Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘cura italia’

Scuola: Approvato decreto Cura Italia e supplentite

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2020

La Camera ha approvato la fiducia per il decreto Cura Italia centrato sul potenziamento del Sistema sanitario, sul sostegno all’occupazione e ai lavoratori, sul supporto al credito per famiglie. Anief aveva inviato in V commissione Senato 15 proposte emendative con l’obiettivo di contrastare la precarietà che, in vista della sospensione di tutte le procedure concorsuali prevista dal decreto, mette a rischio il prossimo anno scolastico e fa salire a quota 250.000 le cattedre vacanti da coprire per il 2020/21.
La parola chiave delle nostre proposte è “stabilizzare”. Oltre all’immissione in ruolo di tutto il personale docente e ATA con 36 mesi di servizio in ottemperanza alla normativa europea, Anief è tornata a chiedere con forza la riapertura delle graduatorie ad esaurimento ovvero l’immissione in ruolo dalle graduatorie di istituto divenute provinciali, ricordando che l’assenza di personale obbliga l’amministrazione a reiterare decine di migliaia di contratti di lavoro a tempo determinato, causando un maggior esborso per la finanza pubblica a causa delle richieste di risarcimento per violazione della direttiva 1999/70/CE. Richieste anche procedure semplificate di immissioni in ruolo da prevedere anche per i facenti funzione DSGA, in ragione di una procedura concorsuale al momento sospesa, e per i ricorrenti dei concorsi dirigenti scolastici.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cura Italia e diritti dei viaggiatori

Posted by fidest press agency su martedì, 28 aprile 2020

“L’Unione europea è l’unica regione al mondo in cui i cittadini sono completamente tutelati da un insieme di diritti dei passeggeri”: con queste parole, pochi mesi fa la Commissaria per i trasporti Adina Vălean commentava i risultati di un sondaggio Eurobarometro e la Commissione Europea, al dilagare della pandemia in corso, ribadiva in una nota che la proposta di un voucher per quanti avessero subito la cancellazione del viaggio, non avrebbe potuto influire sul diritto al rimborso. Affermazioni perfettamente in linea con l’imponente impianto di tutele faticosamente implementato negli anni da regolamenti e direttive, che oggi, tuttavia, sembra subire una consistente violazione. Ma in Italia niente più scelta tra voucher o rimborso: “il voucher assolve i correlativi obblighi di rimborso e non richiede alcuna forma di accettazione da parte del destinatario” recita l’articolo 88 bis in fase di approvazione alla Camera.“L’impossibilità di rifiutare il voucher comporterà per i cittadini, già duramente colpiti dalle drammatiche ripercussioni economiche della pandemia, l’obbligo di vincolare quanto versato per un viaggio non fruito, per giunta senza alcuna garanzia nel caso in cui i tour operator, le compagnie aeree o le strutture ricettive dovessero andare incontro all’ insolvenza. “Mantenere l’alternativa tra voucher e rimborso, prolungarne la scadenza, ad oggi di un solo anno, e prevedere una garanzia di rimborsabilità adeguata potrebbe ristabilire l’equilibrio tra le parti e realizzare concretamente quanto il principio di solidarietà impone in gravi situazioni quali quella attuale”, continua Pisanò.Eppure nessuno di questi strumenti sembra esser stato preso in considerazione. Una gestione sana e una tutela forte dei diritti, anche mediante la garanzia di rimborsi certi, possono rafforzare la fiducia dei consumatori e favorire una ripartenza dell’economia anche nel settore turistico. Ma “le modifiche apportate al Cura Italia”, conclude Monika Nardo, consulente legale dell’ufficio di Bolzano, “pongono un grande ostacolo ai viaggiatori italiani: la dichiarazione di norma di applicazione necessaria pregiudica ulteriormente la posizione del consumatore, già privato dei suoi diritti, poiché ove possibile, non gli permetterebbe di beneficiare delle più favorevoli disposizioni adottate dagli altri Stati membri. In Irlanda, così come in Germania, per esempio, i vettori aerei sono tenuti al rimborso anche se il volo è stato cancellato a causa del Covid- 19”.“Non si può non considerare che le famiglie italiane sono anch’esse colpite dalla crisi, con perdita del posto di lavoro, cassa integrazione, diminuita redditività delle loro attività economiche e che, pertanto, non potranno permettersi un viaggio in un prossimo futuro. Auspichiamo, pertanto, che le aziende possano andare incontro alle specifiche esigenze del consumatore, vero motore dell’economia, e valutare le modalità di rimborso caso per caso”, concludono le esperte del CEC che nelle ultime settimane ha assistito concretamente più di 2.000 cittadini che si sono rivolti al Centro per ricevere tutela in merito ai loro diritti di viaggiatori.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cura Italia, trasporti: la Faisa Cisal chiede garanzie per i lavoratori

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2020

“Il Senato approva l’emendamento al Decreto Cura Italia, e ne condividiamo la scelta di confermare inalterati i corrispettivi ed i contributi di servizio alle aziende del Trasporto Pubblico Locale ritenendo che sarebbe impensabile che la contrazione dei servizi in ottemperanza alle misure di contrasto al contagio da Covid-19 adottate dal Governo e dalle Regioni venissero fatte gravare sulle imprese”. Così il Segretario Generale della Faisa Cisal, Mauro Mongelli il quale aggiunge e rilancia che “adesso è ora di pensare ai lavoratori del comparto, al pari di altri in prima linea, che oggi sperano a giusta ragione che questa emergenza non si trasformi da sanitaria ad economica dovendo accedere a misure di sostegno al reddito che, a questo punto, tutte le aziende senza alibi dovrebbero integrare. Quanto al Governo – aggiunge Mongelli – ascolti il grido di allarme di questo settore che ordinariamente muove 5miliardi di persone ma che soccombe a tagli già previsti al Fondo Nazionale Trasporti che va evidentemente implementato. Questo risulta ancor più necessario nella fase di ripresa del servizio, proprio perché l’offerta dello stesso, dovrà tener conto del distanziamento tra le persone e sarà necessario implementarlo. E’ ovvio – conclude – che più servizio, con meno risorse, non è possibile”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Cura Italia” e il ruolo delle opposizioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 aprile 2020

“Da giorni lavoriamo alla cabina di regia tra Governo e opposizioni per cercare di dare il nostro contributo e migliorare il decreto ‘Cura Italia’, che per noi ha diverse criticità. Purtroppo, finora non c’è stato nulla da fare: la maggioranza è totalmente arroccata sulle sue posizioni. Ci hanno detto che non potevano accogliere gli emendamenti che prevedevano maggiori spese perché non ci sono i soldi e che forse se ne riparlerà nel decreto di aprile. Il decreto di aprile, però, nessuno lo ha visto. Ci hanno detto anche che non vogliono accogliere alcune proposte che non prevedono maggiori spese perché sono ideologicamente contrari, come ad esempio quelle che riguardano il taglio della burocrazia, la sospensione del decreto dignità, la reintroduzione dei voucher, l’eliminazione dell’obbligo di contrattazione sindacale per accedere alla cassa integrazione. Tutte cose che servono a velocizzare e a cui il governo dice di no. Ci chiediamo allora dove sia la disponibilità perchè non è molto chiaro. A questo punto avremmo potuto dire “Fate da soli” e metterci a fare ostruzionismo ma l’Italia non può permettersi tatticismi in questo momento. Fratelli d’Italia ha deciso di ritirare i propri 168 emendamenti e lasciarne solo 20, a cui si aggiungono 6 ordini del giorno. Sono meno di 30 proposte, tutte sensate e serie, come ad esempio quella di utilizzare i percettori di reddito di cittadinanza per portare la spesa agli anziani che non possono muoversi o quella che prevede di rimborsare le famiglie per il pagamento delle rette scolastiche. Noi chiediamo al Governo risposte su queste 26 proposte e poi saranno gli italiani a giudicare”. Lo dice in un video pubblicato su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’8 Aprile il via alla discussione sul Decreto ‘Cura Italia’, 15 le proposte di Anief per la scuola

Posted by fidest press agency su domenica, 5 aprile 2020

Il Presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, che affermato che “in considerazione dei limiti ai movimenti e al rinvio dei concorsi abbiamo chiesto procedure straordinarie per l’assunzione del personale precario, per il conseguimento dell’abitazione e della specializzazione sul sostegno, per garantire il corretto avvio del prossimo anno scolastico.” I suggerimenti dell’Anief su reclutamento, contrasto alla precarietà, incentivi per le famiglie sono al vaglio delle commissioni. “Il nostro compito – ha affermato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – deve essere quello di tutelare lavoratori e studenti, salvaguardare l’inizio del prossimo anno scolastico, garantire il diritto al lavoro, alla famiglia, alla salute. Le nostre proposte mirano a contrastare la precarietà che, in vista della sospensione di tutte le procedure concorsuali prevista dal decreto, mette a rischio il prossimo anno scolastico con 250 mila cattedre vacanti da coprire per il 2020/21. Anief intende semplificare le procedure di reclutamento, di abilitazione, di mobilità di tutto il personale della scuola. E migliorare la vita delle famiglie in questo momento di diffusa precarietà lavorativa. In circostanze di emergenza in cui il personale della scuola sta dando un contributo straordinario per la prosecuzione delle attività, pur in presenza di mezzi inadeguati, bisogna procedere all’immissione in ruolo di tutto il personale precario in ottemperanza alla normativa europea”, ha concluso Pacifico.Pacifico ha anche detto che “l’Anief torna a chiedere con forza la riapertura delle graduatorie ad esaurimento ovvero l’immissione in ruolo dalle graduatorie di istituto divenute provinciali; la conferma nel ruolo andrebbe fatta dopo aver svolto con esito positivo il percorso formativo abilitante. La proposta riguarda anche la possibilità di stabilizzare i docenti con servizio su sostegno, previo superamento del percorso di specializzazione.”Ricordiamo che l’assenza di personale obbliga l’amministrazione a reiterare decine di migliaia di contratti di lavoro a tempo determinato, causando un maggior esborso per la finanza pubblica a causa delle richieste di risarcimento per violazione della direttiva 1999/70/CE.
Occorre inserire stabilmente in organico la quota di Assistenti Tecnici previsti dall’articolo 120 in modo da soddisfare tutte le necessità di offerta formativa legata alle nuove tecnologie, anche a distanza. Ciò al fine di supportare tutti i processi di potenziamento della didattica anche oltre l’emergenza.Stabilizzazione dei facente funzione Dsga Bisogna prevedere procedure semplificate di immissioni in ruolo anche per i facenti funzione Dsga.
Tra le proposte dell’Anief pure l’attivazione di corsi abilitanti telematici sia per le discipline curriculari che per il sostegno, l’avvio di percorsi alternativi per consentire al personale di abilitarsi, la conferma nei ruoli di tutto il personale immesso in ruolo con riserva che abbia superato l’anno di prova e l’annullamento di ogni procedura di licenziamento per acquiescenza della P.A. e per la valutazione positiva espressa dagli organi collegiali, nelle more dell’espletamento dei nuovi concorsi.
“Il diritto al lavoro” commenta Pacifico “deve armonizzarsi con il diritto alla famiglia; per questa ragione Anief sostiene la proroga dei termini per la mobilità straordinaria per tutto il personale docente.
In considerazione della difficile condizione economica in cui versano molte famiglie di lavoratori, Anief chiede di pianificare forme di sostegno che compensino gli effetti del diffuso stato di emergenza, anche lavorativa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto “Cura Italia”, emendamento per sospendere le tasse universitarie e detrarre al 100% le spese d’affitto dei fuori sede

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

Sospendere nel corrente anno i pagamenti delle tasse universitarie per tutti gli studenti e prevedere delle detrazioni al 100% per gli affitti di quelli fuori sede: a chiederlo è l’Anief, con un emendamento proposto al Decreto Legge “Cura Italia”, il n. 18 del 17 marzo 2020. Per il sindacato, la modifica, all’articolo 62, si rende necessaria “in considerazione della difficile condizione economica in cui versano molte famiglie di lavoratori” e per “pianificare forme di sostegno che compensino gli effetti del diffuso stato di emergenza, anche lavorativa”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Decreto “Cura Italia: Emendamento per detrarre il 100% delle spese di alloggio del personale scolastico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

Al personale della scuola che si trovi lontano dalla propria sede di residenza, per tutto il periodo di chiusura o di sospensione delle attività didattiche disposta in relazione all’emergenza sanitaria da Covid-19, deve essere garantita la detrazione al 100% delle spese d’alloggio: lo chiede l’Anief, con un emendamento proposto al Decreto Legge “Cura Italia”, il n. 18 del 17 marzo 2020, “in considerazione della difficile condizione economica in cui versano molte famiglie di lavoratori”, proprio a seguito degli effetti del contagio di massa del Coronavirus.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Emendamenti al “Cura Italia”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

Gli organismi di rappresentanza di 21 Ordini professionali, raccolti attorno al CUP e alla RPT, facendo seguito alla presa di posizione unitaria dei giorni scorsi, hanno elaborato un pacchetto di proposte di emendamenti al Dl “Cura Italia”, sottoponendolo all’attenzione del Governo.Come già dichiarato in precedenza, pur apprezzando lo sforzo del Governo, essi ritengono che il Dl 18/2020 necessiti di alcuni sostanziali aggiustamenti e vada considerato solo come il primo passo per un piano più organico di interventi che guardi sin da ora anche alla fase immediatamente successiva all’emergenza. Gli emendamenti proposti dall’RPT e dal CUP spingono il Governo a sostenere in modo uniforme tutte le diverse categorie di lavoratori. Molte delle misure finora adottate si rivolgono essenzialmente ai lavoratori dipendenti e solo in via marginale agli autonomi, escludendo, peraltro, da questa categoria i liberi professionisti ordinistici, come nel caso del bonus di 600 euro previsto per il mese di marzo, che esclude dal beneficio gli iscritti alle Casse previdenziali diverse dall’Inps. Una maggiore logica inclusiva è essenziale ed irrinunciabile.RPT e CUP sono convinti che per affrontare l’emergenza e, nel contempo, per porre un primo argine alla crisi economica che si sta profilando occorra fare uno sforzo di sintesi e concentrarsi su pochi grandi assi di intervento, che agiscano su famiglie, lavoratori e imprese. Con le proposte di emendamento i professionisti chiedono al Governo:
– di prevedere sin da ora la possibilità di un uso più prolungato della Cassa Integrazione, specie quella in deroga, a cui possono accedere anche gli studi professionali di ridotte dimensioni;
– di poter accedere ad un fondo di Garanzia mutui per l’acquisto di immobili di categoria catastale A/10 utilizzati per lo svolgimento dell’attività professionale e di poter usufruire, per la medesima categoria catastale, di un credito di imposta in caso di locazione, al pari di ciò che il Dl 18 consente a chi ha in locazione una bottega o un negozio;
– di spostare in avanti, rispetto ai periodi di sospensione attualmente previsti, le scadenze di pagamento in ambito fiscale e contributivo, oltre alla possibilità di rinviare al prossimo anno i pagamenti dell’acconto irpef di novembre 2020 e di prolungare almeno fino a dicembre 2020 la possibilità, per alcune categorie di contribuenti già individuate dal DL Cura Italia, di non essere assoggettati a ritenuta d’acconto. Ciò garantirebbe, seppure in via temporanea, la formazione di un “polmone” di liquidità di cui sin da ora gran parte dei professionisti sentono il bisogno;
– di definire rapidamente i criteri di accesso al Fondo per il reddito di ultima istanza (art. 44 Dl 18/2020) indicando tra i beneficiari in modo esplicito anche i professionisti iscritti a Casse previdenziali diverse dall’Inps, oltre a sanare l’esclusione di questi ultimi dall’accesso al bonus di 600 euro previsto dall’art. 27 del Dl 18/2020;
– di coinvolgere in modo più organico proprio il sistema degli Enti previdenziali privati nella definizione di misure a sostegno di chi opera nella libera professione, liberando risorse finanziarie dall’anomalo meccanismo della così detta doppia tassazione cui cono sottoposte le Casse previdenziali private.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dl Cura Italia. Ciriani (FdI): Da FdI presentati soltanto 170 emendamenti

Posted by fidest press agency su sabato, 28 marzo 2020

“Il gruppo di Fratelli d’Italia al Senato ha presentato soltanto 170 emendamenti al decreto ‘Cura Italia’ a testimonianza del senso di responsabilità e sulla base delle giuste sollecitazioni che ci sono pervenute dalle categorie e dai cittadini. I nostri uffici avevano ipotizzato un pacchetto di più di mille emendamenti da presentare per migliorare il testo. Invece, abbiamo deciso di presentare un numero molto contenuto in linea con quello spirito collaborativo che la nostra leader Giorgia Meloni da tempo sta richiamando. Ciò ci ha portato a focalizzare la nostra attenzione su temi che consideriamo indispensabili per potenziare il sistema medico-sanitario, per garantire liquidità e supporto economico alle famiglie, alle imprese e agli autonomi, per difendere gli asset strategici da acquisizioni predatorie e sostenere chi oggi è in prima linea nell’affrontare l’emergenza. Ci auguriamo che ci sia ascolto verso le nostre proposte concrete e di buon senso per il bene dell’Italia. Fratelli d’Italia dall’inizio di questa Legislatura ha deciso che avrebbe tenuto il profilo di una forza di opposizione responsabile, e adesso in questa ora buia sentiamo ancora più forte il senso del nostro ruolo e dell’impegno al servizio di tutti gli italiani”. Lo dichiara il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentato il dl “Cura Italia”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2020

Tutti in qualche modo ci dovremmo sentire più sicuri. Vedremo nei particolari. Nelle prossime ore anche noi pubblicheremo una disanima nei minimi particolari perché ognuno possa comprenderlo ed utilizzarlo al meglio. Un solo aspetto ci ha colpito. Lo stanziamento di fondi per Alitalia. Pare inserito all’ultimo momento, dopo varie polemiche. Ma che comunque c’è e destina tanti soldi ad una delle più decotte aziende “private e non private” che, sembra, debba tornare sotto l’egida dello Stato. La decisione è pessima e, visto il contesto, è anche tragica. Una porcata, per usare un termine popolare. Con il Paese, l’Ue e fra un po’ tutto il mondo chiuso alle comunicazioni soprattutto via aerea, si è trovato il tempo, il denaro, l’ardire e la faccia di far rientrare anche il finanziamento a questa tragedia aziendale, economica, commerciale e, alla fine, anche umana. Istintivamente, vista la rilevanza di quanto deciso, verrebbe la voglia di discreditare e delegittimare tutto il dl e chi lo ha votato. No. Non ci facciamo fregare. Anche perché in questo momento non abbiamo alternative ad avere fiducia in voi. Si’, proprio in “voi”, che avete fatto di tutto per distinguervi da quel “noi” che in queste settimane ci ha accomunati nell’affrontare l’emergenza sanitaria ed economica. Quel “noi” che “voi” avete più volte sollecitato e sul quale avete avuto una risposta meravigliosa, matura e civica. Ci spiace, ma ci avete confermato che siete “voi”. Ma il nostro rispetto verso “voi”, che siete le istituzioni è maggiore anche dello sdegno e dello stupore che ci ha colpito. La nostra dignità civica ed istituzionale – normale ed emergenziale – è maggiore di tutto. Continueremo a dare il nostro contributo in modo costruttivo mentre i soldi che avete stanziato serviranno a ridurre il danno di molti (non tutti, purtroppo) e
serviranno a dar corpo ad alcune malefiche politiche economiche che, nello specifico Alitalia, hanno tutte le caratteristiche tranne quelle che di essere emergenziali e di pubblico benessere. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gualtieri: decreto cura Italia da 25 mld

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2020

Il ministro Roberto Gualtieri ha confermato che il Governo ha deciso di utilizzare tutto l’indebitamento netto autorizzato dal Parlamento di 25 miliardi per l’emergenza Coronavirus.”Ottima notizia. Lo stanziamento di 25 miliardi è sicuramente consistente, pari ad una manovra di bilancio. Il problema, però, sono le misure previste. Se per le aziende ci sono misure importanti, gli aiuti finora emersi per le famiglie ed i consumatori sono deludenti ed insoddisfacenti” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Ci domandiamo, ad esempio, perché chi ha figli fino a 12 anni potrà chiedere un congedo parentale solo fino a un massimo di 15 giorni e non per tutto il periodo in cui sono stati sospesi i servizi educativi per l’infanzia o le scuole e poi perché è prevista un’ìndennità pari al 50% della retribuzione e non al 100%” prosegue Dona. “Non sappiamo che fine abbia fatto la proposta di abolizione degli oneri di sistema per luce e gas. Speriamo che il provvedimento sia rimasto, visto che vi sarebbe un risparmio medio, su base annua, pari a 160 euro a famiglia” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Con il decreto “Cura Italia” arriva il lavoro agile nelle scuole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2020

Il decreto “Cura Italia” approvato dal Governo contiene alcune importanti disposizioni anche sulla Scuola. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha annunciato, in attesa che venga reso pubblico il testo del decreto legge, che sono previste, nel pacchetto, ulteriori misure per il lavoro agile nella P.A., che consentiranno ai dirigenti scolastici di organizzare le attività da remoto e lasciare le scuole aperte solo per le attività “indifferibili”. Fino alla ripresa delle lezioni sarà possibile limitare al massimo le aperture degli edifici. La presenza del personale Ata (Ausiliario, tecnico, amministrativo) sarà prevista solo nei casi di stretta necessità.Inoltre, arrivano 85 milioni per il sostegno alla didattica a distanza; vengono stanziati 43,5 milioni per la pulizia straordinaria degli ambienti scolastici per salvaguardare la salute di alunni, docenti e personale al momento del rientro, acquistando materiali per le pulizie, ma anche saponi e gel igienizzanti; viene anche garantita la salvaguardia delle supplenze brevi: nessuno perderà il posto.Il sindacato si riserva di produrre un commento definitivo sul decreto, non prima di prendere visione del testo definitivo, peraltro suscettibile di modifiche in fase di conversione in Parlamento. Al momento, comunque, Anief ritiene le disposizioni sufficientemente condivisibili e in linea con una parte delle richieste del sindacato. In particolare, va apprezzata la decisione di dare la possibilità ai dirigenti scolastici di chiudere gli istituti, al fine di evitare il rischio biologico e garantire la sicurezza dei lavoratori. Anche il supporto alla didattica a distanza e i 43,5 milioni assegnati alle scuole per la pulizia straordinaria degli ambienti e degli uffici formativi appaiono punti condivisibili, a patto che i locali scolastici vengano sanificati dalle Asl e non dai collaboratori scolastici.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »