Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘decesso’

Ogni 2 minuti una donna muore a causa di complicazioni legate alla gravidanza e al parto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 gennaio 2017

Maternità.In occasione del Natale 2016, l’Illustrissima Casa Lordi-Jantus de Sobremonte (www.icl-jds.org) ha deciso di dare un contributo per ridurre l’incidenza della mortalità e della morbilità infantile e materna con una donazione a beneficio della Birthing Kit Foundation, l’organizzazione impegnata a fornire un ambiente pulito e sicuro per il parto delle donne nei Paesi in via di sviluppo.Per ragioni di povertà, ignoranza, isolamento o scelta culturale, molte di queste donne hanno poca o nessuna assistenza durante il parto. Fornendo gratuitamente loro un kit per un parto pulito, la Birthing Kit Foundation aiuta queste madri ad avere le risorse necessarie per evitare o ridurre le infezioni.Oltre a dare un contributo concreto a favore della Birthing Kit Foundation, l’Illustrissima Casa Lordi-Jantus de Sobremonte si propone ora di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle complicazioni legate alla gravidanza e al parto nei Paesi in via di sviluppo. A causa di infezioni facilmente prevenibili ogni anno muoiono 385 mila donne. Sostenendo il lavoro della Birthing Kit Foundation tutti possono dare un contributo per garantire a ogni donna il diritto ad evere un parto pulito e sicuro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chemio letale a Palermo

Posted by fidest press agency su domenica, 1 gennaio 2012

English: Piazza Pretoria, Palermo, Sicily, Ita...

Image via Wikipedia

Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari, Leoluca Orlando, ha disposto l’invio di una richiesta di relazione all’assessore alla Sanità della Regione Sicilia, Massimo Russo, per avere informazioni in merito a quanto accaduto ad una donna deceduta all’ospedale Cervello di Palermo giovedì scorso. Secondo quanto denunciato dai parenti, alla trentaquattrenne sarebbe stata somministrata un dose letale di chemioterapia. Sul caso, la magistratura ha aperto un’inchiesta e il direttore generale del Policlinico di Palermo, Mario La Rocca, ha avviato un’indagine interna. In base a quanto ricostruito dagli inquirenti, lo scorso 7 dicembre la paziente, che soffriva di tumre alla gola, era stata sottoposta all’ennesimo ciclo di chemioterapia presso la divisione oncologica del Policlinico di Palermo. Ritornata a casa avrebbe accusato un malore, cui è seguito il ricovero presso il Policlinico e l’improvviso aggravarsi delle sue condizioni. Da qui la decisione di trasferirla nel reparto di rianimazione dell’ospedale Cervello, dove è deceduta. “Nell’esprimere solidarietà e vicinanza ai famigliari della signora Lembo, la Commissione d’inchiesta che presiedo – ha dichiarato Orlando – ritiene necessario far chiarezza su quanto avvenuto ed acquisire ogni dato utile a conoscere lo svolgimento dei fatti. Chiederemo, pertanto, all’Assessore Russo, che ha già chiesto informazioni alla direzione generale del Policlinico, di comunicarci, quanto prima, le risultanze degli accertamenti, con particolare riguardo ad eventuali criticità organizzative riscontrate, così come ad iniziative amministrative, sanzionatorie e/o cautelari, assunte a fronte di responsabilità individuali eventualmente emerse. La documentazione acquisita – ha concluso Orlando – sarà valutata per eventuali, ulteriori adempimenti di competenza”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

29 0ttobre: giornata mondiale contro l’ictus

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 ottobre 2011

Colpisce circa 50mila persone ogni anno in Italia, all’incirca una ogni nove minuti. L’ictus rappresenta una delle principali cause invalidanti e di decesso extraospedaliero. Prevenirlo è possibile, intervenire prontamente nelle situazioni di emergenza è indispensabile per riuscire a salvare una vita. Questo è uno degli obiettivi del progetto S.A.L.V.A. -Save All Lives Via Abc- che, lanciato dall’Azienda Ospedaliera di Legnano e sostenuto dalla Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate, è arrivato a formare più di 5mila studenti e oltre cento dipendenti di dieci aziende; un progetto che mira a trasmettere le conoscenze basilari di pronto intervento in caso di ictus, infarto miocardico acuto e arresto cardiaco. «Questo non è solo un obiettivo, quanto una necessità perché oggi, anche con i nuovi protocolli, riusciamo a intercettare solo la metà dei pazienti che vengono colpiti da ictus e infarto. Le conseguenze non sono solamente in termini di vite perse, ma anche di costi sociali sostenuti per le gravi invalidità che queste patologie solitamente provocano», dice Sergio Morra, ideatore del progetto e Direttore della Struttura di coordinamento emergenza territoriale dell’ospedale di Legnano. La Giornata mondiale contro l’ictus, che sarà celebrata sabato 29 ottobre e che è promossa dalla World Stroke Organization, mira a sensibilizzare ed informare il mondo intero su questa forma di sindrome vascolare acuta. La Federazione A.L.I.Ce Italia Onlus (www.aliceitalia.org) dal 24 al 29 promuove una campagna di prevenzione che si basa sull’importanza del riconoscimento dei sintomi e sull’importanza delle cure più appropriate per prevenire e soprattutto curare questo problema fortemente diffuso. Il progetto S.A.L.V.A. si affianca a questa campagna diventando il primo progetto italiano per la formazione di una cultura dell’urgenza emergenza. «In situazioni come queste il tempo di intervento è fondamentale», continua Morra. «Salvare una vita può essere una questione di minuti, bastano poche nozioni elementari per riconoscere i primi sintomi dell’ictus e chiedere così tempestivamente e correttamente aiuto al 118, la presa in consegna del paziente da parte del personale qualificato del 118, consentirà di inserirlo in un percorso diagnostico terapeutico definito “codice ictus” che comporterà, qualora ve ne fosse l’indicazione clinica, l’esecuzione della trombolisi endovenosa con risoluzione, anche completa, del quadro sintomatologico. Tutto ciò è possibile, ma occorre che la popolazione sia conscia dell’importanza del proprio ruolo», ricorda Morra.
Il progetto S.A.L.V.A. è stato lanciato sul territorio di Legnano andando a coinvolgere 8 istituti superiori e dieci aziende. È strutturato su una lezione frontale teorica e una pratica su manichino, il fine è quello di riconoscere i sintomi precoci di ictus e infarto e di imparare le manovre salvavita in caso di arresto cardiaco. Al termine, ogni allievo viene sottoposto ad un test per la verifica dell’apprendimento. I risultati finora ottenuti sono ottimi: più dell’80 per cento degli studenti che hanno seguito il corso, non hanno commesso errori gravi anche in occasione di verifiche effettuate a un anno di distanza dalle lezioni. «S.A.L.V.A. è un progetto pilota di grande respiro, basti pensare che, se fosse esteso a tutto il territorio nazionale, potrebbe permettere di salvare oltre 60mila vite in un anno», commenta il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi. «Abbiamo creduto in questo progetto fin dall’inizio: non solamente siamo andati a sostenerlo quando ci è stato proposto, ma lo abbiamo voluto fare nostro offrendolo al personale della nostra banca».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dino De Laurentiis ci ha lasciati

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 novembre 2010

Los Angeles, Si è spento a 91 anni il produttore cinematografico italiano tra i più famosi nel mondo. Il nipote, Aurelio, ha annunciato poche ore fa il decesso di Dino De Laurentiis avvenuto per cause naturali.
Era nato a Torre Annunziata nel 1919. La sua “scalata” iniziò a Roma al ‘Centro Sperimentale di Cinematografia’ inaugurato nel biennio 1937-1938. Esordì, inizialmente, nel film ‘Troppo tardi con la regia di Emanuele Caracciolo. Ma la sua attività fu quella di produttore. In tale veste debuttò nel 1940 per il film  ‘L’ultimo combattimento’ di Piero Ballerini. Seguiranno altri 150 film. Negli anni del dopoguerra si dedica ristrutturazione degli stabilimenti di produzione ‘Teatri della Farnesina’, ex-Safir, dando vita alla ‘Ponti-De Laurentiis’ insieme all’amico Carlo Ponti. Da lì il suo nome divenne sinonimo di affidabilità e di garanzia per molti film non solo italiani ma di caratura internazionale.
In America, infatti, produce grandi successi tra i quali spiccano ‘Serpico’ (1973) di Sidney Lumet, ‘I tre giorni del condor’ (Three Days of the Condor) (1975) di Sidney Pollack e ‘Il giustiziere della notte’ (Death Wish) (1974) di Michael Winner, ‘L’anno del dragone’. Nel 1990 realizza ‘Ore disperate’ (Desperate Hours) (1992), ancora di Michael Cimino (un’operazione molto coraggiosa e pericolosa, dato che il regista americano era considerato il responsabile del fallimento della United Artists, e conseguentemente ‘bandito’ da Hollywood), e Body of Evidence, ‘Corpo del reato’ (1992) di Uli Edel, con Madonna, mentre, tra i titoli più recenti si ricordano il thriller Breakdown, La trappola (1997) e U-571 (2000) di Jonathan Mostow.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Colpe dell’equipé per fatale reazione all’anestesia

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 aprile 2010

Una equipe medica  veniva chiamata a rispondere del reato di omicidio colposo relativamente ad una vicenda avvenuta  presso una struttura ospedaliera dove una paziente era stata ricoverata per essere sottoposta ad intervento di colecistectomia per via laparascopica. L’intervento, in realtà, non venne mai eseguito, perché nel corso dell’anestesia, una reazione allergica impediva la intubazione e dopo reiterati tentativi – condotti anche con l’applicazione di una sonda ed attraverso l’applicazione della maschera laringea ed combi tube, che provocavano una lesione dell’esofago, con conseguente immissione di aria nell’esofago – venne eseguita una tracheotomia da un otorinolaringoiatra appositamente chiamato nella sala operatoria, a 25 minuti dalla induzione in anestesia. Il decesso si verificava presso il reparto di rianimazione del medesimo nosocomio, dopo un ulteriore intervento chirurgico. La causa della morte veniva individuata nel prolungato stato di ipossia cerebrale conseguente alla crisi anafilattica non tempestivamente affrontata dai due sanitari. La Corte di Cassazione ha evidenziato come i giudici del precedente grado avessero analizzato con argomenti satisfattivi le modalità dell’approccio avuto (in particolare la scelta di procedere a tre inutili tentativi di intubazione nonostante l’edema della laringe, che impediva l’evidenziazione della glottide) e gli effetti derivati rispetto al mancato efficace contrasto dell’ipossia, sottolineando altresì che in presenza di una situazione di tale gravità non esenta da responsabilità il fatto che siano state seguite linee guida o siano stati osservati protocolli per una scelta alternativa all’unica che in concreto si rendeva, nell’evidenza delle descritte manifestazioni conseguenti allo shock anafilattico, chiaramente risolutiva (la tracheotomia). (Avv. Ennio Grassini – http://www.dirittosanitario.net) (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mike Bongiorno ci ha lasciati

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

<<I suoi quiz e il suo modo di fare televisione hanno fatto crescere 4 generazioni di italiani rendendolo pilastro della tv pubblica prima di passare alle emittenti private. Uomo di  grande cultura, che ha saputo trasmetterla attraverso le decine di programmi che ha condotto in questi anni>>. Lo afferma Carmelo Lentino, consigliere del Forum Nazionale dei Giovani con la delega alla cultura dopo aver appreso dell’improvvisa morte di Mike Bongiorno. << Con lui, che  in questi anni ha saputo far crescere ed ha ispirato giovani artisti e nuovi conduttori televisivi  – conclude l’esponente con delega alla cultura del Forum Nazionale dei Giovani – se ne va un pezzo di storia  del dopo guerra italiano>> . Aveva 85 anni, il decesso per infarto a Montecarlo. Era nato a New York nel 1924. Il suo vero nome era Michael Nicholas Salvatore. Ha inventato l’intrattenimento. Dalla Rai (di Lascia o Raddoppia) a Mediaset, fino all’ultimo passaggio a Sky. con Fiorello. Preparava il nuovo “Rischiatutto”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Febbre suina: 13 mila casi e 92 morti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2009

Sono quasi 13 mila i casi confermati di nuova influenza A/H1N1 nel mondo. Secondo il bollettino diffuso dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), si contano ormai 12.954 pazienti in 46 Paesi, con 92 morti. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 116 casi in più in Canada, mentre negli Usa oltre a 212 nuove infezioni c’è stato un decesso. In particolare, in Messico – riferisce l’agenzia ginevrina – si registrano 4.174 casi confermati, con 80 morti. Negli Stati Uniti 6.764 casi con 10 morti, in Canada 921 e una vittima, in Costa Rica 33 casi con un decesso. Ancora 19, secondo l’Oms, gli italiani colpiti dalla nuova influenza (ma il ministero ieri ha confermato il 23esimo paziente). Casi confermati, senza morti, sono segnalati inoltre in Argentina (5), Australia (19), Austria (1), Belgio (7), Brasile (9), Cile (74), Cina (20), Colombia (16), Cuba (4), Danimarca (1), Ecuador (24), El Salvador (6), Filippine (1), Finlandia (2), Francia (16), Germania (17), Grecia (1), Guatemala (4), Honduras (1), India (1), Irlanda (1), Islanda (1), Israele (8), Giappone (350), Repubblica di Corea (21), Kuwait (18), Malesia (2), Paesi Bassi (3), Nuova Zelanda (9), Norvegia (4), Panama (76), Perù (27), Polonia (3), Portogallo (1), Russia (2), Spagna (136), Svezia (3), Svizzera (3), Thailandia (2), Turchia (2) e Regno Unito (137).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »