Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘coesione’

I leader locali chiedono con forza che le politiche economiche dell’UE a 27 diano priorità alla coesione

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Affinché l’idea di rafforzare il legame tra fondi di coesione e semestre europeo funzioni davvero, è indispensabile considerare prioritarie le esigenze locali e regionali
I leader delle città e delle regioni invocano un coinvolgimento strutturato degli enti locali e regionali nel processo del semestre europeo, in particolare adesso che il semestre fornisce orientamenti per la politica di coesione. Il parere su questo tema, elaborato da Rob Jonkman (NL/ECR), è stato adottato all’unanimità nella sessione plenaria di aprile del Comitato europeo delle regioni (CdR) a Bruxelles.Nel corso dell’attuale periodo di programmazione (2014-2020), la Commissione europea ha iniziato a rafforzare il coordinamento tra il semestre europeo e la politica di coesione al fine di migliorare il livello di attuazione, tradizionalmente basso, delle raccomandazioni specifiche per paese (RSP).
Nel prossimo periodo (2021-2027), la Commissione intende compiere un ulteriore passo avanti e rendere questo coordinamento più vincolante, tenendo conto delle raccomandazioni specifiche per paese in sede di adozione degli accordi di partenariato e dei programmi di coesione. L’allineamento degli strumenti offre l’opportunità di rafforzare la dimensione territoriale del semestre europeo, ma comporta anche un rischio di centralizzazione della politica di coesione, senza un ruolo formalizzato per gli enti locali e regionali in questo processo.Il relatore del CdR Rob Jonkman (NL/ECR), assessore comunale di Opsterland, ha affermato che “i fondi strutturali non devono essere utilizzati come il bastone e la carota per spingere gli Stati membri a portare avanti le riforme. Al contrario, per garantire stabilità e crescita a tutti i cittadini è necessario che il semestre europeo assuma una dimensione locale e che siano rafforzati i rapporti di partenariato tra l’UE, gli Stati membri e gli enti locali e regionali. Il collegamento del semestre europeo con i programmi della politica di coesione rappresenta un’opportunità per avvicinare il semestre ai cittadini dell’UE e dare priorità alle loro esigenze coinvolgendo gli enti locali e regionali. Conferendo a questi enti un ruolo formale in tale processo, un ruolo definito in un codice di condotta, non solo si aumenterà l’efficacia delle raccomandazioni specifiche per paese, grazie a una migliore valutazione e una maggiore titolarità del livello di attuazione, ma si rafforzerà anche la legittimità democratica delle riforme previste”.
In tale contesto, i membri del CdR ribadiscono la loro richiesta di un codice di condotta per la partecipazione degli enti locali e regionali al semestre europeo . Il Comitato rinnova inoltre l’appello, formulato congiuntamente al Parlamento europeo, a sostituire la strategia Europa 2020 con un quadro politico chiaro per il semestre europeo e per gli investimenti che utilizzano i fondi di coesione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politica di coesione: oltre 300 miliardi di investimenti per progetti negli Stati membri

Posted by fidest press agency su sabato, 15 settembre 2018

Bruxelles. Secondo l’aggiornamento più recente della piattaforma di dati aperti sui fondi SIE, il volume complessivo degli investimenti destinati a progetti nell’economia reale è aumentato di 42 miliardi di euro dalla fine del 2017 a giugno 2018, raggiungendo 303 miliardi.La percentuale del bilancio della politica di coesione destinata a progetti specifici nel periodo 2014-2020 ammonta così al 62% del bilancio totale previsto, contro il 54% alla fine del 2017. Anche la spesa per progetti selezionati è aumentata e ha raggiunto il 15% dell’investimento totale previsto nel periodo, con investimenti già completati del valore di 75 miliardi di euro. La Commissaria responsabile per la Politica regionale, Corina Crețu, ha dichiarato: “Dai nuovi dati comunicati dagli Stati membri emerge un’accelerazione nell’attuazione della politica di coesione, che continua a sostenere la crescita economica in tutta Europa.” Bulgaria, Cipro, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Portogallo, Romania, Slovacchia e Spagna si sono classificate ai primi posti in termini di aumento del numero di progetti selezionati.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica di coesione investe in una rete moderna di trasporti nel Sud dell’Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 7 ottobre 2017

TRENOPiù di 314 milioni di euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) saranno investiti in quattro progetti di trasporto in Calabria, Campania e Sicilia, allo scopo di migliorare i collegamenti del Sud dell’Italia con il Nord del paese e con i suoi vicini europei. “Questi progetti finanziati dall’UE ridurranno i tempi di viaggio ed accelereranno la crescita del Mezzogiorno; sono stata quindi lieta di dar loro il via libera”, ha dichiarato la Commissaria per la Politica regionale Corina Creţu. In Calabria, 106,5 milioni di euro finanzieranno la costruzione di una nuova linea ferroviaria tra Catanzaro e Germaneto, sede di un campus universitario e di un nuovo ospedale. Sarà inoltre rinnovata la linea tra la stazione principale di Catanzaro (Cantazaro Sala) e la stazione balneare di Catanzaro Lido. I lavori dovrebbero essere ultimati nel marzo 2020. Sempre in Calabria, 106 milioni di euro contribuiranno alla costruzione di una linea tranviaria di 21 km nell’agglomerato di Cosenza, che collegherà il centro di Cosenza al campus dell’Università della Calabria, passando per Rende. I lavori dovrebbero essere conclusi nel maggio 2020. In Sicilia, 56,5 milioni di euro serviranno a rinnovare il collegamento ferroviario tra la stazione Catania Bicocca e Augusta, sulla linea Siracusa-Messina che costeggia la parte orientale dell’isola e la collega al continente. Il progetto, il cui completamento è previsto nel giugno 2021, comprende lavori nelle stazioni, la ricostruzione di una galleria e nuove rotaie. In Campania, 45,4 milioni di euro finanzieranno infine una nuova strada che collegherà il porto di Salerno all’autostrada A3, parte dell’asse di trasporto strategico che va da Palermo a Berlino. Il progetto, che dovrebbe essere concluso nel giugno 2019, contribuirà a ridurre il traffico nella città, ad agevolare il trasporto di merci da e verso il porto e a rinvigorire così l’economia dell’intera regione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ripartire da Napoli… sviluppo, legalità e coesione sociale

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2016

manzoNapoli lunedì 7 novembre alle ore 16.30 nella sala del Vasari nel complesso monumentale di Sant’Anna dei Lombardi (in piazza Monteoliveto 4) convegno Ripartire da Napoli… sviluppo, legalità e coesione sociale con Manzo, Cardinale Sepe, sindaco de Magistris, sottosegretario Ferri. “Napoli è a un bivio: ci sono le condizioni per diventare protagonisti di una grande stagione di crescita economica e sociale ma se non saremo capaci di unire le energie per rendere concreta la grande effervescenza che si vive in città rischiamo che tutto svanisca. Il nostro obiettivo è quello di realizzare impresa in collaborazione con le esigenze di risanamento morale della città per far sì che la ricchezza aiuti a vivere meglio tutti i cittadini napoletani. Per fare questo abbiamo bisogno degli imprenditori migliori, delle istituzioni locali e del governo nazionale, delle esperienze e delle competenze e del mondo della solidarietà. Insieme si stanno facendo importanti passi in avanti e noi come sistema del credito cooperativo siamo in prima fila”, dichiara il presidente della Banca di credito cooperativo di Napoli Amedeo Manzo.Il dibattito si aprirà con gli interventi del sindaco Luigi de Magistris, del cardinale di Napoli Crescenzio Sepe e del sottosegretario alla giustizia Cosimo Maria Ferri. Un saluto del presidente del tribunale di Napoli Ettore Ferrara e del rettore Lucio d’Alessandro faranno proseguire la giornata che vuole essere anche l’anteprima del festival della dottrina sociale di cui è protagonista e promotore Don Adriano Vincenzi presidente della fondazione Toniolo e delegato CEI per Confcooperative. Molti interventi degli imprenditori con il presidente di Confindustria Costanzo Jannotti Pecci, il presidente di Italferr Riccardo Monti, il presidente di Adler Paolo Scudieri e della vicepresidente di Coelmo Stefania Brancaccio; e ancora le testimonianze di Pino Porzio, Ct del Canada e dell’Acquachiara pallanuoto, dello scrittore Maurizio de Giovanni. Interverranno anche il direttore di Rai Vaticano Massimo Milone, Adele Caldarelli direttore del dipartimento di economia della Federico II, Antonio Areniello presidente del collegio notarile, Amedeo Giurazza amministratore delegato di Vertis, Armando Brunini amministratore delegato della Gesac e Mario Mustilli docentr di finanza aziendale alla seconda Università di Napoli. Modera il giornalista del Corriere della Sera Marco Demarco. (foto: manzo)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Disuguaglianza, democrazia e coesione sociale”

Posted by fidest press agency su sabato, 28 maggio 2016

prodiReggio Emilia Sabato 28 maggio (18.00, Teatro Cavallerizza) nell’ambito dei Social Cohesion Days si confrontano su “Disuguaglianza, democrazia e coesione sociale” due nomi d’eccezione: Romano Prodi, fondatore e presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, e Francois Bourguignon, ex capo economista della Banca Mondiale, che – moderati da Riccardo Iacona – ripercorrono le cause delle crescenti disuguaglianze nel mondo, il legame con il progresso tecnologico e la globalizzazione e le strategie in grado di ridurre il fenomeno . Durante la crisi in molti paesi sviluppati risultano notevolmente aumentate le disuguaglianze dei redditi di mercato (retribuzioni lorde e redditi da capitale, senza considerare la tassazione e i trasferimenti servizi del welfare). Inoltre, un numero crescente di ricerche evidenzia come un’eccessiva disuguaglianza impatti negativamente sulla crescita economica e sulla coesione sociale (per esempio inibendo la possibilità delle fasce più svantaggiate di investire nell’istruzione dei propri figli), e come una troppo sbilanciata concentrazione dei redditi riduca il benessere di una larga porzione di individui, ancora una volta minando la coesione sociale e l’esistenza di un welfare state universale.(www.socialcohesiondays.com) (foto Prodi)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spesa fondi di coesione: dagli eurodeputati l’invito alla Sicilia a raddoppiare gli sforzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 settembre 2015

sicilia nazioneSi chiude oggi la visita di una delegazione di dodici parlamentari della commissione Sviluppo Regionale del Parlamento Europeo nel distretto della Sicilia orientale.Dopo tre giorni fitti di incontri con le autorità locali, regionali e nazionali e di visite a progetti finanziati dai fondi strutturali europei a Catania, Modica, Piazza Armerina ed Enna, gli eurodeputati fanno il punto su quanto hanno testimoniato riguardo come la Sicilia ha speso e sta spendendo il Fondo per lo Sviluppo Regionale (Fesr) per il periodo 2007-2013 e sulla programmazione 2014-2020.Il presidente della delegazione, il parlamentare della sinistra francese Younus Omarjee, riassume così i tre messaggi chiave che gli eurodeputati vogliono trasmettere alle autorità locali, regionali, nazionali e comunitarie e ai cittadini siciliani: “In primo luogo, la Sicilia deve raddoppiare, rispetto al passato, gli sforzi per spendere bene i fondi di coesione per il periodo 2014-2020. Le politiche di coesione sono importanti in particolar modo per le regioni meno sviluppate come la Sicilia. Secondo: il fondo di sviluppo regionale non deve essere solo a vantaggio delle singole comunità o regioni, ma deve essere speso in modo che a beneficiarne sia tutta l’Unione Europea. Per questo bisogna sfruttare le grandi potenzialità che la Sicilia ha in materia di economia legata alla sua dimensione marittima e portuale e alla possibilità di crescita verde, a basso consumo energetico e a basse emissioni. Infine, tutta la delegazione è rimasta colpita dalla capacità dei siciliani e degli attori politici locali di rispondere all’attuale crisi legata all’accoglienza dei rifugiati. Lavoreremo a stretto contatto con la Commissione Europea per fare in modo che i fondi di coesione siano sempre più utilizzati anche per aiutare regioni come la Sicilia a prendersi carico dei migranti che arrivano sull’isola”.
Constanze Krehl, eurodeputata socialista tedesca e coordinatrice nella Commissione Sviluppo Regionale del PE, ha dichiarato: “Sono contenta di constatare in prima persona, sul campo, che non solo i fondi di coesione aiutano la ricerca e l’innovazione, ma creano un ambiente favorevole alla nascita di start up e al consolidamento delle piccole e medie imprese. Quello che però auspico è che tutti questi sforzi nella ricerca, finanziati anche da contributi comunitari, vengano tradotti massicciamente in pratica per il beneficio di tutti gli europei. Ci tengo infine a ringraziare tutti i siciliani e le siciliane per gli sforzi enormi che stanno facendo e per la loro generosità nella difficile situazione che l’attuale flusso di rifugiati mette di fronte a noi tutti”.L’europarlamentare di area popolare Krzysztof Hetman, ha dichiarato:”Questa delegazione ci ha permesso di visitare sul terreno progetti finanziati dai fondi di coesione e di capire l’impatto concreto e il valore aggiunto che tali fondi hanno per le comunità locali. Chiediamo a tutti gli attori regionali di utilizzare al massimo i finanziamenti per le politiche di coesione per il periodo 2007-2013, e di velocizzare l’attuazione dei programmi di lavoro per il periodo 2014-2020. Questo permetterà di incentivare la crescita e l’occupazione e, di conseguenza, di migliorare la vita dei nostri cittadini.
Più critica nei confronti del governo regionale siciliano è l’eurodeputata dei cinque stelle Rosa D’amato: “Dopo avere ascoltato le caratteristiche del nuovo programma per il fondo di sviluppo regionale 2014-2020 in Sicilia, Abbiamo chiesto delucidazione anche sulla programmazione 2007-2013, proprio perché crediamo sia utile evidenziare le criticità affrontate al fine di non ripetere gli stessi errori. Ricordiamo che la dotazione iniziale del FESR 2007-2013 era di ben 6,5 miliardi di euro, poi ridotti a 4,3 miliardi per manifesta incapacità di spesa del governo regionale precedente. A fine settembre 2015, a tre mesi dalla fine della programmazione, la spesa certificata si registra tra i 2,8 e i 3 miliardi di euro (se contiamo il secondo tratto del Grande Progetto dell’Agrigento Caltanissetta). In pratica ci sono circa 1,3-1,5 miliardi di euro da spendere in tre mesi quando avevamo nove anni di tempo per farlo. Se non lo faremo, al 31 dicembre 2015, scatterà il disimpegno automatico di circa il 35% delle risorse, ripeto più di un miliardo di euro”.Michela Giuffrida, europarlamentare catanese del PD, ha dichiarato: “Credo che l’obiettivo della nostra missione sia stato raggiunto. Visitare alcune delle realtà che hanno beneficiato dei fondi comunitari ma soprattutto rendersi conto delle istanze che il territorio esprime. La Sicilia ha bisogno, per poter sfruttare a pieno le risorse per la Coesione, di procedure semplificate e di puntare sui fondi diretti, bypassando quelle trafile che, spesso, sono un ostacolo insormontabile. Dagli incontri che abbiamo avuto con i tanti amministratori locali questo emerge con forza. E noi non possiamo non prenderne atto”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CdR: Forum sulla coesione territoriale

Posted by fidest press agency su sabato, 28 aprile 2012

Il prossimo 10 Maggio avrà luogo a Bruxelles un Forum organizzato dal Comitato delle Regioni dal titolo “Regioni e città per uno sviluppo territoriale integrato. Una Strategia Comune per la coesione politica, lo sviluppo rurale e i fondi ittici per il 2014-2020”. L’intento è quello di rappresentare tramite uno strumento comune una strategia che si armonizzi alle indicazioni che giungono dalla Commissione europea in tema di coesione politica a partire già dal 2013. È già stato stilato un documento che riassume la strategia da seguire in vista di Euro 2020 all’insegna di uno sviluppo sostenibile e inclusivo secondo cinque fondi cardine: il Fondo europeo per lo sviluppo regionale, il Fondo sociale europeo, il Fondo di coesione, il Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale e il Fondo europeo per il mare e la pesca. Scopo di questa strategia sarebbe quello di rendere più chiare le priorità su cui investire all’interno degli Stati membri nei prossimi anni (2014–2020). In linea con il Trattato di Lisbona, la Strategia comune tenterà la via dell’integrazione territoriale. Il Forum ospiterà anche esperti di gestione di fondi strutturali del settore rurale e ittico. Si prevede inoltre l’intervento del Presidente del CdR Mercedes Bresso, oltre che di alcuni commissari europei, tra cui Johannes Hahn, László Andor e Dacian Ciolos e l’intervento di Lowri Evans, direttore generale di DG MARE. Sarà possibile seguire l’evento sul web dal sito ufficiale del Comitato delle Regioni. (Valeriano Valerio) (fonte: http://www.aiccre.it)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il PE approva stanziamenti per la politica di coesione

Posted by fidest press agency su sabato, 28 aprile 2012

Il Parlamento europeo ha appena approvato la proposta della Commissione che permette di utilizzare gli importi, ancora disponibili, stanziati per la politica di coesione, al fine di assicurare le garanzie e i prestiti degli istituti finanziari come la Banca europea per gli investimenti (BEI). I fondi dell’UE verranno utilizzati per creare alcuni «strumenti di ripartizione dei rischi». Questo strumento favorirà gli investimenti economici e quindi la creazione di posti di lavoro. (fonte: http://www.aiccre.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Azione Universitaria: marò liberi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 marzo 2012

Italiano: Logo di Azione Universitaria

Image via Wikipedia

“Quello che sta accadendo in India è un insulto a tutta la Nazione, la nostra diplomazia ha fallito, è arrivato il momento che questo Governo si assuma le proprie responsabilità e riporti a casa i nostri soldati” lo dichiara Andrea Volpi Coordinatore Nazionale di Azione Universitaria in merito alla annosa questione dei due Marò arrestati in India. “Oggi – continua la nota – anche Azione Universitaria parteciperà alla maratona oratoria organizzata da alcuni parlamentari del PdL su suggerimento dell’On. Ignazio La Russa per chiedere a gran voce la liberazione di Salvatore e Massimiliano, e soprattutto per svegliare dal torpore questo Governo che sembra non avere il minimo interesse nella vicenda”. “Chiediamo al Ministro Terzi di alzare la voce – conclude Volpi – di chiedere spiegazioni e di coinvolgere l’Unione Europea e gli Stati membri per dimostrare coesione internazionale. Questo Governo, che tanto si vanta di aver ridato all’Italia credibilità e prestigio a livello internazionale solo perchè dice di aver fatto diminuire lo Spread, sta invece dimostrando di contare meno di zero nei rapporti di forza sovranazionali, o forse ci sono in ballo interessi più importanti che il benessere e lo stato di salute di due servitori dello Stato”. (Andrea Volpi)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

La coesione nazionale

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Il torrino del Quirinale

Image by Air Force One via Flickr

Quanto sta accadendo in Italia da alcuni anni a questa parte è, a dir poco, sconcertante. Se ci limitiamo a considerare il solo aspetto del nostro malessere dello stare insieme in un paese che si chiama Italia possiamo dire che la situazione è andata deteriorandosi fino a far emergere una confusa e ingenerosa valutazione dei fatti storici che ci hanno portati ad essere una nazione di là di quella è stata la penisola degli stati regionali. Credo che siano note, se non altro per averlo scritto in più riprese, le mie critiche sull’unità nazionale vista più come un “affare” dalla monarchia sabauda che un serio intendimento di unire i tanti tronconi che pavesavano la penisola. Ciò non di meno dobbiamo inchinarci ai patrioti che con sincero spirito italico non hanno esitato ad esporsi fisicamente per quello che hanno considerato un imperativo della storia civile e culturale di un Paese. Ora dopo 150 anni appare persino stonato che qualcuno ci dica che la bandiera nazionale non ci rappresenta, che l’inno nazionale è sgradito, che il meridione è una terra irrecuperabile e sarebbe meglio lasciarla al suo destino e che un pedagogo nordista vale molto di più di quello del sud a prescindere dalle sue doti culturali. Tutto questo è un modo maldestro di seminaria zizzania per il solo gusto di fare chiasso e di generare malumori anche dove non ve ne sono né avrebbero motivo d’esservi.
La verità, come sempre, è di ben altra natura se pensiamo a questa unità di cui oggi festeggiamo i suoi 150 anni. Allora perdemmo una preziosa occasione per uno scambio intelligente delle risorse: la ricchezza del sud contro una maggiore identità statuale da parte del Nord. Il nostro meridione sentiva forte il bisogno di una autorità statuale presente, attenta, sensibile, pronta a far sentire la sua voce per una costruzione di un modello sociale unitario, una cultura della partecipazione e della condivisione, ma anche della solidarietà e del rispetto reciproco. Invece vi fu forte la percezione, da subito, che eravano in presenza di una logica deformante sulla stregua: togliti tu che mi ci metto io al solo scopo di “tutto cambiare per nulla cambiare”. E’ mancata quella necessaria discontinuità con il passato che avrebbe permesso al meridione di riconoscere e riconoscersi nell’unità del Paese.
Ora se vogliamo voltare pagina dopo 150 anni di errori e di abusi e di sfruttamenti dovremmo seguire l’insegnamento che ci viene dalla Germania dove l’unità del Paese, dopo il crollo del muro di Berlino, pose la parte ricca e più organizzata industrialmente ed economicamente ad affrontare il recupero delle regioni più svantaggiate con un piano di crescita che ebbe il solo scopo di unificare le risorse e non certo di continuare a segnare un distinguo. E’ questa l’idea nazione dove si cresce insieme o si muore insieme. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Costi politica e bozza Calderoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2011

“Un disegno di legge opportuno anche se può essere migliorato”. Così Adriana Poli Bortone, presidente di Io Sud, commenta il ddl costituzionale firmato dal ministro Calderoli. Secondo noi – spiega l’ex ministro e senatore di Coesione Nazionale – Io Sud – il provvedimento può essere rimpinguato con altri interventi nell’ottica di un completamento di un quadro di riassetto istituzionale e di ottimizzazione dei costi degli apparati burocratici. Per questo stiamo studiando degli emendamenti anche sulla scorta di un nostro disegno di legge che va in questa direzione” Il disegno di legge in questione, presentato da Adriana Poli Bortone lo scorso 13 giugno, e sottoscritto da altri 10 parlamentari di tutti gli schieramenti, prevede l’istituzione del Senato delle autonomie, la cancellazione del bicameralismo perfetto, la riduzione del numero dei parlamentari, la soppressione delle province e dei comuni sotto i 5000 abitanti ed il perfezionamento della riforma del federalismo fiscale. Il tutto porterebbe ad un dimezzamento degli attuali costi. Il provvedimento sarà illustrato alla stampa martedì 26 Luglio nel corso di una conferenza al Senato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unità d’Italia: Roma presente

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2011

«Le parole del Presidente Napolitano ci onorano e ci devono far riflettere, sia sui valori condivisi che da questo importante anniversario emergono, sia dal ruolo di Roma Capitale anche nella storia dell’Unità d’Italia». E’ quanto dichiara il vicesindaco di Roma Capitale, sen. Mauro Cutrufo. «Il Presidente Napolitano parla giustamente della necessità di coesione nell’interesse nazionale, salvaguardando però i valori federalisti sanciti dalla Costituzione – continua Cutrufo – Il Capo dello Stato ribadisce anche stamattina a Torino ciò che Cavour dichiarò nel 1870, cioè che non si poteva pensare all’Italia senza Roma, né allo Stato italiano senza Roma Capitale. Nel 1871 Roma venne dichiarata Capitale d’Italia e da quelle dichiarazioni e dalle azioni conseguenti ci deriva un grande orgoglio unito ad una grande responsabilità. In questi giorni di celebrazioni Roma, insieme all’Italia tutta, ha dimostrato un grande amore patrio che inorgoglisce e commuove. Grazie Presidente per il suo impegno. Roma a cui lei plaude ha fatto il suo dovere».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istat: Rapporto coesione sociale

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 gennaio 2011

(Centro Maderna)  L’Istat ha diffuso il Rapporto sulla coesione sociale (periodo di riferimento: 2009-2010). Nella prima sezione sono presenti tre quadri informativi di scenario sui contesti socio-demografico, economico e del mercato del lavoro. Nella seconda sezione si rappresentano alcuni fenomeni rilevanti come il capitale umano, la conciliazione tempo di lavoro e cura della famiglia, la povertà. Nell’ultima sezione sono raccolti i dati sulla spesa e sugli interventi per la coesione sociale, sulla spesa delle amministrazioni pubbliche, distinta per funzione e per livello istituzionale, comprese le spese sostenute in ambito locale per la erogazione di servizi sociali e di cura dell’infanzia, sul sostegno del reddito dei pensionati e delle famiglie, nonché sui beneficiari delle politiche attive del lavoro. (Istat, 20 dicembre 2010)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Siena I solisti dell’Ort

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2010

Siena 1 maggio alle ore 21.15 nel Duomo di Siena si terrà il concerto – a ingresso libero – de I solisti dell’Orchestra della Toscana con Andrea Tacchi primo violino concertatore. Il programma prevede l’esecuzione de Le ultime sette parole del nostro Redentore sulla croce di Haydn. Il complesso d’archi I Solisti dell’Ort si è costituito nel 1982 e da allora ha maturato un vasto repertorio che spazia dalla musica barocca al periodo classico – romantico e alla musica del Novecento. Caratteristica del gruppo è la versatilità del suo organico che, oltre a prevedere l’inserimento di altri strumenti, consente l’alternarsi di tutti i componenti in ruoli solistici. Il gruppo, il primo nato all’interno dell’Orchestra, è oggi un solido ensemble con una forte coesione e una sua personalità interpretativa, qualità che gli permettono di affrontare i repertori più inusuali come la straordinaria esibizione insieme a Richard Galliano nei prestigiosi festival italiani di musica jazz e in tournée in Francia. Il concerto, registrato per la Dreyfus di Parigi, è sul mercato dal 1998. Insieme alle altre formazioni da camera dell’Ort, I Solisti sono protagonisti di importanti rassegne musicali organizzate a Firenze e in altri teatri e festival della Toscana. Inoltre si sono esibiti al Conservatorio “G. Verdi” di Milano per le Serate Musicali e al Teatro Caio Melisso di Spoleto. Il complesso è guidato da Andrea Tacchi, primo violino dell’Ort con all’attivo numerose esperienze in importanti formazioni cameristiche. Tacchi è, secondo l’uso barocco, concertatore del gruppo e con esso si esibisce frequentemente anche in veste di solista.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manca la coesione della struttura politica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 marzo 2010

Editoriale fidest Queste ultime tornate elettorali ci hanno dato un segnale significativo: è aumentato l’astensionismo. Su questo punto riportiamo in un altro nostro post  qui il parere di uno psichiatra il prof. Massimo di Giannantonio per il quale è prevalso nell’elettore l’attenzione al proprio particolare rispetto al generale, al pubblico. Se è giusta questa diagnosi la terapia è difficile d’adottare in quanto il paziente risponde con l’effetto nocebo. Per lui, per dirla in altre parole, ciò che gli accade in famiglia, nel lavoro, nei rapporti sociali interessa sempre meno gli altri e in peggio se pensa ai politici e alle istituzioni. Incomincia a pensare che deve arrangiarsi da solo alzando sempre di più uno steccato tra il suo ambito famigliare e affettivo e il resto del mondo. Questa compressione della sua identità è motivata da ragioni, purtroppo, obiettive. In primo luogo non si sente tutelato. Non avverte la presenza di un’autorità che cerchi in qualche modo di dargli sostegno nei momenti di difficoltà e ve ne possono essere tanti: la disoccupazione propria e dei figli, il disagio degli anziani, la difesa degli interessi legittimi, una volta che ricorre alla giustizia, perché lenta, farraginosa, costosa e ancora una istruzione sempre più carente e costosa tanto che i master e gli stage post diploma e laurea diventano una regola e a prezzi sovente proibitivi per detentori di redditi medio-bassi. Si ha poi una sanità che sta marciando sul piano inclinato di una spesa che penalizza le famiglie senza un ritorno efficace. Sembra quasi che la filosofia delle società farmaceutiche sia quella di avere tanti, tantissimi malati cronici che hanno un bisogno crescente di medicine per tutto l’arco della propria esistenza e non certo possono pensare a soluzioni che portino la piena guarigione. Ne andrebbe dei loro profitti. E qui s’innesta la spirale egoistica di quanti cercano di speculare sugli altri per trarne benefici economici. La politica non sembra contenere queste devianze, anzi in taluni casi ne è complice. A questo punto siamo consapevoli che stiamo avvicinandoci ad un limite che precede la barbarie dell’homo homini lupus e allora perché non usciamo dal nostro guscio e diciamo basta a chi vuole schiacciarci con il suo peso invece di ricorrere allo strumento più sbagliato dell’astensionismo? La miglior difesa è l’attacco. Incominciamo con il dare fiducia a chi cerca di scuoterci e di farci capire che siamo una grande maggioranza, una maggioranza schiacciante e non meritiamo di essere umiliati e beffeggiati.(Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comitato regioni: Politica di coesione

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 febbraio 2010

La neoeletta Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso (IT/PSE) ha raccomandato di non trasformare la politica europea di coesione in un mero strumento di attuazione della nuova strategia europea per il 2020 in materia di crescita e di occupazione. Rivolgendosi agli alti organi decisionali dell’UE e ai ministri degli Stati membri responsabili della Politica regionale, presenti alla riunione informale di Saragozza (Spagna), la Presidente Bresso ha insistito affinché gli aiuti regionali dell’UE rispondano innanzi tutto alle esigenze delle regioni e delle città europee.   In vista del dibattito sulla strategia dell’UE per il 2020, che sostituisce la strategia di Lisbona per la crescita e l’occupazione, la Presidente del CdR Bresso ha sottolineato che la politica di coesione può indubbiamente dare un contributo a questa strategia, ma non deve essere assorbita al suo interno. Per poter garantire risultati concreti sul piano locale, i fondi e i programmi di cooperazione esistenti non possono essere trasformati in strumenti di attuazione di obiettivi fissati a livello centrale. “Il Comitato delle regioni insiste sulla distinzione che occorre tracciare tra la politica di coesione, che è, ai sensi del Trattato, una politica di sviluppo dell’Unione europea, e la strategia dell’UE per il 2020. La politica di coesione non deve essere considerata un mero strumento al servizio della strategia dell’UE per il 2020. Per riflettere il suo valore politico, sarebbe opportuno dare vita ad un Consiglio formale dei ministri della Politica regionale”. La Presidente Bresso ha inoltre sottolineato che l’aver messo fuori gioco gli attori regionali e locali è stato uno dei motivi principali per i quali l’UE non è finora riuscita a realizzare gli obiettivi di Lisbona. “La strategia di Lisbona si è rivelata estremamente deludente, e una delle ragioni evidenti di questo insuccesso è stata lo scarso coinvolgimento degli attori istituzionali, economici e sociali sul terreno. Questo messaggio non è stato recepito, al punto che la strategia dell’UE per il 2020 riconosce a malapena il nostro ruolo di partner. Ma in realtà noi siamo ben più che partner: noi siamo i cardini di questa strategia”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Gioventù in azione» 2007-2013

Posted by fidest press agency su domenica, 10 gennaio 2010

La Commissione Europea approva l’invito a presentare proposte nell’ambito del programma «Gioventù in azione» 2007-2013. Gli obiettivi generali definiti nella decisione che istituisce il Programma Gioventù in azione sono i seguenti: promuovere la cittadinanza attiva dei giovani, in generale, e la loro cittadinanza europea in particolare; sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza tra i giovani, segnatamente per rafforzare la coesione sociale dell’Unione europea; favorire la comprensione reciproca tra giovani in paesi diversi;  contribuire a sviluppare le possibilità di sostenere le attività dei giovani e la capacità degli organismi della società civile in campo giovanile; favorire la cooperazione europea nel settore della gioventù. Questi obiettivi generali verranno attuati a livello di progetto tenendo conto delle priorità permanenti di seguito illustrate: * cittadinanza europea, partecipazione dei giovani, diversità culturale, inserimento di giovani svantaggiati. Oltre alle priorità permanenti sopraelencate, le priorità specifiche del 2010 sono: Anno europeo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale; Disoccupazione giovanile e promozione della partecipazione attiva dei giovani disoccupati alla società; Sensibilizzazione e mobilitazione dei giovani intorno a sfide globali (sviluppo sostenibile, mutamenti climatici, migrazioni, finalità di sviluppo del millennio).Beneficiari:    Enti pubblici; ONG. Le scadenze sono diverse e variano dal 01-02-2010 all’1-11-2010

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Idv va alle regionali senza un suo candidato

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2009

Firenze. Il Coordinamento Regionale della Toscana di Italia dei Valori, dopo aver preso responsabilmente atto della mutata situazione politica sulle primarie, con la candidatura unica da parte del PD di Enrico Rossi, e dopo i contatti di questi giorni, ha deciso di non proporre propri candidati. “Eravamo pronti – ha detto Fabio Evangelisti – a partecipare mettendo in campo tutte le nostre forze. Prendiamo responsabilmente atto del cambiamento di questi giorni. Un solo candidato darà una dimostrazione di forte coesione, sia in Toscana che a livello nazionale, della coalizione. Tutti i partiti politici del centro sinistra avranno pari dignità e il massimo di visibilità, indipendentemente dal risultato elettorale. Siamo da subito pronti a partecipare alla stesura del programma di governo regionale. L’intesa di massima, non ancora un accordo, ci tengo a sottolinearlo, non è il frutto di una contrattazione sugli assetti e sulle poltrone poltrone, non è questo il modus operandi di Italia dei Valori, ma significa essere coinvolti a tutti i livelli decisionali ed in questo abbiamo avuto le rassicurazioni richieste. Inoltre rilanciamo la sfida al PD sulla attuale legge elettorale toscana riproponendo da subito tale tema affinchè venga resa più democratica e non gravi sulle tasche dei cittadini. Italia dei Valori si concentrarà sin da oggi su come innovare le politiche regionali rilanciando in particolare l’economia.”

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritti umani e preminenza del diritto

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2009

Appello del Presidente dei Cristiani per Servire Franco Previte sul tema sempre d’attualità del disagio mentale in occasione della Conferenza Internazionale di Parigi dell’11 settembre 2009: Scrive a questo riguardo il dr. Previte:“Nell’ambito delle situazioni vigenti in diverse regioni d’Europa, i valori comuni di difesa dei diritti umani e di preminenza del diritto appaiono minacciati, se non carenti. Il rispetto dei diritti di ogni persona al fine di raggiungere una maggiore coesione sociale, come è nella normativa nel Preambolo della Costituzione Europea, è la condizione posta nella Conferenza Internazionale di Parigi, che il Consiglio d’Europa istituito il 5 maggio 1949 e con sede istituzionale a Strasburgo, ha voluto nell’ambito delle celebrazioni del sessantesimo di Fondazione, nel rispetto della “Convenzione europea per i diritti dell’uomo”.  Quindi il Consiglio è quell’organo internazionale il cui scopo è promuovere, tra altri, i diritti dell’uomo. I diritti umani stanno subendo un processo mediatico di rimodulazione e la situazione sociale mostra segni di grande preoccupazione in quanto la politica, forse, favorisce forme di pseudo necessità, forse condivisibili per alcune, ma non prioritarie, perché le vere vittime colpite sono i più deboli, i malati incurabili all’ultimo stadio o psichicamente gravi, questi “ultimi fra gli ultimi”, talora oggetto di forme di eutanasia, esseri umani troppo spesso relegati nell’angolo buio del “palazzo del potere”. A seguito dello svilupparsi di episodi legati a violenze ed omicidi commessi da persone con problemi e forti disagi psichici, spesso ci chiediamo cosa deve avvenire ancora affinché questo nostro Paese e l’Europa dei 27 voltino pagina. Anche in ambito europeo i valori di difesa dei diritti umani, non appaiono in sintonia con i principi di preminenza del diritto. Bisogna ricordare i drammi che avvengono nella società, frequenti quelli nelle famiglie. A parte le vittime, genitori, figli, parenti, amici, a volte passanti nelle strade delle nostre città e delle città europee, che subiscono le “intemperanze” dei malati mentali, sono proprio questi ultimi a rappresentare ed essere i “desaparecidos della nostra civiltà”, abbandonati come sono nelle loro famiglie, nelle strutture manicomiali ancora in atto, “vittime” di crisi per le quali ricevono poca e saltuaria assistenza. Queste situazioni le abbiamo denunciate da lungo tempo ai massimi e minimi livelli istituzionali italiani ed europei e proprio per questo stato di abbandono nel quale  insistono le “problematiche neuropsichiche” degli stessi malati e delle loro famiglie vengono lasciati “marcire” in un siderale generalizzato silenzio dimostrato da un disinteresse di quanti dovrebbero provvedere. Per questo, in carenza di una Direttiva Comunitaria uguale e con la stessa valenze in tutti i 27 Stati UE, chiediamo al Consiglio d’Europa nella conferenza di Parigi : quale futuro hanno i diritti umani, specie quelli inerenti i malati psichici”. http://digilander.libero.it/cristianiperservire

Posted in Confronti/Your opinions, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’andamento dell’economia italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 5 luglio 2009

Tutti gli organismi mondiali segnalano da tempo con i loro dati l’andamento negativo dei paesi industrializzati, la crescente disoccupazione, il rischio per la coesione sociale. Lo dice l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico): “L’Italia sta attraversando un periodo di recessione «molto forte» che continuerà «fino alla fine del 2009», poi, nel 2010, ci sarà una «lenta ripresa». Nell’anno in corso il Pil scenderà del 5,5% per poi tornare a salire dello 0,4% il prossimo anno.”. Questi dati sono in linea con quelli del FMI (Fondo Monetario Internazionale). Ma lo dicono anche molti organismi e centri studi nazionali. Così Mario Draghi, Governatore della Banca d’Italia, citando il proprio ufficio studi, conferma la caduta del Pil 2009 “attorno al 5%, se non succede nulla” ma avverte che per superare la crisi bisogna sostenere i consumi e l’occupazione: “La condizione per non far peggiorare le cose è che tengano i consumi. Per questo è essenziale una tenuta del mercato del lavoro”. Così Emma Marcegaglia, in base alle analisi del centro studi di Confindustria. Così Giorgio Guerrini, Presidente di Confartigianato. E ancora Carlo Sangalli, Presidente di Confcommercio. Lo dice infine l’Istat, Istituto centrale di statistica in diretto coordinamento con Eurostat, che lo fa a livello di Unione Europea. L’anomalia italiana è che Berlusconi lo sa ma è convinto che gli italiani non lo debbano sapere. La spiegazione può avere varie sfaccettature ma in questo modo si droga il mercato e si fa passare gli italiani per dei poveri analfabeti. La verità è che l’Istat ad aprile ha rilevato la nona flessione congiunturale consecutiva pari al -3,7%. Il rapporto con il 2008 è preoccupante: -32,2% il calo medio annuo degli ordini”. Se si va avanti di questo passo anche i ciechi potranno avere la vista e allora? E’ pronta la ricetta:  Si afferma che “C’è un circuito vizioso di crisi per paura, alimentato dalle dichiarazioni di governi, opposizioni e di istituzioni economiche, nazionali, europee e internazionali che continua a dare numeri sul deficit e sul prolungarsi della crisi. Occorre neutralizzare queste voci per coprire un governo nulla facente. Berlusconi, a questo punto, se la prende con tutti. Gli fa eco Tremonti: «Troppe informazioni diventano deformazioni». E il riferimento in chiaro riguarda il governatore della B.I. Mario Draghi colpevole d’aver dichiarato che “se non si adottano misure straordinarie, entro il 2009 1,6 milioni di persone si ritroveranno senza lavoro e senza una tutela economica, tipo la cassa integrazione. Che fare allora per tacitare per sempre queste Cassandre? Con l’articolo 11 del DL 78 dell’1 luglio 2009 si mette il bavaglio a tutti coloro che per legge sono autorizzati a produrre dati in modo indipendente (Istat, Banca d’Italia). Si crea alle dirette dipendenze della Presidenza del Consiglio una banca dati che raccoglie i risultati di tutti. Da quel momento i dati sull’andamento dell’economia sarà solo il Governo a darli. Un tempo c’erano i Beati Paoli oggi vi sono i Beati allocchi. (fonte Antonio Borghesi It.)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »