Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 151

Posts Tagged ‘concorso’

Tfa sostegno, le prove d’accesso il 25 e 26 maggio: nello stesso mese altre suppletive per il concorso docenti 2016, ma in altri giorni

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 aprile 2017

ministero-pubblica-istruzioneHa vinto il sindacato: lo spostamento era stato sollecitato dall’Anief, subito dopo aver preso visione della coincidenza delle prove selettive per accedere al Tirocinio formativo sul sostegno, indicate nel decreto n. 141, con le prove per accedere all’ultimo “concorsone”. Al Miur hanno preso atto dell’impossibilità di far coincidere le date delle due selezioni: in quel modo, infatti, diversi candidati avrebbero dovuto rinunciare ad una delle due possibilità. Nel decreto ministeriale, il Miur ha anche ampliato di alcune decine di posti il numero di candidati che verranno ammessi, portandoli a circa 9.700 unità.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non ci voleva chissà quale abilità organizzativa per non far coincidere le due tornate selettive. Ci lascia un po’ perplessi il fatto che gli ultimi docenti che svolgeranno le prove suppletive, il 22 maggio, avranno solo due o tre giorni di tempo per preparare l’accesso al Tfa sostegno. Sarebbe stato meglio, a questo punto, concedere loro una settimana o dieci giorni in più. Detto questo, è chiaro che siamo soddisfatti per il risultato raggiunto, con l’Anief che porterà ben oltre 2mila candidati alle selezioni ulteriori dell’ultimo concorso a cattedra, dopo che il Ministero dell’Istruzione aveva detto loro che non potevano. Le date dei test preliminari per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno, individuate nei giorni 19 e 20 aprile 2017, sono posticipate ai giorni 25 e 26 maggio: a darne comunicazione è stato il Ministero dell’Istruzione, attraverso il Decreto Ministeriale n. 226 del 13 aprile. Lo spostamento era stato sollecitato dal sindacato Anief, subito dopo aver preso visione della coincidenza delle prove selettive per accedere al Tirocinio formativo sul sostegno, indicate nel decreto n. 141, con le prove suppletive del concorso a cattedra 2016: la pronta denuncia del giovane sindacato, aveva prodotto dapprima una nota Miur inviata ai Rettori delle Università e al Cineca, con la quale da Viale Trastevere si invitavano “gli Atenei a sospendere l’emanazione dei relativi bandi”; ora è giunta. Al Miur hanno preso atto dell’impossibilità di far coincidere le date delle due selezioni: in quel modo, infatti, diversi candidati avrebbero dovuto rinunciare ad una delle due possibilità. Nel decreto ministeriale, il Miur ha anche ampliato anche di alcune decine di posti il numero di candidati che verranno ammesso, portandoli a circa 9.700 unità complessive. Nello specifico, all’ateneo di Roma Tre, che organizzerà i corsi “in convenzione con l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, i posti alla stessa assegnati per la scuola secondaria di secondo grado sono rettificati in 220, invece che 200”; infine, “Roma-Istituto Scienze Motorie” viene sostituita con “Università Foro Italico-Roma”, e il totale dell’offerta formativa alla stessa assegnata è rettificato in 240 invece che 220.Nelle stesse ore in cui sono state pubblicate le nuove date in cui si svolgeranno i test d’accesso al prossimo Tfa sostegno, sempre dal Ministero dell’Istruzione giunge l’avviso che sempre nel mese di maggio si svolgeranno altre prove suppletive del concorso a cattedra 2016, anche queste ottenute per molti ricorrenti grazie all’operato dei legali Anief: dal 9 al 22 maggio, a tanti candidati (appartenenti a diverse classi di concorso, tra cui anche storiche e filosofiche) verrà quindi offerta la possibilità di svolgere quelle provo inizialmente negate dal Miur e così aggiudicarsi uno dei 63.712 posti messi a bando. Possibilità che, grazie ancora all’Anief, hanno potuto avere anche 300 specializzandi sul sostegno, anche loro inizialmente esclusi.Prima di loro, avevano avuto il via libera dal tribunale anche altre categorie di abilitati: si va dagli insegnanti tecnico pratici ai diplomati Isef, dal personale già di ruolo ai diplomati magistrale ad indirizzo linguistico, dagli educatori agli abilitati Pas e all’estero. Poi ci sono coloro che hanno ottenuto l’abilitazione disciplinare o la specializzazione su sostegno successivamente alla pubblicazione del bando di concorso. Tutti, indistintamente, non erano stati ammessi, ma poi “ripescati”, a seguito del provvedimento favorevole emesso dal Tribunale amministrativo regionale e del via libera del Consiglio di Stato nei confronti dei candidati che hanno concluso i percorsi formativi Afam e Pas.Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “non ci voleva chissà quale abilità organizzativa per non far coincidere le due tornate selettive. Ci lascia un po’ perplessi, tuttavia, il fatto che gli ultimi docenti che svolgeranno le prove suppletive, il 22 maggio, avranno solo due o tre giorni di tempo per preparare l’accesso al Tfa sostegno. Sarebbe stato meglio, a questo punto, concedere loro una settimana o dieci giorni in più. Detto questo, è chiaro che siamo soddisfatto per il risultato raggiunto, con l’Anief che porterà ben oltre 2mila candidati alle selezioni ulteriori dell’ultimo concorso a cattedra, dopo che il Ministero dell’Istruzione aveva detto loro che non potevano. Rimane l’amarezza per un’amministrazione che, anziché operare a tutela del personale, continua a seguire logiche proprie, che poi in tribunale – conclude Pacifico – vengono sistematicamente sovvertite”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Docenti: dal 2018 per fare il concorso basterà la laurea

Posted by fidest press agency su domenica, 9 aprile 2017

ministero-pubblica-istruzioneIl CdM ha approvato, in via definitiva, il nuovo sistema selettivo che cambia radicalmente l’attuale modello selettivo. I concorsi, che avranno cadenza biennale, prevedono due scritti (tre per il sostegno) e un orale. Chi lo passa entra in un percorso triennale di formazione, inserimento e tirocinio (FIT), terminato il quale si potrebbe entrare in ruolo. Giustamente, le laureate e i laureati potranno partecipare alle prove, a patto che abbiano conseguito 24 crediti universitari specifici. Come mai, invece, lo scorso anno a chi ha presentato lo stesso titolo di studio è stata sbarrata la porta? Perché l’amministrazione ha difeso strenuamente quella decisione anche in Tribunale, che oggi deve ancora esprimere l’ultima parola sulla diatriba giudiziaria? Perché nel 2012 la laurea bastava, nel 2016 non più e nel 2018 sarà invece di nuovo ritenuta valida?
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): un titolo di studio fino a prova contraria non può ‘scadere’ come se fosse un alimento. Ha valore legale, anche se qualcuno vorrebbe far venire meno la preziosa peculiarità. Non può essere sospeso ad tempus: o è valido oppure non è valido. Per una volta, l’amministrazione scolastica ci stupisca, con una lezione di onestà intellettuale: riapra il concorso a cattedre dello scorso anno, dando la possibilità di parteciparvi anche ai quei laureati che ha ingiustamente escluso. In ballo, ci sono tanti giovani che vogliono fare l’insegnante, che hanno studiato per farlo e non meritano questo trattamento ambivalente. Si tratterebbe di una decisione saggia, di cui gli sarebbero grati anche gli studenti, che oggi si ritrovano davanti il corpo docente più vecchio dell’area Ocse. Largo ai giovani, largo al buon senso.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso a cattedra 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 2 aprile 2017

tar-lazioAl fotofinish, i giudici del Tar del Lazio ammettono alle prove scritte concorsuali i ricorrenti che al momento dell’indizione della selezione per diventare docenti stavano frequentando il secondo ciclo dei corsi di specializzazione sul sostegno. Quel ritardo era stato cagionato dalla stessa amministrazione che li ha esclusi, tant’è vero cheil corso da loro frequentato si sarebbe dovuto concludere un anno prima: oggi, grazie all’ordinanza cautelare ottenuta dai legali Anief, la prima nel suo genere, coloro che hanno presentato ricorso dal 3 aprile potranno partecipare alle prove aggiuntive e cercare di ottenere uno dei 63.712 posti che, spesso, non sono stati neanche attribuiti al termine della sessione ‘regolamentare’ di esami. Per il giovane sindacato è una nuova dimostrazione dell’illegittimità dei bandi 2016 denunciata sin da subito.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): era un paradosso la loro esclusione a priori da un concorso in cui erano in gioco le immissioni in ruolo, solo a causa dei ritardi del Miur nel concludere i corsi di specializzazione. Non potevamo non intervenire. Ancora una volta il giovane sindacato apre una breccia in favore dei docenti precari, a dimostrazione delle tante illegittimità contenute nell’ultima procedura concorsuale bandita dal Miur.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero scuola 17 marzo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 marzo 2017

ministero-pubblica-istruzioneScuola: Concorso a cattedra, siamo alla farsa. Bandita oltre un anno fa, con l’impegno preso più volte dall’allora Ministro Giannini di concludere tutte le operazioni entro il 31 agosto 2016; la selezione si è trasformata in una vera agonia. Su molte materie, le commissioni stanno valutando i titoli per stilare le graduatorie, mentre per le scuole dell’infanzia mancano ancora le prove orali che prenderanno l’avvio il 7 aprile. Quindi, il rischio concreto è che se dovessero subentrare ancora lungaggini o intoppi, i vincitori di questo concorso non verranno individuati in tempo nemmeno per il prossimo 1° settembre. Poi ci sono i posti che non verranno mai assegnati per l’eccessivo numero di candidati respinti; i vincitori che non prenderanno mai posti per il mancato adeguamento delle classi di concorso rispetto agli organici; le prove suppletive, ancora da svolgere. E tanto altro.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): si è partiti male, con delle norme d’accesso sballate, che hanno anche tagliato fuori per la prima volta i laureati, messo nelle condizioni i potenziali commissari di non accettare l’incarico o di lasciarlo dopo pochi giorni; di andati avanti perseverando nell’errore, adottando un’inspiegabile eccessiva severità delle commissioni; si sta concludendo in modo ancora peggiore, perché in alcune classi di concorso sono più i posti che rimarranno liberi che quelli che andranno assegnati. E siccome non ci sono più candidati nemmeno nelle GaE, viene da chiedersi chi verrà stabilizzato per insegnare quelle discipline fino al 2024. Anche per questi motivi, abbiamo proclamato lo sciopero della Scuola per venerdì prossimo 17 marzo.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Flop concorso a cattedra 2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 marzo 2017

ministero-pubblica-istruzioneGli ultimi dati regionali e nazionali sono stati resi pubblici oggi dalla stampa. Il problema, reso pubblico nei giorni scorsi stavolta dall’Anief alle commissioni della Camera, è anche quello dei vincitori che non potranno lavorare, perché il Miur non ha provveduto a istituire o ad accantonare la cattedra inizialmente loro riservata tramite bando di concorso: tra i candidati risultati a pieno titolo tra i vincitori, perché hanno superato le prove in numero minore rispetto ai posti banditi, rimarrebbero fuori almeno 7.741 docenti. C’è poi il nodo delle imminenti prove suppletive, riconducibile all’errore del Miur di escludere in modo illegittimo intere categorie. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’amministrazione non ha voluto crederci e ora diventa tutto più complicato. Perché allestire una selezione con il record di candidati, per poi rovinare tutto per via delle norme d’accesso sballate o per l’eccessiva severità delle commissioni e anche per la disorganizzazione di fondo, rappresenta un vero fallimento. L’aspetto che più lascia pensare, in questo momento, è che decine di migliaia di docenti precari abilitati, pur in presenza dei titoli di accesso e con selezioni alle spalle, invece di essere valutati per le loro capacità d’insegnamento, sono stati di nuovo messi alla prova, in molti casi, sulle competenze di base.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AMBIART: Concorso Internazionale Artistico Letterario

Posted by fidest press agency su martedì, 21 febbraio 2017

AMBIART nasce dalla volontà di promuovere arte e letteratura come forme culturali sostenibili, volte a diffondere i valori etici di un ambientalismo, in cui l’uomo è attore e artefice di un rapporto sano ed equilibrato con la natura, attraverso il libero confronto, la riflessione critica e la migliore conoscenza dell’ambiente. Per iscriversi c’è tempo fino al 5 Marzo 2017.
Come sottolinea Alessandro Miani, Presidente di SIMA – Società Italiana di Medicina Ambientale, “L’ambiente è lo spazio che ci circonda, esso è dunque fatto di aria, acqua, terra ma anche di spazi antropizzati e di artefatti creati dall’uomo, come case, industrie, infrastrutture, edifici di culto, monumenti, opere d’arte e oggetti di ogni tipo. In
quest’ottica la promozione di forme di arte che già nella loro creazione siano sintesi tra natura, uomo e ambiente, è occasione di portare avanti una cultura della prevenzione oggi più che mai necessaria”.Presidente del Concorso è il Dott. Gabriele Motta. Coordinatore del Concorso è la Dott.ssa Adriana Zammarrelli. https://concorsoambiart2017.blogspot.it/

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso a cattedra, 1 posto su 3 senza vincitore e migliaia di ripescati: ad aprile prove suppletive

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 febbraio 2017

ministero-pubblica-istruzioneL’incremento di aspiranti docenti che parteciperanno alla prima verifica, in programma ad aprile, si evince dagli elenchi definitivi pubblicati dagli USR. Accade ciò dopo che i giudici hanno dimostrato che non dovevano essere esclusi i lavoratori già di ruolo, gli Itp, i diplomati magistrale a indirizzo linguistico, i dottori di ricerca il cui titolo è stato considerato abilitante, i diplomati Isef, gli educatori, i docenti che hanno ottenuto l’abilitazione disciplinare o la specializzazione su sostegno, e anche coloro che hanno ottenuto il riconoscimento dell’abilitazione all’estero, dopo la scadenza per la presentazione della domanda. Disco verde pure per chi ha frequentato Afam e Pas. Presto il calendario nazionale delle prove in Gazzetta Ufficiale. Entro fine mese sarà completato il collaudo delle aule disponibili; a metà marzo l’abbinamento candidati–aule. A inizio estate le graduatorie di merito definitive.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): le prove suppletive non si sarebbero svolte se solo l’amministrazione scolastica avesse seguito i nostri consigli. Invece non ha voluto saperne, pubblicando dei concorsi 2016 senza considerare la presenza di coloro che, in presenza dei titoli di accesso, avevano anni e anni di esperienza di insegnamento alle spalle. Sono stati incredibilmente esclusi dalla prova concorsuale che gli avrebbe potuto dare la possibilità di accedere all’agognata assunzione a tempo indeterminato.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso giornalistico nazionale per le scuole sulla libertà d’espressione

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 febbraio 2017

GiornalistiAlla sua seconda edizione, il Festival dei Diritti Umani si arricchisce quest’anno del concorso giornalistico nazionale “Libera la parola”, indetto dal Festival insieme a FNSI (Federazione Nazionale della Stampa Italiana) e MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), aperto a tutte le scuole superiori italiane di secondo grado.Il tema da trattare è la libertà d’espressione. Per ispirarsi c’è l’articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che contiene tutti gli elementi di contesto e di attualità utili alla compilazione di un elaborato giornalistico: «Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere».La partecipazione al contest, che propone agli studenti di cimentarsi con un elaborato giornalistico scritto, radiofonico o televisivo, è gratis. Il miglior articolo per la carta stampata, per la radio e per la televisione sarà premiato con la pubblicazione sui media partner dell’iniziativa: Corriere della Sera, Radio Popolare, Rainews24.
Gli elaborati dovranno pervenire entro il 15 marzo 2017 attraverso l’apposita sezione sul sito http://www.festivaldirittiumani.it dove sono pubblicate tutte le informazioni utili. La premiazione avverrà nel corso della seconda edizione del Festival dei Diritti Umani, che si terrà dal 2 al 7 maggio 2017 alla Triennale di Milano.Sono inoltre online sul sito e sul canale Youtube del Festival dei Diritti Umani, i primi video-consigli rivolti ai partecipanti al contest “Libera la parola”: alcune grandi firme del giornalismo forniscono le “dritte” a studenti e insegnanti per produrre un buon articolo, che è, tra l’altro, una delle prove previste all’esame di maturità.Termine per partecipare: 15 marzo 2017

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso a cattedra, altro flop della Buona Scuola: meno della metà dei posti banditi a concorso sarà assegnato. Docenti precari a vita

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

porta nuova milanoMilano. In Lombardia oltre la metà dei posti andranno persi: su 4.963 cattedre, 2.505 risultano senza vincitori. Per Matematica e Scienze la situazione è da allarme rosso: il 60% dei posti messi a bando non possono essere assegnati, perché mancano i candidati reputati idonei. Siccome non ci sono più precari nemmeno nelle GaE, 543 rimarranno vacanti; a questi, si aggiungono quelli dei docenti che chiederanno il passaggio di ruolo e i pensionamenti. Oltre ai tanti assegnati al 30 giugno, ma in realtà senza titolare. La proiezione nazionale è peggio delle previsioni più nere: oltre 30mila posti persi su 63mila messi a bando. E la soluzione proposta dal Governo nello schema sulla formazione iniziale del reclutamento non risolve il problema: per sette anni, nessuno immesso in ruolo in spregio alla continuità didattica e alle sentenze risarcitorie dei giudici. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): i dati della Lombardia dimostrano che se non si apre agli abilitati delle graduatorie d’istituto, peraltro tutti già formati e selezionati a partire dal 2011 per fare questo lavoro, nei prossimi anni la supplentite si allargherà a macchia d’olio. Sovvertendo quanto prospettato dal Governo Renzi, che aveva invece promesso di abbattere il precariato. Incrementare il fenomeno, oltre che comportare problemi formativi notevoli, allontana la nostra scuola dall’UE, che ha chiesto in più occasioni di provvedere a stabilizzare tutti i precari che abbiano svolto oltre 36 mesi. È ovvio che se non si aprirà agli abilitati delle graduatorie d’istituto, a partire dalle classi di concorso dove non vi sono più candidati nelle GaE e nelle GM, Anief è pronta a citare di nuovo lo Stato per inadempienza e a richiedere risarcimenti milionari.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Imminente il concorso per Dirigenti scolastici, in palio 1.500 posti ma ne servono il doppio e va aperto ai precari storici

Posted by fidest press agency su domenica, 29 gennaio 2017

ministero-pubblica-istruzioneLa conferma è arrivata dal Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli: “è prossimo il bando”, per consentire “di riportare alla normalità i carichi di lavoro dei colleghi già in servizio. Solo col concorso si potrà, infatti, risolvere l’annoso problema delle numerose reggenze” e dare l’opportunità di “progressione di carriera a quei docenti che siano interessati ad un nuovo ruolo”. Il testo deve passare solo il vaglio del Ministero dell’economia, poi sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale dopo la comunicazione, che avverrà a brevissimo, alla presidenza del Consiglio dei ministri e il visto della Corte dei conti. Terminato questo iter, si procederà a chiedere al ministro della Funzione pubblica e al Mef l’autorizzazione definitiva.Per la prima volta, i cinque anni di servizio minimo potranno essere raggiunti anche con il periodo di precariato, continuando però a escludere dalle prove concorsuali tutti i docenti precari già abilitati all’insegnamento. Il giovane sindacato, supportato da precise norme ordinarie e costituzionali, giudica illegittima tale esclusione: pertanto, ha deciso sin d’ora di ricorrere (entro il 13 febbraio) per far partecipare tutti i precari con cinque anni di servizio svolto in scuole pubbliche o paritarie. Inoltre, il sindacato ritiene opportuno riservare una quota delle immissioni in ruolo ai vicari che hanno svolto per almeno tre anni il ruolo di reggente di un istituto. Anief ritiene, poi, che la quota dei posti messi a bando debba essere maggiorata: quelli indicati non tengono conto né del turn over, né della quota eccedente prevista dalla legge, né, soprattutto, del fatto che i vincitori andranno “spalmati” su un triennio. Infine, si chiede l’approvazione urgente di una sanatoria per tutti i contenziosi pendenti. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): con i prossimi pensionamenti degli attuali presidi, da settembre ci ritroveremo con quasi 2mila scuole prive di capo d’istituto e altrettante reggenze, con gli istituti che continueranno a essere gestiti a distanza. Non facendo, dunque, nemmeno tesoro di quanto accaduto quest’anno, con un Dirigente scolastico italiano su tre costretto a gestire in contemporanea fino a 20 plessi. Non comprendiamo come si possa pensare di valorizzare la figura del preside della scuola pubblica continuando a fare economia sui suoi compensi, ma si eviti almeno di pensare di averne migliaia di meno di quelli necessari e indispensabili: tirando su paletti inutili, che ledono pure i diritti e privano la nostra scuola di forze fresche e giovani.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campidoglio: Raggi, “al via concorso per 300 agenti Polizia locale”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 gennaio 2017

vigili-urbaniPrende finalmente il via il concorso per istruttori della Polizia locale di Roma Capitale. Lo ha comunicato la sindaca Virginia Raggi ai vertici del corpo e ai rappresentanti sindacali dei vigili, incontrati questa mattina in Campidoglio. La procedura selettiva doterà la Polizia Locale di 300 nuovi agenti, ammettendo a una nuova prova orale tutti coloro che erano risultati idonei alla prova scritta svoltasi nel 2012. E’ infatti pronta la determina con cui verrà nominata la commissione valutatrice, che sarà presieduta dal dottor Massimo Ancillotti. La procedura selettiva viene così definitivamente sbloccata: gli ultimi ritardi sono da attribuire alla sopraggiunta necessità di sostituire il commissario individuato dalla Regione Lazio, la cui nomina si era rivelata incompatibile. “Durante l’incontro ho sottolineato la necessità di consolidare il rapporto tra la Polizia Locale e la città – afferma la sindaca Raggi – e ho assicurato ai vigili il sostegno mio personale e dell’intera giunta. Loro rappresentano la ‘prima linea’ dell’amministrazione, la più esposta alle criticità quotidiane e alla pressione dell’opinione pubblica. Proprio per questo intendiamo colmare al più presto le carenze di personale: l’arrivo di 300 agenti doterà il corpo di forze nuove a presidio della legalità e della sicurezza della Capitale”.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premiazione della XIX Edizione del Concorso Internazionale Artistico Letterario Antonio de Curtis: (Totò), Principe, Maschera, Poeta

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 dicembre 2016

totoLa manifestazione si svolge a Roma il 12 dicembre 2016 dalle ore 16.00 alle ore 20.00, presso la Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati in Via di Campo Marzio, 74, con i più importanti Patrocini e Premi istituzionali. E’ organizzata dall’Associazione Amici di Totò … a prescindere! – Onlus, con le Associazioni IMAGO e AISL_O (Associazione Italiana di studio del lavoro e dello sviluppo organizzativo). Presentazione del libro: “Eugenio Pacelli, Pio XII, il Pontefice più amato e vituperato nella storia della Chiesa” di Alberto De Marco e di Duilio Paoluzzi, Casa Editrice Movimento Salvemini. Il ricavato del libro sarà integralmente devoluto all’Ordine Religioso in India delle “Missionarie della Carità” di S. Madre Teresa di Calcutta, in particolare per aiutare i bambini abbandonati e per sostenere le famiglie delle donne lasciate dai mariti nella desolazione, costrette a prostituirsi per sopperire alle esigenze alimentari dei propri figli. Presenta: l’attore Angelo Blasetti. Relazioneranno: il Senatore Francesco Aracri, il Dott. Ernesto Lupo, Primo Presidente Emerito della Suprema Corte di Cassazione; il Dott. Loris Facchinetti, Vice Presidente Vicario del Tribunale Dreyfus e Presidente del Comitato Scientifico della Federazione di volontari MODANI ONLUS (Movimento delle Associazioni di volontariato Italiane); il Dott. Piero Schiavazzi, Docente di “Geopolitica Vaticana” all’Università di “Tor Vergata”, Direttore eventi culturali presso Elea, giornalista della rivista “Limes” e dell’Huffington Post; il regista Vincenzo De Sio, Special Guest Director del film “Omaggio a Totò: Maschera, Principe, Poeta”, che ha ricevuto dalla Direzione Generale del Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – il nulla osta per la distribuzione cinematografica; la Dott.ssa Maria Grazia, De Angelis, Presidente dell’AISL_O (Associazione Italiana di studio del lavoro e dello sviluppo organizzativo); il Dott. Raffaele Cavaliere, psicologo e scrittore; il Prof. Cosmo Sallustio Salvemini, Presidente del Movimento Salvemini” e dell’UN.I.A.C. (UNIONE ITALIANA ASSOCIAZIONI CULTURALI), Direttore del giornale “L’Attualità”; l’autore del libro, il poeta, scrittore e giornalista, Alberto De Marco.
Al termine della presentazione del libro ci sarà la Premiazione della XIX Edizione del Concorso Internazionale Artistico Letterario Antonio de Curtis: (Totò), Principe, Maschera, Poeta.
Saranno premiati per la Sezione “Premio alla Carriera”: Daniele Nannuzzi, Presidente dell’Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica (AIC); Massimo Giletti, Presentatore di importanti programmi televisivi di RAI 1; per la “Sezione Giornalismo” : il Prof. Piero Schiavazzi; per la “Sezione Premio Bontà”: al tecnico Sig. Michele Melillo per l’intensa attività sociale a tutela dell’ambiente ed in particolare diretta contrastare le problematiche relative all’amianto; per la “Sezione Narrativa” : l’Ing. Vittorio Di Ruocco, Direttore del Servizio Territoriale Provinciale di Salerno dell’ARPAC (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania) con il libro “L’AMANTE DI DIONISO”, Edizione Homo Scrivens ed il Dott. Diego Maria D’Ambrosio con una Menzione Speciale per il libro “Il Custode delle Cronache Perdute”; per la “Sezione Poesia”: il poeta Mario Sisto; per la “Sezione Cinematografia” : per il cortometraggio dal titolo “Il Monaco in Riva al Mare”, al Sig. Pietro Acone; al Sig. Gian Maria Labanchi; al Sig. Simone Concilio; al Sig. Federico Ferrara; al Sig. Fabrizio Ferrara; per il cortometraggio dal titolo “HIDE – AND – SEEK, alla Sig.na Giorgia Baviera; alla camera-deputatiSig.na Virginia De Rosa; alla Sig.na Antoniana Santoro; al Sig. Michele D’Elia; al Sig. Vincenzo Limardi; per la “Sezione Musica” con la canzone dedicata a Totò: alla cantante Grazia Guerra, una sua idea, che l’ha interpretata magistralmente; al Maestro Mario Sincoli, che l’ha musicata ed arrangiata e al paroliere Saverio Carpine. Per la “Sezione Narrativa”, presieduta dal Prof. Giuseppe Anziano, il vincitore l’Ing. Vittorio Di Ruocco, Direttore del Servizio Territoriale Provinciale di Salerno dell’ARPAC (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania) con il libro “L’AMANTE DI DIONISO”, Edizione Homo Scrivens, riceverà la medaglia del Senato della Repubblica italiana con la seguente motivazione. In questo romanzo dal titolo emblematico molto significativo “L’Amante di Dioniso”, il dio greco del piacere e della lussuria, il nostro autore, spirito perspicace ed attento alle problematiche esistenziali, in possesso di un’ampia cultura che gli consente di spaziare sui vari aspetti dell’arte e della società, affronta con perizia un tema scottante, di grande attualità: quello dell’omosessualità. L’opera, che si segnala per la serrata impostazione ed articolazione del fenomeno predetto, nonché per la descrizione puntuale della sua diffusione nella società, ci introduce in un mondo presentato armoniosamente sotto il profilo della cronaca e della riflessione, dotato di una coinvolgente intensità emozionale e ricco di significati. La materia è delicatissima da padroneggiare senza cadere nell’ovvio, trasuda sentimento senza indulgere al sentimentalismo, contiene una profonda valenza morale, evitando però ogni moralismo. La narrazione, dalla quale si evidenzia il rigore dell’analisi critica della vicenda umana e sociale, procede agile e scorrevole in un linguaggio sobrio e misurato, ma sempre incisivo, che lascia il lettore col fiato sospeso, fino all’ultima riga dell’ultima pagina, in attesa della mossa finale, che sarà di alto potenziale drammatico. (Alberto De Marco)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, parte concorso Polizia locale

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 dicembre 2016

vigili-urbaniParte il concorso per istruttori della Polizia locale di Roma Capitale. E’ pronta la determina per la nomina della commissione valutatrice che sarà presieduta dal dottor Massimo Ancillotti. Viene così definitivamente sbloccata la procedura selettiva, il cui iter è stato rallentato perché il Campidoglio ha dovuto attendere la nomina di uno dei commissari da parte della Regione Lazio.Il concorso consentirà all’amministrazione comunale di dotare il corpo dei vigili di 300 nuovi agenti, ammettendo a una nuova prova orale tutti coloro che erano risultati idonei alla prova scritta svoltasi nel 2012. “Si sta anche valutando la creazione di sottocommissioni d’esame per accelerare i tempi di svolgimento delle prove – spiega il delegato della sindaca al Personale, Antonio De Santis – in modo da arrivare nel più breve tempo possibile al completamento della procedura e all’assunzione dei nuovi agenti. Si tratta di un’iniezione di forze fresche che andrà a potenziare il corpo di polizia locale, garantendo migliori condizioni di lavoro per gli operatori e un miglior presidio dei servizi svolti a vantaggio della legalità e della sicurezza della città”.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso “Fammi vedere”: vince il cortometraggio Omar

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2016

fammi-vederefammi-vedere2Roma. “Fammi vedere”, il concorso di cortometraggi sul diritto d’asilo promosso dal Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) e sostenuto da Mediterranean Hope della Fondazione delle Chiese Evangeliche in Italia, si è concluso con l’annuncio delle tre opere premiate.Nel corso della serata, ospitata dal circolo della Corte dei Conti a Roma, è stato decretato vincitore il cortometraggio “Omar“, realizzato da Massimo Cerbera, che racconta la a-tipica giornata di un bambino immigrato tra espedienti e malinconici confronti. Vissuta nella coraggiosa attesa e nella speranza di un futuro migliore lasciandosi alle spalle il dolore e la perdita più grande.I video “Fireworks“ di Giulia Tata e “Orizzonti“ di A. Sipolo e D. Ganke hanno invece ricevuto, rispettivamente, il premio come secondo e terzo classificati. Il primo è un cortometraggio che descrive, con un’efficace metafora tra i fuochi d’artificio e la guerra, la paura e lo spaesamento di una bambina che trova nell’accoglienza in Italia una prospettiva nuova. Mentre il secondo è un’opera in cui tre rifugiati raccontano i propri orizzonti in tre momenti cruciali della propria vita: nel paese di origine, durante la fuga e nel paese di arrivo. La preziosa ambivalenza della parola orizzonte si presta alla doppia lettura. Gli orizzonti fisici impressi negli occhi mescolati ai desideri di fammi-vedere1esistenze migranti.“Ci sembra molto significativo che il primo e secondo premio siano andati a cortometraggi che vedono protagonisti dei bambini. Un tema sempre più cruciale, basti ricordare che nel 2016 sono arrivati in Italia già quasi 24mila minori non accompagnati, e che tocca da vicino anche bambini molto piccoli. È impressionante pensare a bimbi di 7-8 anni che hanno affrontato da soli la traversata del deserto e del mare. Un problema complesso a cui dobbiamo dare risposte di accoglienza e integrazione, che possiamo costruire anche grazie ai racconti che – come quelli premiati – riescono a parlarci lievemente di incontri, necessità e aperture ” dichiara Roberto Zaccaria, Presidente del CIR.Il concorso “Fammi vedere” era rivolto a chiunque che volesse raccontare, con il linguaggio cinematografico e il proprio originale punto di vista, il mondo dei richiedenti asilo e dei rifugiati.Durante l’evento sono stati proiettati i cinque cortometraggi finalisti e le opere fuori concorso “Teddy Bear” di H. Mangialardo, “The question” di L. Mininno e “No Country” di P. Bandini. A premiare i vincitori sono stati rappresentati di organizzazioni che, insieme al CIR, operano in prima linea per garantire assistenza alle persone che arrivano nel nostro Paese per chiedere asilo o vedersi riconosciuto lo status di rifugiato. La serata, la cui madrina è stata Monica Guerritore, è stata animata dalla conduzione di Pino Insegno, dal monologo Spaesati dell’attrice Francesca Reggiani e dall’esibizione del comico Federico Perrotta. (foto: fammi vedere)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dopo anni la giunta Raggi sblocca vicenda maxi-concorso Comune Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 18 ottobre 2016

campidoglioEntro la fine del 2016 Roma Capitale procederà all’assunzione di 485 unità di personale individuate tra i soggetti vincitori del maxi-concorso. Le prime lettere indirizzate ai vincitori delle procedure di selezione partiranno nei prossimi giorni. La giunta della sindaca Virginia Raggi sblocca così la vicenda del cosiddetto “concorsone” che si trascina da anni. Diverse le figure professionali che entreranno a far parte dell’amministrazione capitolina: entro ottobre saranno assunti 31 ingegneri, 8 curatori storici dell’arte, 6 curatori archeologi, 2 dietisti, 2 istruttori amministrativi, 1 funzionario per i servizi di orientamento al lavoro; entro novembre arriveranno 47 istruttori amministrativi e 3 statistici; infine entro dicembre saranno chiamati 139 istruttori economici, 38 architetti , 40 istruttori per servizi culturali, turistici e sportivi, 84 istruttori amministrativi, 18 esperti di sviluppo servizi informatici e
telematici, 10 funzionari per servizi di orientamento al lavoro, 8 funzionari dei processi comunicativi e informativi, 6 funzionari delle
biblioteche, 5 istruttori per servizi di orientamento al lavoro. A questi si aggiungono 37 residui di assunzioni (18 istruttori Urp
rientranti nelle categorie protette, 7 ingegneri, 5 istruttori amministrativi, 4 esperti informatici, 2 istruttori servizi culturali, 1
dietista). “Abbiamo sbloccato una vicenda che da troppo tempo e tanti anni era rimasta incagliata tra false promesse della vecchia politica e storture burocratiche – spiega il delegato della sindaca al Personale Antonio De Santis – Una vicenda spesso strumentalizzata a fini elettorali e a cui la giunta Raggi ha voluto subito trovare una soluzione già nelle note ristrettezze di bilancio ereditate dal passato. Siamo anche al lavoro per ottenere la migliore allocazione possibile del personale già in organico, privilegiando il rafforzamento delle strutture periferiche e con maggiori carenze”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esclusa dal concorso in finanza perché incinta

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

Brand Esercito Italiano(GRNET.IT) – Esclusa dal concorso straordinario per il reclutamento di 400 allievi finanzieri per l’anno 2016 perchè incinta. E’ la storia di A.E., giovane soldatessa in ferma pluriennale che ha provato ad accedere, come tanti altri giovani, alla carriera nella Guardia di Finanza, dopo aver servito per anni le Forze armate e desiderosa finalmente di stabilizzare il proprio posto di lavoro.
Il motivo della sua esclusione – scrive GrNet.it il sito web su Sicurezza e Difesa -, come riportato nel verbale della “Commissione per la verifica del mantenimento dei requisiti psico-fisici” della Guardia di Finanza, è lapidario: «Si comunica che, sulla base della certificazione presentata in data odierna attestante lo stato di gravidanza e, quindi, il temporaneo impedimento all’accertamento dell’idoneità al servizio nella Guardia di Finanza (art. 3, comma 2 del Decreto 17 maggio 2000 n. 155), la SV ai sensi dell’art 4, comma 4, ultimo capoverso della determinazione in epigrafe indicata, è “ESCLUSA” dalla procedura poiché tale temporaneo impedimento sussisteva alla data del 31 agosto 2016».In effetti, il Decreto 17 maggio 2000 n. 155 del Ministero delle Finanze, all’articolo 3 (Accertamento dell’idoneità al servizio nella Guardia di Finanza) recita che “Lo stato di gravidanza costituisce temporaneo impedimento all’accertamento”, tuttavia, a fronte dell’asserito temporaneo impedimento, scaturisce una definitiva esclusione dal concorso. Ed è proprio quello che l’aspirante donna finanziere contesterà dinnanzi al TAR Lazio, assistita dagli avvocati Giorgio Carta e Giuseppe Piscitelli.Un caso identico, pubblicato in esclusiva da GrNet.it, fu quello del Caporalmaggiore Valentina Fabri, anche lei esclusa dal concorso per il passaggio in servizio permanente nell’Esercito a causa del suo stato di gravidanza.In quell’occasione Valentina Fabri, assistita dai medesimi avvocati che oggi difendono A.E., fu riammessa al concorso dai giudici del TAR del Lazio (sentenza n. 8213/2011), secondo i quali non solo “deve considerarsi illegittima la norma di bando impugnata nella parte in cui, fissando un limite ai rinvii temporali degli accertamenti sanitari allorchè una candidata versi nello stato di gravidanza, di fatto impedisce la partecipazione della stessa al concorso”, ma sottolinearono anche che “va da sè che una tale norma collide con i principi costituzionali, determinando un’inammissibile disparità di trattamento nei confronti di una concorrente che vede così pregiudicata la sua scelta in favore della maternità”, ribadendo che “Lo stato di gravidanza non può essere considerato una malattia o un’imperfezione che mette in discussione l’idoneità psico-fisica della donna al suo eventuale reclutamento nell’Esercito”.Il Caporalmaggiore Valentina Fabri fu quindi riammessa al concorso con tante scuse della Difesa che nemmeno impugnò la sentenza dinnanzi al Consiglio di Stato, tali e tante furono le illegittimità della normativa italiana e comunitaria ad essere state infrante.Nonostante i continui appelli alla parità di genere, anche da parte delle altissime cariche dello Stato, sopravvivono dunque ancora oggi normative di rango ministeriale che sembrano insensibili a tali sollecitazioni. Siamo fiduciosi – conclude GrNet.it – che anche questa volta i giudici sapranno rendere giustizia ad A.E. restituendogli la dignità di donna e di mamma, così come avvenne per la collega Valentina Fabri. (GRNET.IT)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Concorso a cattedra: Il Consiglio di Stato sconfessa il Tar per la seconda volta

Posted by fidest press agency su sabato, 30 luglio 2016

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cAncora una vittoria dei legali dell’Anief presso il Consiglio di Stato messa a segno a tutela dei diritti dei docenti in possesso di abilitazione con diploma magistrale a indirizzo sperimentale linguistico: i Giudici di Palazzo Spada danno piena ragione ai ricorrenti e confermano il loro diritto a partecipare al concorso a cattedra bandito dal MIUR lo scorso febbraio. Per gli specializzandi sostegno, invece, come per i laureati, tutto è rinviato all’organizzazione delle prove suppletive quando potrà essere, eventualmente, richiesta una nuova istanza cautelare visto che le prove scritte si sono già svolte. E ancora un velo di incertezza si abbatte su tutta la procedura, visto che il Miur non ha ancora predisposto il calendario delle prove speciali richieste dai giudici, mentre stanno per essere nominati i primi vincitori.Ancora un colpo di scena si abbatte sull’ultimo concorso a cattedra voluto dal Governo, che ha escluso intere categorie di docenti, da quelli di ruolo a quelli non abilitati, dagli ITP agli specializzandi e che è finito sotto la lente dei giudici amministrativi. Le ultime ordinanze di accoglimento dei giudici di Palazzo Spada sono la n. 2957/16 e la n. 2995/16 con cui sono ammessi nuovamente i diplomati magistrali ad indirizzo linguistico del ricorso n. 4413/16 respinto dal Tar Lazio in sede cautelare, nonostante una precedente ordinanza degli stessi giudici di secondo grado, grazie all’appello predisposto dai legali dell’Anief, Sergio Galleano e Vincenzo De Michele con la collaborazione dell’avv. Simona Rotundo, aveva già “ritenuto, pur nell’ambito della delibazione propria della presente fase cautelare, che, oltre ai sufficienti profili addotti a sostegno del requisito del fumus boni iuris, risulti nella specie dimostrato anche la ricorrenza del requisito del periculum, tenuto conto dei tempi ristretti di definizione della procedura concorsuale in questione”.E così le prove suppletive devono essere organizzate dal Miur per altri 400 ricorrenti illegittimamente esclusi dalla partecipazione al concorso a cattedra, a queste potranno sempre fare richiesta di accedere anche gli specializzandi (oggi specializzati) su sostegno nonché i ricorrenti laureati senza abilitazione che i legali Anief continueranno a tutelare in tutte le opportune sedi. Come si legge nella motivazione delle ordinanze respinte, infatti, relative ai ricorsi iscritti al Tar Lazio con numero di ruolo n. 4409/16 e n. 4407/16, il Consiglio di Stato non preclude la futura ammissione dei ricorrenti alle ulteriori sessioni concorsuali riservate considerando che “le prove scritte del concorso si sono ormai svolte, cosicché non residuano margini per ammissione, sia pure con riserva, alla procedura sui cui si controverte”, ma ribadendo “l’eventuale partecipazione alle future sessioni riservate che saranno bandite dal Ministero dell’istruzione, come assicurato, nella camera di consiglio, dal difensore dell’Amministrazione.”
Quindi, ancora una speranza per queste categorie di docenti che negli scorsi mesi avevano ottenuto un decreto monocratico e due ordinanze di accoglimento sempre da quei giudici del Consiglio di Stato che oggi si riservano di dare, soltanto dopo l’organizzazione delle prove suppletive, un nuovo giudizio sommario. Prove che, comunque, per lo studio legale dell’Anief devono essere organizzate dal Miur necessariamente prima della nomina dei vincitori, ovvero della conclusione delle procedure stesse, visti i lavori avanzati in alcune commissioni. I legali Anief hanno già provveduto a inviare formale diffida al MIUR per una rapida calendarizzazione delle sessioni d’esame che dovranno essere riservate ai ricorrenti. A questo punto non rimane che osservare da spettatori questa sagra che si tinge, di giorno in giorno, con mille sfumature dopo che, sempre grazie ai ricorsi dell’Anief, centinaia di insegnanti tecnico pratici e docenti di ruolo hanno avuto garantita già la partecipazione alle stesse prove suppletive, mentre è stato pubblicato in GU del 13 luglio 2016 l’atto di promovimento n. 134 del 12 aprile 2016 con cui il Tar Lazio ha sollevato, sempre su richieste dei legali dell’Anief, questione di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 110, ultima parte della legge n. 107/2016 per violazione degli artt. 2, 3, 4, 51 e 97 della Costituzione, ragion per cui, a breve, si avrà l’udienza pubblica della Consulta. A settembre, pertanto, si attendono nuovi sviluppi.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso a cattedra, ammessi pure i diplomati Isef e gli educatori

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 giugno 2016

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cCome annunciato mesi fa dal sindacato, il concorso a cattedra 2016 risulta illegittimo per la clamorosa esclusione di diverse categorie di docenti che avrebbero dovuto partecipare di diritto alla selezione pubblica. Il Tribunale Amministrativo del Lazio ha infatti trasmesso ai legali del giovane sindacato un’altra comunicazione di accoglimento delle istanze cautelari, stavolta proposte in favore dei docenti sia in possesso di diploma Isef sia del personale educativo illegittimamente escluso dalla possibilità di aspirare al ruolo per la scuola primaria.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il bando concorsuale è stato composto in modo superficiale. Per questo motivo, stiamo solo tutelando il diritto di tanti docenti precari a potersi sottoporre alle prove concorsuali, per conseguire, se lo meritano, l’aspirato contratto a tempo indeterminato o il giusto diritto al miglioramento della propria condizione professionale. Ora il Miur si adoperi per rispettare gli ordini del giudice e provveda a calendarizzare le prove suppletive.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso per dirigenti scolastici

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 maggio 2016

ministero pubblica istruzioneIl bando sarà pubblicato entro un mese: al Miur ancora dubbi sui requisiti di accessoSui contenuti della procedura concorsuale, che arriva a cinque anni di distanza dell’ultima, niente più “temone” su argomento vasto: si punterà ad uno scritto che ricalcherà quello dell’attuale concorso a cattedra. È anche possibile che la prova venga trasformata in una verifica Computer based, anche questo sulla falsa riga della selezione per docenti: come è probabile che si pongano pure delle domande di Lingua straniera (livello B2) e di Informatica (solo inglese). Confermato il test preselettivo.Assieme alla laurea, continueranno ad essere chiesti cinque anni di servizio come docente o educatore nelle istituzioni pubbliche: da indiscrezioni, sembra che l’accesso sarà aperto anche ai candidati con meno di 5 anni di servizio di ruolo. Questa eventualità, a lungo invocata dal sindacato, non sarebbe altro che una norma introdotta a seguito della sentenza 5011/2014 del Tar del Lazio, con la quale i giudici hanno ribadito che per partecipare al concorso può essere ritenuto valido non solo il periodo di precariato, perché equivalente a quello svolto dai colleghi a tempo indeterminato, ma non è necessario nemmeno essere già di ruolo. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): già in occasione dell’ultimo concorso, con decine di migliaia di candidati, siamo riusciti ad ottenere la partecipazione anche per coloro che avevano svolto un servizio di pre-ruolo, nonché per tutti i docenti precari con abilitazione con cinque anni di servizio. Alcuni di loro, adesso sono dirigenti scolastici: ciò ci inorgoglisce e ci dà conforto nel perseguire questa strada legale. Il Miur è avvisato.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciao Sanremo, primo concorso per Giovani Talenti della Musica Italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 maggio 2016

ciao sanremo(Fidest) Era nel cassetto da due anni il concorso che vedrà Giovani Talenti della Musica Italiana salire su un palcoscenico di Sanremo durante il Festival di Carlo Conti 2017. La scelta del nome Ciao Sanremo sta a significare la credibilità dell’organizzazione che lavora sul territorio da oltre 30 anni e che gode della fiducia dell’amministrazione pubblica disponibile a riconoscere la bontà di iniziative che attraggono nuovi turisti. Di fatto il concorso (il regolamento è sul sito http://www.festivalnews.it) è aperto ad un pubblico di ragazzi, ragazze e gruppi di giovani, sia italiani che stranieri anche residenti all’estero, ma che dovranno presentare brani inediti in lingua italiana. A Sanremo, per questa prima edizione, tra tutti gli iscritti, ne arriveranno solo 60 che poi saranno selezionati ulteriormente da una qualificata Commissione di esperti composta da Dario Salvatori, critico musicale Rai, dal direttore d’orchestra Massimo Morini e dal giornalista Ilio Masprone, veterano del Festival nonché organizzatore del Gran Gala della Stampa che si tiene al Roof Garden del Casino di Sanremo. I 60 finalisti presenti durante la settimana del Festival (dal 14 al 19 febbraio 2017), si esibiranno in Piazza o in alternativa al Palafiori, con due brani ciascuno: un inedito e una cover a loro scelta; i 60 concorrenti saranno ospiti sulla tv nazionale CANALE Italia e presentati dall’artista Morena Marangi: la trasmissione andrà in onda durante il periodo festivaliero: tutti i concorrenti saranno anche pubblicati sul quotidiano ufficiale Festivalnews/Daily, qui presentati dalla giovane Desirée Nossa. I premi sono sette: ad ognuno verrà riservata una sorpresa finale assieme ad un triplo CD che conterrà i 60 brani inediti e che sarà pronto per il Festival di febbraio. (Christian Flammia)

Posted in recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »