Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘cittadino’

Le istituzioni ed il cittadino

Posted by fidest press agency su martedì, 24 agosto 2010

Subire un affronto, essere vittima di una ingiustizia, sta diventando un qualcosa che si accetta quasi con indifferenza. Questa riflessione la riprendo oggi leggendo una lettera pubblicata di recente da un quotidiano della capitale. In essa si parla di uno scippo e delle spiacevoli conseguente derivate dalla duplicazione di un documento di viaggio dato che si è involato con il portafoglio del suo legittimo possessore. E se leggiamo le altre lettere pubblicate, nella stessa giornata, dal quotidiano ci rendiamo conto che è un vero e proprio cahier de dolence su tante, troppe cose, che non funzionano. E a ben riflettere si tratta di un malessere che non ha trovato un modo per essere lenito con il passare degli anni. Possiamo dire, semmai, che si è “incancrenito”. Ricordo che quando collaboravo, circa 35 anni fa, con un periodico locale con una tiratura di 5-6 mila copie in uscita per due volte alla settimana, le proteste dei cittadini provocavano, se non altro, l’attenzione delle istituzioni tanto da scomodare qualche ispettore dalla capitale per verificare la veridicità della lamentela. Oggi si scrive e di certo con più veemenza e senza peli sulla “mano”, ma il risultato è davvero deprimente. Le cose continuano ad essere quelle che sono, se non peggio. Eppure vi è chi mostra con proposte ragionevoli il modo per ovviare taluni inconvenienti, ma anch’egli resta inascoltato. Vogliamo fare qualche esempio? Prendiamo il traffico veicolare nelle grandi città. Tutti noi siamo consapevoli della impossibilità di porvi riparo se non si ricorre a misure drastiche ma nel frattempo potremmo, sia pure di poco, migliorarlo rendendolo più scorrevole come impedendo soste prolungate in seconda fila o dove vi sono dei divieti. Per porvi riparo, ci dicono, occorrono più “controllori”. A questo punto non potremmo rimediare assegnando a tale incombenza vigili urbani e poliziotti in pensione? E sempre parlando di pensionati qualcuno ha proposto, e sappiamo che in diverse località è già una realtà, di vederli assegnati con “sorveglianza passiva” (ovvero solo guardare e limitarsi a segnalare ai tutori dell’ordine, l’intervento di competenza, per eventuali movimenti sospetti) davanti ai plessi scolastici, nei giardini pubblici e nei pressi degli uffici postali. E c’è persino chi suggerisce che si possa fare la stessa cosa per rinforzare gli organici dei pronti soccorsi cittadini con medici ed infermieri in pensione disponibili a riservare qualche ora del giorno o della settimana per dare una mano ai colleghi in servizio. Ma ciò che ci sconforta è che per tutte queste cose non vi è un interlocutore “autorevole” che ci possa dire se questo suggerimento è fattibile o no. E il contrasto diventa troppo evidente e sconcertante tra il rumore di chi protesta ed il silenzio di chi dovrebbe dirci qualcosa in proposito.

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Spiagge: diritti e doveri del cittadino

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2010

Spiagge aperte con il bel tempo e la stagione balneare. Quali i diritti e di dovere dei bagnanti? Abbiamo predisposto un piccolo vademecum.Eccolo: * Le spiagge sono demaniali, di proprieta’ dello Stato, cioe’ nostre. * Vengono date in concessione a gestori, che possono chiedere un biglietto di ingresso, per poter usufruire di alcuni servizi quali le docce, i bagni, gli spogliatoi, il servizio di salvataggio e la pulizia dell’arenile. * L’affitto di sdraio, ombrelloni e cabine in genere e’ aggiunto al biglietto di ingresso, ma non e’ obbligatorio affittarle, perche’ una volta pagato l’ingresso ci si puo’ sdraiare sul proprio asciugamano. * Si puo’ accedere alla spiaggia di uno stabilimento balneare, per raggiungere il mare, senza pagare il biglietto di ingresso, ma non si puo’ sostare ne’ sulla spiaggia in concessione  ne’  sulla battigia, spazio che deve essere costantemente libero da persone o cose. * Non e’ consentito l’accesso e la sosta agli animali, se non dove espressamente previsto. * E’ vietato giocare a pallone, a racchette o altri giochi che possano arrecare disturbo ai bagnati, a meno che non ci siano aree allestite allo scopo. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“CxD. Un cittadino per un disegno”

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 Maggio 2010

Napoli 3 maggio alle 10 e 30, sala conferenze della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino “CxD. Un cittadino per un disegno”: questo il titolo del progetto dedicato all’arricchimento della memoria collettiva su Maurizio Valenzi. L’iniziativa, curata da Lorenzo Mantile e Gina Annunziata, è incentrata sui numerosi disegni nei quali Valenzi ha ritratto di volta in volta parenti, amici, colleghi di partito e avversari politici, o semplici conoscenti; disegni che oggi costituiscono la testimonianza visiva della sua ricca rete di relazioni professionali, umane e affettive ed allo stesso tempo del suo legame ininterrotto con la pratica artistica. Nell’ambito di “CxD. Un cittadino per un disegno”, la Fondazione Valenzi rivolge un invito ai cittadini napoletani che Maurizio Valenzi ha voluto ritrarre nel corso della sua vita, ad offrire una testimonianza del loro incontro e del loro dialogo con l’artista. Il corpus dei disegni e dei ricordi verrà pubblicato sul sito web della Fondazione Valenzi in una galleria virtuale dedicata.   L’iniziativa vuole essere anche un momento di incontro con il pubblico. In questa occasione coloro i quali sono in possesso di un ritratto realizzato dall’artista o di altro materiale relativo a Maurizio Valenzi avranno la possibilità di intervenire con la loro testimonianza e di portare il loro materiale a conoscenza dell’Archivio Valenzi. Intervengono: Lucia Valenzi, presidente della Fondazione Valenzi  Gina Annunziata, responsabile attività culturali Lorenzo Mantile, storico dell’arte contemporanea.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Multe. Il calvario di un cittadino

Posted by fidest press agency su martedì, 16 febbraio 2010

Pagare una multa e vedersi contestare il mancato pagamento 4 anni dopo. La storia insegna che fidarsi della pubblica amministrazione e’ un lusso che non ci possiamo permettere. Vediamo la storia del nostro cittadino.  Anno 2005. Comune di Fiumicino: il nostro cittadino si vede elevare una multa per divieto di sosta. Diligentemente paga, entro i termini prescritti.  Anno 2009, luglio. Quattro anni dopo, con una raccomandata recapitata il 31 luglio (si badi bene alla data), viene notificata una cartella di pagamento da Equitalia  per mancata oblazione della multa, con le maggiorazioni del caso, infatti, la multa passa da 48 a 143 euro. Il nostro cittadino telefona a Equitalia che rimanda al comune di Fiumicino la competenza per l’esenzione del pagamento, visto che la multa era gia’ stata pagata. Dopo numerosi tentativi telefonici, finalmente, il cittadino riesce a parlare con il “competente ufficio” che chiede l’invio del documentazione attestante il pagamento. Fatto il tutto, entro agosto (mese di vacanze), sia via fax che con raccomandata, si attende l’esonero. Il nostro cittadino nelle settimane successive telefona ripetutamente al comune di Fiumicino; viene rassicurato che a breve tutto sarà risolto. Non e’ cosi’ perche’ nel mese di novembre Equitalia invia un sollecito di pagamento. Il nostro cittadino, dopo altre traversie telefoniche, si fa rilasciare dal comune di Fiumicino un attestato di “discarico”, che trasmette a Equitalia. Ulteriori telefonate a Equitalia e al Comune di Fiumicino si susseguono nel mese di dicembre. Anno 2010, febbraio. Il nostro cittadino, con ulteriore telefonate a Equitalia apprende che il provvedimento di esonero e’ stato recepito. Che dire? Quanto e’ costato in tempo e stress il rapporto con la pubblica amministrazione e perche’ mai si impiegano quasi 5 anni per risolvere un semplice problema? Ricercare una ricevuta di 4 anni prima, passare ore al telefono, impiegare parte delle proprie vacanze, fare la fila all’ufficio postale, ecc., ha un prezzo o paga solo il cittadino? O qualche “responsabile del procedimento” deve essere sanzionato e obbligato a pagare il “disturbo” ad un cittadino ligio alla legge?

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La distribuzione diretta è un disagio per i cittadini

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 ottobre 2009

In merito alle ispezioni della Guardia di Finanza presso le ASL lombarde, motivate da presunti sprechi nella distribuzione dei farmaci ad alto costo, la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani esprime piena solidarietà al presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. La vicenda, come è noto, ruota attorno alla scelta lombarda di distribuire questi medicinali attraverso le farmacie convenzionate e non attraverso ASL e farmacie ospedaliere. “Il presidente della Regione Lombardia ha esposto la questione della dispensazione di questi farmaci nell’unico modo razionale” spiega il Presidente della Federazione Andrea Mandelli. “E’ vero che esiste la possibilità di attivare la distribuzione diretta, ma questa non è affatto una soluzione a costo zero, in quanto né le strutture territoriali delle ASL, né le farmacie ospedaliere sono attrezzate e organizzate per la dispensazione al pubblico, di conseguenza occorre stornare personale e risorse dai compiti istituzionali di queste strutture”. Bisogna poi considerare, come è stato fatto dal Presidente della Lombardia, il disagio per i cittadini, che non è un’invenzione dei farmacisti, ma risulta dalle stesse indagini di alcuni movimenti di tutela dei consumatori. “Con la distribuzione diretta, il cittadino può ottenere il farmaco solo recandosi in punti prestabiliti, che possono essere lontani dal domicilio, e spesso soltanto in certi orari. Se si considera che questi medicinali sono destinati a persone che soffrono di malattie invalidanti, come l’artrite reumatoide, mi sembra evidente che l’eventuale risparmio potrebbe scaturire soltanto dalla scelta di dare un cattivo servizio al paziente, e non un buon servizio a un minor sconto. Non a caso” conclude Mandelli “la Commissione parlamentare di inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale ha incluso la distribuzione ausiliaria tra i temi che richiedono una più attenta valutazione”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblica amministrazione. D’accordo con Brunetta

Posted by fidest press agency su martedì, 12 Maggio 2009

Siamo sostanzialmente d’accordo con il Decreto Legislativo, di attuazione della legge 4 marzo 2009 n.15, in materia di ottimizzazione della produttivita’ del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, proposto dal ministro  per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta. Finalmente si cominciano a fissare obiettivi e, soprattutto, controlli. Elemento fondamentale per garantire che l’impianto del decreto funzioni e’ la ridefinizione dei rapporti con i sindacati: viene meno (speriamo) la cosiddetta concertazione, ovvero cogestione, tra Pubblica amministrazione e sindacati; un rapporto scellerato che ha impedito il funzionamento dell’apparato pubblico a danno del cittadino utente. Nel provvedimento rileviamo, pero’, un neo: la class action contro la Pubblica amministrazione. Non e’ prevista la possibilita’ di rivalsa economica. Negli Usa e nel Canada, invece, i cittadini possono rivolgersi al giudice per una azione collettiva di rivalsa, anche economica, nei confronti dei propri amministratori. Per  esempio, a New York (Usa) e’ stata avviata una class action contro la citta’ per illeciti ambientali, a Toronto (Canada) i cittadini hanno avviato la class action contro il Comune, sempre per danni ambientali, a Chicago (Usa) ne e’ stata avviata una contro gli amministratori per la scarsa qualita’ delle acqua potabili, ecc. Rimane comunque il fatto che si avvia un processo di qualificazione e controlli sull’operato dell’apparato burocratico. Speriamo che il provvedimento non si annacqui nel percorso. Le resistenze sono molto forti, soprattutto da parte della Cisl, che ha molto seguito tra i pubblici dipendenti; comunque, per contenere le richieste sindacali, sarebbe utile ricordare al segretario Raffaele Bonanni cio’ che dissi, nel marzo 2008, in occasione della proposta di acquisto dell’Alitalia da parte di Air France: una minestra riscaldata. Come e’ andata a finire lo sanno tutti: ai contribuenti sono stati accollati i debiti e Air France e’ entrata, con rullio di tamburi e squilli di trombe, nell’Alitalia. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »