Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘creative district’

I Talenti del Creative District conquistano Altaroma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 luglio 2018

grazia marino antonio falanga.jpgUn grande successo ad Altaroma, per la quarta edizione del Progetto “Creative District”, il progetto ideato da Antonio Falanga e Grazia Marino è un viaggio in compagnia dei creativi, dello Spazio Margutta, per luoghi e tradizioni che fanno del “vecchio continente”, come sempre, la culla della moda. Un tour per tempi mai vissuti ma plasmati da un’argilla esclusiva raccolta dal miglior substrato storico dai nuovi volti italiani dell’haute couture. La passerella del Creative District porta in scena le creazioni di: Gian Paolo Zuccarello, Asia Neri by Irene Mattei, Aline Oliveira, Antudo, Dàvorin Cordone e Sosud by Mario Costantino Triolo. Sei quadri moda presentati da Cinzia Malvini, una delle più accreditate giornaliste del fashion system, che diventa la guida verso questo viaggio tra le esclusività sartoriali. Difatti, Gian Paolo Zuccarello con lo splendore che lo contraddistingue ci porta nella Parigi anni ’50 e ci propone “Madeleine”. La Collezione Haute Couture F/W 2018-19 prende ispirazione da una fascinosa ballerina spagnola del Moulin Rouge. Acclamata ed ammirata di notte desidera che dello stesso bagliore risplenda anche durante il giorno mentre passeggia per i boulevard. La musa Madeleine, anche ad AltaRoma, indossa creazioni sartoriali che ne esaltano la bellezza e la femminilità, strette nel punto vita e laudative nell’eleganza degli scolli. L’affascinante donna concepita da Zuccarello ama essere protagonista ama essere protagonista con piume e cappelli, osa nei contrasti con colori forti e decisi (fondamentale l’accostamento cromatico concepito dal designer viola-verde, giallo- bero, rosso-rosa, blu-ceruleo che porta dentro la metafora del giorno e la notte nella vita di Madeline), veste solo tessuti pregiati, in fibre naturali, come il cachemire puro, velluti di seta, mikado di seta, chiffon, pizzi, cristalli e paillette.
falanga Gruppo creative district.jpgSi abbandona Parigi per compiere un salto spazio-temporale. Asia Neri by Irene Mattei apre la finestra della moda al XVII secolo spagnolo. Dettagli che sanciscono la collezione come un sistema culturale di significati. La complessità degli intrecci, la vistosità dei decori e la volontà di far divenire l’accessorio stesso parte dell’abito offrono regalità all’intera collezione. Il verdugale diventa così sovrastruttura e abbandona il suo spazio predefinito. Il corsetto non offre austerità e rigidità alla figura femminile bensì ne dona modernità e valorizzazione dei punti forte. Cappotti e cappe, in velluto, broccati e damascati sono arricchiti da frange. La seta è il tessuto principe nelle nuance del rosso (omaggio alla Spagna), del blu intenso, dell’oro, del bianco e dell’argento. Il ricamo d’oro è il file rouge della collezione. Per giungere al terzo quadro, si intraprende la traversata dell’Oceano Atlantico, fino a baciare la terra brasiliana madre di Aline Oliveira. La donna in passerella è briosa, coraggiosa e colorata: lo specchio degli anni ’80. Torna il trend, grazie alla Collezione di Alta Moda F/W 2018-19, della vita alta, delle spalle esagerate, delle pieghe, dei drappeggi e delle maniche bombate. Un inno alla gioia sia nella versione da giorno che in quella da sera. Si tratta di un plauso alla rivalsa della figura della donna che con estrosità e originalità puntava, ieri come oggi, a conquistare il mondo del lavoro. Emerge la donna con un nuovo ruolo, quello di lavoratrice, sottolineato anche dall’utilizzo di colori sgargianti e decisi come il viola, il lilla, il rosso, il bordeaux declinati nel cashmere, nel velluto e nella lana rasata. Gran finale con i voluminosi abiti da sera realizzati con tripla e cangiante organza, il falanga.jpgcady di seta e preziosi ricami Swarovski.Un moto rivoluzionario è quello offerto dalla donna di Antudo by Andy Leone, per la prima volta ad AltaRoma. Dai Vespri siciliani alla contemporaneità passando per un acronimo, per il profondo concetto di identità isolana e per i moti antiborbonici. Difatti la collezione The Lost Beauty racconta la storia dal punto di vista dei vinti. Strizza l’occhio alla denuncia e alla volontà di rivalsa del Mezzogiorno. Uno stile nippo-siciliano sposa la semplicità delle linee con i ricami simbolo dell’analisi identitaria siciliana in un parallelismo cromatico delle rispettive bandiere. Applicati in giallo sugli abiti i “denari”, il più prezioso dei quattro semi delle carte siciliane, simboleggiano la ricchezza e la prosperità, quelli in rosso invece il sangue versato, gli eccidi e i massacri, le cause di depauperazione in quella che non è la Terra di nessuno. La donna di Antudo è orgogliosa e piena di grinta; indossa abiti in tessuti naturali (seta, organza, cotone e viscosa), è impreziosita dai gioielli Antudo by GC Gaia Italian Handmade Jewellery.
Siciliano anche il penultimo stilista che ha illuminato di nera opalescenza, con le sue creazioni, il varco del Chiostro dell’Angelicum: Dàvorin Cordone. “Empowering Beauty” è la sua prima capsule collection. Dieci creazioni sartoriali si tramutano nell’emblema della potenza della donna. Porta in passerella il femmineo che è da contemplare, positivamente temere e al contempo auspicare di essere. Il nero regala la volontà della rivalsa per la donna incatenata ai pregiudizi nel corso dei secoli. Le piume e i ricami in Swarovski sottolineano la magnificenza della donna in quanto tale. È un’ode al “dark side” muliebre fatto di velluti, organze, pizzi, ricami, plissé e cristalli. Un’eleganza per i red carpet. A concludere Cinzia Malvini presenta Sosud Ouverture, progetto concepito dalle sorelle falanga3.jpgAlessandra e Roberta Carrozzo, acquisito in licenza dalla All In One Fashion Ltd e portato ad AltaRoma dal talentuoso Mario Costantino Triolo. Il Sud è il cuore pulsante di questa collezione: fonte di eterna ispirazione in sospeso tra le bellezze naturali del Salento e le sue città barocche. Penetra profondamente oltre le radici concettuali della tradizione e rivisita, grazie a tessuti fluenti e ad una super estensione delle linee, la contemporaneità della donna poiché, a suo modo di vedere, il concetto di alta moda non è da intendersi solo nella versione serale. Tre felpe oversize, pezzi unici, con pregiati e scintillanti ghirigori vengono accostate su gonne in chiffon dal diametro di 5 metri: evidente il contrasto dei pesi tessili e la volontà di giocare con le antitesi. Inoltre, gli abiti con effetti stampati tie-dye in fucsia richiamano la buganvillee e, nelle tonalità del blu, i colori del mare. Gli accattivanti tessuti in batik con fenici e fiori enfatizzano la serie di abiti presentati. Le decorazioni, interamente ricamate a mano, sono un omaggio al barocco salentino, trasposizione delle linee architettoniche curve di chiese e palazzi nobili. Si conclude così, per questa edizione, il viaggio Creative District in compagnia del blog di Gnoseologia della Moda e come accade ad ogni “rientro” si ha già voglia di intraprenderne un altro. (Photo e copyright Pietro Piacenti)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Aline Oliveira e Asia Neri by Irene Mattei protagoniste al “Creative District”

Posted by fidest press agency su martedì, 30 gennaio 2018

aline oliveira4asia neri4Gran successo per il progetto “Creative District” ideato da Antonio Falanga e Grazia Marino, inserito nel Calendario di “Altaroma In Town” andato in scena al Grand Hotel Palace di Via Veneto, boutique hotel a cinque stelle, progettato da Marcello Piacentini negli anni ‘20 e riportato nel 2010 all’antico splendore grazie alla creatività di uno dei più conosciuti architetti italiani, Italo Rota. Protagoniste del “Fashion Show”, condotto dalla giornalista Cinzia Malvini, prodotto da “Spazio Margutta” e organizzato dalla P&G Events di Roma, sono state le Maison Asia Neri by Irene Mattei e Aline Oliveira. Le esclusive creazioni sartoriali hanno sfilato nell’esclusivo Salone Cadorin, nel quale è possibile ammirare i meravigliosi affreschi realizzati nel 1926 dal pittore veneziano Guido Cadorin, un apparato decorativo unico nel suo genere, costituito dal ciclo di nove affascinanti trompe l’oeil nei quali viene celebrata, l’alta società romana dell’epoca.Il “Creative District” è un progetto itinerante, che di anno in anno, viene pianificato nelle Location più esclusive della capitale dell’alta moda nazionale “Roma”. Nasce con l’intento di promuovere la creatività italiana ed internazionale e diventare un appuntamento esclusivo nel quale l’intento primario è quello di valorizzare la tradizione sartoriale, la ricerca dei materiali e l’avanguardia stilistica. Un’opportunità unica per Maison, Brand e Fashion Designer dove è possibile far dialogare moda, arte e cultura.La prima Collezione d’alta moda presentata in passerella è stata quella di Aline Oliveira, creatività, determinazione, fascino, emozioni, passione, tutti elementi che testimoniano l’evoluzione creativa della stilista brasiliana, che per la prima falanga marinoaline oliveiraè presente nel calendario di Altaroma. Realizzazioni sartoriali Made in Italy, sono l’essenza dell’alta moda, capaci di coniugare con il suo estro, il passato con il futuro. Outfits bon ton, che non rinunciano a quel tocco di sensualità, femminili, sofisticati, realizzati tendenzialmente in cady di seta, organza, mikado e leggeri inserti di paillettes. Il gioco delle linee si trasforma in gesto libero per donne che vogliono distinguersi per il loro stile ed una mirata ricercatezza. La tavolozza dei tessuti si concentra principalmente su quattro colori complementari: bianco, nero, grigio e blu. Magico l’abito da sposa, un tubino in seta a sirena, color avorio impreziosito da ricami fatto a mano, tre strati di organza impreziosiscono la gonna, il velo lungo tre metri risveglia la passione dei giorni luminosi e delle notti romantiche.
La storia e il tributo alla sua città natale “Siena” sono stati i riferimenti della collezione Haute Couture aline oliveira2aline oliveira3P/E 2018 di Asia Neri by Irene Mattei. L’arte sartoriale della giovane stilista si confronta nei volumi, nei drappeggi morbidi e nelle sinuosità’ dei tessuti con le opere dell’artista Ambrogio Lorenzetti, uno dei maestri della scuola senese del trecento. La palette di colori degli outfits prende invece ispirazione dallo stemma della città di Siena la “balzana” uno scudo diviso in due porzioni orizzontali bianco e nero. Lavorazioni artigianali, tessuti preziosi come chiffon di seta, pizzi e organze ricamate impreziosiscono la “Donna” Asia Neri di un allure intramontabile. La “magia del disegno” e il prezioso lavoro artigianale della Sartoria Buccichini di Arezzo, materializza una silhouette chic, le cui cadenze vibrano nell’atmosfera solidi principi estetici quali armonia, eleganza e severità geometrica. Moderna ed elegante la Sposa Asia Neri, che per sapienza sartoriale, giochi di plissè e chiffon, appare elegante e amata, come una Madonna del Trecento.Ringraziamenti speciali vanno al Beauty Designer Internazionale Raffaele Squillace per l’ideazione del look delle modelle realizzata in collaborazione con l’Hair Stylist Lello Sebastiani, per Romeur Academy; a Gino Tozzi, Senior Private Banker, affermato professionista del mondo della consulenza finanziaria; allo Studio Oscar Santuro che dal 2007 è all’avanguardia con le sue proposte professionali rivolte a due specifici ambiti. Il primo, orientato al mondo dell’estetica ed in particolare ai trattamenti che mirano alla correzione e al miglioramento dell’aspetto del viso con la tecnica del trucco semipermanente, il secondo invece, indirizzato all’ambito paramediacale intento a correggere imperfezioni cutanee, come nel caso di camouflage, cicatrici e tricopigmentazione. Oscar Santuro è inoltre docente all’Accademia Silvestrini. Alla Next Best Model Agency, che da anni collabora con aziende leader nel campo dell’immagine. Punto di riferimento a livello nazionale, oltre ad uno staff interno di spiccate competenze, collabora con professionisti del settore, per la realizzazione di casting, campagne pubblicitarie, fotografiche e televisive ed infine a Pietro Piacenti che ha realizzato lo shooting della manifestazione. (foto: aline oliveira, asia neri)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al “Margutta Creative District” il “Cooking Show” di Mirko Moglioni

Posted by fidest press agency su martedì, 31 ottobre 2017

Mirko MoglioniRoma Il legame profondo tra radici e contemporaneità legato al mondo dei nuovi creativi, è stato il fattore trainante del successo della II° Edizione “Margutta Creative District”. L’iniziativa ideata e organizzata da Antonio Falanga e Grazia Marino è riuscita a far dialogare binomi culturali come: Moda e Arte, Moda e Design, Moda e Fotografia, Moda e Food. Via Margutta, la celebre via delle Arti per tre giorni, dal 19 al 21 ottobre, è diventata il nuovo distretto creativo della capitale e fra le realtà imprenditoriali che la animano da sempre, non poteva non essere protagonista una delle sue eccellenze: il Margutta vegetarian food & art di Tina e Claudio Vannini, conosciuto a livello internazionale per essere uno dei punti di riferimento della cucina Vegetariana Italiana con particolari escursioni nel mondo Vegan e Crudista, nonché polo culturale per l’arte la musica e il teatro.Una realtà unica, dove la moda delle sorelle Pandolfi con la propria linea beachwear “Raviolina” si è inserita in un contesto dove il giardino sospeso, i tavoli di legno naturale, i colori e l’attenzione dei particolari creano un concept elegantemente informale, impeccabile, accogliente. Dove ci si incontra per mangiare sano e bio, sin dalla colazione al “Bio Bar” ricca di proposte nutrienti e naturali. Dal gran successo del “Brunch” all’italiana con un buffet composto da più di 40 ricette si prosegue con il “Bistrot” dove è possibile gustare ad ogni ora del giorno delizie veg. Si arriva poi alle proposte del Falanga e altri“Green Aperitif” che aiutano a socializzare gli ospiti con gusto e consapevolezza. Dulcis in fundo il “Light Gourmet Dinner” con le sue esclusive proposte enogastronomiche dense di gusto creatività e fantasia.Appuntamento fra i più attesi della tre giorni marguttiana, dedicato agli ospiti del “Margutta Creative District” il “Cooking Show” ideato e realizzato da Mirko Moglioni Executive Chef del Margutta vegetarian food & art. Una e vera e propria performance, con l’ideazione di nuovi piatti vegan ispirati alla tradizione mediterranea. L’iniziativa voluta da Tina Vannini è stata organizzata in collaborazione con la Food Connection Company “Excellence” dell’Editore Pietro Ciccotti, che attraverso la propria piattaforma multicanale: Editoria Web e Cartacea, Comunicazione, Formazione, Consulenza Specializzata, Cooking Show, Eventi Esclusivi B2B e B2C, promuove e valorizza il patrimonio enogastronomico italiano.Particolari ringraziamenti vanno ai Partner della serata che sono stati: FinecoBank banca del gruppo UniCredit, una delle maggiori reti di consulenza in Italia, tra i leader nel settore del Private Banking e Gino Tozzi, Senior Private Banker e membro del Comitato Wealth Management di FinecoBank, affermato professionista del mondo della consulenza.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la seconda Edizione del “Margutta Creative District”

Posted by fidest press agency su martedì, 17 ottobre 2017

Quadro Moda d'insiemeRoma Dal 19 al 21 ottobre la Moda, l’Arte, la Fotografia, il Design e il Food protagonisti in Via Margutta. Il progetto, che si avvale del Patrocinio di CNA Federmoda e dell’Associazione Internazionale di Via Margutta, si prefigge di promuovere la creatività italiana ed internazionale, riportando Via Margutta al centro del panorama delle arti contemporanee. L’iniziativa, nata dal connubio professionale del fashion producer Antonio Falanga e della brand manager Grazia Marino, prodotto dalla Together eventi comunicazione, organizzata dalla P&G Events, ha fra i suoi obiettivi quello di valorizzare i luoghi simbolo della mitica via: i cortili, le gallerie d’arte, le botteghe artigiane, nonché le attuali residenze di lusso, nella quale illustri personalità del mondo dell’arte, del cinema e della musica, hanno vissuto e operato e con la loro presenza l’hanno eletta come luogo di ispirazione interculturale.
Il legame profondo tra radici e contemporaneità, ricerca e innovazione, avrà come settore trainante “Il Mondo dei Creativi” una tendenza che riuscirà a far dialogare attraverso una mirata valorizzazione, binomi culturali come: Moda e Arte, Moda e Design, Moda e Fotografia, Moda e Food.
Mostra Fotografica Grazian VillaPolo principale della Sezione “Moda” del “Margutta Creative District” sarà lo spazio della P&G Events in Via Margutta, 86. Ma “Set” esclusivi saranno anche le vetrine delle più prestigiose location della via, nelle quali sarà possibile ammirare le proposte moda di brands italiani e stranieri: GAIA Italian Handmande Jewellery presenta la sua nuova collezione “Duality” realizzata in argento, bronzo e pietre, è composta da elementi distinti ma complementari fra loro: collarini, che presentano parti interscambiabili, fasce per capelli si trasformano a loro volta in collarini, parure fibbie sculture gioiello, bracciali e anelli; Krasimira Stoyneva per la prima volta in Italia con la sua collezione è tra le esponenti più originali ed anticonvenzionali della moda contemporanea Made in England, originali ed esclusivi i suoi outfits realizzati con un prodotto decisamente alternativo come i capelli sintetici; Filippo Laterza dopo i successi ottenuti in Altaroma, al White di Milano e di Shanghai ritorna a Roma con le sue esclusive creazioni d’alta moda; Asia Neri e la sua peculiarità per l’antica tradizione artigianale toscana, del “fatto a mano” presenta la Collezione Haute Couture “Innata Elegantia”; Raviolina originale e innovativa la Collezione “Cruise Collection”, ideata e prodotta da Rosella e Luigina Pandolfi per outfits rigorosamente eco-friendly dedicati alla linea couture beach wear; Good Luck una capsule Luxury Resort, della designer Mirella Marsiglia, realizzata con un charmeuse di microfibra impreziosita da cristalli Swarovski golden scado; Gian Paolo Zuccarello per lui l’Alta Moda e l’Alta Moda Sposa si completano e si incrociano nelle varie creazioni, per la sposa, tessuti naturali di rigorosa provenienza italiana dipinti a mano, mentre per la gran sera tessuti pregiati nelle fibre rigorosamente naturali, sete, cristalli , piume e elementi di pelliccia; Ellebi è un nuovo brand di gioielli e accessori luxury, disegnati da Livia Bonanni che si ispirano agli anni ’70 e alle creazioni di Paco Rabanne.
Durante l’evento una delle esclusive dell’iniziativa sarà il lancio di una linea moda “Urban Style” dedicata a Via Margutta, che prenderà il nome dell’evento “Margutta Creative District” ideata e voluta dagli organizzatori della kermese Grazia Marino e Antonio Falanga. Una moda street e urban unisex, per chi ama uno stile di vita trendy e comodo, un progetto originale e innovativo attento a tutte le fasi di produzione, dal filato al prodotto finito e che si esprime in una vasta gamma di prodotto che comprende felpe, pants e t-shirt, tutto Made in Italy.
Passeggiando in Via Margutta“Passeggiando in Via Margutta” sarà uno degli appuntamenti d’arte più attesi della tre giorni “marguttiana”. Tre itinerari culturali alla scoperta dei luoghi e delle personalità del ‘900 che hanno vissuto in Via Margutta. Storie e aneddoti verranno narrati dallo storico d’Arte Mirko Baldassarre.
Epilogo finale delle passeggiate la visita alla “maison” dei coniugi: Piera Benedetti e Bertrand Marret (storico d’arte) che per la prima volta in assoluto apriranno le porte della propria casa in Via Margutta, 53b, riconosciuta come essere stata lo studio nel quale Pablo Picasso lavorò nel periodo del suo soggiorno romano, uno studio sito al quarto piano nel quale il pittore spagnolo ideò i costumi e le scenografie del primo balletto cubista “Parade” firmato da Jean Cocteau.
Nel programma del “Margutta Creative District” doveroso il tributo dedicato a “Federico Fellini” che ha vissuto in Via Margutta insieme alla sua amata Giulietta Masina consacrandola con la propria presenza “la strada degli Artisti”. Una dichiarazione d’amore verso il regista 5 volte premio Oscar, che a Roma ha dedicato 4 film in omaggio alla sua bellezza. Per l’occasione sarà ospite Francesca Fabbri Fellini, nipote ed ultima erede per Dna del Maestro del Cinema Italiano.
Studio PicassoProtagonista della Sezione Fotografia del “Margutta Creative District” sarà il fotografo Graziano Villa, la sua Mostra “Roma Caput Mundi” sarà presentata in anteprima nazionale, giovedì 19 ottobre p.v. all’Hotel Art in Via Margutta, 56. Le foto di Graziano Villa, che per decenni ha immortalato personaggi di ogni genere, di ogni strato sociale e culturale, sono un tributo alla città eterna una serie di “Ritratti” dedicate sue stupende Architetture. Attraverso un’esasperazione dell’angolazione del suo punto di ripresa, riporta alla luce l’anima metafisica dei monumenti e delle sculture, donandogli un senso di immortalità. Curatrice della mostra Francesca Fabbri Fellini, nipote del Maestro.
Due realtà imprenditoriali fra le più prestigiose del settore “Food” saranno protagoniste al “Margutta Creative District”. La prima, il Margutta vegetarian food & art conosciuto a livello internazionale sia Pietro Piacenticome l’eccellenza italiana della cucina Vegetariana con delle escursioni nel mondo Vegan e Crudista e sia per essere un polo culturale per l’arte la musica e il teatro. Una location unica nel cuore di Via Margutta, un contesto dove il giardino sospeso, i tavoli di legno naturale, i colori e l’attenzione dei particolari creano un concept elegantemente informale, impeccabile, accogliente. La seconda, Excellence è una Food Connection Company che attraverso la propria piattaforma multicanale: Editoria Web e Cartacea, Comunicazione, Formazione, Consulenza Specializzata, Cooking Show, Eventi Esclusivi B2B e B2C, promuove e valorizza il patrimonio enogastronomico italiano. Dal connubio delle due realtà, al fine di coinvolgere nella maniera più diretta gli ospiti, sarà organizzato un esclusivo Cooking Show a cura dello chef del Margutta, Mirko Moglioni, ideato nell’ottica di valorizzare i prodotti, le persone e le esperienze del settore. (foto: Quadro Moda d’insieme, Mostra Fotografica Grazian Villa, Passeggiando in Via Margutta, Passeggiando in Via Margutta, Studio Picasso, Pietro Piacenti)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al “Margutta Creative District” la visita esclusiva all’Atelier di Pablo Picasso

Posted by fidest press agency su martedì, 3 ottobre 2017

Picasso a RomaL_ItalienneRoma La seconda edizione del “Margutta Creative District” ideato da Antonio Falanga e Grazia Marino, organizzato dalla P&G Events di Roma, ritorna in Via Margutta dal 19 al 21 ottobre p.v. L’iniziativa nasce con l’intento di promuovere la creatività italiana ed internazionale mediante esclusive forme di presentazione ideate su una delle strade più prestigiose della Capitale, nella quale illustri personalità del mondo dell’arte, del cinema e della musica, hanno vissuto e operato e con la loro presenza l’hanno eletta come luogo di ispirazione interculturale. Il legame profondo tra radici e contemporaneità, ricerca e innovazione, avrà come settore trainante “Il Mondo dei Creativi” una tendenza che riuscirà a far dialogare attraverso una mirata valorizzazione, binomi culturali come: Moda e Arte, Moda e Design, Moda e Fotografia e Moda e Food. Tra gli appuntamenti più prestigiosi della tre giorni “marguttiana” di particolare interesse saranno le passeggiate culturali in Via Margutta, che avranno come epilogo finale la visita alla Sipario ParadeBertrand Marret“maison” dei coniugi “Benedetti – Marret”, che apriranno per la prima volta in assoluto le porte del proprio atelier nel quale soggiornò Pablo Picasso. Un omaggio esclusivo dedicato al grande pittore spagnolo, a cento anni dal suo soggiorno romano, che proprio al quarto piano di Via Margutta, 53b ideò e disegnò i costumi e le scenografie di “Parade”, il primo “balletto cubista”, firmato da Cocteau che debuttò allo “Chatelet”di Parigi nel maggio del 1917; due opere artistiche di grandi dimensioni Arlequin et femme au collier e L’Italienne; il bozzetto di Villa Medici situato sulla collina del Pincio e riprodotto dalla finestra del suo studio. Tre rendez-vous a numero chiuso, nei quali il Prof. Bertrand Marret, storico d’Arte, nipote del fotografo Henri Cartier-Bresson avrà il piacere di illustrare e narrare aneddoti, sul soggiorno in Via Margutta di Pablo Ruiz y Picasso. (foto: Sipario Parade, L’Italienne, Picasso a Roma, Bertrand Marret)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Creative District” di Antonio Falanga e Grazia Marino

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 luglio 2017

RaviolinaGaia GioielliRoma sabato 8 Luglio 2017 ore 17:00 Chiostro dell’Angelicum Largo Angelicum, 1 L’iniziativa ideata da Antonio Falanga e Grazia Marino, prodotta dalla Together eventi comunicazione e organizzata dalla P&G Events., si svolgerà, nello storico Chiostro dell’Angelicum Congress Centre, prestigiosa e storica struttura, situata nel cuore della Roma barocca, che per la prima volta apre il suo giardino ad una presentazione d’Alta Moda. Sarà Cinzia Malvini, una delle più accreditate giornaliste del fashion system, a condurre l’iniziativa nella quale verranno presentate cinque “Maison” provenienti da varie regioni d’Italia: Asia Neri by Irene Mattei, Raviolina by Rosella e Luigina Pandolfi, Gaia Caramazza Jewellery, Good Luck by Mirella Marsiglia e Gian Paolo Zuccarello.“Dopo un attento lavoro di scouting – dichiara Antonio Falanga – abbiamo individuato cinque nuove realtà dell’alta moda italiana, consapevoli che le loro storie professionali e la varie proposte moda potessero destare attenzione e diventare protagoniste nella più prestigiosa vetrina nazionale del settore. Un prestigioso defilè, con cinque look esclusivi, consci che la passerella sia ancora oggi la formula narrativa, promozionale più produttiva del sistema moda, capace di catturare e stimolare l’immaginazione del pubblico e degli addetti ai lavori.”Raviolina, due sorelle, una sola passione … la moda. Creatività, gusto ed entusiasmo poggiano sulle solide basi della trentennale storia del brand. Ad Altaroma in Town presentano in esclusiva la “Cruise Collection”, una linea d’Alta Gamma Made in Italy. Tutto decisamente mix and match, ogni capo è realizzato in tessuti rigorosamente eco-friendly all’interno della linea couture beachwear di Raviolina. Colori sussurrati, il grigio in tutte le sue declinazioni, il bianco tutti abbinati a fili di lurex molto discreti e a fantasie in seta di ispirazione giapponese. La fascinazione dell’oriente, delle sete luminose, della grafica esotica, fiori, linee, ricami, si sviluppano su sofisticati modelli ispirati al kimono.
Good LookZuccarelloGood Luck è il marchio full Made in Italy che sigla The First, la capsule over season. La luxury resort che sarà presentata ad AltaRoma In Town è realizzata con un charmeuse di microfibra impreziosita da cristalli Swarovski golden shadow , scelti ad hoc per conferire la massima brillantezza dando ai modelli un effetto innovativo e ricercato. Veri e propri “must” per le grandi occasioni abbinati a blazer, pantaloni e a intramontabili smoking realizzati dalla maison in modo sartoriale. Le creazioni Good Luck sono studiate con dedizione, progettate, prodotte e realizzate mediante la filiera del Lusso del Made in Italy.GAIA Italian Handmande Jewellery, alla base della filosofia della designer romana Gaia Caramazza presente stabilmente nel Calendario di AltaRoma dall’Edizione di Gennaio 2016. Passato e presente si fondono dando vita a un’interpretazione originale e senza tempo, di cui femminilità, seduzione e bellezza ne sono l’essenza. La nuova collezione Duality realizzata in argento, bronzo e pietre: perla di Maiorca, occhio di tigre, giada e lapislazzuli, è composta da elementi distinti ma complementari fra loro: i collarini, ad esempio, presentano parti interscambiabili con altre, consentendo combinazioni diverse; così come le fasce per capelli si trasformano a loro volta in collarini. Completano la parure fibbie sculture gioiello con elementi in rilievo, bracciali e anelli.
Asia Neri presenta ad AltaRoma In Town la sua Collezione Haute Couture “Innata Elegantia”. Un innato talento nel creare eleganza, una passione per il bello, una ricerca dell’antica tradizione dell’artigianalità toscana, del “fatto a mano” si manifestano in una femminilità sublime, mai scontata. Creazioni long dress per la stilista senese che sottolineano ed esaltano il corpo femminile tramite delicate trasparenze realizzate con pregiati pizzi nei quali si fondono eleganza, estro e linearità. Un’idea di “Donna” senza tempo, avvenente e seducente, consapevole di vestire una qualità sartoriale che la identifica e che la rende protagonista in qualsiasi occasione. Gian Paolo Zuccarello tra i creativi più ammirati delle passerelle italiane, per la sua Collezione Haute Couture di AltaRoma prende ispirazione da due protagoniste della nobiltà mediterranea: dalla Sicilia “Donna Maria Paternò” e dalla Asia NeriPuglia “Donna Eugenia De Gemmis”. Una Collezione esclusiva un percorso di sperimentazione e ricerca estetica nel recupero e nella rielaborazione delle antiche tradizioni sartoriali con una narrazione emozionale. Ricami antichi realizzati quale il file’ fatto con la rete dei pescatori abilmente annodata a mano, tessuti pregiati nelle fibre rigorosamente naturali, sete, cristalli , piume, elementi di pelliccia, il tutto per ostentare i fasti e l’estrema prosperità‎ del loro periodo. Si ringrazia OroOro Brand Luury Shoes e Seam Due Made in Italy. “Con il progetto “Creative District”, che già l’anno scorso in Via Margutta ha riscosso ampio consenso fra i media, vogliamo confermare – dichiara Grazia Marino – che Roma ha come potenziale ed esclusivo volano di promozione del comparto “handmade”, il prestigio della sua storia e la maestosità dei suoi siti storici. L’aver individuato come location della sfilata il Chiostro dell’Angelicum, un luogo esclusivo, mai utilizzato come palcoscenico per la moda, è sicuramente un passo importante per far interagire e far dialogare il mondo della creatività con quello per la promozione della capitale della couture Italiana”. La Together eventi comunicazione e la P&G Events per la realizzazione del Progetto “Creative District” ringrazia: Romecentral la prima rivista per expat, residenti, turisti e visitatori nella città di Roma e in Italia . Conta una linea editoriale di ampio respiro che intreccia arte, fotografia, moda, design, cinema, musica, teatro, letteratura, salute e benessere. Direttore: Igor Wolfango Schiaroli – Direttore Video e Multimedia: Pietro Giacone. Il beauty designer Raffaele Squillace per l’ideazione dell’immagine delle modelle, realizzata in collaborazione con la Romaeur Academy. Technical supplier Technoelite Roma. (foto: Raviolina, Good Look, Gaia Gioielli, Asia Neri, Zuccarello

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »