Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘comparto’

22 dicembre: manifestazione studenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

Roma. “Serve un atto di coscienza da parte di tutti per evitare che Roma diventi un campo di battaglia. Isolare i violenti  appare quindi un gesto di responsabilità civile e morale che non può essere disatteso” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale alla vigilia delle probabili manifestazioni previste per domani. “Abbiamo chiesto di predisporre le massime misure di sicurezza per evitare incidenti, ma di fronte alle nuove intimidazioni è evidente che serve la collaborazione delle famiglie, degli insegnanti, del comparto socio – educativo tutto e di quegli studenti che scendono in piazza spinti solo dalla forza delle loro idee per condannare ogni sorta di azione  illegale e distruttiva. Appare quanto mai pleonastico rivolgerci alla responsabilità di quelle forze politiche che, pur di strumentalizzare la battaglia politica, fomentano, giustificano o addirittura osannano chi vuole trasformare la città in uno scenario di guerra, causando per giunta ingenti danni  economici che gravano sulle spalle dei cittadini e dei commercianti. Chi non prenderà le distanze da coloro che, nascondendosi dietro il pacifico e democratico diritto a manifestare, hanno come obiettivo quello di mettere a ferro e fuoco la città, ledendone l’immagine anche a livello internazionale, si deve ritenere responsabile anche di eventuali tragedie che, fortunatamente, la scorsa volta sono state scongiurate – conclude Santori”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi Fincantieri

Posted by fidest press agency su sabato, 2 ottobre 2010

“Finmeccanica deve dire parole chiare e definitive sui destini della fincantieri. La cantieristica italiana e’ minacciata dalla leggerezza con cui si sta definendo la strategia di razionalizzazione e rilancio di un comparto che puo’ dare tanto al Paese. L’assenza ai tavoli nazionali ed europei del ministro titolare dello sviluppo economico rischia di essere la falla che portera’ ad affondare l’industria navale italiana. Oggi assistiamo ad una manifestazione straordinaria, tantissimi operai di tutta Italia sfilano per difendere il futuro della fincantieri tanti gonfaloni tante fasce tricolori. Una dimostrazione di forza e di compattezza che richiede un sussulto di responsabilità a Finmeccanica e al governo”. Lo dichiara Guglielmo Vaccaro, deputato del PD e tra i fondatori di TrecentoSessanta, l’Associazione che fa riferimento a Enrico Letta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi comparto pomodori

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2010

“La definizione di un marchio etico per il made in Italy, legato al rispetto dei contratti e dei lavoratori, ma anche l’approvazione di un sistema europeo di etichettatura obbligatoria dell’origine del pomodoro utilizzato in tutti i derivati; nonché ulteriori verifiche sul prodotto cinese importato”. Queste, in sintesi, le richieste contenute nel documento presentato dall’UNCI – Coldiretti nel corso dell’audizione odierna presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, alla quale hanno preso parte Marco Crotti, componente del Consiglio Nazionale UNCI-Coldiretti e Presidente del CIO – Consorzio Interregionale Ortofrutticolo e Fabio Paduano, Coordinatore UNCI-Coldiretti. Il CIO, lo ricordiamo, rappresenta la più importante Associazione di Organizzazioni Produttori di pomodoro da industria in Europa con oltre 850 Aziende Agricole Associate e 1.000.000 di tonnellate di pomodoro fresco prodotto delle quali 600.000 trasformate nei propri stabilimenti. Altri aspetti evidenziati dall’UNCI Coldiretti nel corso dell’audizione, sono stati: la riduzione e la concentrazione dei punti di ingresso comunitari; la necessaria adozione di un protocollo sanitario comunitario per il pomodoro concentrato cinese; la soluzione al problema delle rese minime per evitare che le imprese agricole, oltre ai danni derivanti dai comportamenti, quanto meno scorretti, dell’industria, perdano anche la parte accoppiata del premio. E’ stata, inoltre, sollecitata dai rappresentanti dell’UNCI-Coldiretti la verifica, da parte ministeriale e regionale, dei comportamenti di industrie e OP ed il blocco delle eventuali agevolazioni/incentivi (OCM, PSR, tariffe energetiche) per i soggetti inadempienti rispetto agli obblighi contrattuali. Il documento UNCI-Coldiretti si conclude con l’auspicio che a breve venga convocato un tavolo ministeriale per definire alcune regole per la campagna 2011, tra cui la fissazione di una data di riferimento per la stipula dei contratti anticipata a fine anno, per permettere una corretta e serena programmazione degli investimenti agricoli e delle attività industriali e di una forma contrattuale di riferimento a livello nazionale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli sprechi del ministro La Russa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 settembre 2010

“Mentre i Sindacati di Polizia e i Cocer delle Forze Armate avviano una trattativa con il Governo per ripartire in qualche modo i pochi soldi stanziati per il rinnovo del contratto di lavoro per il biennio economico 2008-2009, mentre ancora è nel vivo la protesta delle Forze dell’Ordine contro i pesanti tagli al comparto Sicurezza-Difesa, il Ministro della Difesa La Russa dà il via al suo assurdo e inutile progetto di ‘mini-naja’, che costerà al Paese ben 20 milioni di euro!”. E’ quanto afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, che prosegue: “Venti milioni di euro che serviranno al reclutamento di migliaia di giovani che per tre settimane potranno giocare ai soldatini e fare vacanza presso una delle caserme dell’Esercito: roba da marmittoni alle grandi manovre!”. “Uno spreco enorme e ingiustificato – dice il leader del COISP – soprattutto in un momento in cui le Forze dell’Ordine, quelle vere, spesso non hanno il carburante per le auto di servizio o la carta per le fotocopie. La Russa ritiri il suo ridicolo progetto e investa i soldi dei contribuenti per dotare le Forze dell’Ordine di mezzi e risorse adeguate per contrastare il crimine e garantire la sicurezza dei cittadini”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il mercato dell’editoria cattolica e della libreria religiosa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2010

Presentato a Bergamo da UELCI (l’Unione Editori e Librai Cattolici Italiani).  Crescono ancora i lettori di testi religiosi (671.000 in più dal 2000 al 2009 con un incremento del 25,32%, ma addirittura 306.000 dal 2007, con un incremento del 10,1%),  pur in presenza di una diminuzione costante dei religiosi. Questo pubblico è progressivamente più giovane (il 52,8% dei lettori nel 2009 è compreso nella fascia 18-54 anni, erano il 44,2% nel 2000) Cresce la produzione  di questo tipo di titoli, oltre quattromila nel 2009 (4.630 per la precisione), in larghissima parte ancora provenienti dal circuito dell’editoria cattolica, con un mercato che vale -a prezzo di copertina- 260 milioni di euro.  Dieci anni fa il mercato religioso valeva l’11.5% dell’intero comparto, mentre oggi siamo saliti a quota 13%. Il mercato dell’editoria cattolica continua la sua crescita, nonostante la crisi, reggendosi sui libri religiosi e di varia, rispetto al decremento di riviste, audiovisivi e testi scolastici. Dopo un 2009 in cui tutto il mercato librario italiano è cresciuto, il primo semestre 2010 senza un forte decremento (- 3,7%). All’interno del mercato generale il comparto cattolico resiste e progredisce ancora.  Il circuito distributivo  specializzato offre i propri servizi sia agli editori cattolici sia a quelli laici, e si rivolge a tutti i canali: librerie religiose e laiche, indipendenti e di catena, grande distribuzione (supermercati, autogrill, centri commerciali) e vendite on line, etc.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un fondo per il comparto difesa e sicurezza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

Michele Fornicola commenta la notizia diffusa dall’Ansa nella quale si dice che “Sara’ istituito un Fondo di 160 milioni di euro (80 milioni per il 2011 e 80 per il 2012) per le forze armate e di polizia. E precisa: Lo prevede un emendamento presentato dal Governo alla manovra finanziaria. La misura è stata annunciata dai ministri La Russa, Maroni e Tremonti in una conferenza stampa a Palazzo Chigi. In questo modo, ha sottolineato La Russa, ‘si tiene conto della specificita’ del settore’. Per Fornicola: “Le contraddizioni di questo governo stanno diventando sempre più inaccettabili in quanto offensive. La specificità che doveva servire per sganciarci dal resto del comparto “pubblico impiego” non viene approvata con risultati disastrosi che sono sotto gli occhi di tutti. Ora si tiene conto del particolare settore con una somma stanziata che si aggirerebbe intorno agli 80 + 80 milioni di euro. Fatte le dovute proporzioni è, ripeto, offensivo.  Io penso che se abbiamo faticato molto per NON ottenere la specificità dovremo faticare molto di più per ottenere di far parte a pieno titolo del pubblico impiego con tutte le garanzie dei normali cittadini di serie “A” della nostra amata Repubblica”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mobilitazione del comparto sicurezza

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 giugno 2010

“Occorre la più alta forma di mobilitazione del comparto sicurezza in una fase delicata come quella che stiamo vivendo, nella quale i rapporti fra le rappresentanze sindacali ed il governo possono subire un momento di non ritorno”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – commenta la prevista nuova stangata che ricadrà sulla parte sana della Nazione quella che non ruba, non evade le tasse, stringe la cinghia e paga lo scotto di una politica governativa distante dalla società civile e più impegnata alla tutela delle lobbies e del capitale. “Di fronte alle bugie governative – dice Franco Maccari – ed alle scellerate proposte tese a salvaguardare la “casta” e far pagare lo scotto della crisi su Forze di Polizia e operai non ci rimane che rivolgere un nuovo accorato appello ai colleghi delle Forze dell’Ordine perché si prenda coscienza del fatto che solo adesso si gioca la partita più importante, quella che mette in gioco la dignità professionale e la minima serenità lavorativa per i prossimi anni”. “Solo gente di pochi scrupoli – continua il leader del Coisp – può pensare di bloccare la progressione economica rispetto alla prosecuzione della carriera, tagliare sui tagli, tagliare su un contratto scaduto e dimenticare quello che deve essere rinnovato, cancellare il riordino delle carriere, comandarti di assicurare la giustizia e la sicurezza e mantenere all’asciutto portafogli e autovetture. In nome della ormai sperimentata ipocrisia di chi ci governa, incalza Maccari – chiediamo il sostegno di tutto il Comparto Sicurezza alla campagna di sensibilizzazione verso l’opinione pubblica e di denuncia contro l’attuale Governo “Ci hanno pugnalato alle spalle!” che promossa qualche anno fa dal Coisp su tutto il territorio nazionale è oggi certamente più attuale di quanto si possa pensare. Così conclude Franco Maccari: “Siamo fiduciosi del fatto che le nostre energie per aprire gli occhi ancora chiusi di quella parte di Poliziotti, Carabinieri, Finanzieri troppo legati all’idea di “istituzione materna e non matrigna” porteranno al massimo il livello di attenzione sugli scellerati provvedimenti governativi in tema di sicurezza”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La finanziaria e il “comparto sicurezza”

Posted by fidest press agency su sabato, 29 maggio 2010

La manovra straordinaria è pronta e prevede pesanti tagli per il pubblico impiego, tutto il pubblico impiego, compreso il comparto sicurezza e difesa che solo qualche giorno fa era stato dichiarato “specifico” con legge dello Stato. Già, proprio quella “specificità” che Governo, maggioranza (il ministro La Russa ed il senatore Gasparri su tutti) e qualche rappresentanza militare (Cocer Esercito e Cocer Carabinieri in particolare) avevano dipinto con toni trionfalistici come “una grande conquista per tutti i militari, foriera di futuri vantaggi economici e previdenziali” che avrebbe garantito l’esclusione del comparto dai tagli inevitabilmente previsti per il pubblico impiego.  Alla prova dei fatti, il comparto è stato inserito nei tagli ed, anzi, sembra essere quello che paga il dazio maggiore visto che, oltre al congelamento delle retribuzioni fino al 2013 previsto per tutto il lavoro pubblico, si vede eliminare i fondi appostati dalla finanziaria 2004 per il riordino (oltre 320 milioni di euro), eliminare l’attribuzione dell’indennità di comando terrestre e la c.d. “ausiliaria”. Dunque, addio al riordino, al rinnovo del contratto ed a quegli ultimi vantaggi previdenziali che ancora caratterizzavano il mondo militare in funzione di una specificità che non prevede l’esclusione dai tagli ma, al contrario, l’imposizione di maggiori sacrifici.  Sul fronte, invece, della compressione dei diritti la “specificità” si sta sostanziando, eccome! Imbavagliamento delle voci non controllate o non controllabili (da ottobre infatti, con l’entrata in vigore dell’articolo 1472 del decreto legislativo 266/2010, il Nuovo Codice dell’Ordinamento militare, potrebbe non essere più possibile pubblicare articoli come questo), proposta di riforma della rappresentanza militare senza sindacato né diritto di associazione professionale (neanche per le sole Forze di polizia ad ordinamento militare), proposta di ampliare la competenza della giustizia militare a tutti i reati commessi da militari, ecc.. (tratto dal sito Ficiesse)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comparto sicurezza e diritti dei militari

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2010

La specificità del comparto sicurezza e difesa rispetto al resto del pubblico impiego è (purtroppo) quasi legge dello Stato, manca solo la promulgazione da parte del Capo dello Stato che, dopo un primo rinvio alle Camere, sembra ormai imminente. Nel frattempo, a fronte di una preoccupante compressione dei diritti dei militari, non si è realizzato nessuno di quegli “eccezionali” vantaggi economici e previdenziali che, secondo i suoi fautori, la specificità doveva garantire. Tutt’altro. Nessuno stanziamento extra è stato previsto per i due contratti scaduti e la previdenza complementare non accenna a partire. E tutto questo mentre a qualche altra categoria di pubblici impiegati, quella sì realmente “specifica”, viene garantito il calcolo della pensione con il sistema retributivo anche per i neo-assunti. Ora la prossima manovra economica promette di imporre pesanti sacrifici economici ai lavoratori pubblici. E allora!! Quale migliore occasione per un Governo e per i parlamentari che si sono sempre professati “amici” di militari e poliziotti per mantenere le promesse elettorali, dando sostanza a una “specificità” che sinora ha avvantaggiato solo i vertici. Basterebbe escludere il Comparto sicurezza e difesa da tutti i tagli della prossima manovra per convincere chi, come me, nella specificità e nel processo di isolamento del mondo militare ci vede solo il disegno di riportare i militari agli settanta. Non resta che aspettare gli eventi, anche se le premesse non sembrano certo positive. (Gianluca Taccalozzi Presidente del Direttivo nazionale Ficiesse)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il coisp sul contratto alle forze di polizia

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2010

“Ci dispiace soprattutto per quei Colleghi che si ostinavano a sbandierare l’appartenenza ideologica alle formazioni politiche di questo Governo e che ne esaltavano la vicinanza ai poliziotti, ai problemi della sicurezza, sensibile al nostro mondo. Dire lo sapevamo è fonte di scarsa soddisfazione, ma ci dà lo spunto perché questo teatrino della bugia non si ripeta”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – commenta la prevista nuova stangata che ricadrà sulla parte sana della Nazione quella che non ruba, non evade le tasse, stringe la cinghia e paga lo scotto di una politica governativa distante dalla società civile e più impegnata alla tutela delle lobbies e del capitale. “Voglio rivolgere un appello forte ai Colleghi delle Forze dell’Ordine – dice il leader del Coisp – perché si prenda coscienza che coloro i quali ti esaltano per aver fatto il tuo dovere, ti elargiscono premi di carta per aver creduto in quello che hai fatto, che si fanno forti della tua efficienza per sbandierare la loro legittimità, sono gli stessi che opprimono la tua busta paga, ti costringono all’usura legalizzata, ti tolgono la dignità sociale. Non esiste e non è mai esistita – continua Maccari – credibilità in costoro, mancano al nostro appello i rinnovi di due contratti di lavoro, il mancato riordino delle carriere, il non avvio del Comparto Sicurezza. L’unica cosa che ci salva è la presa di coscienza fra le nostre fila, prendere coscienza delle maschere che ci scherniscono e fare fronte comune”. Franco Maccari conclude il suo sfogo rivolgendosi ancora ai Colleghi delle Forze di Polizia: “ Quando mi rivolgo ai Colleghi non mi limito a rivolgermi a quelli della Polizia ma a tutti i componenti la Sicurezza Nazionale. Prendere coscienza di quello che viene fatto e si farà sulla nostra pelle può significare l’avvio della svolta nei rapporti di forza con il Governo. Solamente se dimostriamo compattezza, e credo che i tempi siano maturi per questo, riusciremo a urlare il nostro sdegno e a mutare per davvero l’atteggiamento delle maschere governative verso noi e verso tutto il comparto.”

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contratto comparto sicurezza e difesa

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 maggio 2010

Sarebbe davvero grave e dimostrerebbe profonda insensibilità l’eventuale congelamento del rinnovo contrattuale per il biennio 2008-2009 per il Comparto della difesa e della sicurezza, alla quale starebbero lavorando i tecnici del Ministero dell’Economia in vista della manovra finanziaria per il 2011-2012. Se ciò fosse vero, questo maggioranza e questo Governo – che quando era opposizione scese in piazza proprio con noi a Milano e Roma per chiedere stipendi più dignitosi per le Forze di Polizia, che si prende il merito politico dei numerosi arresti nella lotta alla criminalità e poi taglie le scarse buste paga di quei poliziotti che hanno compiuto concretamente quegli arresti e di quelli che li detengono in carcere vigilandoli 24 ore su 24 –  scriverebbero una pagina davvero triste nella storia del Paese e nei rapporti con le donne e gli uomini che tutti i giorni ne garantiscono la sicurezza. Mi auguro che il Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi impedisca questo scandalo”.  E’ quanto dichiara Donato CAPECE, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, la prima e più rappresentativa organizzazione dei Baschi Azzurri, all’ipotesi del blocco dei contratti del Comparto Sicurezza e Difesa.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tagli all’agricoltura

Posted by fidest press agency su sabato, 15 maggio 2010

Il Ministro dell’Agricoltura Giancarlo Galan nell’incontro con le Commissioni di Camera e Senato ha sostenuto che il settore dell’agricoltura non sarà indenne dai tagli previsti dalla doppia manovra economica che il Governo sta preparando (5 miliardi di aiuti alla Grecia e 25 miliardi di correttivo). Ci chiediamo cosa sia ancora possibile “tagliare” al comparto.  Al contrario degli altri Paesi, come Francia e Germania, che hanno riconosciuto l’importanza del settore primario dell’agricoltura e hanno aumentato le risorse a disposizione in tempo di crisi, l’Italia si dispone a chiedere un altro sacrificio agli agricoltori. Questa volta potrebbe essere fatale.  Il Partito Democratico è disponibile a ragionare con la maggioranza di Governo, ma pur apprezzando la franchezza del Ministro Galan, non possiamo che contestare questa impostazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le industrie italiane nel Caucaso

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 aprile 2010

«L’Italia è il primo partner commerciale dell’Azerbaijan: inclusi i prodotti petroliferi, oltre un quarto della sua produzione rientra negli scambi fra i nostri due Paesi». L’ha dichiarato questa mattina il Viceministro dello Sviluppo Economico Adolfo Urso, aprendo il Forum Economico Italia-Azerbaijan a Baku, cui ha preso parte anche il Presidente di Finest Michele Degrassi, rappresentando la finanziaria del triveneto tra le altre istituzioni che costituiscono il Sistema Italia, impegnato nel Caucaso in questi giorni.  «Certamente il settore di punta dell’economia del Paese riguarda il petrolio – ha dichiarato nel corso del suo intervento al Forum il Presidente Degrassi – ma non dimentichiamo che dopo questo la produzione delle macchine utensili è un comparto strategico in grande crescita». Ed è proprio qui che, per Degrassi, si aprono i maggiori spazi di dialogo per l’economia del Nordest: «Il settore delle macchine utensili offre notevoli potenzialità alle PMI del Triveneto, aziende che, in questi anni, hanno acquisito un grande know-how tecnologico in questo campo. La collaborazione con questo Paese sarà strategica: qui le nostre aziende possono trovare grandi opportunità di commercializzazione delle loro produzioni». Da non dimenticare infatti che l’Azerbaijan negli ultimi anni è stato uno dei paesi a più alto tasso di crescita al mondo, con un incremento del PIL nell’anno della crisi 2008 del 11,6%, e un incremento previsto per il 2009 del  7,5%. «L’Azerbaijan, inoltre – continua il Presidente Degrassi – ha avviato, in questi anni, un processo di modernizzazione economico-industriale in tutti settori, tra i quali principalmente l’arredamento, i materiali edili, l’agroalimentare, le infrastrutture, l’energia e i farmaceutici. Sono tutti settori strategici per le nostre imprese del triveneto».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Ernst & Young – Assobiotec

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 aprile 2010

Milano, 26 aprile 2010, alle ore 11.00presso la sede di Intesa Sanpaolo – Ca’ de Sass – Sala Guicciardi (Via Monte di Pietà 8) “Biotecnologie in Italia 2010”  Tra le novità del Rapporto “Biotecnologie in Italia 2010” spicca l’adozione della metodologia adottata da anni da Ernst & Young. In tal modo è stato possibile per la prima volta fare dei paragoni omogenei tra il biotech italiano e quello degli altri paesi, un passaggio cruciale per un comparto che ambisce a rafforzare la propria capacità di competere in ambito internazionale.  Presenteranno e commenteranno i risultati del Rapporto: Marco Rottigni – Responsabile Direzione Mid Corporate Intesa Sanpaolo  Pier Paolo Celeste – Direttore Dipartimento Servizi alle Imprese dell’ICE  Antonio Irione – Advisory Life Science Leader Italia Ernst & Young  Sergio Dompé – Presidente Farmindustria  Roberto Gradnik – Presidente Assobiotec

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sciopero Cgil

Posted by fidest press agency su sabato, 13 marzo 2010

Roma 13/3/2010. Il Dipartimento della Funzione pubblica, che in base all’articolo 5 della legge 146/1990 riceve dalle singole amministrazioni i dati sulla partecipazione effettiva dei loro dipendenti agli scioperi, comunica che alle ore 12,30 la percentuale dei lavoratori pubblico impiego che hanno partecipato allo sciopero generale indetto oggi alla Cgil risulta essere pari al 9,51%. In particolare, l’adesione è stata dell’ 8,87% nel comparto Ministeri, del 10,09% nel comparto Scuola e del 4,68% nel comparto Regioni ed Enti locali. Le percentuali sono state calcolate come sempre sul personale assegnato, escluso – ove comunicato – quello assente per motivi diversi dallo sciopero (ferie, malattia, ecc.).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comparto difesa & sicurezza: elemosina in arrivo

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 dicembre 2009

Il rinnovo del contratto di lavoro 2008-09: i sindacati dicono no all’incontro con Brunetta a Roma, “Come rappresentanti della quasi totalità delle organizzazioni sindacali del personale della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato, le comunichiamo che non è nostra intenzione prendere parte all’incontro in questione perchè non sono stati rispettati gli impegni assunti formalmente dalla compagine governativa”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “made in Friuli” sul mercato indiano

Posted by fidest press agency su martedì, 22 dicembre 2009

In India alla ricerca di nuove partnership e collaborazioni commerciali. Ci sono andate 9 realtà imprenditoriali friulane (7 del comparto arredo e 2 edili), impegnate nella missione congiunta Governo/Regioni a New Delhi e Mumbai, organizzata dall’Istituto per il commercio estero-Ice sotto l’egida del Ministero per lo Sviluppo economico. La Regione Fvg è stata designata capofila del settore mobili e design, comparto che nei primi nove mesi del 2009 ha raggiunto un valore dell’export verso l’India pari a oltre 2 milioni 751 mila euro.  Ad affiancare la collettiva imprenditoriale l’Azienda Speciale I.Ter della Cciaa di Udine che, nell’ambito del programma promosso dall’Assessorato regionale alle Attività produttive, ha organizzato anche una “due giorni” d’incontri informativi e d’affari a Bangalore per le pmi friulane.  «Il 40% dell’export indiano è frutto delle piccole e medie imprese – ha commentato Marco Simeon, in India nella duplice veste di consigliere camerale e d’imprenditore, sottolineando che la partecipazione del ministro Claudio Scajola e del viceministro Adolfo Urso ha permesso di dare maggior peso al sistema Italia e di raggiungere diversi accordi di partenariato commerciale con il Governo indiano – per cui le nostre aziende hanno trovato negli imprenditori locali la stessa volontà di avviare proficui rapporti di collaborazione: rapporti a cui, come ente camerale, cercheremo di dare continuità offrendo un concreto affiancamento alle imprese». E i primi contatti mostrano segnali positivi: dopo la visita alle case di produzione cinematografiche di “Bollywood” e del New Centre of Performing Arts di Mumbai, l’azienda Acr di Pavia di Udine (specializzata nella costruzione di macchinari per la movimentazione dei palcoscenici teatrali) ha posto le basi per future collaborazioni. «L’India si sta aprendo molto all’opera e al melodramma – ha spiegato Susanna Salvador, responsabile commerciale di Acr che nel corso della missione ha avuto anche la possibilità di visitare il secondo studio di riprese cinematografiche più grande del mondo e di prendere contatto con l’organizzatore degli eventi di apertura dei giochi del Commonwealth 2010 – ed è un Paese che apprezza molto l’ambito culturale: il centro di performing arts di Mumbai (con una produzione di 560 spettacoli all’anno e la presenza di 5 teatri già in collegamento con realtà italiane), ci ha fatto diverse proposte». Buone prospettive anche per l’impresa manzanese Billiani, produttrice di sedute per il settore dell’arredo contract e in India per la prima volta. «Nonostante quello indiano sia un mercato complesso e vasto, specie per i brand minori – ha affermato Luigi Billiani – abbiamo avuto l’opportunità di allacciare i rapporti con un’azienda in loco per dar vita a una partnership». Fitto il programma della missione (alla quale hanno preso parte un centinaio di aziende italiane, per un totale di 2.670 incontri di business con più di 650 realtà indiane) a partire dai forum istituzionali, dove i rappresentanti regionali e il presidente dell’Ice, Umberto Vattani, hanno illustrato a un pubblico di esperti caratteristiche e potenzialità dei singoli comparti economici, ai seminari tecnici, fino agli incontri bilaterali. A Bangalore, le imprese friulane hanno incontrato interior designers, produttori, importatori e architetti selezionati dalla Camera di Commercio indo-italiana, nonché approfondito (grazie all’intervento curato dallo studio d’architettura Jaisim Fountainhead, il cui fondatore è presidente della locale associazione professionale e noto docente universitario) la realtà locale del design d’interni e le opportunità di sviluppo per il comparto legno-arredo nello Stato del Karnataka.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contratto d’ormeggio

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2009

È il settore della nautica da diporto che insieme al relativo indotto «esprime la ricchezza economica del nostro territorio e contribuisce a valorizzarlo anche dal punto di vista turistico: per questo motivo, la Camera di Commercio ha sostenuto un anno fa la costituzione di Assonautica Udine, organismo-filiera delle pmi operative in questo comparto». Lo ha affermato il presidente della Cciaa udinese, Giovanni Da Pozzo, introducendo il convegno “Nautica da diporto: il contratto d’ormeggio”, occasione di confronto rivolta agli addetti del settore e organizzata dall’ente camerale (con la collaborazione di Assonautica Udine e il contributo della Provincia) per approfondire la tematica giuridica legata alla gestione e all’utilizzo del “posto barca”. «Il contratto d’ormeggio è nato dalla realtà quotidiana vissuta dagli operatori nautici – ha spiegato Alfredo Antonini, ordinario di Diritto commerciale e dei trasporti all’Università di Udine, che ha anche coordinato l’incontro aperto dai saluti del presidente di Assonautica provinciale, Denis Puntin – e, ad oggi, non è ancora regolamentato da una normativa ad hoc: questo crea, molto spesso, spiacevoli contenziosi giudiziari, visto che la nautica da diporto genera cospicui flussi economici».

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dati congiunturali del settore impiantistico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 dicembre 2009

Si è chiusa la prima indagine congiunturale semestrale di Assistal nell’ambito del Progetto ODESI, l’Osservatorio sulle Dinamiche Evolutive del Settore Impiantistico. Dai dati relativi a questa prima indagine non emergono segnali incoraggianti. Le difficoltà del comparto, infatti, sono evidenti principalmente per due ordini di motivi: il primo strettamente legato alla crisi economica, il secondo più dovuto a criticità tipiche del comparto che dalla crisi sono state ulteriormente acuite. I numeri, infatti, confermano che il 2010 si presenterà  come un anno difficile per le imprese impiantistiche, un anno che registrerà forse un andamento ancor più negativo del 2009. Entrando nello specifico dei risultati dell’indagine, possiamo vedere come il 59.5%  delle imprese abbia subito una riduzione del fatturato e il 61.5%  abbia registrato una riduzione del portafoglio ordini nel primo semestre 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008. Un andamento negativo è previsto anche per il secondo semestre 2009 sia per quanto riguarda il fatturato che il portafoglio ordini. Particolarmente rilevante risulta il dato relativo al calo di questi due indici nel secondo semestre di quest’anno che sottolinea il persistere di un andamento negativo. Sul fronte occupazionale, le previsioni mettono in evidenza come il 28% delle imprese stimi una diminuzione nel numero di addetti. Si tratta di un dato al ribasso che non fa presagire indicazioni positive per il 2010. In questo momento, dai segnali che provengono dalle imprese, non si intravedono indicatori a favore di una ripresa. I deboli cenni positivi provenienti dal settore dell’industria e delle costruzioni  fanno sperare in una inversione di tendenza che però non potrà arrivare prima della seconda metà del prossimo anno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bilancio Camera commercio Bari

Posted by fidest press agency su sabato, 28 novembre 2009

Il Consiglio della Camera di Commercio di Bari ha approvato  il Bilancio di Previsione 2010 dell’ente camerale barese. Nove milioni di euro saranno destinati alle attività promozionali e pertanto ad incentivare la progettualità nei settori portanti dell’economia di Bari e provincia; 7 milioni la somma messa a disposizione per il completamento del 2° stralcio del Mercato Agricolo Alimentare di Bari, che prevede la realizzazione di ulteriori 32 box. In questo disegno politico di armonizzazione degli interventi si inserisce l’impegno a portare a compimento la realizzazione del Mercato Agricolo Alimentare di Bari, la piattaforma logistica che nello stesso luogo fisico concentrerà pertanto l’offerta e la domanda di prodotti agricoli, “favorendo così – spiega Farace – il collegamento tra produttori-fornitori e dettaglianti acquirenti, razionalizzando la filiera e trattenendo in loco il valore aggiunto in un settore quale quello agricolo e agroalimentare importantissimo a Bari ed in Puglia e che partecipa alla formazione del PIL regionale per circa il 10% . Il primo stralcio è stato già completato con 16 box, un centro direzionale, un centro ingessi e controlli.  Con il secondo stralcio il numero dei box verrà incrementato di 32 unità”.  Il Consiglio della Camera di Commercio di Bari in conclusione ha manifestato vicinanza al mondo agricolo barese per il momento di grande difficoltà che sta attraversando, a causa delle ultime annate, le peggiori del decennio, sottolineando l’importantissimo ruolo sociale oltre che economico espresso dal comparto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »