Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘chirurgia bariatrica’

Azienda Ospedaliera di Padova è riconosciuta Centro di Eccellenza di Chirurgia Bariatrica

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 luglio 2018

In occasione dell’VIII Congresso IFSO-European Chapter, tenutosi recentemente ad Atene, la Week Surgery dell’Azienda Ospedaliera di Padova ha ricevuto l’Accreditamento Internazionale come Centro di Eccellenza di Chirurgia Bariatrica. Importante punto di riferimento a livello territoriale, come Centro Hub per la cura e il trattamento dell’obesità, nell’ambito della Rete Regionale Veneta, l’Unità Week Surgery diretta dal Dott. Mirto Foletto dal 2013 (in foto a destra) si avvale della collaborazione di altri due Dirigenti Medici (Dott. Roberto Nistri e Dott. Luca Prevedello) e dei Medici in formazione Specialistica della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale dell’Università di Padova.
Ogni anno, il Centro eroga circa 300 interventi di chirurgia bariatrica tra cui: Bendaggio Gastrico, Sleeve Gastrectomy, Bypass gastrico, Mini-Bypass Gastrico, Diversione biliopancreatica con “switch” duodenale al fine di garantire al paziente un approccio chirurgico il più possibile personalizzato. Qui vengono assicurate tutte le tecniche chirurgiche riconosciute dalle linee guida italiane e internazionali. Peculiarità del Centro è l’approfondito studio pre-operatorio del paziente obeso che comprende, oltre alla valutazione specialistica, chirurgica e medica, un pattern di esami ematochimici volti a indagare l’assetto metabolico ed endocrinologico, una valutazione dietistica con visite periodiche e un moderno approccio psicologico con la somministrazione di test.La Week Surgery è inserita all’interno del percorso clinico-assistenziale del paziente obeso dell’Azienda Ospedaliera di Padova, a cui afferiscono altre unità operative che si occupano della diagnostica, del trattamento medico e chirurgico del paziente in sovrappeso: Medicina Interna ad indirizzo endocrinologico, Nutrizione Clinica, Psicologia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un test sul DNA prevedequanto si può dimagrire con la chirurgia bariatrica

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 settembre 2016

DNAIl Bypass gastrico è un intervento di chirurgia bariatrica sempre più utilizzato nel trattamento dell’obesità grave. Sebbene questo intervento determini una netta riduzione del peso corporeo, alcuni pazienti perdono meno peso del previsto. Poiché questo non dipende da errori chirurgici sarebbe importante riuscire ad individuare chi non risponderà bene alla chirurgia già prima dell’intervento. “Il nostro studio – spiega Edoardo Vitolo, dipartimento di medicina clinica e sperimentale dell’Università di Pisa – ha avuto lo scopo di valutare l’influenza della presenza di alcune varianti genetiche sui risultati (in termini di perdita di peso) di un intervento di bypass gastrico”.Per lo studio sono stati arruolati 100 pazienti affetti da obesità grave, che sono stati seguiti per 1 anno dopo l’intervento di chirurgia bariatrica. Di tutti è stato effettuato lo studio dei polimorfismi di alcuni geni (grelina, adiponectina e CD40) e valutato il peso corporeo a distanza di 6, 26 e 52 settimane dopo l’intervento. “In questo modo – spiega Vitolo – siamo riusciti ad individuare un polimorfismo nel gene della grelina ed uno nel gene del CD40L che si associano rispettivamente ad una maggiore o minore perdita di peso dopo l’intervento. Se questo dato fosse confermato nel lungo periodo e su un più ampio numero di pazienti, questi polimorfismi, di determinazione relativamente semplice, potrebbero essere utilizzati come uno dei criteri per la selezione dei candidati ottimali alla chirurgia bariatrica”.Una piccola percentuale di pazienti tra quelli sottoposti ad un intervento di chirurgia dell’obesità, il by-pass gastrico, dimagriscono meno dell’atteso. A fronte di una perdita di peso attesa del 40% ad un anno dall’intervento, i pazienti portatori di un particolare polimorfismo della grelina dimagriscono un 10% in più dell’atteso, mentre quelli con una particolare variante del gene CD40 dimagriscono un 7-8% in meno del previsto. La grelina è un ormone prodotto dal tratto gastro-intestinale implicata nella regolazione dell’appetito, nella motilità gastrointestinale, nella produzione dei succhi gastrici e pancreatici. Il CD40 è una citochina della famiglia del TNFalfa, implicata nei meccanismi dell’infiammazione. I pazienti più ‘infiammati’ potrebbero rispondere meno all’intervento. In questo studio dunque per la prima volta si dimostra che essere portatori di un particolare polimorfismo della grelina predice un’ottima perdita di peso dopo l’intervento di chirurgica bariatrica, mentre essere portatori di un polimorfismo del gene CD40 (rs1126535) può essere predittore di una risposta meno favorevole in risposta alla chirurgia dell’obesità. “Questo studio – conclude Vitolo – rappresenta un primo passo per l’individuazione di marcatori che consentano di prevedere quali pazienti risponderanno meglio alla chirurgica bariatrica e potrebbe portare ad evitare l’intervento nei soggetti destinati a rispondere meno”.“Questi studi si inseriscono nel più ampio campo della farmacogenetica, ovvero di quel settore della genetica che si occupa del controllo genetico della risposta a trattamenti farmacologici – commenta il professor Giorgio Sesti, presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID). Lo studio è rilevante in quanto apre la possibilità di applicare la medicina di precisione grazie alla selezione delle persone obese che maggiormente beneficeranno dell’intervento di chirurgia bariatrica. E’ molto significativo che studi avanzati di applicazione delle tecniche genetiche vedano protagonisti giovani ricercatori della SID”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diabete tipo 2: risposta chirurgica?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2011

La chirurgia bariatrica dovrebbe essere considerata un’opzione di prima istanza anche per i pazienti diabetici lievemente obesi, per limitare le gravi complicanze che possono derivare dal diabete. Lo sostiene la International diabetes federation (Idf), in un articolo pubblicato sulla rivista The Lancet. Secondo la Idf, la chirurgia andrebbe offerta in caso di diabete, non solo agli obesi (Bmi=35) ma e anche a quelli con Bmi fra 30 e 35 che nonostante una ottimale terapia non riescano ad avere un buon controllo della glicemia, specie in presenza di comorbilità importanti, come ipertensione e dislipidemia. Per raggiungere questa posizione comune alle 200 società diabetologiche che la costituiscono, la Idf ha creato una task force di 20 esperti internazionali, diretti da un team composto da Paul Zimmet(Melbourne), George Alberti (Londra), Francesco Rubino(New York – Roma) e John Dixon (Melbourne), autori dell’articolo pubblicato. «L’introduzione della chirurgia come legittima opzione nella terapia del diabete tipo 2» spiega Rubino, direttore del Programma di chirurgia metabolica del New York Presbyterian Hospital e ricercatore dell’ Università Cattolica di Roma «cambia il modo di concepire la cura del diabete». E aggiunge: «Quando esercizio fisico, dieta e farmaci non sono sufficienti bisogna valutare accuratamente le caratteristiche del paziente e il suo grado di obesità per verificare se esiste indicazione all’intervento. In quel caso è dovere del medico informare il paziente; ma oggi meno dell’1% dei pazienti con indicazione chirurgica ha accesso a questo tipo di terapia».(fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »