Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘cybersicurezza’

Nomina Baldoni Agenzia Cybersicurezza

Posted by fidest press agency su sabato, 7 agosto 2021

Il docente della Sapienza Roberto Baldoni è il nuovo Direttore dell’ACN, l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale appena varata dall’esecutivo. “Desidero formulare le congratulazioni e i migliori auguri di buon lavoro da parte della comunità Sapienza e miei personali a Roberto Baldoni per il nuovo prestigioso incarico che affronterà: per tutti noi che lo conosciamo, questa nomina rappresenta un’ulteriore conferma e riconoscimento della sua competenza e del suo senso di responsabilità – commenta la Rettrice Antonella Polimeni – Più in generale, questa designazione rende esplicita l’importanza del dialogo tra le istituzioni del Paese e ribadisce il ruolo che l’università può e deve avere a servizio della società civile”. Nel 2017 Roberto Baldoni ha assunto l’incarico di vicedirettore generale del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio con delega alla cybersecurity. Alla Sapienza, è professore Ordinario di “Sistemi Distribuiti” presso il Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale della Facoltà Ingegneria dell’informazione, informatica e statistica. Ha diretto il Centro di Ricerca Sapienza in Cyber Intelligence e Information Security e Responsabile nazionale del progetto MIUR-PRIN TENACE “(Protecting National Critical Infrastructures From Cyber Threats). È stato membro del comitato scientifico di Sapienza Innovazione dove ha diretto il Joint-Lab sulla Sicurezza e coordinatore del Programma di Dottorato in Ingegneria Informatica della Sapienza. In passato ha partecipato a diversi progetti italiani ed Europei nell’ambito della sicurezza e dell’egovernment ed è stato nell’executive board di RESIST una rete d’eccellenza sulla Sicurezza e Affidabilità dei sistemi informatici, coordinatore del progetto Europeo SM4ALL sullo sviluppo di middleware per case intelligenti e coordinatore scientifico del progetto CoMiFin per la protezione delle infrastrutture finanziarie da attacchi informatici.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’agenzia per la cybersicurezza nazionale nasce con colpevole ritardo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

Fratelli d’Italia è stata la prima forza politica a chiederne l’istituzione già tre anni fa e da questa responsabilità il governo non può esimersi”. Lo dichiara il vicecapogruppo vicario di Fratelli d’Italia al Senato, Isabella Rauti. “Basti pensare che lo stesso ministro per l’Innovazione Colao ha dovuto ammettere che il 95 per cento dei server della pubblica amministrazione sono obsoleti – sottolinea Rauti – per capire la necessità per l’Italia di dotarsi di una architettura cibernetica tale da garantire sicurezza ai nostri sistemi informatici. Sarà forse una coincidenza che ci troviamo a parlare e decidere su questa materia quando il Ced della Regione Lazio è stato oggetto di un cyber attacco. Ma il punto è che ben prima che fosse inserito all’interno del Pnrr il tema della transizione digitale, FdI aveva chiesto che ci si occupasse e si provvedesse a rendere resilienti le Reti “. “L’hackeraggio, la manipolazione harward e software, lo spionaggio informatico – conclude Rauti – sono una sfida sistemica, geopolitica e geostrategica e la risposta non può essere un carrozzone politicizzato’ ma un’Agenzia pubblica, competente e dinamica. Il quinto dominio, quello cyber, è diventato un teatro operativo e la cybersicurezza deve essere trattata come un asset fondamentale per la sicurezza e l’interesse nazionale”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fortinet protegge la strada verso il 5G

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 febbraio 2019

Fortinet Fortinet (NASDAQ: FTNT), leader mondiale nelle soluzioni di cybersicurezza integrate e automatizzate, annuncia funzionalità estese per proteggere la strada verso il 5G con la sua ampia gamma di soluzioni per reti core mobile e infrastrutture cloud, tra cui la tecnologia SPU virtuale e sistemi avanzati di sicurezza ad alte prestazioni. Con la promessa di velocità di connessione più elevate, connettività su ampia scala e nuove opportunità di profitto, il 5G avrà un profondo impatto sulla mobilità e sulla trasformazione digitale. Fortinet si trova in una posizione unica per offrire ai suoi clienti sistemi avanzati di sicurezza e prestazioni che forniscono funzionalità carrier class, rapida scalabilità, visibilità approfondita e controllo granulare per proteggere le infrastrutture core mobile, cloud edge e IoT.
L’avvento del 5G estenderà la connessione digitale a pressoché ogni aspetto della nostra vita. In molti dei casi di utilizzo, per certi versi futuristici, come per i veicoli autonomi, le esperienze immersive di AR/VR, le smart city, la latenza ultra-bassa, l’ampiezza e la velocità di banda, la fornitura è stata il pezzo mancante del puzzle. Ormai da anni, l’interconnessione mobile di tutte queste parti sembrava inevitabile, eppure la massiccia densità di connessioni, tutte con una velocità adeguata, latenza e servizi correlati, era rimasta finora irrealizzabile in tutti i, finora limitati, test teorici.
Con il 5G e gli imminenti progressi dell’ordine di grandezza e in termini di ampiezza di banda, connessione e possibilità di utilizzo, c’è un’opportunità per l’innovazione end-to-end nel momento in cui l’infrastruttura mobile si trasforma in una piattaforma e un catalizzatore per la creazione di valore e l’innovazione dei servizi. Più che mai, i fornitori di rete mobile diventeranno abilitatori di business in sicurezza. Ad esempio, i service provider avranno nuove opportunità di generare profitti nell’IoT, come l’automazione nel settore manufacturing, telemetria industriale, sistemi di risposta alle emergenze, chirurgia robotica, streaming video 4K UHD e altro ancora. Tuttavia, queste innovazioni porteranno anche a un corrispondente aumento di potenziali denial of service, minacce avanzate e altre forme di attacco informatico sull’infrastruttura core di rete stessa. La sicurezza è imperativa per proteggere e gestire l’evoluzione delle reti mobili 4G e le nuove 5G. Questi nuovi casi di utilizzo dei servizi necessitano di una serie di funzionalità oltre a un firewall stateful, con capacità e affidabilità tali da soddisfare gli obiettivi SLA (service level agreement) in termini di tempistiche e qualità dell’esperienza.
Fortinet offre soluzioni di sicurezza strategiche specificamente progettate per affrontare le sfide uniche che gli operatori devono affrontare nella migrazione delle loro core network per fornire servizi mobili 4.5G e 5G. Offre la possibilità di creare un framework di sicurezza che aiuta a ottimizzare i costi di lancio e di gestione di nuovi servizi e opportunità di profitto, mitigare le minacce avanzate e a raggiungere gli obiettivi in termini di livello di servizio. I service provider possono realizzare tutto ciò sfruttando la sicurezza avanzata e i sistemi ad alte prestazioni di Fortinet che offrono agli operatori mobili una migliore visibilità attraverso analisi complete e correlate, la capacità di contrastare complesse minacce di sicurezza interne ed esterne che incidono su infrastrutture e servizi di rete su larga scala.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuovi FortiGate Next-Generation Firewall di Fortinet

Posted by fidest press agency su domenica, 17 febbraio 2019

Fortinet® (NASDAQ: FTNT), leader mondiale nelle soluzioni di cybersicurezza integrate e automatizzate, ha annunciato i suoi nuovi FortiGate Next-Generation Firewall (NGFW) ad alte prestazioni con le serie FortiGate 3600E, FortiGate 3400E, FortiGate 600E e FortiGate 400E, che consentono alle aziende di implementare la segmentazione Intent-based all’interno della propria infrastruttura di sicurezza. L’Intent-based Segmentation consente alle organizzazioni di ottenere un controllo granulare degli accessi, una valutazione continua dell’affidabilità, visibilità end-to-end e protezione automatica dalle minacce. Oltre a fornire la segmentazione Intent-based, FortiGate 3600E offre protezione dalle minacce da 30Gbps e prestazioni di SSL inspection da 34Gbps. FortiGate 3400E offre una protezione dalle minacce da 23Gbps e prestazioni di SSL inspection da 30Gbps.
FortiGate ha ottenuto da parte degli NSS Labs una serie di valutazioni “Recommended” nei group test dei Next-Generation Firewall, date le prestazioni elevate di SSL inspection con il minimo impatto sulle performance, tra gli altri parametri di valutazione.
La combinazione della crescita aziendale, dei workload che migrano verso molteplici cloud e dell’aumento degli attacchi informatici rende difficile per le organizzazioni riuscire a mantenere una solida architettura di sicurezza che applichi efficacemente policy di sicurezza coerenti attraverso tutti gli ambienti di rete. Disporre di reti flat, con un singolo punto di enforcement aggrava ulteriormente questo problema, rendendo più semplice per i criminali informatici entrare nella rete. Una volta entrati, diventano parte della “zona fidata”, potendo diffondere rapidamente le minacce lateralmente. È estremamente difficile individuare e contenere questi criminali informatici mentre si addentrano più in profondità nella rete, con conseguenti rischi a cascata e la sottrazione di dati preziosi.
Poiché le strategie di sicurezza esistenti non riescono a tenere il passo con un complesso panorama di sicurezza, le organizzazioni cercano una protezione predittiva e adattativa che prevenga la diffusione delle minacce attraverso la rete. Con l’Intent-based Segmentation, le organizzazioni ottengono una sicurezza adattiva segmentando in modo intelligente le risorse IT in base agli obiettivi aziendali, come ad esempio la conformità, avendo più punti di applicazione. La protezione adattiva si ottiene implementando un controllo capillare degli accessi basato su livelli di fiducia variabili e sicurezza avanzata ad alte prestazioni.
“La segmentazione sta diventando fondamentale come l’applicazione di patch nei sistemi vulnerabili. L’Intent-based Segmentation allinea gli obiettivi di business con i cambiamenti dell’infrastruttura e separa dinamicamente l’infrastruttura per proteggere utenti, dati e sistemi. Elemento fondamentale della segmentazione Intent-based è il NGFW a elevate prestazioni. Le nuove serie FortiGate 3400E e 3600E offrono protezione dalle minacce leader del settore e performance di SSL inspection che consentono ai clienti di sviluppare un’architettura end-to-end olistica.” ha commentato John Maddison, EVP of products and solutions di Fortinet.Fortinet facilita l’adozione da parte delle organizzazioni dell’Intent-based Segmentation con l’introduzione dei nuovi FortiGate NGFW ad alte prestazioni, che includono le soluzioni FortiGate 3600E, FortiGate 3400E, FortiGate 600E e FortiGate 400E. Come parte del Security Fabric di Fortinet, i nuovi NGFW FortiGate offrono alle organizzazioni policy di sicurezza integrate e coerenti in modalità on-premise e cloud. Basati su Security Processor Unit (SPU) personalizzati, i nuovi NGFW FortiGate offrono visibilità completa e protezione avanzata dalle minacce senza incidere sulle prestazioni.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fortinet presenta una nuova soluzione di Network Access Control per la sicurezza IoT

Posted by fidest press agency su domenica, 16 settembre 2018

Fortinet® (NASDAQ: FTNT), leader mondiale nelle soluzioni di cybersicurezza integrate e automatizzate, annuncia FortiNAC, una nuova linea di prodotti per il controllo degli accessi alla rete che offre segmentazione della rete e risposte automatizzate per la sicurezza IoT.
Il massiccio aumento di dispositivi IoT privi di protezione, tra cui l’IoT industriale e sanitario, richiede nuovi strumenti per la protezione delle reti. La nuova linea di soluzioni FortiNAC di Fortinet offre il controllo degli accessi alla rete per proteggere gli ambienti IoT e offre maggiore visibilità, controllo e funzionalità di risposta automatica. FortiNAC fornisce una profilazione dettagliata di ciascun dispositivo sulla rete e consente una segmentazione granulare della rete e risposte automatiche per modificare lo stato o il comportamento del dispositivo. Ciò garantisce che ogni dispositivo abbia accesso solo agli item approvati sulla rete.I dispositivi IoT non protetti lasciano le organizzazioni vulnerabiliL’utilizzo di dispositivi IoT sta crescendo a un ritmo eccezionale man mano che le organizzazioni adottano la digital transformation per consentire una migliore efficienza operativa. Secondo Gartner “gli endpoint Internet of Things cresceranno con un tasso di crescita annuale composto del 32% dal 2016 al 2021, raggiungendo una base installata di 25,1 miliardi di unità.”[1] L’enorme volume di dispositivi, inclusi quelli IoT, aziendali e BYOD, che cercano di accedere alla rete cablata e wireless, stanno espandendo esponenzialmente la superficie di attacco e aumentando i costi interni in termini di fornitura, gestione e conformità. La responsabilità di collegare e proteggere l’accesso si è spostata da una questione di rete a una questione di sicurezza e pone una sfida alle organizzazioni: i responsabili della sicurezza devono proteggere ogni singolo dispositivo ogni volta, mentre ai criminali informatici basta una porta aperta, un dispositivo sconosciuto o compromesso o una vulnerabilità non coperta per aggirare tutti gli sforzi a protezione della rete.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »