Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘de profundis’

Conti pubblici: De profundis Renzi

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

economia_4Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Altro che ‘Rivedremo le stime del Pil di fronte al rallentamento globale’, come vuole farci credere il ministro Padoan, i conti pubblici italiani erano sbagliati ancor prima della Brexit e ancor prima degli ultimi attentati terroristici. Il problema non è neanche la crisi del sistema bancario italiano, ma la cattiva politica economica del governo.
Già nel Documento di Economia e Finanza (Def) di aprile, infatti, la crescita reale del Pil nel 2016 è stata stimata dall’esecutivo all’1,2% quando tutti gli outlook sul nostro paese dicevano che sarebbe arrivata a stento all’1%. Allo stesso modo, è stato inserito un tasso di inflazione dell’1%, quando al massimo sarà poco più di zero (l’acquisito a giugno 2016 è -0,2%).
Un magheggio del governo per avere una crescita nominale (quella che conta ai fini del rispetto dei parametri di Maastricht, data da crescita reale più inflazione) del 2,2%, quando al massimo sarà dell’1%-1,2%, cioè della metà.
Tutto questo, dicevamo, senza considerare l’effetto della vittoria del Leave nella consultazione popolare inglese. I conti del ministro Padoan, quindi, erano sbagliati già da prima. E oggi la situazione può solo peggiorare, con la crescita nominale che a fine anno finirà per essere meno della metà rispetto a quella prevista dal governo ad aprile.
Per non parlare delle precedenti previsioni di ottobre 2015, quando l’esecutivo aveva stimato una crescita nominale del Pil dell’1,6% a cui si aggiungeva un’inflazione all’1%, quindi una crescita nominale del 2,6%. A dimostrazione che il governo i conti pubblici li ha sempre gonfiati, per giustificare la politica spendi e spandi, finalizzata a comprarsi il consenso, del presidente del Consiglio, Matteo Renzi.Padoan non si nasconda dietro al ‘rallentamento globale’ e faccia mea culpa. Non si usino Brexit, banche e terrorismo per coprire la politica economica sbagliata del governo.
A ottobre, quando con la Legge di stabilità uscirà tutta la polvere messa sotto il tappeto dal duo Renzi-Padoan, servirà una manovra correttiva da 30-40 miliardi per coprire il buco della minor crescita (16 miliardi, senza considerare l’effetto Brexit), sterilizzare le clausole di salvaguardia (15 miliardi, per evitare l’aumento dell’Iva) e finanziare le cosiddette ‘spese indifferibili’ come le missioni internazionali e le risorse per gli ammortizzatori sociali (altri 10 miliardi circa). Una batosta per gli italiani, che voteranno No al referendum per mandare finalmente a casa Renzi”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »