Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Posts Tagged ‘concorso’

Terza edizione concorso nazionale dedicato al teatro emergente under 35

Posted by fidest press agency su sabato, 11 novembre 2017

Anna CappelliGenova. Da giovedì 16 a sabato 18 novembre si terrà al Teatro Akropolis di Genova la terza edizione del concorso nazionale Intransito organizzato dal Comune di Genova in collaborazione con Teatro Akropolis, La Chascona e Officine Papage, componenti di ATS-TEGRAS. Le sei compagnie, selezionate da bando cui hanno partecipato oltre 130 candidati, avranno l’opportunità di rappresentare il proprio lavoro di fronte ad una giuria formata da Angela Fumarola – direttore artistico di Armunia, Angelo Pastore – direttore del Teatro Stabile di Genova, Arianna Terzoni – addetta all’ufficio programmazioni della Fondazione Toscana Spettacolo, Lucia Compagnino – giornalista collaboratrice alle pagine culturali del Secolo XIX e Mario Bianchi – regista, fondatore del Teatro Città Murata e critico per KLP e Hystrio.
Il concorso, in questa edizione selezionato e finanziato nell’ambito del Programma SIAE “SILLUMINA – Copia privata per i giovani, per la cultura (ed. 2016) ”, Bando 1 – Periferie urbane – Settore Teatro e Danza, è nato per valorizzare il lavoro di giovani compagnie e artisti emergenti della scena nazionale che portano avanti una ricerca nell’ambito del teatro, prevede un contributo di € 1500 al soggetto vincitore, quale sostegno all’opera realizzata ed è patrocinato dal GAI, Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani che ha lo scopo di sostenere la creatività giovanile attraverso iniziative di formazione, promozione e ricerca.
Aprirà la programmazione, alle ore 20 del 16 novembre, Mondo cane, della Compagnia Turconi/Deblasio (Milano) in collaborazione con Frigoproduzioni e Ass. Gli Scarti. Scritto, diretto e interpretato da Daniele Turconi, Mondo cane è una tragedia dell’ambizione nell’epoca dell’impossibilità, messa in scena attraverso un non dialogo con la madre e con l’ex fidanzata, nella quale il protagonista, un ragazzo che ha appena terminato l’esame di maturità e vuole fare l’avvocato, usa l’arma della menzogna e intraprende una lotta passiva contro gli altri, lasciandosi scorrere addosso una vita imprendibile e crudele.
A seguire, alle ore 21.30, C&C Company (Brescia), compagnia formata da Chiara Taviani e Carlo Massari, in Anna Cappelli. Il celebre monologo di Annibale Ruccello è portato in scena en travesti da Carlo Massari, che alle parole del drammaturgo accompagna una profonda ricerca sul movimento, creando una figura poliedrica capace di evocare con forza i propri lati oscuri.
Venerdì 17 novembre la serata si apre, alle ore 18, con dialoghi con l’artista, appuntamento in cui il pubblico incontra gli artisti presenti alla rassegna presso il Caffè dei Glicini – Giglio Bagnara Via Sestri 46, Genova. Una preziosa occasione di confronto sia per gli artisti sia per gli spettatori.
Alle ore 20 si torna al Teatro Akropolis, dove il Collettivo L’Amalgama, di Garbagnate Milanese, porta in scena Fil Rouge, il loro secondo lavoro, drammaturgia originale scritta a dieci mani e interpretata dalle cinque ragazze del collettivo. Alle ore 21.30 Anomalia Teatro, compagnia torinese formata da Amedeo Anfuso e da Silvia Saponaro, sarà in scena con uno spettacolo di e con Debora Benincasa, Antigone – Monologo per donna sola. Originale interpretazione del mito classico Antigone.
Sabato 18 novembre, la serata si apre alle ore 20 con la compagnia palermitana Vicari/Aloisio in Eoika, viaggio visionario che trae le sue origini dalle arti visive. Fra arti visive, teatro fisico e ricerca musicale, Eoika – in greco sembrare qualcosa – riflette sul confronto fra se stesso e l’altro da sé, su cosa appare reale e su cosa è immagine effimera, in un continuo cortocircuito identitario.
Concluderà la programmazione, alle ore 21.30, la Compagnia Habitas, compagnia romana formata da Niccolò Matcovich, autore e regista, e Livia Antonelli, attrice, con L’imbroglietto – Variazioni sul tema. Prendendo ispirazione dal genio di Karl Valentin e Liesl Karlstadt, nonché dagli Esercizi di stile di Queneau e il celebre spettacolo La lettera di Paolo Nani, L’imbroglietto è un divertissement rappresentato da due tipi con sembianze di clown, che riflette con leggerezza sulla situazione critica che vive il teatro oggi in Italia, in un gioco al massacro condotto da una sadica bigliettaia, un “gioco di ruolo” teatrale con un sadico narratore multiforme, due pedine e l’intervento del pubblico. Alle ore 23 si procederà all’assegnazione del premio. L’ingresso agli spettacoli è libero, si raccomanda la prenotazione. (foto: Anna Cappelli)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Nuovi concorsi docenti, si parte subito ma chi è già di ruolo non vi potrà partecipare

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 novembre 2017

ministero-pubblica-istruzioneL’indizione della prima procedura è prevista entro la fine del 2017: sono molti i docenti già a tempo indeterminato interessati al conseguimento dell’abilitazione per altra classe di concorso, quindi a partecipare alla procedura riservata in modo da consentire la loro crescita professionale. Ancora di più perché la loro partecipazione è prevista dal decreto legislativo n. 59/2017, che regola il nuovo reclutamento post Buona Scuola. L’esclusione sta creando dissensi tra i tanti docenti a tempo indeterminato che già da parecchi anni si trovano nell’impossibilità di poter conseguire un’altra abilitazione all’insegnamento e rimangono così “bloccati” sul loro insegnamento pur potendo accedere ad altri. Intanto dal Miur qualche apertura. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Le rassicurazioni del Miur sull’apertura del concorso al personale di ruolo ci sembrano davvero deboli: perché, visto che queste erano le intenzioni, non è stato normato direttamente? Intanto, non si contano più le sentenze emesse da più tribunali sull’estromissione illegittima del personale già di ruolo da un concorso pubblico, anche all’interno della stessa amministrazione: i giudici sembrano infatti sempre più inclini a bacchettare l’azione discriminante. Ed è per questo motivo che stiamo predisponendo un ricorso, appena il bando dovesse ufficializzare l’estromissione degli insegnanti già di ruolo.Eurosofia, in collaborazione con Anief ed Unipegaso, consente agli aspiranti docenti di acquisire i 24 CFU quali requisiti d’accesso per il prossimo Concorso a cattedra (Fit). Per maggiori informazioni cliccare qui.Parte in salita il percorso dei docenti di ruolo che vogliono partecipare ai prossimi concorsi, il primo dei quali potrebbe vedere la luce già prima della fine del 2017, quindi in anticipo rispetto alle date inizialmente fissate. L’esclusione preoccupa non poco: perché non è marginale il numero di docenti già a tempo indeterminato interessati al conseguimento dell’abilitazione per altra classe di concorso, quindi a partecipare alla procedura riservata “in modo da assicurare lo scorrimento della graduatoria regionale di merito che si verrà a costituire, già dall’a.s. 2018/19, con l’accesso al III anno di FIT”, spiega Orizzonte Scuola.Eppure, il comma 3 dell’articolo 4 del decreto legislativo n. 59/2017, che regola il nuovo reclutamento post Buona Scuola, dice esattamente il contrario: “Nell’ambito della collaborazione di cui all’articolo 2, comma 3, e in coordinamento con il Piano nazionale di formazione di cui al comma 5 del medesimo articolo, sono organizzate specifiche attivita’ formative riservate a docenti di ruolo in servizio che consentano di integrare la loro preparazione al fine di poter svolgere insegnamenti anche in classi disciplinari affini o di modificare la propria classe disciplinare di titolarita’ o la tipologia di posto incluso il passaggio da posto comune a posto di sostegno e viceversa, sulla base delle norme e nei limiti previsti per la mobilita’ professionale dal relativo contratto collettivo nazionale integrativo”.L’esclusione sta creando dissensi tra i tanti “docenti di ruolo che già da parecchi anni si trovano nell’impossibilità di poter conseguire un’altra abilitazione che consenta la crescita professionale”, accedendo ad un altro insegnamento a loro più confacente. Il Miur, dal conto suo, ha fatto sapere, ma solo a parole, che “nei due bandi di concorso che verranno banditi nel 2018 per dare attuazione alla fase transitoria prevista dal Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 (concorso per abilitati, concorso per laureati con 3 anni di servizio ma senza abilitazione) si daranno risposte anche ai docenti di ruolo in attesa di conseguire un’ulteriore abilitazione o possono vantare servizio ricompreso in ‘ambiti disciplinari’”.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, si dice perplesso per la linea assunta dall’amministrazione scolastica sulla possibilità di far partecipare il personale già di ruolo ai rinnovati concorsi utili ad essere selezionati e assunti. “Le rassicurazioni del Miur sull’apertura del concorso al personale di ruolo – dice il sindacalista autonomo – ci sembrano davvero deboli: perché, visto che queste erano le intenzioni, non è stato normato direttamente? Intanto, non si contano più le sentenze emesse da più tribunali sull’estromissione illegittima del personale già di ruolo da un concorso pubblico, anche all’interno della stessa amministrazione: i giudici sembrano infatti sempre più inclini a bacchettare l’azione discriminante. Ed è per questo motivo che stiamo predisponendo un ricorso, appena il bando dovesse ufficializzare l’estromissione degli insegnanti già di ruolo”.
Ma a rimanere a “bocca asciutta” non sarebbero solo loro: ad oggi, non vi sarebbe possibilità di concorrere anche per gli insegnanti della scuola d’infanzia e primaria, ad iniziare da coloro che hanno svolto in modo positivo i corsi di laurea magistrale in Scienze di Formazione Primaria. Non da meno sono tutti quei maestri e docenti che, in possesso dei titoli necessari, hanno conseguito il diploma di laurea attraverso altre modalità e che vorrebbero approdare alla scuola secondaria. Tra gli estromessi ai concorsi ci sono anche gli Insegnanti Tecnico Pratici, seppure si tratti di docenti a tutti gli effetti, già in possesso del diploma abilitante e, anche loro in buon numero, della laurea che a seconda del tipo permette di accedere ai concorsi pubblici per la scuola secondaria superiore di primo e secondo grado.
Eurosofia, in collaborazione con Anief ed Unipegaso, consente agli aspiranti docenti di acquisire i 24 CFU quali requisiti d’accesso per il prossimo Concorso a cattedra (Fit). Le nuove modalità di reclutamento prevedono che i docenti debbano conseguire 24 CFU in materie psico/antropo/sociologiche e metodologie didattiche. Per agevolare gli aspiranti docenti Eurosofia e l’Università Pegaso hanno strutturato un pacchetto estremamente vantaggioso che consente di acquisire, in modo rapido ed efficace, le competenze richieste, secondo le modalità individuate nell’art. 3 comma 2 del DM 616 del 10 agosto 2017. Sarà possibile conseguire 12 CFU in modalità e-learning e gli altri 12 attraverso degli incontri residenziali. Il corsista avrà la possibilità di scegliere quali materie seguire in modalità e-learning o in presenza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: In arrivo i nuovi concorsi per docenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 ottobre 2017

ministero-pubblica-istruzioneIl primo ad essere bandito, come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017, sarà quello riservato ai docenti in possesso di abilitazione, i quali, dopo un colloquio ed un percorso formativo ridotto (di due terzi), verranno inseriti nelle future graduatorie regionali di merito ad esaurimento: le cosiddette G.R.A.M.E. Tuttavia, anziché introdurre disposizioni di accesso adeguate alle indicazioni transnazionali, il decreto, che potrebbe vedere la luce anche prima della scadenza definita per legge (febbraio 2018) ad avviso dell’amministrazione, riprenderà l’impianto dell’ultima procedura di reclutamento del 2016, confermando l’ingiusta estromissione dei docenti di ruolo. Tra gli esclusi risultano altre tipologie di candidati: a rimanere fuori dalle procedure concorsuali riservate agli abilitati sarebbero, infatti, pure gli Insegnanti Tecnico Pratici se non inclusi in II fascia delle Graduatorie d’Istituto nel triennio 2014/2017, i diplomati presso i conservatori e le accademie di Belle Arti e gli abilitati all’estero ancora in attesa di riconoscimento del titolo in Italia. Platealmente esclusi dalla cosiddetta “fase transitoria”, inoltre, i docenti abilitati nella scuola infanzia e primaria (SFP, Diploma Magistrale) per cui non è prevista alcuna procedura “riservata” per l’accesso al ruolo. Aperte le preadesioni ai ricorsi Anief.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Stiamo assistendo a decisioni discriminatorie e quindi illegittime; non potevamo esimerci dal non programmare degli specifici ricorsi a tutela dei lavoratori precari contro questa fase transitoria, così come progettata. Gli insegnanti già di ruolo o i docenti con diploma Tecnico Pratico, i docenti che hanno frequentato i conservatori e le accademie di belle arti o gli abilitati all’estero che sono in attesa da mesi del decreto di riconoscimento del titolo da parte del Miur devono avere accesso al concorso “riservato” come tutti gli altri docenti abilitati. L’amministrazione deve spiegarci e, se non a noi, dovrà giustificarsi dinanzi ai giudici e fornire motivi validi sul come mai queste categorie di docenti non possono avere la possibilità di accedere al concorso “riservato” della fase transitoria, pur essendo in possesso di tutti i titoli necessari e come mai non si sia prevista un’identica procedura riservata al personale precario della scuola infanzia e primaria per la cui esclusione i nostri legali solleveranno questioni di legittimità costituzionale. Per i Fit, non si comprende per quale motivo si debba adottare l’accesso programmato; una decisione insensata che contiene un evidente eccesso di delega rispetto a quanto indicato nella Legge 107/2015. Eurosofia, in collaborazione con Anief ed Unipegaso, consente agli aspiranti docenti di acquisire i 24 CFU quali requisiti d’accesso per il prossimo Concorso a cattedra (Fit).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Cambia il percorso per diventare docente

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 settembre 2017

ministero-pubblica-istruzioneCon la riforma della Buona Scuola, entro pochi mesi entreranno a regime i nuovi percorsi, diversificati a seconda se si è docente precario abilitato (G.R.A.M.E.), non abilitato ma con tre anni di supplenze svolte negli ultimi otto oppure semplicemente laureato (24 CFU). Sulla base del nuovo sistema (dopo la fase transitoria: svuotamento GaE e assunzioni da concorso 2016, concorso per abilitati e concorso per non abilitati con 3 anni di servizio), gli aspiranti docenti devono partecipare al concorso, superato il quale accederanno al percorso triennale di formazione, inserimento e tirocinio (FIT). Per accedere al concorso saranno necessari la laurea e il possesso di 24 CFU nelle discipline antro-psico-pedagogiche. Solo al termine del percorso, che ha natura selettiva, gli aspiranti docenti verranno immessi in ruolo. Chi verrà ritenuto idoneo non entrerà in ruolo prima del 2022, dopo una lunga ed estenuante formazione durante la quale sono previste supplenze a stipendio ridotto. Secondo il sindacato Anief, non c’era bisogno di introdurre questo cervellotico modello di reclutamento per stabilizzare dei precari con 36 mesi di servizio, come ci dice l’Unione Europea dal 1999 e come ribadito quest’anno a Bruxelles. Perché stiamo parlando di docenti già scelti e pronti. Anche coloro che non lo sono, ma con esperienza sul campo, si sarebbero potuti formare senza introdurre il criterio selettivo. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Vi sono molti aspetti del nuovo percorso che porta a fare l’insegnante che ci lasciano perplessi: al di là dell’inutilità delle prove e della formazione per tutti quelli che oggi sono già abilitati, oltre che ai tempi lunghi, non comprendiamo per quale motivo nessun percorso è stato attivato per gli Insegnanti Tecnico Pratici, ovvero quei docenti che prestano servizio negli istituti superiori per lo svolgimento delle attività laboratoriali: è una contraddizione di non poco conto visto che tali attività, collegate con l’alternanza scuola-lavoro, sono uno dei punti fermi della riforma Renzi-Giannini approvata nel luglio del 2015. Del tutto ignorati, per quanto riguarda sempre la nuova formazione, sono anche i maestri d’infanzia e primaria. Il sindacato è pronto, pertanto, a presentare nuovi ricorsi. Si ricorda che Eurosofia, in collaborazione con Anief e Unipegaso, consente agli aspiranti docenti di acquisire i 24 CFU quali requisiti d’accesso per il prossimo Concorso a cattedra (Fit).

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuole: concorso Facile.it

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

Facile.it per la scuolaFacile.it Scuola Diaz MilanoDall’1 ottobre saranno aperte le iscrizioni alla seconda edizione del bando di concorso Facile.it per la scuola, il progetto nato per sostenere la creatività e i progetti formativi degli istituti primari italiani. Per partecipare al bando, rivolto a tutte le scuole primarie pubbliche del Paese, entro il 30 novembre 2017 gli istituti dovranno presentare un progetto che illustri come intendono impiegare a supporto della didattica e della crescita degli alunni il fondo in denaro e la tecnologia messi a disposizione da Facile.it.Una commissione creata ad hoc valuterà tutte le candidature e selezionerà la scuola che ha concorso con l’idea più creativa e originale e che si aggiudicherà la somma di 5.000 euro, destinata all’implementazione del progetto, oltre ad una dotazione tecnologica proveniente da Facile.it. L’edizione 2016 ha premiato la scuola elementare Armando Diaz di Milano che, grazie al fondo, ha realizzato un laboratorio di scienze dove, da marzo 2017, ai giovani alunni viene insegnata la disciplina in lingua inglese e con la collaborazione di ricercatori appartenenti ad istituti di ricerca di primo livello. (foto: Facile.it per la scuola)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Concorso a cattedra: persi il 42% dei posti per colpa del Miur

Posted by fidest press agency su sabato, 9 settembre 2017

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cSarebbero 22mila su 52mila le cattedre che non andranno a ruolo per mancanza di aspiranti nelle GaE e nelle graduatorie di merito: rispetto alle immissioni in ruolo previste dal Ministero, mancano 10mila docenti di sostegno, più altri 12mila su cattedra comune, di cui circa 1.500 abilitati solo in matematica. Scarseggiano poi i docenti di lingue straniere della secondaria di secondo grado, soprattutto di spagnolo e al Nord. Sempre nella parte alta della Penisola mancano tanti docenti di lettere alle superiori. Questo significa che questi posti andranno tutti a supplenze annuali, per le quali erano previsti già 85mila contratti. Per la Ministra dell’Istruzione “se quest’anno ci saranno cattedre vuote in alcune discipline è perché non ci sono più docenti nelle graduatorie, soprattutto al Nord. Anche per questo abbiamo disegnato, con i decreti attuativi della riforma, un nuovo modello di reclutamento per la scuola secondaria”. Si va avanti, quindi, con la soluzione che porterà docenti in cattedra a tempo indeterminato solo dopo un lungo periodo, che varia tra i 3 e i 5 anni. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): E nel frattempo? Continueranno a ingrossarsi i numeri delle supplenze annuali. Con chi si è già formato chiamato a iscriversi all’ennesimo corso, con l’aggravante che dovranno pure lavorare per un certo periodo con lo stipendio più che ridotto. Altro che precariato messo alle spalle. Chi governa la scuola italiana ha agito all’opposto di quello che si doveva fare: assumere gli abilitati e pagarli da professionisti. Con l’aggravante di volere scaricare le responsabilità non su amministratori, politici e Parlamento, ma sui giudici che applicano la legge e difendono i principi della Costituzione. E il rimedio al problema non può essere certo quello di attuare un concorso a cattedra ogni anno, visto che sarebbe motivo di creazione di ulteriori graduatorie. C’è da fare solo una cosa: assumere subito chi è abilitato a questa professione, dovunque sia posizionato in graduatoria e ancora di più laddove vi sono posti vacanti che andranno a supplenza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso a preside, a giorni in Gazzetta Ufficiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 settembre 2017

scuola1Secondo le anticipazioni, gli interessati devono essere di ruolo in scuole statali (confermati dopo l’anno di prova, cioè immessi in ruolo almeno nel 2016-17). Non possono partecipare, quindi, docenti attualmente in servizio nella scuola paritaria. Nemmeno possono partecipare docenti al momento non di ruolo. Una delle novità di questa selezione è che potranno parteciparvi anche i docenti di ruolo che raggiungono i cinque anni con il servizio da precari. L’Anief non ci sta: il Miur dovrà spiegare ai giudici per quale motivo un docente precario laureato con cinque anni di anzianità di servizio, non debba mettersi in gioco e partecipare al concorso. Anche perché ci sono precedenti in tribunale, su casi analoghi, che reputano l’assunzione a tempo indeterminato non fondamentale per essere ammessi. Come quello del Tar Lazio che, con la sentenza 5011/2014, mai sospesa dal Consiglio di Stato, ha dato il via libera ai candidati alla precedente selezione. Anche in quell’occasione fu l’Anief a patrocinare la causa giudiziaria. Ed oggi il giovane sindacato ha già predisposto un nuovo ricorso, per le stesse motivazioni.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Al Miur sanno bene che a favore della partecipazione dei precari ai concorsi pubblici si è espressa anche la Corte di Giustizia europea con il procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011. Allo stesso modo, tuteleremo vicari, collaboratori, responsabili o fiduciari di plesso che hanno svolto questo ruolo per almeno tre anni anche non consecutivi, qualora il punteggio riservatogli non sia adeguato al lavoro profuso. Inoltre, sempre per i cosiddetti vice-presidi, è importante che sia riservato il 50% dei posti a bando. Così come nella quota riservata, inoltre, andrebbero collocati anche quegli aspiranti dirigenti scolastici che non sono stati ancora assorbiti a seguito della rinnovazione delle graduatorie del concorso bandito nel 2011.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il concorso di idee

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

università bresciaBrescia. Ideare progetti che dovranno avere carattere innovativo, realizzabili attraverso l’impiego delle tecnologie costruttive industrializzate a secco, con l’ausilio, preferibilmente, di impianti tecnologici ecocompatibili, a basso dispendio energetico.
Questo l’obiettivo del “Concorso di Idee” lanciato da Wood Beton Spa, un vero e proprio bando patrocinato dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Brescia e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia, aperto a tutti i professionisti di età inferiore ai quaranta anni, in possesso di titolo di laurea quinquennale in architettura o ingegneria, regolarmente iscritti ai rispettivi ordini professionali. E’ possibile partecipare, oltre che in forma individuale, anche in forma di raggruppamento (Associazione di Scopo). Il tema del concorso è l’elaborazione di un progetto di una “CASA SMART DOMUS PLUS”, che sia in grado di interpretare le necessità di un nucleo familiare, coniugandole con le relative esigenze di spazio, ambienti e distribuzione funzionale. Le proposte dovranno affrontare e approfondire l’aspetto costruttivo, estetico, funzionale ed organizzativo, promuovendo un modo abitativo sostenibile e di qualità.
I candidati potranno optare sia per edifici monopiano sia pluripiano, completi di almeno di un box auto per singola unità immobiliare.Il termine ultimo per le iscrizioni è previsto per il 30.09.2017 mentre, per la ricezione dei progetti, la scadenza è fissata alle ore 24:00 del 31.10.2017.In palio, per il progetto che si classificherà al primo posto, 7.000,00 euro; 5.000,00 euro andranno invece al secondo classificato e 3.000,00 al terzo.Questo bando rappresenta un’occasione di incontro di esperienze e di progetti, che lascia spazio alla menti delle giovani generazioni: un “Concorso di idee” nato con lo scopo di raggiungere la creatività dei “progettisti del domani”, legati al mondo dell’era contemporanea e in grado di offrire ottimi suggerimenti sulle scelte abitative del futuro.… Idee Smart, Idee Plus!

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Odissea concorso 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 agosto 2017

SCUOLA

Sono quasi tutte afferenti alla scuola dell’infanzia e primaria. La notizia sembra paradossale, perché l’ex Ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, aveva promesso che si sarebbero concluse un anno fa per vedere in ruolo i primi vincitori già nel corso dell’estate scorsa. Invece non sono bastati altri 12 mesi per effettuare le prove scritte, l’orale e pubblicare le graduatorie. E, senza graduatoria approvata, sarà impossibile nominarne i vincitori. Siamo alla corsa contro il tempo: ci sono infatti solo settimane di tempo per evitare la beffa di vedere perse le assunzioni per un altro anno. Considerando che ci sono altri 10.770 posti persi, perché il numero di respinti, nelle altre commissioni, è stato superiore al numero dei posti messi a bando, la portata del problema diventa notevole. A riempire un po’ di posti delle immissioni in ruolo rimasti vuoti potrebbero allora essere gli esiti delle prove suppletive svolte a maggio per via delle esclusioni illegittime prodotte dal Miur, come quelle dei tecnico-pratici ripescati dal Tar grazie all’Anief. Ma poi c’è anche il problema dei posti liberi, perché a Viale Trastevere hanno dimenticato di metterli da parte o li hanno assegnati per altre esigenze.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): L’ultimo concorso dei docenti della scuola pubblica è l’emblema del caos di cui è capace un’amministrazione scolastica che non segue i consigli di chi fa ed entra nelle scuole tutti i giorni. Avevamo indicato la strada da percorre, includendo tante categorie illegittimamente escluse. Come avevamo chiesto conferme sui numeri, chiedendo di mettere da parte i posti. Invece, non ci hanno dato ascolto. Ne è uscita fuori una selezione nazionale nata male e finita peggio, gestita anche stavolta con l’ausilio dei giudici.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti inventori italiani del concorso europeo “I giovani e le scienze 2017”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 agosto 2017

washingtonWashington. Un team di studenti italiani selezionato dalla FAST tra 31 candidature specializzate in automazione ha conseguito un ottimo risultato alla importante manifestazione “First Global Challenge” di Washington, tenutasi dal 14 al 17 luglio. Presenti 157 paesi con un gruppo ciascuno di giovani esperti di robotica e 6 rappresentanze continentali (Africa, Asia, Nord e Sud America, Europa, Oceania), 6 ragazzi dell’Istituto Buonarroti-Pozzo di Trento guidati dal professor Alberto Giraldi hanno ottenuto l’11° posto, contribuendo così al brillante piazzamento finale del team Europa classificatosi primo. Gli studenti italiani hanno potuto confrontarsi con tanti coetanei provenienti da tutto il mondo ed hanno conosciuto anche le 6 studentesse afghane, cui era stato negato per ben due volte il visto per entrare negli Stati Uniti: la scienza vince ogni barriera e unisce i giovani. Prosegue inoltre la fase positiva, sempre a livello internazionale, degli studenti premiati dalla FAST con il concorso europeo I giovani e le scienze 2017: grazie a tale iniziativa i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 21 anni vincono oltre a premi in denaro, ogni anno, anche la possibilità di partecipare ad altre importanti esposizioni, mostre e appuntamenti internazionali. Il più recente risultato è quello conseguito a Nagoya in Giappone da Mattia Strocchi, ITIS Nullo Baldini di Ravenna, accreditato a rappresentare l’Italia alla 14a edizione di IEYI-International Exhibition of Young Inventors in programma dal 26 al 29 luglio. In aggiunta alla medaglia d’oro ha meritato anche lo Special award della delegazione cinese “Leading innovation”. Questa manifestazione internazionale intende incoraggiare la creatività e il sentimento di internazionalità attraverso l’esposizione di invenzioni proposte dai giovani di tutto il mondo. La prima edizione si è tenuta a Tokyo nel 2004. Negli anni successivi è stata organizzata in Malesia, India, Indonesia, Taiwan, Nigeria, Vietnam, Thailandia, Malesia, Indonesia, Taiwan, Cina. Ritornerà in Malesia per la terza volta nel 2018.
Mattia Strocchi, lo ricordiamo, è uno dei finalisti del concorso europeo – selezione italiana “I giovani e le scienze 2017” della Commissione europea, gestito per l’Italia dalla FAST. Lo scorso 27 marzo ha pure ricevuto il riconoscimento della Fondazione Salvetti per l’innovazione e la qualità del suo lavoro, dimostrate concretamente con la strumentazione tecnologica da lui ideata: un esoscheletro a controllo muscolare riabilitativo capace di aumentare la forza di una persona e la cui applicazione può estendersi a tutti gli arti, potenziandone le capacità e donando nuovamente abilità e libertà di movimento a chi l’ha persa ed è disabile.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Vincitori concorso 2016 senza posto

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 luglio 2017

pacifico-marcelloRischiano concretamente di non vedersi assegnata la meritata assunzione a tempo indeterminato: domani manifestazione nei pressi del Ministero dell’Istruzione, in Largo Bernardino da Feltre. Le richieste principali sono la garanzia dell’assunzione e la gestione dell’assenza di cattedre. A distanza di un anno, quando l’Anief parlò di truffa, si ripete il copione. Sparsi per le regioni italiane, i quattro livelli scolastici e le varie classi di concorso, ci sono migliaia di docenti precari, tutti vincitori di concorso: non potranno essere assunti, perché l’amministrazione ha fatto male i calcoli, avviando un concorso senza posti liberi, oppure ha dimenticato di metterli da parte assegnandoli per altre necessità. Senza un intervento, la storia si ripeterà negli anni a venire, con lo spettro di vedere passare il triennio di validità delle graduatorie senza che i vincitori e idonei vangano assorbiti nei ruoli dello Stato e perderne pure la possibilità per decorrenza dei termini. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non vogliamo nemmeno sapere che fine hanno fatto quei posti e se al Miur hanno fatto male i conti, forse prevedendo pensionamenti: quello che interessa ora è che il Miur faccia uscire quelle cattedre. Non è possibile laurearsi, abilitarsi, studiare per un concorso mai così difficile, superarlo ma poi rimanere a casa. Quei posti, se c’erano un anno fa, ora devono uscire fuori. È chiaro che siamo vicino, se lo vorranno anche a livello legale, a quei precari che ora non sono più nella pelle e scalpitano per avere dei posti che hanno dimostrato di meritare. Condividiamo tutte le proteste che vanno in questa direzione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso internazionale “Queen & Beauty Universe 2017”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

lara roggi e le sue creazioniApproda oggi a Saturnia, in Piazza Vittorio Veneto, alle ore 21.00, con la finale nazionale del concorso internazionale “Queen & Beauty Universe 2017”. Tutte le modelle in concorso, finalisti provenienti da tutta Italia, vestono maremmano indossando, nella prima di apertura, abiti griffati della collezione primavera/estate della stilista grossetana Lara Roggi. 13 splendide bellezze dalle quali verrà eletta la vincitrice assoluta che avrà il diritto di partecipare alla finale internazionale in programma a Malaga in Spagna.
Le creazioni di Lara Roggi, espressione del lavoro, della dedizione e dell’abilità sartoriale della stilista toscana, che nasce negli anni ’80 come modellista e figurinista di moda, in passerella per esprimere tutta la forza e la grandezza del Made in Italy.L’approfondita conoscenza dell’Arte del cucito le lara roggi con la sorella lorettapermette, nel corso degli anni, di creare collezioni ricercate nelle quali la figura femminile viene esaltata attraverso dettagli che lasciano trasparire la grazia e l’eleganza, con quel tocco di sensualità capace di rendere la donna misteriosa ed affascinante. Caratteristiche che ritroviamo negli abiti indossati dalle modelle in concorso, appartenenti a quattro quadri che compongono l’intera collezione: Fleurs, dedicata al tripudio primaverile/estivo di fiori e colori, inteso come rinascita del corpo e dello spirito; Epoque, dedicata alla donna di ogni tempo. Particolari intramontabili che si fondono con la modernità di stoffe e ricami; Carmen, dedicata alla sensualità mai aggressiva di pizzi ed intarsi; Angels dedicata ad una sposa angelicale, per la quale veli e pietre preziose si intrecciano con armonia ed eleganza. “La particolarità delle mie creazioni – afferma Lara Roggi – è lo stile Made in Italy per eccellenza dove predomina la ricerca delle sfumature della personalità delle donne alle quali sono destinate. Donne, dunque, senza età: bambine, adolescenti, ventenni, trentenni, quarantenni e over 40, accomunate da forza, classe e carisma”. (lara roggi con la sorella loretta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Concorso per dirigenti scolastici: i precari devono partecipare

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

ministero-pubblica-istruzioneA ribadirlo è il sindacato Anief, in corrispondenza del via libera da parte del Consiglio di Stato all’atteso testo del regolamento che dovrebbe vedere la luce nel prossimo mese di settembre. A questo punto, infatti, rimangono da espletare solo il visto della Corte dei Conti per la copertura finanziaria e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del conseguente decreto. L’organizzazione sindacale auspica che i tempi possano essere rispettati, perché in caso di ulteriori lungaggini nel 2018 ci ritroveremo con quasi 2.500 scuole in reggenza. Rimane poi da sciogliere il nodo del personale con titoli e cinque anni di servizi ma non ancora assunto in ruolo. A loro favore c’è la sentenza 5011/2014 del Tar del Lazio. E non solo.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’amministrazione rischia di esporsi all’ennesimo contenzioso, pur sapendo che anche i tribunali d’Europa sostengono da tempo la nostra tesi. Nello specifico, a favore della partecipazione dei precari ai concorsi pubblici si è espressa anche la Corte di Giustizia europea con il procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011. Non si può pensare di essere governati da un’amministrazione scolastica che rimane arroccata a interpretazione normative superate dal tempo e dai fatti. Siamo pronti anche a sostenere legalmente tutti quei vicari, collaboratori, responsabili o fiduciari di plesso, a cui il regolamento del concorso negasse un adeguato punteggio per gli anni svolti, impedendo a loro anche il riconoscimento come stage formativo e la collocazione nella parte di concorso riservata, per il 50% dei posti, a chi ha già svolto il lavoro sul campo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migranti: maxi-concorso beffa con 54.051 domande per 250 posti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 luglio 2017

palazzo chigi“Ho presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere contezza sulla lentezza con la quale il Viminale sta procedendo all’attuazione delle disposizioni contenute nel Decreto immigrazione, lentezza che da la misura di quanto il Governo non sia in grado di gestire l’emergenza migratoria. Una norma inattuata su tutte: il rafforzamento delle Commissioni Territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale, che – secondo il decreto – dovevano essere urgentemente rafforzate con 250 unità di personale in più, e che invece navigano ancora in alto mare”. Ad affermarlo l’Onorevole Gregorio Fontana, membro della commissione parlamentare d’inchiesta sui migranti, che continua: “è dalle Commissioni Territoriali che dipende la prima risposta a chi chiede asilo politico. Il Ministro Minniti quasi cinque mesi fa aveva fatto trionfalmente il primo annuncio, poi indetto il concorso il 26 aprile e ora nuovamente rimandato. A fronte delle 54.051 domande di partecipazione giunte, anche qualora dovessero iniziare domani le procedure d’esame, sarà una vera impresa gestire una tale mole di partecipanti ed i 250 arriveranno a prendere servizio addirittura non prima di qualche anno, quindi sicuramente troppo tardi per aiutare a smaltire il mostruoso arretrato.La ragione che ha portato ad una così alta adesione è che i titoli richiesti dal bando sono estremamente generalisti, a dispetto della necessità di avere personale altamente specializzato. Quindi si impiegherà altro tempo per la formazione dei selezionati. Ma se il Governo voleva velocizzare le decisioni delle Commissioni Territoriali, avrebbe potuto aumentarne il numero istituendone almeno una per ogni provincia e irrobustirle con personale altamente qualificato, già in forza nelle amministrazioni dello Stato”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso docenti: migliaia di vincitori rimasti senza cattedra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 luglio 2017

tar-lazioSecondo il Tribunale Amministrativo del Lazio, gli Insegnanti Tecnico Pratici non avendo avuto l’opportunità negli ultimi anni di potersi abilitare all’insegnamento, avevano pieno diritto a svolgere il ‘concorsone’. L’espressione dei giudici è rilevante, perché punta il dito direttamente sul testo del bando concorsuale. Decisive, per tale intendimento, sono state le precedenti decisioni già ottenute in Consiglio di Stato dai legali del giovane sindacato. Gli stessi ricorrenti, a cui è giunto ora il via libera del Tar, hanno già potuto partecipare alle prove suppletive della scorsa primavera: ora, si attende l’esito di quelle prove, per poter finalmente ottenere, con la pubblicazione delle Graduatorie di Merito integrate con i nominativi dei ricorrenti che hanno superato le preselezioni con profitto, quell’immissione in ruolo che il Miur voleva negare ab origine ai diplomati Itp e che ora dovranno essere poste in essere già dalle prossime immissioni in ruolo di agosto.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): migliaia di candidati con titolo rischiavano di essere esclusi a priori dall’ultimo concorso bandito dal Ministero dell’Istruzione, benché la maggior parte fosse impegnata stabilmente da anni a insegnare nelle nostre scuole, proprio in attesa di poter essere valutata ed entrare in ruolo. Al Miur hanno creato l’ennesima situazione kafkiana, perché ora decine di migliaia di vincitori rischiano di non essere assunti a tempo indeterminato per la mancanza o il dirottamento dei posti vacanti; mentre, laddove le cattedre libere ci sono, come quelle da assegnare agli insegnanti tecnico-pratici che operano nei laboratori delle superiori visto che risultano esaurite in tantissime province italiane, si è impedito a priori e in modo illegittimo di partecipare al concorso del 2016.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso docenti

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

pacifico-marcelloIl caso è scoppiato in Sicilia, dove non ci sarà spazio per ‘centinaia di neo docenti che hanno vinto il concorsone per insegnare alla scuola media’, scrive stamane repubblica.it. E adesso il rischio è che entro il mese di settembre del 2018, quando le graduatorie scadranno, non si riesca ad essere assunti. Di questo passo per assumere tutti ‘i vincitori di concorso occorreranno tra i 5 e i 6 anni’. Il problema esiste anche nelle altre regioni ed è emerso già nell’estate del 2016 ma all’epoca, avendo un anno a disposizione, si pensava che il Miur avesse sistemato le cose. Invece la situazione è peggiorata. Le cattedre erano poche e solo una parte, di questo contingente già ristretto, è stata accantonata per le immissioni in ruolo. Tra l’altro, come giustamente prevede la normativa sulla stipula dei contratti a tempo indeterminato, la metà dei posti è destinata alle GaE. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): ancora una volta chi decide le assunzioni del personale docente non ha rispetto dei precari che si sono prodigati nel partecipare e vincere un duro concorso pubblico. Quei posti per loro, se c’erano un anno fa, ora devono essere ripristinati: tutti i 63mila messi a bando devono essere garantiti. La soluzione è quella che l’Anief rivendica da tempo: trasformare diverse decine di migliaia di posti oggi in organico di fatto in cattedre da accludere all’organico di diritto. Non ci interessa sapere se i posti iniziali c’erano tutti oppure se una parte di essi sia stata poi destinata alla mobilità. Il Governo si adoperi per sanare l’emergenza. Il problema è che, intanto, il tempo passa e ci si avvicina al termine del triennio di vigenza delle Graduatorie di Merito senza alcuna certezza per i vincitori di avere quel posto promesso dal bando.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Precariato: ancora ventiquattrore per aggiornare le GaE con le nuove classi di concorso

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cL’aggiornamento che è di tipo annuale è disposto con il D.M. n. 400 del 12 giugno, attraverso cui il Miur ha indicato i vari destinatari. Ma c’è un’altra lunga lista di insegnanti che hanno diritto a presentare domanda: sono tutti quelli che chiedono il reinserimento in GaE dopo essere stati esclusi per non aver prodotto domanda di aggiornamento in passato; i docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 (anche sperimentale linguistico); gli abilitati in Scienze della Formazione Primaria, con i corsi PAS e TFA, i diplomati ITP, gli insegnanti in possesso di diploma di Conservatorio o Accademia di Belle Arti, gli abilitati all’estero. La possibilità di ricorrere, prorogata di sei giorni, è data anche ai docenti inseriti in IV Fascia delle GaE che vogliono rivendicare il diritto a passare in III fascia, agli educatori abilitati per richiedere l’inserimento in GaE per la Scuola Primaria e a tutti i docenti con abilitazione, ma esclusi illegittimamente.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): chi volesse ricorrere con noi, richiedendo l’inserimento nelle Graduatorie a Esaurimento della provincia di proprio interesse, deve però necessariamente inviare entro l’8 luglio il modello predisposto dall’Anief. Fatto questo, potrà poi aderire formalmente all’impugnazione entro il prossimo 14 luglio. È una possibilità che vogliamo giocarci fino in fondo, anche alla luce delle tante sentenze che in passato ci hanno dato ragione.Possono aderire ai ricorsi quanti invieranno correttamente all’ATP di interesse entro l’8 luglio (termine ultimo stabilito dal Miur con il D. M. n. 400/2017) il modello per richiedere l’inserimento in GaE predisposto dall’Ufficio Legale Anief. Per ulteriori informazioni, scaricare gli specifici Modelli per richiedere l’inserimento in GaE (da inviare necessariamente entro l’8 luglio) e aderire ai ricorsi Anief.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola Concorso dirigenti: test scritto a settembre

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 luglio 2017

scuolaLa pubblicazione del bando è legata all’approvazione del Regolamento che, dopo le modifiche apportate e volute dalla Funzione Pubblica e dal MEF, ha ripreso l’iter consueto passando al vaglio di: CSPI, Consiglio di Stato e Funzione Pubblica. Con la prova preselettiva che si potrebbe svolgere subito dopo l’estate. Ma qualora si allunghino ancora i tempi, nel 2018 avremo 2.300 reggenze: un problema enorme per la conduzione regolare delle scuole, oltre che per i milioni di alunni, ma anche di tutto il personale, che le vivono e frequentano ogni giorno. Come rimane da risolvere il problema dell’esclusione del personale titolato ma non di ruolo: a sostenere che l’assunzione a tempo indeterminato non è indispensabile per partecipare alle prove è stato, tre anni fa, il Tar Lazio che, con la sentenza 5011/2014, mai sospesa dal Consiglio di Stato, ha ammesso senza indugi i candidati alla precedente selezione ottenuta sempre dai legali Anief. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): pensare di tirare su dei paletti, superati dal tempo, anche quando i giudici e l’Europa sostengono da tempo il contrario, non fa altro che elevare in modo esponenziale il numero di contenziosi che i lavoratori attivano con l’amministrazione centrale. Ricordo che a favore della partecipazione dei precari ai concorsi pubblici si è espressa anche la Corte di Giustizia europea con il procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011. Fare finta di niente, continuare a fare ostruzionismo, è l’atteggiamento peggiore che si possa tenere. E i motivi verranno spiegati in tribunale.
È già attivo il ricorso contro l’esclusione illegittima dal concorso per dirigenti scolastici. Nel frattempo, Eurosofia ha avviato da tempo corsiin presenzaea distanzaper prepararsi alle prove del concorso a preside.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso dirigenti scolastici

Posted by fidest press agency su domenica, 2 luglio 2017

corte costituzionaleL’ordinanza 3008/17 rimette in Corte costituzionale la legge 107/15 e sospende il relativo decreto ministeriale. Sarebbero più di 3mila i docenti esclusi dall’ultima sanatoria che voleva evitare proprio la rinnovazione delle prove concorsuali contestate nel 2004 e 2011. Anief invita tutti i ricorrenti che hanno contestato il DDG 13.07.11, senza sentenza definitiva al 13 luglio 2015, a costituirsi, gratuitamente, in giudizio presso la Consulta per ottenere l’ammissione a un nuovo corso riservato. Per aderire al ricorso,clicca qui.Scadenza 14 luglio 2017. In principio il Miur ha bandito due concorsi per selezionare i dirigenti scolastici: il primo bandito nel 2004 e il secondo nel 2011. Il primo concorso bandito nel 2004 è subito oggetto di diversi contenziosi presso il Tribunale amministrativo che portano alla rinnovazione di alcune delle prove svolte; due anni dopo, nel 2006, a loro volta contestate. A distanza di tempo, il contenzioso continua nonostante sia approvata una legge nel 2010 e sia bandito un nuovo concorso nel 2011 che, a sua volta, è contestato al punto di costringere ancora il Parlamento a intervenire con l’introduzione dei commi 87-90 della legge n. 107 del 13 luglio 2015: si autorizza una nuova sanatoria per tutti coloro che hanno un ricorso pendente avverso il Decreto che bandiva il concorso del 2004 o del 2006 – anche senza tener conto dell’esito provvisorio, e per chi ha vinto o è risultato idoneo al concorso di cui al DDG che bandiva il concorso 2011, ma le cui graduatorie di merito sono state annullate in sede giurisdizionale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Concorso dirigenti: il bando non arriva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 giugno 2017

ministero-pubblica-istruzioneTuttoscuola: senza nomine il 2018-19 sarebbe un anno horribilis ancor più dell’anno prossimo, gravato da un numero crescente d’istituti affidati al preside di altre scuole. Se le sedi vacanti al prossimo settembre si possono stimare intorno a 1.500, dall’anno successivo potrebbero sfiorare le 2.000, a cui vanno aggiunte le 334 sedi sottodimensionate che, per legge, non dispongono del dirigente titolare e sono anch’esse affidate in reggenza. Del ritardo sembra compiacersi il ‘Ministero dell’economia e finanze, perché, conti alla mano, deve pagare per una sede vacante soltanto l’indennità di reggenza, mentre per una sede coperta dal concorso dovrà pagare la retribuzione da DS del vincitore nonché lo stipendio di un altro docente chiamato a ricoprire il posto lasciato vacante dal neo DS’. Appello Anief: si è ancora in tempo per modificare il regolamento.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non si può gestire la scuola senza un minimo di programmazione. Se, a breve, una scuola su quattro si ritroverà senza preside e una su due con lo stesso dirigente scolastico, non possiamo nasconderci dietro a un dito. Si provveda, quindi, ad allestire un concorso pubblico con un adeguato numero di posti. Così come si permetta di superare l’immissione in ruolo come requisito imprescindibile per l’immissione in ruolo come dirigente. Dalla nostra parte abbiamo anche la sentenza della Corte di Giustizia europea sul procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011: una pronuncia che, assieme alle espressioni dello stesso tenore del Tar, peserà, ne siamo certi, nelle valutazioni dei giudici. È ancora possibile aderire al ricorso contro l’esclusione illegittima dal concorso per dirigenti scolastici. Nel frattempo, Eurosofia ha avviato da tempo corsiin presenzaea distanzaper prepararsi alle prove concorsuali usufruendo di vantaggiose convenzioni e vantaggi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »