Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Posts Tagged ‘complicazioni’

Prevenire le complicazioni cardiache dovute ai trattamenti contro i tumori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 gennaio 2017

Palermo-Panorama-bjs-2Palermo dal 19 al 21 gennaio 2017 nel Complesso Monumentale Chiaramonte “Steri” in Piazza Marina 61. Il congresso sarà aperto dai saluti del Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, di Renato Li Donni, Direttore Generale dell’Ospedale Universitario “P. Giaccone”, e di Francesco Vitale, presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Palermo.
Le complicazioni cardiache e vascolari causate dai trattamenti contro i tumori sono tra le principali cause di morte cardiovascolare. Per prevenire queste condizioni e ridurne i danni, è nata la cardio-oncologia, una nuova branca della cardiologia. «Le nuove terapie per trattare i tumori spesso determinano un danno cardiaco» spiega Salvatore Novo, Direttore della Divisione di Cardiologia all’Ospedale Universitario “P. Giaccone” di Palermo. «Soltanto l’utilizzo di sofisticate tecniche di immagine, come la risonanza magnetica cardiaca, oppure specifici biomarcatori, consentono di raggiungere una diagnosi precoce per individuare un’insufficienza cardiaca o un danno vascolare, in modo da avviare una terapia preventiva». Sarà questo uno dei principali argomenti del congresso internazionale di cardiologia di cui Salvatore Novo sarà presidente. Altri argomenti saranno l’insufficienza cardiaca, la fibrillazione atriale, le patologie delle valvole cardiache, il rischio cardiometabolico. Il Congresso, dal titolo “From scientific research to clinical practice” è organizzato dal Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute, Scuola di Medicina, Università di Palermo, ed è promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenire le complicazioni cardiache dovute ai trattamenti contro i tumori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

universita-studi-palermoPalermo 19 al 21 gennaio 2017 nel Complesso Monumentale Chiaramonte “Steri” in Piazza Marina 61 Congresso Internazionale su Prevenire le complicazioni cardiache dovute ai trattamenti contro i tumori. Le complicazioni cardiache e vascolari causate dai trattamenti contro i tumori sono tra le principali cause di morte cardiovascolare. Per prevenire queste condizioni e ridurne i danni, è nata la cardio-oncologia, una nuova branca della cardiologia. «Le nuove terapie per trattare i tumori spesso determinano un danno cardiaco» spiega Salvatore Novo, Direttore della Divisione di Cardiologia all’Ospedale Universitario “P. Giaccone” di Palermo. «Soltanto l’utilizzo di sofisticate tecniche di immagine, come la risonanza magnetica cardiaca, oppure specifici biomarcatori, consentono di raggiungere una diagnosi precoce per individuare un’insufficienza cardiaca o un danno vascolare, in modo da avviare una terapia preventiva». Sarà questo uno dei principali argomenti del congresso internazionale di cardiologia di cui Salvatore Novo sarà presidente. Altri argomenti saranno l’insufficienza cardiaca, la fibrillazione atriale, le patologie delle valvole cardiache, il rischio cardiometabolico. Il Congresso, dal titolo “From scientific research to clinical practice” è organizzato dal Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute, Scuola di Medicina, Università di Palermo, ed è promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. Il congresso sarà aperto il 19 gennaio dai saluti del Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, di Renato Li Donni, Direttore Generale dell’Ospedale Universitario “P. Giaccone”, e di Francesco Vitale, presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Palermo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM e l’Unione Europea collaborano

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

Così come avviene per i personal computer, anche i grandi sistemi complessi che gestiscono reti elettriche, centrali nucleari, infrastrutture di trasporto e condutture idriche richiedono aggiornamenti critici periodici del proprio software. A differenza di un sistema operativo di PC con un utente singolo, tuttavia, le conseguenze di un’anomalia degli upgrade dei sistemi possono essere globali e costose.  Per ridurre questi rischi, IBM ha avviato una collaborazione triennale con l’Unione Europea, partner dell’industria e del mondo accademico per creare una nuova tecnologia che aumenti  l’affidabilità degli upgrade dei sistemi “mission-critical”, rilevando ed eliminando gli errori prima che possano provocare  guasti o  complicazioni nel sistema. I piani prevedono la condivisione dei risultati del progetto di ricerca con la comunità Open Source.  Denominato PINCETTE, “pinzette” in francese, per la capacità unica della tecnologia, simile alle pinzette appunto, di segnalare ed eliminare anche il più minuscolo bug del software sulle grandi reti,  questo progetto è finalizzato a ridurre i costi associati alla manutenzione del nuovo software di sistema, automatizzando i processi di analisi e test spesso complicati. Secondo le stime attuali, i costi associati alla validazione del nuovo software costituiscono tra il 40% e il 70% del costo del ciclo di vita di un sistema. I partner del consorzio, guidato da IBM Research di Haifa, comprendono: Università di Oxford, Gran Bretagna; Università della Svizzera Italiana (USI), Svizzera; Università degli Studi di Milano-Bicocca (UniMiB), Italia; Valtion Teknillinen Tutkimuskeskus (VTT), Finlandia; Israel Aerospace Industries Ltd. (IAI), Israele; e le filiali ABB in Svizzera e Germania.
Il consorzio di ricerca PINCETTE, finanziato dall’Unione Europea, introdurrà funzionalità ingegneristiche e gestionali avanzate per i sistemi collegati in rete che hanno elevate esigenze di affidabilità. Il progetto svilupperà la tecnologia per assicurare upgrade sicuri dell’infrastruttura, assicurando il corretto funzionamento dei sistemi software collegati in continua evoluzione. PINCETTE aumenterà il livello di affidabilità nella sicurezza degli upgrade, consentendo infine la certificazione per sistemi e applicazioni che taglierà il costo e il time-to-market degli upgrade di diversi ordini di grandezza. Nello specifico, il consorzio prevede di migliorare in modo sostanziale l’affidabilità dei sistemi, con una diminuzione di almeno il 70% del numero di errori funzionali,  e di ridurre in modo decisivo il  tempo richiesto per validare una singola modifica o upgrade e per assicurare la compatibilità delle versioni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Isterectomia: è ora di una svolta

Posted by fidest press agency su martedì, 22 giugno 2010

I tempi sono maturi per ridurre l’impiego dell’isterectomia addominale in favore delle procedure mini-invasive. Training e supervisione sono essenziali prima di praticare l’isterectomia totale laparoscopica (al fine di minimizzare le complicazioni) o l’isterectomia per via vaginale (per una salpingo-ooforectomia bilaterale pianificata). Altrettanto importante, soprattutto per l’isterectomia laparoscopica totale, la condivisione delle tecniche utilizzate dai diversi chirurghi, dei risultati e delle complicazioni. A queste conclusioni giungono Massimo Candiani e Stefano Izzo, rispettivamente dell’ospedale San Raffaele e dell’ospedale San Paolo di Milano, al termine di una review sugli approcci laparascopico e vaginale in caso di isterectomia per patologie benigne. Recenti ricerche – scrivono i due clinici – hanno stabilito che l’isterectomia vaginale sembra essere il gold standard per la terapia delle patologie benigne e, quando possibile, dovrebbe essere preferita all’approccio addominale. Se il ricorso all’isterectomia vaginale non è tecnicamente possibile, l’intervento laparoscopico è pure preferibile a quello addominale. L’isterectomia laparoscopica non comporta vantaggi rispetto alla vaginale, perchè gravata da un più alto tasso di complicazioni (specialmente lesioni a carico della vescica e dell’uretere). Altri autori, però, riferiscono che l’isterectomia laparoscopica comporta alcuni vantaggi: permette di praticare una salpingo-ooforectomia bilaterale in sicurezza, consente il trattamento di altre patologie durante la sessione chirurgica, determina una riduzione del sanguinamento intra-operatorio, del dolore pelvico dopo l’intervento e del tempo di permanenza in ospedale rispetto all’isterectomia vaginale. Inoltre, l’approccio laparoscopico, praticato da mani esperte, non risulta associato a un aumento del tasso di complicazioni maggiori. (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medici di famiglia sentinelle contro il virus

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2009

È un’epidemia “silenziosa”: in Italia vi sono circa 700 mila portatori cronici di epatite B, ma è ancora scarsa la percezione della malattia e preoccupa la mancanza di ricorso a cure appropriate. L’appello dei medici di famiglia, riuniti a Firenze fino a sabato nel 26° Congresso della Società Italiana di Generale (SIMG), è ad un attento monitoraggio dei pazienti perché oggi vi sono terapie efficaci in grado di tenere sotto controllo la malattia. “Il medico di famiglia – sottolinea il dott. Alessandro Rossi, responsabile dell’area infettivologica della SIMG – svolge il ruolo di ‘sentinella’, per cogliere i sintomi della malattia e porre le domande giuste alle persone potenzialmente a rischio. Spesso infatti l’infezione si scopre per caso o anni dopo le complicazioni. Il virus si trasmette per via sessuale o per contatto con sangue infetto”. È molto importante mantenere il network tra medico di medicina generale e specialista, per una gestione coordinata dei malati, con risparmio di tempo e risorse per entrambi. “Se non trattata correttamente – spiega Massimo Levrero, professore associato presso il Dipartimento di Medicina Interna all’Università La Sapienza di Roma –  l’epatite B cronica evolve in cirrosi nel 10-20% dei casi e i pazienti cirrotici andranno incontro ogni anno nel 5-10% dei casi a complicanze (sanguinamento, ascite, scompenso, carcinoma epatocellulare)”. I progressi terapeutici degli ultimi anni sono stati particolarmente rilevanti. In particolare entecavir molecola di nuova generazione e antivirale orale ad alta barriera genetica per il trattamento dell’epatite B cronica. La molecola, scoperta nei centri di ricerca di Bristol-Myers Squibb e disponibile in Italia da due anni, in uno studio italiano osservazionale recentemente presentato al Congresso americano sulle malattie del fegato (AASLD) che si è svolto a Boston, ha dimostrato  di abbattere la resistenza virale e di ridurre i danni del fegato. Sono stati arruolati 376 pazienti (da 17 centri) non trattati precedentemente con altri farmaci. Il 96% ha raggiunto un livello di carica virale non rilevabile a 72 settimane. Non solo, nel periodo di osservazione non sono stati registrati eventi avversi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Operazione “Estate Sicura” in Lombardia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2009

“Ringraziamo l’arma dei carabinieri per il costante e concreto controllo del territorio. Questa è la dimostrazione che se si lascia spazio alla forze dell’ordine  non c’è alcuna necessità di ricorrere all’ausilio delle ronde o simili che rendono solo ulteriori complicazioni dal momento che ognuno deve fare quello per cui è pagato”. In questo modo il responsabile per la regione Lombardia del movimento Italia dei Diritti Giuseppe Criseo, si sente in dovere di esprimersi, venuto al corrente dei buoni risultati che sta ottenendo il piano “Estate Sicura”  realizzato dai carabinieri del comando provinciale di Varese. Per l’operazione sono stati messi in campo 800 uomini, 280 automezzi, 5 Stazioni Mobili e diverse unità di motociclisti, avvalendosi anche dell’utilizzo di due elicotteri dell’Elinucleo di Orio al Serio (BG), di 4 unità cinofile del Nucleo di Casatenuovo (LC), di due squadre della CIO del 3° Battaglione Lombardia e per concludere di due squadre operative del NAS di Milano. Da inizio giugno 100 sono stati gli arresti e molteplici i tentativi di furto sventati nelle diverse zone isolate poichè prive in questo periodo della maggior parte dei cittadini partiti per le vacanze. Il rappresentante territoriale del movimento guidato da Antonello De Pierro conclude: “Rinnovo quindi le mie congratulazioni all’arma dei carabinieri e mi permetto di suggerire un centralino telematico nella regione che permetta al cittadino di farsi passare la linea direttamente da un commissariato all’altro, senza riattaccare e ricomporre il numero dell’altra caserma in questione. Si renderebbe tutto più efficace e senza perdite di tempo poiché sappiamo bene che in alcuni casi pochi secondi possono fare la differenza tra il bene e il male”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il trasporto intermodale

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2009

Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Il punto debole in Italia, e in senso più generale in Europa, è il trasporto delle merci o, per l’esattezza, il trasporto intermodale. Si analizzano in questa pubblicazione sia l’inadeguatezza delle reti viarie stradali, ferroviari, fluviali, marittime ed aeree, nell’ambito nazionale, sia la loro incapacità di collegarsi a livello europeo con un sistema omogeneo di trasporto. Il problema a questo punto sta non solo nel modo come si trasporta ma nella possibilità di effettuare degli scambi senza creare complicazioni. Basta pensare, ad esempio, che la quota del trasporto merci su rotaia in Italia è salito, nel giro di un decennio, dal 9 al 14,2%, ma resta ben poca cosa se pensiamo che nel frattempo registriamo in Francia un 38%, un 28% in Germania ed un 24,2% in Gran Bretagna. Questa situazione diventa sempre più grave in Italia proprio perché le nostre imprese devono fare i conti con una concorrenza internazionale sempre più agguerrita e l’unificazione dei mercati sta già esercitando un ruolo decisivo sui costi aziendali, la mobilità delle merci e, soprattutto, dai risparmi che possono derivarne dai trasporti.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »