Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘database’

AURAK Ranks High in the Scopus Database

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 ottobre 2018

The American University of Ras Al Khaimah (AURAK) ranked twelfth among 103 UAE institutions with Scopus affiliations, with a total of 403 Scopus documents published by the AURAK faculty and researchers. Scopus is the largest database of peer-reviewed literature, encompassing scientific journals, books, and conference publications. The extensive global scholarship indexed in Scopus includes research in science, arts and humanities, social sciences, medicine, and technology. A high ranking in Scopus is understood by many to be one of the top indicators of excellence in research worldwide.AURAK is a public non-profit, independent, coeducational institution of higher education, which provides an integrated North American-style education. It is accredited by the Ministry of Education in the UAE and offers twenty-two undergraduate and graduate programs across a wide range of disciplines. In September 2017 AURAK stood at the 24th position out of 98 institutions with Scopus affiliations in the UAE, with 249 Scopus publications. Within a period of one year there has been a 62 percent increase in Scopus publications with the 2018 ranking, with AURAK climbing the competitive ladder to the twelfth slot out of 103 institutions, and with the faculty publishing 403 Scopus documents. With its prodigious rate of quality publications, AURAK has risen higher in the rankings even with increased numbers of competitors in the field.
The Provost, Professor Stephen Wilhite, observed that faculty engagement in research is fundamental the university’s achievement of its mission to exemplify the highest standards of teaching and research. “As accomplished researchers, faculty members model for their student’s active engagement in advancing knowledge in their discipline.” AURAK President, Professor Hassan Al Alkim, is elated with the hard work and progress of his faculty, “This type of results supports our claim that our faculty is not only certified, but is comprised of highly qualified professionals that are on the forefront of contemporary research and that our institution is indeed highly competitive among the leading Arabic institutions in the UAE. Not only did our institution improve its status from last year, but it did so even in a broader, more competitive atmosphere. Our students are receiving a first-rate education from first-rate professors who are highly active in the academic world of research and on the cutting edge of innovative ideas.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New database gives scientists hope for helping coral reefs

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 aprile 2016

With the future of coral reefs threatened now more than ever, researchers have announced the release of a new global database that enables scientists and managers to more quickly and effectively help corals survive their many challenges.In a paper describing the database, published recently in Scientific Data, Professors Andrew Baird and Sean Connolly from the ARC Centre of Excellence for Coral Reef Studies (Coral CoE) say the Coral Trait Database will assist scientists working on coral reefs answer a multitude of questions.“The trait database is the first of its kind for corals and will allow coral reef scientists to begin to address many significant, unresolved questions – and much faster,” Professor Baird says.“Traits are fundamental to most aspects of the ecology and evolution of coral1organisms,” he explains. “For example, the Great Barrier Reef is now in the grip of perhaps the largest coral bleaching episode in history, and this database can help scientists explain why some species are more susceptible than others.”Associate Professor Joshua Madin from Macquarie University’s Genes to Geoscience Research Centre, who led the team developing the database, adds, “In fact, there are hardly any questions you can’t ask of the database: its number of uses are extraordinary, but progress in these areas has been hindered by the lack of readily accessible trait data.”
Baird, Madin and their colleagues spent thousands of hours compiling the database over the past few years. They sifted through papers published in journals, tables printed in books, and examined other resources scattered around the globe.
Some of the data had been buried in obscure, often difficult to access – but highly informative – books dating back to the 1800s. The Coral Trait Database promises to save a lot of time, money and effort across all fields of coral reef studies.“A lot of these data were not easily accessible, and it was expensive for many to get to,” explains Professor Sean Connolly. “So much of the Coral Trait Database content was previously only available to the “elite”. The existence of this tool also means the coral reef research community can cut down on redundant research efforts.”Coral reefs remain one of the most diverse and valuable ecosystems on the planet, hosting more species than any other marine environment. Globally, an estimated 275 million people rely directly on coral reefs for food, protection from waves and storms, income, and cultural value. They are also crucial in providing protection and habitat for healthy fish populations. However, in the past 20 years, coral cover has diminished by as much as 95 percent in some locations.Climate change and the El Niño of the recent months combined are currently contributing to a global mass-bleaching event – and on a scale previously unseen in recorded history. Added stresses from pollution and over-fishing further complicate coral reef health.“Coral reefs are changing rapidly, and that is unlikely to slow down,” Madin says. “If we don’t understand these changes, we can’t protect these species-rich ecosystems. We need to speed the science up, and to think creatively about how to do that.”“We hope this database will support scientists trying to make a difference by providing them access to the data they need quickly, and at no cost.”
The Coral Trait Database houses physiological, morphological, ecological, phylogenetic and biogeographic trait information at: https://coraltraits.org with the vision of being an inclusive and accessible data resource to more rapidly advance the science and management of a sensitive ecosystem at a time of unprecedented environmental change. The database is open and accessible to the public.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

University Report di JobPricing: ottimi i risultati dell’Università di Parma

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaE’ stato recentemente pubblicato l’University report di JobPricing, l’Osservatorio sulle retribuzioni sviluppato da Mario Vavassori in collaborazione con Repubblica.it. Si tratta di uno studio sul “valore” delle università e dei livelli di istruzione effettuato a partire dal Database di JobPricing, che contiene una serie di analisi mirate a verificare se esistono delle correlazioni fra livello di istruzione, università frequentata, stipendio e carriera lavorativa. Un primo dato presente nel report è quello relativo agli anni necessari da parte dei laureati per ripagare il proprio corso di studi: Parma, con 14 anni, si colloca al quinto posto in Italia a pari merito con la LUISS di Roma, dopo Politecnico di Milano, Bocconi di Milano, Cattolica di Milano, Politecnico di Torino. La classifica è stata stilata considerando i costi diretti (tasse universitarie) e indiretti (libri, pc, materiale didattico), la rinuncia a percepire uno stipendio durante i cinque anni di studi e le prospettive retributive sul mercato del lavoro. L’ottimo dato ottenuto dall’Università di Parma dipende da un costo delle tasse universitarie certamente contenuto, unito a un alto livello della retribuzione media dei laureati dell’Ateneo.
L’Università di Parma si colloca infatti in decima posizione nella classifica relativa alla retribuzione media dei laureati nel primo decennio dal conseguimento del titolo, tra i 25 e i 34 anni, con una media di 29.894 euro all’anno. Al primo posto si colloca la Bocconi con 34.914 euro annui, seguita da Politecnico di Milano, Cattolica di Milano, LUISS di Roma, Roma Tor Vergata, Perugia, Roma Sapienza, Pavia e Genova.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Larry Ellison presenta Oracle Database In-Memory

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 giugno 2014

Larry_Elllison_on_stageCinisello Balsamo (MI) Larry Ellison presenta Oracle Database In-Memory per consentire alle aziende di avere a disposizione i dati e le informazioni necessarie per prendere rapidamente le decisioni più appropriate e per rispondere istantaneamente alle richieste dei clienti.
In un mondo dinamico, iperconnesso, mobile e social come quello di oggi, le aziende esigono reattività immediata e informazioni istantanee. In un ambiente di questo genere le aziende devono essere in grado di muoversi velocemente tanto quanto i loro clienti, B2B o B2C che siano, allo scopo di fornire le esperienze che essi richiedono.Con il lancio di Oracle Database In-Memory, Oracle fa fare alle aziende un passo decisivo verso il Real-Time. Oracle è infatti l’unica azienda in grado di implementare funzionalità in-memory ottimizzate attraverso applicazioni, middleware, database e sistemi. Oracle Database In-Memory estende trasparentemente la potenza di Oracle Database 12c per permettere alle aziende di scoprire informazioni critiche di business in tempo reale aumentando simultaneamente le performance transazionali. Con Oracle Database In-Memory gli utenti ottengono risposte immediate a quesiti di business che in precedenza avrebbero richiesto ore di tempo, e possono garantire un’esperienza migliore e più veloce ai loro interlocutori interni ed esterni.Oracle Database In-Memory raggiunge performance in-memory di punta senza bisogno di limitare le funzionalità né imporre compromessi, complessità o rischi. Installare Oracle Database In-Memory praticamente con qualsiasi applicazione compatibile con Oracle Database è facilissimo e non occorre alcuna modifica all’applicazione. La soluzione è totalmente integrata con le tecnologie per la sicurezza, la disponibilità, il tiering delle risorse storage e la scalabilità orizzontale e verticale per cui Oracle Database è famoso, affermandosi così come la proposta più solida del settore.In occasione di un evento speciale organizzato presso la sede Oracle, il CEO Larry Ellison ha descritto come la capacità di combinare l’analisi dei dati real-time con tempi di transazione inferiori al secondo sulle applicazioni già esistenti permetta alle aziende di diventare delle Real-Time Enterprise capaci di intraprendere rapidamente decisioni motivate da dati, rispondere istantaneamente alle richieste dei clienti e ottimizzare continuamente i processi più importanti.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Digital Payment Summit

Posted by fidest press agency su martedì, 10 giugno 2014

square-paymentRoma Il prossimo 12 giugno, presso  Università degli Studi Internazionali di Roma UNINT, a partire dalle ore 8.30 Con l’esplosione del fenomeno Bitcoin e con l’avanzamento della digitalizzazione in tutti i settori più importanti, dal commercio alle amministrazioni, sia pubbliche che private, non stupisce che anche realtà come Facebook, Amazon e Google, colossi già leader dei propri settori di provenienza, stiano ora rivolgendo la propria attenzione ai pagamenti digitali. Questi operatori possono usufruire di diversi vantaggi: venendo quotidianamente utilizzati da milioni di cittadini possono facilmente instillare fiducia anche per l’acquisto di nuovi servizi, inoltre potrebbero essere in grado di creare prodotti di massa ma allo stesso tempo tagliati su misura del cliente poiché i cittadini, viaggiando su Internet, lasciano traccia nei database dei siti delle loro preferenze e attitudini, informazioni utilissime per personalizzare i servizi che ad altri competitor sono accessibili solo a caro prezzo.Qualcosa di simile sta succedendo anche in Italia, dove con l’obiettivo di incentivare i cittadini nell’utilizzo dei sistemi di pagamento online anche una realtà Istituzionale come Infocamere, si è attivata affinché i contribuenti possano pagare i tributi tramite modello F24 per via telematica con Infocamere Istituto di Pagamento.Ma perché tutte queste iniziative abbiano successo e si riesca finalmente a debellare il contante ed i suoi enormi costi, è fondamentale insistere sull’educazione finanziaria e sulla diffusione delle conoscenze base che regolano i mercati ed il mondo dei pagamenti, in modo da aiutare le famiglie e le nuove generazioni a orientarsi in un clima ancora purtroppo incerto. Questi e numerosi  altri argomenti saranno dibattuti al Digital Payment Summit, un evento, occasione di incontro e di confronto tra Istituzioni, Aziende e cittadini interessati a questa realtà, che si terrà  Il prossimo 12 giugno, presso  Università degli Studi Internazionali di Roma UNINT, a partire dalle ore 8.30.
Il Digital Payment Summit, giunto ormai all’XI edizione, è l’unico evento del suo genere,   in cui la partecipazione è completamente gratuita ed aperta anche ai non addetti al settore. Quest’anno saranno presenti in qualità di relatori, illustri rappresentanti di:
Banca d’Italia – Ministero dello Sviluppo Economico – Ministero Economia e Finanze – Autorità Garante della Concorrenza – Agenzia per l’Italia Digitale – Ministero Grazia e Giustizia-  Confindustria Digitale – ABI – Consorzio CBI – Associazione Italiana Istituti di Pagamento e di Moneta Elettronica  – CartaSi – Infocamere – Pi4Pay – Sisal – Compass – Orwell –  Poste Italiane – Istituto Centrale Banche Popolari Italiane – SIA – Cedacri – Visa  – CSE – ENEL – WIND – CheBanca – Telecom – STMicroelectronics  – EMC² Italia – DLA Piper – Cabel – Ingenico – Consumer’s Forum – Il Sole 24 Ore e molti altri.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza consumatori UE

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 ottobre 2013

Le autorità di vigilanza hanno scoperto giocattoli e bijou con carenze di sicurezza in Italia e l’Unione europea provenienti principalmente dalla Cina. L’anno scorso il sistema di allarme rapido RAPEX europeo ha registrato un totale di 365 prodotti, di cui 320 provenienti dalla Cina. Quest’anno, sono più di 299 i prodotti segnalati mentre quello passato erano 240. Attraverso il database RAPEX, ricorda Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” gli stati UE avvertono gli stati membri sui prodotti pericolosi.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquistare l’usato in Toscana

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 maggio 2012

Pistoia_0016

Pistoia_0016 (Photo credit: Doc Umibozu)

Scegliere tra una nuova costruzione e un immobile usato è una delle prime scelte da prendere quando si è in procinto di acquistare una casa. L’Osservatorio Casa.it ha preso in considerazione vantaggi e svantaggi per il mercato toscano. Le nuove costruzioni al metro quadro costano in media 200 euro in più rispetto all’usato. Firenze, con i suoi 4.550 euro medi al metro quadro è la provincia più cara in cui acquistare un immobile mentre Pistoia è la più conveniente con i suoi 2.300 euro mq.L’analisi svolta dal portale immobiliare ha messo in evidenza come sia Firenze la città toscana dove acquistare una soluzione immobiliare risulta più dispendioso. In particolare, una casa nuova richiede un esborso medio di 4.750 euro al metro quadro, a fronte dei 4.400 richiesti per una usata. Il mercato immobiliare di Pistoia risulta invece il più conveniente della regione: 2.450 euro al metro quadro è il costo delle nuove costruzioni, 2.200 quello delle usate.Il capoluogo toscano è seguito da Siena che fa registrare quotazioni medie di 3.800 euro per il nuovo, contro i 3.700 euro al metro quadro necessari per l’usato. Grosseto, Livorno e Pisa si posizionano invece in terza posizione: la spesa media di 3.100 euro al metro quadro per un appartamento di nuova costruzione supera di circa 100 euro quella necessaria per uno vecchio. Con un prezzo medio di 2.750 euro mq per le nuove costruzioni, seguono poi nella classifica Prato e Arezzo dove quelle usate si aggirano sui 2.550 euro. Infine, 2.450 euro al metro quadro è la spesa media necessaria per le nuove case a Massa-Carrara e Lucca, dove per quelle usate si spendono circa 2.350 euro.“Il nostro database, dove sono presenti oltre 93.000 annunci immobiliari della regione Toscana, ha permesso anche un’indagine approfondita dell’andamento della domanda del nuovo rispetto all’usato. In particolare essa risulta in rialzo per la provincia di Massa-Carrara.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmacovigilanza su errore

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 dicembre 2011

Dei 18mila i casi di esposizione pericolosa a farmaci rilevati annualmente dal Centro antiveleni (Cav) di Milano, circa il 17% riguarda casi di errore terapeutico mentre il 3% presenta un quadro clinico riferibile a reazione avversa. È quanto emerge da uno studio pubblicato su una rivista dell’Istituto superiore di sanità, in cui viene proposto anche un progetto nazionale di farmacovigilanza sull’errore terapeutico. I 18mila casi di esposizione ai farmaci rappresentano il 40% circa della casistica complessiva esaminata, su richiesta di utenti ospedalieri ed extra ospedalieri dislocati sul territorio nazionale. L’analisi dei dati del Cav di Milano ha permesso di rilevare alcune problematiche emergenti e stimolato l’avvio di un piano regionale per la farmacovigilanza di errori terapeutici e reazioni avverse, cui hanno contribuito nel 2010 anche i Centri di Bergamo e Pavia. Con gli strumenti operativi messi a punto si è ora pronti a implementare un analogo piano di farmacovigilanza di rilevanza nazionale, il Farvicav. A tal fine è stato predisposto un sito web cui possono accedere direttamente gli altri Centri collaboranti per inserire i dati, mentre le informazioni acquisite dal database centralizzato sono condivise con l’Iss, che ha il compito di analizzarli e redigere rapporti annuali. Attualmente hanno aderito al progetto, oltre alla Lombardia, anche Campania, Puglia, Toscana e Friuli-Venezia Giulia. Si prevede che il sistema Farvicav sarà in grado di rilevare su base annua informazioni su circa 3.500 casi di errori terapeutici e 800 di reazioni avverse.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

World-Check anniversary

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2010

Zurich World-Check, the business risk and intelligence specialist, is embarking on a campaign to support the often unseen victims of the corrupt practices and crimes it seeks to eradicate to marks its tenth anniversary. 2010 marks the 10 year anniversary of World-Check, the frontrunner in providing open source research and intelligence in the global fight to combat fraud and corruption.  The company, brought to market the first internationally recognised database of Politically Exposed Persons (PEPs) and heightened risk individuals and entities.
In 2010 companies in every sector are making crucial enhancements to their compliance processes to guard against the threats of financial crime, fines and damaged reputations. Legislation such as the FCPA, the UK Bribery Act and more recently the additional Iranian sanctions are all signals that governments and regulatory bodies on both sides of the Atlantic are prepared to go further than ever before to stamp out ’white collar’ crime.”
New Anti-Money Laundering (AML) rules implemented in the UK in 2007, intensified US and EU Iranian Sanctions this year, and the UK Bribery Act which will become law in 2011 force companies to review their existing AML and anti-corruption processes. Time and again, World-Check has been first to market with effective propositions and products that specifically target the demands of the new regulatory environment. It is this unswerving commitment to monitoring and analysing regulation and enforcement that has enabled World-Check to remain number one in the marketplace.
Trusted by more than 4 500 institutions in over 160 countries, including 49 of the world’s top 50 banks, World-Check offers an end-to-end solution for assessing, managing and remediating financial, regulatory and reputational risks. World-Check’s global database of Politically Exposed Persons (PEPs) and heightened risk individuals and entities, due diligence reports, passport verification and country risk assessment tools provide the means to address the full spectrum of risk across all markets and industries. Represented across five continents, World-Check’s international research team monitors emerging risks in more than 60 languages, covering over 240 countries and territories worldwide.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno di Duke Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 giugno 2010

Milano 10 Giugno alle ore 09.00 presso ATA  Hotel Executive in Via L. Sturzo 45. Nei sistemi più moderni e complessi il CRM, la Business Intelligence, i sistemi di Performance Management nonchè quelli di rendering delle  informazioni si amalgamano e si integrano con i tool di software collaborativo fino a diventare un complesso unico. I “Clienti” sono il bene più “prezioso” di ogni azienda. Le aziende dedicano la massima cura per conquistarli, per sviluppare maggiori relazioni e  per fidelizzarli nel lungo periodo. I sistemi di CRM costituiscono quindi un  ausilio indispensabile per la gestione e profilazione della clientela. L’utilizzo di questi sistemi integrati permette la creazione di database  aziendali condivisi che sono la base necessaria per installare sistemi  di analisi, di reporting e di Business Intelligence. Sarà un’occasione per i Dirigenti e per gli EDP Managers  delle aziende per  intrattenersi nella sala DEMO con i relatori e con  i produttori italiani per ottenere informazioni utili e spiegazioni sulle  soluzioni disponibili. La partecipazione è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Distrofia muscolare

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 giugno 2009

IBM e i ricercatori supportati dal Decrypthon Program hanno lanciato la seconda fase del progetto “Help Cure Muscular Dystrophy”, finalizzato a trovare una cura per la distrofia muscolare grazie alla potenza computazionale del supercomputer World Community Grid.  Questa nuova fase del progetto estende l’analisi delle 336 proteine, effettuata nel 2005, ad altre 2280 che si ritiene rivestano un ruolo nelle malattie neuromuscolari, un gruppo di malattie croniche senza cura. I risultati della prima fase della ricerca  hanno costituito un database utilizzabile dai ricercatori molecolari e biologici e hanno creato un sistema di modellazione matematica più robusto. Il progetto ampliato continuerà ad analizzare e a documentare la funzione e le interazioni delle proteine coinvolte nella distrofia muscolare al fine di dare ai ricercatori l’opportunità di ideare nuove strategie terapeutiche. I miliardi di calcoli necessari per studiare tutte le combinazioni sono così impegnativi che il Decrypthon Program si rivolge a 150.000 nuovi utenti del World Community Grid invitandoli a iscriversi per aiutare a portare avanti la ricerca.  Il progetto Help Cure Muscular Dystrophy è guidato dalla Université Pierre et Marie Curie, con la partecipazione di team del CNRS (il centro nazionale francese per la ricerca scientifica).  Il progetto è promosso da DECRYPTHON, una partnership tra AFM (l’associazione francese per la distrofia muscolare), il CNRS e IBM Corporation.  Il World Community Grid utilizzerà la potenza computazionale inattiva dei computer dei volontari, per gestire i calcoli che verranno poi inseriti in un database, a disposizione di qualsiasi ricercatore che stia studiando una cura per le malattie neuromuscolari.
Il World Community Grid è la più grande rete pubblica umanitaria esistente, con oltre 440.000 membri, che rappresentano oltre 200 paesi e collegamenti a più di 1,2 milioni di computer.  Ha fornito più di 250 milioni di risultati, poco meno di 2 risultati ogni secondo. Sono i volontari che aiutano a fare la differenza, perché quando ciascuno condivide il tempo di calcolo del proprio computer aiuta gli scienziati a condurre le ricerche più rapidamente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »