Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 25

Posts Tagged ‘coinvolgimento’

Terremoto: Renzi non ha coinvolto nessuno

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 novembre 2016

terremoto“Sono molto preoccupato. Il terremoto di Amatrice è stato il 24 agosto, Renzi il 29 agosto ha annunciato il coinvolgimento di tutto il Parlamento per dare una risposta seria e immediata all’emergenza. Ebbene, il decreto governativo per il sisma di Amatrice è arrivato quasi due mesi dopo quella tragedia. Non si sa cosa abbia fatto il governo in questo arco temporale. Le opposizioni erano disponibilissime a dare una mano, ma dal governo il nulla”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista a Radio Capital.“Nel frattempo Renzi ha nominato Errani come Commissario senza sentire nessuno e lo ha fatto per ragioni interne al suo Pd, per accontentare la corrente Bersani. Il premier non ha parlato con nessuno, non ha coinvolto nessuno. Adesso ci dice che farà un secondo decreto, visto la nuova emergenza sismica, e anche qui non ha chiesto il parere di nessuno. Da agosto ad oggi nessuno ha dato un rendiconto di quanto è stato fatto, non c’è un programma. Renzi ha parlato di Casa Italia, ma è solo un racconto, non esiste un documento. E adesso il presidente del Consiglio annuncia i container, non mi sembra una cosa seria”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coinvolgimento dei dipendenti europei

Posted by fidest press agency su sabato, 26 settembre 2015

europa-261011-cOracle ha reso noti i primi risultati della ricerca Oracle Simply Talent, che ha preso in esame il tema del coinvolgimento dei dipendenti in molti paesi europei. La ricerca rivela che sono i colleghi, e non i manager, il fattore chiave per creare un maggiore engagement sul luogo di lavoro. C’è anche un dato preoccupante: secondo gli interpellati, proprio le Risorse Umane sono la funzione meno in grado di produrre un impatto positivo sul loro coinvolgimento. Questo studio mette al centro dell’attenzione i modi in cui chi gestisce il personale può farsi carico del coinvolgimento dei dipendenti, contribuendo così a costruire una migliore cultura aziendale, capace di migliorare i risultati di business. Lo studio Oracle Simply Talent, che ha lo scopo di capire i fattori chiave per favorire il coinvolgimento dei dipendenti e i suoi vantaggi, ha raccolto informazioni da 1.511 dipendenti di grandi aziende europee. Il sondaggio rivela, a sorpresa, che il 42% degli intervistati attribuisce ai colleghi il maggiore impatto positivo sul proprio livello di coinvolgimento sul luogo di lavoro; una percentuale ben più elevata di quanti lo attribuiscono ai proprio manager diretti (21%) o ai manager della business unit di appartenenza (7%). Solo il 3% del campione afferma che è la funzione Risorse Umane a creare l’impatto più positivo per loro.Al contrario, quando si tratta di stabilire chi abbia un’influenza negativa, i dipendenti delle aziende europee individuano i principali responsabili nella senior leadership (19%) e nei manager a cui riportano direttamente (11%).Loïc Le Guisquet, President for Europe, Middle East and Africa (EMEA) and Asia Pacific regions di Oracle ha commentato: “Questi dati dovrebbero preoccupare i team HR dal momento che indicano come le Risorse Umane non riescano a creare coinvolgimento agli occhi dei dipendenti. Se è così, quale speranza può esservi che le Risorse Umane possano avere un impatto positivo sull’ambiente di lavoro e sulla cultura aziendale? Questo studio dovrebbe suonare come un campanello d’allarme, affinché le direzioni HR dimostrino in modo chiaro e visibile a tutti il valore che apportano alle loro aziende e ai dipendenti”.Secondo lo studio Oracle, solo poco più di un terzo (35%) dei dipendenti in Europa occidentale si sente coinvolto sul luogo di lavoro per la maggior parte del tempo. Essi ritengono tuttavia importante che le loro aziende affrontino il tema nel modo giusto, indicando fra i principali vantaggi del coinvolgimento l’aumento della produttività (56%), una minor probabilità di voler cercare un nuovo posto di lavoro (37%) e una maggiore capacità di fornire alla propria azienda idee creative sugli elementi da migliorare (35%).I vantaggi dell’engagement si estendono, secondo gli interpellati, anche al servizio ai clienti: il 30% degli intervistati afferma di essere più disposto a fornire un miglior servizio al cliente quando si sente coinvolto. Ciò suggerisce il fatto che le aziende che riescono a coinvolgere al meglio il proprio personale possono guadagnare moltissimo in termini di performance di business.Lo studio Oracle mette in luce anche il punto di vista dei dipendenti su come la funzione Risorse Umane e in generale il management aziendale potrebbe farli sentire più coinvolti sul lavoro. Secondo gli interpellati, la principale priorità del management dovrebbe essere il riconoscimento dei risultati (53%), seguito dall’aiutare i dipendenti a capire quale sia il contributo che ciascuno di essi fornisce all’azienda (35%) e dal dare loro l’opportunità di partecipare a progetti interessanti (34%). Preoccupa invece notare come circa un terzo (32%) dei dipendenti in Europa occidentale segnali la mancanza di riconoscimento dell’eccellenza individuale da parte delle aziende – un dato che indica un disallineamento tra dirigenza e personale in merito a ciò che costituisce un buon management. Tale disallineamento è evidenziato anche da altri risultati della ricerca: il 57% dei dipendenti afferma infatti di desiderare che il proprio management assuma uno stile maggiormente proattivo, mentre il 56% preferirebbe un approccio manageriale più personalizzato che riconosca l’individualità – due metodi che non sono implementati nelle rispettive aziende. Solo il 26% del campione lavora in aziende caratterizzate da uno stile manageriale che offre maggiore proattività.La generazione più giovane (i Millennials) è in particolare quella che desidererebbe discutere più regolarmente della propria carriera con i manager di cui sono alle dirette dipendenze. In questo segmento d’età si trova la maggior parte di lavoratori che già ha questa possibilità (44%), ma vi si trova anche la più alta percentuale di persone (79%) che non riesce ad avere un confronto regolare sulla propria carriera.Questo segmento demografico contiene la maggior parte di dipendenti (44%) che ha, in generale, questa possibilità, ma è anche il gruppo con la più alta percentuale (79%) di personale che non riesce a discutere con regolarità della propria carriera come invece vorrebbe.
Attualmente, solo il 29% dei dipendenti ritiene che la propria azienda sia proattiva nel coinvolgimento del personale; il 42% invece dichiara di lavorare in aziende che aspettano che sia il dipendente a fare il primo passo per affrontare una determinata questione. Solo il 33% è convinto che la propria azienda capisca i dipendenti e li tratti come “individui”, mentre il 56% giudica media, scarsa o molto scarsa la capacità dei dirigenti della loro funzione di fornire un feedback regolare. Solo l’11% ha un datore di lavoro che comunica con il personale mediante regolari (una volta al mese o più) sondaggi sul tema del coinvolgimento.Loïc Le Guisquet ha concluso: “I dipendenti percepiscono un gap tra ciò che li coinvolge davvero e l’approccio del management nei loro confronti: per la funzione Risorse Umane, questa è una splendida opportunità di prendere in mano in prima persona questo tema all’interno delle loro organizzazioni. Visto che la motivazione arriva dai colleghi, si può rafforzare questa influenza positiva creando piattaforme di collaborazione, condivisione, strumenti social. Allo stesso modo, si possono soddisfare meglio anche le aspettative del personale – in particolare dei più giovani – riguardo alla necessità di ricevere feedback e riconoscimento in modo più regolare: i team HR possono farlo adottando tecnologie che aiutino il management ad avere una visione sempre aggiornata del profilo e delle attività dei loro dipendenti, così da stimolare dinamiche di relazione più personalizzate e soddisfacenti”.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disturbo borderline della personalità: tre giorni di congresso per pazienti e famiglie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 maggio 2015

ospedale bresciaLei non è lunatica e lui non è irascibile. Quel ragazzo, poi, non è indisciplinato… Coinvolge, secondo le stime, dall’1 al 3% degli adolescenti della popolazione normale e circa il 4% dei giovani adulti. Si chiama disturbo borderline di personalità; una patologia sfuggente, difficile da inquadrare per chi ti sta vicino. Maggio è il mese della cultura borderline ed è per questo che l’Irccs Fatebenefratelli organizza a Brescia dall’8 al 10 maggio due eventi importanti in collaborazione con la più importante associazione che si occupa di questo problema e con la partecipazione dei maggiori esperti mondiali.
«Il disturbo borderline di personalità è un disturbo psichiatrico caratterizzato da repentini cambiamenti di umore, instabilità dei comportamenti e delle relazioni con gli altri, marcata impulsività e difficoltà ad organizzare in modo coerente i propri pensieri e comportamenti auto lesivi – spiega Roberta Rossi, psicologa e psicoterapeuta dell’Irccs -. Questi elementi si rinforzano reciprocamente, generando una notevole sofferenza sia nel paziente che nei suoi familiari, spesso disperati per il protrarsi di una situazione che sovente non comprendono. L’esordio della malattia avviene in adolescenza o nella prima età adulta e può avere un impatto dirompente sulla vita delle persone che ne sono affette, cui si aggiungono importanti implicazioni sociali ed economiche».
Il disturbo borderline di personalità rappresenta effettivamente un importante problema di salute pubblica per l’alta prevalenza nella popolazione generale come nella popolazione clinica. Spesso, è associato ad altre patologie psichiatriche che peggiorano la prognosi. Numerosi studi internazionali hanno confutato tuttavia la tesi dell’immodificabilità di questo disturbo sottolineando la necessità di trattamenti tempestivi e specifici, che troppo spesso, purtroppo, non sono erogati in Italia. «Questo implica dei costi sociali ed umani aggiuntivi, nel senso che un disturbo di questo tipo si riverbera sulle famiglie in modo talvolta devastante – sottolinea fra Marco Fabello, direttore generale dell’Irccs che da alcuni anni è impegnato sia nell’assistenza che nella ricerca -. Gli eventi che stiamo preparando hanno per noi una grande rilevanza non solo scientifica, proprio perché sono pensati in funzione del coinvolgimento dei familiari dei pazienti con questo disturbo, secondo un approccio caro al nostro Istituto e alla tradizione dei Fatebenefratelli».
L’impegno sul “borderline” all’Irccs è scattato in seguito alle sempre più frequenti richieste di ricovero presso le strutture dell’Istituto che riguardano questa tipologia di pazienti per i quali, come è ampiamente riportato dalla letteratura scientifica, vi è la necessità di trattamenti specifici. Uno dei progetti che recentemente è stato finanziato dal Ministero della Salute, nell’ambito di un bando per giovani ricercatori, ha come scopo quello di sperimentare un trattamento di psicoterapia altamente specialistico ed intensivo e di valutarne gli effetti sia da un punto di vista clinico, che neurobiologico, una frontiera esplorata, quest’ultima, solo nel recente periodo e che valuta l’impatto che la psicoterapia ha sul funzionamento cerebrale.
All’inizio di maggio, in occasione della giornata bresciana sul disturbo borderline di personalità, l’Irccs ospiterà il primo congresso dell’associazione NEA-BPD Italia, branca italiana della National Education Alliance Personality Disorder (NEA BPD) (www.borderlinepersonalitydisorder.com), che è un’associazione di professionisti, familiari e pazienti volta alla promozione e alla informazione sul disturbo borderline di personalità. Lo scopo del congresso scientifico che si terrà l’8 maggio all’Irccs bresciano sarà di fornire «una panoramica sulle problematiche legate al disturbo, con particolare attenzione alla centralità di un approccio terapeutico che vede come essenziale il coinvolgimento dei familiari» spiega Rossi. La lettura magistrale sarà tenuta dalla Prof. Perry Hoffman, fondatrice e presidente di NEA-BPD.
Nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 Maggio, sempre a Brescia, si svolgerà invece il primo Training Italiano Family Connection condotto dalla Prof. Perry Hoffman e dalla Dr.ssa Maria Elena Ridolfi, presidente di NEA-BPD Italia. Family Connections® è un programma che fornisce formazione e supporto a familiari che sono in relazione con persone che hanno un disturbo borderline di personalità. Family connections fornisce informazioni aggiornate sul funzionamento dei pazienti con DBP e delle famiglie, formazione sulle strategie individuali di padroneggiamento basate sulla terapia dialettico comportamentale e abilità familiari e supporto per la creazione di gruppi all’interno di una rete di familiari. Questo programma è coordinato a livello internazionale dal National Education Alliance for Borderline Personality Disorder (NEA-BPD) e di basa su una ricerca finanziata dall’Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH) degli Stati Uniti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Debiti pubblica amministrazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 maggio 2012

L’Associazione Sviluppo Lavoro accoglie con grande favore la notizia dell’approvazione del decreto che sbloccherà una prima tranche dei debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese. Si parla di circa 20-30 miliardi di euro di arretrati da erogare entro la fine del 2012, oltre all’intendimento di rispettare i tempi massimi dettati dall’UE a partire dall’anno prossimo.
Il Presidente di Sviluppo Lavoro Gabriele Manconi, che da tempo aveva fatto presente la necessità di provvedimenti del genere, ha commentato con entusiasmo la notizia: “È un raggio di sole in mezzo alla tempesta, un segnale di speranza che arriva nel periodo più difficile della storia recente del nostro Paese”.
La soddisfazione di Manconi riguarda anche il coinvolgimento delle banche attraverso l’impegno assunto dall’ABI di mettere a disposizione 20 miliardi di euro per far ripartire l’economia: “Finalmente è arrivato un segnale di apertura da parte delle banche, senza il cui supporto non è neppure pensabile una ripresa”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Progetto Policoro: sostegni imprenditoriali

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Palermo 12 maggio 2011 alle 10.30 Sala Lavitrano – Curia Arcivescovile Via Matteo Bonello, 3 in Curia si presentano i progetti per contrastare la disoccupazione, l’usura, lo sfruttamento minorile e il lavoro nero Interverranno mons. Angelo Casile, direttore dell’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro e Giuseppe Notarstefano, direttore dell’ufficio diocesano.
Una iniziativa che mette in comune diverse competenze e diversi ambiti pastorali, che chiede il coinvolgimento di tutta la comunità cristiana, per dare vita a un rinnovamento sociale che può produrre quel contesto “virtuoso” capace di sostenere una imprenditorialità innovativa. Nuove forme di cooperazione e di imprenditoria a favore dell’occupazione giovanile, specialmente nel Sud del Paese”, una forma nuova di espressione della carità: da distribuzione dell’assistenza sociale a promozione della imprenditoria sociale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Profughi: rispettare patti con Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 17 aprile 2011

E’ doveroso che tutte le istituzioni e le organizzazioni impegnate per far fronte all’emergenza profughi rispettino i patti con la città di Roma, esigiamo rispetto sia come realtà istituzionale sia per i nostri concittadini poichè è impensabile prendere iniziative sul nostro territorio senza il nostro coinvolgimento o senza avvertirci. Qui non c’è nessuna deriva leghista, lo dimostra il fatto che Roma accoglie già 8000 tra profughi, richiedenti asilo e persone soggette a protezione internazionale, è solo per questo motivo che abbiamo detto no all’ulteriore invio di profughi, poichè le nostre strutture sono già sature. Roma Capitale da sempre e ancor di più con la nostra amministrazione non vuole rinunciare al proprio impegno civico, dimostrando solidarietà ed accoglienza a chi ne ha bisogno ma nessuno deve approfittarsene e calare dall’alto sulle nostre teste alcune decisioni. Non vogliamo che i cittadini siano costretti a scendere in piazza poichè non è nostra intenzione alimentare conflitti sociali ma se qualcuno vuole procedere con delle forzature non può certo attendersi un atteggiamento passivo e remissivo da parte nostra. Ognuno faccia la propria parte, noi la facciamo già da tempo per questo ribadiamo che il problema deve vedere un piano nazionale ed europeo di accoglienza, fino ad ora abbiamo visto solamente Roma e il centro sud in prima linea, gli altri oltre a lamentarsi e a prodigarsi in buoni propositi cosa fanno?”. Questo quanto dichiara Federico Rocca Delegato del Sindaco ai Rapporti con le Istituzioni dell’Unione Europea.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino: 5 x 1000 al politecnico

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2011

Torino 15 aprile 2011, ore 13,00 Sala Consiglio di Facoltà, Politecnico di Torino C.so Duca degli Abruzzi, 24 – Piano primo conferenza stampa su:  Gli studenti del Poli e i progetti tecnologici per il sociale   Il Politecnico di Torino propone una nuova modalità di coinvolgimento diretto della collettività nell’impiego delle risorse destinate all’Ateneo con il 5 per mille. L’iniziativa, vede Seat Pagine Gialle come media partner.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: Cenerentola

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 febbraio 2011

Palermo 23 – 29 marzo Teatro Massimo presenta una nuova opera in prima assoluta dedicata ai più giovani: Cenerentola.com Cenerentola.com debutterà il 23 marzo 2011: è una nuova opera in prima assoluta, la seconda commissione del Teatro Massimo per la stagione 2011. La firmano i compositori Lucio Gregoretti e Nicola Sani e la scrittrice Albertina Archibugi, esperta di teatro per ragazzi e abituale collaboratrice dei due musicisti. Sono in programma 5 recite al mattino per il coinvolgimento delle scuole (già tutte esaurite) e due recite nel fine settimana: sabato 26 marzo alle ore 17.30 e domenica 27 marzo alle ore 11.30 per il progetto “Insieme a teatro” finalizzato al coinvolgimento in un medesimo spettacolo di adulti e bambini, per incentivare il pubblico più tradizionale a frequentare il Teatro con figli e nipoti.Nel 2011 il percorso ideato dal Teatro Massimo per il pubblico dei più giovani, quello degli studenti, ma anche dei bambini si amplia: “La Scuola va al Massimo” cresce senza sosta da quasi cinque anni ed è diventata una vera e propria rassegna parallela agli spettacoli tradizionali della stagione di opere e concerti, che coinvolge in teatro moltissimi giovani dai 10 ai 18 anni non solo grazie alla collaborazione con le scuole, ma attraverso sempre nuove occasioni per frequentare il teatro con gli amici e le famiglie. Nel programma 2011 è nato ad esempio un ciclo denominato “Andiamo al Massimo” che comprende quattro delle opere in cartellone (La Gioconda, The Greek Passion, Tosca e Carmen) presentate però in una versione ridotta e condotta da un narratore – l’esperto Bruno Stori – che ne spiega i numeri musicali e le svolte drammaturgiche.Costo dei biglietti: da euro 4 (studenti), euro 10 (adulti) in vendita presso il botteghino del Teatro (aperto da martedì a domenica ore 10 – 15, tel. 0916053580 / fax 091322949 http://www.teatromassimo.it Per le recite del 26 e 27 marzo è in corso la promozione SPECIALE FAMIGLIE: ingresso gratuito, sino ad esaurimento dei posti disponibili, per i giovani fino a 16 anni accompagnati da due adulti.Segui il Teatro Massimo su Facebook, Twitter e Youtube. La Scuola va al Massimo è una iniziativa realizzata in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica – Ufficio Scolastico Provinciale di Palermo e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Palermo.(cenerentola)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spostamento truppe al Sud

Posted by fidest press agency su martedì, 22 febbraio 2011

“L’incremento del livello dello stato di allarme e lo spostamento di mezzi e uomini dell’Aronautica militare nelle basi del sud non è una semplice routine” – Lo dichiara Luca Marco Comellini Segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm) – “E’ quanto mai necessario che il Ministro della Difesa riferisca al Parlamento della reale situazione in atto nel paese libico e soprattutto sul possibile coinvolgimento delle forze armate.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo partito: arrivano i “Popolari”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 gennaio 2011

(Commento da una notizia rilevata da Il Messaggero del  4 gennaio 2011) Fervono i preparativi per l’ultima grande battaglia che dovrebbe consentire al cavaliere la scalata al Colle più alto, dove giace, inutilizzata, l’immunità e impunità anche per i reati comuni come la truffa, l’appropriazione indebita, la corruzione, il falso in bilancio, l’evasione fiscale, la costituzione di fondi neri e capitali all’estero, la concussione, conflitto di interessi, concorrenza sleale,  tutti capitoli del codice penale di pertinenza diretta dell’attuale presidente del consiglio, con ampio coinvolgimento dei suoi familiari, succedanei, dipendenti, schiavi, vassalli, valvassori e valvassini, come parte attiva e molto attiva nel commetterli. Le patate bollenti del fallimento di una intera nazione la lascerà in eredità agli ambiziosi che cercheranno nei  residui del terremoto Berlusconi, i rimasugli di quella che fu una nazione tra le più importanti del pianeta.Il problema più importante di questa ultima battaglia sta nel far credere agli elettori che le operazioni in atto sono studiate per favorire le fasce più indifese della nazione.
•    Dovrà pensarci l’erede designato Alfano a vantare i benefici popolari per un ulteriore “lodo”;
•    ci penserà   La Russa  a descrivere quanto sia bello morire in una guerra che si chiama “missione di pace”;
•    ci penserà Bondi a chiarire che i resti archeologici sono un residuo inutile e dannoso del passato;
•    ci penseranno Alemanno  e Gasparri, con attiva partecipazione di Maroni,  a vantare i benefici delle manganellate,
•    mentre Bossi & C. spiegheranno che ci sono due Italie, una da sostenere e l’altra da sfruttare.
Ala calduccio delle coperte protettive  dell’immunità presidenziale, il cavaliere rappresenterà quello che resta di una nazione, diventato Stato, ma che nessuno ha mai voluto far diventare una Patria comune. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Society for International Development

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 dicembre 2010

Roma 17 dicembre 2010 – ore 14, 30 Via Panisperna 207, Sala Conferenze SID – Society for International Development La Cooperazione Italiana allo Sviluppo – Ministero Affari Esteri e l’OIM – Organizzazione Internazionale per le Migrazioni sono liete di invitarla al Workshop Conclusivo per la presentazione dei risultati raggiunti e dei progetti avviati dal programma MIDA Somalia.  MIDA Somalia è un’iniziativa rivolta ad Associazioni di Donne Somale in Italia, a esponenti della società civile, ONG, istituzioni locali italiane e somale.  Il Progetto ha  promosso il coinvolgimento diretto della diaspora somala in Italia per la messa a punto di iniziative concrete volte a contribuire allo sviluppo socio economico della Somalia e a ridare energia  a una società lacerata da quasi venti anni di conflitto. Programma:
ore 14.30  Saluti istituzionali, presentazione della rete Wadajir, presentazione dei progetti in Somaliland e intervento degli enti locali
ore 17.30   Consegna attestati di partecipazione al corso di formazione MIDA Somalia
ore 18.00   Cocktail e mostra fotografica sulla Somalia

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Happening in Progress al Liceo Marconi

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 dicembre 2010

Pescara 13 dicembre alle ore 9,00 ha inizio presso il Liceo Marconi di Pescara una singolare operazione artistica: con Happening e Performance pittorica tra suono e colore con La Stanza del Colore in progress condotta da Anna Seccia che vede protagonisti i ragazzi dell’Istituto.
L’iniziativa è all’interno delle “Giornate delle Bellezza” (13-14 dicembre 2010): un progetto educativo-didattico aperto al territorio promosso da Angelo Lucio Rossi Dirigente scolastico del Liceo Marconi che ha voluto per questi due giorni un coinvolgimento di varie personalità del mondo culturale artistico abruzzese a colloquiare e interagire con i ragazzi. Così scrive, in una nota, il dirigente: “Vivremo delle giornate intense. Ospiteremo il Presidente del Consiglio Comunale di Pescara che ci presenterà il suo libro sulla storia della nostra città. Ufficializzeremo il gemellaggio con una scuola straordinaria del Burkina. Verranno a trovarci Padre Omer Sodere e padre Jean Quedrago. Racconteranno ai ragazzi la loro scuola-cantiere. Parleranno di un’opera che dovremo sostenere anche noi. Ospiteremo una bellissima mostra proposta dalla Comunità di S.Egidio. Opere di artisti disabili. Un nuovo modo di concepire l’abbraccio alla diversità. Decine e decine di poeti gireranno nelle nostre aule e la nostra scuola grazie al prof. Giancarlo Giuliani (un poeta vero) sta vivendo una grande avventura con la poesia. Ci sarà l’incontro con il poeta Davide Rondoni e interverranno Walter Mauro e la moglie scrittrice. Dei nostri studenti accompagnati dalla regista Valeria Ferri metteranno in scena Dante e la Divina Commedia. Ci saranno presentazioni di libri e soprattutto tanti laboratori con scrittori, giornalisti,vignettisti,attori, pittori e non mancherà il nostro dialetto in scena con il grande Nduccio e il colore con Anna Seccia donerà allegria… Un tentativo per comunicare una ricchezza di vita. Un tentativo per dire che l’avventura educativa vale la pena e che nessuno può essere escluso da essa. Mi piace pensare e vivere la scuola come un cantiere aperto”, un rischio in atto… E’ in gioco il nostro presente e il futuro di una generazione.” Il messaggio che l’artista vuole dare con questa esperienza d’arte è un “unire-insieme” dove non c’è un io senza un tu. L’opera pittorica che verrà realizzata di m. 3×1,50, espressione di più coralità fulcro di questa singolare operazione d’arte pedagogica verrà donata al Liceo Marconi ed esposta in modo permanente nei locali dell’istituto a testimonianza dell’evento per creare una galleria d’arte permanente per volontà del Dirigente Angelo Lucio Rossi. (happening)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acque inquinate: L’Italia inadempiente

Posted by fidest press agency su martedì, 11 maggio 2010

In questi giorni di crisi dell’euro è passata praticamente inosservata la notizia che la Commissione europea ha deciso di deferire l’Italia alla Corte di giustizia dell’Ue per violazione della direttiva del 1991 (19 anni fa!!!) sul trattamento delle acque reflue (inquinate) urbane: in base alla direttiva 91/271/CEE  il nostro Paese avrebbe dovuto, infatti, predisporre entro il 31 dicembre 2000 (10 anni fa!!!) sistemi adeguati per il convogliamento e il trattamento delle acque nei centri urbani con oltre 15mila abitanti. Poichè dalle informazioni disponibili risultava che un numero elevato di città e centri urbani non era in regola con la normativa, nel 2004 l’Italia ha ricevuto una prima lettera di diffida. Una seconda e ultima lettera e’ stata spedita all’Italia nel febbraio 2009. Da una successiva valutazione e’ risultato che circa 178 citta’ e centri urbani italiani (tra cui Reggio Calabria, Lamezia Terme, Caserta, Capri, Ischia, Messina, Palermo, San Remo, Albenga e Vicenza) non si erano ancora conformati alla direttiva. Le acque reflue non trattate possono essere contaminate da batteri e virus dannosi e rappresentano pertanto un rischio per la sanita’ pubblica. Inoltre, esse contengono nutrienti come l’azoto e il fosforo che possono danneggiare le acque dolci e l’ambiente marino favorendo la crescita eccessiva di alghe che soffocano le altre forme di vita (eutrofizzazione). Tra le citta’ sotto accusa le “perle” del Mediterraneo, Capri e Ischia, la notissima San Remo, culla dell’italiota manifestazione canora, Albenga definita “scrigno da aprire” e Vicenza che e’ stata proclamata dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’umanita’. Per amor di Patria non parliamo delle altre citta’. Sarebbe interessante sapere dal governo i motivi di questo incredibile ritardo e, soprattutto, vorremmo sapere dalla ministra dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo, quali provvedimenti intende adottare per risolvere il problema ed evitare la condanna da parte della Corte di giustizia della Ue.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operatori Don Gnocchi dal Papa

Posted by fidest press agency su martedì, 9 marzo 2010

Roma Città del vaticano 10 marzo incontro con Papa Benedetto XVI, previsto nell’ambito dell’udienza generale in programma alle ore 10.30, in Vaticano, nell’aula Paolo VI. Tra i fedeli presenti, ci sarà una nutrita rappresentanza della Fondazione Don Gnocchi, guidata dal presidente monsignor Angelo Bazzari, dal direttore generale Gianbattista Martinelli, dal Consiglio di Amministrazione e dai massimi responsabili delle strutture operanti in Italia. Per l’occasione, verrà consegnata al Santo Padre una reliquia del Beato. L’udienza dal Papa rappresenta un momento di grande coinvolgimento per tutti i 28 Centri della Fondazione, che garantiranno una presenza significativa di personale, ospiti, familiari e volontari, accompagnati da una nutrita rappresentanza di ex-allievi di don Gnocchi, alpini, esponenti dell’Aido e ovviamente di tutti coloro che circondano la “Baracca” di simpatia ed amicizia. È prevista la partecipazione di 1.600 fedeli, che arriveranno a Roma con diversi mezzi, tra cui un treno speciale “Frecciarossa” proveniente da Milano. Al termine della cerimonia di beatificazione di don Gnocchi del 25 ottobre 2009, Papa Benedetto XVI aveva salutato i 50 mila fedeli presenti in piazza Duomo a Milano, rilanciando a gran voce il motto che accompagna le attività della Fondazione: “Accanto alla vita. Sempre!”. Per la Fondazione Don Gnocchi l’udienza del 10 marzo rappresenta il primo incontro con Benedetto XVI, nel solco di una tradizione costellata di momenti significativi a partire dalle storiche udienze ai mutilatini di don Gnocchi concesse da Papa Pio XII nei primi anni di vita della “Baracca”. Nel corso del suo lungo pontificato, Giovanni Paolo II aveva incontrato per ben tre volte la Fondazione: nel 2002 (centenario della nascita di don Gnocchi) e nel 1997, oltre alla storica visita al Centro “S. Maria della Pace” di Roma il 23 dicembre 1990.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

8 marzo: Unipax per la donna

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 marzo 2010

L’UNIPAX da sempre è attivamente impegnata per garantire e promuovere una maggiore tutela delle donne: per questa ragione ha istituito al proprio interno un Dipartimento ad hoc, il Dipartimento Donna. Il compito di questo Dipartimento è di sostenere e appoggiare gli interventi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e di tante Organizzazioni Non Governative  per la salvaguardia dei diritti delle donne. Da questo coinvolgimento di tutti può nascere una nuova cultura che scriva, seppur gradualmente, nella storia dell’ umanità pagine meno terribili e più adeguate alla dignità umana. Le vie da percorrere possono essere le più varie ma certamente alcuni percorsi sono imprescindibili e ci riferiamo qui all’istruzione, alla possibilità di avere un’indipendenza economica, alla opportunità di collaborare allo sviluppo di tutto il genere umano. E’ necessario far conoscere e rispettare i diritti delle donne sanciti nelle Carte internazionali delle Nazioni Unite come presupposto ineludibile per costruire un processo culturale che possa garantire la pace tra i popoli. E’ indispensabile favorire il pieno riconoscimento del ruolo delle donne anche attraverso una corretta informazione sui diritti sanciti dalle norme. Uno degli elementi essenziali della civile convivenza è costituito dal rispetto di quei valori che ritroviamo nelle carte internazionali dei diritti fondamentali dell’uomo. In questo senso il riconoscimento dei diritti delle donne quale valore universale è un formidabile strumento culturale e uno straordinario volano di crescita per rinnovare le coscienze individuali con le quali costruire una nuova coscienza sociale. Consultando il sito http://www.unipaxservices.org alla voce Forum Mondiale è possibile accedere alla Stanza Tematica Donna per scaricare la documentazione completa sulle iniziative e i progetti di UNIPAX.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Nuove vittime

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2010

“A nome di tutto  il Pdm esprimo il più profondo cordoglio per le vittime civili (sono 18 tra le quali un consigliere diplomatico dell’ambasciata italiana, uno dei responsabili della rete di intelligence italiana Aise, un francese e dieci indiani) del grave attentato di questa mattina a Kabul” Lo dichiara Luca Marco Comellini segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia – “Altroché missioni di pace, in Afghanistan – prosegue Comellini – si combatte una guerra che si sta evolvendo nella più totale indifferenza dell’opinione pubblica, fuorviata dalla propaganda di governo. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, venga in parlamento a riferire  sull’accaduto e sul reale coinvolgimento dei militari italiani e dei servizi segreti anzichè pensare a fare inutile propaganda sulle motivazioni umanitarie di una missione che è in realtà una guerra non dichiarata a cui l’Italia sta pagando un elevato tributo di vite umane.” L’attacco è stato sferrato dai talebani nel centro commerciale dell’hotel Safi Landmark di Kabul. L’assalto è iniziato alle ore 6,30 (ora locale). Hanno fatto esplodere un’autobomba vicina al centro commerciale e a ridosso del Park Residence Hotel e alla guesthouse Safi Landmark. Ne è seguita una sparatoria da parte di un commando di talebani in appoggio ai due kamikaze alla guida dell’auto bomba. La sparatoria è durata circa due ore. Subito informati  i vicepresidenti del gruppo Pd alla Camera dei deputati, Michele Ventura, Rosa Villecco Calipari e Alessandro Maran hanno chiesto alla presidenza di Montecitorio che il governo svolga al più presto un’informativa in aula su quanto accaduto.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Afghanistan: una guerra non dichiarata

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2010

“Secondo le dichiarazioni del segretario alla Difesa degli Stati Uniti,  Robert Gates, riportate nella serata di ieri dalle agenzie di stampa, in Afghanistan si sta combattendo una ”guerra” e quindi quanto mai opportuno che gli italiani sappiano quale è la verità sul coinvolgimento dei nostri militari in Afghanistan.” Lo afferma Luca Marco Comellini, segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm). “Visto che le dichiarazioni di La Russa fino ad ora non hanno chiarito quale è la realtà del conflitto in atto e quale è il reale coinvolgimento dei militari italiani nell’operazione Mushtarak – prosegue Comellini -, la missione ISAF, per quanto riguarda le forze armate italiane  ha perso completamente la sua originaria natura e si è trasformata in una guerra non dichiarata. Se per il ministro La Russa il dettato costituzionale è uno ostacolo facilmente superabile con l’arroganza di una maggioranza parlamentare che risponde solo a chi l’ha nominata e non al popolo che dovrebbe rappresentare, allora è bene che i senatori nell’esaminare il DL 1/2010 (A.S. 2002) per il rinnovo della missione in Afghanistan, riflettano attentamente se avallare o meno la violazione dell’articolo 11 della Costituzione, su di loro potrebbe ricadere la responsabilità di aver portato l’Italia a combattere una guerra mai dichiarata.” (Comellini  segretario Pdm)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energy for Green Ports

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2010

Venezia 4 e 5 febbraio 2010, al Porto Passeggeri di Venezia si svolgerà la prima edizione di Energy for Green Ports, forum internazionale dedicato alle tecnologie e soluzioni ecosostenibili per i porti.  La rassegna, unica ad affrontare queste tematiche nel settore delle infrastrutture portuali, è organizzata da VTP Events, società interamente partecipata dalla Venezia Terminal Passeggeri, società che dal 1997 gestisce il Porto Passeggeri dello scalo lagunare.  Due le sessioni congressuali che vedono il coinvolgimento dei più importanti esperti e operatori di settore , e confermano Venezia quale luogo ideale del dibattito sulle opportunità tecnologiche di mercato alla luce delle nuove indicazioni normative e legislative.  Affianca l’intenso momento congressuale un’area espositiva riservata alle innovazioni tecnologiche nel campo delle energie rinnovabili. Solare termico, fotovoltaico, eolico, idrogeno, biomasse, biogas, edilizia a basso consumo, micro generazione, cogenerazione, teleriscaldamento, e progetti di cold ironing saranno i settori in mostra.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nonni in internet

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2009

Questo è il senso del protocollo d’intesa  “Nonni in Internet: un click per stare insieme”  siglato fra l’Auser, il sindacato dei pensionati Spi Cgil e la Fondazione Mondo Digitale. Tre importanti organizzazioni hanno unito le forze dando vita ad un  progetto nazionale di alfabetizzazione digitale degli anziani, un’ampia operazione sul territorio  per aiutare gli anziani a superare il “digital divide” alla lettera “divario digitale” vale a dire la mancanza o la difficoltà di accesso e di fruizione alle nuove tecnologie di comunicazione ed informatiche. Quel muro invisibile che rischia di creare  vere e proprie fratture generazionali e sacche di popolazione emarginata, senza alcuna possibilità di accesso alle nuove tecnologie. Lo faranno con il coinvolgimento dei giovani, saranno infatti gli studenti di ogni ordine e grado e di diverse regioni italiane a fare da tutor. Alla base inoltre  di questo protocollo, la sfida per il diritto all’apprendimento permanente, che è anche l’oggetto  della legge di iniziativa popolare promossa da Cgil, Spi-Cgil, Auser e Flc.Si partirà  a gennaio con delle esperienze pilota al Nord, Centro e Sud Italia, verranno coinvolte le leghe territoriali del Sindacato dei pensionati della Cgil, le università popolari e circoli e centri culturali dell’Auser. La Fondazione Mondo Digitale da parte sua curerà i rapporti con le scuole che aderiranno al progetto; seguirà la formazione dei docenti; metterà a disposizione la propria esperienza e i materiali didattici; assicurerà i requisiti di qualità necessari per il rilascio degli attestati di partecipazione ai corsi.  L’85% dei giovani studenti europei utilizza il web, contro una media del 13% degli anziani (dati Eurostat)  si attesta invece sull’8% la quota di ultrasessentacinquenni italiani che utilizzano le nuove tecnologie. Le condizioni economiche, di istruzione e l’assenza di infrastrutture sono da individuare fra i  principali motivi di esclusione. Il protocollo siglato fra le tre organizzazioni aiuterà il nostro Paese a guadagnare qualche posizione nel panorama europeo.  E soprattutto aiuterà tante persone a migliorare la qualità della vita.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »