Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘chirurgia toracica’

Chirurgia toracica: accordo tra l’Università di Parma e lo Shanghai Chest Hospital

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

Questa mattina nella sede centrale dell’Università di Parma è avvenuto un importante incontro tra il Rettore Paolo Andrei e una delegazione dello Shanghai Chest Hospital, centro d’eccellenza in Cina e a livello internazionale nel campo della chirurgia toracica. Erano presenti la prof.ssa Simonetta Anna Valenti, Pro Rettrice con delega all’Internazionalizzazione, la prof.ssa Stefania Conti, Direttrice del Dipartimento di Medicina e Chirurgia, i proff. Michele Rusca, Paolo Carbognani, e il dott. Luigi Ventura, membri del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo e dell’equipe di chirurgia toracica, e la prof.ssa Lorella Franzoni, Presidente del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. La delegazione cinese era composta dal Presidente Changquing Pan, dalla sua Office Manager Chaohong Li, dal Direttore Wentao Fang, dai Team leader Wentao Li e Ling Lin, e da Lei Xu (Education Office manager). Per l’Università di Parma erano presenti anche la prof.ssa Alessandra Rossi, Coordinatrice della Mobilità Internazionale del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco e membro del Gruppo di Internazionalizzazione dell’Ateneo, che ha gestito la stesura dell’accordo, e la dott.ssa Eleonora Ferraresi della U.O. Internazionalizzazione.
Lo Shanghai Chest Hospital è un centro di eccellenza nel campo della chirurgia toracica, con particolare interesse per la chirurgia mini-invasiva e con enormi casistiche operatorie (più di 8000 interventi all’anno).Nel corso dell’incontro è stato siglato un protocollo per l’instaurazione di una partnership tra lo Shanghai Chest Hospital e l’Università di Parma in ambito clinico e scientifico nel campo della chirurgia toracica e, in generale, dell’oncologia toracica.Il protocollo ha lo scopo di promuovere e incentivare una proficua collaborazione clinica e scientifica attraverso lo scambio di figure professionali tra i due centri, la creazione di workshop e la creazione di un network multimediale per facilitare lo scambio di informazioni e la presentazione di casi clinici nonchè per la trasmissione di live surgery a scopo didattico.Il rapporto professionale tra lo Shanghai Chest Hospital e l’Ateneo di Parma nasce da un periodo di clinical fellowship svolto da marzo 2017 a marzo 2018 dal dott. Luigi Ventura, assegnista di ricerca in Chirurgia toracica dell’Università di Parma.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia toracica per il tumore polmonare

Posted by fidest press agency su sabato, 31 marzo 2012

Gaspare Tagliacozzi - De curtorum chirurgia pe...

Gaspare Tagliacozzi - De curtorum chirurgia per insitionem - illustration n. 2 Italiano: Gaspare Tagliacozzi - De curtorum chirurgia per insitionem - illustrazione n. 2 (Photo credit: Wikipedia)

Presso il Centro Congressi Humanitas di Rozzano per due giorni riuniti i maggiori esperti di chirurgia toracica da tutta Italia per un Corso dedicato alla VATS – Chirurgia Toracica Video-Assistita nel trattamento del carcinoma polmonare. Nonostante le evidenze scientifiche positive e i vantaggi per i pazienti, questa tecnica ha in Italia una diffusione ancora molto limitata.
Milano, 29 marzo 2012 – Riduzione del trauma, del sanguinamento, del dolore, tempi di ospedalizzazione più rapidi, così come quelli di recupero per il paziente. Questi, in estrema sintesi, i principali vantaggi della chirurgia mininvasiva che da diversi anni sta ormai sempre più sostituendo quella tradizionale o “open” in moltissime indicazioni chirurgiche. Ma se questi vantaggi sono universalmente riconosciuti nella chirurgia addominale, ginecologica, cardiochirurgica, otorinolaringoiatrica, ecc., non sono altrettanto noti per quella toracica polmonare, nonostante diversi studi riportati dalla letteratura internazionale evidenzino chiari benefici, soprattutto per alcune categorie di pazienti come gli anziani, con funzionalità respiratoria compromessa.
La VATS – Chirurgia Toracica Video-Assistita per il trattamento del carcinoma polmonare (malattia per la quale in Italia muoiono oltre 27.000 persone ogni anno), ad esempio, viene praticata in Italia in un numero molto limitato di Centri, gli unici ad avere chirurghi specificatamente formati.
In questo contesto si inserisce un Corso di Chirurgia Toracica, che si svolgerà da oggi, 29 marzo, fino a domani presso il Centro Congressi Humanitas di Rozzano, cui parteciperanno i massimi esperti di Chirurgia Toracica provenienti da tutta Italia, organizzato dal Professor Marco Alloisio, responsabile della Chirurgia Toracica di Humanitas Cancer Center, al quale interverrà il Dottor Renè Petersen del Dipartimento di Chirurgia Toracica del Rigshospitalet di Copenhagen, dove negli ultimi 7 anni sono stati praticati oltre 500 interventi di lobectomia polmonare tramite VATS.
La lobectomia per il trattamento del carcinoma polmonare con tecnica VATS, rispetto alla toracotomia tradizionale, prevede l’utilizzo di strumenti toracoscopici dedicati, inseriti attraverso 2 – 4 incisioni di accesso di piccole dimensioni. Una tecnica mininvasiva messa a punto per la prima volta in Italia agli inizi degli anni ’90 dal Professor Giancarlo Roviaro, ma che non ebbe, in quegli anni, grande diffusione nel nostro Paese. Al contrario dal 2000 la VATS incontrò un grande successo all’estero, in particolar modo negli St ati Uniti, dove venne ampiamente sviluppata, per ritornare, poi, in Italia negli ultimi anni. “I principali vantaggi della chirurgia toracica video-assistita per le patologie oncologiche polmonari, rispetto alla tecnica tradizionale, evidenziati dalla letteratura scientifica – afferma il Professor Marco Alloisio – riguardano principalmente (grazie al minore trauma) un minor tasso di complicazioni, soprattutto nei pazienti anziani con significative comorbidità e un miglioramento della sopravvivenza a 5 anni (79% per il gruppo trattato con VATS rispetto al 75% trattato con toracotomia)”. Un altro fronte di ricerca di grande interesse riguarda la possibilità, già suggerita dal trial, che i pazienti sottoposti a una lobectomia in VATS, possano avere una migliore tolleranza verso la chemioterapia dopo l’intervento chirurgico. Nel nostro Paese, tuttavia, questa tecnica stenta ancora a decollare e la casistica, circoscritta a pochi Centri specializzati, è contenuta.

 

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Chieti intervento di alta chirurgia toracica

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 marzo 2009

E’ stato eseguito a Chieti, per la prima volta nell’Italia Meridionale, un intervento di alta chirurgia toracica su un paziente affetto da un’ampia fistola esofago-tracheale. L’operazione è stata eseguita dall’équipe – coordinata dal dottor Teddy Iarussi – del Centro di riferimento regionale di Chirurgia endoscopica tracheobronchiale, attivo presso la Clinica Chirurgica generale e toracica dell’Ospedale di Chieti, diretta dal professor Rocco Sacco.A causa della fistola, la trachea e l’esofago erano in comunicazione, per cui il paziente era costretto a respirare tramite una cannula tracheale ed era impossibilitato a nutrirsi in quanto gli alimenti, anziché progredire fino allo stomaco, sarebbero penetrati nell’albero respiratorio. Nel corso dell’intervento, durato oltre nove ore, è stata asportata una parte della trachea e riparata la perforazione dell’esofago. Il paziente, tornato finalmente a nutrirsi e a parlare correttamente potendo respirare senza l’ausilio della tracheostomia, sta già eseguendo un ciclo di riabilitazione. «Questo e altri interventi del genere – afferma il dottor Iarussi – ci ripagano dei tanti sforzi compiuti. Alcuni di questi pazienti sono giunti a noi dopo essere stati già operati in altre regioni d’Italia: questo ci riempie d’orgoglio perché dimostra che, lavorando con serietà e continuità, siamo in grado di offrire anche in Abruzzo una sanità di prim’ordine». Il Centro, istituito nel 2008, ha già effettuato numerosi interventi sulla trachea anche con l’ausilio di laser e protesi di ultima generazione per il trattamento delle sindromi asfittiche da ostruzione delle vie aeree.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »