promotrice instancabile di una cultura della fraternità tra i popoli”. La mostra sarà visitabile durante tutto il 2020 e prevede anche una sezione distaccata a Tonadico, nella Valle del Primiero. Sono previsti, nei continenti extraeuropei, allestimenti ad essa collegati che riprodurranno l’esposizione in corso a Trento. Inoltre la Fondazione Museo storico del Trentino e il Centro Chiara Lubich/New Humanity in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca promuovono il concorso “Una città non basta. Chiara Lubich cittadina del mondo”: un’occasione per gli studenti delle scuole di primo e secondo grado per approfondire il pensiero di Chiara Lubich alla luce degli eventi nazionali e internazionali che hanno caratterizzato la storia del Novecento.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Processo di beatificazione di Chiara Lubich: si conclude la fase diocesana

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 ottobre 2019

Il 10 novembre prossimo si concluderà a Frascati (Italia) la fase diocesana del processo di beatificazione della fondatrice dei Focolari. Proseguirà in Vaticano, presso la Congregazione delle Cause dei Santi. Si concluderà presso la cattedrale di San Pietro, a Frascati, alle 16.30 di domenica 10 novembre prossimo, la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di Chiara Lubich, con lo svolgimento dell’ultima sessione dell’Inchiesta diocesana presieduta da Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo di Frascati.Con la chiusura definitiva di questa fase tutti gli atti dell’inchiesta, sigillati, saranno inviati in Vaticano, al termine di quasi cinque anni di indagini e approfondimenti sulla vita, le virtù, la fama di santità e di segni della Lubich.Con questo passaggio lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle Cause dei Santi.L’iter per l’avvio della causa era iniziato il 7 dicembre 2013 – a cinque anni dalla morte della Lubich – con la presentazione della richiesta ufficiale al vescovo di Frascati da parte del Movimento dei Focolari. Il 27 gennaio 2015 Mons. Martinelli ha dato seguito alla richiesta aprendo solennemente la causa.In quell’occasione Papa Francesco si fece presente con un messaggio in cui ricordava il luminoso esempio di vita della fondatrice del Movimento dei Focolari a quanti «ne conservano la preziosa eredita` spirituale». Inoltre esortava «a far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’unità».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiara Lubich e la grande attrattiva del tempo presente

Posted by fidest press agency su martedì, 27 febbraio 2018

Il 14 marzo 2018 ricorre il 10º anniversario della morte di Chiara Lubich. Le comunità del Movimento dei Focolari sparse nel mondo celebrano questa ricorrenza con molteplici iniziative, improntate sull’azione del carisma dell’unità come motore di cambiamento sociale.
A Seoul, Corea, il 3 marzo convegno alla Maria Hall dell’Ospedale dell’Università Cattolica, previsti 800 partecipanti. A Goma, Rep. Democratica del Congo, l’11 marzo giornata su “Maria: un “sì” che cambia la società”. Ancora l’11 marzo a Chicago, USA, convegno su “Chiara Lubich: una vita di dialogo per la pace”. A Firenze, Italia, il 17 marzo convegno al Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio su “Conoscenze plurali”. A Chiang Mai, Tailandia, il 18 marzo giornata multietnica di azione sociale presso un villaggio tribale. A Chisinau, Repubblica Moldova, il 24 marzo giornata su “Chiara Lubich e le opere sociali”. Queste alcune tra le centinaia di iniziative previste.
Una panoramica a 360º sul volto sociale del carisma di Chiara Lubich, con 2.000 partecipanti dai cinque continenti, sarà data dall’evento artistico in programma al Centro Mariapoli di Castel Gandolfo, Roma, il 3 marzo. Sarà presente il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, e personalità del mondo della cultura, della comunicazione, delle istituzioni. L’evento potrà essere seguito via internet con traduzione in inglese, spagnolo, portoghese, francese e italiano (www.focolare.org).Per Chiara la grande attrattiva del tempo presente era «penetrare nella più alta contemplazione e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo». Sergio Zavoli, legato a lei da profonda conoscenza e amicizia, l’ha definita una mistica dell’unità tra cielo e terra, affermando che Chiara opera una svolta nella mistica trinitaria: «Il far abitare Dio nell’intimità della propria anima diventa il farlo vivere in mezzo agli uomini nella comunicazione – riprendo le sue parole – del Dio in me col Dio nel fratello. Il pensiero di Chiara Lubich non a caso ci interpella sul da farsi per rimettere insieme i frammenti dell’indivisibile cioè l’uomo, e ricomporre le fratture del condivisibile cioè la comunità».Il cambiamento sociale che ne deriva ha suscitato, fin dall’inizio dell’esperienza della Lubich nella sua città natale di Trento, iniziative con una forte impronta sociale. Oggi si ritrovano un po’ in tutto il mondo, incarnate con le caratteristiche proprie di ogni regione e cultura, azioni ed opere nate per contribuire a risolvere specifiche situazioni di necessità di persone, gruppi, comunità. Per Maria Voce, confrontata con la domanda a cosa devano puntare oggi i Focolari a 10 anni dalla morte della fondatrice, c’è da «mantenere assolutamente l’unità con la fonte che è Chiara, quindi la fedeltà al carisma originario così come ci è stato trasmesso; il ritorno alla vita dei primi tempi per scoprirvi quella radicalità, quella totalitarietà che anche oggi ci viene richiesta, forse ancora di più. Sviluppare il Movimento perché possa essere quello strumento che Dio ha pensato per portare questa spiritualità di comunione nel mondo, per costruire l’unità della famiglia umana. Approfondire la conoscenza e la trasmissione – in termini accessibili a tutti – del grande carisma che Dio ha dato a Chiara e che non ha soltanto aspetti spirituali ma anche dottrinali, sociali, politici, aspetti che possono influire in tutti i campi». Non tace Maria Voce la convinzione che oggi la visibilità dell’incidenza del Movimento dei Focolari sulle realtà umane e sociali, seppure buona, «sia ancora troppo localizzata», per poi affermare: «Penso però che questa visibilità debba essere più efficace e più estesa: forse il Movimento deve diventare più noto anche a livello mondiale, perché siamo presenti in quasi tutti i paesi, ma questo forse ancora non è abbastanza espresso. Sarà una cosa che verrà con la vita: quanto più vivremo, tanto più incideremo e saremo visibili».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricordo di Chiara Lubich nel suo IX anniversario

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 marzo 2017

Chiara Lubich4Nel 2017 ricorre il IX anniversario di Chiara Lubich (1920-2008) e numerose sono le iniziative per ricordarla in ogni parte del mondo: da Singapore a Vilnius (Lituania), da Sydney (Australia) a Houston (USA), da Manaus (Brasile) a Bujumbura (Burundi). Nelle varie nazioni, infatti, sono tantissime le persone di culture, fedi, generazioni diverse che nel tempo hanno conosciuto, stimato, amato Chiara e condiviso la sua proposta di operare insieme per la fraternità universale.Quest’anno i vari eventi metteranno in luce la sua visione sulla famiglia. Nell’arco di tutta la sua vita Chiara ha avuto un’attenzione particolare per la famiglia, mettendone in risalto il “disegno ardito, bellissimo ed esigente” e scoprendovi dei “valori immensi e preziosissimi, che proiettati e applicati all’umanità possono trasformarla in una grande famiglia”. Per abbracciare i vari problemi della famiglia, con un amore speciale per chi vive situazioni di sofferenza e marginalità, Chiara fonda nel 1967 Famiglie Nuove, una diramazione del Movimento dei Focolari, di cui quest’anno ricorre il 50°. L’evento centrale si terrà a Loppiano (Fi), cittadella internazionale dei Focolari, dal 10 al 12 marzo con workshop per adulti, giovani, ragazzi e bambini e una diretta streaming sabato 11 dalle 16 alle 18.30.
Diverse le iniziative anche in Sicilia.
A Palermo sabato 11 marzo, dalle 15.30 alle 19, “Chiara Lubich e la famiglia”, presso Oasi francescana di Baida, un pomeriggio di riflessione ed esperienze sulla vita di famiglia.
A Catania sabato 18 marzo, dalle 17 alle 20.30, “Famiglia risorsa creativa per la fraternità”, presso la Sala Conferenze del Dipartimento di Scienze Politiche, via Gravina 12, realizzato dal Movimento dei Focolari insieme a gruppi e comunità di diverse religioni, che da tempo collaborano nel territorio: Comunità di S.Egidio, Comunità Dialogo, Movimento Rinascita Cristiana, Comunità Islamica di Sicilia, Comunità Baha’i, Comunità Indù, Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai. L’evento mira a mettere in rilievo i valori tipici della famiglia che, vissuti nei vari ambiti della società, danno vita a “brani di fraternità” nella prospettiva dell’unica famiglia umana.
A Caltanissetta, domenica 12 marzo, dalle 16 alle 19, “Chiara e la famiglia”, presso il salone della parrocchia S. Cuore, c/da Cozzo di Naro.
A Siracusa, domenica 19 marzo, dalle 16.45 alle 18.45, “La Famiglia è il futuro”, presso il Salone Giovanni Paolo II del Centro Convegni della Basilica Santuario Madonna delle Lacrime. L’evento sarà articolato su tre tematiche:
– “Famiglia: trama di rapporti dall’io al noi”
– “L’amore: strumento e risposta alle criticità nella famiglia”
– “Famiglia: risorsa creativa per il tessuto sociale di ogni popolo”
A Capo D’Orlando, sabato 11 marzo, dalle 15.30 alle 18.30, “Chiara Lubich una luce per la famiglia”, presso Salone Cristo Re, Parrocchia Maria SS. Di Porto Salvo.
Chiara Lubich3A Mazzarrone, domenica 12 marzo, dalle 19 alle 21, “Chiara e la Famiglia”, presso il salone della chiesa madre S. Giuseppe. Sarà presente il vescovo della diocesi di Caltagirone.
A Vittoria, domenica 12 marzo, dalle 16 alle 19, “Chiara e la Famiglia”, presso il salone della parrocchia Madonna della Lacrime, via Rosolino Pilo, 50. Il programma prevede, tra l’altro, alcune esperienze di famiglie che vivono situazioni e contesti diversi: coppie giovani e mature, contributo dei figli nella vita di famiglia, vedovanza, situazioni di separazione, quando il dolore “bussa forte”.
A Modica, domenica 12 marzo, dalle 9 alle 17, “Siate una famiglia”, presso il Kikki Village Resort – contrada Zimmardo-Graffetta. Partendo da alcuni messaggi di Chiara Lubich alle famiglie, si approfondiranno vari aspetti: la famiglia che si apre al sociale, famiglia e scuola, famiglia e dolore, famiglia ed accoglienza. La giornata offrirà anche spazi per il dialogo e momenti ricreativi.
A Marsala, domenica 12 marzo, dalle ore 16 alle 18, “Scoprire insieme il carisma dell’unità per la famiglia”, presso il Presidio di Pace Giovanni Paolo II (ex Boccone del Povero), c/da Rakalia.
A Piazza Armerina, lunedì 13 marzo, dalle 16.30 alle 19.15, “Chiara Lubich e la Famiglia”, presso l’auditorium dell’Istituto Ettore Majorana, piazza Sen. Marescalchi. Attraverso episodi di vita vissuta presentati da famiglie appartenenti a diversi movimenti ecclesiali, si metterà a fuoco l’“arte d’amare” proposta da Chiara Lubich. Saranno presenti il vescovo della diocesi e pastori di altre Chiese cristiane.
A Lentini, martedì 14 marzo, ore 18.30, “Chiara Lubich e la famiglia”, presso la parrocchia Cristo Re. Parteciperanno vari gruppi, associazioni e movimenti ecclesiali.
Celebrazioni eucaristiche in varie località, tra cui: Mazzarrone (Chiesa Madre, 12 marzo, ore 18, presieduta dal vescovo della diocesi), Paternò (parrocchia S. Giovanni Bosco, 14 marzo, ore 18), Lentini (parrocchia Cristo Re, 14 marzo, ore 18). (foto: Chiara Lubich)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiara Lubich e la famiglia

Posted by fidest press agency su domenica, 5 marzo 2017

chiara lubichIl prossimo 14 marzo ricorre il 9º anniversario della morte di Chiara Lubich. L’argomento che verrà preso in considerazione sarà la famiglia, sullo sfondo delle dinamiche aperte dal Sinodo dei vescovi e dalla successiva esortazione apostolica Amoris laetitia di papa Francesco. Inoltre questo anno ricorre il 50º della fondazione di Famiglie Nuove, la diramazione dei Focolari fondata nel 1967 dalla Lubich per il mondo della famiglia.
Chiara vedeva la famiglia come «seme di comunione per l’umanità del terzo millennio», come ebbe a dire nel suo messaggio al Familyfest del 1993, augurandosi che «i valori ad essa connaturati – la gratuità, lo spirito di servizio, la reciprocità – possano essere trasferiti all’intera famiglia umana».
È sotto questa chiave che si possono leggere le iniziative che lungo il 2017 si realizzano in vari paesi del mondo. La finalità è quella di cogliere il percorso di vita e di pensiero di questi cinquant’anni e mettere in luce il valore antropologico e universale delle famiglie nella prospettiva della “famiglia umana”.
Il primo appuntamento, sul tema “La famiglia fonte di speranza e gioia”, si è tenuto al Cairo, in Egitto, con oltre 300 partecipanti: un programma di festa e di testimonianze, dove è venuto in evidenza il protagonismo dei più giovani e il rapporto tra le generazioni in famiglia. Quello di Panama, “Essere sempre famiglia”, ha avuto luogo il 12 febbraio: in una società caratterizzata dai ritmi frenetici, oltre 400 persone si sono date appuntamento nel parco cittadino per una giornata di dialogo, giochi e passeggiate.
Un evento di respiro mondiale avrà luogo alla Cittadella di Loppiano, Firenze, dal 10 al 12 marzo 2017, con la partecipazione di famiglie provenienti dai cinque continenti. In programma workshop per genitori, figli, nonni. Un gruppo qualificato darà vita ad un Seminario culturale in cui si rifletterà su “Il patto di reciprocità nella vita familiare, generativo della fiducia e della relazione”. Si svolgerà in collaborazione con l’Istituto Universitario Sophia, e da esso prenderà il via un Centro studi sulla famiglia, nel quadro dell’attività accademica di Sophia, con l’obiettivo di approfondire il contributo della spiritualità dell’unità per la famiglia oggi.
Momento centrale dell’evento di Loppiano sarà il pomeriggio di sabato 11 marzo, con un programma articolato in tre tempi: “Famiglia, trama di rapporti”: relazioni all’interno della coppia, con i figli, tra le generazioni; “L’amore, strumento e risposta alle criticità nella famiglia”: condivisione di ferite, sfide, dolori; “Famiglia, risorsa creativa per il tessuto sociale di ogni popolo”: reti di famiglie, solidarietà e accoglienza, impegno nei confronti della società. Si alterneranno storie reali di famiglie, riflessioni qualificate e contributi colti dal patrimonio di pensiero e di vita di Chiara Lubich sulla famiglia. Il programma sarà diffuso in diretta streaming.
Ogni anno la ricorrenza della morte di Chiara Lubich è per le comunità dei Focolari nel mondo occasione di incontro, di festa, di testimonianza e di rinnovato impegno. Anche il 2017 vede quindi moltiplicarsi gli appuntamenti, da Singapore a Vilnius (Lituania), da Sydney (Australia) a Houston (USA), da Manaus (Brasile) a Bujumbura (Burundi). Una sorta di costellazione che letteralmente abbraccia il mondo e richiama la consegna di Chiara: «Siate una famiglia».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il magnificat di Madre Teresa di Calcutta raccolto da Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

copertina_Madre_Teresa«Tu fai quello che io non posso fare. Io faccio ciò che tu non puoi fare», questo era il saluto abituale di Madre Teresa di Calcutta a Chiara Lubich ogni volta che la incontrava, e le occasioni sono state molte.
Parole che narrano la “semplice complessità” della loro amicizia, «grande, intima, profonda» dirà la Lubich.
Così questa descrive il loro incontro avvenuto a fine maggio 1997, presso una povera palazzina del Bronx, a New York, in una cella del convento delle Missionarie della Carità.
«Ebbi un colloquio con lei prolungato e indimenticabile. Era a letto con forti dolori alla schiena, in un ambiente povero (…). L’incontro era stato un’eccezione date le sue precarie condizioni di salute. Privato, gioiosissimo. (…) Poi cominciò a parlare e parlare. Era la fondatrice di un’Opera di Dio che parlava ad un’altra, ben più indegna, e poteva comunicarle i frutti di tutta la sua vita: case di vita contemplativa e attiva (…), diffusione in 120 paesi, progetti ostacolati da governi (…). Parlava del quarto voto che prevede di servire con tutto il cuore i più poveri dei poveri, dei moribondi accompagnati in Paradiso (…). Era il suo magnificat. I pochi minuti concessi dal medico diventarono venti. Peccato che non si sia potuta scattare nessuna foto della Vita che c’era in quella stanza, di quel colloquio che aveva sapore di Paradiso. Poi ci lasciammo, abbracciandoci. Non dimenticherò mai quel volto e quella gioia (…). Sono contenta di averla conosciuta e di averla avuta così vicino. Ho cominciato a pregare non tanto per lei, ma lei per tutti noi».
E aggiungeva in un’altra occasione: «Ha realizzato quello che il Papa [Giovanni Paolo II] definisce genio femminile, che sta proprio in ciò che Maria aveva di caratteristico. Lei non era tanto investita da un ministero, ma (…) era investita dall’amore, dalla carità, che è il più grande dono, il più grande che viene dal cielo».
chiara lubichIn un collegamento telefonico con i membri dei Focolari nel mondo il 25 settembre 1997, Chiara Lubich diceva di lei: «Madre Teresa è (…) una maestra eccelsa dell’arte di amare.
Amava veramente tutti. Non chiedeva al suo prossimo se era cattolico o indù o musulmano, ecc. (…)
Madre Teresa amava senz’altro per prima. Era lei che andava a cercare coloro per i quali era stata inviata da Dio.
Madre Teresa vedeva, come forse nessun altro, Gesù in ognuno: “L’hai fatto a me” era appunto il suo motto.
Madre Teresa si faceva uno con tutti. S’è fatta povera con i poveri, ma soprattutto come i poveri. Ed è qui che si differenzia dalla semplice assistente sociale (…) o da chi è dedito al volontariato.
Non accettava nulla che non potessero avere anche i poveri.
E’ nota, ad esempio, la sua rinuncia e quella delle sue suore ad una semplice lavatrice, rinuncia che molti non comprendono – dicono infatti: in questi tempi! -, ma lei faceva così perché i poveri non ce l’hanno e quindi non voleva averla nemmeno lei.
S’è addossata, ha fatto propria la miseria dei poveri, le loro pene, le loro malattie, le loro morti.
Madre Teresa ha amato tutti come se stessa, sino ad offrire loro il proprio ideale. Invitava, ad esempio, i volontari che prestavano per un certo tempo servizio alla sua Opera, a cercare la propria Calcutta là dove ognuno tornava. Perché i poveri – diceva – sono un po’ dovunque.
Madre Teresa ha senz’altro amato i nemici. Non s’è mai fermata a contestare le accuse assurde che le si rivolgevano, ma pregava per i nemici».
Due giorni prima, alla comunità dei Focolari dell’Emilia Romagna radunata a Rimini, Chiara confidava: «Ho ammirato Madre Teresa in modo specialissimo per la sua determinazione. Aveva un ideale: i più poveri fra i poveri. E vi è rimasta fedele. Tutta la vita ha puntato su quest’unico obiettivo. Anche in questo è per me un modello di fedeltà all’ideale che Dio mi ha affidato».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiara Lubich e il suo sogno di un mondo unito

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

«Donna di intrepida fede, mite messaggera di speranza e di pace», così papa Benedetto XVI dipingeva Chiara Lubich nel messaggio inviato per il suo funerale, otto anni fa. E papa Francesco, all’avvio della causa di beatificazione nel gennaio 2015, esortava a «far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’unità».Il presente achiara lubichnniversario della sua morte, avvenuta il 14 marzo 2008, vede un rincorrersi di eventi che confermano il graduale avverarsi di un sogno: «Vedere nel mondo realizzarsi pian pianino, o anche in fretta se possibile, la fraternità universale».
A Sarajevo, in Bosnia e Erzegovina, la comunità dei Focolari composta da cattolici, ortodossi, musulmani e persone di convinzioni non religiose raccoglierà nell’incontro Il messaggio di dialogo e di pace il risultato di anni di impegno fianco a fianco. Sarà aperto alla città, con la partecipazione dell’arcivescovo cardinale Vinko Puljić. Una convinzione che attraversa il dialogo in atto anche negli altri Paesi balcanici e che passa dal reciproco riconoscimento di tradizioni e nazionalità.
Lo mostra il programma educativo Perle di Skopje, in Macedonia: un asilo, legato all’università, che accoglie bambini delle varie etnie, coinvolge le famiglie e fonda il suo progetto educativo sugli ideali di fratellanza della Lubich. Un’iniziativa del professore Aziz Shehu, musulmano, già ordinario e pro-decano presso la facoltà di Pedagogia.
Che si tratti di un processo irreversibile lo hanno testimoniato anche i 110 giovani croati, serbi, ruteni, ungheresi, albanesi e macedoni, con altri della Bulgaria e Romania, insieme per la prima volta agli inizi di marzo, all’insegna di Balcani: noi siamo uno.
Sono oltre 200 gli eventi promossi dalle comunità dei Focolari in Europa. A Minsk, Bielorussia, una giornata dal titolo Viviamo per l’unità. In Svezia incontri familiari nelle sei città dove sono presenti comunità del Movimento. A Monaco, Germania, il primo “Chiaratag”. A Lisbona, Portogallo, una tavola rotonda su Chiara e la pace con giornalisti e membri qualificati della Commissione Giustizia e Pace. A Siviglia, Spagna, il focus andrà su Chiara Lubich, educatrice alla pace, con il contributo dell’Iman Allal Baschar della Moschea del Re Abdul Aziz al Saud di Marbella e di d. Manuel Palma Ramírez vice direttore del Centro Studi Teologici di Siviglia.
A Medellín, Colombia, non c’è famiglia che non abbia perso, in questi 50 anni di conflitto, almeno uno dei componenti. Così anche tra i membri della comunità dei Focolari: tre generazioni con storie come quella di Rosa, che dopo l’assassinio del figlio per mano di un amico, non si abbandona alla vendetta, ma impugna con tutte le forze il coraggio del perdono, lavorando nel centro sociale del quartiere per diffondere riconciliazione, cure, cultura. Progetti di formazione in diverse città della Colombia, Ecuador, Venezuela e Messico vedono l’alternarsi di generazioni di bambini che, diventati professionisti e insegnanti, si assumono il compito della formazione dei nuovi cittadini alla cultura della fratellanza e alla pace.
Innumerevoli sono nelle Americhe gli incontri, simposi, conferenze e concerti, dalla dimensione spirituale e di preghiera, a quella interreligiosa o ambientale, da New York e San Francisco, negli USA, a Santiago del Cile, passando da La Habana, in Cuba, Neza, nello Stato messicano di Nezahualcoyotl, Caracas, in Venezuela, Rio de Janeiro, in Brasile, Mendoza, in Argentina.
Nel Pacifico, significativi gli incontri ad Honolulu, nelle isole Hawaii, e a Noumea, in Nuova Caledonia.
Boldrini lauraIn Australia focus sulla pace e l’accoglienza, con appuntamenti a Canberra, Melbourn, Sydney e Perth, quest’ultimo preparato dai giovani e tenuto all’aperto nella centrale Northbridge Piazza.
In Nuova Zelanda incontri a Wellington e Christchurch su Politics for Unity: Making a World of Difference.
In Corea del Sud appuntamenti animati da trentuno comunità nei diversi territori per approfondire il legame tra Chiara Lubich e la pace.
Nelle Filippine, all’università De La Salle di Manila, il simposio Carisma dell’unità, una eredità senza tempo indagherà nei percorsi che hanno avuto luogo in 50 anni di vita del Movimento dei Focolari nel continente asiatico.
In Vietnam, a Vung Tau, 300 persone provenienti da tutto il Paese si raduneranno per più giorni all’insegna della condivisione e della spiritualità dell’unità.
In Pakistan sono previsti incontri di spiritualità e Messe per la pace in sette città.
Appuntamenti anche in Burkina Faso, Costa d’Avorio, Camerun, Nigeria, Kenya, Uganda per nominarne solo alcuni.
In Burundi, nell’attuale situazione di tensione sociale, si raccoglieranno intorno al tema Misericordiosi come il Padre Celeste, siamo costruttori di pace.
Nella Rep. Democratica del Congo un collegamento telefonico unirà le grandi città del Paese: Lubumbashi, Goma, Kikwit e Kinshasa. Qui 1500 persone, alla presenza di ambasciatori, membri dell’UNESCO, esponenti di diverse confessioni cristiane, autorità musulmane, rifletteranno su come vivono La pace nella famiglia.
In Italia, la presenza diffusa di comunità dei Focolari suscita localmente numerose iniziative.
A Roma, 280 giovani si danno appuntamento presso il Parlamento con la presidente della Camera Laura Boldrini, il Ministro degli Esteri Gentiloni e altri parlamentari. Pasquale Ferrara, diplomatico, Michele Zanzucchi, direttore di Città Nuova, Shahrzad Houshmand, teologa musulmana, saranno gli interlocutori per discutere i contenuti di un manifesto con proposte concrete sulla pace, il disarmo e la riconversione industriale.
All’università di Pisa una lezione di Antonio M. Baggio nel Corso di Giurisprudenza: L’amore degli amori. Ispirazione religiosa e laicità della politica in Chiara Lubich.
Al Palazzo Ducale di Genova un approfondimento della Laudato sì durante l’evento Le religioni dialogano per la pace e per l’ambiente, con Husein Salah, presidente della Comunità islamica, Giuseppe Momigliano, rabbino capo, Gnanathilaka Mahauswewe, monaco buddista, Andrea Ponta, ingegnere ambientale, Roberto Catalano, centro dialogo interreligioso dei Focolari.
Me attraverso te è il titolo di un evento itinerante a Milano, una sorta di “abbraccio” alla città e di interazione tra gruppi diversi. E ancora dialogo, integrazione, perdono per il ciclo di appuntamenti Il mio mondo è come il tuo? …passi per ri-conoscersi.
All’auditorium del Centro Mariapoli di Castelgandolfo, Roma, si ritroveranno membri del Corpo diplomatico, accreditati presso l’Italia e presso la Santa Sede, e esponenti del mondo della cultura, accolti dalla presidente dei Focolari Maria Voce, per ricordare Chiara Lubich sotto il profilo La cultura del dialogo come fattore di Pace.In Medio Oriente, mentre i conflitti armati continuano a seminare distruzione e ad uccidere la speranza, le comunità dei Focolari in Siria affermano che «della pace siamo responsabili anche noi. Se crediamo che Dio, Signore della Storia, può vincere il Male e ci ascolta, pecchiamo di omissione se non preghiamo incessantemente Lui, per il quale sono possibili le cose impossibili e può sostenerci nel raggiungere l’obiettivo grandioso di fare di tutta l’umanità una sola famiglia. Perciò pregare, mentre cambiamo i nostri cuori e facciamo circolare i beni».
Il senso del 14 marzo 2016 sta proprio in questo: far convergere l’impegno e la preghiera di molti, da tanti punti della terra, per rendere il mondo più unito.Parallelamente la Causa di Beatificazione di Chiara Lubich, iniziata il 27 gennaio 2015, sta seguendo l’iter previsto dalla normativa. Molte le persone che ad oggi hanno potuto offrire la loro testimonianza, di diverse Chiese e di convinzioni non religiose. Un mosaico che evidenzia l’esemplarità della sua vita, impegnata con quanti Dio poneva sul suo cammino a «farsi santi insieme». (Victoria Gómez)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maria Voce consultrice del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione

Posted by fidest press agency su domenica, 11 dicembre 2011

Benedetto XVI ha nominato Maria Voce consultrice del Pontificio Consiglio per la Promozione della NuovaEvangelizzazione, unica donna tra i 15 nuovi consultori.La notizia è giunta il 7 dicembre, giorno in cui i Focolari ricordano la nascita del movimento, avvenuta 68 anni fa a Trento, con la consacrazione a Dio di Chiara Lubich.“La notizia mi dà gioia e mi onora per la fiducia dimostrata dal Papa e dal Pontificio Consiglio. Questa nomina mi impegna a far sì che la vita mia e di tutti quelli che sono legati a me nel Movimento dei focolari sia evangelizzata e per questo evangelizzante”. Così si è espressa Maria Voce nell’apprendere la notizia. E ha continuato: “Sono cosciente che tanti non avranno mai l’occasione di leggere il vangelo se non attraverso la nostra vita”

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anniversario Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 marzo 2011

Trento (Teatro Sociale) Sabato 12 marzo 2011  ore 9.50-12.30 e 15.00-17.40 “Chiara Lubich: un carisma, una vita per l’unità dei cristiani” è il titolo della Giornata ecumenica internazionale che avrà luogo il 12 marzo 2011 e che si inserisce nel quadro delle manifestazioni di vario tipo che in molte città d’Italia e del mondo ricorderanno la fondatrice dei Focolari. Con le autorità civili e religiose di Trento e la cittadinanza, saranno presenti partecipanti convenuti da 36 Paesi e circa 20 Chiese. Sono previste traduzioni simultanee in 17 lingue. La manifestazione metterà a fuoco il dialogo ecumenico, come primo e necessario passo verso la fraternità universale, parte perciò di un ampio dialogo che Chiara Lubich ha percorso con passione e che ha costituito lo scopo della sua esistenza.Trento, “cerniera” tra la civiltà latina e quella germanica, ha favorito questo evento, attraverso un percorso che ha visto il coinvolgimento di componenti varie della città: istituzioni e cittadini, giovani e adulti, cristiani di diverse Chiese presenti nel territorio, segno che la vocazione di Trento quale “città del dialogo” appare più che mai attuale. Alla Giornata sono previsti messaggi del Patriarca Bartolomeo I di Istanbul, del Card. Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei cristiani, e dal Rev. Olaf  Tveit, segretario generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese. Maria Voce, presidente del movimento dei Focolari, offrirà una riflessione. Il programma vedrà l’articolarsi di testimonianze, riflessioni e contributi musicali, da parte di cristiani di molte Chiese e di diverse aree geografiche e culturali, dalla Cina al Sudafrica, dall’Egitto e Libano a Cuba, dall’Europa dell’Est e dell’Ovest.La Giornata si colloca all’interno di una Settimana ecumenica internazionale al Centro Mariapoli“Chiara Lubich” dal 11-16 marzo, durante la quale i 400 partecipanti  visiteranno anche i luoghi della città che hanno particolare rapporto con la storia degli inizi del movimento.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omaggio a Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su sabato, 13 marzo 2010

Loppiano (FI) 14 marzo 2010 Auditorium Maria Theotokos dalle 10.30 alle 11.45 e nel pomeriggio dalle 15.30 alle 16.30.  Omaggio a Chiara Lubich“Siate una famiglia” A due anni dalla sua scomparsa, la cittadella dei Focolari ricorda la sua straordinaria personalità e la ricca eredità da lei lasciata. La parola ad alcuni testimoni della prima e dell’ultima ora. Nel pomeriggio: momenti artistici rivivendo le numerose visite di Chiara nella cittadella.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ad Ascoli Piceno il primo premio Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

Si è svolto a Loppiano (Firenze) e promosso dall’Associazione “Città per la fraternità” e dal comune di Incisa in Val d’Arno, l’evento, indirizzato a sindaci, enti e amministratori locali, ha visto anche la partecipazione di molti giovani intervenuti dalle città italiane rappresentate. Alla consegna del premio Chiara Lubich per la fraternità alla città di Ascoli Piceno sono seguite tre menzioni d’onore ad Ercolano, San Severo di Puglia e ai Comuni della zona Fiorentina Sud-Est per il progetto socio-sanitario Società della Salute. Da Spoleto a Todi, da Montecatini ad Ariccia, dai rappresentati della Regione Sicilia a Pompei, a San Severo di Puglia; sindaci, amministratori e cittadini si sono fatti portavoce del bisogno di buone pratiche di reciprocità, invocato dalle diverse anime delle nostre società.  “E’ nata per questo, un anno fa, l’Associazione Città per la Fraternità – ha ricordato Pasquale Boccia, sindaco di Rocca di Papa (RM) e presidente dell’omonimo organismo – per creare un luogo dove soggetti istituzionali e sociali possano condividere e arricchirsi delle reciproche diversità”. Il consigliere della Regione Toscana Parrini ha voluto evidenziare che proprio perché lo scenario mondiale sembra andare in direzione opposta, è necessario che sorgano luoghi della condivisione ad ogni livello”. Luoghi della fiducia, come li ha definiti Rosa Di Pasquale, parlamentare, capaci di ridare speranza anche all’agire politico.   E’ stata poi la volta dei testimoni della fraternità nella storia ed oggi, pietre miliari della vita democratica e ispiratori per le sfide sociali e politiche attuali. Da Luigi Sturzo che Giampaolo D’Andrea ha riletto sotto il profilo di appassionato “municipalista” che mette la città al centro perché – come ebbe ad affermare – è da essa che parte la vita di una nazione”.  Giuseppe Zorzi, direttore della fondazione De Gasperi, ha sottolineato come per lo statista la politica fosse funzionale all’unità prima del Paese e poi dell’Europa.  E di fraternità che si fa fondamento della pace, ha parlato Rosangela Calzia, nel presentare la figura di Igino Giordani, parlamentare, giornalista, uomo di cultura del secondo dopo guerra. Lucia Fronza Crepaz ha presentato infine Domenico Mangano, amministratore locale prima e cittadino attivo poi, che ha vissuto la politica in assoluta coerenza e vicinanza ai cittadini, in una vita tutta spesa a costruire – come amava ripetere – “frammenti di reciprocità”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiara Lubich: Da Loreto al mondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2009

Loreto. Al Palacongressi, davanti ad autorità religiose e civili, tra cui numerosi sindaci della regione, e ad un pubblico locale e internazionale, per la partecipazione dei dirigenti dei Focolari, il sindaco ha ricordato l’attualità e la profondità del “messaggio spirituale, culturale e operativo” di Chiara Lubich, “la sua opera incentrata sull’ideale della fraternità, l’impulso da lei dato al rinnovamento della politica, dell’economia, della pedagogia e dei diversi ambiti della società, al dialogo da lei aperto con l’umanità, superando le differenze tra razze, religioni e culture”. Ed ha auspicato che “sia di esempio soprattutto per coloro che operano nel mondo politico”.  La forte esperienza spirituale che Chiara, 19enne, aveva vissuto in quella “casa” – che secondo la tradizione ha accolto la straordinaria famiglia di Nazaret – è risuonata nel Palacongressi, attraverso le sue stesse parole, espresse in un intenso momento artistico. “L’intuizione di Chiara appare un intervento di Dio, che precede i tempi e che non dà spiegazioni razionali” – osserva Maria Voce. “Quando irrompe il divino nella storia, non viene con lo squillare delle trombe, ma sommessamente, come a Nazaret”.   Un’esperienza che si incastona nella storia ed “accomuna semplici fedeli e santi che tra quelle pareti hanno avuto la rivelazione del progetto di Dio sulla loro vita e lì hanno pronunciato il loro “Eccomi”. “Tra quelle pietre che sono state testimoni dell’Incarnazione del Figlio di Dio – come ha evidenziato l’arcivescovo di Loreto, Giovanni Tonucci – nasce in Chiara quell’intuizione da cui si apriranno orizzonti infiniti”, che attendono di essere ampliati e realizzati da tutti coloro che hanno raccolto la sua eredità.  La Presidente del Focolari ha ricordato che è proprio sulla famiglia di Nazaret che si è modellata la nuova famiglia spirituale nata nella Chiesa, il Movimento dei Focolari.  In campo politico, il prof. Baggio ha evidenziato come la fraternità universale assunta come categoria politica, immette fiducia nel tessuto sociale lacerato, ricostruendolo.  Un’esperienza, iniziata anche a Loreto due anni fa, come ha ricordato ancora il sindaco Pieroni, quando la città ha aderito ad una rete che lega Comuni di varie città italiane, impegnati a dar vita ad iniziative “per la pace, i diritti umani, la giustizia sociale e la fraternità universale”. Progetto che va col nome di “Città per la fraternità”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commemorazione di Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2009

Martedì 17 marzo 2009 – ore 11-13 Sala della Lupa – Camera dei Deputati la commemorazione è stata promossa dai Presidenti di Senato e Camera nel primo anniversario della scomparsa , avvenuta il 14 marzo 2008. Il  Presidente del Senato, Renato Schifani, e il Presidente della Camera, Gianfranco Fini,  intendono ricordare la figura, il pensiero e l’opera della fondatrice del Movimento dei  Focolari con un Convegno dal titolo: “ Chiara lubich, un patto di fraternità per l’Italia Come informa un comunicato dell’ufficio stampa della Camera dei Deputati, apriranno i lavori il  Presidente della Camera, Gianfranco Fini e il Vicepresidente del Senato, Rosa Angela Mauro.  Interverranno Christine Boutin, Ministro delle politiche urbane e degli alloggi della Repubblica francese, Andrea Riccardi, Professore ordinario di storia contemporanea presso la terza università di Roma e fondatore della Comunità di Sant’Egidio, e Maria Voce, Presidente del Movimento dei  focolari. In programma anche un filmato su Chiara Lubich.  Parteciperanno parlamentari e politici di varie nazioni: dalla Corea del Sud al Brasile, dalla Francia all’Argentina, convenuti in Italia in occasione di questo anniversario.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Seminario di studi su Una governance per la crisi

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2009

Politiche di fraternità universale” promosso dal Movimento politico per l’unità dei Focolari si svolgerà lunedì 16 marzo,  dalle 14,00 alle 17,00 nella Sala delle Colonne – Camera dei Deputati, Palazzo Marini – Via Poli, 19 per riflettere sull’attualità del messaggio offerto da Chiara Lubich alla politica  nell’attuale crisi globale.  Interverranno: Pasquale Ferrara, diplomatico e politologo, Antonio Maria Baggio, filosofo della  politica, Bruno Mattei, docente di filosofia dell’università di Lille (Francia), e Vera Araujo, sociologa (Brasile). In questo primo anniversario, Chiara Lubich sarà ricordata in oltre 500 eventi a carattere liturgico  e culturale e politico, in più di 350 città del mondo.  Il Movimento Politico per l’Unità è una rete mondiale coordinata da una segreteria internazionale, di cittadini attivi, di politici eletti nei vari livelli istituzionali o militanti nei più vari partiti e movimenti politici, di funzionari pubblici, di giovani che si interessano alle grandi questioni mondiali e alla vita della propria città e di studiosi di scienze politiche. L’  obiettivo è contribuire politicamente con uno stile coerente e competente, ad una storia di pace e di unità tra i popoli  della terra, impegnandosi a fare della fraternità universale una fondamentale categoria politica, traducendola in fatti, indiritti e doveri, sostanziando la partecipazione democratica, rivedendo in questa luce gli assetti istituzionali locali, nazionali e internazionali

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo anniversario morte di Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su sabato, 7 marzo 2009

Loppiano (FI) 15 marzo 2009, ore 11 Nel primo anniversario della dipartita di Chiara Lubich (14 marzo 2008-14 marzo 2009) numerosi sono gli eventi in programma nel mondo, dalle colorazioni più diverse. Ne citiamo, qui di seguito, solamente alcuni, fra i tanti che si vanno aggiornando di continuo. A Roma l’evento si svolgerà sabato 14 marzo: alle ore 11, presso la Basilica di Santa Maria Maggiore si celebrerà una solenne messa presieduta dal cardinale Paul Poupard, presidente emerito del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso. E poi, a seguire nel pomeriggio, al Centro Mariapoli di Castel Gandolfo si terrà un incontro dal titolo “Con Chiara – Un dialogo che continua” a quale parteciperanno personalità di varie Chiese e di diverse religioni nonchè delegazioni dai cinque continenti. “Non un convegno, né una commemorazione, ma una ‘conversazione’ a tu per tu con Chiara”. Attesa la testimonianza(videoregistrata) del cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo di Cracovia, e per oltre trent’anni segretario personale di Giovanni Paolo II. L’evento verrà trasmesso in diretta internet su http://live.focolare.org/ Nel mondo Dall’Irlanda alla Malesia, dagli Stati Uniti al Canada, all’Egitto. In tutto il mondo si rende omaggio a Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, ad un anno dalla sua scomparsa, avvenuta il 14 marzo 2008, per “ricordare la sua figura e continuare a vivere la sua eredità”. Ci saranno cristiani di tutte le chiese, monaci buddisti, personalità e leader religiosi, autorità civili. Ad Istanbul il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I domenica 15 marzo nella Chiesa della Panaghia al Belgrad Kapi leggerà un discorso commemorativo. In Germania parteciperà il vescovo luterano Christian Krause mentre in Thailandia, a Bangkok, è prevista la partecipazione di numerosi monaci buddisti. Commemorazioni anche al Parlamento di San Paolo e a Cuba (evento previsto per il primo aprile)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »