Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘cruciale’

Situazione Fincantieri

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2010

“Accogliamo con favore l’appello e le parole del sindaco di Castellammare di Stabia in merito al destino del cantiere Fincantieri” lo dichiara in una nota l’on. Americo Porfidia che aggiunge “Le notizie riguardanti la riorganizzazione di Fincantieri su tutta la penisola allarmano lavoratori e amministratori locali, evidentemente ci troviamo di fronte ad un nodo cruciale per il futuro assetto del gruppo che investe le vite di migliaia di lavoratori e gli equilibri economici di ampie zone del paese. In questo contesto il cantiere Castellammare di Stabia ricopre un ruolo centrale con i sui 700 operai e 1500 dell’indotto, senza dimenticare che si tratta del più vecchio al mondo ancora in esercizio. Ancora una volta – conclude Porfidia – ci auguriamo che vi sia autentica, onesta e responsabile collaborazione istituzionale che veda la partecipazione di Governo, Sindacati, Enti locali e Fincantieri per affrontare il delicato momento e trovare soluzioni e finanziamenti per il rilancio e il necessario ammodernamento strutturale del cantiere stesso.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmacisti cruciali per la salute

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 settembre 2010

Un sondaggio internazionale promosso da Pfizer Inc., in collaborazione con la Federazione Farmaceutica Internazionale (Fip) e condotto in 8 Paesi (Australia, Francia, Germania, Italia, Portogallo, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti) tra aprile e giugno 2010, evidenzia il ruolo chiave svolto dai farmacisti nel miglioramento della salute dei pazienti. Secondo il sondaggio oltre il 90% dei farmacisti ritiene di svolgere un ruolo importante nel miglioramento della salute dei pazienti; la maggior parte dei farmacisti intervistati ha affermato di aver constatato un aumento delle proprie responsabilità e si è detta preoccupata sulle questioni relative a formazione e retribuzione. Quasi 3 farmacisti su 4 (il 73%) offrono attualmente ai pazienti servizi relativi alla promozione e alla gestione della salute. Quasi tutti gli intervistati (9 su 10) hanno concordato sul fatto che, oggi più che mai, si richiede ai farmacisti un numero sempre maggiore di informazioni e consulenze, anche in relazione a medicine e cure specifiche. La maggior parte dei farmacisti (il 78%), tuttavia, ritiene che l’erogazione di tali servizi aggiuntivi, quali le consulenze sanitarie, non si accompagni a una retribuzione giusta e adeguata. «Il ruolo dei farmacisti – dichiara Ton Hoek, direttore generale della Federazione Farmaceutica Internazionale (Fip) – sta cambiando: siamo, infatti, sempre più coinvolti nel lavoro di prevenzione e cura delle malattie a fianco di pazienti e altri operatori sanitari. Dal sondaggio è emerso che i farmacisti mantengono un atteggiamento positivo verso tale ampliamento di ruolo, in quanto enfatizza l’aspetto più amato della professione, cioè l’assistenza nel conseguimento di migliori risultati per i pazienti, e crea al contempo una maggiore visibilità per le competenze dei farmacisti. Riconosciamo, tuttavia, anche la presenza di un divario in termini di formazione e retribuzione, che va colmato al fine di limitare la pressione esercitata sugli attuali farmacisti, continuando in futuro ad attrarre i soggetti migliori in questa professione». (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal lavoro alla pensione: un passaggio cruciale

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 Mag 2010

Di Laura Badaracchi. “Ci prepariamo per anni a entrare al mondo del lavoro, ma nessuno ci attrezza su come uscirne: in questo campo ci sono ancora molte lacune”: è la diagnosi dell’assistente sociale Sarah Colombo, da anni animatrice e formatrice degli anziani. “Per molte persone andare in pensione è da un lato un passaggio pieno di aspettative, ma dall’altro una perdita di ruolo e di autostima che fa abbandonare i progetti sognati duranti gli anni di attività e rimandati al tempo della cessazione del lavoro”. Non si può aspettare, dunque, di andare in pensione: ci si dovrebbe formare per tempo a questa tappa cruciale della propria vita. In quest’ottica il Centro Maderna promuove corsi di preparazione al pensionamento e all’invecchiamento, proprio perché “il passaggio in questione non rappresenta soltanto una transizione nominale – dallo stipendio alla pensione – ma è portatore di veri e propri stravolgimenti: abitudini, ruoli, ritmi vengono turbati e l’anziano è gettato nella totale discontinuità rispetto alle certezze che si era creato”, fa notare Colombo, ricordando come in questa fase di transizione vengano toccate profondamente “le sfere esistenziali: i sogni, gli umori, gli affetti, le energie, i desideri…”. Ribadendo che la vecchia rappresenta “una risorsa da attivare e sollecitare”, si può evitare di cadere nel “circuito perverso tra depressione e malattia che viene a innescarsi quando senso di inutilità, perdita di ruolo, calo di autostima – che talvolta sopraggiungono dopo il pensionamento – si impadroniscono delle persone anziane”, osserva ancora l’assistente sociale. In questo scenario, i corsi – rivolti alle persone in fase di transizione dal mondo del lavoro al pensionamento e ai neo-pensionati – offrono “una vasta gamma di scelte possibili in cui investire il proprio tempo e, dall’altro, raccolgono i desideri di attivazione e le idee degli anziani”. Che, non bisogna mai dimenticarlo, sono “depositari di una grande quantità di competenze e di risorse da evidenziare e rendere disponibili per la comunità”. Questo itinerario formativo, dunque, si pone quale “strumento di supporto informativo, psicologico e motivazionale per la persona che affronterà il passaggio dalla vita professionale al pensionamento o che è da poco tempo in quiescenza”. Sul piano individuale, il percorso si propone di “aiutare il singolo a sviluppare una nuova progettualità e a individuare risorse e motivazioni che lo portino a realizzarla”. Quindi il corso fornisce informazioni sull’invecchiamento in campo medico, psicologico, sociale, senza trascurare la vita di relazioni e temi come la casa e il tempo libero; inoltre stimola una riflessione sul ruolo degli anziani nei territori e avvia progetti concreti che facilitino l’integrazione. “Stimolare la sensibilità verso la solidarietà e verso l’impegno nel volontariato rappresenta l’obiettivo trasversale del percorso formativo”, spiega ancora Colombo, precisando che il corso è articolato in lezioni frontali e seminari formativi che prevedono sperimentazioni di tecniche d’intervento e comunicazioni teoriche alternate a discussioni ed esercitazioni di gruppo. A guidare le sessioni, psicologi, sociologi, animatori sociali, esperti dei processi formativi, consulenti esterni scelti tra esponenti della gerontologia italiana e tra gli animatori socio-culturali che collaborano con il Centro Maderna.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maxi risarcimento a Genova per vittima bullismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 aprile 2010

“Ritengo che la scuola non debba occuparsi soltanto di istruzione, ma abbia il preciso dovere di accompagnare i giovani a un livello di maturità consapevole”. Queste le parole di Antonella Silipigni, responsabile per la città di Genova dell’Italia dei Diritti, in merito alla sentenza emessa dal Tribunale Civile Del capoluogo ligure che ha riconosciuto a un giovane picchiato dai suoi compagni di classe durante l’intervallo un risarcimento pari a 50.756 euro. La vicenda è avvenuta il 7 aprile del 2001 e il ragazzo, a seguito alla violenza subita, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per rimuovere l’ematoma a seguito delle violenze.  “La responsabilità di questi avvenimenti è in primis dell’istituto e dell’intera classe docente – ha poi aggiunto l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – che probabilmente non sono intervenuti intervenuta con la giusta determinazione nel bloccare questa aggressione. Mi auguro che la giustizia faccia il suo corso e punisca con severità chi si è macchiato di questo atto inconsulto. Mi piacerebbe poi che la riforma della scuola fosse reale e non un pretesto per tagliare risorse e personale da un comparto così cruciale”.

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’agricoltura ed il cibo non sono merci…

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2009

Shri Anand Sharma, Union Minister of Commerce & Industry indiano, ha accolto i colleghi ministri al commercio con un caldo saluto di benvenuto, affermando che “Ri-vitalizzare Doha è un impegno per lo sviluppo”. La presenza dei 35 ministri è stata letta da Anand Sharma come una “testimonianza del vostro impegno per una conclusione di successo del round di negoziati lanciato a Doha e sottolinea la vostra fiducia nella forza di quel sistema multilaterale commerciale trasparente, regolato e democratico che la Wto rappresenta”. In meno di un anno, ha ricordato il ministro, i leader del mondo hanno rinnovato a Washington, Londra, Bali, Parigi, L’Aquila, e Singapore. Un impegno per un sistema “giusto ed equo” che è crufiale per il benessere futuro sia delle economie sviluppate sia di quelle in via di sviluppo. IIl primo nemico del Doha Rond? Non la sua potenziale pericolosità, secondo il ministro, ma il revival protezionista in corso. E i vari G-gruppi sono, a suo avviso, non così rappresentativi come una mini-ministeriale che, a suo parere, e’ rappresentativa di tutte le sfumature presenti tra i Paesi membri. Un’affermazione abbastanza impegnativa, se si considera che i membri della Wto sono più di 150 e che quelli presenti a Delhi sono poco più di 30.  Rivolgendosi ai manifestanti, il segretario generale del CPI AB Bardhan ha sostenuto che “il ministro e il Governo hanno scavalcato il Parlamento e tradito il mandato elettorale che era chiaramente contro le politiche neoliberiste che hanno causato gravi sofferenze al popolo indiano”. Il membro dell’ufficio di presidenza del CPI Sitaram Yechury ha messo in discussione il fondamento stesso dell’iniziativa del ministro del Commercio indiano che ha lanciato ai colleghi arrivati a Delhi l’invito a superare lo stallo del Doha Round, suggerendo che lo abbia fatto sotto la pressione americana. In questi giorni 125 organizzazioni contadine, Ong, sindacati e movimenti sociali di 50 Paesi, tra i quali per l’Italia Fair, hanno inviato una lettera ai propri ministri al commercio e negoziatori alla WTO per chiedere loro di “rigettare ogni tentativo di spingere affrettatamente verso la conclusione del ciclo di negoziati lanciato a Doha nel 2001, perché le proposte in discussione inaspriranno, più che risolvere, quella crisi che sta colpendo la produzione agricola, i poveri e gli affamati di tutto il mondo”. Il testo è scaricabile da http://www.fairwatch.splinder.com

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La pittura di un Impero

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2009

Roma 24 settembre 2009 – 17 gennaio 2010 Scuderie del Quirinale,  La pittura di un Impero. Le Scuderie del Quirinale presentano al pubblico la rappresentazione figurativa di un periodo cruciale della storia di Roma, quello che va dal I secolo a.C. fino al V d.C. Sei secoli che vedono l’Impero Romano nascere e svilupparsi, dall’avvento di Giulio Cesare nel 49 a.C., fino allo straordinario consolidamento di strutture di potere così avanzate da tenere insieme un territorio vastissimo. In questo arco temporale, la progressiva espansione coloniale dà vita a un fermento culturale di rara intensità, tanto che l’arte della Roma imperiale può essere considerata fonte di ispirazione di canoni culturali ed estetici che hanno segnato tutta la pittura e l’arte occidentale successiva. In questa ottica è possibile inquadrare la pittura romana non solo nel suo aspetto formale ma anche come autentico linguaggio per immagini, rivelatore di aspetti dell’immaginario sociale e correlato al più generale sistema di rappresentazione di una società concreta, fondamento di tutta la civiltà successiva. Circa 100 opere di eccezionale eleganza e raffinatezza organizzate in cinque diverse sezioni, per ricostruire, dunque, la complessità di una scuola figurativa da cui deriva lo sviluppo dei generi pittorici moderni a partire da Raffaello, solo per citare un esempio.  Tutti prestiti provenienti dai più importanti siti archeologici e musei del mondo, tra cui il Louvre di Parigi, il British Museum di Londra, il Museo Egizio de Il Cairo, i musei archeologici di Monaco, Francoforte, Zurigo ma anche il Museo Archeologico di Napoli, gli Scavi di Pompei, il Museo Nazionale Romano, i Musei Vaticani e i Musei Capitolini di Roma, musei famosi e molto frequentati in cui a volte, però, le singole opere possono perdersi. Il valore della mostra è infatti anche nel ‘rivelare’ pezzi magnifici e famosi, mettendoli sotto una luce di interpretazione del tutto nuova e allestite in una scenografia ideata dal grande regista Luca Ronconi che torna, ancora una volta, a curare l’allestimento di una grande mostra.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »