Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘curriculum’

Lavoro: ecco gli errori da evitare nel curriculum

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 dicembre 2018

Trovare il lavoro dei propri sogni diventa impossibile se il proprio curriculum vitae viene puntualmente scartato dai selezionatori. Sono tanti, tantissimi i fattori da tenere in considerazione per la realizzazione e per l’invio di un curriculum vitae, e non è un caso se i candidati sono sempre in bilico tra il classico formato europeo e delle grafiche personalizzate, tra cv con foto o senza foto, e ancora, tra cv di una sola pagina e documenti più lunghi. Ma quali sono, nel concreto, i motivi che portano un recruiter a scartare un curriculum vitae?«Non è facile riassumere tutti i fattori formali che portano un selezionatore a scartare un curriculum vitae» spiega Carola Adami, CEO e founder della società di ricerca e selezione del personale Adami & Associati.«Talvolta i curricula inviati non vengono nemmeno aperti dal selezionatore, per la mancanza di una lettera di presentazione». Va infatti sottolineato che le agenzie di selezione del personale, così come gli uffici HR delle grandi aziende, ricevono centinaia di curricula ogni giorno. Leggerli tutti diventa dunque impossibile, e per questo si pratica una doverosa scrematura a monte, eliminando per esempio i messaggi di tutti i candidati che non hanno introdotto il proprio cv con una lettera di presentazione. «Soprattutto per determinati ruoli, inviare un curriculum non accompagnato da una breve cover letter è un vero e proprio autogol, che lascia trasparire una certa superficialità da parte del candidato».Se fornito di una promettente lettera di presentazione, il curriculum vitae viene certamente aperto. Quali sono i possibili errori interni al cv che possono determinare la stroncatura della candidatura? «Talvolta non si parla di errori formali, quanto invece di leggerezze da parte del candidato» spiega la head hunter di Milano.«Spesso bastano pochi secondi per scartare un curriculum: nel caso di un ruolo che richiede obbligatoriamente una laurea in ingegneria civile è sufficiente controllare la coerenza del titolo di studio indicato per capire se continuare con la lettura del documento o cestinarlo».Del resto sono davvero molti, ci illumina Carola Adami, gli errori che possono determinare la bocciatura di una candidatura.
«Tutti i giorni ci capitano tra le mani dei curricula popolati da errori e da refusi, con formattazioni approssimative e impaginazioni improbabili. Non è nulla di grave, ma di certo queste leggerezze non giocano a favore di un candidato, soprattutto quanto ci sono centinaia di persone che competono per un medesimo posto di lavoro».Alcune volte un buon curriculum vitae viene macchiato da un piccolo ma lampante errore. C’è chi, per esempio, nella sezione dei contatti inserisce un contatto email scherzoso, probabilmente creato in gioventù e mai cambiato, il quale in sede di candidatura risulta ovviamente fuori luogo.Altri candidati aggiungono delle fotografie assolutamente non professionali, scattate magari in spiaggia e ritagliate in malo modo; e ancora, un selezionatore attento non mancherà di notare, a prima vista, degli evidenti gonfiamenti nell’elenco delle esperienze lavorative.«Riceviamo spesso dei curriculum di 3 o 4 pagine, scritti da candidati convinti che scrivere tanto sia meglio per attirare l’attenzione del recruiter» precisa Adami «laddove invece si dovrebbe puntare non sulla quantità, ma sulla qualità e su una buona organizzazione delle informazioni, così da mettere in evidenza i punti di forza del candidato».Non deve poi mancare, infine, l’indispensabile liberatoria per il trattamento dei dati, che tanti candidati continuano tutt’oggi a dimenticare.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ora il curriculum si manda via whatsapp

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

velvetSe la vostra più grande aspirazione è lavorare nel settore del marketing, allora questa opportunità fa per voi. La società Velvet Media di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, specializzata in social media management, sta cercando una risorsa da inserire nella sua squadra: al candidato più valido spetta un posto a tempo indeterminato come social media manager. L’idea rivoluzionaria però è che, vista l’importanza del ruolo, il periodo di formazione sarà piuttosto sui generis: due settimane fianco a fianco col founder, finalizzate all’assunzione. L’esperienza formativa, battezzata “Una poltrona per due”, rappresenta un’importante occasione per apprendere i segreti del mondo del marketing a diretto contatto con il titolare, comprendere le modalità per poter gestire al meglio grandi brand e sapersi integrare in una squadra di professionisti altamente qualificati, condividendo preziosi momenti immersi nell’eclettico mood di Velvet.“Cerco una nuova figura da integrare nel reparto gestione social media – spiega Bakdounes – voglio sia il futuro eroe dei social, un futuro manager di Velvet, per questo ci tengo a formarlo direttamente, non solo a livello tecnico ma anche e soprattutto trasmettendo lo spirito ed il modus operandi tipico di Velvet. Cerco candidati con una grande passione per il marketing e il mondo del web, curiosi e tenaci, pronti a cogliere l’opportunità di crescere professionalmente, anche nel periodo in cui gli altri pensano alle ferie”. Assolutamente innovativa la modalità con cui avverrà la selezione: oltre al tradizionale invio via mail del proprio curriculum vitae, corsia preferenziale sarà data alle candidature che scriveranno direttamente su whatsapp al numero aziendale (+39) 392 9249288 ed invieranno un breve video di presentazione di meno di un minuto.
Velvet Media in Pillole. Società di comunicazione e marketing, nasce nel 2011 a Cittadella, nel Padovano. Inizialmente specializzata nella scontistica e nel couponing, raccoglie le istanze e le proposte di oltre tremila società. Nel 2013 apre a Galliera Veneta, sempre nel Padovano, una esperienza editoriale che la porta a pubblicare il magazine “Storie di Eccellenza”, distribuito in decine di migliaia di copie in tutto il Nord Italia. Dal 2015 il trasferimento nella sede più ampia di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, e la decisione di orientare il business nella gestione dei social aziendali, garantendo un servizio di marketing totalmente in outsourcing: dalle foto ai testi, dai video alla gestione dei siti internet. Nel 2016 l’apertura della sede staccata a Denver, negli Stati Uniti, e la specializzazione nella lead generation: produrre clienti reali filtrando dati raccolti nel web. Nel corso del 2016 Velvet ha gestito l’immagine social di circa seicento aziende, creando post che sono stati visti in tutto oltre trenta milioni di volte grazie all’impegno di settanta persone tra dipendenti fissi e collaboratori. Amministratore delegato e founder della società è Bassel Bakdounes. (foto: velvet)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come compilare un curriculum

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 ottobre 2014

Curriculum-vitaeSempre più spesso si sente parlare di fuga di cervelli all’estero o di professionisti che, stanchi del mercato italiano, decidono di affrontare una nuova avventura professionale in un paese straniero. “Se si sta considerando un trasferimento all’estero per dare una svolta alla propria carriera è importante tenere presente che il formato, la struttura, la formattazione e i contenuti di un CV variano sensibilmente da Paese a Paese – spiega Carlos Manuel Soave, Managing Director Hays Italia – Così come ogni curriculum e ogni lettera di presentazione necessita di alcuni piccoli accorgimenti, in funzione del ruolo o alla società per cui ci si sta candidando, allo stesso modo è importante modificare il proprio CV in base al Paese in cui ci si vorrebbe trasferire”.
Un curriculum in linea con le aspettative della Nazione a cui ci si sta rivolgendo è, infatti, la prima occasione che un candidato ha per dimostrare non solo di avere grande spirito di adattamento, ma anche di aver compreso appieno quali sono i principali meccanismi che caratterizzano il nuovo – papabile – ambiente lavorativo. Ecco alcune piccole accortezze da seguire secondo gli esperti Hays: Resume o CV?: qual è la differenza? In molte Nazioni Resume o CV sono due parole assolutamente intercambiabili, anche se, in Nord America con il termine CV si intende esclusivamente un documento scritto da un ricercatore, un educatore o un accademico.
Lunghezza: varia notevolmente nelle diverse Nazioni. Nel Regno Unito, per esempio, un CV di una o due pagine è considerato appropriato, mentre in Nord America, non è mai superiore ad una singola pagina. In Russia, al contrario, un CV standard contiene un’ampissima quantità di informazioni ed esperienze lavorative altamente dettagliate, come in Grecia, dove si possono trovare curriculum lunghi fino a 5 pagine.
Fotografie: quando si fa domanda per un lavoro nel Regno Unito o nel Nord America, non è necessario allegare alcuna fotografia al proprio CV. Questo perché i datori di lavoro cercano in ogni modo di non contravvenire alle numerose leggi contro la discriminazione. La situazione è diversa, invece, in Germania, Francia e in molti Paesi asiatici, dove uno scatto del primo piano del candidato è invece molto apprezzato.
Educazione: indipendentemente dal Paese in cui si vorrebbe lavorare, è bene che il percorso di studi intrapreso sia chiaro e ben delineato, anche se il livello di dettagli richiesti può variare. Per esempio, in Cina è bene porre l’enfasi più sui titoli di studio ottenuti, piuttosto che sulle l’esperienze o le competenze acquisite.
Hobby e interessi personali: la sezione del CV dedicata agli “Interessi personali” è un altro importante strumento a disposizione dei candidati. Hobby vicini al paese o all’azienda in cui si vuole lavorare possono, a volte, fare la differenza.
Tono: In Nord America, le aziende esigono che dal CV emerga una chiara dimostrazione della forza del candidato, delle sue ambizioni, dei suoi traguardi e obiettivi. Il tono deve essere quindi battagliero e fiero. In Cina, invece, il tono dovrebbe essere molto più modesto, evitando qualsiasi tipo di ostentazione o vanteria.
Lingua: se ci si sta candidando per ricoprire in una posizione in una multinazionale, , il minimo che ci si aspetta dal candidato è di parlare correttamente il linguaggio del paese in cui l’azienda ha sede e il linguaggio degli affari (solitamente l’inglese o in alternativa la lingua del paese in cui ha sede il quartier generale aziendale). Il CV andrà redatto in entrambe le lingue.
Come inviare il proprio CV: Internet e il livello tecnologico è un elemento che varia (e di molto) nelle diverse Nazioni: è bene, quindi, assicurarsi di salvare il CV in un formato ampiamente riconosciuto – come Microsoft Word o in PDF – e inviarlo come allegato ad una e-mail. (foto carlos)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Officina del CV”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2011

Roma 22 e 23 Giugno 2001 – dalle ore 10.30 alle 16.30 Città universitaria Sapienza- Piazzale Aldo Moro 5, Roma Nel piazzale antistante il CIAO sarà allestito uno stand SOUL e per due giorni tutti i giovani che vorranno partecipare potranno portare il proprio curriculum vitae ed usufruire di consulenze personalizzate. Costruire un curriculum e una lettera di presentazione non è operazione banale: il selezionatore sceglie di contattare i candidati a seguito di una rapida esplorazione dei due documenti pervenuti. Come riuscire dunque ad essere sintetici, completi, coerenti con i requisiti richiesti dall’impresa e allo stesso tempo incisivi in sole 3 o 4 pagine? Come si selezionano le esperienze da presentare nel curriculum? Come si può redigere un CV adeguato ad ogni candidatura? E ancora: quali contenuti possono essere inseriti nella lettera di presentazione? A queste ed ad altre domande, in un colloquio one to one, risponderanno gli operatori SOUL/Sapienza.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festival Duni

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2009

Duni14 luglio 2009 (Chiostro delle Monacelle – inizio ore 21:30 – ingresso € 5,00), l’Orchestra della Magna Grecia diretta da Nicola Ventrella propone “Arie d’opera”, con musiche di Haendel, Puccini, De Falla e Gounod, con la voce soprano di Gabriella Costa.  Nicola Ventrella, vincitore e premiato in quindici concorsi nazionali ed internazionali, vanta concerti e registrazioni da pianista e da direttore d’orchestra in tutto il mondo, definito “superbo” e “musicista straordinariamente raffinato” dal Glasgow Herald Magazine.  Gabriella Costa è vincitrice dei premi “Concorso Internazionale Cilea” e “Concorso Nazionale Città di Conegliano Veneto”, artista poliglotta che si è perfezionata, oltre che in Italia, in Francia ed Olanda. Nutrito il curriculum di concerti, recital ed opere.  Mercoledì 15 luglio (Chiostro delle Monacelle – inizio ore 21:30 – ingresso € 5,00) è la volta della “Serata Tango” con il “Duo Encuentro” in concerto. Mya Fracassini alla voce e Roberto Pugliese alla chitarra che accompagneranno – con un repertorio appassionato – una selezione di tanghi interpretati dai ballerini Daniela Demofonti ed Edoardo Movano. http://www.festivalduni.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »