Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘contraffatti’

Torino: farmaci contraffatti

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 ottobre 2011

Medicine Drug Pills on Plate

Image by epSos.de via Flickr

Duemila opuscoli informativi diffusi sul territorio provinciale di Torino in farmacie, studi medici, caserme dei Carabinieri: obiettivo è prevenire truffe, aggressioni, danni alla salute causati da farmaci contraffatti o provocati dall’intervento di falsi odontoiatri. Presentato ieri a Torino l’opuscolo “Sicurezza + legalità = salute”, è realizzato da Federfarma Torino, Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), carabinieri di Mirafiori, associazione Alice per la prevenzione dell’ictus e Farmacie comunali. Un’iniziativa che punta non solo a informare, ma anche a responsabilizzare i cittadini circa determinati comportamenti a rischio. «Ci sono oggi pericolosi canali di approvvigionamento parallelo dei farmaci» spiega l’amministratore delegato delle Farmacie comunali Gabriele Caviglioli. «Noi esortiamo i cittadini a rivolgersi sempre al medico e acquistare i farmaci solo attraverso la filiera prevista».Andrea Garrone, vicepresidente di Federfarma Torino, lancia l’allarme sul mondo «sommerso» degli integratori – usati, non sempre in modo corretto, da chi fa attività fisica – e su quello dei numerosi estratti vegetali: «Possono essere bombe per la salute» afferma «se non utilizzati con criterio».(fonte farmacista33)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendita on-line di capi d’abbigliamento contraffatti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 luglio 2011

Non sono professionisti del settore ma più che altro studenti e persino casalinghe che si sono inventati un nuovo tipo di lavoro utilizzando la rete. Almeno questo dicono alcune inchieste che hanno visto come protagonista indiscusso internet ed i suoi meandri virtuali non sempre trasparenti e che hanno riguardato alcune frodi on-line perpetrate a danno di ignari consumatori. In particolare, attraverso l’acquisto da fornitori esteri – nella gran parte dei casi di nazionalità cinese – di capi d’abbigliamento contraffatti di note griffe, i novelli imprenditori del web rivendevano gli stessi beni attraverso siti di aste on – line utilizzando tecniche di vendita, o meglio di truffa abilmente studiate al fine di trarre in inganno i potenziali compratori. Dopo aver acquistato grandi quantità di merce sempre attraverso il canale della rete e quindi in diretto contatto con i produttori cinesi che come è noto ormai riescono a replicare quasi ogni cosa con costi notevolmente inferiori rispetto ad ogni parte del globo, gli stessi la rivendevano attraverso siti di aste online spacciando per originale i prodotti e giustificandone il prezzo più basso a quello generalmente praticato, inventandosi una serie di scuse quali la provenienza “di nicchia” (stock di fine serie, esposizioni, fallimenti) o la rivendita attraverso canali non ufficiali a prezzi concorrenziali.
Tra gli stratagemmi, quello più efficace al fine di aumentare la credibilità è quello di spacciarsi per clienti ed effettuare rialzi sui prezzi dei prodotti e quindi rilasciare commenti positivi sugli stessi quando gli stessi siano stati “aggiudicati” dai finti compratori. A parere di Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che da anni porta all’attenzione dei cittadini i pregi ed i rischi della rete, non resta che ascoltare tre preziosi consigli che da quando sono nate le aste on – line gli organismi di Polizia Postale e della Guardia di Finanza continuano incessantemente a ribadire:
1) le griffe non commercializzano al di fuori della loro rete di vendita e, per questione d’immagine, non hanno interesse ad immettere sul mercato capi di seconda scelta;
2) anche i certificati di autenticità possono essere contraffatti;
3) gli acquisti da aste on-line sono a più alto rischio di contraffazione quando il venditore non sia un privato che pone in vendita un singolo articolo ma un operatore professionale o semiprofessionale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicinali contraffatti

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2011

I deputati europei hanno approvato il 16 febbraio una nuova legge per impedire l’ingresso di farmaci contraffatti nella filiera farmaceutica legale.  Il testo ha ricevuto 569 voti a favore, 12 contrari, on 7 astensioni. Si stima che l’1% dei medicinali attualmente in vendita al pubblico europeo attraverso la catena di approvvigionamento legale sia falsificata e che tale numero sia in aumento. In altre parti del mondo, oltre il 30% dei medicinali in vendita può essere stato falsificato. Inoltre, sempre più farmaci innovativi e salvavita sono contraffatti. I deputati hanno ritenuto necessario regolamentare la vendita di farmaci via Internet, dal momento che Internet è una delle vie principali attraverso le quali i farmaci contraffatti sono immessi nel mercato dell’UE. Negli Stati membri in cui sono consentite, le farmacie online dovranno, secondo i deputati, ottenere un’autorizzazione speciale a fornire medicinali al pubblico via Internet per poter operare.Il progetto di legge aggiorna le vigenti regole e introduce le cosiddette norme di sicurezza sulle confezioni dei farmaci, per garantire l’autenticità e l’identificazione delle singole confezioni, nonché per verificare se l’imballaggio esterno sia stato manomesso. Una caratteristica di sicurezza – che deve ancora essere sviluppata dalla Commissione europea – potrebbe essere, per esempio, un numero di serie che può essere “letto” dalle farmacia a garanzia dell’autenticità della confezione.Come regola generale, queste caratteristiche si applicano a tutti i medicinali soggetti a prescrizione, a meno che non sia chiaramente escluso ogni rischio. Solo in casi eccezionali, se vi è un rischio di falsificazione, tali regole sono applicabili ai medicinali non soggetti a prescrizione.Oggi la rete distributiva per i farmaci è sempre più complessa e coinvolge non solo i distributori, che sono già contemplati dalla normativa esistente, ma anche i mediatori dei medicinali.  Infine, sono introdotte sanzioni per violazioni della direttiva, che non devono essere inferiori a quelle applicabili alle violazioni del diritto nazionale, equiparabili per natura e importanza.Il testo approvato dai deputati europei è il risultato di un accordo raggiunto con il Consiglio, che deve anche dare la sua approvazione formale. Una volta approvato, gli Stati membri hanno 24 mesi di tempo per apportare modifiche alla loro legislazione nazionale.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attenzione ai giocattoli contraffatti

Posted by fidest press agency su domenica, 19 dicembre 2010

In tempi di crisi le famiglie non rinunciano al regalo per i propri bambini e per risparmiare si riversano anche sui prodotti contraffatti in vendita presso ambulanti e negozianti poco onesti. Per tale motivo il mercato nero dei giocattoli contraffatti è in costante crescita al punto che proprio in questi giorni si sono susseguite operazioni di polizia, su tale fronte. Infatti “Oltre 2 milioni di giocattoli importati contraffatti che non rispondevano alle norme di sicurezza sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza per impedire che le prossime vetrine di Natale siano riempite di prodotti privi del necessario certificato di conformità alla normativa comunitaria in materia di sicurezza prodotti e, quindi, potenzialmente pericolosi per i bambini.  Ma come si riconosce un giocattolo contraffatto?
Facciamo un breve identikit: il prezzo, in genere inferiore a quello del gioco venduto nei negozi; il confezionamento, i giocattoli contraffatti sono privi della confezione rigida di cartone in quanto inseriti in buste di cellophane; il marchio, simile all’originale ma non identico, modificato onde evitare di incorrere in accuse di usurpazione del marchio; la qualità, i giocattoli contraffatti infatti sono prodotti con plastica pessima e con materiali considerati tossici ai fini della nostra normativa.
Si tratta in sostanza di una falsa riproduzione del giocattolo originale realizzata copiando il design ed utilizzando un marchio ed un nome identificativi del prodotto simile, ma non uguale, all’originale.
Il marchio CE è stato introdotto dalla direttiva 88/378/CEE, recepita in Italia con il decreto legislativo 1991/313, la quale ha stabilito i requisiti di sicurezza per i giocattoli, destinati ai ragazzi di età  inferiore ai 14 anni, e le misure di sicurezza per la loro fabbricazione e vendita.
Allo scopo di tenere conto dell’inevitabile evoluzione tecnologica, si è reso opportuno rivedere la legislazione comunitaria in materia sostituendo la vecchia direttiva con un nuovo testo, aggiornato e conforme alle mutate condizioni. Entro il 20 gennaio 2011 gli Stati membri dovranno adottare  la nuova direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei giocattoli e sulla loro libera circolazione nella Comunità che va a sostituire la precedente ed applicarla entro il 20 luglio 2011”. (fonte Governo Italiano) Secondo Giovanni D’AGATA componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” la prima cosa da fare è scegliere giocattoli sui quali sia stato apposto il marchio CE, in quanto sottoposti  ai necessari controlli di sicurezza previsti dalla Comunità Europea.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci contraffatti

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Roma 6 luglio 2010, ore 10 Residenza di Ripetta  Via di Ripetta 231 Parteciperà: Francesca Martini  Sottosegretario di Stato – Ministero della Salute. Spunto per l’incontro è l’approvazione ormai prossima della Direttiva UE sulla lotta alla contraffazione dei farmaci e, parallelamente, lo sviluppo sempre più accelerato di siti Internet e dei Social Network dedicati alla malattia e alla cura. Domenico Di Giorgio, Coordinatore dell’attività anticontraffazione dell’AIFA, illustrerà le dimensioni del fenomeno. Alle ore 11 si terrà una tavola rotonda alla quale interverranno: Francesca Martini, Sottosegretario di Stato – Ministero della Salute; Domenico Di Giorgio, Coordinatore dell’attività anticontraffazione – Agenzia Italiana del Farmaco; Cosimo Piccinno, Generale di Brigata del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute; Antonio Tomassini, Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato; Dorina Bianchi, Commissione Industria, commercio, turismo del Senato; Daniele Bosone, Vice Presidente, Commissione Igiene e Sanità del Senato; Giacomo Milillo, Segretario Nazionale FIMMG; Annarosa Racca, Presidente Federfarma; Andrea Mandelli, Presidente FOFI; Teresa Petrangolini, Segretario Generale

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicinali contraffatti via web

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2010

Quello dei «farmaci contraffatti su Internet è un trend in forte crescita in Europa. Che va di pari passo con l’alfabetizzazione informatica e che, quest’anno, ha registrato un incremento anche in Italia. In particolare attraverso i canali che portano dal web a “botteghe” illegali come palestre e negozietti. Ma anche al fenomeno delle cosiddette “farmacie dormienti”: spazi nascosti ad arte su inconsapevoli siti ufficiali, che a volte si celano anche negli spazi online di ignare università», per propagandare pillole dell’amore o dimagranti “taroccate”. A puntare i riflettori sul commercio illegale di medicinali contraffatti è Domenico Di Giorgio, dirigente dell’Unità prevenzione della contraffazione dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco). Dalle pillole “fotocopia” prive però di principi attivi, ai presunti prodotti naturali che invece contengono farmaci, i medicinali taroccati in commercio sono sempre più numerosi. Proprio in considerazione dei rischi per la salute legati a questo fenomeno, l’Aifa e Impact Italia (la task-force nazionale per la lotta alla contraffazione farmaceutica) hanno organizzato, «in collaborazione con le agenzie farmaceutiche di Belgio, Portogallo e Spagna, un incontro via web svoltosi stamattina per fare il punto sulle attività di contrasto del fenomeno in corso nei rispettivi Paesi», ricorda Di Giorgio. «Dal confronto operativo – prosegue – abbiamo scoperto che il problema dei falsi farmaci online è comune, come dimostrano i sequestri di finti integratori a base di sibutramina e sildenafil in Portogallo e Belgio, alla commercializzazione di prodotti illegali nei negozi etnici». Fenomeni pericolosi per la salute di chi compra e assume questi prodotti, contro i quali i Paesi hanno messo in campo misure diverse. «Gli spagnoli – spiega Di Giorgio – hanno rinforzato la fase di investigazione via web, i portoghesi hanno puntato piuttosto su una normativa stringente in materia e su una informazione pressante ai consumatori, diffusa anche online», dice l’esperto dell’Aifa. E in Italia? «Insieme ai controlli e alle indagini, che hanno portato a importanti sequestri anche di recente, nel nostro Paese si sta monitorando attentamente il fenomeno della commercializzazione online, che mostra la capacità di adattarsi ai vari mercati». In Italia, ad esempio, dal web si passa spesso a canali di commercio illegale come palestre e negozietti. (fonte farmacista33)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci contraffatti

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Prosegue la lotta ai farmaci contraffatti in Italia: “In due anni, cioè fra il 2008 e il 2009, i Carabinieri del Nas (Nucleo anti-sofisticazione) hanno effettuato 44 mila ispezioni, rilevando 7.800 infrazioni amministrative e 22.500 infrazioni penali. In tutto sono stati sequestrati 4,8 milioni di confezioni di medicinali falsi”. Lo ha reso noto Cosimo Piccinno, Comandante Carabinieri per la tutela della salute, intervenendo a Roma al convegno “Legalità ed efficienza: le risorse della buona salute” organizzato da Farmindustria. “In Italia non esistono medicinali falsi nei canali tradizionali – ha assicurato Piccinno – ma a preoccupare è internet: ci sono siti dove viene segnalata la necessità di presentare la ricetta per l’acquisto di determinati farmaci”. E fin qui tutto bene. Peccato che “sullo stesso sito, vengono messi a disposizione medici on line che possono effettuare, a pagamento, una prescrizione virtuale per consentire l’acquisto dei prodotti. Prodotti che, nella maggior parte dei casi, non contengono il principio attivo o lo contengono in quantità minime o anche eccessive”. Fra le altre fattispecie di reato rilevate dai Nas durante le ispezioni “la produzione non autorizzata di farmaci, l’utilizzo di prescrizioni false anche per esportare i medicinali, il possesso di farmaci a uso esclusivo ospedaliero o addirittura scaduti”. Grazie all’intervento dei Nas, infine, “sono stati denunciati i criminali che vendevano il farmaco antiulcera Cytotec*, utilizzato come abortivo”.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicinali contraffatti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 febbraio 2010

Aegate, azienda specializzata nelle comunicazioni per la salvaguardia dei pazienti, insieme alla Federal Union of German Association of Pharmacists (ABDA) presenta un programma di collaborazione per valutare l’impatto e i benefici di un sistema di autenticazione dei farmaci in Germania. Inoltre, Aegate è lieta di annunciare che l’Associazione Farmaceutica Tedesca (Bundesverband der Pharmazeutischen Industrie) sarà la prima associazione di categoria a supportare questo programma. Il servizio di Aegate, già operativo in Italia, Belgio e Grecia, consente ai farmacisti di autenticare le singole confezioni di medicinali prima della dispensazione, verificando così la data di scadenza del farmaco, se questo è stato ritirato dal mercato e se è contraffatto o meno. Il sistema fornisce anche le informazioni più aggiornate correlate alla sicurezza dei farmaci durante la dispensazione, valorizzando ulteriormente il ruolo del farmacista. Prima dell’implementazione su larga scala, il programma pilota durerà circa 7 mesi e includerà numerose farmacie della Germania così come 15 tra case farmaceutiche e grossisti. La tempistica del programma insieme all’approccio aperto di Aegate nel collaborare con farmacie e associazioni di categoria, che dispongono di una varietà di strutture farmaceutiche per la dispensazione dei farmaci, consentiranno a un ampio numero di stati membri di valutare e adottare sistemi di autenticazione in linea con la prossima direttiva della Comunità Europea in materia di contraffazione dei medicinali. La direttiva, che evidenzia le misure indispensabili per la sicurezza che consentiranno l’identificazione, l’autenticazione e la tracciabilità di tutte le singole confezioni di medicinali, sarà completata entro il 2010.
Aegate, l’azienda specializzata nelle comunicazioni per la sicurezza dei pazienti, offre una rete esclusiva per la sicurezza dei pazienti che consente di creare un canale diretto di comunicazione fra le farmacie, le case farmaceutiche, gli enti regolatori e le organizzazioni professionali. I servizi offerti da Aegate contribuiscono ad incrementare la fiducia nella sicurezza del paziente tramite l’autenticazione di medicinali in tempo reale e l’implementazione di un canale di comunicazione in grado di valutare la sicurezza di un farmaco in pochi istanti, al momento della dispensa al paziente. Attualmente il servizio Aegate viene utilizzato in Belgio, Grecia e Italia e se ne prevede la diffusione in altri Paesi europei. L’azionista principale di Aegate è Ipex Capital, una società a capitale di rischio indipendente con sede nel Regno Unito che si è staccata da PA Consulting nel 2008. http://www.aegate.com

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »