Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 19

Posts Tagged ‘comitato tecnico’

Si è appena concluso l’incontro con il comitato tecnico scientifico del ministero dopo la firma dei protocolli per il rientro a scuola in sicurezza

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 agosto 2020

Fermo restando che si ritiene indispensabile che le scuole aprano regolarmente secondo i calendari regionali a partire dal 14 settembre, restano da definire numerosi dettagli non discussi nei protocolli, “dal Rapporto del ISS appare chiaro che il referente COVID per sede scolastica appaia come una figura di natura dirigenziale, visto che l’incarico ai sensi del punto 1.3.2 può essere assunto dallo stesso dirigente scolastico, ci si chiede pertanto se ci siano dei criteri per la sua individuazione o se ogni istituto ne avrà dei propri” commenta Gianmauro Nonnis “tale figura deve essere adeguatamente formata, il che significa che l’individuazione di tali figure deve avvenire prima dell’avvio dell’anno scolastico al fine di effettuare la formazione prima dell’ingresso del personale e dell’utenza, ovvero gran parte degli istituti è già in ritardo”.“Altro punto critico per cui non si trovano linee guida sono le attività convittuali” ha ribadito Nanni Saccone che con il DS Vito Lo Scrudato completano la delegazione “si potrebbero adattare le indicazioni per i dormitori e i casermaggi ma occorre agire velocemente”. Resta poi il problema legato alla valutazione del rischio biologico già sollevata in occasione del primo protocollo per gli Esami di Stato e ribadita nelle successive sedute per il riavvio in sicurezza dell’anno scolastico, espressamente indicata nel Rapporto ISS “quando di una fonte pericolo non si conoscono i contorni la valutazione del rischio collegata deve essere massima, il che significa che in questo momento tutti i DVR degli istituti d’Italia devono adeguare le valutazioni e per contro, devono prendere misure compensative che garantiscano equivalenti livelli di sicurezza” afferma Marcello Pacifico “il TU sulla sicurezza inoltre parla chiaro, laddove occorre sorveglianza sanitaria occorre individuare un Medico Competente del Lavoro, così come riportato al punto 1.4 del Rapporto ISS, appare quindi necessario in questa fase che tutti gli istituti siano posti sotto sorveglianza sanitaria e il MCL diventi obbligatorio per tutti gli istituti” conclude Marcello Pacifico “in questo momento tale obbligo è relativo solo alle misure di “sorveglianza sanitaria eccezionale” di cui al decreto 83/2020 per i lavoratori fragili”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ritorno in classe: il Comitato tecnico scientifico dimentica “le vie di fuga”?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Il Comitato tecnico scientifico deve chiarire una volta per tutte i parametri di distanziamento tra gli alunni quando torneranno in aula a settembre: nell’arco di un mese, infatti, sono giunte indicazioni ufficiali che entrano in contraddizione perché prima tengono conto degli spazi di mobilità e poi sorvolano su questi metri fondamentali per garantire la sicurezza. A sottolinearlo è la testata Tuttoscuola: “nel documento del CTS del 28 maggio – scrive la rivista specializzata – nell’indicare il metro di distanziamento si sottolinea più volte di tenere anche in considerazione dello spazio di movimento. Questa esigenza dello spazio di movimento non viene né quantificata né richiamata nel documento del 22 giugno, ma una ‘via di fuga’, aggiuntiva al distanziamento da bocca a bocca, ancorché non identificata (urge chiarire quanto prima!), va prevista in termini precisi per consentire il calcolo attendibile della capienza dell’aula”.“Secondo noi – sostiene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – i riferimenti sugli spazi di fruibilità delle aule in sicurezza sui quali i dirigenti scolastici e gli enti locali devono agire sono indiscutibilmente quelli indicati nel primo documento del Comitato tecnico scientifico: accalcare quasi 30 alunni per classe sarebbe un’imprudenza, una irresponsabilità, che non vogliamo e non possiamo nemmeno prendere in considerazione”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tecnologia, infrastrutture e know how

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 febbraio 2011

Udine. Si è tenuto ieri pomeriggio in Sala Valduga l’approfondimento sul mercato brasiliano, promosso dalla Camera di Commercio di Udine con il cofinanziamento di Unioncamere in collaborazione con la Camera di Commercio italo brasiliana, cui hanno preso parte, ospiti del presidente Cciaa Giovanni Da Pozzo, il presidente e il consigliere della Camera italo-brasiliana Luciano Feletto e Piero Martinuzzi, e Davide L. Petraz, esperto di registrazione di marchi, brevetti e nome commerciale del comitato tecnico della Camera italo-brasiliana. «La provincia di Udine rappresenta oltre il 64% delle esportazioni del Fvg verso il Brasile – ha detto Da Pozzo –. Export che, dopo un 2008 e un 2009 difficili, ha registrato un fiducioso segno più nel periodo gennaio-settembre 2010. Il Pil del Brasile ha registrato nel 2009, nonostante la crisi, un +1,5%, nel 2010 un +4,6% e le previsioni per 2011 parlano già di un +5-6%. Se i dati paiono promettenti, per capire quanto lo siano basta andarci: il Brasile è e sarà uno dei motori dell’economia, ma anche il Paese che detta le regole. Regole complesse che una provincia con forte vocazione all’estero come la nostra deve conoscere bene per portare il suo export a rilanciarsi». Feletto, Martinuzzi e Petraz hanno infatti insistito su un punto, trovando piena condivisione in Da Pozzo: la necessità per le nostre Pmi di di aggregarsi, ma anche di prepararsi al meglio e in anticipo. Cosa fare prima di esportare? Adeguare i codici doganali internazionali alle nomenclature Ncm Brasiliane; conoscere le imposte principali, le modalità e la cronologia di calcolo. Ma anche: fare affidamento sull’ente camerale italiano in Brasile, che sostiene il percorso competitivo delle Pmi, italiane e friulane, a partire dalla scelta dell’area migliore in cui esportare un determinato prodotto, fino alla strategia d’ingresso e permanenza nel mercato. Come ha precisato Feletto, il Brasile ha sempre difeso la sua produzione nazionale, mentre alcuni settori sono liberalizzati perché strategici per lo sviluppo del Paese, settori in cui i brasiliani non hanno sviluppato un know how. Per il contract friulano, dunque, il Brasile può rappresentare il futuro, poiché è uno dei comparti che saranno maggiormente trainati dai Grandi lavori previsti per il 2014-2016 (il valore dell’indotto è da 30 miliardi di dollari), legati anche alle infrastrutture, alle Tlc, alla tecnologia per la sicurezza. Nell’agroalimentare pure ci sono ottime possibilità, ma – hanno messo in guardia i relatori – qui, in particolare, la parcellizazione non funziona. Andare da soli significa forse riuscire a vendere alcuni container e ottenere un guadagno immediato, ma non è una strategia di vendita. Attenzione, inoltre, alla tutela della proprietà intellettuale, da curare prima di arrivare sul mercato. Il Brasile non fa parte della convenzione sul marchio internazionale: è dunque necessario un deposito nazionale brasiliano per tutelare la propria idea e sfruttarla sul mercato. Inoltre, quando un’azienda italiana va in Brasile proponendo la sua idea innovativa, se qualcuno la utilizza già o inizia a utilizzarla in buona fede per almeno sei mesi, la nostra impresa perde la proprietà e, di conseguenza, il mercato. «Sta a voi poi dimostrare che il competitor non è in buona fede», ha ammonito Petraz. E, forse, una causa in Brasile può costare di più di un deposito studiato ed effettuato con cura. (camera commercio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le Strade del Vino Campi Flegrei

Posted by fidest press agency su domenica, 14 giugno 2009

Francesca Adelaide Di Criscio (amministratrice della Cantina Quartum di Quarto), è il nuovo presidente di “Le Strade del Vino Campi Flegrei”, Rosario Mattera (Presidente dell’associazione “Campi Flegrei a Tavola”) viene riconfermato vice presidente.  Rinnovato per due terzi il Consiglio di Amministrazione che resterà in carica tre anni.  Queste le importanti novità dell’assemblea dei soci di “Le Strade del Vino Campi Flegrei”, tenutasi presso la Cantina Masseria del Borro lunedì 8 giugno 2009 e presieduta dalla presidente uscente, la signora Carolina Lubrano Lo bianco (Cantine del Borro)  Il primo passo che il Consiglio ha messo in campo è la creazione di un comitato tecnico interno che collaborerà a stretto contatto con il nuovo presidente. L’obiettivo, dopo un lungo percorso di assestamento, è rendere operativi gli itinerari del vino nei Campi Flegrei con una serie di iniziative.  Il primo banco di prova sarà “Malazè”, la festa dell’enogastronomia dei Campi Flegrei, che si terrà dal 4 al 15 settembre sull’intero territorio flegreo.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »