Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘colori’

Raphael Ware: I colori del Rinascimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2019

Urbino 31 Ottobre 2019 – 13 Aprile 2020 Urbino, Galleria Nazionale delle Marche Palazzo Ducale mostra a cura di Timothy Wilson e Claudio Paolinelli. Direzione di Peter Aufreiter.
La Galleria Nazionale delle Marche svela 147 raffinati esemplari di maiolica rinascimentale italiana, provenienti dalla più grande collezione privata del settore al mondo.
Una raccolta di altissimo livello appartenente ad un colto collezionista che ha concesso di esporre il suo tesoro al Palazzo Ducale di Urbino, in concomitanza con la grande mostra “Raffaello e gli amici di Urbino” promossa dalla Galleria Nazionale delle Marche.
Ciascuna delle 147 maioliche testimonia, a livelli altissimi, come la grande stagione rinascimentale italiana sia riverberata su ogni forma artistica e, nello specifico, in quella della maiolica. Tecnica, o meglio arte, che esprime in pieno la ricerca estetica, il clima culturale, ma anche il modus vivendi, che fanno dell’Italia e dei suoi artisti, tra Quattrocento e Cinquecento, il faro culturale dell’Occidente.
Già dal Seicento, nei paesi europei, la maiolica cinquecentesca italiana diventa una vera e propria passione collezionistica ed, a quella istoriata, da considerarsi a pieno titolo un aspetto della pittura rinascimentale, viene associato il nome del grande pittore urbinate: in inglese Raphael ware.
Seguendo il gusto rinascimentale per la decorazione figurata, i pittori di maiolica – tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento – iniziano a coprire ogni superficie disponibile dei loro oggetti, con istorie di ogni sorta. Le composizioni possono essere invenzioni originali degli stessi maestri ceramisti o riecheggiare quelle delle arti maggiori, ed ancora, essere estratte da xilografie o incisioni.Nel ducato di Urbino, Casteldurante, Gubbio, Pesaro ma, soprattutto, il capoluogo, divengono famosi per l’istoriato. Urbino è infatti la città che, nella seconda metà del Quattrocento, il Duca Federico trasforma in una delle capitali del Rinascimento, richiamandovi i massimi esponenti della cultura del tempo ed edificandovi il Palazzo Ducale, capolavoro indiscusso della storia dell’architettura di ogni tempo. La città che, di lì a poco, proprio per il clima culturale instauratovi, dà i natali a Raffaello, il pittore la cui levatura ancora giganteggia nel panorama artistico universale.
Proprio il contesto che dà vita al genio raffaellesco, fornisce l’humus creativo e la formazione artistica necessari alla nascita ad alcuni dei più grandi artisti della maiolica italiana: Nicola da Urbino, Francesco Xanto Avelli e Francesco Durantino.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aveva 16 anni

Posted by fidest press agency su sabato, 2 marzo 2019

Un colpo di pistola e il mondo con tutti i suoi colori svanisce d’improvviso. Quei colori che già erano in fuga, lasciandoti sola con i detriti ritenuti insormontabili.
Una ragazzina di sedici anni impugna la pistola del padre e fa fuoco su di se.
I colori anche quelli che “stavano” scappando, adesso sono ritornati lì, inginocchiati a quel corpo scomposto.
Quando accadimenti come questo ci attraversano la strada mettendoci con le spalle al muro, per noi adulti è un preciso dovere, obbligo, fin’anche necessità, domandarci: come può una adolescente esser talmente disperata da non intravedere più alcuna speranza, più alcuna uscita di emergenza.
Sedici anni dentro un mondo capovolto, che non ha più un senso, non consegna più risposte, sedici anni pervasi da una sensazione di inadeguatezza, fino a giungere in prossimità di un silenzio drammatico quanto il bisogno di dare un taglio alla sofferenza più ostinata, un dolore profondo che scava, scava, scava, nella solitudine più colpevole.
Una ragazza muore per una scelta libera? Assolutamente no, come qualcuno invece molto semplicisticamente potrebbe male interpretare. Muore perché quella dignità che ognuno e ciascuno di noi porta ben allacciata in vita, subisce scossoni, torsioni, ripiegamenti tali da non ritenere più prioritario il rispetto per se stessi, dunque il venir meno di quella manutenzione irrinunciabile ad alimentare la consapevolezza del nostro valore umano.
Non sono le formulette disegnate alla lavagna, a insegnarci il valore del rispetto, per noi stessi e gli altri, infatti ciò lo si apprende solo e unicamente attraverso la pedagogia della nonna, cioè del buon l’esempio.
Una brava ragazza dicono tutti, a significare una adolescente che faceva diligentemente il suo, una giovane che non dava problemi, non moltiplicava i mal di testa, non disturbava ne rubava tempo ad alcuno. Forse allora, assai meglio che ne consegnasse brevi mano qualcuno di questi grattacapi, di questo disagio sottopelle, di queste rese mal addomesticate.
Quando penso a questa ragazzina, mi ritorna in mente, un altro ragazzino, sopravissuto miracolosamente alla tragedia, rammento come era tronfio nel dire che lui non aveva bisogno di nessuno, non si fidava di nessuno, perché tutti erano lì per darti una fregatura.
Entrambi per vie differenti, sordità diverse, non ce l’hanno fatta a rimanere fermi sul posto, hanno preferito il salto in avanti, manco fosse quel buio bucato a dare sollievo alla propria sofferenza.
Quel dolore dapprima sconosciuto allo stato della mente, rende ogni cosa priva di importanza, di fascino, spogliata di qualunque passione. Ma nonostante tutto rimane inalterata la non-scelta di fidarsi di qualcuno, di chiedere aiuto a qualcuno. So bene che non sempre è facile o scontato farlo, ma chi riesce ad alzare la mano, a chiedere un ascolto, a toccare la spalla di una persona autorevole, ebbene quel ragazzo non è un debole, uno sfigato, bensì una persona veramente forte. (by Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chagall: Colore e magia

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 settembre 2018

Asti 27 settembre 2018 – 3 febbraio 2019 arriva ad Asti il mondo elegante e utopistico di Marc Chagall. Con un percorso che indaga aspetti inediti della vita e della poetica di Chagall – attraverso una selezione di opere uniche presentate di rado al pubblico perché provenienti da importanti e inaccessibili tesori privati – la mostra giunge ad Asti dopo la tappa coreana al M Contemporary Museum di Seoul dove sta ottenendo un grandissimo successo di pubblico.
Un grande progetto che rappresenta il punto di partenza di un’importante collaborazione tra Arthemisia e il Comune di Asti che, a Palazzo Mazzetti, ospita opere di varie epoche della vita di Chagall: dai suoi primi lavori degli anni ’20 alla fuga traumatica dall’Europa durante la seconda guerra mondiale fino agli ultimi anni trascorsi dall’artista negli Stati Uniti.
Un mondo intriso di stupore e meraviglia; opere nelle quali coesistono ricordi d’infanzia, fiabe, poesia, religione e guerra; un universo di sogni dai colori vivaci, di sfumature intense che danno vita a paesaggi popolati da personaggi, reali o immaginari, che si affollano nella fantasia dell’artista.Opere che riproducono un immaginario onirico in cui è difficile discernere il confine tra realtà e sogno, lo stesso mondo che Chagall raffigura nei suoi libri di incisioni.Con oltre 150 opere, un percorso espositivo diviso in 7 sezioni e curata da Dolores Durán Úcar, Palazzo Mazzetti ospita Chagall. Colore e magia, una mostra organizzata dalla Fondazione Asti Musei, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e dal Comune di Asti, con il patrocinio di Regione Piemonte e Provincia di Asti, in collaborazione con Arthemisia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “La Storia. La Luce. I Colori. L’Etna”

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 agosto 2018

Taormina Domenica 16 settembre alle 19,00 l’appuntamento è sulla terrazza dell’Art -Hotel Vello D’Oro alla presenza di Vittorio Sgarbi. In uno scenario spettacolare, con il tramonto sull’Etna, diversi artisti ricorderanno la figura del Maestro Cuscona, che concepì l’Hotel interamente come uno spazio d’arte. La serata avrà protagonisti gli attori Elio Crifò (nelle vesti di presentatore),Annalisa Picconi,Valentina Martino Ghiglia, Francesca Romana Miceli Picardi, il chitarrista Jakob Fischer, gli artisti figurativi Aykut Saribas e il gruppo danese GYRR che per l’occasone dedicherà a Giuseppe Cuscona l’opera scultorea ”Pancrazio”: presenterà l’opera lo storico d’arte danese Ole Villadsen. Coordinatrice delle iniziative: Tamako Sakiko Chemi.
Direzione artistica : Maria Brigida Cuscona.
Gli spazi espositivi, che nelle architetture richiamano alla memoria quelle di Gaudì, ospitano invece l’antologica del Maestro Cuscona, dalle sue architetture ai soffitti, dalle multicolorate ceramiche con smalti a base metallica (fusi ad alta temperatura) ai ferri-battuti da lui disegnati. Tutti gli ambienti sono impreziositi da quadri, disegni, sculture in legno a mosaico, statue in ceramica, abiti e tessuti d’arredo, che testimoniano l’intensa vita artistica di Giuseppe Cuscona sin dalla sua gioventù.
L’associazione culturale Giuseppe Cuscona ”Scienze, Arte e Spettacolo” in collaborazione con il Medea Residence e l’Art-Hotel Vello D’Oro, con il patrocinio della Regione Siciliana e del Comune di Taormina, dedicheranno due serate, il 12 e il 16 settembre, in memoria del Maestro Giuseppe Cuscona. Collaboreranno all’iniziativa Giada Briguglio, Santina Ciatto, Marilena Florio e Giovanna Spadaro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

“I colori di Orsogna” nei quadri di 18 artisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 agosto 2018

Orsogna (Chieti) Il pittore Antonio Mazziale di Campobasso ha vinto la XVII edizione del concorso di pittura estemporanea “I colori di Orsogna”, organizzata dal locale Circolo artistico e dall’Amministrazione comunale. Un appuntamento che ogni anno consente agli orsognesi di guardare il loro paese attraverso gli occhi di artisti che mettono su tela e reinterpretano gli angoli e i panorami più belli e interessanti. Al vincitore è andato il primo premio mentre il secondo e il  terzo sono andati rispettivamente  ad Antonio Civitarese di Canosa Sannita e a Gianni Mastrantoni di Priverno (Latina). Quarto classificato è stato Francesco Costanzo di Torre Cajetani (Frosinone). I riconoscimenti sono stati consegnati dal sindaco, Fabrizio Montepara. Erano diciotto i partecipanti, giunti da diverse regioni. Una sezione è stata dedicata ai ragazzi, premiati tutti ex-aequo con materiali scolastici. La giuria ha evidenziato la qualità delle opere realizzate e ha auspicato la crescita dell’iniziativa. Della giuria hanno fatto parte Antonietta Orsatti, Angelo Adorante, Angelo Catano, Gabriele Vitacolonna, Giampietro Verna, Giuseppe Liberati e Serafina Cipollone. Presidente del Circolo artistico di Orsogna è Giustino Bartoletti.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le ombre” si tingono con i colori dell’arcobaleno

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 agosto 2018

Allorché posi mano ad un mio racconto, in parte autobiografico, titolato “Le Ombre” immaginai da subito un viaggio misterioso e avventuroso. In quell’occasione raccontai la storia di un incontro con una persona che suscitò in me un notevole stato emotivo. Vi pervenni, in ogni modo, per gradi. Mi concentrai inizialmente sul “personaggio” per cercare di capire con chi avevo a che fare. Riandai, spesso, al tempo in cui lo incontrai per la prima volta. Mi apparve, almeno credo, casualmente. In seguito, e a distanza d’anni, lo vidi altre tre volte e tutte in luoghi diversi e in momenti, in apparenza, fortuiti. Con il senno di poi vi cercai una spiegazione logica, razionale, ma alla fine mi rimase il dubbio e capace solo di vagolare nella fantascienza.
Poteva essere un ologramma, un extraterrestre oppure un semplice parto della fantasia. Sta di fatto che mi coinvolse in tre generi di “conversazioni” dove nelle prime due si parlò molto di me di ciò che avevo fatto e del mio futuro e dei rapporti che intrattenevo con i miei simili, interessi e aspirazioni e, nel terzo, il discorso si estese agli eventi della vita ripercorrendo quel tratto che ci porta dalla modernità alla contemporaneità e ci lascia intravedere il futuro, ma non senza brevi riferimenti e confronti con un passato remoto.
Alla fine cercai in qualche modo di rimuovere il personaggio dalla mente e di concentrarmi solo sugli argomenti trattati l’ultima volta che ci vedemmo, in una fredda sera d’inverno a Berna.
Vi pervenni, soprattutto, per evitare l’imbarazzo nell’affrontare un argomento di difficile lettura interpretativa quale fu, in effetti, la sua “presenza fisica”, mentre mi apparvero più logici e conformi al mio pensiero le riflessioni sugli eventi storici più vicini al mio tempo, e che il mio interlocutore seppe stimolarne l’attenzione e un rinnovato interesse da parte mia.
Non volli, quindi, arrovellarmi il cervello e farne una sorta d’ossessione esistenziale pensando a una figura che allora sembrò, ma in un certo senso lo è tutt’oggi, appartenere più all’esoterismo e meno all’essoterismo.
D’altra parte non avevo la preparazione adeguata per un’analisi più approfondita del caso, né mi sentivo di coinvolgere altre persone in un’esperienza che intimamente facevo mia e non avrei voluto fosse, in qualche modo, esposta a giudizi sommari ed impietosi sia nei miei riguardi sia per colui che fu il mio compagno di ventura in un sia pure brevissimo tratto della mia vita. Ero altresì convinto che qualsiasi cosa avessi scritto o detto sarebbe rimasta, per chi avesse avuto la ventura di leggermi, un solo parto della fantasia, e quindi nulla di tangibile, nulla di verificabile, secondo i canoni scientifici oggi noti. Vada allora per la fantasia e non ne parliamo più. Restano, tuttavia, le nostre conversazioni, il suo penetrare nella mia mente, gli stimoli che ne ricevetti e la possibilità che ricavai nel vedere gli eventi sotto una diversa angolatura. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Albstadt si è tinta dei colori dell’arcobaleno

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 Mag 2018

La seconda tappa della Coppa del mondo di MTB ha visto trionfare i campioni del mondo Nino Schurter e Jolanda Neff. I due svizzeri hanno sbaragliato la concorrenza, sfruttando le loro abilità tecniche su un percorso già sulla carta impegnativo, reso ancor più complicato dalle forti piogge degli ultimi giorni.
La gara femminile è stata caratterizzata da tamponamenti, scivolate e i più svariati guai meccanici, ma il primato di Neff non è mai stato messo in discussione. Partita al comando, ha fatto gara in solitaria fino alla fine, quando ha tagliato la linea del traguardo con 2’16” di vantaggio su una ritrovata Yana Belomoina, al rientro in Coppa dopo l’infortunio invernale, che allo sprint ha avuto la meglio su Anne Tauber e Alessandra Keller. Quinto posto per Elisabeth Brandau, 18° per la campionessa d’Italia Eva Lechner.
«Le condizioni climatiche oggi sono state il mio miglior alleato… Amo correre su percorsi così difficili… Sapevo che il fango avrebbe giocato a mio favore» ha dichiarato la vincitrice di giornata.
Il sole ha fatto capolino in cielo per la corsa maschile. Schurter è scattato dalla terza fila in seguito al ritiro per problemi meccanici dallo short track, breve e intensa corsa disputata per la prima volta il venerdì tra i migliori 40 del ranking mondiale e che ha decretato l’ordine di partenza della prova cross country. Questo poteva essere uno svantaggio per il campione del mondo, che però fin dallo sparo ha dimostrato di meritare la testa della corsa. Sam Gaze, vincitore a Stellenbosch, ha perso le ruote dei migliori nel corso della prima tornata a causa di problemi meccanici. Alla quarta scalata della Gonzo Uphill, l’iridato ha sferrato l’attacco deciso a cui ha saputo resistere solo il francese Stephane Tempier, che si è riuscito a scrollare di dosso il giro successivo con un’altra accelerata. Schurter trionfa con 16″ di margine su Tempier. Il giovane Mathieu Van der Poel chiude terzo davanti a Maxime Marotte e Jordan Sarrou. Miglior italiano il Prorider Marco Aurelio Fontana, 13° dopo la top ten ottenuta nello short track (8°, prima fila), davanti al connazionale Luca Braidot. 19° la promessa Gioele Bertolini.
«Che bella sensazione vincere la prima corsa dell’anno, è un sollievo. Partire indietro non è l’ideale, ma tutto è andato per il meglio. Voglio ripetermi il prossimo fine settimana» ha commentato Schurter, che con questa vittoria è balzato al comando della classifica di Coppa.
Il circuito fuoristrada più importante a livello internazionale prosegue il prossimo week end a Nové Mesto in Repubblica Ceca e, come sempre, su Red Bull TV.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Colori” Solo exhibition of Alexander Jakhnagiev

Posted by fidest press agency su sabato, 30 settembre 2017

Alexander jakhnagievNew York Consolato Generale d’Italia 690 Park Ave, NY 10065 3 – 12 October 2017 Opening Monday 2 of October 2017 6:30 p.m. the solo exhibition “Colori” by Alexander Jakhnagiev. The exhibition, curated by Pino Purificato, will be hosted at the Consulate from October 3 to 12.It will be a journey through the last works of Alexander Jakhnagiev painted for the audience of New York. 15 paintings and a video-installation illustrating the last performances of the artist will be shown.
Among the artist’s projects of great social and media impact it is worth to remember the “Crash Art” painting on accidented cars to raise awareness on road safety, hosted in front of the Italian Parliament in Piazza Montecitorio; “Umbrellas”, more than 2,000 painted umbrellas that completely covered a street in Assisi in a Land Art installation and still “Umbrellas” on the occasion of the Republic Day, during the Military Parade of the 2nd of June in the presence of the Italian President Mattarella; “Feet of Art” painting on the feet of the players of Perugia soccer team, whose prints on canvas were sold for charity to support children with leukemia; “Underground” and “Slavery” two performative works with homeless and with prostitutes of Rome.Alexander Jakhnagiev, son of the famous artist Ivan Jakhnagiev, has made over 100 solo exhibitions set up around the world in public spaces (the Italian Parliament, the European Parliament in Brussels) and private galleries. He lives and works in Rome.Jakhnagiev is a European artist. The bright colors of his works, his enthralling performances and his dynamic style tell about Europe and its people. They also talk about the plurality that characterizes the Old Continent and that made it a cradle and a bastion for freedom – both artistic and of expression. He is an artist of that European Italy that we are more and more bound to build. Benedetto Della Vedova Undersecretary of State – Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Colori” Mostra personale di Alexander Jakhnagiev

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 settembre 2017

Alexander jakhnagievIo M'Ammo performanceNew York Lunedì 2 ottobre, a partire dalle 18,30 ore locali, presso il Consolato Generale d’Italia a New York (690 Park Ave, NY 10065), la mostra personale “Colori” di Alexander Jakhnagiev. La mostra, curata da Pino Purificato, sarà ospitata nella sede del Consolato dal 3 al 12 ottobre.
Un viaggio con le ultime opere di Alexander Jakhnagiev dipinte per il pubblico di New York. In mostra 15 tele e una video installazione che racconta le ultime performance dell’artista.
Tra i progetti di grande impatto sociale e mediatico ricordiamo la “Crash Art” la pittura su macchine incidentate per sensibilizzare sulla sicurezza stradale ospitata di fronte al Parlamento italiano a Piazza Montecitorio; “Ombrelli”, oltre 2.000 ombrelli dipinti che hanno coperto integralmente una strada ad Assisi in un’installazione di Land Art e ancora ”Ombrelli” in occasione della festa della Repubblica, Sottosuoli performancedurante la parata militare del 2 Giugno ai Fori Imperiali con il Presidente della Repubblica Mattarella; “Piedi d’Arte” pittura sui piedi dei calciatori del Ac Perugia le cui impronte su tela sono state vendute per beneficienza in favore dei bambini malati di leucemia:“Sottosuoli” e “Schiavitù” due percorsi performativi con gli homeless e con le prostitute di Roma.
Alexander jakhnagiev, figlio del famoso artista Ivan jakhnagiev, ha al suo attivo oltre 100 mostre personali allestite in tutto il mondo in spazi pubblici (Parlamento Italiano, Parlamento Europeo a Bruxelles) e privati. Vive e lavora a Roma.
Alexander Jakhnagiev è un artista europeo. I colori vivaci delle sue opere, le sue coinvolgenti performance e il suo stile dinamico raccontano dell’Europa e delle sue genti, della pluralità che contraddistingue il vecchio continente e che lo ha reso al contempo una culla e un baluardo della libertà, espressiva ed artistica. Un artista di quella Italia Europea che sempre più dobbiamo costruire.
Benedetto Della Vedova Sottosegretario di Stato, Ministero degli Esteri. (foto: Alexander jakhnagiev, Io M’Ammo performance, Sottosuoli performance)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione della mostra “I colori della prosperità”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 aprile 2017

Roma Giovedì 20 Aprile 2017, ore 12:00 Villa Farnesina Via della Lungara 230. Inaugurazione della mostra I colori della prosperità: frutti del Vecchio e Nuovo Mondo a cura di Antonio Sgamellotti e Giulia Caneva giovedì 20 aprile 2017 con il sostegno del Croma di Roma Tre.www.croma.uniroma3.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra “Segni, colori e parole per i bambini”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 marzo 2017

Roma Sabato 1 Aprile 2017, ore 11:00 / 30 Aprile 2017 Moby Dick – Biblioteca hub culturale Via Edgardo Ferrati 3. Quaranta studentesse dei corsi di Letteratura per l’infanzia tenuti da Lorenzo Cantatore nel Dipartimento di Scienze della Formazione di Roma Tre durante l’anno accademico 2016-2017 si sono confrontate con i libri di Antonella Abbatiello, una fra le più interessanti illustratrici e scrittrici per l’infanzia attive oggi in Italia. Il progetto, che ha un carattere prettamente didattico, si ispira al dibattito contemporaneo sull’educazione alla lettura e nasce dall’urgenza di sensibilizzare i futuri educatori e insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria a un uso consapevole del libro per bambini, indagandone le infinite possibilità di approccio critico e pedagogico. Dopo un articolato percorso laboratoriale di analisi e interpretazione dei testi e delle immagini di Abbatiello, le studentesse hanno progettato e curato un itinerario espositivo. All’interno di un corpus di opere pubblicate dall’artista lungo circa trentacinque anni di attività, sono stati approfonditi momenti, personaggi, temi, emozioni, luoghi, tecniche, luci e colori con l’intento di mettere a fuoco alcune delle caratteristiche di fondo che rendono questa autrice così amata dal pubblico bambino. Fra i pannelli didattici ritroveremo immagini e parole tratte da libri ormai celebri come Stella stellina, Storie piccine picciò, La pappa dolce, Maremé¸ Farfalla, Alfabeto delle fiabe, Facce ecc. Alla mostra le giovani curatrici hanno pensato di collegare una serie di laboratori dedicati ai piccoli visitatori. I bambini potranno assistere a letture ad alta voce degli albi illustrati di Antonella Abbatiello, ma anche essere protagonisti di attività grafico-pittoriche ispirate al mondo di quest’autrice che non finisce mai di sorprendere i suoi lettori, sia piccoli che grandi.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expo 2015: artista messinese porta colori, odori e aromi dei mercati di Sicilia

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 settembre 2015

saloniaAll’Expo 2015 di Milano l’artista siciliano Dimitri Salonia, di Messina, porta i colori, gli odori e gli aromi dei mercati dell’isola. “Questa iniziativa dei mercati siciliani – ha spiegato – la sto portando avanti da più di trent’anni. I mercati in Sicilia di origine araba oggi stanno scomparendo perché la maggior parte di questi venditori, che proponevano questo cibo eccellente a poco prezzo, non erano autorizzati e venivano considerati abusivi. Così hanno praticamente distrutto quasi tutti i mercati e io vado a raccogliere queste voci, odori e memorie portandoli nel mondo e l’occasione giusta è l’Expo di Milano”.
“Il Mediterraneo – spiega – è il luogo dove si sono affacciati da millenni i popoli che hanno costruito la storia dell’umanità e dove Ulisse viaggiava alla ricerca delle Colonne d’Ercole. Purtroppo quando Cristoforo Colombo andò oltre le Colonne d’Ercole, il Mediterraneo si è perso ed è finita la nostra civiltà. Noi vogliamo recuperarla questa civiltà, perché è qui che è nata la vita!”. “Io – dice all’Italpress in riferimento al dramma dell’immigrazione – ho una gran pena per questa gente che scappa dalle guerre, ha fame ed ha bisogno di aiuto”.“Noi siciliani siamo stati un popolo di emigranti e provo orrore quando vedo che li vogliono respingere”. In merito all’Expo, poi afferma: “È una grandissima opportunità, non la volevano fare perché dicevano che non avevamo i soldi. Ma che cosa vuol dire? Proprio perché siamo in crisi bisogna cercare nuove opportunità. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto noi italiani, non dobbiamo più piangerci addosso perché siamo un popolo di poeti, artisti e navigatori e bisogna continuare su questa strada”. (Testo a cura di Christian Flammia) (foto: salonia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il giardino autunnale: i consigli di Bakker

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 luglio 2015

giardinaggiogiardinaggio1Con settembre si torna alla routine quotidiana, le vacanze sono quasi un ricordo ma l’estate non è ancora finita e il giardino è ancora pieno di colori e profumi. Le temperature sono ancora gradevoli e il caldo non è più così opprimente: è quindi il momento giusto per ricominciare a prendersi cura delle piante e del giardino.Nel nuovo catalogo di Bakker, azienda leader a livello europeo nella vendita a distanza di prodotti di giardinaggio, si possono trovare utili suggerimenti per il giardino autunnale: ai classici best seller si affiancano infatti molte novità e affascinanti varietà esclusive.Tra queste, ad esempio, la tendenza del momento: la collezione di bulbi Berlino, premiata dal giardino botanico olandese del Keukenhof, che propone un mix di bulbi da piantare a mano libera per ottenere un sorprendente effetto naturale. O ancora le Collezioni multistrato, confezioni complete che comprendono bulbi in 3 diverse varietà, viole e un vaso colorato e che, seguendo il consiglio di Jacques Bakker, permettono di avere terrazzi fioriti da novembre a maggio.Il nuovo catalogo di Bakker (disponibile da fine agosto) contiene l’assortimento completo dei prodotti a piantagione autunnale.
Da quest’anno i cataloghi Bakker sono realizzati con una nuova e accattivante veste grafica, un design contemporaneo, un’impaginazione più chiara e colori freschi e vivaci che li rendono più attuali e di grande impatto emozionale: il restyling è stato studiato per celebrare il settantesimo anniversario dell’azienda insieme ai suoi clienti e a tutti coloro che conoscono e apprezzano il mondo del giardinaggio. (foto: giardinaggio)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacoli allo Hangarbiccoca

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2011

Milano 26 giugno 2011 dalle ore 18.30 Via Chiesa 2 HangarBiccoca “Un viaggio tra i colori, sapori, musica e danza del grande continente assaporando il fascino delle culture, della creatività” per sostenere la scuola in Togo.
Un Dj che propone un genere musicale ancora poco conosciuto in Italia, ma molto conosciuto in Francia, in Belgio, e caratterizzato dalla fusione di molteplici ritmi rielaborati in chiave moderna, suona musica dal vivo particolarmente piacevole per orecchiabilità e movimento. Il sound, che riunisce vari strumenti della tradizione africana (come i tamburi congolesi) a quelli moderni (chitarre elettriche ecc..) non potrà che dare momenti di ascolto e di danza di sicuro coinvolgimento. Rumba Congolese, Soukous, Makossa, Malax, Folkloric, AfroBeat, SonMontuno, Funk, Reggae, Zouk. Tutti ritmi africani moderni e tradizionali, sviluppati dai musicisti locali in uno stile elettrico urbano che combina elementi dell’highlife, rumba congolese e ritmi latino-americani come il merengue, insieme a melodie per mbira, balafon, fisarmonica, tromba, coro, chitarra e percussioni.. Nati nei bar, locali e studi di registrazione del Congo, Cameroun, Sud Africa, Nigeria, Senegal, Mali, Costa d’Avorio e che sono diventati subito diventato una musica di successo. Un ballerino professionista sarà in grado di coinvolgere l’intero pubblico divertendo e rendendolo protagonista, anche coloro che non si sentono particolarmente avvezzi alla danza non riusciranno a restare fermi. Darà una connotazione di novità e susciterà interesse e coinvolgimento nel pubblico L’evento unisce alla musica una performance di danza africana, la danza e la musica fanno parte dell’eredità culturale e tradizionale del popolo africano. Musica moderna e tradizionale dall’Africa per sostenere la scuola in Togo. Una parte dell’incasso sarà dedicato al progetto.
Con il progetto “Operazione Scuola Sicura” diamo aiuto ai ragazzi togolesi nell’età della scuola dell’obbligo che non hanno le capacità materiali ed economiche di poter iniziare o proseguire gli studi poiché le famiglie si trovano in difficoltà economiche per poter sostenere le rette scolastiche e tutto ciò che concerne lo studio. (aperitivo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Volti e colori del Darfur”

Posted by fidest press agency su domenica, 22 Mag 2011

Firenze, Ieri, 21 maggio, ore 15 alla Fortezza da Basso nell’ambito della rassegna internazionale Terra Futura, manifestazione che mette al centro le tematiche e le buone pratiche della sostenibilità sociale, economica e ambientale, è stato presentato il libro ‘Volti e colori del Darfur’ – Edizioni Gorée – di Antonella Napoli, giornalista e africanista nonché presidente di Italians for Darfur, organizzazione promotrice in Italia della campagna di sensibilizzazione per i diritti umani in Sudan. L’opera, un viaggio tra i rifugiati nei campi profughi del Darfur, raccoglie le testimonianze dei sopravvissuti alle violenze dei janjaweed, milizie arabe sanguinarie che dal febbraio 2003 massacrano il popolo darfuriano, e delle principali vittime di questo conflitto: le donne.
A cura di Terra Futura e dell’associazione Leggere i Diritti, in collaborazione con Salone del Libro di Torino, la conferenza è stata l’occasione per un dibattito sull’onda delle rivolte in Nord Africa e in Medio Oriente. Oltre all’autrice era presente Cecilia Strada, presidente di Emergency a cui sono devoluti parte dei proventi della vendita del libro.
Trenta scatti, realizzati e selezionati dalla presidente di Italians for Darfur che raccontano momenti di vita quotidiana, spesso ai limiti della sopravvivenza, nei campi profughi della regione sudanese che vive la più grave e complessa emergenza umanitaria attualmente in corso nel mondo.
Antonella Napoli nasce il 9 gennaio 1972 a Salerno, dove studia e si forma fino all’esame di Stato in Giornalismo. Dopo un’esperienza radiofonica e televisiva passa alla carta stampata, mantenendo sempre alto il baluardo della promozione e la difesa dei diritti umani. Vive per alcuni anni tra Londra, New York e Milano per poi stabilirsi a Roma, dove risiede e lavora. Il reportage “Andata e ritorno dall’inferno del Darfur”, realizzato da giornalista indipendente in Darfur, è stato presentato al concorso “Ilaria Alpi”, edizione 2008.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Ewolving

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Roma – complesso del Vittoriano – sala del giubileo (ingresso Via San Pietro in Carcere) Mostra Ewolving è un’arte nata nell’intento di riunire ciò che l’uomo ha separato e ciò richiede uno sforzo. L’attenzione e il tempo che voi dedicherete a questo viaggio, la profondità a cui vorrete spingervi dipende da voi, ma c’è spazio per possibilità infinite. Molto di ciò che esiste non può essere afferrato dai colori né dalle parole, ma può risvegliarsi nel fluire del sangue come impulso all’azione in una nuova coscienza delle cose.  In ogni immagine vive una sintesi che non ha mai nulla di casuale, tutto è in sfera causale in questa mostra. Nell’inversione di due piccoli suoni il genio della lingua parla di noi, sopra ogni cosa.  Si rivela un mistero che, a chi conosce l’euritmia è facile comprendere in un gesto, ma si tratta comunque di tempi diversi del medesimo processo che dal caos vuole sempre ricreare un cosmos. Questa è l’eterna spinta evolutiva. (Eleonora Brigliadori)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

”Colori e forme di Alessandro Nastasio”

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 gennaio 2011

Roma 8 – 17 Gennaio 2011 – Museo Crocetti – Via Cassia, 492 – Lunedí-Sabato ore 11.00-13.00 – 15.00-19.00 – Domenica 11.00-18.00 Martedí 11 e Mercoledí 12 chiuso Ingresso libero. Mostra curata da Franco Maria Messina
“Pittore milanese, Alessandro Nastasio è ormai uno dei nomi fatidici dell’arte italiana del Novecento e del primo decennio del nuovo secolo. Dopo aver studiato nella sua città e poi lavorato a Roma con Sarra e Purificato, passa all’insegnamento. Nel contempo inizia la grande serie di mostre delle sue opere sia in Italia che all’estero. L’arte e la poetica del disegno di Nastasio creano mondi altri, dove lo spettatore si trova spiazzato ma emozionato, poiché è invitato ad accedere alla fantasia e all’irreale di un mondo perfetto cullato dalle curve e dalle onde di forme rassicuranti. Sono i colori e le forme che attirano immediatamente, ma essi non sono fini a se stessi, quanto invece ‘portavoce’ dei contenuti. Nelle sue opere Nastasio rende evidente lo stretto rapporto che lo lega alla natura, raffigurata anche attraverso simboli primordiali. I temi cari sono i miti, le leggende e le divinità, che egli collega perfettamente ai paesaggi in cui ambienta le storie, che racconta attraverso la pittura, avvalendosi di una stesura del colore che alterna tratti netti e materici, che fungono quasi da contenitori delle immagini, a campiture piú tenui che caratterizzano gli sfondi. Apparato Critico di Laura Baldi e Paola Manera Allestimento di Caterina Crispolti – Organizzazione “The Wit”

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove esperienze di shopping

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2010

Roma 18 e domenica 19 dicembre Piazzale Ponte Milvio dalle ore 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.30 il tour di QVC arriva a Roma per portare nelle città italiane l’emozione di una nuova esperienza di shopping Sarà il nuovo canale televisivo che scende nelle principali piazze italiane per presentarsi e far provare agli amanti dello shopping un’esperienza d’acquisto davvero unica. • Un box mobile brandizzato con i colori del canale, è pronto ad ospitare  tutti coloro che vorranno provare QVC, una vera e propria boutique on air di famosi brand italiani e internazionali nei settori moda, bellezza, gioielli&bijoux, casa, elettronica. All’interno del box un personal shopper QVC introdurrà gli ospiti ad una nuova esperienza di shopping, insegnando come fare acquisti direttamente dal divano di casa. • In onda sul digitale terrestre (canale 32), sul satellite (Sky canale 475 e tivùsat canale 32) e in streaming sul sito http://www.qvc.it, QVC ha aperto i battenti il 1° ottobre, posizionandosi come la più grande e innovativa boutique televisiva – con 17 ore di diretta ogni giorno – per offrire un nuovo modo di shopping e un nuovo format di intrattenimento.
Un esperto accoglie gli ospiti e li guida nell’emozionante esperienza di “toccare con mano” cosa significa fare shopping su QVC.  E’ questa la campagna scelta da QVC per farsi conoscere in Italia: un box brandizzato che fa tappa in sei piazze italiane e che richiama la scatola con cui vengono spediti i prodotti acquistati sul nuovo canale. All’interno del box saranno trasmessi in diretta i programmi QVC per permettere agli shopping addicted che lo visitano di provare una nuova esperienza di acquisto.  Il nuovo canale tv, on air dal 1° ottobre su digitale terrestre (canali 26 e 45) e sul satellite (Sky canale 475 e tivùsat canale 34), è pronto quindi per conquistare anche gli italiani, come è già accaduto per QVC USA, Gran Bretagna, Germania e Giappone. (dsc)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le tolèle di Chioggia: “I colori del mare”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2010

Cattolica, Palazzo del Turismo, fino al 9 gennaio 2011  A pieno titolo gli ex voto rientrano in quel patrimonio di Fede e di cultura che comunemente si chiama devozione o pietà popolare. Giovanni Paolo II a tal riguardo nella lettera Apostolica Vecensimus quintus annus afferma che la “pietà popolare non può essere ignorata, ne trattata con indifferenza o disprezzo, perché è ricca di valori e già di per sé esprime l’atteggiamento religioso di fronte a Dio”.  Nella sterminata e secolare produzione di ex voto esiste una tipologia particolare molto suggestiva, quella presente nelle chiese o nei santuari delle città di mare : si tratta per lo più, di tavolette dipinte di piccole dimensioni, realizzate “per grazia ricevuta” (P.G.R.) che raccontano con efficace drammaticità autentiche tragedie marinaresche. Questo particolare non è riportato nei dipinti più antichi, come nelle declinazioni con l’apparizione della Vergine, ma viene sintetizzato nella formula “votum fecit et gratiam accepit” (V.G.&G.A.). In Chioggia, particolarmente le pareti della Chiesa di San Domenico risultano tappezzate di “tolèle”, ossia “ex voto”, non i classici cuori d’argento, ma quadretti di legno, senza cornice, riproducenti con ingenua freschezza e immediatezza, i drammi, le bufere e le sofferenze sopportate in mare dai pescatori chioggiotti. A far cornice alla mostra di ex voto, una interessante e sapiente esposizione di acquerelli del mare realizzati da Maurizio Rinaldi.  L’artista da anni vive a contatto con il mare e con le barche. Il disegno è una sua dote connaturata non solo all’attività professionale ma anche a quella del mare attraverso le opere esposte. La passione per la marineria tradizionale lo porta ad approfondire questa conoscenza anche attraverso l’arte del dipingere, una vecchia passione per la pittura con il mondo del mare, creando  dipinti all’acquerello ed inchiostro che espone con successo in varie mostre. I soggetti nella loro realistica semplicità ma altrettanto dinamiche, contengono un tocco di esaltazione degli elementi che il mare e la vela esprimono. Giuseppe Fuggiano (in sintesi) (mostra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I colori e le emozioni di Luciano Tigani

Posted by fidest press agency su domenica, 5 dicembre 2010

Sanremo (via Solaro 134) Sale d’Arte del Nyala Suite Hotel mostra del polistenese Luciano Tigani.  Il vernissage si é svolto alla presenza dell’artista. Dopo il saluto di benvenuto dell’ing. Igor Varnero (Nyala), ha preso la parola Giorgia Cassini, critico d’arte, ideatrice e curatrice dell’esposizione che ha il suggestivo titolo “luoghi del cuore”.  La dottoressa Cassini ha sottolineato l’alta padronanza della tecnica pittorica di Tigani, nonché la particolarità della tematica iconografica tenacemente ancorata ai tratti distintivi dei grandi maestri del passato. E ha aggiunto: “Il colore di Tigani crea lo spazio per accostamenti e contrapposizioni di zone diverse, si articola ritmicamente secondo norme compositive dettate proprio dall’armonia esistente fra i vari toni e le diverse tinte. L’armonia che nasce dai suoi colori è serena ed equilibrata, così come la composizione fresca e festosa appare pervasa da un’intima e rigorosa misura”.  L’elegante ed attento allestimento della mostra permette di compiere un inedito viaggio attraverso una trentina di opere ad olio che rievocano quei paesaggi e quelle vedute che tanto hanno colpito l’artista e che sono, insieme, tempo e colore, realtà e sentimento: da “Polistena vecchia” a “Chianalea all’imbrunire”, da “Isola Capo Rizzuto” a “Gatanedu”; da “Fiumara con riflessi” a “Scorcio ligure”.  Al vernissage era presente anche il consigliere regionale Alessio Saso.  La mostra, è visitabile sino al 16 gennaio 2011, tutti i giorni dalle ore 10 alle 19. Ingresso libero.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »