Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 299

Posts Tagged ‘collezioni’

Presentazione Quartieri dell’Arte 2018

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 agosto 2018

Roma Martedì 21 agosto alle ore 11.00 Palazzo Falletti (Sala dei Cherubini) Via Panisperna 207 conferenza stampa di presentazione della ventiduesima edizione del Festival Quartieri dell’Arte
In scena – tra il 26 agosto e il 24 ottobre – Muta Imago, Teatro Reale di Zetski Dom (Montenegro), La Fura dels Baus (Spagna), Westerdals (Svezia), Taide Yliopisto (Finlandia), il Mozarteum di Salisburgo e l’Accademia Teatrale di Varsavia. Tra gli autori e i registi presenti, Arpad Schilling, Gian Maria Cervo e i Fratelli Presnyakov (Russia), Joele Anastasi, Danielle Pearson (Gran Bretagna), Rasim Erdem Avsar (Turchia), Emily Gillmor Murphy (Irlanda), Marco Lucchesi, Albert Bienvenue Akoha (Benin) e Lorenzo D’Amico de Carvalho. Accademia Nazionale di San Luca e Venerabile Collegio Inglese collaborano con opere e oggetti delle loro collezioni, molti dei quali mai esposti prima, all’allestimento della mostra “Reginald Pole, tra Michelangelo e Shakespeare” (14 ottobre 2018 / 6 gennaio 2019) Tra le figure celebrate quest’anno, Juan Rodolfo Wilcock, nel centenario della nascita L’immagine ufficiale del Festival è firmata dal fotografo italo-palestinese Mustafa Sabbagh

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rossella Isoldi: le collezioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 giugno 2018

Rossella IsoldiRossella Isoldi1.jpgLa “prima” non può essere banale. E Rosella Isoldi, genio emergente del made in Italy, dopo aver lanciato il suo nuovo marchio ed il sito web dal quale veicola la sua immagine ha presentato le sue collezioni. Romantica quando serve. Accattivante al momento giusto. Contemporanea nella quotidianità. La donna, quasi riprendendo la filosofia eraclitea, è un flusso perenne dove tutto scorre. Ogni istante è diverso dal precedente e quello che verrà sarà diverso da ciò che è stato vissuto. Le varie personalità e i vari momenti si ritrovano però nell’identità, ferma e immobile, che ne descrive il carattere e le potenzialità. Le collezioni dell’artista campana che ha eletto Pertosa, la sua città d’origine come centro stile, rappresentano una sorta di viaggio in questa differenziazione. Diversità delle idee, contaminazioni culturali, accostamenti imprevedibili: è l’originalità che si mostra senza esitazioni.
Il “must” del nero per esaltare maggiormente due elementi totalmente opposti tra loro come il pizzo e la pelle. Il primo delicato e dal gusto romantico, il secondo dalla trama forte, che riporta Rossella Isoldi4immediatamente ad uno stile “strong”. Mescolati insiemRossella Isoldi2.jpge danno vita a capi molto strutturati, creando scollature e trasparenze che esaltano la femminilità.
L’ispirazione arriva dalle note. Lo scintillante universo musicale degli artisti contagia lo stile: elementi preziosi e trasparenze audaci compaiono sulle giacche dei tailleur, sui colletti delle camicie, sulle maniche dei corpini. Pietre preziose e lustrini impreziosiscono i capi, risvegliando la voglia di brillare.Arte e design camminano a braccetto, mescolandosi e fondendosi tra loro. In questa collezione alcuni elementi traggono ispirazione da elementi geometrici che si ritrovano nella costruzione di un rosone o negli intarsi di una scultura. Nella moda spesso questi principi diventano fantasie per tessuti o motivi per un ricamo. In entrambi i casi quel capo diventa unico ed intramontabile nel tempo, quasi fosse testimone della storia.
Una donna viaggiatrice che attraverso il suo stile vuole raccontarsi e parlare delle sue passioni. Una donna che si veste di volumi morbidi e di colori che ricordano le atmosfere dei luoghi vissuti: l’oro della sabbia, il tortora della terra, il rosa e il purple del tramonto. Sostanze che originano uno stile unico e ricercato. Il colore è il focus di questa collezione dedicata alle donne che amano la vita e le sorridono ogni giorno. I colori, poi, sono come le stesse donne: vivaci, brillanti, allegri. A tratti scuri, ma ricchi di sfumature che li rendono unici. È la donna che cerca sostanza. (foto: copyright http://www.rossellaisoldi.it)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le collezioni di Daniela Moretti a “Fucina Madre”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2018

Matera dal 21 al 25 aprile. Il suo laboratorio è la sua terra, le mura entro le quali forgia sono rappresentate dal vento, dalla forza dell’acqua e dal sole. La creatrice di gioielli contemporanei Daniela Moretti è figlia della Basilicata, patria di cultura e di arte, ma anche di fatiche e sacrifici. Elementi che si riscoprono in ogni opera e che non sfuggono all’occhio attento dell’osservatore che, nella simbologia, ritrova i significati della genesi.
Ed è esattamente nel compimento di questo percorso che la designer originaria di Rionero in Vulture (Pz), parteciperà all’edizione 2018 di “Fucina Madre”. Si tratta, nello specifico, di un progetto turistico integrato, nato per far conoscere e promuovere la grande tradizione artigiana della Basilicata, che affonda le sue radici nella pratica millenaria del “saper fare”. Nello splendido paesaggio lucano, tra borghi arroccati e città d’arte, l’inventiva e l’ingegno entrano in contatto non solo con chi ha desiderio di conoscenza, ma anche con lo scenario incantato di Matera, dichiarata “Patrimonio dell’Umanità”. È la Capitale Europea della Cultura 2019, infatti, ad accogliere le ramificazioni di questo evento così particolare. Daniela Moretti sarà presente dal 21 al 25 aprile con una propria collezione nell’area dedicata all’”Expò dell’artigianato e del design”, declinando a suo modo le sfumature di una regione che vive nell’abbraccio di due mari un rapporto quasi simbiotico con la natura.«È innegabile – evidenzia la Moretti – che l’artigianato, inteso nel senso più nobile del termine, è una contaminazione perfetta tra ideazione e manualità: con il saper inventare e il saper produrre si contribuisce ad impreziosire il luogo in cui si opera e la comunità in cui si sviluppato il singolo essere artista. Ed è esattamente da questo punto di vista che il lavoro diventa sinonimo di offerta turistica, considerato la modalità in cui l’arte trasforma il territorio in destinazione. Nel corso di questi anni – il mio brand è stato lanciato ufficialmente sul mercato solo due anni addietro – ho tenuto sempre bene in mente cosa significa nascere e crescere in Basilicata e partecipando a “Fucina Madre” sono pronta a rendere la mia testimonianza: i gioielli che presento a Matera sono un atto d’amore verso la terra della luce».

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Galleria dell’Accademia di Firenze ha presentato importanti acquisizioni alle sue collezioni

Posted by fidest press agency su martedì, 24 ottobre 2017

tavole di mariottotavole di mariotto1Firenze “Sono acquisizioni di grande valore – afferma il Direttore del museo Cecilie Hollberg – che attestano l’impegno di un grande museo autonomo come il nostro anche nel campo della ricerca, nell’arricchimento e valorizzazione delle proprie collezioni”. Si tratta di quattro tavole di Mariotto di Nardo (Firenze, 1365 circa – 1424 circa), due sportelli raffiguranti coppie dei santi, rispettivamente Giovanni Battista con Nicola di Bari e Antonio abate con Giuliano, e due semilunette, una con l’angelo annunziante e l’altra con la Vergine annunziata, e del busto marmoreo ritraente Giovanni Battista Niccolini del celebre scultore toscano dell’Ottocento Lorenzo Bartolini. Gli sportelli di Mariotto di Nardo – già sottoposti alla Dichiarazione d’interesse da parte dello Stato – che erano esposti alla Trentesima Biennale Nazionale dell’Antiquariato conclusasi recentemente a Firenze, nello stand dell’antiquario Matteo Salamon di Milano, sono stati acquistati dalla Galleria dell’Accademia al prezzo di trecentomila euro. Negli stessi giorni della Biennale, Angelo Tartuferi, vicedirettore del celebre museo fiorentino e noto specialista di pittura antica, ha identificato le due semilunette con le figure dell’Annunciazione come parti terminali superiori dei medesimi sportelli ritagliate in epoca imprecisata, ma certamente anteriore alla fine dell’Ottocento, quando i quattro dipinti figuravano ancora puntualmente descritti nel catalogo della Galleria Corsini a Firenze. Mentre le tavole con le coppie di santi erano nella illustre collezione fiorentina ancora alla fine degli anni venti del Novecento, delle due semilunette si era persa ogni traccia. La Galleria dell’Accademia è riuscita ad assicurarsi – con una tempestività inconsueta per i musei italiani – anche questi ulteriori dipinti ricomparsi sul mercato, al prezzo di centosettantamila euro.
tavole di mariotto3tavole di mariotto2Si tratta nel complesso di valutazioni economiche perfettamente in linea con i valori di mercato interno per i dipinti dei cosiddetti Primitivi, ma certamente sottostimate se le opere fossero andate sul mercato internazionale. In tal modo si è potuto avviare la ricomposizione di un tabernacolo, che doveva essere di notevoli dimensioni, e frutto di una commissione molto importante, forse ancora una volta da parte degli stessi Corsini, per i quali Mariotto di Nardo aveva già lavorato in gioventù. I quattro dipinti sono caratterizzati da una finissima e preziosa decorazione in pastiglia dorata, arricchita ulteriormente da una copiosa granitura della superficie, eseguita secondo le indicazioni tecniche descritte da Cennino Cennini nel Libro dell’Arte. Mariotto di Nardo fu indicato già dal Vasari come figlio di Nardo di Cione e, quindi, nipote di Andrea tavole di mariotto4Orcagna, ma tale affermazione è stata riconosciuta come veritiera soltanto in tempi recenti. Artista dalla lunga carriera, i cui dipinti più antichi si datano intorno al 1380, è già rappresentato in Galleria con un polittico in ottimo stato di conservazione eseguito anch’esso su commissione della famiglia Corsini e proveniente dalla chiesa del monastero di San Gaggio a Firenze. Formatosi nella fondamentale cerchia degli Orcagna e dei loro seguaci più diretti, l’artista sperimentò nella fase matura della sua carriera – cui appartengono le opere ora acquisite – sia i fermenti culturali e stilistici neogiotteschi della fine del Trecento, sia le suggestioni della pittura tardogotica sull’esempio di Lorenzo Monaco e Gherardo Starnina, mantenendo tuttavia con forte coerenza e sperimentata capacità professionale il suo linguaggio solenne e posato. (foto: tavole di mariotto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

D​iva Gioielli dal 20 al 25 gennaio a Vicenza Oro con 5 nuove collezioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 gennaio 2017

d%e2%80%8biva-gioielliVicenza. Diva Gioielli dal 20 al 25 gennaio a Vicenza Oro con 5 nuove collezioni Vicenza. Un 2016 prezioso, in Italia e nel mondo. Diva Gioielli firma dodici mesi di rilevanti successi commerciali e autorevoli riconoscimenti istituzionali, all’insegna di un brand che sa interpretare l’eccellenza dell’arte orafa italiana con gioielli in argento dal fascino contemporaneo, tra forme emozionanti e lavorazioni artistiche.
Vincitrice del prestigioso premio Première Fashion 2017 con il bracciale Galaxy, capolavoro con ben novanta punti di saldatura, Diva Gioielli è presente nelle migliori gioiellerie con collezioni sempre più desiderate e indossate dalle celeb del mondo dello spettacolo, del cinema e della tv, nonché scelte, riprese e fotografate dai media fashion più influenti. Impegnata a consolidare l’ascesa del marchio sia a livello nazionale che internazionale, Diva Gioielli conferma la presenza alla Fiera Internazionale Vicenza Oro dal 20 al 25 gennaio 2017. L’appuntamento con i buyer più attenti è nel padiglione Look, riservato ai jewelry designer emergenti. Saranno cinque le nuove linee, tra nuove collezioni e limited edition, ognuna delle quali trae ispirazione e dà sviluppo a un concept autonomo. Il brand si rivolge prettamente a un pubblico femminile, attivo nella ricerca di nuove forme estetiche, perlopiù connesse a un mondo culturale evoluto qual è quello del fashion contemporaneo. Tra le nuove collezioni anche alcuni gioielli genderless.
Diva Gioielli è un marchio italiano le cui attività sono l’ideazione, la progettazione e la produzione di gioielli in argento. L’azienda è stata fondata più di 40 anni con un’impronta commerciale, ma l’anima creativa l’ha trasformata in un brand emergente capace di suscitare oggi l’attenzione per il suo stile e il suo design in Italia e nel mondo. Le finiture fatte a mano esaltano la migliore tradizione orafa italiana.
La tensione che anima Diva Gioielli è la costante attenzione all’evoluzione delle norme culturali italiane nella dinamica di un contesto internazionale, che si esprime nella vocazione per lo stile e la bellezza. La progettazione di nuove forme è tesa a enfatizzare il saper fare, a portare alla luce il senso estetico italiano. Il global concept si esprime con l’alta qualità di produzione, la maniacale attenzione al dettaglio e alla cura delle finiture. Ogni singolo gioiello è finito a mano.
Il brand si distingue per il suo design minimale e contemporaneo, caratterizzato da forme lineari e pure. In ogni stagione Diva Gioielli propone nuove collezioni ciascuna delle quali ha un proprio definito indirizzo di stile. Ogni collezione interpreta e rivela dei precisi contenuti ideali, riferiti al sentire del presente intriso di futuro. La materia è percepita in forma di gioiello per essere monile, oggetto, luce, esprimere sentimenti, emozioni, carattere, stile. Ovvero i molteplici e cangianti linguaggi e gesti dell’essere umano. Dettagli iconici, talvolta fortemente strutturali, indossati da una donna attiva, percettiva del mondo che evolve rapidamente, una donna che riversa nel suo stile personale l’interesse che nutre per la cultura, l’arte e le proposte stilistiche della moda. I gioielli Diva sono il risultato di una continua ricerca su materiali, finiture e sviluppo dei volumi tridimensionali. (foto:Diva Gioielli)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Versace internazionalizza la linea home

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

linea versace1linea versaceVersace annuncia che a partire dall’inizio del 2016 le collezioni di arredo Versace Home sono internalizzate. Nata nel 1992 come collezione tessile per la casa, Versace Home si è poi evoluta in una linea completa di arredo e complementi d’arredo, capaci di esprimere a 360 gradi lo stile forte e iconico della Maison. Il processo di internalizzazione delle collezioni di arredo segue quello della linea tessile – interamente prodotta e commercializzata dalla Maison – avvalendosi nel caso specifico di due esclusivi partner produttivi, Cassina Contract per l’arredo e Nemo per l’illuminazione.Oltre allo sviluppo creativo delle linea versace2collezioni casa, Versace si occuperà direttamente della commercializzazione e della distribuzione tramite la propria rete retail, i franchisee esistenti e distributori specializzati. Prime espressioni del processo di integrazione Versace Home sono il nuovo divano Via Gesù Palazzo Empire e la poltroncina MESEDIA. Via Gesù Palazzo Empire – un pezzo di design unico ispirato alla It-Bag Versace Palazzo Empire – presenta una finitura in morbida pelle Nabuk sky blu, con l’iconica Medusa in versione matt posta sui braccioli. La nuova seduta MESEDIA è il primo prodotto della collezione Versace Home realizzato in alluminio, con finitura per esterni. È disponibile in cinque varianti colore: haze, storm, cloud, purple sunset e sunrise. Gian Giacomo Ferraris, CEO di Versace, ha dichiarato: “La collezione Versace Home è da sempre parte del DNA di Versace e la volontà di internalizzarla è quindi un passaggio naturale nell’ottica di perseguimento dello sviluppo e della crescita della Maison. Versace Home è un asset di grande valore per il brand ed è per questo che vogliamo svilupparne direttamente le sue potenzialità in-house”. (foto: linea versace)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Macchiaioli: Le collezioni svelate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

cristiano banti

Roma 16 marzo – 4 settembre 2016 Chiostro del Bramante I Macchiaioli: Le collezioni svelate. La mostra ha il pregio di presentare al pubblico per la prima volta importanti dipinti dei Macchiaioli e non solo, collocandoli nel contesto delle antiche collezioni che in origine li ospitarono.Le opere che appartenevano a grandi collezioni del passato – come quella di Cristiano Banti, Diego Martelli, Rinaldo Carnielo, Edoardo Bruno, Gustavo Sforni, Mario Galli, Enrico Checcucci, Camillo Giussani, Mario Borgiotti – oggi sono confluite per lo più in collezioni private e rappresentano un nucleo inedito del più importante movimento pittorico italiano del XIX Secolo.
In mostra oltre 110 opere che rappresentano la punta di diamante di ricchissime raccolte di grandi mecenati dell’epoca, personaggi di straordinario interesse, accomunati dalla passione per la pittura, imprenditori e uomini d’affari innamorati della bellezza, senza i quali oggi non avremmo potuto ammirare questi capolavori. Talvolta donate dagli autori stessi e più spesso acquistate per sostenere gli amici pittori in difficili momenti, queste opere – in grado di assecondare il piacere estetico e arricchire le più grandi quadrerie – sono diventate capolavori ricercati anche dai grandi intenditori d’arte dei nostri giorni.
In un percorso di 9 sezioni – ciascuna intitolata alla collezione di provenienza – il visitatore ha la possibilità di scoprire i Macchiaioli, il movimento pittorico più importante dell’Ottocento italiano e il clima storico che fa da sfondo alla vicenda di questi artisti, oltre ai temi, ai contenuti e ai personaggi di questo rivoluzionario movimento: si potranno ammirare opere quali Il Ponte Vecchio a Firenze (1878 ca.) di Telemaco Signorini – fortunosamente recuperato da Borgiotti sul mercato inglese: un capolavoro non più visto da decenni -, Il giubbetto rosso (1895) di Federico Zandomeneghi, Marcatura dei cavalli in Maremma (1887) e Ciociara (Ritratto di Amalia Nollemberg) del 1881 ca. di Giovanni Fattori, Place de la Concorde (1875) e Campo di neve (1880 ca.) di Giuseppe De Nittis, accanto al Ritratto di Alaide Banti in giardino (1875 ca.) di Cristiano Banti, Cucitrici di camicie rosse (1863) di Odoardo Borrani, Sforni in veranda che legge (1914 ca.) e il Ritratto della moglie Isa (1902 ca.) di Oscar Ghiglia.
In mostra, dunque, anche opere a cavallo tra Ottocento e Novecento che raccontano come le conquiste formali e concettuali dei Macchiaioli furono recepite e sviluppate dalle successive generazioni di pittori. Con il Patrocinio dell’Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Roma, la mostra I Macchiaioli. Le collezioni svelate curata da Francesca Dini è prodotta e organizzata da Dart – Chiostro del Bramante e Arthemisia Group. (foto: cristiano banti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prima boutique italiana della designer inglese Margaret Howell

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 gennaio 2015

margaret howellmargaret howell1Firenze. La stilista Margaret Howell apre il suo primo negozio e ufficio produzione a Firenze in Piazza Carlo Goldoni 5r. Il nuovo punto vendita offre le collezioni da uomo, donna e accessori, ma anche una selezione di oggetti per la casa, mobili vintage e sue riedizioni. La collezione esposta in negozio, rispecchia l’interesse di Margaret per il design moderno inglese della meta’ del ‘900. Lo spazio si sviluppa su due livelli, un piano espositivo, adibito alla vendita
e un piano superiore che ospita il primo ufficio produzione dell’azienda, creato al di fuori della Gran Bretagna.
Negozio e ufficio si trovano in pieno centro a Firenze di fronte al fiume Arno. Sei vetrine si affacciano sulla piazza, esponendo capi di abbigliamento e oggetti di produzione inglese e italiana. Gli interni sono stati progettati da William Russell dello studio Pentagram Architects, rispecchiando il design originale che l’architetto ha creato per Margaret Howell- Wigmore Street, negozio di Londra nel 2002. Il concetto di interior design, ideato da Russell, e’ unico in tutti i punti vendita internazionali dell’azienda. Appendiabiti e mensole alle pareti, scaffalature Vitsoe a tutta altezza vengono utilizzate per esporre le linee di accessori, abbigliamento e arredi per la casa del marchio inglese.
‘ Negli ultimi dieci anni ho lavorato con Will Russell sugli interni dei nostri negozi. Will e’ sempre riuscito a concretizzare le mie idee introducendo qualcosa che mai mi sarebbe venuto in mente, una sorta di visione dello spazio speciale. Il risultato e’ un rapporto di lavoro gratificante e di successo’ MARGARET HOWELL
‘ La boutique di Piazza Goldoni, in un bellissimo edificio nel cuore di Firenze, espone i nostri migliori prodotti realizzati in Inghilterra. La combinazione di ufficio e negozio a Firenze, ci permette di accorciare la distanza con i nostri fornitori italiani e di mostrare la nostra collezione a un pubblico internazionale.’ (foto margaret howell)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Azalee a Piazza di Spagna

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

Roma. Tornano a Piazza di Spagna le preziose varietà di Azalea che da 74 anni vengono esposte sulla scalinata di Trinità dei Monti. L’assessorato all’ambiente di Roma Capitale quest’anno ha deciso di allestire la mostra con 400 essenze in vaso, posizionate dalle squadre dei giardinieri comunali che hanno lavorato due giorni per approntare l’esposizione. «Si tratta di una collezione di esemplari introvabili in commercio e molto apprezzata dagli intenditori: negli anni ha partecipato alle più importanti esposizioni europee, ottenendo molti riconoscimenti internazionali e conquistando oltre cento premi di settore. Le classi selezionate per l’esposizione sono di varietà “Azalea Bianca di Piazza di Spagna”, accostate ad altre azalee di colore lilla. Si tratta di esemplari esclusivi che vengono curati e prodotti nei vivai comunali di San Sisto dove da quasi un secolo si conservano oltre 3.000 azalee della varietà Rododendrum indicum. Tali selezioni hanno potenziato la capacità di adattamento al clima di Roma e, dunque, possono raggiungere anche grandi dimensioni: fino a 2.50 metri di altezza e 4 metri di circonferenza. Il servizio Giardini Di Roma Capitale impiega quotidianamente una squadra di esperti nella cura delle Azalee che, oltre alla normale manutenzione delle essenze, sperimenta anche la creazione di nuove varietà. Sono innovativi anche i metodi di gestione adottati, che si basano sulle più recenti acquisizioni in campo di coltivazione biologica. Tra qualche giorno le temperature più calde permetteranno ai fiori di sbocciare interamente, offrendo per Pasqua uno spettacolo straordinario. Terminata la fioritura, il Servizio giardini ricondurrà le Azalee nei vivai dove saranno ospitate fino alla prossima primavera». Lo dichiara l’assessore all’Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Invito a Palazzo Grimani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 dicembre 2010

Venezia Palazzo Grimani dal 19 dicembre 2010 al 20 marzo 2011.  E’ aperta la mostra promossa dalla Soprintendenza Speciale per i Musei e le Gallerie Statali di Venezia, organizzata e prodotta da Arthemisia Group,  Il Soprintendente Vittorio Sgarbi ha scelto di rendere accessibile al pubblico tre straordinarie opere di Bosch, due delle quali in deposito da anni a Palazzo Ducale, rendendo omaggio alle opere del sublime artista conservate a Venezia, dove soggiornò con molta probabilità tra il 1499 e il 1502. Per mantenere una linea di continuità tra le collezioni periodicamente esposte a Palazzo Grimani, resterà inoltre allestita la bellissima Nuda (1508) di Giorgione, dalle Gallerie dell’Accademia, e contestualmente, per gennaio, si prepara l’esposizione del Breviario Grimani, volume capolavoro appartente alla Biblioteca Marciana.
Figura molto discussa per la forte carica espressiva nonché per la bizzaria e inquietudine dei suoi dipinti, Jeroen Anthoniszoon van Aken, che si firmava e divenne noto come Bosch, proviene da una famiglia di pittori olandesi e si ditingue per i suoi lavori fantastici, nati per illustrare la morale e i concetti religiosi dell’epoca.
Le tre opere esposte a Palazzo Grimani facevano parte della collezione del cardinale Domenico Grimani e giunsero nelle collezioni di Palazzo Ducale dopo la morte del prelato, grazie al suo lascito testamentario alla Serenissima. (palazzo grimani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eroine invisibili

Posted by fidest press agency su sabato, 4 dicembre 2010

Bari Inaugurazione sabato, 4 dicembre 2010, ore 17.30 Pinacoteca Provinciale “C. Giaquinto” Via Spalato, 19 / Lungomare Nazario Sauro, 27 (IV piano) –  orari di visita: dal martedì al sabato 09,00 – 19.00; domenica 09.00 – 13.00; lunedì e festività infrasettimanali chiuso; agosto 9,00 – 14,00. catalogo e mostra a cura di Clara Gelao e Luisa Martorelli.
La mostra Eroine invisibili. Storie di donne dalle collezioni della Provincia di Napoli e della Pinacoteca Provinciale di Bari (Bari, Pinacoteca Provinciale, 4 Dicembre 2010 – 29 Maggio 2011) nasce dall’ intesa tra istituzioni diverse: Soprintendenza per il Polo Museale Napoletano, Pio Monte della Misericordia, Provincia di Napoli, Provincia di Bari.
Sono nove le sezioni della mostra: Tra letteratura e storiografia, Tradizioni popolari e fede, Gli affetti, Amore ed Eros: Oriente e Occidente, Il lavoro, La lettura, Nuovi interni borghesi, Vanità, Solitudine ed Inquietudini dell’età moderna. Per ricordare alcune delle opere più famose presenti in mostra, citiamo i capolavori di Giuseppe Boschetto (Eleonora Pimenthel condotta al patibolo), Vincenzo Migliaro (Il tatuaggio), Giuseppe Sciuti (La pace domestica), Vincenzo Irolli (La bambola in castigo), Francesco Netti (La Siesta), Antonio Mancini (Servetta). Immagine: Vincenzo Irolli, (Napoli 1860 – 1949), Preghiera, olio su tavola, cm 145×145. Bari, Collezione Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto”

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Centauri

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 novembre 2010

Roma 20 novembre 2010 settimo appuntamento ai Musei Capitolini con I Centauri Le splendide statue dei Centauri esposte nel salone del Palazzo Nuovo – il giovane ridente, il vecchio sofferente per le pene d’amore – sono tra i pezzi più celebri presenti nelle collezioni dei Musei Capitolini, per i quali furono acquistate da papa Clemente XIII nel 1765. I maestri Aristeas e Papias di Afrodisia, in Asia Minore, le eseguirono per la Villa tiburtina dell’imperatore Adriano (dove furono rinvenute nel Settecento) e le firmarono con giusto orgoglio.  La preziosità del materiale – il marmo bigio morato della Laconia – e la straordinaria qualità della lavorazione, che il recente restauro consente ora di apprezzare pienamente, fanno di questi pezzi due dei più grandi e raffinati capolavori della scultura del primo II secolo d.C..
Dieci appuntamenti ai Musei Capitolini, dieci appuntamenti per vedere da vicino un’opera, nel corso dei quali le guide FAI – Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Roma, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale faranno riscoprire al pubblico opere già note, illustrandole con un’ottica diversa. L’aspetto che connota le “conversazioni” è quello di far “toccare” l’opera, focalizzando l’attenzione su tutti i particolari stilistici, storici e sociologici, con l’obiettivo di generare nei partecipanti nuove suggestioni, riflessioni ed emozioni. (i centauri)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Botticelli nelle collezioni lombarde

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2010

Milano fino al 28/2/2010 Via Manzoni, 12 Museo Poldi Pezzoli Le opere conservate nelle collezioni pubbliche milanesi e lombarde a cura di Andrea Di Lorenzo e Annalisa Zanni  In occasione del cinquecentenario della morte dell’artista fiorentino, (17 maggio 1510) la mostra Botticelli nelle collezioni lombarde, in programma al Museo Poldi Pezzoli dal 12 novembre 2010 al 28 febbraio 2011, riunisce per la prima volta le opere di uno dei piu’ grandi maestri del Rinascimento italiano conservate nelle collezioni pubbliche milanesi e lombarde.
Il Museo Poldi Pezzoli, possiede ben tre opere di Sandro Botticelli: due dipinti di grande qualità, la Madonna del libro e il Compianto sul Cristo morto, e un bellissimo ricamo raffigurante l’Incoronazione della Vergine, eseguito su disegno dell’artista per un cappuccio di piviale. Accanto a queste opere la mostra presenta importanti prestiti provenienti dalla Pinacoteca dell’Accademia Carrara di Bergamo – il Ritratto di Giuliano de’ Medici, la tavola raffigurante la Storia di Virginia Romana e il Redentore Benedicente – e due disegni conservati alla Biblioteca Ambrosiana, appartenenti al celebre Codice Resta, San Tommaso che riceve la cintola dalla Vergine e Pallade Atena.
Botticelli nelle collezioni lombarde prosegue il percorso espositivo del Museo Poldi Pezzoli dedicato al collezionismo, approfondendo il tema della riscoperta dell’artista fiorentino nel corso del XIX secolo a Milano e in Lombardia.  L’allestimento, progettato da Luca Rolla e Alberto Bertini, e’ di grande impatto emotivo, isola i capolavori e, favorendo un incontro personale e diretto con l’opera, permette di coglierne i significati piu’ profondi.  A disposizione dei visitatori, un apparato didattico completo a cura di Stefano Zuffi, costituito da audio guide realizzate da Start s.r.l., che accompagnano nel percorso espositivo e nella comprensione delle opere e da pannelli a cura di Emilio Fioravanti (G&R Associati) per la parte grafica.  Accompagna l’esposizione un catalogo, a cura di Andrea Di Lorenzo, edito da Silvana Editoriale (www.silvanaeditoriale.it), con saggi e schede delle opere dei maggiori esperti dell’artista rinascimentale fiorentino.  I video dedicati alle opere in mostra sono stati ideati e prodotti da ARPANet – Strategie digitali, Tecnologie, Comunicazione per la Cultura.  (Immagine: Sandro Botticelli, Storia di Virginia romana. Courtesy Accademia Carrara-GAMeC, Bergamo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Due Lottatori di Michelangelo Buonarroti

Posted by fidest press agency su domenica, 31 ottobre 2010

Roma fino al 5/12/2010 piazza del Campidoglio, 1 Sala degli Arazzi, Palazzo dei Conservatori Musei Capitolini Dalle collezioni di Casa Buonarroti ai Musei Capitolini Ricomposto nella forma attuale solo nel 1926, il bozzetto in terracotta “I due lottatori” di Michelangelo arriva eccezionalmente a Roma dalla Casa Buonarroti di Firenze. Un evento speciale promosso da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali organizzato dall’Associazione Culturale Metamorfosi e Ze’tema Progetto Cultura in collaborazione con la Fondazione Casa Buonarroti di Firenze.  “I due lottatori” saranno esposti al pubblico nella Sala degli Arazzi del Palazzo dei Conservatori in Campidoglio dal 29 ottobre al 5 dicembre. Dopo il rientro a Firenze della preziosa terracotta, il pubblico potrà ammirare l’emozionante capolavoro di un altro genio del Rinascimento italiano: “Il Musico” di Leonardo, mai uscito in cinquecento anni dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano ed esposto ai Musei Capitolini dall’8 dicembre 2010 al 16 febbraio 2011.
L’opera e’ stata spesso messa in rapporto con la commissione medicea per una grande scultura raffigurante Ercole e Caco, che doveva affiancare il David davanti a Palazzo Vecchio.
Già nel 1928 Wilde aveva sostenuto l’impossibilità di collegare il bozzetto della Casa Buonarroti con la suddetta commissione: infatti le proporzioni della terracotta gli apparivano incompatibili con quelle del blocco di marmo che doveva essere usato per l’opera.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nata: Relicta 85-86

Posted by fidest press agency su martedì, 5 ottobre 2010

Udine fino al 31/10/2010 via Ampezzo, 2 Galleria d’Arte Moderna, sala didattica e’ il titolo della personale di Nata ospitata durante il mese di ottobre presso la Galleria d’Arte Moderna di Udine. L’evento si inserisce nel ciclo promosso dalla Galleria insieme al Fai di Udine “Questo l’ho fatto io!” che per tutto l’anno, attraverso incontri e mostre, ha visto dialogare il Museo con l’ultima generazione di artisti friulani presenti nelle sue collezioni. Per l’occasione, Nata espone una trentina di lavori appartenenti a Relicta, la serie del 1985-86 criticamente promossa da Giovanni Testori.  In questi esempi, che peraltro distinguono il loro autore come uno dei piu’ significativi interpreti del cosiddetto “ritorno alla pittura” degli anni Ottanta, figurazione e astrazione sembrano convivere. Su tele solitamente di grande formato si affastellano oggetti definibili a fatica. Si scorgono lacerti di metallo, frammenti architettonici, misture minerali, efflorescenze, fossili. In definitiva, comunque, e’ un’ambiguità dal tono visionario a dominare i Relicta. La loro drammatica articolazione spaziale unita a colori terrosi, inoltre, ha suggerito a Testori il ricordo del terremoto friulano del 1976. Ma piu’ ancora dell’atmosfera cupa, e’ un’energia sotterranea e pulsante a connotare questo insieme di opere.
Nato a Codroipo nel 1955 e formatosi a Venezia sotto gli insegnamenti di Emilio Vedova, a trent’anni Nata si trasferisce a Milano dove avvia una proficua collaborazione con la galleria di Enzo Cannaviello. La mostra e’ corredata da catalogo con un testo di Fabio Belloni e alla sua inaugurazione presenzierà il sindaco di Udine, prof. Furio Honsell.(nata)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’oro del Vaticano

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 luglio 2010

Roma 8 luglio – ore 19,30 L’isola del cinema – Isola Tiberina  Claudio Rendina presenta il suo ultimo libro L’oro del Vaticano Con l’Autore interviene Alma Daddario Nel corso dei secoli, le proprietà della Santa Sede si sono accumulate fino a formare un vero e proprio tesoro. Ben lontani dallo spirito apostolico e dallo spirito di umiltà e di povertà raccomandato da Cristo, i rappresentanti di Dio in terra hanno edificato una complessa amministrazione per preservare, accrescere e controllare beni, immobili, opere d’arte, monumenti, ori e denari. Vi sono le tombe faraoniche in marmo e oro di cardinali e papi, le decorazioni inestimabili di altari e pareti, le collezioni di quadri, statue e preziosi esposte nei Musei Vaticani, nel Museo Lateranense e in altre collezioni della Santa Sede, i sigilli d’oro custoditi nell’Archivio Segreto e i tesori bibliografici della Biblioteca. C’è il denaro accumulato dallo Stato Pontificio attraverso i suoi tesorieri, dalle origini al 1870, e poi la fondazione degli istituti bancari dello ior e dell’apsa e il tesoro custodito nelle Isole Cayman, un autentico Fort Knox fuori da ogni legge. Inoltre le prelature come l’Opus Dei, solo teoricamente autonome dalla Santa Sede, in realtà costituiscono una fonte ulteriore di ricchezza. Gli scandali, le rivelazioni e i sospetti su questo patrimonio immenso sono sotto gli occhi di tutti e alla ribalta delle cronache più recenti. Forse è arrivato il momento di fare i conti in tasca al Vaticano. http://www.isoladelcinema.com (oro vaticano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostre inaugurali del MAXXI

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2010

Roma 27 maggio 2010, alle ore 11.30  via Guido Reni 4a, MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo press preview  delle mostre inaugurali del MAXXI Sandro Bondi, Ministro per i Beni e le Attività Culturali   Pio Baldi, Presidente della Fondazione MAXXI  Margherita Guccione, Direttore MAXXI Architettura  Anna Mattirolo, Direttore MAXXI Arte.  Interverrà Zaha Hadid  e gli artisti, gli architetti e i curatori delle mostre. Alla fine della conferenza stampa verranno organizzati gruppi radio  vi preghiamo di comunicarci se siete interessati a realizzate interviste  Il MAXXI a partire da domenica 30 maggio sarà definitivamente aperto al pubblico.  Le mostre inaugurali saranno presentate alla stampa giovedì 27 maggio: SPAZIO. Dalle collezioni di arte e architettura del MAXXI Gino De Dominicis: l’Immortale  Kutlug Ataman. Mesopotamian Dramaturgies Luigi Moretti Architetto. Dal razionalismo all’informale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Luigi Di Sarro: Confini e oltre

Posted by fidest press agency su martedì, 13 aprile 2010

Gazoldo degli Ippoliti (MN) fino al 2/5/2010 Via Marconi 126, Museo d’arte moderna e contemporanea Personale nell’ambito della Biennale Fotografica Postumia a cura di Antonella GandiniLuigi Di Sarro nasce nel 1941 a Lamezia Terme. Nel -42 la famiglia si trasferisce a Roma dove Luigi e’ vissuto ed ha lavorato. Una precoce spiccata inclinazione artistica lo porta a frequentare dal ’56 lo studio di Carlo Alberto Petrucci e la Calcografia. Dopo gli studi classici coltiva sia gli interessi artistici che quelli scientifici. Si laurea in Medicina all’Università di Roma nel ’67. Muore improvvisamente a Roma il 24 febbraio 1979, ucciso per un fatale equivoco nel clima teso degli anni di piombo e dell’entrata in vigore della Legge Reale.  Le opere di Luigi Di Sarro sono presenti nelle collezioni di: Centre Pompidou, Parigi; Istituto Italiano di Cultura, Tokyo; Muse’e 2000, Lussemburgo; Calcografia Nazionale, Roma; Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; Galleria Comunale, Roma; MIFAV, Roma; Museo Palazzo Braschi, Roma; Buttafavarte, Cassano Magnago-VA; Centro L. Pecci, Prato; Civica Raccolta del Disegno, Salo’; Galleria Civica, Montedoro; Galleria Civica, Termoli; MAGa, Gallarate; MAGI -900, Pieve di Cento-BO; MAON, Rende-CS; Pinacoteca, Macerata; Pinacoteca, Trapani; collezioni private. Presentazione in catalogo di Renzo Margonari. (di sarro)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Italia arte contemporanea

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 aprile 2010

Sono Rosa Barba, Rossella Biscotti, Gianluca e Massimiliano De Serio e Piero Golia i 4 finalisti della prima edizione del Premio Italia Arte Contemporanea promosso dal MAXXI e curato da Bartolomeo Pietromarchi.  Mentre è iniziato il countdown verso l’inaugurazione del museo progettato da Zaha Hadid con la presentazione al pubblico delle sue collezioni di arte e di architettura, il MAXXI sottolinea ancora una volta la sua mission: ricerca e sostegno degli artisti contemporanei; produzione di mostre, eventi e progetti che arricchiscano la collezione; volontà di porsi come punto di riferimento internazionale.  Il premio è rivolto ad artisti italiani o residenti in Italia che abbiano fino a 45 anni. Ai quattro finalisti – selezionati da una giuria internazionale tra candidati proposti da nove direttori delle maggiori istituzioni di arte contemporanea in Italia – in autunno il MAXXI dedicherà una mostra con opere prodotte per l’ occasione dal museo. Sulla base dei lavori realizzati, la giuria decreterà il vincitore. La sua opera entrerà a far parte della collezione permanente del MAXXI e all’artista verrà dedicato un catalogo monografico su tutto il suo percorso artistico.  I candidati sono stati selezionati da Luca Massimo Barbero (MACRO – Roma), Cristiana Collu (MAN – Nuoro), Paolo Falcone (Fondazione Sambuca – Palermo), Massimiliano Gioni (Fondazione Trussardi – Milano), Beatrice Merz (Castello di Rivoli – Torino), Ludovico Pratesi (Centro Arti Visive Pescheria – Pesaro), Letizia Ragaglia (Museion – Bolzano), Annie Ratti (Fondazione Ratti – Como), Andrea Viliani (Fondazione Galleria Civica – Trento).  La giuria internazionale si è riunita il 25 marzo al MAXXI e ha scelto i finalisti. Erano presenti Lorenzo Bini Smaghi (Presidente Palazzo Strozzi – Firenze), Iwona Blazwick, (Direttore della Whitechapel Art Gallery – Londra), Carolyn Christov Bakargiev (Direttore artistico di Documenta 13 – Kassel), Anna Mattirolo (Direttore Maxxi Arte – Roma), Jannis Kounellis (artista), Adam Szymczyk (Direttore della Kunsthalle – Basilea). (biscotti, de serio, golia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »