Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘consegne’

Prevenzione coronavirus: consegne a domicilio

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 marzo 2020

Amazon ha fatto sapere che sta assumendo 100 mila persone in Usa per far fronte alle consegne a domicilio, la cui richiesta sta esplodendo dopo che il governo federale ha riconosciuto che esiste l’emergenza federale. Al momento, per l’Europa, sembra che stiano predisponendo solo aumenti salariali per chi già lavora con loro. Per quanto riguarda le assunzioni nel nostro Paese, sono previste nell’ambito sanitario.Ma per la prevenzione, cioè coloro che per vari motivi non possono lasciare il proprio domicilio per alimenti e farmaci e che se fossero costretti a farlo darebbero un grande contributo all’aumento della pandemia?
Al momento stanno fiorendo iniziative di privati e amministrazioni locali che stanno in qualche modo aiutando coloro che non possono uscire di casa. Ma è più che evidente che si tratta di lodevoli iniziative limitate al fabbisogno e ad alcuni territori. E dove ci sono strutture, come quelle di alcuni supermercati, che sono organizzati alla consegna a domicilio, il servizio è intasato.
Amazon, ovviamente a suo modo, usa una soluzione.Assunzioni di fattorini, sul “modello Amazon”? Allo stato crediamo che sia praticamente impossibile. Ché qui da noi ci sono due ostacoli: le procedure per farlo e il terrore dei datori di lavoro di trovarsi poi con un esercito di persone che, finito il fabbisogno, non è escluso che debbano affrontare non poche vertenze per procedere al licenziamento.Bene (diritti lavoratori) e male (necessità insoddisfatta) che si intrecciano in un modo che porta solo all’immobilismo?
Il bene pubblico è superiore al diritto dei lavoratori e, soprattutto, ai timori degli imprenditori? La risposta, ovviamente, è nella mediazione di questo intreccio. Così come si è trovata la strada per le assunzioni pubbliche nella sanità, volendo si potrebbe fare altrettanto per fugare i timori degli imprenditori e stimolarli con incentivi a procedere con il “modello Amazon”. Ma occorre far presto!
(Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Passaggio di consegne al Rotary Napoli

Posted by fidest press agency su sabato, 10 luglio 2010

Passaggio di Consegne per il Rotary Club Napoli. al Bertolini’s Hall del Corso Vittorio Emanuele – sede in cui nel 1924 fu fondato il Club partenopeo – il presidente dell’anno rotariano 2009 – 2010, professor Massimo Franco, ha ceduto il collare al nuovo presidente, il dottor Sergio Pepe, che resterà in carica fino al prossimo luglio. “Il Rotary è un grande Club internazionale, pertanto – ha annunciato il presidente Pepe – dobbiamo lavorare per un coordinamento di tutti i club partenopei per non disperdere energie. Il lavoro che ho davanti è difficile e breve. Spero, alla fine del mandato, di lasciare il testimone con la coscienza di aver operato bene”.
Fitto il calendario delle attività già da settembre. Tra gli appuntamenti, incontro per dare inizio ad un filo diretto tra Rotary e Municipalità di Chiaia – Posillipo – San Ferdinando. Ad ottobre visita del Governatore del Distretto 2100 Michelangelo Ambrosio e tavola rotariana su “Migrazioni internazionali: un fenomeno tra verità e pregiudizi”. Altro tema su cui il Rotary napoletano presterà attenzione sarà il sistema dei trasporti regionali. Il neo presidente Pepe ha poi attribuito la medaglia “Paul Harris Fellow” al past president Massimo Franco. “Nel Rotary si avvicendano i dirigenti – ha dichiarato Franco – ma non cambiano i valori e gli ideali”. Un filmato sull’anno rotariano 2009 – 2010 ha illustrato alcune delle attività svolte: dalla raccolta fondi per il progetto internazionale Polio Plus alle mappe della rete dei trasporti cittadina, al premio Giovani Giornalisti “Per Napoli”. Massimo Franco ha curato la pubblicazione del libro dell’85° anniversario della fondazione del Club distribuito ai soci e agli amici del Club.
Il Rotary è un associazione mondiale di imprenditori e professionisti, di entrambi i sessi, che prestano servizio umanitario, che incoraggiano il rispetto di elevati principi etici nell’esercizio di ogni professione e che si impegnano a costruire un mondo di amicizia e di pace.
Il Rotary nacque nel 1905 a Chicago. Attualmente il Rotary ha oltre un milione di iscritti in tutto il mondo. (ambrosio pepe)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aerei e bagagli persi. Cosa fare

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2009

Quarantadue milioni di valigie consegnate in ritardo o smarrite, oltre un milione irrimediabilmente: sono i dati -relativi al solo 2007- diffusi dall’Air Transport Users Council (Auc). Non c’e’ viaggiatore aereo che non sia stato coinvolto in questa disfunzione talvolta anche criminogena e la situazione, invece di migliorare sembra che peggiori.Importante, quindi, sapere che fare. La prima cosa e’  di andare all’Ufficio oggetti smarriti (lost&found), presentare il proprio biglietto, il tagliando del bagaglio e compilare un modulo: operazioni che servono per avviare le ricerche del bagaglio perso. Il viaggiatore che vuole essere risarcito, per il bagaglio perso o danneggiato, deve presentare anche una denuncia alla compagnia aerea entro 21 giorni in caso di ritardo e entro 7 giorni in caso di danneggiamento. Spesso si dimentica di effettuare quest’operazione, confortati dalle assicurazioni degli addetti all’Ufficio oggetti smarriti che il bagaglio sara’ prontamente ritrovato e riconsegnato. Occorre pero’ fare attenzione ai tempi entro i quali fare la denuncia, poiche’ si rischia di non ricevere il risarcimento dovuto. La Convenzione di Montreal o di Varsavia stabiliscono valori diversi e prevedono un rimborso a bagaglio, indipendentemente dal valore del bene perduto (salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore): * Per gli Stati che aderiscono alla Convenzione di Montreal: in caso di distruzione, perdita, danno o ritardo si ha diritto ad un risarcimento fino a 1.167 euro; * Per gli Stati che non aderiscono alla Convenzione di Montreal: per smarrimento o danno si ha diritto ad un risarcimento di 20 euro a kg di bagaglio. Si puo’ chiedere anche il rimborso degli abiti acquistati, allegando ovviamente le ricevute e il risarcimento del danno “biologico” subìto, la cui quantificazione e’ lasciata alla valutazione del passeggero che, per avere soddisfazione, dovra’ con molta probabilita’ rivolgersi al Giudice di pace.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »