Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘collezionismo’

Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano

Posted by fidest press agency su martedì, 28 novembre 2017

mostra vittorianoRoma Palazzo Venezia e Gallerie Sacconi al Vittoriano 7 dicembre 2017 – 4 marzo 2018 (anteprima per la stampa Mercoledì 6 dicembre ore 11.00 Palazzo Venezia, Sala Regia). Si apre a Roma la mostra Voglia d’Italia. Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano. Articolata in due sedi, Palazzo Venezia e Gallerie Sacconi nel complesso del Vittoriano, rimarrà aperta fino al 4 marzo 2018. L’iniziativa, promossa e organizzata dal Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, nell’ambito del programma di valorizzazione dei propri musei e luoghi di cultura, sottolinea la cura rivolta in particolare verso Palazzo Venezia e il Vittoriano, tornati ormai alla ribalta del grande pubblico. Nella circostanza il visitatore può fruire di un biglietto unico per le due sedi, che gli consente fra l’altro di accedere alla spettacolare terrazza panoramica del Vittoriano.Curata dallo storico dell’arte Emanuele Pellegrini, professore all’IMT – School for Advanced Studies di Lucca, la mostra si avvale di un comitato scientifico di alto profilo, del quale fanno parte Francesca Baldry, Roberto Balzani, Flavio Fergonzi, Annamaria Giusti, Donata Levi e Carl Brandon Strehlke.
La mostra presenta al pubblico – per la prima volta in modo organico – la raccolta vasta e sorprendente che i coniugi statunitensi George Washington Wurts ed Henrietta Tower misero insieme a cavallo fra XIX e XX secolo e donarono poi allo Stato italiano, per l’esattezza al museo di Palazzo vittorianoVenezia, dove tuttora è conservata. Alla base della mostra vi è comunque anche l’idea di restituire il contesto della raccolta Wurts, ovvero quella particolare forma di collezionismo che tra Ottocento e Novecento si legò così intimamente all’Italia, fino a concretizzarsi spesso nella donazione allo Stato di singole opere o di intere raccolte. La mostra illustra le dinamiche del collezionismo, soprattutto anglo-americano, e del mercato internazionale, sullo sfondo dei radicali cambiamenti vissuti in quegli anni dalla giovane nazione italiana e dalla sua nuova capitale, Roma. La costruzione del Vittoriano, iniziato nel 1885 e inaugurato nel 1911 nell’occasione dell’Esposizione che celebrava il cinquantenario dell’Unità d’Italia, diviene l’emblema che caratterizza la città all’alba del Novecento.Ai Wurts è dedicata la sezione allestita a Palazzo Venezia , con l’esposizione delle opere più significative della raccolta, molte delle quali sono state portate fuori dai depositi, studiate e restaurate per l’occasione.
Il contesto entro cui fiorì la passione dei Wurts per il collezionismo trova invece la sua collocazione ideale nelle Gallerie Sacconi del Vittoriano. Un congruo numero di opere, provenienti da prestigiosi musei e collezioni private italiane ed estere, racconta un intero mondo fatto di aste, di mercanti e di mercato, nazionali come internazionali, oltre all’affermazione di un artigianato di qualità portavoce di una rilettura “in stile” dell’arte del passato. L’inedito percorso espositivo si sviluppa anche in ambienti di solito non accessibili al pubblico e appena restaurati, fra cui le Gallerie Sacconi appunto, restituendo visibilità all’architettura interna del monumento. Da semplice teatro, o ‘contenitore’, il Vittoriano diviene così parte integrante e partecipe della mostra.La comunicazione è curata da Civita Mostre. Il catalogo è edito da Arte’m. In occasione dell’esposizione la Sala Regia di Palazzo Venezia ospiterà una rassegna sulla musica di quegli anni curata da Ernesto Assante. (foto: mostra vittoriano)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Asta Cose Preziose: il collezionismo d’epoca

Posted by fidest press agency su martedì, 18 ottobre 2016

asta

Roma venerdì 21 ottobre 2016, ore 15.00 unica sessione Esposizione: martedì 18, mercoledì 19 e giovedì 20 ottobre 2016 dallo ore 10.00 alle ore 19.00 Viale Giuseppe Mazzini 1 si terrà la prima asta ufficiale della nuova casa d’aste Bolli & Romiti – Casa d’aste in Roma, nata dalla collaborazione tra Donatella Bolli che vanta al suo attivo una pluriennale esperienza nelle più importanti case d’asta italiane e Fabrizio Romiti, proveniente da una delle famiglie di antiquari più conosciute d’Italia.
La prima asta con cui inaugurano la loro attività è Cose Preziose – il collezionismo d’epoca che mette all’incanto 368 lotti fra dipinti, sculture, opere su carta, mobili, arredi oltre ad una ricca offerta di porcellane, ceramiche, argenti, vetri e maioliche.
Come spiega Fabrizio Romiti “si tratta di un’asta in cui l’oggettistica di antiquariato è argomento predominante, da cui il titolo che abbiamo scelto. Si tratta di una selezione di oggetti, provenienti maggiormente da un’importante collezione romana, in cui l’attenzione per il dettaglio e la ricerca dell’oggetto raro è immediatamente evidente, e raggiunge la sua forma più raffinata in alcuni lotti davvero pregevoli”.
Da segnalare tra i dipinti antichi una grande tela di Keeley Halswelle I contadini attendono la benedizione di Papa Pio IX di fronte a San Giovanni in Laterano, dipinto tra il 1869 e il 1873, come il pittore stesso racconta su uno stralcio del suo diario incollato sul retro della tela, stimato tra i 40.000 e 60.000 euro, un piccolo olio su carta di David Teniers, Scena di osteria, stimato 10.000 – 15.000 euro, e sempre del Seicento, una tela dell’ambito di Giuseppe Maria Crespi La predica del Battista stimata tra 5.000 e 8.000 euro.

asta1

Tra le opere italiane del Novecento si segnalano un piccolo e prezioso olio su tavola di Giuseppe Viviani del 1921, Donna che cuce in cucina, stimato tra 12.000 e 15.000 euro, una tela di Giuseppe Aristide Sartorio Tramonto antico del 1914, stimato tra 5.000 e 7.000€, e una bella Madonna con Bambino in marmo scolpita da Alceo Dossena che ha una stima tra 10.000 e 15.000 euro.
A tempi più recenti risalgono due interessanti opere su carta, la prima disegnata a china e matita da Carlo Carrà nel 1945 dal titolo L’Aedo con una stima tra 5.000 e 7.000 euro e la seconda di Renato Guttuso E’ son tiranni… del 1960, con una stima tra 5.000 e 7.000 euro, e un piatto in terracotta smaltata policroma con due pesci di Leoncillo stimato tra i 4.000 e i 6.000 euro.
Nella sezione dedicata agli arredi si segnalano una coppia di rare consoles di periodo Carlo X lastronate in essenza di legni pregiati e intarsiate a motivi geometrici con ripiani in marmo policromi, provenienti da ambito siciliano o napoletano stimate tra 30.000 e 40.000 euro, un salotto in legno dorato e riccamente scolpito, del 1840 anch’esso di ambito napoletano con una stima tra 15.000 e 25.000 euro e un originale mobile italiano del XVII secolo, in legno laccato e dipinto con figure allegoriche e sculture di colonne e cariatidi, stimato tra 10.000 e 15.000 euro.
Particolarmente pregiati, infine, una coppia di lampadari in vetro di Murano cognac a quindici luci della manifattura Barovier&Toso con una stima tra 25.000 e 35.000 euro e un globo celeste del 1792 con una stima tra 3.000 e 5.000 euro. (foto: asta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il collezionismo fotografico”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

Bologna 14 aprile 2011 alle ore 18,30 presso la Galleria Spazio Testoni in Via D’Azeglio 50 a, avrà luogo l’incontro-dibattito con Claudio Marra e Denis Curti sul tema “Il collezionismo fotografico”. La mostra di fotografia da collezione in corso alla galleria SPAZIO TESTONI a cura di Denis Curti, è nata da un’idea azzardata e quindi affascinante: dare corpo e anima alle idee e alle immagini raccolte in un libro dedicato al collezionismo fotografico di Denis Curti e Sara Dolfi Agostini “Collezionare Fotografia”, edito da Contrasto nel 2010, che dà anche il titolo a questa esposizione di più di 50 opere. Quindi, proporre al mercato di amatori e collezionisti opere diverse tra loro: vintage, edizioni, open edition, fotografie di autori emergenti, grandi e riconosciuti maestri della fotografia. Una selezione davvero eterogenea, capace di restituire le diverse facce del mercato che, una volta messe in parete, dialogano tra loro senza contraddizione alcuna. Sono presenti in mostra le fotografie di Piergiorgio Branzi, William Klein, Gianni Berengo Gardin, Nino Migliori, Maurizio Galimberti, Ferdinando Scianna, Herbert List, Massimo Siragusa, Mario Giacomelli, Robert Capa, Eugene Smith, Paolo Ventura, Sebastião Salgado, Michel Comte, Giampaolo Barbieri, Alfred Eisenstaedt, Henri Cartier-Bresson, Fausto Giaccone, Martin Parr, Franco Fontana, Ernest Haas, Simona Ghizzoni, Nicola Cicognani, Elliot Erwitt, Andrew Zuckerman, Giorgia Fiorio, Albert Watson, Nina Leen, Margaret Bourke White, Stanislao Farri, Francesco Chieraschi,  Giacomo Giannini, Olivo Barbieri. L’esposizione resterà visibile fino al 28/05/2011 (collezionare fotografia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Venezia capitale del collezionismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 gennaio 2011

Cambia data la seconda edizione del “Salone del Collezionismo” che si terrà  nella Stazione Crociere di Venezia, Terminal 103, dal 29 aprile al 1 maggio 2011. Una manifestazione  organizzata da Adriano Cattani in collaborazione con  VTP Events,società che gestisce gli spazi espositivi,  la Federazione fra le Società Filateliche Italiane di Rimini, Poste Italiane e l’Associazione per lo Studio della Storia Postale di Padova. La rassegna porterà in laguna, appassionati, estimatori  ed esperti da tutta Italia ed Europa, alla ricerca del pezzo introvabile per completare la propria collezione. Un evento che si rivolge ad amanti di francobolli, monete, carte, stampe, libri antichi e tanti oggetti curiosi e rari. Nell’ultimo appuntamento erano presenti, oltre 70 espositori dall’Italia, Svizzera, Austria e Germania, con autentiche rarità, tra cui la Raccolta completa della prima rivista filatelica italiana risalente al 1874, uscita soli vent’anni dopo l’emissione del primo francobollo italiano.  Due le anime del salone: una sezione culturale, ed una parte espositiva dedicata ai vari ambiti del collezionismo. La prima ospiterà la più importante kermesse dedicata al  mondo della filatelia, l’Esposizione Filatelica Nazionale. Organizzata dalla Federazione fra le Società filateliche Italiane, presenta le collezioni più rare e preziose, ed i prodotti filatelici di ogni genere. La sezione riservata al mercato è divisa in tre segmenti. Nel primo, spazio alla numismatica e filatelia,  in cui si potranno acquistare, scambiare o vendere singoli pezzi o intere raccolte. Nell’area destinata al fumetto e collezionismo cartaceo, in mostra albi d’eccezione, edizioni storiche ed introvabili ( comics americani, fumetti italiani, strisce)  affiancati da rare documentazioni, fotografie e  cartoline d’epoca. Completa l’offerta un settore riservato al piccolo antiquariato ed al collezionismo navale con riproduzioni in scala statiche e dinamiche, piani e registri navali, uniformi, strumenti e carte di navigazione, oggettistica e suppellettili provenienti da navi, volumi a tema marino. In programma anche un convegno che si rivolge a operatori del settore, associazioni di categoria e pubblico interessato,  approfondendo temi legati al mercato filatelico / numismatico  e all’aspetto commerciale. L’ingresso al Salone del Collezionismo è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

LXI Premio Michetti: “Diorama Italiano”

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2010

Francavilla al Mare (Ch) 24 luglio 2010, ore 18 Museo Michetti (Mu-Mi), Piazza San Domenico, (dal 24 luglio al 31 agosto 2010)  sarà  inaugurata la sessantunesima edizione del Premio Michetti, a cura di Carlo Fabrizio Carli, con il titolo “Diorama Italiano”. Il titolo prescelto possiede una duplice valenza. Vuole indicare innanzitutto che italiani sono i trenta artisti, autorevoli e di vasta notorietà, che partecipano all’esposizione con opere quasi sempre realizzate appositamente per la mostra, ma anche che essi interpretano, spontaneamente e in assoluta libertà, altrettanti aspetti della creatività, della specificità, degli scenari esistenziali, in breve, dell’essere italiani. Estendendo all’intero settore dell’arte l’affermazione che Mina Gregori riservava recentemente all’ambito del collezionismo d’arte, questo equivale a dire che quello delle arti visive è un campo privilegiato per ritrovare l’identità italiana. Si tratta, come ciascuno può constatare, di un tema assai attuale, al centro del dibattito culturale, anche in vista delle pur difficili celebrazioni del centocinquantesimo anniversario dell’unità politica della nazione. Parte integrante di questo Premio Michetti è la sezione “Arte e Ambiente”, che non soltanto affronta un tema centrale per l’esistenza dell’uomo contemporaneo, ma riprende un’antica vocazione del Michetti che significativamente, nel 1976, volle premiare, assieme agli artisti, anche Franco Tassi, al tempo benemerito direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo.
Artisti presenti: Ubaldo Bartolini, Tommaso Cascella, Angelo Casciello, Francesco Cervelli, Marco Colazzo, Michele Cossyro, Alberto Di Fabio, Stefano Di Stasio, Iginio Iurilli, Massimo Livadiotti, Salvatore Marrone, Andrea Martinelli, Alberto Mingotti, Cesare Mirabella, Mauro Reggio, Ruggero Savinio, Giancarlo Sciannella, Fabrizio Sclocchini, Giovanni Soccol, Ernesto Terlizzi.Sezione “Arte e Ambiente”: Marco Appicciafuoco, Andrea Benetti, Immacolata Datti, Margherita del Balzo, Isabella Ducrot, Ettore Frani, Piero Gilardi, Federica Luzzi, Carla Mattii, Mariano Moroni.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Venezia, apre il salone del collezionismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 aprile 2010

Venezia dal 23 al 25 aprile il Terminal 103 del Porto lagunare ospiterà la prima edizione del “Salone del Collezionismo”, organizzata dall’Associazione per lo Studio della storia postale di Padova con la collaborazione di Società Venezia Terminal Passeggeri Events, Poste Italiane ed Editrice Elzeviro. Il Salone, che dopo trent’anni riporta il grande collezionismo in Laguna, promette di essere uno degli eventi di riferimento per gli appassionati su scala nazionale, sviluppandosi in un’area di 2.500 mq con la presenza di circa 100 operatori del settore provenienti anche dall’estero, in particolare da Austria, Germania e Svizzera.  Nei tre giorni di manifestazione ci sarà spazio per ogni ambito del collezionismo, dalla filatelia alla storia postale, dalla numismatica alle stampe e libri antichi, e poi ancora cartoline, telecarte, collezionismo cartaceo, con la possibilità di ottenere perizie filateliche dai maggiori esperti del settore.  Il Salone ospiterà i nomi più importanti del collezionismo italiano, con convegni e incontri culturali e commerciali, e tra i tanti eventi è da segnalare l’esposizione della prima annata completa della prima rivista filatelica italiana, La Posta Mondiale, datata 1873.  Per l’occasione Poste Italiane emetterà due speciali annulli filatelici figurati, e altrettante cartoline celebrative sono state stampate dall’organizzatore in tiratura limitata. Durante la manifestazione infine, verranno celebrati i 40 anni dell’Unione Filatelisti Interofili presieduta da Carlo Sopracordevole.  L’evento gode del patrocinio di Provincia di Venezia, Comune di Venezia, Autorità Portuale di Venezia e Federazione fra le Società Filateliche Italiane L’ingresso al Salone del Collezionismo è gratuito e sono previste iniziative speciali per le scolaresche. (cartolina)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da Courbet a Picasso

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 giugno 2009

Martigny (Svizzera) 19 giugno – 22 novembre 2009 Rue du Forum 59 dal Museo Pushkin di Mosca  Nel giugno del 2009 la Fondation Pierre Gianadda presenta la mostra De Courbet à Picasso nella collezione del Museo Statale di Belle Arti Pushkin di Mosca. È la seconda volta che il celebre museo moscovita presenta i suoi tesori a Martigny: la prima rassegna fu dedicata ai capolavori della pittura francese e si tenne nel 2005. La mostra copre il periodo più significativo nell’arte a cavallo tra la seconda metà del XIX secolo e i primi tre decenni del XX, indagando la storia del collezionismo in Russia. Le opere proposte sono dei capisaldi nella storia delle tendenze artistiche, spaziando dal realismo alla libertà pittorica dell’impressionismo, alla profonda individualità dei maestri del postimpressionismo, alle sperimentazioni degli inizi e della maturità dell’avanguardia europea. Il periodo affrontato coincide con lo sviluppo in Russia delle forze creative e sociali, che ha sollecitato l’attenzione verso le novità e ha indirizzato i collezionisti anche verso le esperienze più significative dell’arte straniera.  Le opere presentate in questa mostra sono state acquisite a Parigi da raffinati collezionisti moscoviti d’arte contemporanea come Sergei Tretiakov, Sergei Šchukin, Ivan Morozov e altri ancora e sono successivamente confluite in buona parte proprio nelle collezioni del Museo Pushkin. Tretiakov si dedicò soprattutto alle opere di Corot e Courbet, Šchukin acquistò con una passione tutta particolare dipinti di Claude Monet, Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso, mentre Ivan Morozov preferiva le tele di Auguste Renoir, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Paul Cézanne e Maurice Denis. La mostra si apre con opere di Camille Corot, artista lirico e introverso, la cui scelta eccezionale è dovuta all’intuizione di Sergei Tretiakov, fratello di Pavel Tretiakov, celebre collezionista d’arte russa e fondatore della Galleria Tretiakov. È grazie a lui che Mosca può vantare la più importante tela di Corot del suo ultimo periodo Le bain de Diane. Il dipinto di Courbet Chalet dans la montagne dipinto dal maestro del realismo durante il suo esilio in Svizzera è un brillante esempio dell’arte del paesaggio. Quanto al monumentale La bénédiction des jeunes époux di Dagnan-Bouveret, capolavoro della collezione di Tretiakov, esso riflette l’interesse dei pittori realisti per la rappresentazione empatica di temi della vita di provincia.  Una delle sezioni più importanti della mostra alla Fondation Pierre Gianadda è legata ai pittori della cerchia degli impressionisti e di Eduard Manet. Il suo eccezionale Portrait d’Antonin Proust è esemplare dello stile di questo maestro sperimentatore. Spiccano inoltre La danseuse chez le photographe di Edgar Degas, Au jardin  di Pierre-Auguste Renoir, riferibili ai primi anni dell’impressionismo, La meule de foin  e Nymphéas blancs  di Claude Monet, dove lo stile maturo di questo capofila del movimento appare in tutto il suo splendore, e inoltre i paesaggi di Alfred Sisley e di Camille Pissarro. L’esposizione è curata da Irina Antonova, direttrice del Museo Pushkin, che introduce anche il catalogo – cui collaborano anche Anna Poznanskaïa et Alexeï Petoukhov – dove sono riprodotte a colori tutte le opere esposte.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scultori a Napoli

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2009

sculturaNapoli fino all’11/5/2009 La Mediterranea arte via Carlo de Cesare, 60.  L’apertura di questa mostra nei locali della galleria di Napoli -La Mediterranea arte – di Saverio Ammendola è dedicata ad alcuni scultori a cavallo fra Otto e Novecento in ambito napoletano. E’ un evento che ha una duplice valenza: da una parte la rilevanza storica degli artisti e delle opere; dall’altra la conferma del rinnovato interesse per la scultura meridionale anche in ambito collezionistico. Cio’ significa che se da un certo tempo gli studi stanno rivalutando il mondo della scultura almeno in quei cento anni che vanno dalla metà dell’Ottocento al secondo dopoguerra, il collezionismo contemporaneo, che ha sempre accordato le sue preferenze alla pittura, sta ora aprendosi anche in direzione delle opere plastiche. La mostra che oggi è costituita in massima parte da un nucleo di opere proveniente dalla privata raccolta di Nino Rapicavoli (Chines Collection), appassionato collezionista d’origine siciliana,e da opere provenienti da altre raccolte private. La rassegna comprende opere di D’Orsi, Aurisicchio, Barbella, Chiaromonte, De Micheli, Parente, Frascione, Amendola, Tizzano, Gemito, Amoroso, Tomati, Belliazzi, Jerace, Renda, Rossi. La mostra e’ stata curata da Isabella Valente con saggio su catalogo e allestita da Anna Lucia Cagnazzi. (scultura)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »