Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘corte d’appello’

La Corte d’appello di Perugia conferma: Joan avrà due madri anche per lo Stato Italiano

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 agosto 2018

La Corte d’Appello di Perugia con un decreto emesso il 22 agosto 2018 ha confermato la decisione del marzo scorso del Tribunale: il Sindaco di Perugia deve trascrivere l’atto di nascita del piccolo Joan, nato in Spagna da due mamme. Il caso è stato seguito dai soci di Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford, Martina Colomasi, Vincenzo Miri, con l’aiuto di Alessandra Commendatore.Secondo la Corte d’Appello, in base alle norme vigenti devono essere trascritti integralmente gli atti di nascita stranieri che indicano due genitori dello stesso sesso. Inoltre, nel caso di figli di coppie di donne, nati in Italia, vanno indicati da subito i nomi di entrambe sugli atti di nascita senza aspettare un ordine del tribunale. Ispirandosi alle ultime decisioni della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale, i giudici di Perugia hanno chiarito l’attuale significato della parola “genitorialità”, esprimendo un principio molto chiaro: «l’amore di due genitori omosessuali è equivalente a quello di due genitori eterosessuali nella misura in cui consente al figlio di crescere in un ambiente coeso quale quello familiare».
La Presidente di Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford, avv. ta Miryam Camilleri, dichiara: “La soddisfazione per questa vittoria si unisce al rammarico di vedere i cittadini costretti a varcare le soglie di un tribunale perché il legislatore ha scelto di rimanere silente e la politica ha ignorato ancora una volta i diritti fondamentali delle persone, in particolare quelli di un bambino. Per citare l’antropologa Margaret Mead – conclude la Presidente Camilleri – non bisogna mai dubitare che un piccolo gruppo di cittadini attenti e impegnati sia capace di cambiare il mondo. E’ questa convinzione che sorregge da dieci anni le azioni della nostra Associazione”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Stipendi ridotti, a Palermo la Corte d’Appello risarcisce 36 docenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 dicembre 2016

Palermo-Panorama-bjs-2Si tratta dei precari “storici”: a loro andranno 300mila euro. La sentenza riguarda supplenti con oltre 10 anni anni di servizio svolto: accolta la richiesta di tutela del diritto dei supplenti a percepire la stessa progressione stipendiale riconosciuta ai docenti di ruolo. Viene così bocciato l’operato del Ministero dell’Istruzione, che da tre lustri si ostina a discriminare i lavoratori precari, eludendo la normativa comunitaria sull’abuso del precariato.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): dopo la Corte di Giustizia Europea, anche la Cassazione ci ha dato ragione. Gli scatti di anzianità per i lavoratori a termine sono una realtà ormai indiscutibile. Il Miur non può più indugiare e deve riconoscere ai precari le medesime prerogative dei lavoratori a tempo indeterminato. Come sindacato chiediamo a gran voce una modifica della normativa e del contratto, che riconoscano pari dignità a tutti i precari della scuola, ad iniziare dallo stipendio.Il sindacato Anief ha posto la battaglia in favore dei lavoratori della scuola come punto cruciale della sua politica di azione sindacale e attende dall’amministrazione una presa di coscienza nei confronti dei precari che da anni sono sfruttati e discriminati. Al momento, l’unica via per il riconoscimento del diritto agli scatti di anzianità rimane quella del ricorso in tribunale.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »