Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘conoscere’

Un’Italia tutta da far conoscere soprattutto a Natale

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 dicembre 2019

Un’Italia tutta da ammirare anche a Natale. A Genga, paesino delle Marche, c’è un Presepe Vivente con 300 figuranti nelle grotte! Escursione con Guida Ambientale Escursionistica, nel giorno di Santo Stefano, il 26 Dicembre, al termine della quale si potrà ammirare il Presepe vivente di Genga: E’ il più grande del mondo per estensione! Il presepe, sarà nel cuore della grotta e si snoderà su un percorso di 30.000 metri quadri, lungo il costone roccioso che conduce al tempio di Valadier e alla grotta. Il Presepe Vivente di Genga si svolge nella gola di Frasassi con 300 figuranti: soldati romani, pastori, artigiani”. Lo ha affermato Davide Galli, Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche dell’AIGAE.
Dalle Marche al Friuli Venezia Giulia per il Presepe vivente di Stolvizza con la discesa della Grande Stella. In Val Resia, una valle d’argento vivo, escursione a piedi attraverso il “Bel sentiero” il Ta Lipa Pot. Si attraverseranno numerosi borghi curati dalle associazioni locali. Meravigliose saranno le vedute panoramiche sulla argentea valle di ghiaccio. Sullo sfondo si avranno le vette giuliane. La sera, a Stolvizza, si svolgerà l’attesa tradizione della discesa della Grande Stella sul Presepe Vivente . L’iniziativa è promossa dal Parco Prealpi Giulie e inserita all’interno del Calendario Invernale 2019!” Dal piccolo borgo nel comune di Fiumalbo, reso famoso dalle Capanne Celtiche, caratteristiche abitazioniche che testimoniamo il passaggio di popolazioni nordiche in appennino.
Nel modenese una ciaspolata con la leggenda del Lago della Ninfa. Abetaie secolari, vasti panorami e una conca di origine glaciale che custodisce un lago dalle acque cristalline, dai riflessi verde smeraldo, in uno dei contesti di maggior pregio naturalistico dell’Appennino.
Saremo con ciaspole ai piedi sulla sponda destra della conca lacustre e vi racconteremo un’antica leggenda, per poi proseguire nella fitta foresta seguendo le tracce degli animali selvatici, affiancando e guardando a più riprese piccoli ruscelli gonfi dalle acque del disgelo. Usciremo dal bosco e attraverseremo un’estesa area prativa per giungere nei pressi di un agriturismo ,risaliremo in direzione di un passo assai panoramico ove faremo una breve e meritata pausa con magnifica vista sul comprensorio del Monte Cimone e tutto l’arco appenninico fino al bolognese. Riprenderemo salendo in direzione di un colle dalle dolci pendenze attraverso una fitta pineta, quindi rientreremo sui nostri passi variando a tratti il percorso d’andata per raggiungere un ultimo rifugio e “planare” sul lago seguendone al ritorno la sponda sinistra fino al punto di partenza”.
In Abruzzo ci imbattiamo in uno “Splendido anello ai piedi del Monte Morrone nel Parco Nazionale della Majella che in soli 11 km ci permetterà di ammirare il Tempio italico di Ercole Curino, l’Eremo della Santa Croce e l’ Eremo di S. Onofrio. Luoghi che hanno da sempre affascinato l’uomo. Infatti Pietro da Morrone divenuto poi Papa Celestino V – ha continuato Galli – si rifugiò qui al ritorno del suo viaggio a Roma nel 1240, e nel 1294 il re di Napoli Carlo II D’Angiò, giunse sul Morrone per annunziare a Pietro l’elezione a Papa e condurlo a L’Aquila per l’inconorazione.
Ed ancora in Emilia -Romagna il 26 Dicembre escursione post-natalizia a Campigna (FC), nelle zone più alte del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Raggiungeremo le cime del Monte Falco e del Falterona e ammireremo il panorama sui versanti romagnolo e toscano del Parco. L’itinerario esatto verrà deciso in base alla presenza e alla quantità di neve a terra, oltre che alle condizioni meteo”.
In Basilicata abbiamo “Il vallone della Loe è l’ultimo dei vari presenti nella gravina materana, l’unico ancora “vero”, non modificato dal turismo di massa, dal rumore. Non di solo Sassi è fatta questa città incredibile, Matera e il vallone della Loe lo dimostra in tutto il suo incredibile valore storico e naturalistico. In Toscana, invece vedremo Faggete e Crinali innevati. Ammireremo l’Incanto delle vette innevate. Escursione Ciaspe ai piedi nella magnifica Foresta del Teso, per salire fin sul crinale Tosco Emiliano ad ammirare lo spettacolo dell’Inverno. E poi a Budrio, nel bolognese, per conoscere due alberi secolari in un contesto ambientale piuttosto particolare.Sono stati censiti e catalogati dalla Regione Emilia Romagna tramite la L.R. 2/77 come patriarchi monumentali e quindi degni di tutela e protezione e rispetto, come in realtà dovrebbero essere tutte le forme di vita, non solo vegetale. E visto il clima di festa e celebrazione natalizia – ha concluso Davide Galli – in questa camminata ci sarà la possibilità di “festeggiare insieme”.
Nel modenese è possibile inoltrarsi nel fitto di una rigogliosa foresta di faggio, ove si possono seguire le tracce ben evidenti delle lepri e degli altri animali selvatici. Si può attaversare una fitta abetaia per raggiungere la piana che nasconde le sponde ghiacciate del Lago della Ninfa e scendere nella conca lacustre per una breve e meritata pausa. E’ quella parte dell’Italia, ma non è la sola, da tutelare, da amare, da vivere, sempre!

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conoscere e Curare il Cuore

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2019

Firenze, 28/02 – 3/03 2019. Il simposio organizzato da Bayer «Rivaroxaban: protezione su misura per pazienti con malattie cardiovascolari» fa il punto sui nuovi approcci terapeutici nel paziente “fragile” Negli ultimi vent’anni l’incremento della popolazione anziana ha determinato un aumento delle patologie croniche, tra cui quelle del sistema cardio-vascolare. In Italia, ad esempio, l’ictus è responsabile ogni anno del 10 – 12% di tutti i decessi, per questo motivo richiede un’importante gestione preventiva dei fattori di rischio, soprattutto in pazienti affetti da Fibrillazione Atriale, una frequente anomalia del ritmo cardiaco che ha una prevalenza stimata fra l’1% e il 2% della popolazione generale (ma ben il 10% degli ultra-ottantenni), ed è causa del 15-20% di tutti gli ictus trombo-embolici.In presenza di Fibrillazione Atriale, per esercitare misure preventive adeguate, viene raccomandata una terapia anticoagulante valida.L’utilizzo di una terapia anticoagulante alternativa a quella tradizionale (antagonisti della vitamina K – AVK), rappresentata dagli anticoagulanti ad azione diretta (DOAC – Direct Oral Anti Coagulant), viene considerata una tappa fondamentale nella prevenzione delle complicanze tromboemboliche della Fibrillazione Atriale, in accordo con le più recenti Linee Guida europee.
Nonostante i vantaggi introdotti dai nuovi anticoagulanti orali, ad oggi, si registra ancora un sottoutilizzo degli stessi, a discapito, soprattutto, di una corretta gestione dei pazienti complessi o cronici, il cui percorso terapeutico comporta un lavoro integrato tra diversi specialisti. Eppure, l‘introduzione nella pratica clinica dei DOAC attualmente disponibili è stato preceduto da rigorosi studi Internazionali di confronto tra le singole molecole e gli antagonisti della vitamina K. Tali studi hanno dimostrato una pari o superiore efficacia preventiva dello stroke e degli eventi tromboembolici sistemici dei nuovi farmaci rispetto al warfarin (AVK), con minori effetti secondari emorragici e con particolare riguardo agli eventi maggiori (emorragie intracraniche e sanguinamenti fatali).
Oltre a un aumento del rischio di eventi cerebrovascolari, legati al ruolo riconosciuto della Fibrillazione Atriale come fattore di rischio, un paziente può presentare altre condizioni di «fragilità»: come l’insufficienza renale o malattie oncologiche.Rispetto alla popolazione generale, i pazienti affetti da insufficienza renale cronica hanno un rischio maggiore sia di stroke che di sanguinamento: diventa, quindi, fondamentare una terapia anticoagulante in grado di proteggere da entrambi i rischi.
Nonostante le attuali Linee Guida raccomandino l’impiego di antiaggreganti piastrinici per il trattamento di CAD e PAD, purtroppo questa terapia lascia esposti i pazienti ad una elevata percentuale di eventi cardiovascolari. Per questo motivo Bayer, mediante lo Studio Compass, ha indagato una nuova e più efficace terapia per il trattamento di CAD e PAD.
Nei pazienti affetti da CAD e PAD, rivaroxaban al dosaggio vascolare di 2,5 mg due volte al giorno associato ad aspirina 100 mg una volta/die, ha ridotto il rischio combinato di ictus, infarto del miocardio e morte per cause cardiovascolari del 24% rispetto ad aspirina 100 mg una volta/die in monoterapia.La terapia combinata rivaroxaban/aspirina ha inoltre ridotto del 42%, 22% e 14%, rispettivamente il rischio relativo di ictus, mortalità per cause vascolari e di infarto, mostrando un buon profilo di sicurezza.Un altro elemento significativo è che in pazienti affetti da PAD, con arteriopatie periferiche, si è avuta una significativa riduzione degli eventi cardiovascolari maggiori a carico degli arti (-46%), e una riduzione imponente (-70%) delle amputazioni degli arti legate a cause vascolari.Lo Studio è stato interrotto dopo un tempo medio di trattamento di 23 mesi, in anticipo sui tempi stabiliti, per manifesta superiorità della terapia combinata rivaroxaban/aspirina rispetto al braccio di confronto.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima edizione di “Unijunior Parma – Conoscere per crescere”

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 dicembre 2018

Parma Sabato 15 dicembre alle 15.30 al Campus, nell’Auditorium del Plesso Polifunzionale, si concluderà con la festa finale di consegna dei diplomi agli oltre 330 piccoli studenti la prima edizione di “Unijunior Parma – Conoscere per crescere”, il ciclo di lezioni universitarie per bambine/i e ragazze/i dagli 8 ai 14 anni.La giornata conclusiva di Unijunior sarà un momento ricco di emozioni. I giovanissimi studenti riceveranno il diploma in “Dottori e Dottoresse Unijunior” alla presenza del Rettore Paolo Andrei, del Delegato del Rettore per la Terza Missione Fabrizio Storti, dei professori e ricercatori che hanno tenuto le lezioni e dello staff di Unijunior.A seguire verrà presentato un estratto dall’ultimo spettacolo teatrale della compagnia Teatrino Alambicco – Leo Scienza i cui lavori coniugano comicità, poesia e momenti di interazione con il pubblico, divertendo piccoli e adulti.In occasione della festa finale anche i familiari dei piccoli studenti avranno accesso alle aule universitarie e potranno assistere alla “proclamazione di laurea”.L’Associazione Leo Scienza, i professori ed i ricercatori dell’Università di Parma sono lieti di avere offerto occasioni di conoscenza e di divulgazione scientifica: il successo della prima edizione svoltasi nella sede di Parma si va ad unire a quello delle altre città emiliano-romagnole dove è attivo il progetto Unijunior (Bologna, Modena e Reggio Emilia, Ferrara, Rimini, Forlì e Cesena, Ravenna).I giovani allievi hanno potuto imparare divertendosi fra i banchi universitari, affollando tutte le 18 lezioni tenute da docenti provenienti dai vari dipartimenti dell’Ateneo parmense che si sono svolte il sabato pomeriggio da ottobre a dicembre. Tanti gli argomenti trattati, in un programma che ha incluso varie discipline (quali biologia, medicina, fisica, architettura, matematica, chimica, ecologia, ingegneria, veterinaria, lettere). I titoli proposti spaziano da “Cristalli a merenda” a “Microbi amici. Microbi buoni che fanno bene”, da “Sui tetti con i gatti” a “A cavallo dello spazio e del tempo”, da “Arcobaleni, miraggi e altre meraviglie della luce” a “Dalla Terra alla Luna in bicicletta”, da “Con Paperino a spasso per Quackenberg” a “I mondi di carta”, da “… mi presento sono il cuore!” a “Prendiamoci cura della Terra…mangiando!”, da “Un naso freddo che scalda il cuore” a “Il terremoto non è il lupo”, da “Alla scoperta delle macchine termiche” a “Con il naso sotto terra: alla scoperta del mondo di sotto!”.Ponte fra territorio ed Università, Unijunior promuove l’interesse verso lo studio, la formazione e la ricerca, aprendo le porte dell’Università, “tempio del sapere” ma anche spazio di condivisione e confronto, anche ai più giovani. Il progetto Unijunior vuole proporre una visione della conoscenza che sia da stimolo per i giovanissimi e guida nelle loro scelte future. Conoscenza intesa non come ricezione passiva e imposta ma come conquista attiva, mossa da curiosità, passione ed intraprendenza, perché “i giovani non sono vasi da riempire ma fiaccole da accendere” [Plutarco].

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello per conoscere: ‘Sosteniamo la Scienza e il Metodo Scientifico’

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 giugno 2017

senato-della-repubblica[1]Roma. E’ stato presentato ieri mattina, presso la Sala Nassirya del Senato della Repubblica, l’appello promosso e sottoscritto da accademici, ricercatori, scienziati, cittadini e politici, a favore della scienza e del metodo sperimentale quale strumento critico per migliorare la conoscenza e stimolare lo sviluppo sociale ed economico. A firmarlo, ad oggi, numerosi scienziati e accademici di fama internazionale, oltre ad alcuni politici tra cui: Maria Chiara Carrozza, Mariastella Gelmini, Luigi Compagna, Pietro Paganini, Raffaello Morelli, Antonio Pileggi, Stefano De Luca, Maurizio Vernassa..
Perché questo appello? Perché il crescente condizionamento delle decisioni dei cittadini attraverso l’emotività e i pregiudizi rischia di limitare le nostre libertà e di ridurre il nostro benessere. Nasce così l’esigenza di una comunità di persone di unirsi per rivendicare un principio sacrosanto: quello dell’importanza della conoscenza scientifica dei fatti che ha portato nei secoli alla nascita della società dell’informazione. Eppure oggi questa società fa contare sempre meno i fatti e i risultati della scienza, e fa sempre più guidare le scelte dei cittadini dai pregiudizi e dalle emozioni. È stata definita l’epoca della post-verità, proprio in riferimento al suo distacco dai fatti reali.Ma non è certamente la maggiore sovranità dei cittadini a preoccupare i firmatari dell’appello. Ciò che li allarma è che i cittadini decidono sempre più assumendo per vere informazioni che non lo sono: basta che corrispondano alla personale visione del mondo. Non siamo più abituati, né tantomeno ci viene insegnato a leggere i fatti secondo il metodo sperimentale della scienza ma ci aggrappiamo alle informazioni rientranti nella nostra visione del mondo, senza discuterle, quasi per rafforzare ognuno la propria identità. Viceversa l’esperienza storica ci insegna che chiudere la propria mente alle reali condizioni del mondo peggiora sempre i rapporti del convivere nella diversità e porta a regredire in termini di libertà e di benessere.“La scienza è lo strumento con il quale l’uomo ha sviluppato la conoscenza e ci ha permesso di accrescere le nostre condizioni di benessere e prosperità. Paradossalmente, nell’età dell’informazione e di Internet, stregoni moderni che sfruttano le emozioni piuttosto che la ragione sono riusciti ad emarginare la scienza. Promuovere il metodo sperimentale a livello pubblico, partendo dalle scuole, è fondamentale per consentire ai cittadini di compiere scelte libere” – afferma Pietro Paganini, promotore dell’appello insieme alla prof.ssa Maria Chiara Carrozza. A fargli eco la Professoressa Carrozza: “Quella che stiamo vivendo è una fase delicata nella quale sta cambiando molto il rapporto tra capitale e lavoro e dove siamo obbligati a ripensare la scuola e il suo ruolo attraverso un progetto scolastico nuovo capace di proporre una visione globale e di rendere le nuove generazioni più consapevoli e capaci di fare delle scelte”.
“Questo Appello – ha aggiunto Raffaello Morelli, uno dei suoi primissimi promotori – non tratta un argomento settoriale bensì è la componente portante di un’azione politica per mettere al centro della vita democratica il ruolo del cittadino, che avanza le sue proposte in base ai fatti, confligge secondo le regole e sceglie con il voto indirizzi e persone di governo innescando il cambiamento e impedendo le incrostazioni conformiste e oligarchiche”.Doveroso, infine, secondo il Senatore Luigi Compagna sottoscrivere questo appello “perché richiama ai principi cardine del liberalismo”. “Non dobbiamo permettere – ha detto Compagna – che il diritto alla falsa notizia inquini il funzionamento del diritto alla cittadinanza e quindi l’esercizio della democrazia”, continua Campagna, sottolineando la necessità di rendere più autonome nelle scelte le nuove generazioni. “Credo si debba trasformare il documento in mozione per chiedere al Ministro dell’Istruzione una commissione di alto profilo che inizi a pensare e a introdurre nel dibattito pubblico il fatto di non poter più prescindere dall’adottare il metodo scientifico”.
L’appello contiene un invito a tutti gli insegnanti affinché nell’esercizio delle proprie funzioni utilizzino il metodo critico così da stimolare gli studenti a confutare quanto viene loro trasmesso; un invito a tutte le scuole, al di là delle linee guida ministeriali, affinché sollecitino il dibattito critico sui fatti, piuttosto che la falsificazione delle ipotesi interpretative, e a promuovere percorsi adatti a diffondere il metodo sperimentale, che ad oggi è lo strumento più efficace per rispettare il ritmo del tempo; un invito a tutti i direttori delle testate e gli operatori dei social media, a favorire il controllo dei fatti e il dibattito in base al metodo sperimentale; un invito più generale rivolto a tutti gli italiani che navigano, scambiano opinioni e si confrontano, affinché riflettano prima di esternare i loro assunti, sforzandosi di verificare e confutare quello che hanno letto e sentito, nel segno critico del metodo sperimentale.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conoscere la storia

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 gennaio 2013

il dibattito culturale italiano si è imbattuto sul come e cosa leggere della storia dell’umanità recente e remota che sia. Al riguardo mi viene in mente quanto osservava Giulio Andreotti quando rilevava: “nel libro di storia con cui studia-vamo al liceo, sembrava che il genere umano avesse fatto solo guerre”. Si parlava di solo guerre. “Quella dei 30 anni, la guerra di successione, dei cento anni e via gi questo passo”. Si riservava solo mezza pagina alla creazione della stampa ed altrettanto si scriveva per la macchina a vapore, mentre la storia dell’arte era considerata come un acces-sorio, come la ginnastica insomma, cinquanta minuti alla settimana e così via.” Lo stesso discorso vale per la politica vissuta: è qualcosa che riguarda solo i professionisti della politica, secondo una vulgata ricorrente nell’opinione pubblica. In effetti, è proprio l’assenza di una diffusa pratica politica l’aspetto più deteriore della nostra cultura popolare. Noi oggi, più che mai, dovremmo creare in modo particolare nei giovani, ma anche i non giovani, un minimo di base di orientamento politico. Non va dimenticato come siamo nati e come siamo stati formati. Siamo stati formati su due grandi indirizzi: uno è l’importanza del metodo democratico che non vuol dire soltanto il rispetto delle forme istituzionali, ma vuol dire una coscienza effettiva anche di una democrazia che se è tale non può che essere socialmente evolutiva. E sta proprio ai giovani, poiché chi è più avanti negli anni non l’ha fatto, cercare di porre riparo ai guasti provocati dallo sdoppiamento del concetto di demo-crazia che è stata praticata in modo virtuoso in patria e negata, ipocritamente, nei paesi del terzo mondo. A questo riguardo vi è, persino, un certo ritorno di fiamma facendo regredire la democrazia nei paesi più sviluppati avallando un interesse politico partigiano e di convenienze lobbistiche. Se dobbiamo fare dei giovani i nostri convinti continuatori è necessario che proprio ai giovani sia offerta sufficiente materia per la costruzione di un mondo più egualitario, più giusto nel rispetto dei diritti fondamentali di vita e di riguardo per il nostro simile ovunque alberghi, e che essi acquistino la consape-volezza che questo cammino vada intrapreso con quelle che sono le doti più caratteristiche e significative della politica. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Strage Capaci 23 maggio 1992: anniversario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 maggio 2012

“Ricordare la storia di chi ha creduto nello Stato e’ un dovere morale”, “Un personaggio come Falcone avrebbe avuto bisogno di una presenza forte al suo fianco da parte dello Stato”, “Giovanni Falcone non diede la sua vita per essere imbalsamato da morto”, “Falcone e’ stato una sorta di mito, e non soltanto per gli addetti ai lavori”, “E’ stato un personaggio fondamentale per l’Italia, nonostante le accuse che gli sono piovute addosso durante il suo lavoro”. Sono questi i pensieri principali di alcuni tra i piu’ importanti scrittori di libri dedicati a Giovanni Falcone, il giudice ucciso in un attentato il 23 maggio 1992.
A vent’anni dalla strage di Capaci, Libreriamo (www.libreriamo.it), il primo social book magazine ideato e diretto dal mood maker e presidente di Comunicazione Perbene Saro Trovato, volto alla promozione della lettura e dei libri, dedica uno speciale dedicato alla figura di Giovanni Falcone, attraverso le piu’ prestigiose firme italiane, da Saverio Lodato a Francesca Barra, che hanno parlato di lui raccogliendo testimonianze dirette e materiale riguardante la sua vita. La giornalista e scrittrice Francesca Barra ha di recente realizzato il libro “Giovanni Falcone, un uomo solo”. L’autrice sottolinea l’importanza di ricordare una figura importante come quella del giudice morto a Capaci 20 anni fa. “Ricordare la storia di qualcuno che crede nello Stato e nell’applicazione delle leggi, quando oggi sembra che le leggi siano contro la societa’ civile e lo Stato non piu’ un punto di riferimento, ho pensato che fosse un dovere morale”. Un ricordo che assume un significato ancora piu’ forte a pochi giorni di distanza dall’attentato di Brindisi, dove ha perso la vita la giovane Melissa. “Ci sono uomini che hanno calpestato il sangue di altri uomini e uomini che sono chiamati a pulirlo. Quello che e’ successo sabato a Brindisi e’ terribile, aberrante. Colpisce una generazione che stava smettendo di avere paura e tentando di tornare a combattere. Ma i giovani oggi vogliono pulire quel sangue versato. Non ignorano assolutamente cosa sta succedendo e questo e’ un grande valore della nostra societa’”.
Il giornalista e autore televisivo Giammaria Monti, oltre ad aver scritto il libro “Falcone e Borsellino: la calunnia il tradimento la tragedia”, nel 2007 ha realizzato il libretto dell’opera sinfonica “Falcone e Borsellino. Il coraggio della solitudine”, rappresentata in giro per l’Italia e all’aula bunker dell’Ucciardone di Palermo, alla presenza degli studenti e con Remo Girone a leggere il testo. A 20 anni dalla strage, Monti sottolinea l’importanza di non ripetere l’errore fatto con Falcone e Borsellino, ossia quello di delegittimare i magistrati che lottano contro la mafia. “Un personaggio come Falcone avrebbe avuto bisogno di una presenza forte al suo fianco da parte dello Stato, di un supporto. La cosa peggiore che puo’ accadere a uno che combatte la mafia e’ essere isolato”. “Ricordare quegli attacchi, le infamie, e’ un dovere nei loro confronti. Come diceva Primo Levi, chi non ricorda la propria storia, e’ condannato a riviverla”.
Il giornalista e saggista Saverio Lodato, autore di “Ho ucciso Giovanni Falcone: la confessione di Giovanni Brusca”, “La mafia ha vinto” e “Quarant’anni di mafia”, si chiede cosa penserebbe Falcone oggi della situazione italiana. “Giovanni Falcone non diede la sua vita per essere imbalsamato da morto. Lo infastidirebbero gli elogi retorici e ipocriti. Sapeva che a lui, e ai suoi colleghi del pool antimafia di Palermo, era toccato il compito di aggredire innanzitutto il profilo militare di Cosa Nostra. Ma sapeva altrettanto bene che sarebbe dovuto venire il tempo di recidere le complicita’ istituzionali economiche e politiche di Cosa Nostra. Che questo, a vent’anni dal suo sacrificio, resti in Italia un limite invalicabile, e’ la spiegazione del perché Cosa Nostra sia sopravvissuta a Falcone. Il che, in uno Stato moderno e civile, non sarebbe dovuto accadere”. Il giornalista palermitano Leone Zingales ha scritto in collaborazione con le sorelle del giudice il libro “Giovanni Falcone, un uomo normale”. “Scrivere di e su Falcone ha rappresentato un momento di riflessione sui temi della legalita’ e della lotta alla mafia. Falcone e’ stato una sorta di mito, e non soltanto per gli addetti ai lavori”. Zingales sottolinea l’importanza di ricordare una figura come Giovanni Falcone, soprattutto per i piu’ giovani. “Ritengo che conoscere il lavoro di una persona come il giudice Falcone e’ importante per le nuove generazioni, perché l’uomo Falcone ha sacrificato la sua vita privata nel nome del suo difficile lavoro ed il magistrato Falcone ha sacrificato tutto se stesso per debellare il cancro mafioso in Sicilia come nel resto del Paese.
John Follain, corrispondente del «Sunday Times» e prima dell’agenzia Reuters, scrive sull’Italia da anni. Ha gia’ pubblicato diversi libri, tra i quali “I 57 giorni che hanno sconvolto l’Italia” e “Gli ultimi boss”. Durante il suo lavoro, ha avuto l’onore di conoscere direttamente Giovanni Falcone. “Lo intervistai sette mesi prima che fosse ammazzato. Fui subito impressionato dal suo coraggio e dalla sua determinazione. Aveva degli ideali forti. E’ stato un personaggio fondamentale per l’Italia, nonostante le accuse che gli sono piovute addosso durante il suo lavoro. Non aveva voglia di parlare di se – lui era semplicemente un servitore dello stato. Alla domanda su cosa lo spingesse ? Solo la consapevolezza che ognuno deve fare il proprio lavoro. Basta.” “E’ importantissimo ricordarlo e parlare di figure come la sua, soprattutto per le nuove generazioni. Il suo ideale, la sua stima per lo Stato, dovrebbe rappresentare un modello per i giovani”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Isofestival sbarca a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 aprile 2012

Roma 30 aprile, ore 22, L’Asino che vola, Via Antonio Coppi 12/d. Una grande serata di musica per festeggiare la pubblicazione del volume “Isofestival”, realizzato dal Mei (Meeting degli Indipendenti) in collaborazione con Rai Isoradio e “Rete dei festival”.
L’appuntamento è per il 30 aprile quando, sul palco dell’Asino che Vola di Roma, la band veronese le Maschere di Clara presenterà il nuovo album prodotto da Max Monti, manager dei Quintorigo. Sul palco si avvicenderanno, inoltre, numerosi altri artisti, come i Lemmings (prodotti da Piotta), Orlando Ef (che proporrà brani dal nuovo album “Yor11”), Carmine Torchia (in rappresentanza di “Musicacontrocorrente”), Eildentroeilfuorieilbox84 (prodotti da Trovarobato), Chiara Morucci (in rappresentanza del Premio Bindi), Piji (vincitore di 13 premi in vari festival), Legittimo brigantaggio (in rappresentanza di “Voci per la libertà”), Laika vendetta (che proporranno brani del loro album “Laika, Sylvia, Jeanne e le altre”) . Interverranno Giordano Sangiorgi, patron dei Mei, e molti altri operatori, organizzatori di festival e giornalisti. Il coordinamento e l’organizzazione della serata sono del giornalista Enrico Deregibus, membro del direttivo della “Rete dei Festival”.
“Isofestival. Viaggio nei festival musicali in Italia” (Editrice Zona) raccoglie le schede delle rassegne aderenti alla “Rete dei festival”, organismo che riunisce circa 150 festival musicali italiani per emergenti. Presentato in anteprima a London Live 2.0 (Rai Due) e sulle frequenze di Isoradio, è il primo catalogo dei festival musicali che – da nord a sud – animano la scena indipendente del nostro Paese, una delle guide più interessanti alla musica italiana dal vivo. Perché la nuova musica di oggi non passa soltanto dal web, ma da decine e decine di sudatissimi palchi, che ospitano ogni giorno centinaia di contest ed esibizioni, attraverso i quali si selezionano le migliori leve del futuro. Una ricchezza che va sostenuta e protetta, nel nome della lunga e gloriosa tradizione musicale italiana. L’Asino che Vola è un live club di Roma (in Via Antonio Coppi 12/d) diventato oramai punto di riferimento della musica emergente e non. Il locale, che l’8 febbraio scorso ha riaperto battenti in una nuova struttura di 400 metri quadrati, vuole essere un luogo di ritrovo per chi ha voglia di stare insieme, divertirsi, ascoltare, guardare, conoscere, scoprire, approfondire, ritrovare melodie, ritmi e parole. L’Asino che Vola, infatti, non è solo musica ma anche arte a 360 gradi, con le sue mostre, i suoi tavoli appositamente realizzati da giovani creativi, gli incontri multi espressivi e le domeniche teatrali.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Speciale cultura “conoscere e vivere”

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2011

Lunedì 18 luglio 2011 alle ore 21,30 su TGS sarà trasmesso lo “Speciale Cultura” dal titolo Conoscere e vivere ideato e condotto dalla giornalista Melinda Zacco. Lo “Speciale” tratterà i seguenti argomenti di cultura:
Si parlerà di Villa Bonocore-Maletto considerata una tra le più alte espressioni dell’età barocca in Sicilia, situata nella splendida Piana dei Colli – tra i siti preferiti dall’aristocrazia settecentesca palermitana.
Si intervisteranno: Rita Cedrini, docente antropologia culturale; Gabriele Arezzo di Trifiletti, proprietario del museo “Tre secoli di Storia”; Renato Barraja, proprietario di villa Bonocore; Valeria Michelucci, agronomo. Proprio in Corso Vittorio Emanuele, all’interno della Caserma Bonsignore, sede del Comando Carabinieri Sicilia in Palermo, sorge un gioiello dell’arte Arabo-Normanna dedicata a Santa Maria Maddalena. Un monumento Nazionale scampato alla demolizione.
padre Salvatore Grimaldi, cappellano della chiesa; Pasquale Hamel, storico; Patrizia Cannatella, architetto; ten. col. Antonello Bucciol, Stao Maggiore Legione Sicilia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Apologia dell’ebraismo”

Posted by fidest press agency su sabato, 14 maggio 2011

Quest’opera di Dante Lattes, pubblicata per la prima volta dall’editore Formiggini nel 1923, all’interno di una collana di Apologie, continua ad essere un valido strumento per un primo, esaustivo approccio alla religione e alla cultura ebraica, ancora oggi poco o approssimativamente conosciute in Italia, ma alle quali tutti siamo largamente debitori. Se a ragione l’uomo moderno “non può non dirsi cristiano”, non è meno vero che la storia dell’umanità avrebbe preso una strada diversa, e senza dubbio peggiore, senza l’apporto fecondo e determinante del popolo ebraico. Conoscere l’ebraismo è, dunque, necessario per riflettere sulle nostre radici e, nel contempo, valutare se il nostro percorso ha pienamente tenuto conto degli insegnamenti morali e sociali elaborati dalla Chiesa e dalla intellighenzia di Israele.
Dante Lattes (1876-1965), uno dei maggiori rappresentanti dell’ebraismo italiano, è stato scrittore, giornalista (“Il corriere israelitico”, “Israel”, “La Rassegna Mensile di Israel”, del quale è stato direttore fino alla morte), traduttore, educatore, rabbino. Oltre al presente volume, si ricordano: “Commento alla Bibbia”, “Il sionismo”, e “Nel solco della Bibbia”. Prefazione di Giuseppe Laras, Nota di Claudio Vercelli, Edizioni La Zisa, pp. 122, euro 9,90
Le Edizioni La Zisa aderiscono ad “Addiopizzo” e a “Libera” di don Ciotti e tutti i volumi pubblicati sono certificati “pizzo free”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La politica del conoscere, amare, servire

Posted by fidest press agency su sabato, 22 gennaio 2011

Se limitiamo la nostra riflessione sugli ultimi accadimenti che hanno assegnato alla politica una svolta comportamentale discontinua rispetto al passato dobbiamo necessariamente parlare degli uomini che l’hanno gestita e quelli che lo hanno permesso con il loro consenso elettorale. La grande svolta l’abbiamo avuta con la caduta del muro di Berlino. Con essa si è dissolta una ideologia che aveva celebrato il primato del capitalismo di stato nei confronti di quello privato. Seguì un risveglio di perbenismo con una magistratura che prese di mira chi aveva fatto della politica un mercimonio. Ma crebbe anche la grande paura di una cospicua parte dell’elettorato per il vuoto creato da una Democrazia Cristiana trascinata nel fango dall’indegnità di taluni suoi uomini. Fu l’occasione che permise ad un parvenu dell’imprenditoria della comunicazione, che aveva già assaporato il piacere di gestire la politica nell’ombra, di uscire allo scoperto e fondare un partito sui resti di quelli che si erano dissolti. Creò anche le premesse per alleanze, ritenute proibitive, sia recuperando i voti del Msi, poi destra nazionale del fu già Giorgio Almirante e poi di Gianfranco Fini, sia con la Lega di Bossi con la sua idea della Padania e un vago sentore separatista. Questo nuovo leader non poté, comunque, sottrarsi al suo passato, al suo modo disinvolto di gestire i propri affari che, come tanti nodi, arrivarono puntualmente al pettine. E da 17 anni se li porta dietro non riuscendo a liberarsene del tutto, nonostante i numerosi marchingegni adoperati grazie anche alle acquisite leve del potere esecutivo e legislativo. Ma, pur con il grande potere che si è conquistato, e che lo ha convinto che tutto ora gli è permesso, forse non si è ancora reso conto che i “cinici e rassegnati italiani” non sono gli gnoccoloni che pensa ma lo hanno votato solo per necessità e non per virtù: si sono semplicemente turati il naso. Nonostante ciò vi è stato l’uomo che l’ha battuto elettoralmente e per ben due volte ma se ha gettato la spugna deve dire grazie ai suoi stessi alleati. Quest’uomo si chiama Romano Prodi. Ora neutralizzato il rivale più pericoloso continua a trovarsi con un elettore alle prese con un centro sinistra e la stessa area di centro destra che non riescono a cavalcare il cambiamento senza litigare e autoescludersi con i capricci da primi della classe. E la storia, pur con un clima differente e uomini diversi, continua a ripetersi: nel 1922 prevalse il fascismo di Mussolini perché gli oppositori erano divisi. Nel 1994 di nuovo litigiosi, pur essendo maggioranza sulla carta, e lo stesso si può dire negli anni successivi. Possibile che non hanno capito le lezioni del passato? Ora si vuole andare al voto ma chi sarà il candidato dell’opposizione? Uno, nessuno, centomila. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Speciale cultura “conoscere e vivere”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 novembre 2010

Martedì 23 novembre 2010 alle ore 19,30 su TGS sarà trasmesso lo “Speciale Cultura” dal titolo Conoscere e vivere ideato e condotto dalla giornalista Melinda Zacco. Lo “Speciale” racconta la storia del “Castello di Salemi” dove Garibaldi giunse nel 1860 e del “Museo della mafia”, realizzato grazie al suo sindaco Vittorio Sgarbi, che racconta 150 anni di storia della Sicilia.  Intervista: Vittorio Sgarbi, Sindaco di Salemi. INtervista: Bernardo Tortorici di Raffadali, Assessore Centro  Storico di Salemi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La criminologia

Posted by fidest press agency su martedì, 21 settembre 2010

Massimo Centini Comportamenti criminali e tecniche d’indagine Collana Tascabili 13×19,5  –  128 pagg. ISBN 978-88-7273-680-7  – € 6.50  Siamo talmente convinti di “conoscere” la criminologia grazie ai numerosi telefilm di successo sull’argomento, che ci sembra ormai sempre possibile individuare facilmente “chi è l’assassino”. La realtà è però ben altra cosa. Poiché la criminologia sta affascinando un pubblico sempre più vasto, questo libro si propone di fare chiarezza, rivolgendosi in maniera accessibile ai non addetti ai lavori che desiderano avere un quadro generale, sia dal punto di vista storico che da quello metodologico, fornendo anche indicazioni e curiosità.
Massimo Centini, antropologo e studioso di temi legati alle religioni, ha scritto per Xenia numerosi Tascabili tra cui Il cammino di Santiago e Il protestantesimo, e Il grande libro delle religioni del mondo nella collana Grandi Economici. Vive e lavora a Torino.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Senza ali la cosina non vola

Posted by fidest press agency su sabato, 18 settembre 2010

Lettera al direttore. Io non lo sapevo. Non lo sapevo, nonostante l’età piuttosto avanzata. E magari, se non mi fossi soffermato ogni tanto ad ascoltare la pubblicità televisiva, avrei rischiato di giungere alla fine della mia vita senza conoscere cose importantissime sul mondo femminile. Mi riferisco a tutta quella pubblicità che reclamizza assorbenti con le ali e senza ali (senza ali sembra che la cosina non voli); salvaslip e salva – salvaslip dai mille profumi da sogno. Insomma, solo in prossimità ormai della vecchiaia son venuto a sapere che le donne hanno prurito, piccole perdite di pipì, e che sono maleodoranti. Io non lo sapevo.  E da una reclame, sempre riguardante le monde féminin, sono venuto a sapere che alle donne non piace il calcio. Ma sembra sia solo una voce. Lo dicono in giro. Io queste cose non le sapevo. Un bel grazie quindi ai signori della pubblicità, che hanno colmato le mie lacune. (Attilio Doni)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conoscere e vivere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

07 luglio 2010 alle ore 21,30 su TGS sarà trasmesso lo “Speciale Cultura” dal titolo Conoscere e vivere ideato e condotto dalla giornalista Melinda Zacco. Lo “Speciale” tratterà i seguenti  argomenti di cultura: Palermo è protagonista nel 1700 di uno degli eventi artistici più significativi dell’epoca: l’arte di Giacomo Serpotta. Il suo segreto  stava indubbiamente in alcuni particolari accorgimenti che solo lui, e la sua famiglia, sapevano applicare. Un esempio di straordinaria bellezza è l’Oratorio di San Lorenzo. INTERVISTA: Salvatore Lo Bue, docente universitario di poetica e filosofia delle religioni; Pierfrancesco Palazzotto, vice direttore del Museo Diocesano. •  Da Palermo poi ci spostiamo, via mare con i mezzi della Guardia di Finanza, per approdare nell’isola di Favignana, la più grande delle isole Egadi, alla scoperta di una storia affascinante legata alla Tonnara della famiglia Florio.  •  Intervista: Gen. D. Domenico Achille, Comandante Regionale “Sicilia”; Silvio Manzo responsabile Beni architettonici di Trapani; Lucio Antinoro, Sindaco di Favignana; Clemente Veltrone, vice Rais; Paolo Zarcone, cantastorie.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benedetto XVI a Palermo

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2010

Benedetto XVI, che ha accolto l’invito della Chiesa siciliana, sarà a Palermo il prossimo 3 ottobre 2010. Erano stati i vescovi di Sicilia a invitare il Santo Padre con una lettera del 23 maggio del 2009. “Una terra – spiegavano nella nota – dalle profonde radici cristiane, nella quale numerosi uomini e donne, lungo i secoli, accogliendo l’annuncio del Vangelo, hanno testimoniato Cristo con la santità della vita, spesso anche con il martirio. Di questa terra si vuole far conoscere al Successore di Pietro non solo la storia, ma anche l’attuale impegno comune delle diciotto diocesi per la costruzione del Regno di Dio e per un servizio concreto a favore dell’uomo, radicato nel tessuto vitale dell’intero territorio dell’Isola”. Momento centrale della visita del Santo Padre sarà la solenne celebrazione Eucaristica prevista alle ore 10 nella spianata del Foro Italico Umberto I. Accanto al Papa per la santa Messa tutti i Vescovi di Sicilia. Sarà folta, poi, la delegazione di giovani e famiglie provenienti da tutta l’Isola. Questi, peraltro, già nelle due giornate precedenti alla visita, saranno impegnati in manifestazioni culturali, occasioni di riflessione, confronto e intensi momenti di preghiera. In particolare, l’Ufficio regionale di Pastorale Giovanile e quello per la Pastorale Familiare della Conferenza Episcopale Siciliana organizzeranno un convegno rivolto alle équipes diocesane, ai responsabili di movimenti, associazioni, gruppi ecclesiali presenti nelle Chiese di Sicilia. Il tema della riflessione sarà “Si FIDAdiTE… Lo sguardo del coraggio.. per una educazione alla speranza”. Per l’appuntamento a loro rivolto, sabato 2 ottobre, i giovani incontreranno i Vescovi di Sicilia per l’iniziativa “Fontane di Luce, che avrà luogo in 20 chiese del centro di Palermo. In programma laboratori e riflessioni degli esperti che daranno elementi concreti per la programmazione dell’azione pastorale nell’Isola. I relatori e gli esperti invitati al convegno sono persone di alto spessore culturale, sociale e religioso, che vivono e operano nella nostra regione. Nel pomeriggio di giorno 3 ottobre, alle 17, Benedetto XVI incontrerà il clero, i membri di vita consacrata e i seminaristi in Cattedrale. Alle 18, in piazza Politeama, si svolgerà l’happening con i giovani provenienti da tutta l’Isola.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Albania: conoscere, fare affari, investire

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2010

Saranno i temi del seminario che la Camera di commercio di Udine organizza per mercoledì 30 giugno, alle 10.30, in Sala Valduga. L’appuntamento, che sarà introdotto dal vicepresidente della Cciaa Marco Bruseschi, vedrà la presenza del presidente e del direttore delle relazioni internazionali della Camera di commercio di Tirana, Nikolin Jaka e Koli Sinjari, in questi giorni in visita in Friuli, che avranno il compito di introdurre il mercato albanese, illustrando le opportunità commerciali e d’investimento. Dopo il loro intervento, sarà la volta di Daniela Maizeni, rappresentante dell’Ente camerale di Tirana in Fvg, che spiegherà le modalità di approccio al mercato dell’Albania, cui seguirà la presentazione di un caso di successo di un imprenditorie friulano nel Paese balcanico, tramite la testimonianza di Paolo Marpillero, di Marpillero e associati Architetti. Settori di interesse prevalente per le aziende che vorranno partecipare all’approfondimento sono logistica, nautica, turismo, costruzioni, energia e ambiente.
L’Italia è uno dei principali partner commerciali per l’Albania. Secondo dati Istat, il Pil reale è cresciuto del 6% su base annua nel primo trimestre del 2009, con una crescita su base quadrimestrale rallentata all’1,1%. Per il 2010 è prevista una crescita del 3%. Per l’Albania, dunque, sia per la vicinanza geografica, sia per gli intensi rapporti politico-commerciali, l’Italia rappresenta il principale mercato di sbocco, con interessanti possibilità per le nostre imprese.
Il valore dell’interscambio negli ultimi anni è in costante aumento, con saldo commerciale stabilmente positivo per l’Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Conoscere e vivere”

Posted by fidest press agency su martedì, 22 giugno 2010

23 giugno 2010 alle ore 21,30 su TGS sarà trasmesso lo “Speciale Cultura” dal titolo Conoscere e vivere ideato e condotto dalla giornalista Melinda Zacco. Lo “Speciale” tratterà i seguenti argomenti di cultura:  Palermo è protagonista nel 1700 di uno degli eventi artistici più  significativi dell’epoca: l’arte di Giacomo Serpotta. Il suo segreto  stava indubbiamente in alcuni particolari accorgimenti che solo lui, e la sua famiglia, sapevano applicare. Un esempio di straordinaria bellezza è l’Oratorio di San Lorenzo.  Intervista: Salvatore Lo Bue, docente universitario di poetica e filosofia delle religioni; Pierfrancesco Palazzotto, vice direttore del Museo Diocesano. Da Palermo poi ci spostiamo, via mare con i mezzi della Guardia di Finanza, per approdare nell’isola di Favignana, la più grande delle isole Egadi, alla scoperta di una storia affascinante legata alla Tonnara della famiglia Florio.   Intervista: Gen. D. Domenico Achille, Comandante Regionale “Sicilia”; Silvio Manzo responsabile Beni architettonici di Trapani; Lucio Antinoro, Sindaco di Favignana; Clemente Veltrone, vice Rais; Paolo Zarcone, cantastorie. WWW. ITALIAONLINE.TV  (Melinda Zacco)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola per insegnare l’anticontraffazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 maggio 2010

In questi tempi così drammatici per l’immagine del pubblico impiego e per le tasche dei lavoratori pubblici, a fronte della campagna di stampa denigratoria trasversale che da lungo tempo si è abbattuta sul nostro settore, è bello poter registrare uno dei tanti aspetti positivi che l’attività pubblica comporta a livello sociale e che la rende esclusiva rispetto al lavoro privato. Nel mese di febbraio, la UILPADOGANE LAZIO si era fatta promotrice di un accordo tra la Direzione Regionale di Roma e il Comune di Roma, finalizzato  a  realizzare, promuovere e sostenere l’iniziativa “FALSTAFF per le scuole “avente l’obiettivo di contrastare l’uso di prodotti contraffatti e non sicuri nel mondo giovanile attraverso un’azione informativa ed educativa volta a far conoscere le conseguenze  economico-sociali ed i rischi per la salute e l’ambiente derivanti dall’uso di tali prodotti. E’ opportuno sottolineare che l’Agenzia delle Dogane copre un ruolo principale a livello comunitario nella lotta alla contraffazione internazionale, e nel tempo – al fine di arginare l’ingresso di prodotti contraffatti sul territorio nazionale e comunitario – ha dato l’avvio al progetto FALSTAFF (Fully Automated Logical SysTem Against Forgery & Fraud) finalizzato al contrasto della circolazione di prodotti contraffatti e non sicuri attraverso , tra l’altro, la possibilità di consultare un Portale Internet per acquisire elementi utili a riconoscere un prodotto autentico da uno contraffatto e per prevenire l’acquisto e l’uso di prodotti non sicuri secondo le informazioni fornite per via telematica dai titolari dei diritti di proprietà intellettuale e dalle associazioni di categoria. L’accordo, sottoscritto a livello nazionale  per l’Agenzia delle  Dogane dal Direttore Centrale Tecnologie per l’Innovazione d.ssa T. Alvaro e il Ministero dell’ Istruzione dell’Universitàe della Ricerca, avrà – nel prossimo futuro –  applicazione nelle singole Regioni ed in tal senso la UILPA Dogane Lazio ha chiesto al Direttore Regionale per il Lazio e  l’Umbria la costituzione di un team di formatori  specializzato che possa garantire un’omogeneità e continuità di informazione adeguata alla platea di discenti che si andrà a sensibilizzare. La possibilità di mettere al servizio degli studenti la professionalità del personale doganale, per sensibilizzare le giovani coscienze su fenomeni importanti che incidono sulla nostra vita quotidiana (ricordiamo in proposito anche gli incontri dei colleghi dell’Ufficio delle Dogane di ROMA 2  presso le scuole romane sul fenomeno della tossicodipendenza ) è un ulteriore aspetto di come il lavoro pubblico possa fare la differenza  e debba essere considerato non un costo ma un investimento da un ceto politico che pensa ormai, purtroppo, soltanto a far quadrare i conti con tagli trasversali e non selettivi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Speciale Cultura: Conoscere e vivere

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 marzo 2010

Martedì 23 marzo 2010 alle ore 19,30 su TGS sarà trasmesso lo “Speciale Cultura” dal titolo Conoscere e vivere ideato e condotto dalla giornalista Melinda Zacco. Lo “Speciale” tratterà i seguenti  argomenti di cultura:Sorvolando la città di Palermo, da un elicottero della Guardia di Finanza, giungeremo alla Caserma Cangialosi, in via Cavour, sorta come convento nel 1428, per opera dei Padri domenicani, che fecero edificare il vasto complesso religioso al posto di una precedente chiesa del 1300. Intervista al  Generale C.A. Mauro Michelacci, Comandante interregionale dell’Italia sud-occidentale della Guardia di Finanza; Don Andrea Di Paola, Cappellano militare capo del comando regionale Sicilia della Guardia di Finanza;  avv. Lino Buscemi, scrittore. Da Palermo ci spostiamo a pochi chilometri per raggiungere, via mare, Terrasini, dove sorge il Palazzo D’Aumale, oggi Museo Regionale. Intervista a Sebastiano Tusa, soprintendente del Mare Regione Siciliana; Valeria Li Vigni, direttrice di Palazzo D’Aumale; Silvano Riggio, prof. ordinario di ecologia.  WWW. ITALIAONLINE.TV

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Modena Fiere

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 gennaio 2010

Modena. Sabato 23 e domenica 24 gennaio 2010 al via la stagione fieristica 2010 di Modena Fiere con il doppio appuntamento Expo Elettronica & Colleziosa. Una data particolarmente attesa dal pubblico emiliano per la quantità e la qualità dell’offerta, rigorosamente high tech – low cost. Anche i prodotti tecnologici risentono dell’andamento del mercato, gennaio è periodo di ‘saldi’ anche per Expo Elettronica, con proposte più che mai appetibili e convenienti del solito. La tappa modenese è una delle più conosciute a livello italiano per i professionisti e gli appassionati; tra gli stand di Expo Elettronica si possono ammirare le più recenti innovazioni tecnologiche destinate ad usi civili, ma anche le apparecchiature militari del passato ed i sistemi più avanzati per la comunicazioni. Per l’occasione i padiglioni di Modena Fiere (oltre 22.000 mq) vengono interamente occupati per dare spazio ai 400 espositori partecipanti all’evento e con una offerta merceologica incredibile. In questa varietà di prodotti risiede il successo di pubblico di Expo Elettronica; fra gli stand è possibile trovare di tutto: componenti e pezzi di ricambio anche usati dell’era “analogica”, apparecchiature per i radioamatori, pc, stampanti, schermi, nuovi ed usati, componenti per computer per soddisfare i desideri dell’assemblatore hobbista, telefonini dell’ultima generazione, software e videogiochi e gli indispensabili cd e dvd da masterizzare.   Per i più esperti una ricca offerta all’insegna della multimedialità applicazioni che mettono “in rete” televisione, pc, videosorveglianza, elettrodomestici nonché sistemi attivabili a distanza e controllabili tramite un semplice telefonino, mentre per chi apprezza il lato ‘fun’ dell’era digitale una vasta gamma di gadget, per tutti i gusti e soprattutto per tutte le tasche, dai mouse dalle fogge più stravaganti alle cover per cellulari più colorate e divertenti. Da quest’anno l’appuntamento si arricchisce di uno spazio tecnico-divulgativo con seminari gratuiti rivolti al pubblico, in collaborazione con l’ITIS ‘Fermo Corni’ di Modena e con il gruppo ‘Conoscere Linux’

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »