Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘dacia maraini’

Dacia Maraini racconta tre donne in cerca d’amore

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 gennaio 2018

dacia marainiModena, a BPER Forum Eventi martedì 30 gennaio alle 21 Dacia Maraini racconta tre donne in cerca d’amore. Il nuovo romanzo della scrittrice, “Tre donne” è un dialogo a più voci tra nonna, madre e figlia. E l’arrivo imprevisto di un uomo rompe l’equilibrio di una convivenza già difficile.
E’ “una storia d’amore e disamore” con protagoniste tre generazioni di donne: Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa dove è assente da tempo un uomo. La nonna, Gesuina, ha superato i sessant’anni, è aperta e instancabilmente curiosa del mondo e dei giochi dell’amore. Maria, sua figlia, vorrebbe invece fuggire la realtà, è chiusa fra le sue carte di traduttrice e i suoi sentimenti sono rivolti a un altrove lontano. E poi c’è Lori, 16 anni, immersa nella confusione dell’adolescenza. Poco, dunque, hanno in comune, tranne il fatto che tutte e tre, ciascuna a modo suo, tengono un diario. La nipote nel modo più tradizionale, su un quadernino che poi nasconde dentro un buco del muro, dove, peraltro, quando troppo si annoia, la nonna, che della casa e dei suoi muri conosce tutti i segreti, se lo va a leggere. La figlia scrive lunghe lettere — ostinatamente su carta — al suo corrispondente lontano registrando con puntiglio sentimenti e avvenimenti; e la nonna, che scribacchina non è, incide il racconto delle sue giornate sul nastro di un piccolo registratore che l’accompagna sempre. Tutto cambierà quando nelle loro vite irrompe un uomo e trovare un nuovo equilibrio significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Il romanzo fotografa con un taglio inedito i percorsi del desiderio in tutte le età della vita. (foto: dacia maraini)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rischio aggressioni donne-medico

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 febbraio 2010

Circa 90 medici su 100 sono a rischio di aggressioni e violenze nelle sedi di continuità assistenziale (ex guardia medica). Di questi, il 45% sono donne. E’ l’allarme lanciato dal Sindacato Medici Italiani del Lazio nel corso della tavola rotonda che si è svolta a margine dello spettacolo teatrale “Passi affrettati”, scritto e diretto da Dacia Maraini, che si è tenuto a Roma il 9 febbraio all’Università la Sapienza. L’incontro, che rientra nella campagna mondiale ‘Mai più violenza sulle donne’ promossa e sostenuta da Amnesty International, ha catalizzato l’attenzione dei media e dei numerosi partecipanti, che hanno affollato l’aula magna dell’ateneo, relativamente ad una problematica che caratterizza tristemente il nostro tempo. “Circa 9 medici su 10, addetti al succitato servizio sanitario, vengono aggrediti all’interno delle postazioni di lavoro. Il 60% subisce minacce verbali, il 20% percosse, il 10% atti di vandalismo ed il 10% violenza a mano armata”, ha dichiarato nel corso del dibattito Pina Onotri, segretario organizzativo dello Smi-Lazio che ha aggiunto: “Non è più possibile ignorare i rischi a cui che le donne-medico sono costantemente sottoposte durante il proprio mestiere. Basti pensare ai turni di notte effettuati dalle colleghe, in cui può accadere qualunque cosa. Tra visite domiciliari in luoghi isolati e sperduti alla mercè di chiunque, all’assistenza ambulatoriale nelle stesse postazioni di continuità assistenziale, aperte a tutti a qualunque ora del giorno e della notte. E i fatti di cronaca parlano chiaro. Violenze, aggressioni, minacce sono all’ordine del giorno. L’ultima risale proprio allo scorso novembre, quando una collega è stata brutalmente aggredita mentre svolgeva il proprio turno in una sede di continuità assistenziale della Puglia. Da sempre chiediamo e pretendiamo maggior sicurezza nelle sedi dell’ex guardia medica, prive di sistemi di sicurezza idonei come inferriate, porte blindate, videocitofoni, contatti diretti con il 118 o il 113. Ma, nonostante i fatti parlino chiaro, non c’è ancora un’attenzione adeguata da parte delle istituzioni. Per questo siamo molto grati per la preziosa occasione che la scrittrice Dacia Maraini, in collaborazione con Amnesty International, ha dedicato a problematiche di estrema gravità e non più trascurabili”.  In questo scenario non bisogna sottovalutare l’informazione e, soprattutto, “la formazione dei futuri medici, a cui vanno consegnati strumenti di consapevolezza e riflessione sulle tematiche in questione”, ha sottolineato durante la tavola rotonda Cristina Patrizi, segretario regionale ‘Siameg’ (Società Italiana per l’aggiornamento del medico di medicina generale e Società scientifica dello Smi-Lazio), il cui impegno è costantemente incentrato sulla formazione del personale sanitario. “E’ sempre più importante formare e sensibilizzare in maniera adeguata le nuove generazioni che si apprestano a svolgere questo complesso e delicato mestiere. Urge un dialogo costante e profondo con i giovani, ovvero con quella fascia d’età in fase di crescita e formazione, affinchè riflettano su alcune dolorose ed intricate realtà, che possono essere affrontate e cambiate solo attraverso una piena presa di coscienza degli eventi, talvolta scandalosi, relativi al proprio mestiere”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiacchierata con l’autore

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2010

Pescasseroli 8 gennaio 2010 ore 17:30 Biblioteca Comunale,  Concita De Gregorio e Dacia Maraini dialogano sull’amore. Letture di Daniela Poggi coordina Maria Rosaria La Morgia Dacia Maraini – La ragazza di via Maqueda Un corposo e importante viaggio nei racconti di Dacia Maraini che attraversa il tempo e si svela attraverso la storia e i luoghi. Concita De Gregorio – Malamore esercizi di resistenza al dolore:  Cosa spinge la donna a convivere con la violenza? Il malamore è gramigna, cresce nei vasi dei nostri balconi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dacia Maraini: Passi affrettati

Posted by fidest press agency su martedì, 10 novembre 2009

dacia marainiRoma 13 novembre 2009 – ore 17.00 Aula Magna – Università degli studi “ Roma Tre” Via Ostiense n. 234 Testimonianze di donne ancora prigioniere della discriminazione storica e famigliare. Dalla Cina alla Giordania, dalla Nigeria alla California fino alla “civilissima” Europa, nelle storie narrate da Dacia Maraini riecheggia un dolore comune tra culture diverse. Una panoramica veloce da un angolo all’altro del pianeta, per confermare un dato che non conosce differenze fra Paesi ricchie e Paesi poveri: la violenza sulle donne è in aumento.  “Una testimonianza, una denuncia, ma anche un atto di simpatia e di attenzione – afferma Dacia Maraini – verso tutte quelle donne che sono ancora prigioniere di un matrimonio non voluto di una famiglia violenta, di uno sfruttatore, di una tradizione e di una discriminazione storica difficile da superare”. Per offrire un concreto contributo alla lotta contro la violenza sulle donne, SOLIDEA istituzione di genere femminile e solidarietà, della Provincia di Roma, in collaborazione con l’università “Roma Tre” (docente di drammaturgia italiana prof. Giorgio Taffon) e Amnesty International, promuovono a Roma e nel Lazio  la Mise en scène teatrale PASSI AFFRETTATI a cura di Dacia Maraini, con: Gabriele Tuccimei, Nino Bernardini, Renata Zamengo, Annalisa Picconi, Elisabetta Centore, voci narranti.  E’ in libreria il testo integrale dello spettacolo (edizioni Mario Ianieri euro 9,50 pag. 78) con prefazione di Lilli Gruber e postfazione di Maria Rosaria La Morgia. I diritti letterari di Dacia Maraini per questo libro verranno interamente devoluti a favore di donne che hanno subito violenza. Gli interventi previsti (nell’ambito del progetto “Educazione ai sentimenti. Passi affrettati nelle scuole di Roma e Provincia”) nel corso del giorno 13/nov./2009, dopo la rappresentazione, sono di  Claudio Cecchini, assessore alle politiche sociali della Provincia di Roma, Maria Grazia Passuello presidente Istituzione Solidea, Riccardo Noury portavoce di Amnesty International Italia, (Dacia Maraini)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia esporta cultura in Spagna

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 aprile 2009

maraini“E non è una cultura qualsiasi, ma un’opera della grande Dacia Maraini, giornalista e apprezzata scrittrice di romanzi e di opere teatrali, da sempre coinvolta in tematiche sociali rilevanti, tra cui la violenza sulle donne.. “Passi Affrettati” porta alla luce otto storie di donne: maltrattate, stuprate, e, spesso, uccise. Racconta di casi accaduti in varie parti del mondo, raccolti con la collaborazione di Amnesty International, che partecipa al progetto assieme alla Maraini che ha curato l’adattamento dalla cronaca al linguaggio teatrale. Il risultato è un’opera commovente, una rappresentazione della follia, del dolore, della solitudine che arriva dritta al cuore, grazie a una trasposizione che all’azione scenica, privilegia i dialoghi, le storie e i sentimenti. “Passi Affrettati” è uno spettacolo perfetto per durata, 55 min, per le emozioni e reazioni che suscita nello spettatore e per la tecnica interpretativa “oratoriale” degli attori. Inoltre, la scelta delle musiche favorisce e sottolinea drammaticità e importanza delle storie raccontate sul palco. E’ un passo avanti, l’opera della scrittrice “abruzzese”. E’ una mossa intelligente perché mostra ai ragazzi che hanno visto l’opera un problema così forte in tutta la sua efferatezza:  la rappresentazione sa mantenere viva l’attenzione e tenta di provocare una reazione di totale rigetto verso la violenza.  E’, spesso, troppo scontato credere che esistano solo ragazzi distratti dal loro telefonino o iPod: ad Arona, lo scorso 28 di marzo, trecento studenti delle scuole medie hanno assistito allo spettacolo in un totale silenzio, quasi a bocca aperta, elaborando tutte le sensazioni che gli attori trasmettevano. Come loro sono rimasti colpiti gli studenti di Borgomanero, Varese, Imperia e gli studenti delle Università di Messina, di Terni, etc. L’opera è stata vista anche all’estero: l’hanno apprezzata negli atenei di Leicester, di Parigi (Università Parigi 8) e ora anche gli studenti dell’Università di Valencia. Il lavoro di Dacia Maraini non giunge in Spagna in un momento qualsiasi: all’inizio dell’anno a Siviglia c’è stato un terribile caso di violenza. Marta del Castillo, 17 anni, è stata uccisa per mano del suo ex fidanzato, di tre anni più grande. Il ragazzo ha confessato alla polizia, in un primo momento di avere gettato il corpo di Marta nel fiume sivigliano Guadalquivir. Ma, dopo una inutile ricerca durata lunghe settimane, lo stesso omicida ha ritrattato, dicendo di avere gettato il cadavere della povera ragazza in un cassonetto dell’immondizia. Tuttavia, ad oggi, i genitori di Marta del Castillo ancora attendono di dare una degna sepoltura alla loro figlia. Un caso che ha scosso profondamente la Spagna, sia per la giovane età dei protagonisti, sia per il dolore dei genitori che hanno chiesto personalmente al premier José Luis Rodríguez Zapatero la reintroduzione della pena di morte per i casi di omicidio.  Benché in Spagna dal 2004 esista una tra le più severe leggi contro la violenza sulle donne, benché la presenza di una ministra dell’eguaglianza, giovane e battagliera, Bibiana Aído Almagro,  nel paese si continua a registrare un aumento delle morti: la media è di circa 70 vittime l’anno. Numeri che sono maggiori in Italia, dove dal 2006 al 2008 si è passati da 101 a 113 vittime. Davanti a queste cifre, il governo italiano ha approvato rapidamente una legge molto articolata sul fenomeno ribattezzato “stalking”, ovvero che tratta tutti i casi di violenza, maltrattamento e persecuzione.  “Passi Affrettati” si inserisce, quindi, in entrambi i paesi, come un’opportunità di riflessione su un tema comune che l’arte può aiutare meglio a comprendere, prevenire e combattere. (Vanesa Lerín Balaguer in sintesi) (foto maraini)

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le due autrici

Posted by fidest press agency su sabato, 21 marzo 2009

dacia-marainiRoma, martedì 24 marzo, h. 18:00  Libreria MelBookStore, via Nazionale 254-255 Dacia Maraini in scena con Marianna, Veronica, Camille e le altre di Gioconda Marinelli e Angela Matassa, edito da Ianieri Edizioni di Pescara, interverranno le due autrici e soprattutto sarà presente Dacia Maraini che potrà illustrare così in prima persona gli aspetti più interessanti di questo volume a Lei dedicato. Durante la presentazione, ci sarà anche un omaggio musicale dell’artista Maurizio Santilli dedicato proprio alla Maraini e alle sue donne.  Un libro per celebrare le Donne!, le protagoniste assolute del “teatro di Dacia”, ripercorrendo, nel solco della sua pluridecennale carriera teatrale quale autrice di indiscusso valore internazionale, alcune delle opere teatrali più significative messe in scena. Il volume è arricchito da una serie di foto, molte delle quali inedite, che “raccontano” anche visivamente l’impegno profuso da Dacia Maraini nel corso della sua lunga carriera. (foto dacia maraini)

Posted in Cronaca/News, Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »