Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘concorso’

Concorso Premio Solinas Italia-Spagna 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 5 luglio 2020

Il premio è stato rinviato al 15 luglio 2020 per l’invio via web e al 16 luglio 2020 per l’invio via posta. Gli organizzatori invitano gli sceneggiatori a scrivere soggetti cinematografici da proporre al mondo della produzione e del cinema italiano, spagnolo ed internazionale.Il Concorso si rivolge a sceneggiatori maggiorenni, senza limiti di nazionalità.Al Concorso si partecipa in forma anonima a tutela della parità di condizione di tutti i Concorrenti partecipanti.Ogni Concorrente può partecipare con un massimo di 1 soggetto in lingua italiana o spagnola adatto per una coproduzione tra Italia e Spagna, e possibilmente anche con Paesi dell’America Latina, scritto da un Autore singolo o da un gruppo di Autori o co-Autori intesi in senso unitario. I materiali da inviare al Premio Solinas Italia – Spagna dovranno consistere in:
a) il “pitch” o presentazione – lunghezza massima 10 righe.
b) il Soggetto – sono ammesse al concorso opere di minimo 5 e massimo 7 pagine.
– Premio Solinas Italia-Spagna di 1.000 euro;
– Traduzione del soggetto;
http://www.festivaldecineitalianodemadrid.com e http://www.premiosolinas.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso docenti secondaria, al via la carica dei 100mila

Posted by fidest press agency su martedì, 23 giugno 2020

L’attesa è finita: il ministero dell’Istruzione ha dato il via all’apertura della piattaforma di iscrizione per partecipare al concorso ordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado per 33mila posti complessivi, a seguito dell’integrazione di 8mila con il Decreto Rilancio. Fino al 31 luglio un alto numero di candidati, c’è chi parla di almeno 100 mila, avrà la possibilità di presentare la domanda per via telematica collegandosi al sito internet di Istanze Online e utilizzando la piattaforma “Concorsi e Procedure selettive”. In base al bando di concorso, che si rifà al decreto già pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 17 aprile, si prevede che ciascun candidato potrà concorrere in una sola regione, a eccezione della Valle d’Aosta e del Trentino Alto Adige, e per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, nonché per le distinte e relative procedure sul sostegno.
Anief reputa il bando di concorso discriminante contro una serie di candidati, illegittimamente esclusi oppure con i titoli non considerati. Marcello Pacifico, leader dl giovane sindacato, ricorda che “è una vera beffa per tanti candidati avere atteso anni e poi essere esclusi o vedersi non considerati i titoli nella procedura concorsuale: vogliamo dare l’opportunità di partecipare a tutti e di fargli considerare titoli di accesso e servizi svolti”.Parte il concorso dei candidati alla docenti nella scuola media e superiore. Come riassunto da Orizzonte Scuola, il candidato deve presentare obbligatoriamente domanda online attraverso l’applicazione. A tale piattaforma si accede con le credenziali SPID o, in alternativa, con un’utenza valida per l’accesso all’area riservata del Ministero e abilitata a Istanze OnLine. Il candidato che concorre per più procedure concorsuali presenta comunque un’unica istanza con l’indicazione delle procedure concorsuali alle quali intende partecipare. Il candidato potrà scegliere la regione dove concorrere, ma in caso di idoneità la provincia sarà assegnata dall’amministrazione, sulla base delle graduatorie che deriveranno dalla procedura.Per quanto riguarda i requisiti, per i posti comuni sarà necessario presentare abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure il diploma di laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche oppure. Sarà considerata valida per l’ammissione al concorso anche l’abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente. Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 rimane il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017). Per i posti di sostegno, i requisiti sono quelli già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno. A tutte le procedure (al massimo quattro e sempre in una sola regione) potranno partecipare anche i docenti di ruolo.
È prevista l’attivazione di una eventuale prova preselettiva qualora il numero di domande fosse superiore a quattro volte la quantità di posti banditi. Per la procedura relativa ai posti comuni sono previste due prove scritte e una orale. Per i posti di sostegno una sola prova scritta e poi l’orale. Le assunzioni scatteranno dall’anno scolastico 2021/22. I candidati che supereranno tutte le prove, ma non rientreranno nel numero dei posti a bando, otterranno comunque l’abilitazione per quella classe di concorso.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso secondaria: vuoto delle cattedre di matematica e dei posti di sostegno

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 giugno 2020

Quali sono le tipologie di posti e quali cattedre mancano maggiormente nella scuola italiana? Di quali insegnanti si ha più bisogno? Da lunedì 15 giugno e fino al prossimo 31 luglio sono aperte le iscrizioni per il concorso ordinario della scuola secondaria che mette in palio complessivamente 33 mila posti da assegnare dal prossimo biennio scolastico 2020/21 e 2021/22. Il Ministero dell’Istruzione ha provveduto infatti ad integrare gli iniziali 25 mila posti con altri 8 mila aggiunti dal decreto Rilancio, raccolti e ordinati da Tuttoscuola in un’unica tabella con suddivisione dei posti per regione e per classe di concorso. Grazie alla tabella elaborata da Tuttoscuola è possibile approfondire e comparare i dati pubblicati per conoscere il fabbisogno delle scuole che il concorso vuole colmare. Va detto che i posti del concorso ordinario e di quello straordinario sono quasi identici e in proporzione: conoscendo i primi, si possono conoscere in proporzione anche i secondi.Per il concorso ordinario il maggior fabbisogno è rappresentato dai 4.205 posti di sostegno della secondaria di I grado che cumulati con i 1.559 del II grado portano il totale dei posti di sostegno a 5.764 unità, che equivalgono ad 1 posto ogni 6 dei 33 mila posti a concorso.Per la classe di concorso A22 (Italiano, Storia e Geografia – Scuola secondaria I grado) i posti sono 3.775 che, cumulati con i 1.796 della A12 di lettere nel II grado, portano il totale del settore di lettere a 5.571 posti.Non è da meno il settore di Matematica con complessivi 4.129 posti in palio, di cui 3.124 per l’A28 (Matematica e Scienze – Scuola secondaria I grado) e 1.005 per l’A26 (Matematica – Istituti II grado). Il 57% dei posti (18.898 complessivi) si trova nelle regioni settentrionali, con il primato della Lombardia che da sola offre 7.247 posti, il 22% del totale.Quei posti sono già la premessa di un esodo di ritorno di tanti vincitori verso le proprie residenze meridionali nei prossimi anni. Di più su http://www.tuttoscuola.com

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di Preparazione al Concorso per la Carriera Diplomatica della SIOI

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

La Carriera Diplomatica rappresenta per i giovani una straordinaria opportunità per il loro futuro, un’esperienza professionale ed umana che offre la possibilità di mettersi alla prova e di contribuire concretamente allo sviluppo armonico delle relazioni del proprio Paese con altri Stati, cogliendo le sfide e adattandosi ai cambiamenti e alle circostanze più inaspettate.Intraprendere questa affascinante carriera è senz’altro impegnativo, per questo oltre a possedere capacità e attitudini personali, è utile completare il percorso di studi con un corso ad hoc che possa fornire le competenze didattiche necessarie.La SIOI, la più antica Scuola di Formazione per Diplomatici, presenta la LI edizione del Corso di Preparazione al Concorso per la Carriera Diplomatica – Master in Studi Diplomatici che avrà inizio a settembre 2020 con la didattica online per consentire la frequenza a distanza.Le lezioni si svolgeranno da settembre a dicembre 2020 in modalità online web live con la possibilità di interazione tra partecipanti e docenti.
Dal mese di gennaio, la didattica proseguirà in modalità blended, con formazione mista online e in presenza, con degli incontri mensili a carattere facoltativo e non obbligatorio.La frequenza è di tre giorni alla settimana e prevede 600 ore di didattica e almeno 1000 ore di studio individuale. Sono previste prove di simulazione delle prove scritte di Concorso con correzioni individuali e valutazione da parte del docente di riferimento. Saranno, inoltre, organizzate lezioni di preparazione alle prove attitudinali e proposte esercitazioni a supporto dello studio individuale.Le prove di selezione al Master, previste al 30 giugno al 3 luglio e dal 6 all’8 luglio 2020, sono aperte ai laureati e ai laureandi, che conseguiranno il titolo entro il mese di aprile 2021, in una delle lauree magistrali o vecchio ordinamento, previste dal regolamento di ammissione alla Carriera DiplomaticaAl Master saranno ammessi i candidati che avranno superato una selezione che sarà articolata in un colloquio incentrato sull’attualità internazionale che mirerà a valutare anche la motivazione e le attitudini dei candidati e in un esame orale in Lingua Inglese (per coloro che non sono in possesso di certificazioni che possano attestare il livello di conoscenza a partire dal B2). Ulteriore elemento di selezione sarà la valutazione dei curricula vitae et studiorum. La selezione dei candidati è svolta da una commissione composta dai docenti del corso e da funzionari della SIOI, sulla base dei risultati dei colloqui e della valutazione dei curricula vitae et studiorum. Le prove prevedono sessioni online o in presenza secondo modalità che saranno comunicate per tempo agli iscritti alle prove di selezione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alfasigma Contest: riaperti i termini per la presentazione delle candidature al concorso

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Una borsa di lavoro finalizzata a un contratto di 12 mesi presso la redazione giornalistica di Open, il giornale on line fondato da Mentana che valorizza i giovani. Si tratta di “Alfasigma Contest. Per i giornalisti del Futuro”, il concorso promosso da Alfasigma – tra i principali player dell’industria farmaceutica del nostro Paese e di cui fanno parte oltre 3000 dipendenti in Italia e all’estero – per stimolare l’interesse verso una corretta informazione medico-scientifica resa ancora più urgente dall’attuale emergenza sanitaria da Covid-19.I termini per partecipare al concorso sono stati prorogati proprio in considerazione del lungo lockdown dovuto all’epidemia e c’è tempo fino alle ore 22.00 del 26 giugno 2020 per presentare la propria candidatura. Il giornalista vincitore sarà inserito in redazione già a partire dal mese di luglio. L’iniziativa è rivolta ai neodiplomati nelle Scuole di Giornalismo riconosciute dall’Ordine dei Giornalisti e a tutti coloro non iscritti all’Ordine dei Giornalisti che essendo nati dopo il 1° gennaio 1990 collaborano con testate giornalistiche. La premiazione ufficiale avverrà al Festival della Scienza Medica, in programma ad ottobre 2020 a Bologna.Favorire la diffusione tra gli aspiranti giornalisti di un approccio medico-scientifico e contribuire alla formazione e alla conoscenza della medicina nell’opinione pubblica giovanile, sono alcuni tra gli obiettivi che si prefigge il concorso promosso da Alfasigma. Per quest’anno partner del progetto è Open, testata giornalistica da sempre impegnata in attività di formazione di giornalisti e giovani lettori. Alfasigma sponsorizza in forma non condizionata il progetto, che avrà cadenza annuale.“Il concorso è nato in epoca pre-COVID19 per contrastare la diffusione di fake-news in ambito medico-scientifico spesso condivise dalle generazioni più giovani”, dichiara l’Amministratore Delegato di Alfasigma, Pier Vincenzo Colli. “Con la diffusione del Coronavirus abbiamo assistito a questo nuovo fenomeno – la cosiddetta infodemia, sviluppatasi in parallelo alla pandemia – con cui l’opinione pubblica è rimasta ulteriormente spiazzata e confusa. Oggi siamo ancor più convinti della necessità di un’informazione corretta e una comunicazione responsabile: ci impegniamo per questo con il nostro Contest, lieti di farlo in questa prima edizione con Open che ha dimostrato di essere in prima fila nel fact checking e nel coinvolgimento del pubblico giovanile.”Per partecipare basta collegarsi al sito http://www.alfasigmacontest.com, leggere il regolamento e approfondire il tema del Contest in questa edizione dedicato a “Cirrosi ed Encefalopatia Epatica”, patologie spesso trascurate e diagnosticate solamente in fase acuta, proprio per una conoscenza ancora troppo limitata. Sarà poi necessario inviare, a pena di inammissibilità, il curriculum vitae e l’elaborato all’indirizzo info@alfasigmacontest.com entro e non oltre le ore 22.00 del 26 giugno 2020. Gli elaborati pervenuti successivamente non saranno presi in considerazione. A causa dell’emergenza sanitaria COVID-19, tutte le attività dovranno essere svolte in conformità alle misure restrittive di cui alle disposizioni governative e ministeriali e agli ulteriori provvedimenti delle autorità competenti vigenti in materia.Il concorso è solo una delle attività messe in piedi da Alfasigma contro il fenomeno delle fake news e dell’infodemia: l’azienda ha supportato in maniera non condizionata pochi giorni orsono il corso per giornalisti promosso dal Centro Studi Giornalismo ed altre iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica con webinar e campagne social.Il progetto avrà cadenza annuale e coinvolgerà scuole e master di giornalismo, insieme ad altre testate, con un particolare focus sulle generazioni più giovani.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Concorso: entro l’8 giugno le aule in cui si svolgerà la prova

Posted by fidest press agency su martedì, 26 maggio 2020

Il Ministero ha inviato agli Uffici Scolastici la nota prot. n. AOODPPR 918 del 15 maggio scorso con cui si dà avvio al censimento delle aule informatizzate e dei relativi responsabili tecnici d’aula delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado per la selezione che porterà 32 mila nuovi docenti con almeno tre anni di servizio. Sempre dal dicastero di viale Trastevere è stata messa a disposizione una piattaforma che consentirà alle istituzioni scolastiche di procedere al censimento delle aule: tale piattaforma punta a raccogliere le informazioni relative alla capienza ed alle caratteristiche tecniche di ogni singola aula, è già disponibile dal 20 maggio e sarà aperta fino all’8 giugno.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, sostiene che “l’estate si sta avvicinando ed è bene che il ministero dell’Istruzione predisponga, parallelamente o in alternativa, quel piano B di cui oggi ha parlato anche la ministra Lucia Azzolina in un’intervista ad un quotidiano nazionale, qualora la curva epidemiologica dovesse tornare malauguratamente a salire. È bene, allora, che questo piano contenga l’utilizzo delle graduatorie d’istituto, da trasformare nelle prossime settimane in provinciali, anche per volere del primo partito di maggioranza e con il beneplacito del Mef. È bene ribadire, a questo proposito che non si tratterebbe di una concessione, anche alla luce della sentenza, n. 77 del 25 febbraio scorso, che ha di fatto dato il via libera alle immissioni in ruolo del personale che ha superato la soglia minima di supplenze e in presenza di posti vacanti e disponibili”.È partita la ricerca delle aule in cui svolgere la prova selettiva computer based, così come disposto dal bando di concorso straordinario della scuola secondaria, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 28 aprile scorso. Le domande di partecipazione al concorso potranno essere presentate – dal 28 maggio al 3 luglio – sul sito del Ministero dell’istruzione, piattaforma Polis Istanze online, tramite SPID o utenza specifica di Polis.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bisogna bandire un nuovo concorso straordinario per reclutare gli insegnanti di sostegno

Posted by fidest press agency su martedì, 19 maggio 2020

Scatta subito la polemica, sarebbero esclusi i docenti inseriti nelle altre graduatorie. Mentre l’ufficio legale di Anief continua a raccogliere le adesioni ai ricorsi per far partecipare ai concorsi attuali banditi ordinari nella scuola secondaria, infanzia-primaria e straordinari nella scuola secondaria, chi ha presentato domanda di accesso al TFA V ciclo. Anche la senatrice Angrisani (M5S), relatrice dell’AS 1774 presso la VII Commissione del Senato – si rende conto della necessità di reclutare il più alto numero di insegnanti di sostegno possibile ma ancora una volta la soluzione pensata si ritrova insoddisfacente. L’emendamento oltre a non affrontare il problema del precariato degli insegnanti con anni di servizio, ad escludere personale già specializzato, comunque produrrebbe i nuovi ruoli fra due o anche tre anni, quando il prossimo anno, invece, la scuola italiana ha bisogno di 40 mila docenti di sostegno in cattedra. Sarà chiamato ancora una volta chi non ha una specializzazione, mentre ci saranno migliaia di immissione in ruolo andate a vuoto come negli anni passati. Ecco perché il sindacato conferma i ricorsi promossi attraverso gli attuali bandi di concorso per far partecipare chi vuole iscriversi al V TFA sostegno le cui prove di accesso sono state rinviate a fine settembre.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via il concorso per le Scaleup Deep Tech

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 maggio 2020

Bruxelles. Sono aperte le candidature all’EIT Digital Challenge, il concorso per le aziende europee digitali in ambito deep tech. Le startup in rapida crescita con clienti esistenti – le cosiddette scale-up – sono invitate a candidarsi in una delle seguenti cinque aree tematiche: Digital Tech, Digital Cities, Digital Industry, Digital Wellbeing e Digital Finance. Le cinque migliori aziende riceveranno premi per un totale di 350.000 euro in contanti e in servizi. La scadenza per la presentazione delle candidature è il 7 giugno 2020.La competizione si rivolge alle scaleup “deep tech”, ovvero le aziende tecnologiche con un’offerta di prodotti differenziati e che sfruttano tecnologie digitali avanzate.”Per superare la crisi attuale, abbiamo bisogno della fantasia e della capacità di esecuzione dei migliori imprenditori. Con l’EIT Digital Challenge, siamo determinati a individuare i migliori imprenditori europei del settore deep tech e a sostenerli nella costruzione di grandi aziende che affronteranno le principali sfide mondiali”, afferma Chahab Nastar, Chief Innovation Officer di EIT Digital.”Vincere l’EIT Digital Challenge ci ha aiutato a concludere importanti occasioni per le quali attendevamo le decisioni finali dei clienti. In meno di 6 mesi, EIT Digital ha già dimostrato di poterci fornire un’enorme copertura mediatica, un importante sostegno finanziario e numerose opportunità di vendita in Europa” – afferma Lucas Le Bell, CEO e co-fondatore di CerbAir, che è stata premiata nel 2019 ed è entrata a far parte dell’EIT Digital Accelerator poco dopo.L’EIT Digital Accelerator è composto da un team pan-europeo di business developer ed esperti di raccolta fondi che operano in 17 città di tutta Europa, insieme a un hub nella Silicon Valley. Dal 2012, l’EIT Digital Accelerator ha supportato oltre 300 startup in rapida crescita per l’acquisizione di clienti e la raccolta di capitali a livello internazionale. Nel 2019, l’EIT Digital Accelerator è stato classificato da UBI Global tra i 5 migliori acceleratori per il business pubblico al mondo e uno dei principali marchi di acceleratori in Europa, secondo un sondaggio condotto dall’European Startup Initiative.
Per candidarsi all’EIT Digital Challenge, le aziende devono soddisfare i seguenti criteri: devono avere sede in uno degli Stati membri dell’Unione europea, nel Regno Unito, o in uno dei paesi associati a Horizon 2020, devono essere in fase di crescita (da dimostrare provando di avere un fatturato annuo di oltre 300.000 euro o almeno 2 milioni di euro di finanziamenti totali), e devono essere nei primi dieci anni di vita. Dal suo lancio nel 2014, il concorso ha attirato più di 2000 partecipanti da tutta Europa. La maggior parte dei partecipanti vincitori sono diventati aziende di successo a livello internazionale. Ora tocca a voi!
Il termine per la presentazione delle candidature è il 7 giugno 2020.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario, Anief lancia i ricorsi per tutelare gli esclusi

Posted by fidest press agency su martedì, 5 maggio 2020

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Teleborsa: ha illustrato le dinamiche del bando e ha elencato le ragioni per le quali è da contestare. Quindi, avviata l’azione legale del sindacato. È stato pubblicato il bando per 24.000 posti, ma l’uscita del bando di concorso straordinario per la secondaria di I e II grado non placa gli animi di chi sostiene che servirà a poco, visto che non ci sono i tempi tecnici per portare in cattedra i vincitori, quando a inizio settembre sarà necessario coprire i 200 mila e oltre posti vacanti. Marcello Pacifico, presidente nazionale dell’Anief, nel corso dell’intervista rilasciata a Teleborsa, ha affermato che “si tratterà comunque di una vera corsa contro il tempo che difficilmente potrà portare in cattedra i 24 mila vincitori prima in corrispondenza dell’inizio dell’anno scolastico. Rimane poi il problema della grave estromissione dei tantissimi candidati che avevano pieno titolo a partecipare alla procedura straordinaria e sono stati esclusi: una decisione contro la quale abbiamo deciso di rivolgerci al tribunale presentando formale ricorso, e che li penalizza così per la seconda volta, dopo che per molti di loro non è stata presa in considerazione la possibilità di essere assunti in ruolo da graduatorie di istituto provinciali, quindi dopo il periodo minimo di mesi, come previsto da tempo dalla Commissione europea”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso Ordinario Scuola Infanzia e Primaria per 12.863 posti

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2020

Domande dal 15 giugno al 31 luglio.Anief ricorre al Tar Lazio per chi si è iscritto negli Atenei per conseguire la specializzazione su sostegno (TFA V ciclo) o i 24 CFU ma non ha conseguito il titolo, nonché per gli educatori esclusi. Contestato il bando anche per le regole su preselezione e la tabella di valutazione titoli. Adesioni entro il 30 maggio.Con la pubblicazione del Bando in Gazzetta Ufficiale (Decreto n. 498, GU n.34 del 28-04-2020, del 28 aprile 2020), Anief avvia le procedure di adesione ai ricorsi per tutelare i diritti dei docenti esclusi dal nuovo concorso ordinario per la scuola Primaria e Infanzia e per contestare i criteri relativi alla percentuale di ammessi agli scritti dopo le prove selettive e la tabella di valutazione dei titoli dei servizi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso scuola dell’infanzia e primaria, parte l’inutile corsa contro il tempo

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

Il ministero dell’Istruzione è in procinto, entro fine aprile, di pubblicare i bandi per l’avvio della procedura per diventare insegnante d’infanzia e primaria, tra l’altro con la riduzione immotivata di oltre 4 mila posti rispetto al primo computo ufficiale: considerando i rallentamenti che comporterà l’emergenza da Covid-19, non si farà in tempo a concludere le operazioni forse nemmeno per l’estate del 2021. Nel frattempo, la situazione è sempre più grave, con diverse migliaia di maestri licenziati dopo avere fatto anche l’anno di ruolo. Come rimane necessario assumere da graduatoria d’istituto e chi ha svolto almeno 24 mesi di servizio. Ma anche avviare un concorso riservato parallelo, come è stato fatto con la secondaria. Domani su questi argomenti saranno di nuovo ascoltati i sindacati: Anief ha già esposto la sua posizione venerdì scorso, durante un primo confronto con l’amministrazione centrale. Le premesse, purtroppo, non sono buone. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “ancora di più ora che siamo in emergenza sanitaria e sociale, anche per l’infanzia e primaria occorre permettere l’accesso al ruolo a tutti i precari che hanno maturato due anni di servizio. Se sprovvisti di abilitazione, potranno essere comunque ammessi ai percorsi abilitanti gratuiti e senza selezione in ingresso, da svolgere nell’anno di straordinariato. Sarà poi la commissione di valutazione dell’anno di prova ad esprimersi sull’idoneità o meno del docente a permanere nei ruoli. Inoltre, è indispensabile avviare una procedura riservata, perché i cicli scolastici vanno trattati tutti allo stesso modo. Il ministero ha sinora negato questo e puntato tutto su un concorso pure discriminante, contro il quale siamo pronti a rivolgerci al giudice perché esclude un alto numero di candidati che avrebbero invece pieno diritto a farne parte”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario per insegnanti di religione cattolica per titoli e servizio, con procedura semplificata

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2020

Marcello Pacifico (Anief): Se la stortura non verrà sanata siamo pronti a ricorrere in tribunale; già in passato il giovane sindacato ha ottenuto dei successi dei lavoratori precari da troppi anni sfruttati dal Ministero dell’Istruzione Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) si è espresso sullo schema di decreto relativo alla “Procedura straordinaria per esami finalizzata all’accesso ai percorsi di abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune”, evidenziando che vi sono forti limiti e criticità, nonché difficoltà inerenti alla realizzazione di tale procedura e reputa essenziale che sia consentito alle scuole di iniziare l’anno scolastico, a pieno regime, fin dal primo settembre 2020, potendo contare immediatamente su un organico completo e su un corpo docente stabile. Ne deriva che le procedure concorsuali, di cui alla legge 159/2019, pensate per tempi ordinari, necessitino di essere modificate, non solo in ragione delle criticità già prima evidenziate ma, anche, perché non sarebbe possibile completarle in tempo utile per la ripresa dell’anno scolastico.Gli IRC propongono che anche a loro venga concessa l’immissione in ruolo telematica, semplificata e a costo zero, ossia per ‘titoli e servizio’ e riservata a chi negli ultimi 8 anni ha svolto almeno 36 mesi di servizio, assegnando ai vincitori dell’unico concorso espletato nel 2004 e ai partecipanti un punteggio che tenga conto, oltre che dei titoli posseduti, di tutti gli anni di servizio. La graduatoria che si verrà a costituire sarà a esaurimento e da essa si attingerà per permettere la stabilizzazione, con contratto a T.I., degli insegnanti di religione precari, per la maggior parte già ‘stabilizzati’.“Se la stortura non verrà sanata siamo pronti a ricorrere in tribunale”, tuona Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief; infatti, “già in passato, il giovane sindacato ha ottenuto dei successi dei lavoratori precari da troppi anni sfruttati dal Ministero dell’Istruzione e ribadiamo il nostro impegno anche su tutti i tavoli di confronto e contrattazione per far sì che finalmente i docenti di Religione Cattolica, come i tanti lavoratori precari, docenti e Ata, che da anni sono impegnati con professionalità a dare piena attuazione al diritto all’Istruzione dei nostri figli, ottengano la giusta e immediata stabilizzazione e il giusto corrispettivo economico, anche per il servizio svolto durante il precariato. Non ci sono e non ci possono essere lavoratori di serie B nel sistema nazionale di istruzione ed è giunto il momento che questo sia messo nero su bianco nel contratto e nella normativa interna nel pieno rispetto della normativa e della giurisprudenza comunitaria”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: è inutile fare uscire i bandi di concorso, li impugneremo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 aprile 2020

Il Governo sbaglia se pensa di emanare le procedure selettive e non aggiornare le graduatorie di istituto: per la scuola avrebbe effetti disastrosi. Lo dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, durante un’intervista pubblicata oggi sulla rivista Orizzonte Scuola: commentando l’ultima bozza di Decreto Legge sulla fine dell’anno scolastico, su cui si esprimerà a breve il CdM, il sindacalista ha ricordato che “i bandi di concorso non possono portare nei prossimi mesi, non prima di questa estate, l’espletamento dei bandi stessi e quindi significa che il prossimo anno scolastico” prenderà il via “con il record della supplentite: più di 200mila docenti e 40mila Ata”.Perché a settembre 2020 si vuole ritornare alle MAD e al reclutamento fuori graduatoria? E perché poi, visto che i concorsi saranno rinviati, si pensa già oggi a fare una retrodatazione eventuale giuridica di chi verrà assunto ad anno scolastico iniziato e non si pensa di assumere quel precario che insegna da anni nelle nostre scuole? A chiederlo, rivolgendosi al ministero dell’Istruzione e al Governo, è il leader dell’Anief Marcello Pacifico.I testi di cui si attende la pubblicazione sono il bando di concorso straordinario secondaria I e II grado, procedura per il ruolo; il concorso ordinario secondaria I e II grado; la procedura rivolta a maestri d’infanzia e primaria; il bando di concorso straordinario secondaria I e II grado, procedura per l’abilitazione, anche se quest’ultimo non sappiamo se rientrerà nel “pacchetto”. La loro pubblicazione, tuttavia, non potrà essere utile per evitare di assistere a settembre al più grande reclutamento di precari della storia della scuola pubblica italiana. Anief ha ben chiaro tutto questo e ha chiesto di evitare il disastro, chiedendo alla V commissione del Senato di approvare degli emendamenti specifici al decreto Cura Italia.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario secondaria

Posted by fidest press agency su martedì, 10 marzo 2020

Si va verso la riduzione a 60 quesiti della prova scritta, ma tutto potrebbe saltare. Scelta inutile per Anief che sta valutando la possibilità di denunciare il Ministero dell’Istruzione, pure, per attività anti-sindacale per la mancata concertazione. Ad ogni modo, il giovane sindacato conferma la volontà di ricorrere contro il bando di concorso per tutti gli esclusi e chiede la stabilizzazione di tutti i precari attuali. Aperte le pre-adesioni. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): “Bisogna fermare tutto per il coronavirus e assumere i docenti su graduatorie di istituto e Ata 24 mesi con un piano straordinario, come per la sanità, per evitare di mettere a rischio il prossimo anno scolastico.”
La decisione del ministero dell’Istruzione di ridurre il numero dei quesiti della prova scritta del concorso straordinario per la scuola secondaria, da 80 a 60 (di cui 40 sulla disciplina e 20 sulle metodologie didattiche), con conseguente variazione della quota minima per il superamento della prova a 42/60, non cambia il giudizio negativo di Anief.
Rimangono in piedi i problemi più importanti sollevati da questa procedura: esclusione dei docenti con solo servizio su sostegno, rifiuto di fornire il data-base da cui saranno scelti i quesiti della prova scritta, esclusione dalla procedura per l’immissione in ruolo dei docenti con servizio in scuole paritarie e corsi IeFP, esclusione dei docenti di religione, dell’infanzia e della primaria come degli educatori. Ma, soprattutto, il concorso straordinario della scuola secondaria, così come è stato ideato, rischia di trasformarsi in una pericolosissima trappola per i docenti precari non abilitati che vi prenderanno parte.Continua a non convincere l’organizzazione del concorso straordinario per la scuola secondaria, la procedura che oltre all’immissione in ruolo su uno dei 24 mila posti messi a bando, consentirà di accedere al percorso per conseguire l’abilitazione, anche se però solo a coloro che raggiungeranno il punteggio minimo previsto di 42/60. Quella che è stata organizzata ha tutta l’impressione di rivelarsi una trappola, che rischia di scattare sulla decisione di subordinare il conseguimento dell’abilitazione a una doppia selezione – in ingresso con il concorso e in uscita con la prova finale abilitante -, la quale impedirà a chi non supererà la prova scritta di potervi accedere.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Al palo i concorsi per assumere 70 mila docenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 febbraio 2020

Ad una manciata di giorni dal mese di marzo, sul fronte dei quattro annunciati concorsi pubblici, ordinari e riservati, per assumere oltre 70 mila nuovi docenti, relativi a tutti i cicli scolastici ed anche ai colleghi di religione cattolica, non c’è ancora nulla di ufficiale: il ritardo diventa particolarmente grave, perché rende sempre più improbabile l’individuazione entro l’estate dei vincitori delle procedure selettive, compresi i 24 mila derivanti da quella straordinaria della secondaria. Considerando le decine di migliaia di posti avanzati lo scorso anno dalle immissioni in ruolo, altrettanti posti vacanti, le 60 mila cattedre di sostegno in deroga e i 50 mila pensionamenti che si realizzeranno dal prossimo 1° settembre, tenendo conto anche di “Quota 100”, oltre che l’altissimo numero di graduatorie – GaE e merito – senza più alcun candidato, si sta andando dritti spediti verso un numero impressionante di supplenze annuali: forse oltre le 200 mila annunciate nei giorni scorsi.“Il rammarico per come si stanno mettendo le cose è tanto – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – perché per diverso tempo ci era stato assicurato che i bandi di concorso sarebbero partiti entro la fine dello scorso anno. Poi, con il cambio di ministro, i problemi dello ‘spacchettamento’ dei dicasteri dell’Istruzione e dell’Università e Ricerca, le mancate nomine dei direttori generali, i tempi si sono allungati e ci è stata fornita una nuova scadenza: quella del 29 febbraio prossimo. Nel frattempo, però, le lungaggini burocratiche e il mancato via libera del Cspi hanno rallentato ulteriormente l’iter di approvazione dei regolamenti e bandi concorsuali definitivi, costringendo il Governo ad inserire nel decreto Milleproroghe l’ulteriore nuova scadenza del 30 aprile 2020 per la pubblicazione dei testi ufficiali. Se si arriverà a quella data, con le selezioni ancora tutte da organizzare e le commissioni da allestire, anche in virtù delle esperienze passate, possiamo dire sin d’ora che sarà impossibile concludere i concorsi in quattro mesi. Così, la supplentite avrà vinto ancora”.Cresce il malcontento per la mancata indizione dei concorsi pubblici, già minimali e discriminatori, per insegnare nella scuola pubblica. Eppure, scrive oggi Tuttoscuola, il decreto legge 126/2019, il cosiddetto salva-precari, aveva previsto l’indizione contestuale entro il 2019 dei concorsi scuola ordinari e straordinari per la scuola secondaria.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccogliamo Valore: il concorso scolastico a premi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 febbraio 2020

Quali sono e dove si buttano i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche? Cosa si ottiene dal loro riciclo? In che modo alcune buone pratiche contribuiscono all’economia circolare? Sono solo alcuni dei temi su cui il consorzio Ecolamp si propone di sensibilizzare il mondo della scuola, promuovendo il concorso scolastico a premi Raccogliamo Valore. L’iniziativa è destinata alle scuole elementari, medie e superiori, la partecipazione è gratuita e mette in palio buoni per l’acquisto di materiali scolastici del valore di 2.700 euro.
Il concorso nasce dal desiderio di coinvolgere e sensibilizzare gli studenti – dai più giovani delle scuole primarie fino ai ragazzi delle secondarie di II grado – sugli effetti positivi che ciascuno di noi può produrre, in termini di sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente, attraverso piccoli gesti quotidiani. Si tratta di mettere in pratica una corretta raccolta differenziata di prodotti d’uso comune come smartphone, giochi elettronici, lampadine, elettrodomestici e tanti altri apparecchi elettrici ed elettronici, che a fine vita diventano, appunto, dei RAEE. Gettare questo tipo di rifiuti nei corretti luoghi di conferimento, come le isole ecologiche comunali o i negozi che vendono elettronica, consente a soggetti come Ecolamp, consorzio senza scopo di lucro specializzato nello smaltimento dei RAEE, di gestirne il corretto trattamento, per il recupero di quantità importanti di materie prime e lo smaltimento in sicurezza delle sostanze inquinanti. Partecipare al concorso è facile e gratuito: alle classi è richiesto di realizzare uno o più elaborati, sotto forma di video o di racconto (in formato pdf), composto da immagini e testo, secondo la tecnica dello storytelling. I contenuti dovranno riguardare la raccolta differenziata e il suo impatto sull’ambiente, il riciclo, con un particolare riferimento ai RAEE. L’obiettivo è mettersi in gioco con fantasia e creatività per trasmettere un messaggio ai propri coetanei o anche al mondo degli adulti. Il tutto andrà poi caricato nella sezione dedicata al concorso Ecolamp sulla piattaforma online EducazioneDigitale entro il 30 aprile 2020.
E se si è in dubbio su come impostare il lavoro, sempre su Educazione Digitale, sono disponibili quattro guide per supportare i partecipanti passo dopo passo nell’elaborazione della storia, suggerendo le tecniche e gli strumenti per la registrazione audio e video, fornendo consigli sul montaggio e indicazioni in tema di copyright. Inoltre, per gli insegnanti che desiderino approfondire in classe le tematiche legate al riciclo dei RAEE, Ecolamp ha messo disposizione sulla piattaforma online un percorso didattico con materiali multimediali differenziati in base all’età (8-12 anni e 13-18 anni).I lavori in concorso, una volta caricati nella sezione Raccogliamo Valore saranno visibili in una gallery che potrà essere condivisa via social, per ottenere punti utili alla vittoria. I criteri di valutazione degli elaborati, infatti, si baseranno sulla qualità e coerenza del contenuto e della forma, ma terranno anche conto dei like ottenuti tramite la condivisione sui social. I primi tre vincitori per ogni categoria, valutati da una giuria interna a Ecolamp e a Educazione Digitale, riceveranno buoni per l’acquisto di materiale scolastico. Raccogliamo Valore premia anche gli insegnanti più attivi e propositivi, che potranno diventare Ambassador del progetto e avranno così la possibilità di vincere un premio hi-tech.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un concorso per nuovi talenti aperto ai romani

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Con questo spirito parte il contest musicale CantaRomaCanta, che vede protagonisti i cittadini maggiorenni nati o residenti a Roma, i quali potranno candidarsi inviando un proprio video all’indirizzo mail cantaromacanta@comune.roma.it entro il 31 maggio.Il contest sarà articolato in due categorie: “Le voci di Roma”, canzoni originali sulla città eterna, e cover a tema libero. I brani, eseguiti da solisti o band, potranno contenere testi scritti in italiano, inglese e in dialetto romanesco.Per quanto riguarda la prima categoria “Le voci di Roma”, i partecipanti potranno esprimersi declinando il tema secondo il proprio personale legame con la città. Roma è una città attraversata da persone provenienti da luoghi differenti, in cui si mescolano culture, idee, pensieri e atmosfere. Il testo delle canzoni proposte dovrà avere come filo conduttore Roma e il rapporto che il cantautore o la band ha con la città, con il quartiere in cui abita, con le vie e gli edifici che vive quotidianamente, con le persone che incontra. Il concorso è aperto anche a una seconda categoria, ovvero a tutti coloro che vogliono dimostrare le proprie capacità canore esibendosi in una cover a tema libero.Dopo una prima selezione in base alle Social Media Policy di Roma Capitale e all’aderenza ai criteri stabiliti dal regolamento, i video verranno caricati sulla pagina Instagram di Roma Capitale (@Roma) dove potranno essere votati con un ‘mi piace’ dai cittadini.Per partecipare al concorso, occorre realizzare un video in formato mp4 di una durata compresa tra 1 e 3 minuti. La votazione sarà popolare. A vincere saranno i 3 video per categoria che riceveranno più ‘mi piace’. La candidatura potrà essere inviata entro le ore 24.00 del 31 maggio 2020. I vincitori saranno annunciati sul sito ufficiale e sui canali social di Roma Capitale entro la fine del mese di giugno e avranno la possibilità di esibirsi nel corso di un grande evento a dicembre.Secondo la Sindaca Virginia Raggi, il contest musicale CantaRomaCanta permetterà ai tanti talenti nascosti nella nostra città di mostrare le loro capacità canore e di raggiungere un vasto pubblico di ascoltatori. Sarà una vetrina per tutti i cantautori che vorranno parlare di Roma e per chiunque porti avanti la passione per la musica e vorrà mettersi in gioco.Per ulteriori informazioni e modalità di partecipazione: https://bit.ly/2vVf1wA

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso internazionale musica sacra 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 23 febbraio 2020

Sono aperte fino al 10 marzo le iscrizioni per partecipare al Concorso Internazionale “Musica Sacra” 2020, XV edizione del più grande concorso al mondo dedicato a questo repertorio, che si terrà a Roma dal 25 al 28 marzo prossimi.L’edizione 2020 è parte integrante del progetto “Let’s Sing Oratorio Music!” vincitore del Bando Europa Creativa e cofinanziata dal Programma Europa Creativa della Commissione Europea, dedicato a diffondere il genere musicale dell’Oratorio tra i ragazzi europei offrendo loro non solo un’esperienza formativa attraverso la collaborazione con cantanti e orchestre professionali, ma anche un’esperienza teatrale indimenticabile nel cantare un oratorio di fronte al pubblico.Il Concorso Internazionale Musica Sacra 2020 selezionerà Soprani, Tenori, Baritoni e Bassi “under 36” per trovare i protagonisti gli spettacoli di Let’s Sing Oratorio Music, basati sull’Oratorio “La Creazione” di Haydn che si terranno in Repubblica Ceca, Grecia, Italia e Romania nella stagione 2020/2021.I concorrenti dovranno presentare 3 arie dal repertorio di musica sacra a propria scelta e 2 arie tratte dall’Oratorio di Haydn The Creation nella versione inglese. I vincitori di altri Concorsi Lirici saranno ammessi direttamente in Semifinale.Il Concorso si suddividerà in tre prove: Eliminatoria, Semifinale e Finale in forma di Concerto di Gala. Sarà trasmesso in video in tutte le fasi live: eliminatorie e semifinali nella Chiesa di Santa Maria dei Miracoli a Piazza del Popolo tramite il canale Streaming MariaTV, la Finale – Concerto di Gala presso la Basilica SS. Apostoli su TelePace e in sintesi su Radio Vaticana.I Partner del progetto europeo Let’ Sing Oratorio Music! – il Teatro Slesiano di Opava (CZ), la Filarmonica Mihai Jora di Bacau (RO), la Federazione Panellenica dei Cori Scolastici e dei Direttori di Coro (GR) e l’Accademia Musicale Europea (IT), organizzatrice del Concorso – offriranno borse di studio per un totale di € 7.500,00 workshop gratuiti e rimborsi viaggi e alloggio per tutte le attività del progetto. Davvero una fantastica occasione per iniziare una grande carriera!

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorsi per docenti e membri commissioni

Posted by fidest press agency su domenica, 9 febbraio 2020

Costerà caro al Miur avere mantenuto immutato, senza ridurlo, il numero dei componenti delle commissioni dei concorsi in via di approvazione e continuare a negare loro anche l’esonero dal servizio per i componenti: la richiesta disattesa, farà sì che “il reperimento dei commissari per i concorsi scuola sarà ancora una volta e forse più di prima un problema che potrebbe ostacolare il regolare svolgimento dei concorsi scuola e ritardarne i tempi di esecuzione”, scrive Tuttoscuola. Un ‘no’ che “può forse trovare giustificazione nel fatto che l’esonero dal servizio di migliaia di commissari comporterebbe un costo notevole per supplenze e che comunque dovrebbe essere autorizzato dal Mef”.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ricorda che “questi compensi sono rigorosamente lordi, quindi vanno sempre praticamente dimezzati. Quindi, si tratta di poco più di un obolo, come al solito. E pensare di convincere un docente o un dirigente scolastico ad assumersi responsabilità enormi, viaggiare anche centinaia di chilometri, senza un’ora di esonero, equivale a un assurdo. Lo Stato vuole fare come sempre: le nozze con i fichi secchi. Tanto è vero che poi ricorre ai pensionati, magari anche da diversi anni. Ma come possiamo pensare di potere elevare il livello delle selezioni ed accelerarne i tempi in queste condizioni?”
Non sarà facile nemmeno stavolta allestire le commissioni, che nei prossimi anni serviranno ad assumere 70 mila docenti. Perché ora, sostiene la rivista specializzata, “la doppia modalità dei concorsi scuola di secondaria, straordinario e ordinario, le decine di classi di concorso, la soppressione degli ambiti disciplinari che avrebbero consentito di accorpare in verticale o in orizzontale diverse classi di concorso unificando le commissioni preposte”, non farà altro che moltiplicare “il fabbisogno di commissari (docenti e dirigenti scolastici) in tutte le regioni in cui si svolgeranno le selezioni. Se inoltre si considera che ogni commissione deve disporre anche di membri aggregati per lingua straniera e di supplenti, è facile prevedere che la formazione delle commissioni giudicatrici costituirà il primo scoglio per un percorso concorsuale rapido e puntuale”. Anche in questa tornata concorsuale, quindi, “sarà necessario aprire più del solito l’accesso ai pensionati, ponendo comunque attenzione ai livelli aggiornati del loro curricolo professionale”. E, per concludere, “il rischio alla fine della ricerca per reperire tutti i commissari potrebbe essere quello di accontentarsi di chi ci sta, indipendentemente dalla qualità professionale e dalla competenza necessarie per valutare i candidati”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso docenti di religione in alto mare

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 febbraio 2020

Anief chiede al Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e al Presidente della CEI di approfittare del ritardo per concordare una procedura riservata analoga a quella già attivata per il personale docente delle altre materie curriculari per assumere almeno altri 5 mila docenti IRC precari. Se è pur vero che molti dei tanti precari storici di religione cattolica avevano criticato il solo concorso ordinario previsto dal decreto scuola n. 126, convertito nella Legge n. 159 del 20 dicembre scorso, con il via libera del Senato e la pubblicazione del testo nella Gazzetta Ufficiale, da svolgersi nel corso del 2020, perché aveva “dimenticato” di avviare la procedura riservata agli altri insegnamenti, adesso, per i circa 5000 docenti non di ruolo che avrebbero fatto loro la metà dei posti a disposizione per il sospirato ruolo, si aggiunge la beffa del mancato avvio dello stesso concorso ordinario. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Quanto sta accadendo è la conferma che ha fatto bene l’Anief ad avviare le procedure di preadesione per ricorrere al Tar del Lazio contro il mancato avvio del concorso riservato al personale docente di religione con tre anni di servizio. Per oltre 8 mila colleghi supplenti di tale insegnamento è un atto dovuto, dopo 16 anni consecutivi di vuoto concorsuale e di supplenze. Escludendoli, si sono quindi discriminati i tanti precari che abbiano svolto almeno 36 mesi di supplenze. L’unico motivo valido per non far partire il concorso ordinario sarebbe proprio quello di volere avviare parallelamente una sessione straordinaria rivolta ai precari storici”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »