Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘comunione’

Sociale, civile e di comunione in mostra al polo Bonfanti

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 Maggio 2017

EPSON DSC pictureFirenze. Sabato, 13 maggio 2017, ore 14.30 Polo Lionello Bonfanti (Burchio – Figline e Incisa Valdarno – FI) Sociale, civile e di comunione in mostra al polo Bonfanti con la partecipazione degli economisti Carlo Borzaga, presidente del centro sull’Economia Sociale EURICSE di Trento e Luigino Bruni, coordinatore del progetto Economia di Comunione; di Massimo Toschi, già assessore alla cooperazione internazionale della Regione Toscana, di Eva Gullo, imprenditrice e presidente EdiC spa e dei progettisti della mostra Chiara Ronconi e Massimo Innocenti. Sarà presente anche Giulia Mugnai, sindaco di Figline e Incisa Valdarno. Modera Carlo Cefaloni, giornalista.
«Le economie sociale, civile e di comunione ci permettono di sperarlo», spiega il prof. Benedetto Gui, economista e docente di Economia politica presso l’Istituto Universitario Sophia e promotore di “SCIC”, la Mostra multimediale di Economia sociale, civile e di comunione che verrà inaugurata il 13 maggio prossimo al Polo Lionello Bonfanti (Burchio – Figline e Incisa Valdarno- FI) alle 14.30.
«Oggi nei confronti dell’economia c’è molta sfiducia. La si vede come una macchina che schiaccia le persone e dà vantaggi solo ad alcuni. Questa è una parte della realtà, ma c’è n’è un’altra che la mostra vuole far conoscere e mettere in luce. La sigla “SCiC” mette insieme l’Economia Sociale, con la tradizione cooperativa e il fermento di nuove iniziative, la cosiddetta “Economia Civile”, che vede anche le aziende come partner nella costruzione dell’interesse pubblico, e l’Economia di Comunione, nata per reagire alla povertà e mettere al centro la persona. Ne emerge una visione delle relazioni economiche e del benessere che può offrire delle vie di uscita dai problemi della disuguaglianza, della conflittualità e della povertà di senso».
«Pensare ad un evento che si basa sull’economia è già di per sé difficile” – spiegano Chiara Ronconi e Massimo Innocenti, progettisti e visual designer della mostra – “ed esporre dei numeri lo è forse di più. Per questo abbiamo ideato un percorso esperienziale rivolto principalmente ai giovani dove presentiamo scenari ed economie concettualmente diverse. Attraverso contributi video, grafici e immagini abbiamo voluto dar voce ai protagonisti. Entrando così in contatto diretto con le fonti, il visitatore potrà acquisire un bagaglio di informazioni, conoscenze, idee non mediate; primo passo per futuri progetti o per una condivisione di idee e proposte innovative».

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No a un’economia che uccide. Sì a un’economia di comunione

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 febbraio 2017

papa francesco«Economia e comunione. Due parole che la cultura attuale tiene ben separate e spesso considera opposte. Due parole che voi invece avete unito, raccogliendo l’invito che venticinque anni fa vi rivolse Chiara Lubich, in Brasile, quando, di fronte allo scandalo della diseguaglianza nella città di San Paolo, chiese agli imprenditori di diventare agenti di comunione». Così papa Francesco saluta i 1200 imprenditori, giovani e studiosi convenuti per questa festa dell’Economia di Comunione, dopo 25 anni di vita: «Al vostro progetto sono da tempo sinceramente interessato».
«Voi fate vedere con la vostra vita che economia e comunione diventano più belle quando sono accostate una accanto all’altra. Più bella l’economia, certamente, ma più bella diventa anche la comunione, perché la comunione spirituale dei cuori è ancora più piena quando diventa comunione di beni, di talenti, di profitti».
Ad un auditorio estremamente attento, papa Francesco rivolge tre auguri e raccomandazioni.
Primo il denaro. «È molto importante che al cuore dell’Economia di Comunione ci sia la comunione dei vostri utili. L’Economia di Comunione è anche comunione dei profitti, dei soldi, espressione della comunione della vita». Il denaro, ha detto, «diventa idolo quando diventa il fine (…). E’ stato Gesù a dare al denaro la categoria di signore». E ancora: «Si capisce, allora, il valore etico e spirituale della vostra scelta di mettere i profitti in comune. Il modo migliore e più concreto per non fare del denaro un idolo è condividerlo con altri, soprattutto con i poveri (…). Quando condividete e donate i vostri profitti, state facendo un atto di alta spiritualità, dicendo con i fatti al denaro: tu non sei Dio, tu non sei signore, tu non sei padrone!».
chiara lubichSecondo la povertà. «Il principale problema etico del capitalismo è la creazione di scarti per poi cercare di nasconderli o curarli per non farli più vedere (…). Gli aerei inquinano l’atmosfera, ma con una piccola parte dei soldi del biglietto pianteranno alberi, per compensare parte del danno creato. Le società dell’azzardo finanziano campagne per curare i giocatori patologici che esse creano. E il giorno in cui le imprese di armi finanzieranno ospedali per curare i bambini mutilati dalle loro bombe, il sistema avrà raggiunto il suo culmine. Questa è l’ipocrisia!». Di fronte a questo abominio «l’Economia di Comunione, se vuole essere fedele al suo carisma, non deve soltanto curare le vittime del sistema, ma costruire un sistema dove le vittime siano sempre di meno, dove possibilmente esse non ci siano più. Finché l’economia produrrà ancora una vittima e ci sarà una sola persona scartata, la comunione non è ancora realizzata, la festa della fraternità universale non è piena».
Terzo il futuro. «Questi 25 anni della vostra storia dicono che la comunione e l’impresa possono stare e crescere insieme», un’esperienza limitata ancora ad un piccolo numero di imprese se confrontato al grande capitale del mondo, «ma i cambiamenti nell’ordine dello spirito e quindi della vita non sono legati ai grandi numeri. Il piccolo gregge, la lampada, una moneta, un agnello, una perla, il sale, il lievito: sono queste le immagini del Regno che incontriamo nei Vangeli. Non occorre essere in molti per cambiare la nostra storia, la nostra vita: basta che il sale e il lievito non si snaturino (…), il sale non fa il suo mestiere crescendo in quantità, anzi, troppo sale rende la pasta salata, ma salvando la sua “anima”, la sua qualità». E evocando il tempo in cui non c’erano i frigorifici e si condivideva il lievito madre per fare nuovo pane, ha spronato gli imprenditori EdC a «non perdere il principio attivo, l’ “enzima” della comunione» mettendo in atto «la reciprocità». «La comunione non è solo divisione ma anche moltiplicazione dei beni, creazione di nuovo pane, di nuovi beni, di nuovo Bene con la maiuscola». Con un invito: «Donatela a tutti, e prima ai poveri e ai giovani (…). Il capitalismo conosce la filantropia, non la comunione».
Infine: «Queste cose voi le fate già. Ma potete condividere di più i profitti per combattere l’idolatria, cambiare le strutture per prevenire la creazione delle vittime e degli scarti; donare di più il vostro lievito per lievitare il pane di molti. Il “no” ad un’economia che uccide diventi un “sì” ad una economia che fa vivere, perché condivide, include i poveri, usa i profitti per creare comunione». «Vi auguro di continuare sulla vostra strada, con coraggio, umiltà e gioia…, continuare ad essere seme, sale e lievito di un’altra economia: l’economia del Regno, dove i ricchi sanno condividere le loro ricchezze, e i poveri sono chiamati beati».
Questa la nuova consapevolezza con cui si riparte, con gioia e rinnovato impegno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Economia di comunione

Posted by fidest press agency su domenica, 5 ottobre 2014

oppian labCon una ‘Virtual Expo’ di 56 aziende italiane che condividono la medesima esperienza di comunione in economia, si è aperta all’insegna dell’Economia di Comunione (EdC) la prima giornata della quinta edizione di LoppianLab, il laboratorio nazionale dal titolo: “Una mappa per l’Italia tra relazioni, lavoro, cultura”.
Un confronto a tutto campo dei rapporti tra politica ed economia a partire dal percorso dell’AIPEC, realtà di imprenditori che cercano di proporre la prassi dell’EdC all’interno del contesto sociale ed economico italiano. La responsabilità sociale d’impresa è solo un elemento decorativo o è il criterio fondamentale strategico dell’agire economico?. Come superare lo svantaggio competitivo nell’azienda virtuosa e rispettosa della legge in uno scenario di crisi che il ministro Padoan definisce peggiore del ’29? Su tali temi si sono confrontati il presidente del Movimento Politico per l’Unità (MPPU) Silvio Minnetti, Antonio Baldaccini, responsabile del Gruppo Umbria Cuscinetti, Giovanni Arletti (Gruppo CHIMAR), leader nel campo degli imballaggi industriali e Gaetano Guzzardi, giovane avvocato catanese e segretario generale AIPEC. Al termine è stato premiato un progetto imprenditoriale d’innovazione e inclusione sociale, “La casa sulla roccia” di Benevento.
Nel pomeriggio Luigino Bruni, economista e coordinatore del progetto EdC ha aperto la Convention nazionale di Economia di Comunione. Ha ribadito la centralità dei “poveri che ne è anche la radice”: “E’ ascoltando il grido dei poveri che 23 anni fa, nel ’91, prese il via la proposta dell’Economia di Comunione, basata sulla volontà di condividere gli utili per creare opportunità a chi è a disagio o emarginato”.
Molte le storie di realtà associative e d’impegno sociale raccontate, che mettono l’uomo, il disagio e la povertà al centro del loro agire: Caritas argentina, Associazione Mondo Unito (AMU), Libera contro le mafie, Caritas Torino, Fondazione di Comunità (Messina), Coop. Sociale L’Arcolaio.
Giovanni Romano presidente dell’Arcolaio racconta il progetto con i carcerati a Siracusa che ha innescato un circolo virtuoso di fiducia: “Cerchiamo di costruire con i detenuti percorsi di riscatto, di dignità. Diamo loro una possibilità di riscatto, producendo pasta di mandorle. In questo modo ci siamo aperti anche al territorio circostante. Il carcere per funzionare ha bisogno di territori solidali dove ci si aiuti. C’è da abbattere muri”.
Tiziana Ciampolini della Caritas di Torino descrive il progetto “Fa bene”: azioni concrete di solidarietà nella quotidiana pratica della spesa alimentare, promuovendo l’acquisto di cibo fresco e di qualità per famiglie in difficoltà.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

20 anni di: Economia di Comunione

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2011

San Paolo – Brasile 29 maggio 2011 – Ore 9:30-18:00 (ora locale) Auditório Simon Bolivar –Memorial da América Latina Attesi oltre 1500 imprenditori e lavoratori, studiosi e rappresentanti della società civile da 37 Paesi di 4 continenti, tra cui Canada e Stati Uniti, Corea e Filippine, Francia, Germania, Polonia e Serbia, Argentina, Bolivia e Perù, Costa d’Avorio e Nigeria. Saranno presenti personalità civili e religiose tra cui noti economisti brasiliani quali i proff. Riccardo Abramovay (USPI – Università di San Paolo), specializzato in economia solidale, e Walter Barelli (rettore Unicamp Campinas), già ministro del lavoro e deputato federale, e il card. Claudio Hummes, già arcivescovo di San Paolo e Prefetto della Congregazione del Clero. Il convegno si propone di fare un bilancio dei primi 20 anni dell’EdC e di aprire nuove prospettive per il prossimo ventennio. Nel contesto dell’attuale situazione economica mondiale, verranno presentate le idee fondanti, le concretizzazioni del progetto, la “Carta d’identità dell’EdC” e il “Messaggio San Paolo 2011”. Al convegno interverranno tra gli altri: il prof. Rubens Ricupero, già Vice-Segretario generale dell’ONU, Segretario Generale dell’UNCTAD, ministro dell’Ambiente e delle Finanze del governo federale brasiliano; il prof. Stefano Zamagni, docente di Economia all’Università di Bologna (Italia) e di Economia internazionale alla Paul Nitze School of Advanced International Studies della Johns Hopkins University (USA); la prof. Vera Araújo, sociologa, coordinatrice di “Social One”, gruppo internazionale di sociologi e studiosi del servizio sociale.
L’appuntamento sarà preceduto dall’Assemblea Internazionale dell’EdC “Protagonisti oggi di una nuova economia” che avrà luogo dal 25 al 28 maggio nella cittadella dei Focolari che sorge nei pressi di San Paolo. 600 i partecipanti prenotati: imprenditori, lavoratori, studiosi e studenti coinvolti nel progetto. Tre i panels: Imprenditore e impresa, Povertà e sviluppo, Aspetti istituzionali e dimensione culturale, illustrati anche da esperienze e buone pratiche. Seguiranno gruppi di lavoro, dialogo, tavole rotonde e la visita al vicino Polo imprenditoriale di imprese di Economia di Comunione. Entrambi gli eventi verranno diffusi via internet all’indirizzo http://www.edc-online.org

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carismi in comunione

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 ottobre 2010

Assisi 23 ottobre ad si terrà l’evento “Carismi in Comunione, una giornata di incontri tra Movimenti ecclesiali e Istituti religiosi per attuare quanto la Chiesa si attende dalle sue espressioni carismatiche sorte lungo i secoli. Una giornata dedicata alla comunione fra i Carismi, definiti da Giovanni Paolo II una significativa componente “coessenziale” della Chiesa che permette di mostrare la bellezza nella diversità e di ammirarli anche per la loro capacità di saper cogliere le sfide dall’attuale società e porgere delle risposte. Nel 10° anniversario dell’incontro tra la Famiglia Francescana ed il Movimento dei Focolari, i Movimenti ecclesiali e le Famiglie dei religiosi e delle religiose si ritrovano di nuovo ad Assisi e sullo stesso luogo per continuare un dialogo di comunione a tutto campo con i carismi storici e moderni. L’obiettivo è di condividere e approfondire il cammino di comunione intrapreso negli ultimi anni. Tra gli altri parteciperanno i Ministri generali del Primo Ordine francescano, i Presidenti nazionali delle Conferenze dei Superiori e i Superiore maggiori (CISM e USMI) e i responsabili dei movimenti ecclesiali moderni. L’evento verrà trasmesso in diretta web su http://www.sanfrancesco.org sin dalle ore 11.30.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regime matrimoniale: comunione e separazione beni

Posted by fidest press agency su sabato, 2 ottobre 2010

Se gli italiani ritengono storicamente quello della casalinga un vero e proprio lavoro che contribuisce al buon andamento della vita familiare e quindi allo sviluppo dei singoli componenti, secondo Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di IDV e fondatore dello “Sportello Dei Diritti”, la singolare sentenza della Cassazione n. 20508 del 30 settembre 2010 ne sminuisce in un sol colpo il diritto a ritenersi proprietaria della metà dell’immobile costruito sul terreno del marito nel corso del matrimonio, pur essendo in comunione dei beni. Almeno è questo il principio sancito dalla Suprema Corte a seguito del rigetto di un ricorso da parte di una moglie che chiedeva il diritto alla metà dell’immobile fabbricato sul terreno del marito pur avendo contribuito al menage familiare ma non avendo dimostrato di avervi contribuito economicamente in via diretta. Pur avendo sostenuto di essere in comunione dei beni ed avendo contribuito alla vita familiare con il suo lavoro in casa arrivando a definirlo quale “lavoro manageriale diretto alla cura dei figli”, le due corti di merito il Tribunale di Terni e poi la Corte d’Appello di Perugia avevano rigettato le sue richieste anche perché non aveva dimostrato una partecipazione economica alla fabbricazione dell’immobile la cui realizzazione era quindi da ritenersi regolata dai principi generali in materia di accessione. Anche la prima sezione civile della Corte di Cassazione ha rigettato le istanze della moglie motivando in questo modo la propria decisione: “la costruzione realizzata in costanza di matrimonio ed in regime di comunione legale sul terreno di proprietà personale esclusiva di uno dei coniugi è di proprietà personale ed esclusiva di quest’ultimo in virtù dei principi generali in materia di accessione. L’altro coniuge, che pretenda di ripetere le somme spese, è onerato della prova d’aver conferito il proprio apporto economico per la realizzazione della costruzione attingendo a risorse patrimoniali personali o comuni; di contro il coniuge proprietario non è tenuto a dimostrare d’aver impiegato denaro personale né personalissimo”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incontri sul tema: La donna risveglia il creato

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 aprile 2010

Caltanissetta 23 aprile 2010 – ore 19, 00 Auditorium Parrocchia S. Pietro: Non è bene che l’uomo sia solo –  Introduzione – Pinella Faraci – Lectio biblica su Genesi 2, 4-25- Prof. Sac. Giuseppe Anzalone – Prefetto degli Studi dell’Istituto – Teologico “Mons. G. Guttadauro” di Caltanissetta.                                                                                                                    Dialogo – 29 aprile 2010 – ore 19, 00 – La donna segno dei tempi – Riflessione – prof.ssa Aurelia Speziale –  Dialoghiamo con Raissa Maritain – voce Ludovica Vaccaro.
Dialogo -7 maggio 2010 – ore 19, 00 – La donna risveglia la comunione dei popoli –  Riflessione – Dott.ssa Irene Collerone – Dirigente Scolastico 5° Circolo Didattico di Caltanissetta

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Insieme per l’Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 aprile 2009

Nei giorni scorsi ha avuto luogo il primo incontro nazionale “Insieme per l’Europa” di movimenti cristiani di diverse Chiese a Logatec presso Lubiana in Slovenia, con circa 1000 partecipanti. Molti I giovani.  Incontri simili seguiranno in Ungheria (25 aprile), Belgio (9 maggio), Francia e Slovacchia (16 maggio), Irlanda (29 agosto), Italia (19-20 settembre), Germania (7 novembre). E ancora sempre entro il 2009 in: Portogallo, Austria, Croazia e Russia (date ancora da definire). Ognuna di queste manifestazioni avrà un’impronta diversa, a seconda dell’area culturale e dei Movimenti che se ne fanno carico sul posto. Infatti “Insieme per l’Europa” non è un’organizzazione, né una nuova struttura, ma una comunione tra Movimenti e comunità di varie Chiese, sulla base di un’”alleanza” d’amore reciproco evangelico.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »