Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘codici’

Cambiano i codici del pronto soccorso

Posted by fidest press agency su martedì, 6 agosto 2019

Saranno distinti da cinque colori: rosso, arancione, azzurro, verde e bianco. Inoltre, il tempo di permanenza per un paziente destinato al ricovero non deve superare le 8 ore dal momento della presa in carico. E’ questo il frutto dell’accordo fra Stato e Regioni, come annuncia il presidente Stefano Bonaccini al termine della Conferenza delle Regioni. Una rivoluzione mirata a ridurre i ricoveri inappropriati, i tempi d’attesa e ad aumentare la sicurezza delle dimissioni. Ecco i principali contenuti.Dal testo si evidenzia come sia emersa “progressivamente la necessità di differenziare ulteriormente il sistema di codifica attualmente in uso, basato su quattro codici colore. Ciò è in linea anche con le attuali principali evidenze scientifiche internazionali. Nel modello proposto si adotta un sistema di codifica a 5 codici numerici di priorità, con valori da 1 a 5, ove 1 indica il massimo livello di gravità. Le Regioni possono associare al codice numerico anche il codice colore”. Al numero 1 corrisponde il colore rosso, un’emergenza che necessità di accesso immediato; al numero 2 corrisponde il colore arancione, un’urgenza quindi accesso entro 15 minuti; al 3 il colore azzurro, quindi urgenza differibile con accesso entro 60′; al 4 il colore verde, urgenza minore con accesso entro 120′; al 5 corrisponde il bianco, non urgente quindi accesso entro 240′.”La nuova codifica – secondo gli esperti del ministero della Salute – consente di focalizzare l’attenzione sulle condizioni cliniche “che rientrano nell’ambito dell’urgenza differibile, individuando l’ambito delle patologie da definire come urgenza minore. L’implementazione della nuova codifica dovrà avvenire progressivamente, entro 18 mesi dalla pubblicazione del documento”. Nel caso dei ‘codici colore’, la scelta dei colori ‘arancione’ e ‘azzurro’ ha lo scopo di evitare la confusione con altri (rosa, argento) “non indicativi di una priorità d’accesso, ma di un percorso dedicato. Inoltre, per quanto riguarda il numero di livelli, ci si allinea alla maggior parte degli altri Paesi a livello internazionale”.
Secondo gli esperti del ministero della Salute “le conseguenze attese sono rappresentate dal miglioramento dell’appropriatezza dei ricoveri e da una maggiore sicurezza nelle dimissioni dal pronto soccorso”. Le nuove linee guida puntano anche a migliorare la gestione dei conflitti che possono nascere nei pronto soccorso tra operatori e i familiari dei pazienti. “La presenza di un referente per la gestione dei conflitti con utenti in attesa può contribuire a migliorare la fase della comunicazione delle informazioni relative alla gestione dell’evento; ad esso si può fare riferimento per questioni relazionali che non riescono a trovare ristoro nella relazione con gli infermieri di triage – evidenzia il documento – Analogamente, la figura dell’assistente di sala attesa, da reperire nell’ambito delle associazioni di volontariato accreditate a livello nazionale o regionale, può svolgere il ruolo di mediatore delle relazioni tra il personale sanitario e i cittadini”.Nelle conclusioni il documento rimarca che il “triage è l’inizio del percorso in pronto soccorso e ha due obiettivi: individuare le priorità di accesso alle cure; indirizzare il paziente all’approccio percorso diagnostico-terapeutico”. Inoltre si ribadisce che “il triage in pronto soccorso è una funzione infermieristica, svolta da personale con appropriate competenze e attuata sulla base di linee guida e protocolli in continuo aggiornamento”. (fonte doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Codici: con Calenda il Pd volta le spalle ai consumatori

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 aprile 2019

L’Associazione Codici boccia la candidatura di Carlo Calenda con il Partito Democratico alle prossime elezioni Europee. L’annuncio fatto sabato scorso dal Segretario del Pd Nicola Zingaretti, con al fianco anche l’ex Ministro dello Sviluppo Economico, non è infatti una buona notizia per i consumatori.“Nel febbraio scorso – ricorda il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Calenda si è distinto per un’uscita che definire infelice è poco. Chiamò le associazioni dei consumatori ‘fabbriche inutili di polemiche’ e, come se non bastasse, si vantò dei tagli che attuò proprio nei loro confronti. Parliamo di uno dei peggiori Ministri dello Sviluppo Economico della storia italiana – afferma il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – e lo dicono i fatti. Il Paese sta pagando i danni provocati dalle scelte che ha preso su Ilva ed Alitalia, senza dimenticare Almaviva, Embraco e Fincantieri. Vedere Calenda tra i protagonisti di un progetto elettorale ci preoccupa – sottolinea il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – perché ci saremmo aspettati, e l’avevamo anche auspicato, che nei programmi per le elezioni Europee venisse dato spazio anche ai consumatori, ma in senso positivo e propositivo, non candidando chi si vanta di aver danneggiato chi li tutela”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Codici: finanziamento auto, dopo la sanzione dell’Agcm scatta il risarcimento

Posted by fidest press agency su martedì, 22 gennaio 2019

Hai stipulato un finanziamento per l’acquisto della tua auto tra il 2009 ed il 2017? Hai diritto ad un risarcimento del danno pari agli interessi pagati sul finanziamento stesso. È la conseguenza della sanzione comminata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato lo scorso 20 dicembre ai costruttori di auto ed alle rispettive banche per aver messo in atto un cartello, ovvero un’intesa restrittiva della concorrenza diretta ad alterare il funzionamento della concorrenza e così facendo ad alterare i prezzi a danno degli utenti.Responsabili dell’intesa sono state le società Banca PSA Italia S.p.A., Banque PSA Finance S.A., Santander Consumer Bank S.p.A., BMW Bank GmbH, BMW AG, Daimler AG, Merceds Benz Financial Services Italia S.p.A., FCA Bank S.p.A., FCA Italy S.p.A., CA Consumer Finance S.A., FCE Bank Plc., Ford Motor Company, General Motor Financial Italia S.p.A., General Motors Company, RCI Banque S.A., Renault S.A., Toyota Financial Services Plc., Toyota Motor Corporation, Volkswagen Bank GmbH, Volkswagen AG. In considerazione della gravità e della durata dell’infrazione, l’Autorità ha imposto sanzioni per 678 milioni di euro.
“Secondo la legge – spiega l’Avvocato di Codici Marcello Padovani – in caso di intesa restrittiva della concorrenza, i contratti stipulati tra le imprese parte del cartello e gli utenti finali sono nulli, con i conseguenti obblighi restitutori. In questo caso, la nullità non può che colpire gli interessi pagati e da pagare in esecuzione del contratto di finanziamento stipulato per l’acquisto dell’auto”.Chi ha stipulato un contratto di finanziamento per l’acquisto dell’auto può contattare l’Associazione Codici al numero telefonico 06.5571996

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: cittadini ostaggio della protesta dei pullman turistici

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 dicembre 2018

Una giornata di ordinaria follia quella che si è vissuta ieri nel centro di Roma. La protesta messa in atto da alcune decine di pullman turistici in piazza Venezia ha creato forti disagi.“I cittadini si sono ritrovati ostaggio della protesta – commenta il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – quanto accaduto in piazza Venezia è qualcosa di grave. Va bene manifestare, ma non in questo modo, senza autorizzazione e mettendo in difficoltà chi doveva andare a lavoro e non è riuscito ad arrivare in ufficio a causa del traffico in tilt”.
L’Associazione Codici critica non solo nel metodo, ma anche nel merito la manifestazione messa in atto dai pullman turistici.“Siamo dalla parte del Comune di Roma – afferma il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – il centro della capitale non può essere attraversato in maniera indiscriminata dai pullman turistici, perché le conseguenze negative poi le abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Il traffico è un caos, l’inquinamento è sempre in agguato e la vivibilità continua a peggiorare. La mobilità sostenibile è la strada da seguire, nel rispetto di tutti, operatori turistici compresi”.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Codici: serve intervento strutturale sul caro bollette

Posted by fidest press agency su martedì, 9 ottobre 2018

Bene l’azione del Parlamento, ma non basta. Secondo l’Associazione Codici, la convocazione del nuovo collegio dell’Autorità per l’Energia in Commissione Attività Produttive della Camera e in Commissione dell’Industria del Senato deve essere il primo passo per affrontare, e finalmente risolvere, il gravoso problema del caro bollette.Fa bene il Governo a chiedere chiarimenti, ma l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente avrà sempre pronta una giustificazione. E la dimostrazione è già arrivata, con Arera che sostiene che la decisione arriva per far fronte ai forti aumenti dei prezzi delle materie prime energetiche, che hanno raggiunto livelli record in Italia ed in Europa.
Nel settembre scorso, l’Arera aveva annunciato il congelamento dei rincari. È il secondo in pochi mesi. Quella che ad un primo sguardo sembrerebbe una buona notizia, in realtà, secondo l’Associazione Codici, è soltanto il rinvio di un problema che, con il passare del tempo, assumerà dimensioni sempre più grandi e preoccupanti, e che rischia di esplodere, con conseguenze gravi per i consumatori.Il nodo centrale della questione, secondo l’Associazione Codici, è legato agli oneri generali di sistema. Un problema che si trascina dietro da tempo degli interrogativi. Ad esempio, c’è ancora bisogno di incentivi a pioggia sulle rinnovabili? Che senso ha la messa in sicurezza del nucleare in un Paese dove le centrali nucleari sono chiuse? E poi, perché il cittadino deve sostenere i costi per garantire le agevolazioni tariffarie sulle ferrovie?Riconosciamo che ci sono anche degli oneri generali di sistema positivi, che si possono mantenere, a patto che vengano migliorati. Ci riferiamo al bonus elettrico per gli indigenti, che deve essere modificato perché è inammissibile che il 90% dei cittadini non sappiano cos’è e se ne hanno diritto. Bene anche il sostegno alla ricerca di sistema, così come la copertura delle agevolazioni per le imprese a forte consumo di energia e la promozione dell’efficienza energetica, fermo restando che chiama in causa le abitutidini dei cittadini.Non siamo noi a dire chi deve intervenire prima tra Governo e Autorità per l’Energia, l’importante è che la questione degli oneri generali di sistema venga affrontata e risolta una volta per tutte, perché non devono più gravare sulle famiglie italiane.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prende il via la collaborazione tra l’Associazione Consumatori Codici e Sorgenia

Posted by fidest press agency su domenica, 10 giugno 2018

L’iniziativa è volta a verificare il livello di tutela dei consumatori nei processi aziendali, certificato attraverso un audit composto da molteplici tappe. Questo, infatti, è il primo passo per la realizzazione completa del progetto che prevede altri due incontri e conclusione il prossimo luglio.Le politiche e le procedure aziendali sono e saranno fondamentali, soprattutto alla luce della prossima liberalizzazione del mercato dell’energia. Per questo la trasparenza nei confronti dei consumatori sarà imprescindibile per tutte le aziende che vorranno fare parte del mercato e competere in modo corretto e leale. Sorgenia ha deciso di aderire con piena trasparenza e partecipazione al Codici Energy Rating per valutare i processi aziendali relativi alla tutela del consumatore, consapevole dell’importanza di garantire una customer Experience appagante e sempre più vicina alle esigenze dei clienti.Trasparenza ed assenza di rischi per il consumatore dovranno essere i punti di riferimento per chi opera in questo segmento di mercato, in una logica di assoluta tutela dei consumatori.Il modo di fare e pensare il mercato deve ispirarsi alla correttezza, alla trasparenza, alla qualità dei processi e dei servizi offerti. Il Codici Energy rating mira a valutare e a sostenere le buone pratiche che valorizzano esattamente questi aspetti.Durante il primo incontro, sono stati analizzati i processi relativi a servizio clienti, attività di sales e piani di formazione degli operatori nel loro complesso. Inoltre le risorse umane, intervenute sul tema formazione, si sono rese disponibili a somministrare un questionario sul clima interno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: gli attacchi nei confronti del prof. Giuseppe Conte sono pretestuosi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 maggio 2018

Gli attacchi nei confronti del neo Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sono a dir poco pretestuosi, in primo luogo per le persone che lo attaccano, ovvero i portavoce di coloro i quali hanno portato questo Paese allo sfascio.E’ vergognoso un attacco così diretto e bieco nei confronti di chi si accinge a governare, andando a scavare in modo torvo. Curriculum e cartella Equitalia usate per screditare un Premier che viene iniziato alla vita politica nel peggiore dei modi: attraverso la macchina del fango. Chiediamo al Presidente Mattarella di essere rigoroso e dare mandato a chi è designato dalla maggioranza parlamentare.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: su fatturazioni a 28 giorni e rimborsi

Posted by fidest press agency su sabato, 18 novembre 2017

vecchio telefonoI consumatori, dopo la vittoria storica dell’obbligo per le Telco di tornare alla fatturazione mensile, possono stare più tranquilli certo, ma devono sapere che c’è sempre qualcuno che prova a tutelare gli interessi degli operatori e delle lobby che costellano il nostro Paese. Se poi questo qualcuno in passato avrebbe dovuto difendere i consumatori e non lo ha fatto e persiste ostacolandoci, attraverso il goffo tentativo di affossare l’emendamento appena passato con un sub-emendamento, allora bisogna tenere alta la guardia.“La fatturazione a 28 giorni era una procedura inaccettabile: il ripristino della fatturazione mensile è un’ottima notizia per i consumatori”. Cosí la senatrice di AP Simona Vicari, salvo poi lanciare la solita ciambella di salvataggio alle società, con la proposta di limitare il ritorno al passato solo ed esclusivamente ai contratti telefonici consumer in abbonamento e non a quelli con prepagata – il 90% del mercato – e i business. Una voragine, considerato che in Italia ci sono 4,4 milioni di partita IVA.Questi comportamenti devono essere smascherati e i consumatori devono sapere e giudicare il comportamento dei politici che dovrebbero tutelare i loro interessi.
La Senatrice Vicari, ex delegata alla tutela dei consumatori, se proprio non se la sente di schierarsi in nostro favore, e nemmeno di agevolarci, almeno non si presenti come paladina dei consumatori perché fa una doppia brutta figura.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Ancora disservizi idrici

Posted by fidest press agency su sabato, 2 settembre 2017

aceaAncora famiglie costrette per giornate intere senza acqua. Come se non bastasse, ora Acea annuncia un piano di riduzione delle pressioni della rete idrica nelle ore notturne nei Comuni di Roma e Fiumicino per combattere l’emergenza siccità.La situazione climatica, quest’estate, è stata assolutamente critica. La prolungata siccità, che sembra non avere fine, unita a una a dir poco inefficiente gestione dell’acqua, ha creato una lunga serie di disagi con cui i cittadini continuano a fare i conti.
Qual è la responsabilità di Acea in questa emergenza idrica? E’ evidente che la straordinaria siccità ha avuto un ruolo predominante, ma l’azienda che avrebbe dovuto effettuare una serie di interventi volti ad aumentare la propria disponibilità d’acqua, ha gestito nel peggiore dei modi le risorse idriche. Immani perdite e continui guasti, camuffati con inutili tentativi di “rattoppo” e, soprattutto, migliaia di segnalazioni di cittadini accuratamente ignorate dall’azienda che continua a non prendersi le proprie responsabilità, nascondendosi dietro un dito. A giugno, le Associazioni Consumatori chiedevano all’amministratore delegato di Acea, Lanzalote, un incontro urgente in vista della particolare situazione climatica e delle più che probabili criticità.Incontro mai avvenuto a causa del rifiuto dell’amministratore che ha preferito rimandare in quanto, a suo dire, non aveva ancora chiaro il punto della situazione. Codici avrebbe voluto presentare un documento tecnico con le proposte per la valorizzazione e l’efficientamento dell’azienda, considerata la nostra presenza storica sul territorio e in virtù del rapporto privilegiato con i consumatori, grazie al quale siamo perfettamente a conoscenza dei punti deboli e delle criticità di una gestione che troppo spesso ha causato, e continua a farlo, ingenti danni ai cittadini. Alla vigilia del cambio ai vertici dell’azienda, con la chiusura definitiva della stagione Irace- Tomasetti, Codici auspicava la costruzione di un nuovo Cda basato su trasparenza innovazione e partecipazione. Speravamo che la scelta ricadesse su esperti del settore e persone che conoscessero a fondo le problematiche della città. Invece così non è stato e in questo il Comune, proprietario dell’azienda, è assolutamente responsabile. La situazione di Acea è nota a tutti e da sempre. Si tratta di un problema risaputo e strutturale che riguarda, da anni, soprattutto le zone periferiche e di provincia, ma che soltanto ora, riguardando direttamente la città di Roma, pare aver assunto il giusto peso che merita. Nelle zone del basso Lazio la chiusura notturna delle rete idrica è prassi aziendale consolidata da sempre, interi comuni senza acqua, anche per molti giorni, e nessuno a vigilare sulla situazione. L’autorità (AEEGSI) avrebbe dovuto vigilare e tenere strettamente sotto controllo la gestione dell’azienda idrica, piuttosto che eseguire provvedimenti a suo favore.
Bisogna chiarire di chi sono le responsabilità di questo disastro.
Codici annuncia esposto alla Procura, chiamando in causa Acea, ATO, Comune di Roma, Autorità per l’energia e Regione Lazio. E’ necessario dare delle risposte a tutti i consumatori costretti da tempo a subire disagi immani, affinché situazioni del genere siano, in futuro, scongiurate.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Codici e Aeci avvieranno una campagna contro i disservizi causati da Acea ai cittadini

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 agosto 2017

aceaRoma Alla luce della “crisi idrica” a Roma e dintorni, che per alcuni è apparsa tale per altri invece non esiste, né sussiste, Codici si chiede perché si sia arrivati a questa situazione emergenziale, soprattutto alla luce del piano di investimenti idrico che la municipalizzata di settore, ovvero Acea, avrebbe dovuto fare. Il Gruppo gestisce il servizio idrico integrato a Roma e Frosinone e nelle rispettive province ed è presente in altre aree del Lazio, in Toscana, Umbria e Campania.
Gli investimenti nel 2016 sono stati pari a 230,4 milioni di euro (+ 12,7% rispetto al 2015), ma qualora volessimo sapere se sono stati fatti e come sono stati ripartiti nel dettaglio, ebbene dovremmo inoltrare una richiesta formale di accesso agli atti, come faremo.
Infatti sul sito della Segreteria tecnico operativa ATO 2 ad esempio, sono riportati gli investimenti (fino al 2011), ma relativi a macroaree come: depurazione, reti idriche, nuovi allacci idrici, senza che venga specificato il Comune, il Municipio all’interno del Comune, il tipo di intervento nel dettaglio, insomma è molto generico per non dire fumoso. Dunque, siccome gli investimenti vengono remunerati in tariffa sia che vengano effettivamente fatti o meno, e quindi il solito bancomat, ovvero il consumatore paga per questo senza poi usufruire di un servizio degno di questo nome, Codici chiede di sapere se e dove sono stati fatti gli investimenti da Acea. Anche perché, se a Roma ci troviamo in questa situazione disastrosa con tubature colabrodo e una dispersione della rete idrica che arriva fino al 44%, superando più del doppio la percentuale consentita, significa che gli investimenti non sono stati fatti o sono stati fatti in modo da tamponare, senza alcuna visione di lungo periodo, come invece dovrebbe essere quella di un piano di investimenti sul settore idrico.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Codici: gli agricoltori non vengano lasciati soli da governo ed Unione Europea

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

agricolturaFar parte dell’Unione Europea si sa, cela “onori ed oneri”, ma quando i secondi superano di gran lunga i primi a danno dei nostri coltivatori ed allevatori e del marchio “Made in Italy” per i prodotti nostrani, allora ecco che si danneggia in modo irreparabile un settore fondamentale dell’economia italiana come quello alimentare, frodando inoltre il consumatore a livello mondiale, essendo destinatario delle nostre esportazioni.
Il CETA, Trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada, sostanzialmente legittimerebbe le imitazioni dei prodotti tipici italiani, ma non solo, autorizzerebbe in Europa anche l’entrata di grano duro e carne a dazio zero.
Esempio eclatante, il Parmigiano italiano esportato in Canada che si troverebbe a competere con l’imitazione, legittimata dal Trattato, del prodotto canadese denominato “Parmesan”.Amara ironia, il loro Parmesan potrà successivamente venire esportato in Italia.Questo è l’intento dei nostri accordi commerciali, mettere in ginocchio una parte della produzione ed economia basata sul settore primario? Coldiretti ha lanciato l’allarme sulla pirateria alimentare contro i nostri prodotti, facendo presente come le denominazioni e traduzioni dei nomi, traggano in inganno il consumatore che pensa di acquistare un prodotto italiano. Si tratta di concorrenza sleale a tutti gli effetti.
Secondo il Dossier della Coldiretti, ben 250 denominazioni di origine (Dop/Igp) italiane riconosciute dall’Unione Europea, non godranno di alcuna tutela sul territorio canadese. I prodotti italiani sono realizzati sulla base di una produzione che viene sottoposta ad un rigido sistema di controllo e rischia di essere invasa da prodotti legittimati ad esserne una imitazione, è un paradosso assurdo.Il rischio è che, qualora questo Trattato venga ratificato dal governo italiano, crei un precedente anche per altri Paesi extra UE, amplificando il danno per i produttori nostrani, senza possibilità di arginarlo.
Italia ed Unione Europea hanno il dovere di difendere prodotti e produzioni uniche al mondo, in quanto non riproducibili, ma solamente imitabili.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trentennale dell’Associazione dei Consumatori CODICI

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 maggio 2017

codiciRoma giovedì 11 maggio 2017, presso la Sede Nazionale, in via Giuseppe Belluzzo n.1 festeggiamenti dei 30 anni dell’Associazione, Codici per ripercorrere insieme la storia dell’Associazione, le battaglie portate avanti nel corso degli anni e illustrare i risultati raggiunti.La giornata si aprirà con una relazione introduttiva del Segretario Nazionale Ivano Giacomelli, e a seguire, avranno luogo dibattiti, tavole rotonde, eventi ed iniziative su temi specifici:
Dalle 10.00 alle 13.30 Sessione Mattutina Prima Parte – ACQUA come patrimonio
Come costruire un modello di servizio idrico efficiente. Creare un reale sistema dell’acqua di tutti.
Sono stati invitati: Aeegsi, Anci, Anea, Governo-Italia Sicura, CDP, F.Daga(M5S) e M.Manfredi(Pd), Utilitalia, Furio Truzzi RCI
Modera: Silvano Morandi (Codici)
Dalle 14.30 alle 16.30 Seconda parte – ENERGIA: l’indipendenza energetica Nuove tecnologie e sistemi di accumulo per ridurre l’impatto degli oneri in bolletta e rendere indipendenti i consumatori finali.
Sono stati invitati: ENEL, Assoelettrica, MISE-SEN, Aeegsi, Sen.Gianni Girotto e Giovanni Ferrari RCIModera: Luigi Gabriele (Codici)
Dalle 16.30 alle 18.30 Sessione Pomeridiana – La nuova era dell’ECONOMIA. Come Blockchain cambierà l’economia e il business. Ridistribuire risorse e tornare a investire risparmiando.Le tecnologie stanno per aprire nuove prospettive, tra cui un diverso ruolo per l’intermediazione bancaria e finanziaria. Quali prospettive per i consumatori finali e opportunità per la redistribuzione delle risorse. Sono stati invitati: AGCM, Agcom, Consob, Banca D’Italia, Ivass,Intesa San Paolo, MEF, On. Daniele Capezzone e Ivano Giacomelli (RCI) Modera: Canio Trione (Codici) (foto: codici)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: Acea fa orecchie da mercante e non vuole sentirne di pagare i propri debiti alle imprese

Posted by fidest press agency su martedì, 10 gennaio 2017

impreseI ritardi nei pagamenti da parte di Acea nei confronti delle imprese fornitrici di costruzioni e manutenzione rappresentate da ASSISTAL e CNA ROMA, si sono acuiti al punto tale da superare i 180 giorni rispetto ai 90 previsti da contratto. Ciò significa che queste imprese non vedranno i pagamenti prima di 6 o 9 mesi, Acea infatti non starebbe rispettando i termini del contratto in merito a contabilizzazione e pagamenti dei fornitori, pertanto l’unica via per queste imprese rimane quella dell’indebitamento sia per poter retribuire i propri dipendenti che per restituire i soldi agli istituti di credito.
Questo lato aziende, ma c’è anche l’aspetto che riguarda i cittadini: infatti, qualora le imprese coinvolte non fossero più in grado di portare avanti i servizi sulle reti idriche ed elettriche, potrebbero essere creati dei notevoli disservizi.
Ci risulta che le Associazioni di categoria abbiano formalmente sollecitato Acea senza aver ottenuto ad oggi alcuna risposta.
Acea vuole che queste piccole e medie imprese collassino in seguito ad una crisi di liquidità, costringendole ad indebitarsi con le banche? Ci auguriamo di no.
Quando si tratta di incassare dagli utenti però, Acea quanto è disposta ad attendere prima di un distacco o di compiere le verifiche del caso per non far arrivare una bolletta di conguaglio da migliaia di euro. La risposta la lasciamo ai consumatori.
Acea intervenga immediatamente, rompendo il silenzio ed adducendo delle spiegazioni in merito a questa vicenda, oltre che ovviamente, saldare i propri debiti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio, aprono ambulatori Med per codici bianchi e verdi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Semaforo verde nel Lazio per gli ambulatori Med, le strutture della medicina di famiglia che dovranno sgravare i pronto soccorso dagli accessi impropri. Nei giorni scorsi, infatti, hanno iniziato ad aprire i battenti i 13 ambulatori previsti dall’accordo firmato nelle settimane scorse da Regione e sindacati della Mg. In base all’intesa, che scadrà nell’aprile del 2013, i centri Med “Percorso Veloce Codici Bianchi e Verdi” resteranno aperti sette giorni su sette, dalle 8 alle 20, e l’accesso sarà regolato dal triage del Ps (al contrario degli ambulatori blu, altra esperienza imperniata sulla Mg e chiusa recentemente con buoni risultati, dove l’accesso era solo spontaneo). In più, dal 26 aprile è in funzione negli stessi orari una centrale operativa (al numero 06.58702464) dalla quale una squadra di medici di famiglia offre assistenza “on call” su eventuali urgenze e sulle Ucp (Unità di cure primarie) disponibili in zona. Dei 13 ambulatori Med già aperti o in via di apertura sette sono collocati in aziende ospedaliere romane e gli altri ad Anzio, Civitavecchia, Latina, Frosinone, Cassino e Viterbo. «Con queste strutture» spiega il segretario regionale della Fimmg, Pierluigi Bartoletti «si compie un altro passo verso quella rete “hub&spoke” di ambulatori diagnostici h12 e Ucp che rappresenta la nostra proposta di riorganizzazione regionale delle cure territoriali. Dopo gli ambulatori blu, il programma Med ci dà il tempo di lavorare all’integrazione ospedale-territorio ed educare i cittadini a un uso appropriato degli studi di Mg da un lato e dei Ps dall’altro». I medici di Mg in servizio percepiscono 35 euro all’ora per un massimo di due turni di quattro ore ciascuno.(fonte doctornews33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Un capolavoro al mese” L’Iliade

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 marzo 2010

Venezia 11 marzo 2010, ore 17.00 nell’Antisala della Libreria Sansoviniana (ingresso: Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) Nuovo incontro dell’iniziativa della Biblioteca Nazionale Marciana “Un capolavoro al mese” L’Iliade (ora consultabile anche on line!)  Prosegue il ciclo di incontri intitolato “Un capolavoro al mese” – appuntamento fisso per tutto il 2010 – con il quale la Biblioteca Nazionale Marciana intende divulgare e valorizzare il suo prezioso patrimonio librario invitando i cittadini a conoscere più da vicino i suoi tesori.  Il secondo incontro, fissato per vedrà come protagonisti due manoscritti che ci hanno tramandato il testo dell’Iliade.  Saranno infatti presentati i codici noti nella letteratura filologica come Venetus A e B dell’Iliade, il cod. Gr. Z. 454 e il cod. Gr. Z. 453, entrambi donati dal cardinale Bessarione alla Repubblica nel 1468.  I codici, pergamenacei, risalenti rispettivamente al X e XI secolo, sono straordinari esemplari del poema di Omero, famosi anche per le miniature e il  commento.   Durante l’incontro sarà illustrato anche un nuovo utilissimo strumento di studio: la versione fotografica online dei codici, che ora possono essere sfogliati anche da casa, sul proprio computer connettendosi in internet all’indirizzo: http://chs75.chs.harvard. edu/manuscripts/ index. html?ms=msA. Le riprese fotografiche digitali sono state effettuate nel 2007 dal Center for Hellenic Studies dell’Università di Harvard.  Introduzione di Maria Letizia Sebastiani. Interventi di Elisabetta Lugato e Paolo Eleuteri. (venetus)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »