Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘commissione’

Trattativa Stato-Mafia, Cirielli (FdI): “Gravi parole Di Matteo e Ingroia, subito commissione d’inchiesta”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2020

“Le dichiarazioni del consigliere del Csm Nino Di Matteo, confermate dall’ex procuratore di Palermo Antonio Igroia, sono gravissime e non possono passare in sordina”. Lo dichiara il Questore della Camera dei Deputati e presidente della direzione nazionale di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli: “Va fatta assolutamente luce sul ruolo che, secondo i diretti interessati, avrebbe cercato di assumere, all’epoca, l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in merito alle vicende legate al conflitto di attribuzioni riguardante l’inchiesta sulla trattativa Stato-Mafia. Se tutto ciò che hanno raccontato pubblicamente i due magistrati fosse acclarato dai fatti – prosegue Cirielli – bisognerebbe istituire subito una commissione parlamentare d’inchiesta per accertare ruoli e responsabilità. E Napolitano dovrebbe dimettersi immediatamente da senatore a vita. Su questa inquietante vicenda, che coinvolge alcuni tra i massimi rappresentanti delle nostre istituzioni, occorre accendere ancora di più i riflettori, perché gli italiani meritano di conoscere la verità” conclude Cirielli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissione inchiesta decide audizione Consob su vendite scoperto

Posted by fidest press agency su martedì, 26 maggio 2020

“L’Ufficio di presidenza della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario ha deciso questa mattina di audire i vertici di Consob in merito alla sua gestione nel periodo della crisi finanziaria prodotta dall’epidemia di Covid-19”. Ad annunciarlo è il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, capogruppo di FdI nella Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario.
“Fratelli d’Italia per prima aveva denunciato i ritardi e le incertezze da parte della Consob nei difficili giorni dell’emergenza Covid, quando sulla Borsa di Milano si abbattè la crisi economica e finanziaria. Denunce che abbiamo reiterato, poi, qualche giorno fa quando la Consob ha deciso in maniera affrettata di consentire nuovamente le vendite allo scoperto. In entrambi i casi il ritardo o l’eccessivo anticipo hanno prodotto gravissimi contraccolpi sul mercato azionario con la perdita di miliardi di euro tra investimenti e risparmi degli italiani. A tal proposito avevo chiesto alla Commissione che quanto prima i vertici della Consob fossero auditi affinchè si facesse luce sull’intera gestione finanziaria in questa drammatica fase, perché è impensabile che mentre milioni di italiani soffrivano il peso dell’epidemia c’era chi lucrava sui loro soldi. Ecco perché la decisione di questa mattina dell’Ufficio di presidenza della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario di autorizzare l’audizione di Consob è per me motivo di soddisfazione oltre una vittoria di Fratelli d’Italia. Finalmente potremo fare chiarezza su cosa sia accaduto in questi giorni, sulle scelte operate e su eventuali vantaggi che da tali decisioni potrebbero essere stati ricavati”, conclude il senatore de Bertoldi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Commissione europea sostiene le organizzazioni giovanili

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 maggio 2020

A causa della crisi da coronavirus, molti giovani sono isolati dai loro coetanei e non possono svolgere le normali attività quotidiane, inoltre le loro prospettive occupazionali, la loro vita sociale e le loro attività ricreative sono avvolte dall’incertezza. Le organizzazioni giovanili hanno bisogno di sostegno per guidare e assistere i giovani in questo periodo di crisi e aiutarli ad acquisire competenze utili per la loro vita e a prepararsi per il futuro.Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “La pandemia di COVID-19 ha effetti negativi sulle prospettive sociali ed economiche dei giovani ed è essenziale garantire loro il sostegno delle organizzazioni giovanili in questo momento e nel lungo periodo. Il settore giovanile può intraprendere azioni positive e partecipare a una ripresa sostenibile a lungo termine. Il bando pubblicato oggi è focalizzato sul sostegno alle organizzazioni giovanili, affinché possano agire nel campo della partecipazione inclusiva e della solidarietà, anche in linea con le sfide connesse alle competenze digitali e agli stili di vita rispettosi dell’ambiente.” Il bando è rivolto alle ONG, che possono proporre progetti che coinvolgono almeno 5 partner di 5 paesi in grado di mobilitare i giovani in partenariati nei paesi partecipanti al programma Erasmus+. Il termine per la presentazione dei progetti è il 28 luglio 2020.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore della prostata: La Commissione Europea approva darolutamide

Posted by fidest press agency su sabato, 4 aprile 2020

La Commissione Europea ha autorizzato la commercializzazione nell’Unione Europea (EU) di darolutamide, inibitore orale del recettore per gli androgeni (ARi). Il farmaco, sviluppato congiuntamente da Bayer e Orion Corporation, un’azienda farmaceutica finlandese che opera su scala mondiale, è raccomandato per il trattamento dei pazienti con tumore della prostata non metastatico resistente alla castrazione (nmCRPC), che sono ad alto rischio di sviluppare malattia metastatica. Bayer è responsabile della commercializzazione a livello globale, in cooperazione con Orion Corporation, in alcuni mercati europei, come Francia, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito, Penisola Scandinava e Finlandia. Darolutamide ha una struttura chimica peculiare che inibisce la crescita delle cellule di carcinoma prostatico, limitando al contempo gli effetti collaterali che impattano sulla vita quotidiana dei pazienti. L’approvazione in EU si basa sui dati dello studio di fase 3 ARAMIS, che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di darolutamide in associazione alla terapia di deprivazione androgenica (ADT), rispetto a placebo associato a ADT. Il tumore della prostata che rimane confinato all’organo ma che, trattato con terapia di deprivazione androgenica (ADT), continua a progredire senza sviluppare metastasi anche quando il valore di testosterone nell’organismo si riduce a livelli molto bassi, è conosciuto come nmCRPC. Sulla base dei dati di incidenza del tumore della prostata, nel 2018, si stima che in Europa più di 67.000 uomini abbiano ricevuto la diagnosi di CRPC. Circa un terzo degli uomini con nmCRPC sviluppa metastasi entro due anni.
Nello studio ARAMIS, la sopravvivenza globale (OS) e il tempo alla progressione del dolore erano endpoint di efficacia secondari. Al momento dell’analisi finale di sopravvivenza libera da metastasi, è stato osservato un trend positivo nella sopravvivenza globale. I dati di OS non erano ancora maturi. I risultati dell’analisi di OS già pianificata saranno presentati a un prossimo convegno di oncologia entro il 2020. Oltre ai risultati di MFS, è stato osservato un ritardo del tempo alla progressione del dolore rispetto a placebo in associazione a terapia di deprivazione androgenica (ADT). Tutti gli altri endpoint secondari, il tempo alla chemioterapia citotossica e il tempo al primo evento scheletrico sintomatico (SSE), hanno mostrato un beneficio a favore di darolutamide al momento dell’analisi finale di MFS.L’associazione di darolutamide e ADT ha dimostrato un profilo di sicurezza favorevole. Le reazioni avverse più frequenti nel braccio di darolutamide e ADT, che si sono manifestate con un incremento assoluto della frequenza ≥ 2%, rispetto a placebo e ADT, sono state fatigue/astenia (16% vs 11%), dolore agli arti (6% vs 3%) e rash (3% vs 1%). L’interruzione dovuta ad eventi avversi è stata osservata nel 9% dei pazienti in entrambi i bracci dello studio.
Darolutamide è stato approvato a marzo 2020 nell’ambito dell’Unione Europea per il trattamento di pazienti con carcinoma prostatico non metastatico resistente alla castrazione (nmCRPC), che sono ad alto rischio di sviluppare metastasi. Darolutamide ha anche ricevuto l’approvazione regolatoria negli Stati Uniti, in Australia, Brasile, Canada e Giappone, e autorizzazioni sono in via di approvazione o programmate in altri Paesi.Darolutamide è un inibitore orale del recettore degli androgeni (ARi) con una struttura chimica peculiare: si lega al recettore degli androgeni con un’elevata affinità e mostra una forte attività antagonista, inibendo la funzione del recettore e la crescita delle cellule di carcinoma prostatico. È anche in corso uno studio di Fase III (ARASENS) di darolutamide nel tumore della prostata ormono-sensibile metastatico. Informazioni sullo studio sono disponibili nel sito http://www.clinicaltrials.gov.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Commissione pubblica orientamenti sui diritti dei passeggeri

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 marzo 2020

In seguito alle misure adottate dai governi nazionali, comprese restrizioni di viaggio e controlli alle frontiere, gli orientamenti mirano a rassicurare i passeggeri in merito alla tutela dei loro diritti.La Commissaria per i Trasporti Adina Vălean ha dichiarato: “Alla luce del gran numero di annullamenti e dei ritardi cui sono confrontati i passeggeri e gli operatori dei trasporti a causa della pandemia di COVID-19, la Commissione vuole garantire certezza giuridica sulle modalità di applicazione dei diritti dei passeggeri nell’UE. In caso di cancellazione, il fornitore del servizio di trasporto deve rimborsare i passeggeri o proporre loro una soluzione di trasporto alternativa. Se è il passeggero a decidere di annullare il viaggio, il rimborso dipende dalla tipologia di biglietto e le compagnie possono offrire un buono da utilizzare per un acquisto successivo. Gli orientamenti pubblicati oggi forniranno la certezza giuridica necessaria su come applicare i diritti dei passeggeri in modo coordinato in tutta l’UE. Continuiamo a monitorare la situazione, che è in continua evoluzione, e adotteremo ulteriori misure, se necessario.”Gli orientamenti dovrebbero anche contribuire a ridurre i costi per il settore dei trasporti, gravemente colpito dall’epidemia. Riguardano i diritti dei passeggeri del trasporto aereo, ferroviario, stradale, marittimo e per vie navigabili interne e gli obblighi corrispondenti dei vettori.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commissione trasporti si impegna a fermare i voli ‘fantasma’ causati dal COVID-19

Posted by fidest press agency su domenica, 15 marzo 2020

La Presidente della commissione per i trasporti e il turismo ha accolto con favore la proposta della Commissione e promesso che i deputati lavoreranno rapidamente alla legislazione.”Non è nell’interesse di nessuno far volare aerei vuoti e ciò comporta un grande costo ambientale ed economico. Dobbiamo fermare questa pratica e fare in modo che l’industria dell’aviazione possa far fronte alle attuali circostanze straordinarie causate dall’epidemia di COVID-19″, ha detto la Presidente della commissione per i trasporti Karima Delli (Verdi/EFA, FR).”La regola “usalo o lo perdi” è già stata temporaneamente sospesa in passato in diverse occasioni e il Parlamento è impegnato a trovare una soluzione rapida con il Consiglio”, ha aggiunto la Presidente.Le regole di assegnazione degli slot riguardano sempre la stagione seguente. Gli slot per l’estate 2020 sono già stati confermati l’anno scorso. Ciò significa che c’è tempo sufficiente per lavorare e votare su questo dossier prioritario.Il Parlamento sta ora esaminando la proposta della Commissione e nei prossimi giorni annuncerà i dettagli del’iter necessario per avviare il lavoro legislativo insieme al Consiglio.In base alle regole attuali (regolamento UE sulle bande orarie negli aeroporti (CEE 95/93)), le bande orarie (slot) per il decollo e l’atterraggio degli aeromobili sono assegnate nell’UE da coordinatori indipendenti, per le stagioni di programmazione estiva o invernale. Se un vettore aereo ha utilizzato le bande orarie per almeno l’80% del tempo durante una determinata stagione, le conserva anche per la stagione corrispondente successiva (questa convenzione è denominata “bande orarie storiche”, “diritti acquisiti” o “regola 80-20”). In caso contrario, le bande orarie rientrano nel pool per la riassegnazione. Di conseguenza, gli slot sottoutilizzati dai vettori aerei vengono riassegnate (la cosiddetta regola “use it or lose it”).La regola “use it or lose it” è stata temporaneamente sospesa in passato in diverse occasioni, ad esempio in seguito agli eventi dell’11 settembre 2001, durante la guerra in Iraq, durante l’epidemia di SARS nel 2003 e, nel 2009, in risposta alla crisi economica e al suo impatto sull’industria dell’aviazione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Commissione Industria, ricerca ed energia visita le imprese di Lombardia e Piemonte

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2020

Parlamento europeo. Industria aerospaziale ed innovazione i temi al centro della missione della delegazione della Commissione ITRE del Parlamento europeo nelle due regioni del nord Italia tra il 24 e il 26 febbraio.
Prenderanno parte alla missione i deputati Patrizia TOIA (S&D) (Italia) – capo delegazione, Massimiliano SALINI (PPE) (Italia), Andrius KUBILIUS (PPE) (Lituania), Josianne CUTAJAR (S&D) (Malta), Christophe GRUDLER (Renew) (Francia), Henrike HAHN (Verdi) (Germania), Georg MAYER (ID) (Austria). A questi si affiancheranno i membri accompagnatori Eleonora Evi (NI) (Italia), Isabella Tovaglieri (ID) (Italia), Andrea Caroppo (ID) (Italia).
I parlamentari visiteranno diverse realtà imprenditoriali di Lombardia e Piemonte che rappresentano un modello in settori come l’aerospazio, la difesa e l’innovazione. Lunedì 24 saranno a Varese alla divisione elicotteri di Leonardo e alla Alfredo Grassi spa. Martedì sarà la volta del centro aeronautico Leonardo a Torino, della Thales Alenia, della Altec e della LMA Aerospace Tecnology.
I deputati avranno anche la possibilità di confrontarsi con i rappresentanti di Federchimica (lunedì), Politecnico di Torino (martedì), Polihub e Politecnico di Milano, European Research Council (mercoledì).
Il viaggio della delegazione arriva in un momento cruciale per la definizione del prossimo bilancio pluriennale europeo che sostiene ampiamente l’innovazione nei settori oggetto della visita. Il Parlamento europeo ha chiesto più coraggio nella definizione di un quadro finanziario in grado di sostenere queste industrie fondamentali per il futuro della UE.
La visita si concluderà mercoledì 26 febbraio alle 13.30 con un breve punto stampa presso il palazzo della Regione Lombardia, piazza Città di Lombardia 1, Milano.Programma sintetico:
Lunedì:14.00 – 16.00 Visita presso Leonardo – Divisione elicotteri 16.30 – 18.00 Visita presso la Alfredo Grassi S.p.a con scambio di vedute su innovazione e sostenibilità 20.30 Incontro con Federchimica per una discussione sulle materie di competenza della Commissione ITRE.
Martedì: 9.30 – 11.00 Visita presso il centro aeronautico Leonardo – Torino Caselle
11.30 – 12.00 Visita alla Thales Alenia Space – Thales Alenia Space Overview
12.45 – 13.10 Visita presso Altec
14.30 – 15.30 Visita presso L.M.A.
16.00 – 18.00 Politecnico di Torino – Incontro con autorità e rappresentanti del mondo industriale.
Mercoledì:
09.15 – 09.45 Visita a Polihub e Officine Edison
11.00 – 13.30 Incontro con le autorità regionali sulle politiche a sostegno di innovazione, ricerca, investimenti e sviluppo sostenibile: esperienze maturate nel settore dell’utilizzo di fondi europei e aspettative sul bilancio pluriennale 2021-2027 (Palazzo della Regione Lombardia, Sala Opportunità – 13esimo piano).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una commissione di esperti sullo studio della storia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 febbraio 2020

“Nel totale silenzio dei media, la neoministra dell’Istruzione Azzolina realizza ciò che nel 2000 avevo richiesto: una commissione di esperti sullo studio della storia. Esattamente quello che era previsto nella mozione approvata dal Consiglio regionale del Lazio all’epoca del governatore Storace. Venimmo crocifissi per attentato alla sacralità della storiografia marxista, accusati di voler riscrivere la Storia sostituendo l’ortodossia comunista con quella revisionista, negazionista addirittura fascista. La polemica durò mesi con scontri al massimo livello nazionale con toni oltremisura. Ma ebbe tuttavia anche l’imprevisto merito di scoperchiare un problema enorme, quello della mancanza di pluralismo culturale con tanto di vergognose e inaccettabili omissioni sulle foibe, definite da diversi manuali di storia come mere depressioni geologiche. Il prof. E Ministro Tullio De Mauro, linguista di enorme fama nel suo dizionario della lingua italiana definiva le foibe ‘depressione carsica a forma d’imbuto costituita dalla fusione di più doline, al fondo della quale si apre un inghiottitoio, usata anche come fossa comune per occultare cadaveri di vittime di eventi bellici’. Nessun accenno allo sterminio di intere famiglie italiane ad opera dei comunisti di Tito. Fu allora, davanti al tentativo di nascondere ai ragazzi della scuola dell’obbligo la verità storica che deflagrò il violento conflitto politico e fioccò la terribile accusa di voler censurare gli autori dei manuali scolastici. La Regione Lazio rinunciò all’istituzione della commissione di storici, ma approvò la proposta di legge a mia firma per istituire la Giornata del Ricordo, anticipando il parlamento nazionale. Mi auguro che il ministro Azzolina renda pubblica la decisione su questa commissione, che si parli nel provvedimento istitutivo di necessità di garantire il pluralismo culturale, la verità storica e di bandire ogni forma di negazionismo”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

5G, il ‘toolbox’ della Commissione Ue per rendere sicure le reti

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 gennaio 2020

5G, il ‘toolbox’ della Commissione Ue per rendere sicure le reti: “I fornitori ad alto rischio possono subire restrizioni”TELECOMS. Ecco le misure e gli strumenti che gli Stati membri dovrebbero disporre per mitigare i rischi legati al 5G. Non è un bando a Huawei, ma “i fornitori ad alto rischio possono subire restrizioni” ed “assicurare che ciascun operatore disponga di una adeguata strategia multi-vendor”.La Commissione ha approvato il ‘toolbox’, il pacchetto di strumenti comune comprendente misure di attenuazione, concordato dagli Stati membri dell’UE, e volto ad affrontare i rischi di sicurezza connessi al lancio del 5G. Perché?Le reti 5G offrono ai responsabili degli attacchi informatici un numero maggiore di potenziali punti di accesso, per via di un’architettura meno centralizzata, dello smart computing ai margini della rete, della necessità di più antenne e di una maggiore dipendenza dal software.Cosa prevede il toolbox della Commissione Ue per rendere sicure le reti 5G?Il 5G offre una pluralità di vantaggi in diversi settori, ma solo se le reti sono sicure può offrire vantaggi positivi ai cittadini. Con questo principio di base gli Stati membri, tramite il gruppo di cooperazione NIS, hanno adottato il pacchetto di strumenti.Ecco le misure e gli strumenti che gli Stati membri dovrebbero disporre per mitigare i rischi legati al 5G.In particolare dovrebbero affrontare questi aspetti:
• Rafforzare i requisiti di sicurezza per gli operatori di rete mobile;
• Valutare il profilo di rischio dei fornitori; applicare restrizioni pertinenti per i fornitori considerati “ad alto rischio”, comprese le esclusioni necessarie per gli asset chiave. Questo approccio è stato adottato da UK che ha considerato Huawei “ad alto rischio” e per questo motivo ha dato l’ok al suo coinvolgimento solo nella realizzazione delle nuove infrastrutture 5G per le parti non strategiche, non ‘core’, e per una percentuale che non può superare il 35%.
• Assicurare che ciascun operatore disponga di un’adeguata strategia multi-vendor per evitare o limitare qualsiasi grande dipendenza da un unico fornitore ed evitare la dipendenza dai fornitori considerati alto rischio. (fonte: Key4biz World)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Lavori gravosi, entro gennaio commissione tecnica al lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 dicembre 2019

Appello Anief: considerare anche l’insegnamento per aprire una finestra come per il personale delle forze armate e comunque permettere il pensionamento a 63 anni senza penalizzazioni. In questo modo si riconoscerebbe il bornout e si abbasserebbe l’età media più vecchia del mondo tra i docenti in servizio, dichiara Marcello Pacifico, che ha inviato in passato una lettera specifica al MEF per conoscere i dati clinici denunciati.La lista delle professioni gravose potrebbe allungarsi, rispetto a quella attuale limitata a 11 lavori. La Legge di Bilancio, ad un passo dall’approvazione finale, prevede infatti la costituzione, entro fine gennaio, di due commissioni tecniche: una sulla previdenza che si dovrà occupare dei lavori gravosi e un’altra che si occuperà della spesa pensionistica e assistenziale, in rapporto anche a quanto succede in altri Paesi. Il sindacato ritiene che questa è l’occasione buona per includere tra le categorie di mansioni ritenute gravose, l’insegnamento a tutti i livelli, non solo quello della scuola dell’Infanzia. Lo dicono le più recenti indagini e conclusioni scientifiche sullo stress da lavoro correlato. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “quella di considerare gravoso solo il lavoro delle maestre che operano con bambini fino a sei anni è una scelta priva di motivazioni valide, se non derivanti dalla necessità di limitare la spesa previdenziale e quindi di risparmiare soldi pubblici sopprimendo i diritti dei cittadini lavoratori. Stiamo parlando di una posizione scellerata, perché è ormai scientificamente acclarato da tutti gli organismi internazionali più accreditati che l’insegnamento debba essere collocato tra le professioni gravose. Il nostro sindacato ha di recente presentato un emendamento alla Legge di Bilancio 2020, proprio avvalendosi dei più recenti risultati derivanti dagli ‘studi sullo stress da lavoro correlato e burnout’, in Italia condotti dal dott. Vittorio Lodolo D’Oria, chiedendo di allargare l’attuale finestra di pensione anticipata prevista solo per i maestri dell’infanzia. Adesso, la costituzione di una commissione ad hoc potrebbe essere l’occasione buona per accogliere la nostra proposta”.
La manovra di fine anno prevede, tra i vari provvedimenti, l’allestimento nelle prossime settimane di due commissioni qualificate per migliorare gli accessi e le regole relative alla previdenza in Italia. I due gruppi di lavoro saranno presieduti dal ministro del Lavoro: parteciperanno Mef, ministero della Salute, Istat, Inail, Inps; i lavori termineranno entro la fine del 2020. La prima commissione si occuperà di lavori gravosi rispetto all’età e alle condizioni dei lavoratori ed esposizione ambientale, chiedendo la collaborazione di rappresentanti di imprese e sindacati. La rivista Orizzonte Scuola ricorda che ad oggi è considerato gravoso solo l’insegnamento nella scuola dell’Infanzia. Quello che si svolge dalla scuola primaria in su, a torto, viene invece considerato un lavoro come gli altri, tanto è vero che l’Italia si ritrova con il personale insegnante più vecchio al mondo. È bene che i componenti della commissione di esperti sui lavori gravosi faccia cadere questa ingiusta divisione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Parlamento elegge la nuova Commissione di Ursula von der Leyen

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 novembre 2019

EP-096472A_WT_commissionLa nuova Commissione presentata mercoledì in Plenaria dalla Presidente eletta Ursula von der Leyen è stata approvata con 461 voti favorevoli, 157 contrari, 89 astensioni. Il collegio entrerà in carica il 1° dicembre per cinque anni. La procedura delle audizioni ha stabilito l’idoneità dei candidati. Prima donna alla presidenza della Commissione e maggior numero di commissari donna. Durante il suo discorso, la Presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ribadito gli impegni assunti in Aula a luglio e quelli assunti dai commissari designati nel corso delle audizioni.Prima delle elezioni di mezzogiorno, i gruppi politici hanno tenuto delle brevi riunioni per decidere le loro intenzioni di voto, seguite dalle dichiarazioni dei loro leader in Plenaria. La rappresentanza femminile nella Commissione è la più alta di sempre: oltre alla Presidente eletta, l’attuale composizione della Commissione comprende 11 donne e 15 uomini. Risultati delle precedenti votazioni di investitura della Commissione:
22/10/2014 Jean-Claude Juncker 423 voti favorevoli – 209 contrari – 67 astensioni (numero totale dei deputati – 751)
09/02/2010 José Manuel Barroso 488-137-72 (numero totale dei deputati – 736)
18/11/2004 José Manuel Barroso 478-84-98 (numero totale dei deputati – 732)
15/09/1999 Romano Prodi 510-51-28 (numero totale dei deputati – 626)
18/01/1995 Jacques Santer 417-104-59 (numero totale dei deputati – 626)
La nuova Commissione deve essere formalmente nominata dal Consiglio europeo. Il suo mandato quinquennale dovrebbe iniziare il 1° dicembre. Il Presidente eletto von der Leyen presenta la sua squadra e la sua visione al Parlamento prima del voto per l’elezione della Commissione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Senato ha approvato la commissione contro odio, razzismo e antisemitismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 novembre 2019

Roma. E’ stata proposta dalla senatrice a vita Liliana Segre con 151 voti favorevoli e 98 astenuti (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia). Commissione che sarà composta da 25 membri e che avrà compiti di osservazione, studio e iniziativa per l’indirizzo e il controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza nei confronti di persone o gruppi sociali sulla base della provenienza, religione, etnia, identità di genere, orientamento sessuale o di altre particolari condizioni fisiche o psichiche.
Un successo a metà, causa l’astensione dei maggiori tre partiti del centro destra. Astensione che è stata spiegata così dal leader della Lega Matteo Salvini:“Siamo contro il razzismo, la violenza, l’odio e l’antisemitismo senza se e senza ma. Non vorremmo che però qualcuno a sinistra spacciasse per razzismo quella che per noi è una convinzione, un diritto, ovverosia il ‘prima gli italiani’. Siamo al fianco di chi vuole combattere pacificamente idee fuori dal mondo però non vogliamo bavagli, non vogliamo uno Stato di polizia che ci riporti a Orwell”. Prima del voto il vice capogruppo vicario di Forza Italia Lucio Malan aveva detto:“Non condividendo taluni contenuti della mozione della maggioranza e ribadendo la massima solidarietà alla senatrice Segre per gli odiosi attacchi che subisce sulla Rete, Forza Italia si asterrà sulla mozione della maggioranza ma sin d’ora assicura il suo fattivo contributo ai lavori della istituenda commissione parlamentare”.Non tutti gli esponenti del centro destra, però, erano concordi sull’astensione. Fra questi le deputate di Forza Italia Mara Carfagna e Sandra Savino.Mara Carfagna ha scritto su Twitter: “La mia Forza Italia, la mia casa, non si sarebbe mai astenuta in un voto sull’antisemitismo. Stiamo tradendo i nostri valori e cambiando pelle. Intendo questo quando dico che nell’alleanza di centro destra andiamo a rimorchio senza rivendicare nostra identità”. Sandra Savino si è detta: “Sinceramente amareggiata per l’astensione espressa dal gruppo di Forza Italia al Senato sulla mozione proposta dalla senatrice a vita Luciana Segre. Di fronte al tema dell’odio razziale e dell’antisemitismo non ci sono ragioni o motivazioni politiche che tengano”. Sull’argomento è intervenuta anche la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello: “È stato un grande risultato istituzionale per il paese, di grande valore e importanza in un momento significativo finalmente si passa a prendere decisioni per attività importanti all’interno delle istituzioni. Sconcerta un po’ l’astensione di alcune forze politiche che riteniamo una scelta sbagliata e pericolosa. In questo momento c’è bisogno di unità, non si può lasciare spazio ad alcuna ambiguità né a insinuazioni su valori che sono fondanti”. Come detto dalla parlamentare Sandra Savino, di fronte al tema dell’odio razziale e dell’antisemitismo non ci dovrebbero essere logiche politiche. E invece…

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omotransfobia, legge incardinata in Commissione Giustizia alla Camera

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2019

“Accogliamo con grande soddisfazione la notizia dell’inizio dell’iter di approvazione della legge contro l’omotransfobia nella Commissione Giustizia di Montecitorio”. così Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: “Quella legge andrebbe a colmare una lacuna grave che si ripercuote direttamente sulla vita delle persone lgbti. Le discriminazioni e le violenze che colpiscono le persone in ragione del loro orientamento sessuale e della loro identità di genere riempiono un bollettino quasi quotidiano al quale non si può non prestare attenzione. Ed è altrettanto noto che la negazione dei diritti di quelle persone è in cima all’agenda politica delle destre e dei movimenti neofascisti in tutto il mondo, Italia compresa. Perciò è fondamentale che la politica metta in campo un provvedimento serio ed efficace, che ponga un argine concreto all’ondata d’odio da cui anche il nostro Paese è attraversato. In questa legislatura, tra Camera e Senato, sono diversi i progetti di legge contro l’omotransfobia depositati: l’auspicio è che il lavoro parlamentare si ponga l’obiettivo di costruire una sintesi trasversale tra gli aspetti migliori di ciascuna delle proposte in campo e che questo percorso si apra all’ascolto della comunità lgbti, per non replicare gli errori del passato, quando progetti di legge analoghi, a causa di compromessi di palazzo, vennero prima svuotati, per poi insabbiarsi e finire in un nulla di fatto. Impariamo allora dagli errori del passato – conclude Piazzoni – e proiettiamo questo percorso verso quello che deve essere, cioè la risposta efficace a un allarme sociale concreto.”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Commissione intensifica l’azione dell’UE per proteggere e ripristinare le foreste del pianeta

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 luglio 2019

L’approccio più risoluto annunciato oggi affronta la questione sia sul piano dell’offerta sia su quello della domanda, introducendo misure a sostegno della cooperazione internazionale con i portatori di interessi e gli Stati membri, della finanza sostenibile, di un migliore uso del suolo e delle risorse, della creazione di posti di lavoro sostenibili, della gestione sostenibile delle catene di approvvigionamento, della ricerca e della raccolta di dati mirati. Avvia inoltre una valutazione di possibili nuovi interventi di regolamentazione per ridurre al minimo la deforestazione e il degrado forestale causati dai consumi dell’Unione.Il Vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: “La superficie forestale mondiale continua a diminuire a un ritmo allarmante. Con questa comunicazione intensifichiamo l’azione dell’UE per proteggere meglio le foreste esistenti e gestirle in modo sostenibile. Proteggere le foreste ed espandere la superficie forestale in modo sostenibile significa preservare i mezzi di sostentamento delle comunità locali ed aumentarne il reddito. Le foreste rappresentano anche un promettente settore dell’economia verde, che ha il potenziale di creare tra 10 e 16 milioni di posti di lavoro dignitosi in tutto il mondo. Questa comunicazione costituisce un importante passo avanti in tal senso.”
Neven Mimica, Commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo, ha dichiarato: “Siamo pronti a collaborare con i paesi partner per proteggere e gestire in modo sostenibile le foreste di tutto il mondo, nell’interesse della sicurezza alimentare, delle risorse idriche, della lotta contro i cambiamenti climatici, della resilienza e della pace. È un passo dovuto per un futuro più sostenibile e inclusivo.”
L’ambizioso approccio europeo definito oggi è una risposta all’annoso problema della distruzione delle foreste, che continua a interessare tutto il mondo: tra il 1990 e il 2016 sono andati persi 1,3 milioni di chilometri quadrati, equivalenti a circa 800 campi da calcio l’ora. Tra i principali responsabili della deforestazione c’è la domanda di alimenti, mangimi, biocarburanti, legname e altri prodotti.Le emissioni di gas serra connesse a questa pratica sono la seconda causa di cambiamenti climatici, motivo per cui proteggere le foreste è essenziale per adempiere agli impegni dell’accordo di Parigi. Sul piano socio-economico le foreste contribuiscono al sostentamento del 25 % circa della popolazione mondiale, oltre ad essere depositarie di preziosi valori culturali, sociali e spirituali.La comunicazione adottata oggi persegue un duplice obiettivo: da un lato, tutelare e migliorare la salute delle foreste esistenti, in particolare quelle primarie; dall’altro, espandere in modo significativo la superficie forestale mondiale, all’insegna della sostenibilità e della biodiversità. La Commissione ha individuato cinque priorità:
ridurre l’impronta dei consumi dell’UE sul suolo e incoraggiare il consumo di prodotti provenienti da catene di approvvigionamento che non contribuiscano alla deforestazione nell’UE;
collaborare con i paesi produttori per diminuire la pressione sulle foreste e spingere l’UE verso una cooperazione allo sviluppo che non sia causa di deforestazione;
rafforzare la cooperazione internazionale per arrestare la deforestazione e il degrado forestale e promuovere il ripristino delle foreste;
riorientare i finanziamenti verso pratiche più sostenibili di uso del suolo;
sostenere la disponibilità, la qualità e l’accesso alle informazioni sulle foreste e le catene di approvvigionamento dei prodotti e promuovere la ricerca e l’innovazione.
Per vagliare le misure volte a ridurre il consumo dell’UE e incoraggiare l’uso di prodotti provenienti da catene di approvvigionamento che non contribuiscono alla deforestazione verrà creata una piattaforma multi-partecipativa sulla deforestazione, il degrado e la rigenerazione forestali, che riunirà un ampio ventaglio di portatori di interessi. La Commissione favorirà anche il potenziamento dei sistemi di certificazione riservati ai prodotti che non sono causa di deforestazione e valuterà possibili misure legislative e altri incentivi sul versante della domanda.La Commissione lavorerà a stretto contatto con i paesi partner per aiutarli a ridurre la pressione sulle foreste e si assicurerà che le politiche dell’UE non contribuiscano alla deforestazione o al degrado forestale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Parlamento elegge Ursula von der Leyen Presidente della Commissione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 luglio 2019

Il 16 luglio, con un voto a scrutinio segreto, il Parlamento europeo ha eletto Ursula von der Leyen nuovo Presidente della Commissione con 383 voti a favore.La carica inizierà il 1° novembre 2019 per un mandato di cinque anni. Nella votazione ci sono stati 733 voti espressi, con uno solo non valido. 383 deputati hanno votato a favore, 327 contro e 22 si sono astenuti.Subito dopo l’annuncio dei risultati, il Presidente del PE David Sassoli ha detto: “Adesso inizia una fase molto importante per le istituzioni europee, dovremo prepararci alle audizioni dei commissari designati, che, come saprà, saranno molto scrupolose da parte dei componenti di questo parlamento. Ci aspettiamo che i temi di cui oggi ha parlato davanti all’Aula saranno approfonditi e seguiti anche dai componenti del suo collegio, durante le audizioni preso le commissioni competenti”.“I prossimi anni saranno molto importanti per il futuro dell’Unione e possiamo affrontarli con successo solo se ci sarà una stretta cooperazione tra le istituzioni”, ha concluso.
Il Parlamento europeo è composto attualmente da 747 eurodeputati, in base alle notifiche ufficiali ricevute dalle autorità degli Stati membri, per cui la soglia necessaria per l’elezione era di 374 voti, ossia il 50% dei deputati più uno. Il Presidente Sassoli ha annunciato formalmente il numero necessario prima della votazione. La votazione è stata effettuata a scrutinio segreto.
Il nuovo Presidente della Commissione invierà una serie di lettere ai capi di stato e di governo dei Paesi UE per invitarli a proporre i loro candidati a commissari. Le audizioni dei commissari designati si svolgeranno nelle commissioni parlamentari competenti, dal 30 settembre all’8 ottobre. Il collegio completo dei commissari dovrà inoltre essere confermato da un voto di fiducia del Parlamento, probabilmente nel corso della sessione plenaria del 21-24 ottobre.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Anche in Commissione alla Camera stop ai precari

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 febbraio 2019

Anief aveva chiesto ai deputati di presentare una proposta simile a quella del Presidente della VII Commissione del Senato sulla stabilizzazione dei precari. Pur di non votarla è stata dichiarata inammissibile in Commissione dopo essere stata respinta in Senato. E ora la palla potrebbe ritornare alla Corte di Giustizia se la Commissione UE deciderà di attivare la procedura d’infrazione. Intanto, proseguono i ricorsi in tribunale.
Dopo il no del Senato a una proposta presentata dal senatore Antonio Iannone (FdI), ispirata da un emendamento di Anief, anche alla XIV Commissione alla Camera si perde un’occasione d’oro, perché è arrivato lo stop a un altro emendamento chiesto da Anief all’interno dell’Atto della Camera n. 1422 (Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2018); l’emendamento aveva l’obiettivo di stabilizzare decine di migliaia di insegnanti, amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici su posti liberi. Pur di non votarla è stata dichiarata inammissibile in Commissione alla Camera, dopo essere stata respinta in Senato.
La richiesta di modifica presentata da Augusta Montaruli (Fdi) e Francesco Lollobrigida (Fdi), con l’emendamento 18.03., prevedeva, dopo l’articolo 18, l’aggiunta del seguente articolo 18-bis: All’articolo 4, comma 1, della legge 3 maggio 1999, n. 124, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Qualora per effetto della successione di contratti di lavoro a tempo determinato stipulati con il personale docente per la copertura di posti vacanti e disponibili, il rapporto di lavoro abbia complessivamente superato i trentasei mesi, comprensivi di proroghe e rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione, si dà luogo all’assunzione a tempo indeterminato, in ottemperanza a quanto previsto dalla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999.»
Il mancato via libera avrebbe dato seguito finalmente alla direttiva UE 70/99, introdotta da Bruxelles proprio per scongiurare la reiterazione dei contratti a tempo determinato e il problema dei vuoti di organico, che costringe dirigenti ministeriali e scolastici a cercare supplenti nonostante ci siano decine di migliaia di lavoratori – selezionati, formati, con esperienza – che chiedono di essere stabilizzati. Una modalità che ha solo lo scopo di far risparmiare lo Stato, eliminando artificiosamente i mesi estivi, anche in presenza di cattedre e posti privi di titolare, di evitare l’incremento stipendiale per via della mancata ricostruzione di carriera e della negazione degli scatti stipendiali ai precari. Anche se moltissimi tribunali hanno già decretato risarcimenti, accogliendo ricorsi dei lavoratori danneggiati.
“L’approvazione dell’emendamento – fa notare Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief –, avrebbe evitato la quasi certa condanna dello Stato nella procedura d’infrazione 4231/14 sull’abuso delle supplenze in presenza di posti vacanti e di candidati già selezionati e formati, in attesa pure della sentenza C-494/17 Rossato sul mancato risarcimento riconosciuto agli insegnanti di ruolo”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Disegno di legge 763 (Granato ed altri), prossimamente in aula dopo il voto in Commissione

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 gennaio 2019

In VII Commissione del Senato, presentati 25 emendamenti alla proposta di “Modifiche alla legge 13 luglio 2015, n.107, in materia di ambiti territoriali e chiamata diretta dei docenti”. La metà vede come primi firmatari i senatori Loredana De Petris (Liberi e Uguali) e Roberto Berardi (Forza Italia) come segnalati da Anief: si va dalla stabilizzazione dei precari alla riapertura delle GaE, dalla mobilità straordinaria al limite dell’utilizzo dei potenziatori quali tappabuchi. “Ancora una volta Anief – dichiara Marcello Pacifico, suo presidente nazionale – si è fatta interprete delle istanze del mondo della scuola e ha proposto soluzioni per risolvere alcuni problemi che sono vere e proprie piaghe del sistema: il reclutamento e la mobilità del personale. Questi temi sono stati accolti da alcuni senatori e affrontati in specifiche proposte emendative come richiesto dalla nostra associazione, unica ad essere ascoltata nonostante non sia stata inspiegabilmente audita dalla VII Commissione, a differenza di altre sigle o associazioni che hanno depositato le loro memorie. Con gli emendamenti 1.23 BERARDI, GIRO e 1.0.3 DE PETRIS, ERRANI, GRASSO, LAFORGIA s’intende stabilizzare a partire dall’a.s. 2019/2020 tutto il personale precario con 36 mesi di servizio, con le debite coperture finanziarie, come peraltro richiesto dallo stesso Presidente Pittoni della VII Commissione nella sua proposta di legge (AS 335), cui riteniamo – coerenza vuole – darà il suo voto favorevole. La norma sarebbe tanto più opportuna dopo la cancellazione del concorso riservato al personale precario con 36 mesi di servizio, l’abolizione del limite alle supplenze e la fine del fondo per i risarcimenti, tutti elementi che potrebbero trasformare la denuncia Anief 4231/2014 in procedura d’infrazione da parte della Commissione europea”.
“Gli emendamenti 1.0.2 (testo 2) DE PETRIS, ERRANI, GRASSO, LAFORGIA e 1.22 BERARDI, GIRO ripercorrono – continua il sindacalista autonomo – un testo già approvato, anche se per errore, in sede di conversione del decreto legge n. 91 (Milleproroghe) che vuole riaprire le graduatorie ad esaurimento a tutto il personale abilitato, incluso i diplomati magistrale e gli Itp. La norma risolverebbe il problema del prossimo licenziamento di 50 mila insegnanti a giugno, farebbe coincidere la domanda con l’offerta e coprirebbe le attuali altre 50 mila cattedre andate scoperte durante le ultime convocazioni. L’attuale maggioranza vorrà finalmente dare una risposta favorevole alle migliaia di precari abilitati?”
L’emendamento 1.19 BERARDI, CANGINI, MOLES, GIRO prende atto della fine degli ambiti territoriali e della necessità di ripercorrere la strada di una mobilità straordinaria su tutti i posti in organico per rispondere alle istanze dei docenti esiliati e immobilizzati. Un limite all’utilizzo del personale in organico di potenziamento per le supplenze è inserito negli emendamenti analoghi 1.18 DE PETRIS, ERRANI, GRASSO, LAFORGIA e 1.17 BERARDI, GIRO, mentre le proposte 1.15 BERARDI, CANGINI, MOLES, GIRO e 1.14 DE PETRIS, ERRANI, GRASSO, LAFORGIA chiariscono come la futura mobilità, come già disciplinata nell’ipotesi di contratto sottoscritta a fine dicembre, operi tra comuni, province e regioni. Della determinazione dei criteri relativi all’assegnazioni su più comuni del personale con completamento orario su più cattedre si occupano, infine, gli emendamenti 1.10

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge di stabilità 2019: ANIEF invia alla V Commissione 40 emendamenti

Posted by fidest press agency su sabato, 17 novembre 2018

Il giovane sindacato chiede diverse modifiche correlate dalle relative coperture finanziarie con l’introduzione del salario minimo di cittadinanza allineato all’inflazione, quota 96 per gli insegnanti, stabilizzazione dei precari, riapertura delle GaE e conferma dei ruoli, tutela per il personale terza fascia graduatorie d’istituto, fine della temporizzazione e passaggi verticali personale Ata anche in area C, trasformazione posti in deroga in organico di diritto, problematica classi pollaio, ritorno dei moduli alla primaria, assunzione ricercatori a tempo indeterminato, una nuova mobilità straordinaria. Scarica tutto il testo inviato al Presidente. Il sindacato Anief ha predisposto la batteria di modifiche al testo per la V Commissione Bilancio della Camera: si va dalla disciplina contrattuale-stipendiale a quella didattica, dall’ambito pensionistico al nuovo reclutamento; dall’organizzazione scolastica alla mobilità del personale, anche non docente e universitario.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova commissione d’inchiesta sulle banche

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 ottobre 2018

“Piena soddisfazione per il lavoro redigente fatto in Commissione sul testo di legge che istituisce la nuova Commissione di inchiesta sulle banche, di cui per primi abbiamo proposto la istituzione in questa legislatura con il ddl 494, che nella formulazione finale rispecchia gli aspetti fondamentali della nostra proposta di legge, con la approvazione di nostri emendamenti significativi su agenzie di rating, debito sovrano, derivati, fondazioni bancarie, tutela del risparmio”. È quanto dichiarano i senatori di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, primo firmatario della proposta del disegno di legge, e Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze, i quali rivendicano la “attività propulsiva fatta da Fratelli d’Italia nel porre la questione già all’inizio di questa nuova legislatura. Noi abbiamo espresso subito e con chiarezza che non volevamo realizzare un ‘Tribunale del popolo’ ma uno strumento davvero efficace e tempestivo per fare luce sui fatti gravissimi che si sono verificati, la individuazione dei responsabili ma soprattutto degli strumenti legislativi per evitare che ciò si ripeta, a tutela di risparmiatori, azionisti e dello Stato, quindi di tutti i cittadini”.”Siamo particolarmente soddisfatti – continuano i senatori di FdI – che siano state accolte le nostre richieste sul fatto che la nuova Commissione svolga anche una funzione propositiva e che essa indaghi anche sul ruolo e la affidabilità delle agenzie di rating, questione centrale per la sostenibilità del nostro debito pubblico, tanto più attuale in questo momento; l’impatto della crisi bancaria sul debito sovrano; il ruolo e le attività delle Fondazioni bancarie e la congruità della normativa vigente in proposito; il fenomeno dei crediti deteriorati (NPL) sui quali abbiamo proposto anche un disegno di legge apposito; lo scandalo dei derivati e il loro effetto su chi ne abbia fatto ricorso”.A tal proposito i senatori Urso e De Bertoldi evidenziano come la maggioranza abbia, invece, “fatto muro contro la nostra proposta che la Commissione potesse indagare anche sui fondi speculativi (credit default swap) che scommettono sul deprezzamento dei titoli governativi. Ci stupisce che ciò sia accaduto proprio a fronte delle notizie che emergono quotidianamente sulla gravità del fenomeno che colpisce proprio il nostro Paese. Non dobbiamo lasciare ‘santuari’ intoccabili su questa materia”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Nasce la Commissione per le Pari Opportunità

Posted by fidest press agency su sabato, 29 settembre 2018

“La prima seduta della Commissione per le Pari Opportunità coincide con la nascita di un nuovo corso sui diritti e su un modo sempre più ampio di intenderli e di concepirli da parte delle istituzioni capitoline.Il nuovo organismo capitolino, già Commissione delle Elette, si occuperà di svariate tematiche che avranno, come unico comune denominatore, l’affermazione di un nuovo modello sociale sempre più improntato all’eguaglianza tra cittadine e cittadini romani e, più in generale, sempre meno discriminatorio nei confronti delle fasce più deboli della popolazione.
Dai temi della lotta alla prostituzione e del bilancio di genere a quello relativo al monitoraggio della parità di retribuzione tra uomo e donna nelle aziende romane, passando per la violenza di genere, la detenzione femminile e dei minorenni e altri argomenti che tangono la sfera dei diritti e la garanzia del loro rispetto: tanti gli spunti sui quali la neonata Commissione lavorerà alacremente al fine di incidere, in maniera concreta e fattiva, su problematiche ancora lontane dall’essere risolte in via definitiva.
Determinante, per il raggiungimento dei vari obiettivi, saranno il coordinamento con le varie commissioni capitoline competenti per le materie di volta in volta trattate e altri organismi quali la Polizia Locale e l’Assessorato alle Politiche Sociali.
Una sinergia che, se ben attuata, condurrà a risultati senz’altro positivi per la cittadinanza e alla piena ottemperanza di ogni dettame comunitario, costituzionale e legislativo in materia di pari opportunità”. Lo dichiara, in una nota stampa, la presidente della Commissione capitolina per le Pari Opportunità Gemma Guerrini.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »