Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘Daina Maja Titonel’

Suzanne Rubin Serenity a cura di Daina Maja Titonel

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 settembre 2019

Roma 3 ottobre – 9 novembre 2019 MAC Maja Arte Contemporanea Via di Monserrato 30. La MAC Maja Arte Contemporanea è lieta di ospitare per la prima volta in Italia le opere della fotografa americana Suzanne Rubin. In mostra una selezione di quindici fotografie che appartengono alla serie “Serenity”, un progetto che copre un arco temporale di circa cinque anni.Il lavoro di Suzanne Rubin trae origine e si alimenta degli incontri casuali. “Per le strade, in metropolitana, nei ristoranti, in una palestra, un museo, ovunque cerco, cerco il volto ‘giusto’, il gesto. Non conosco nessuna delle persone che ritraggo: sono sconosciuti che catturano la mia attenzione per un’andatura bizzarra, una strana postura, un movimento ‘spento’, uno sguardo distante, scomodo. E’ la sensazione che ci sia qualcosa di sbilanciato, emarginato, al di fuori delle convenzioni, che mi attira verso di loro. Ne percepisco sentimenti vari come il disagio, la tristezza, la rabbia, il dolore” – spiega Suzanne.Dalla casualità di quegli incontri prende corpo il ritratto che Rubin realizza solo successivamente in luoghi raccolti, in presenza esclusiva dell’artista e della persona che ha accettato di raccontare la propria storia in uno scatto, di essere ‘vista’ dal resto del mondo attraverso l’obiettivo di Suzanne: “Aspiro alla verità a dispetto dell’inganno; a vedere e restituire in una foto la realtà di quelle persone che non mascherano la propria condizione, per restituire bellezza a ciò che ci rende umani, vulnerabili, meravigliosamente unici.”Non è serenità quella che si irradia dai volti ritratti. Il titolo, se da una parte evoca il desiderio di raggiungere questo particolare stato di grazia (“Credo profondamente che la strada per la serenità debba essere preceduta da una volontà irremovibile di affrontare chi siamo veramente.” [S.R.]), dall’altra racconta un sentimento che si insinua fugace durante le sessioni fotografiche, quell’attimo speciale di connessione elettiva tra due persone.
Suzanne Rubin nasce a St. Louis, Missouri. Vive e lavora tra la California, New York e Parigi.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra: “Handle with care”

Posted by fidest press agency su martedì, 10 ottobre 2017

Handle with careRoma venerdì 27 ottobre 2017, ore 18 (la mostra resterà aperta fino al 9 dicembre prossimo) Via di Monserrato 30 (Orari apertura: martedì – venerdì h. 15-20; sabato h. 11-13 / 15-19,30. Chiuso lunedì e festivi. Altri orari su appuntamento. Ingresso libero)inaugurazione Mostra Handle with care a cura di Daina Maja Titonel in cui si presenta per la prima volta a Roma le opere dell’artista francese Pierre-Yves Le Duc. La ricerca dell’artista si concentra principalmente sulla realizzazione di installazioni monumentali dedicate a precisi luoghi, cicli di opere complesse e articolate con una forte impronta progettuale. Tra questi si espone una selezione di dodici lavori appartenenti alla serie GU, quattro della serie Cosmic whore e il trittico Bandiera.
Esposta nel 2004 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, l’installazione GU (acronimo di “genoma umano” e di “giudizio universale”), è una light box monumentale composta da cento dipinti (inchiostro di china su carta, “technique de la réserve”) in cui compaiono segni antropomorfici in crescita numerica man mano che dal centro si procede verso l’esterno. I segni – ominidi di pura luce – si moltiplicano sottraendo materia nera al supporto, fino ad essere ipoteticamente così numerosi da cancellare la loro individualità restituendo alla vista l’illusione del foglio bianco iniziale. A questa visione centrifuga si contrappone quella centripeta, in una sorta di rarefazione dell’essere fino all’estinzione definitiva di ogni forma di vita, predominio della materia nera. Non ci sono indicazioni sul senso di lettura, ma piuttosto un questionare sulla vulnerabilità della condizione umana.
Il titolo Handle with care (maneggiare con cura) si riferisce non solo all’uomo, la cui sopravvivenza dipende drammaticamente da questioni ambientali, demografiche, politiche, sociali, etc. Le Duc affronta in questa mostra un secondo argomento delicato, quello della sessualità, esponendo sette dipinti le cui immagini trasfigurate si aprono a letture multiple volutamente ambivalenti. Le tele bianche (acrilico su tela di cotone e velo di lino) sono concepite talmente pure da suggerire che qualsiasi cosa si avvicini ad esse possa corromperle. Tecnicamente sono il frutto di un processo di continua sottrazione, rarefazione, e in tal senso sono ambigue perché negano la pittura stessa facendone sparire ogni traccia. Il tema è inserito in un contesto di purezza assoluta estraneo al minimalismo, figlio piuttosto di una schiettezza emotiva priva di fronzoli, di ghirigori puritani, di leziosità letterarie, e soprattutto mai alla ricerca di facili provocazioni.
Pierre-Yves Le Duc nasce in Francia nel 1964. Nel 1988 si laurea alla Sorbona in letteratura italiana. Inizia in questi anni un periodo di formazione a tutto campo durante il quale la naturale inclinazione per l’arte si alimenta attraverso una frequentazione assidua di teatri, spettacoli di danza contemporanea, gallerie d’arte, musei e concerti. Durante gli studi si reca frequentemente in Italia, fino a decidere di trasferirsi a Napoli dopo aver ottenuto una borsa di studio. Nel 1989 realizza le sue prime opere. Fondamentale è l’incontro nel 1992 con Alfredo Bovio Di Giovanni. Il sodalizio tra i due artisti è sigillato da una fortissima amicizia e da una stima reciproca. Le Duc frequenta assiduamente il laboratorio di Di Giovanni fino alla sua morte nel 1995; deve a lui l’apprendimento dei rudimenti del “mestiere” e la pratica “accademica”.
Le Duc ha esposto in Italia (Milano, Napoli, Pavia, Salerno, Sorrento, Torino, etc.) e all’estero (del 2012 la personale ad Atlanta, Stati Uniti). E’ presente in importanti fiere quali Basilea Art Fair, Miami Art Fair e Artissima. Ulteriori informazioni sull’artista su http://www.pierreyvesleduc.com orari: martedì – venerdì h. 15-20 | sabato h. 11-13 e 15-19,30, chiuso lunedì e festivi.(foto: Handle with care)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Janine Von Thungen: Mama

Posted by fidest press agency su domenica, 5 ottobre 2014

mamaRoma Venerdì 10 ottobre 2014 h. 17-20,30MAC Maja Arte Contemporanea via di Monserrato 30, Durata:10 ottobre – 15 novembre 2014 A cura di Daina Maja Titonel Orari mostra Martedì – Venerdì h. 15-20 | Sabato h. 11-13/15-19.30 Chiuso lunedì e festivi Altri orari su appuntamento Apertura straordinaria DOMENICA 19 OTTOBRE 2014, h. 11-13/15-19.30. Quindici le opere in mostra tra disegni e sculture realizzate in diversi materiali e tecniche (legno, alluminio, cera, ottone, etc.) e una installazione sonora. Suono e voce ricorrono nella produzione artistica della von Thüngen; in alcune sue installazioni sono parte integrante dell’opera, mentre in questi ultimi lavori hanno un ruolo centrale. La voce, al pari dell’impronta digitale o dell’iride dell’occhio, caratterizza in modo unico l’individuo. L’emissione di un suono o di una parola ha inoltre la valenza di una performance: è qui e adesso, è un momento irripetibile. In un rapporto di reciprocità il suono come scultura penetra lo spazio e lo occupa seppure per un tempo finito mentre la scultura, divenuta traccia persistente del suono, ne conserva concretamente la suggestione. E’ da queste riflessioni che nascono gli ultimi lavori della von Thüngen, con un elemento aggiuntivo definito. La sua ricerca non ruota attorno ad un suono qualunque: la scultura prende corpo, è generata, partorita dalla pronuncia della parola MADRE (“mutter”, “mama”, “mother”, “mamma”, “mom”, “maman”, …). MAMA come impronta emotiva comune della prima esperienza di relazione tra il sé e l’altro. MAMA come la madre di tutte le relazioni. (mama)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »