Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘clientela’

Poste: Blackout informatico

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

L’incontro delle Associazioni dei Consumatori con Poste sui disservizi che hanno colpito la clientela dal 1 giugno ad oggi, anche se interlocutorio, ha visto importanti passi avanti. Poste si è dichiarata disponibile ad avviare una fase di conciliazione decentrandola presso le Commissioni regionali con domande presentate presso le Associazioni dei Consumatori, gli uffici postali e attraverso e-mail. Apprezzando la disponibilità di Poste – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – abbiamo chiesto:
• che siano riconosciuti i danni documentati dalla clientela e che venga riconosciuto il disagio subito particolarmente dalle categorie più deboli, pensionati, portatori di handicap, ecc.
• che, a differenza delle conciliazioni già in essere, siano eliminati i tetti economici e le scadenze
• che le conciliazioni riguardino ritardi e mancati pagamenti relativi a bollette, fatture, contravvenzioni, rate di finanziamento, tasse e tributi, presentazione domande per Gare e Bandi
• che non si aumentino almeno per 1 anno i costi postali a carico dei consumatori
• che si superi il tetto max di 600 euro quale risarcimento ai consumatori che chiederanno la conciliazione paritetica
Adiconsum – prosegue Giordano – ha chiesto anche di conoscere i risultati delle verifiche ispettive proposte dal Ministro Romani, l’eventuale multa da un milione e mezzo teoricamente comminabile alle Poste che dovrà ritornare a beneficio dei consumatori e non scomparire nei meandri della fiscalità generale, l’eventuale intervento della nuova agenzia di controllo. Adiconsum – conclude Giordano – pur ritenendo proficuo l’incontro, rinvia qualsiasi valutazione dell’impianto complessivo delle conciliazioni che sarà discusso fin dal 17 giugno prossimo. Adiconsum invita i consumatori a diffidare delle modulistiche già presenti online perché false, in quanto la loro definizione sarà concordata dalle Associazioni Consumatori insieme a Poste Italiane nel suddetto incontro.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce la nuova rete di Brokers

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 Maggio 2010

A1 Insurance Brokers Franchising Network S.R.L. (www.a1net.it), società attiva nel brokeraggio assicurativo, lancia da oggi un vasto programma di sviluppo nell’ Italia centro-settentrionale volto ad aprire nei prossimi mesi una vasta e ramificata rete di nuove Filiali nei capoluoghi di provincia e nei  principali centri urbani delle seguenti regioni : • Valle d’Aosta • Piemonte • Lombardia • Liguria • Veneto • Trentino – Alto Adige • Friuli Venezia Giulia • Emilia Romagna • Toscana • Roma e relativa Provincia.  La ricerca è rivolta nei confronti di esperti professionisti , regolarmente iscritti al RUI, per le sezioni B ed E, in possesso di un portafoglio consolidato e clientela in sviluppo, desiderosi di iniziare una proficua collaborazione con una società dotata di una completa piattaforma prodotti in grado di garantire condizioni contrattuali e provvigionali ai massimi livelli di mercato.
Il percorso per diventare un partner A1 Insurance Brokers è molto semplice e prevede i seguenti passaggi:  1. E-mail di richiesta di informazioni da parte del Candidato a  info@a1insurancebrokers.it 2. Colloqui conoscitivi e motivazionali 3. Analisi e valutazioni sulla zona di eventuale interesse 4. Formulazione dell’Incarico di mandato 5. Adattamento layout della Filiale (sia al piano strada con vetrina sia in tradizionali uffici) 6. Avvio dell’operatività della Filiale  7. Assistenza start-up 8. Assistenza on-line in tempo reale da parte della Centrale Operativa A1 Insurance Brokers Franchising Network 9. Seminari di aggiornamento professionale

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge mancia

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 dicembre 2009

“In un momento di crisi economica così drammatica il Governo non trova di meglio da fare che distribuire, con la legge Mancia, 160 milioni di euro in 700 micro-interventi  che hanno il solo scopo di accontentare qualche clientela” Lo afferma in una nota Antonio Borghesi, vicecapogruppo dell’Idv alla Camera. “L’Idv – spiega – non ha preso parte a questa spartizione e non ha partecipato alla commissione Bilancio in segno di protesta. Anzi, a tal proposito, abbiamo scritto una lettera al presidente della commissione bilancio, on. Giorgietti, con la quale chiediamo di destinare la quota che spetterebbe a IDV al Fondo ammortamento titoli di Stato, per dare un segnale preciso di risparmio e riqualificazione della spesa pubblica. La legge Mancia dimostra quanto sia irresponsabile questo esecutivo che ha ripartito in mille rivoli una somma ingente con la quale si sarebbe potuto dare un po’ di respiro a famiglie e disoccupati” conclude Borghesi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Continua il bluff sulle ronde

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2009

In Parlamento viene discussa  la possibilità per i Comuni di rimborsare i volontari delle ronde. Lo prevede infatti un comma della bozza dell’emendamento “omnibus” del relatore alla Finanziaria, Massimo Corsaro. La proposta di modifica aggiunge la possibilità per i Sindaci di avvalersi di associazioni di cittadini ai fini di sicurezza, la “possibilità di rimborso da parte dei Comuni  delle spese sostenute dalle predette Associazioni”. “Quindi facciamo due conti – osserva Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – con quali soldi i Comuni dovrebbero rimborsare i volontari delle ronde? Evidentemente con quelli dei cittadini, i quali però con le loro tasse in qualche modo “già pagano” per avere dei servizi legati alla sicurezza. Una catena perversa – dice ancora Maccari – che crea solo clientela e di certo non dà ai cittadini quel grado di sicurezza che meritano. Abbiamo in Italia dei Comuni tanto virtuosi da potersi permettere di rimborsare dei volontari che girano di notte per le strade? Bene noi proponiamo un contro emendamento. I Sindaci rimborsino la benzina e le auto delle Forze di Polizia, diano i loro contributi al pagamento degli straordinari per quei Poliziotti che fanno servizio di notte a volte in condizioni precarie”. “Basta con queste pagliacciate, – conclude il Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia – basta con queste prese in giro. A questo punto passeremo davvero all’attacco e sul primo Comune che rimborserà, anche ad associazioni occultate da altri scopi, il servizio di ronde, chiederemo controlli strettissimi sui conti con interventi punitivi nei confronti di quelle amministrazioni che utilizzano un argomento serio come la sicurezza per fare clientela.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il traffico ferroviario di Cisalpino

Posted by fidest press agency su domenica, 27 settembre 2009

Zurigo, I collaboratori e la direzione di Cisalpino hanno appreso con delusione la decisione di FFS e Trenitalia di sospendere l’attività operativa dell’azienda relativa al cambio d’orario 2009/10. Accogliendo tale annuncio, si impegnano nei mesi successivi a mettere in campo tutte le forze necessarie a terminare i progetti in corso e a garantire una transizione non traumatica dei servizi presi oramai in carico dalle Ferrovie Federali Svizzere e da Trenitalia.  Nel corso degli ultimi mesi, i collaboratori, le collaboratrici e la direzione di Cisalpino si sono adoperati con lealtà a favore degli interessi dell’azienda e della sua clientela. Tutto il lavoro svolto nel pur difficile contesto generale al fine di migliorare la qualità è stato, alla fine, riconosciuto anche dall’autorità di vigilanza, l’Ufficio federale dei trasporti, e i notevoli sforzi sono stati considerati mirati e appropriati. Collaboratori e direzione continueranno a lavorare nell’ambito delle rispettive funzioni fino alla fine dell’orario attualmente in vigore e lo faranno con il consueto livello di professionalità, soprattutto a favore della clientela. I biglietti ferroviari già venduti e prenotati saranno ancora validi e saranno assunti a partire dal cambio d’orario dalle case madri alle stesse condizioni.  La direzione di Cisalpino ringrazia tutti i collaboratori per il loro straordinario impegno e la professionalità dimostrata negli ultimi mesi e fino alla fine dell’orario 2009. Il fatto che tutti i contratti dei collaboratori saranno rilevati dalle società madri viene giudicato dall’azienda come espressione di stima e di riconoscimento delle competenze dimostrate e dell’impegno profuso da ogni singola persona coinvolta.  La società continuerà ad adempiere al meglio a tutti gli impegni assunti nei confronti dei clienti, dei collaboratori e degli azionisti. I servizi verranno trasferiti alle case madri e non subiranno alcuna interruzione.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche e crisi

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

La crisi mette alla prova i rapporti tra banche e clientela retail (famiglie, professionisti e piccole imprese). Secondo le rilevazioni di Finalta (società internazionale di ricerca affermata nel mondo bancario) presso 29 banche europee, il  livello di soddisfazione della clientela (customer satisfaction) nel retail banking è calato in Europa in media del 2,2% negli ultimi 12 mesi. Il calo è significativo, perché rilevato dalle dichiarazioni delle stesse banche – che vedono svanire i miglioramenti dei due anni precedenti –  e perché si combina con un altro risultato dell’indagine: il calo ancora più marcato degli indicatori di fedeltà dei clienti misurato con il referral rate (disponibilità a consigliare la propria banca a conoscenti), sceso del 6%,  e cioè di 3 volte rispetto alla customer satisfaction.  Non tutte le banche hanno sofferto allo stesso modo: un quarto di esse non ha lamentato problemi. Le banche che hanno sofferto di più sono quelle che hanno avuto i maggiori problemi di reputazione e di capacità di assicurare fiducia ai clienti.  Un’altra preoccupazione viene dal fatto che i clienti più importanti sono quelli più insoddisfatti. I clienti “affluent” (con disponibilità superiori ai 50-100.000 euro) mostrano un calo della soddisfazione verso il loro Istituto (-4%) doppio rispetto alla media, triplo rispetto alle famiglie (-1,4%) e doppio rispetto alle piccole imprese (-2,2%). “L’indagine conferma che i temi legati alla reputazione delle banche influenzano molto la soddisfazione del cliente – ha aggiunto Francesco Zaini, Managing Partner di Equiteam, la società che in Italia rappresenta Finalta – e che ogni recupero o progresso dovrà essere finalizzato a preservare per il futuro il più importante asset, i clienti, tenendo conto di azioni prioritarie per le fasce più a rischio”.
Finalta – Con sede a Londra e una presenza estesa ai principali paesi europei, Finalta è una società di ricerca indipendente, specializzata nei dati e nelle metodologie di benchmarking e nella rilevazione delle prassi più innovative nel settore bancario, assicurativo e dei servizi finanziari. Ai suoi programmi aderisce la gran parte dei principali gruppi finanziari europei fra cui: HSBC, Erste Bank, Banco de Espirito Santo, Axa, Bbva, Santander, Barclays, Lloyds Group, Handelsbanken, Nordea e, in Italia, i principali gruppi bancari, fra cui Intesa Sanpaolo, Unicredit e MPS. http://www.finalta.eu.com Finalta è rappresentata in italia da Equiteam,  società di Consulenza di Direzione con sede a Milano e con specializzazione sui temi della reputation e della gestione degli stakeholder. http://www.equiteam.eu

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assicurazione sulla vita

Posted by fidest press agency su domenica, 9 agosto 2009

L’avv. Filippo Soddu ci informa che il Tribunale di Milano ha in questi giorni ingiunto alla società CNP Unicredit Vita S.p.A. l’immediata restituzione in favore di uno dei suoi assistiti del premio da questi versato in relazione al contratto di assicurazione sulla vita denominato Performance 6), oltre al pagamento degli interessi legali ed alla refusione delle spese di giudizio. Accogliendo la domanda dello studio legale il Giudice ha dato rilievo all’espressa garanzia di restituzione del capitale prevista dalle condizioni di polizza e dalla relativa nota informativa. “Al riguardo – precisa l’avvocato Soddu – si segnala che il mio assistito aveva in precedenza rifiutato le proposte transattive denominate Cash e Trasformazione, avanzate da CNP Unicredit Vita nell’ambito di un’unilaterale iniziativa asseritamente volta a tutelare gli interessi della propria clientela in relazione ai recenti accadimenti al gruppo Lehman Brothers (cfr. inter alia ilsole24ore.com 28 novembre 2008 e http://www.cnpunicreditvita.it). Entrambe tali proposte, se accettate, avrebbero comportato per il cliente una rinuncia a chiedere ed ottenere, alla scadenza contrattuale del maggio 2009, la liquidazione del capitale minimo garantito dalla polizza (ossia il 100% del premio unico versato)”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasparenza bancaria

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2009

Il 29 luglio scorso, con un provvedimento a firma del Direttore Generale Fabrizio Saccomanni, la Banca d’Italia ha emanato nuove Istruzioni di vigilanza in materia di “Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari” e “Correttezza delle relazioni tra intermediari e i clienti”. Il provvedimento secondo quanto previsto nelle “Disposizioni transitorie e finali” contenute al paragrafo 5 della sezione I, entrerà in vigore 15 giorni dopo la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e le banche si dovranno adeguare,  fatti salvi pochissimi aspetti, entro il 31 dicembre 2009. Le finalità che l’Istituto di Vigilanza persegue sono comuni a quelle della disciplina previgente consistenti nel far sì che alla clientela siano fornite tutte le informazioni occorrenti in modo da consentire la comparazione fra le offerte delle varie banche e la scelta di quella più conveniente. Nella disciplina attuale c’è un miglioramento Sotto questo profilo il successo della riforma dipenderà anche dal fatto che “la documentazione informativa sia completa, chiara, accessibile da parte della clientela, utilizzata attivamente da parte degli addetti alla rete di vendita e adeguatamente pubblicizzata sul sito Internet”  Piu’ importante e piu’ innovativa e’ la parte sui requisiti organizzativi E’ previsto che dovranno essere adottate procedure interne tali da garantire oltre ad una generica correttezza nella commercializzazione dei prodotti del singolo intermediario, che “il cliente non sia indirizzato verso prodotti evidentemente inadeguati rispetto alle proprie esigenze finanziarie. Gli intermediari valutano l’introduzione di strumenti, anche informatici, che consentono di verificare la coerenza tra il profilo del cliente e i prodotti allo stesso offerti”.  L’impegno per il sistema e’ indubbiamente notevole; per parte nostra staremo a vedere in che modo le banche daranno esecuzione alle prescrizioni in questione. Due aspetti particolari Le modifiche unilaterali dei contratti Sono quelle consentite dall’art. 118 del Testo Unico Bancario. Alla pagina 24 delle Istruzioni, la Banca d’Italia nel trattare il punto delle modalita’ di effettuazione e comunicazione delle variazioni contrattuali, con una formula pilatesca, ricorda che: “Secondo il Ministero dello sviluppo economico le ‘modifiche’ disciplinate dall’articolo 118 del T.U., riguardando soltanto le fattispecie di variazioni previste dal contratto, non possono comportare l’introduzione di nuove clausole”. A tale presa di posizione  ministeriale avevamo, anche noi, fatto riferimento contestando il diritto delle banche di introdurre condizioni totalmente nuove in sostituzione della abolita (o quasi) commissione di massimo scoperto. Per l’introduzione di condizioni nuove occorre acquisire un nuovo consenso (vale a dire una nuova firma) del cliente.E’ previsto che “Nei rapporti con i clienti al dettaglio e’ opportuno che gli intermediari evitino forme complesse di remunerazione degli affidamenti o degli sconfinamenti, quali la commissione di massimo scoperto” che, infine, in tema di requisiti organizzativi” (Sez. XI par. 2). Se proprio gli intermediari non vogliono evitare di ricorrere alla commissione di massimo scoperto, essi, per la clientela al dettaglio “offrono….. la possibilità di scegliere un altro contratto che – per lo stesso servizio – prevede altre forme di remunerazione, quali la commissione per la messa a disposizione di fondi”. A nostro modesto avviso non dovrebbe occorrere altro per convincere gli intermediari ad abbandonare questa forma ambigua, complicata  ed onerosa di remunerazione anche se – è da ritenere – non saranno pochi i problemi che solleverà l’applicazione di un corrispettivo per la messa a disposizione soprattutto per la scarsa chiarezza (o la incomprensibilità) dell’art. 2 bis del D.L. 29 novembre 2008 n.185 convertito con L. 28 gennaio 2009 n.2. (fonte aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ceccuzzi, Pd: “Il governo assoggettato ad Abi”

Posted by fidest press agency su sabato, 25 luglio 2009

“La soppressione delle norme per il contenimento dei costi delle commissioni bancarie da parte del governo calpesta i diritti dei clienti e conferma l’assoggettamento dell’esecutivo, agli interessi lobbistici dell’Abi”. Con queste parole Franco Ceccuzzi, deputato del Pd e membro della Commissione Finanze interviene sulla modifica dell’articolo 2 sulla valuta e la disponibilità dei pagamenti bancari. “L’attuale testo, già approvato dalle Commissioni – continua Ceccuzzi – prevede, come disposto dalla direttiva europea 2007/64/CE, l’allineamento tra la valuta e la disponibilità delle somme per il beneficiario pari a un solo giorno, prorogabile a tre mediante accordo tra le parti fino al 2012. L’Italia è obbligata a recepire, entro, il primo novembre di quest’anno tale direttiva sui servizi di pagamento nel mercato interno, come previsto nell’articolo 2”.  “La modifica del testo da parte del governo – dice Ceccuzzi – dopo le proteste dell’Abi, non solo oltraggia il Parlamento, ma tornando a disporre per i bonifici un giorno per la valuta e quattro per la disponibilità va a penalizzare, in maniera ingiustificata ed illegittima, i clienti delle banche. Mi chiedo il motivo di questo cedimento plateale all’Abi, ma soprattutto quali trattative si stiano svolgendo alle spalle del Parlamento. E’ bene ricordare poi che i provvedimenti di questo governo sui mutui hanno avuto un costo e non hanno recato alcun vantaggio ai mutuatari. In pochissimi si sono infatti avvalsi della rinegoziazione. L’unica speranza è che almeno le ingenti spese organizzative, imposte alle banche per adeguarsi a disposizioni così inutili, non siano state trasferite a danno della clientela”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quarto polo energetico

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2009

Il Gruppo Dolomiti Energia ha rilevato il 67% di Multiutility Energy, divisione del gruppo veronese Multiutility Spa, attivo nella commercializzazione di energia elettrica prevalentemente da fonte rinnovabile e gas naturale. La comunicazione è stata ufficializzata oggi da Germano Zanini, amministratore delegato del Gruppo Multiutility e dai vertici di Dolomiti Energia, nell’ambito della celebrazione del decennale del Gruppo veneto. Multiutility Energy con 104 agenzie di vendita sul territorio nazionale, fornisce energia a più di 4000 aziende italiane, per un totale di oltre un miliardo di kWh, di cui il 44% da fonte rinnovabile e con un fatturato nell’ultimo triennio assestato oltre i 200 milioni di euro. Il Gruppo Dolomiti Energia, sesta local utility d’Italia e leader in Trentino, è attivo con molteplici società operative controllate nella produzione di energia elettrica (in prevalenza da fonte idroelettrica) nella distribuzione e vendita di prodotti energetici, oltre ad attività nel campo del servizio idrico integrato, della cogenerazione e teleriscaldamento, delle energie rinnovabili e dell’igiene urbana. Il Gruppo, presente in più di 200 comuni con oltre 900 dipendenti, ha raggiunto nel 2008 un valore della produzione consolidato di oltre 585 milioni di euro. Per quanto riguarda la governance, Germano Zanini rimarrà amministratore Delegato di Multiutility Energy a garanzia della continuità aziendale. Il Consiglio di Amministrazione sarà composto da 5 membri, 3 di nomina di Dolomiti Energia e 2 di nomina del Gruppo veronese. Il Gruppo Dolomiti Energia potrà incrementare sensibilmente il proprio fatturato, prevedendo grazie all’accordo, di sfiorare nel 2009, i 750 milioni di euro, con l’obiettivo di arrivare in un paio d’anni al miliardo di fatturato. Nel medio periodo, auspicando fasi di mercato più positive, il Gruppo ha in programma di valutare un’apertura all’azionariato diffuso e/o una futura quotazione sui mercati regolamentati. Per quanto concerne gli aspetti commerciali si prevede che rimangano attivi sul mercato i diversi marchi commerciali dei due Gruppi: il marchio territoriale Trenta e Multiutility per la clientela nazionale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bollette telefoniche gonfiate

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 giugno 2009

Dal primo luglio 2009 saranno sbloccate le numerazioni 899, 892 e altri numeri a pagamento. L’anno passato una delibera dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) aveva imposto a tutti i gestori la disabilitazione automatica dei numeri pericolosi per tutte le utenze. Provvedimento bocciato da Tar e Consiglio di Stato. Pertanto tra una settimana, come peraltro sta comunicando Telecom Italia alla clientela, si tornera’ al passato, con conseguente aumento del rischio di ricevere bollette gonfiate grazie ad una serie di trucchi e trucchetti (telequiz fasulli, dialer e altre truffe informatiche) messi in atto da teorici fornitori di servizi, spesso con la compiacenza dei gestori telefonici. Al momento ne’ Agcom, ne’ il dipartimento per le Comunicazioni (con a capo il viceministro Paolo Romani) hanno annunciato contromisure per contrastare la presumibile nuova ondata di bollette gonfiate. I due soggetti hanno competenze complementari e sovrapposte sulla materia e cio’, unitamente a inettitudine e disinteresse (piu’ o meno in buona fede), ha portato a questa paradossale situazione. L’Agcom e’ “in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza del Consiglio di Stato” e al momento non e’ in grado di fornire indicazioni puntuali su quel che accadra’. Il dipartimento per le Comunicazioni, che fa parte del ministero dello Sviluppo economico, nonostante le competenza attribuite dal Decreto ministeriale 145/2006, continua a latitare, non rispondendo neppure ad interrogazioni parlamentari (2). Consigliamo agli utenti di procedere con la richiesta ufficiale di disabilitazione di tutte le numerazioni speciali. Ogni gestore ho delle proprie procedure per procedere alla disabilitazione, ma spesso sono complicate e non facili da attivare. Per questo abbiamo predisposto un modello da inviare al proprio gestore, fisso omobile: http://www.aduc.it/ dyn/sosonline/modulistica /modu_mostra. php?Scheda=178105

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Floyd Widener assume la guida del Global Program Management

Posted by fidest press agency su martedì, 24 marzo 2009

Carlson Wagonlit Travel (CWT), leader mondiale specializzato nel business travel management, ha annunciato che Floyd Widener, attualmente vice president Global Sales EMEA, assumerà la guida anche dell’area di Global Program Management (la funzione dedicata alla gestione e all’ottimizzazione dei budget di viaggio della clientela) in EMEA, a partire dall’inizio di aprile. Con base a Parigi, egli riporterà a Cathy Voss, executive vice president Global Program solutions, e a Håkan Ericsson, president EMEA e America Latina. Widener succede a Jim Tweedie, attuale executive vice president Global Program Management EMEA, che lascerà CWT dopo 25 anni ricchi di soddisfazioni all’interno della società.  Widener, 43 anni, ha fatto il suo ingresso in CWT nel marzo 2006. Nel corso degli ultimi tre anni, ha riorganizzato con successo la rete di vendita EMEA e ha guidato il team a importanti acquisizioni, tra cui numerose aziende incluse nella lista “Fortune 500”, nell’area Emea o a livello globale.   Precedentemente, Widener ha lavorato otto anni in Sabre, ricoprendo le posizioni di director Sales & Marketing France, dapprima, e di managing director France e vice president Emerging Business EMEA, successivamente.   Nato in California, Widener si è laureato alla San Diego State University, con un Bachelor of Science in management e letteratura. Ha vissuto in Europa negli ultimi 17 anni e possiede la doppia cittadinanza statunitense e francese.
Carlson Wagonlit Travel (CWT) è leader mondiale specializzato nel business travel management e annovera tra i suoi clienti importanti gruppi multinazionali, istituzioni pubbliche e aziende di varie dimensioni. Grazie alla competenza dei propri collaboratori, unita alla disponibilità di tecnologie all’avanguardia, CWT aiuta i propri clienti in tutto il mondo a ottenere il massimo valore dalla gestione dei propri viaggi d’affari in termini di risparmi, servizi, sicurezza e sostenibilità. La società offre inoltre servizi e assistenza di eccellenza ai viaggiatori. Le innovative soluzioni di CWT sono raggruppate in quattro aree d’intervento: Traveler & Transaction Services, Program Optimization, Safety & Security e Meetings & Events. Presente in oltre 150 paesi, CWT ha più di 22mila collaboratori in tutto il mondo e ha registrato nel 2008 un giro d’affari complessivo, tra strutture di proprietà e joint venture, di 27,8 miliardi di dollari. http://www.carlsonwagonlit.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »