Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘decreto legge’

Nuovo Decreto Legge Vecchio sistema di emanare una norma incomprensibile per il cittadino

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

Il labirinto normativo è oggi allungato dal Decreto Legge n. 105 datato 23 luglio 2021, infatti, sono passati il Governo Conte 1, il Governo Conte 2 e ora abbiamo il Governo Draghi ma proseguono a essere emanate leggi incomprensibili per il cittadino che, per capirle, si deve rivolgere agli specialisti che, alla fine, concludono le spiegazioni con un … dovrebbe essere così o, peggio, vediamo cosa risponde il Governo e il ministro di turno nelle FAQ che, incredibilmente in uno Stato di diritto, le vediamo assunte a livello di legge.Al contrario, in uno Stato di diritto, i provvedimenti, particolarmente incisivi sulle libertà dei cittadini, devono contenere norme intelligibili, facilmente comprensibili, conoscibili e, quindi, da consentire al cittadino di rispettarle oppure poter presentare ricorso allorquando vede leso un suo diritto non trovando spiegazioni e dati esaustivi alle limitazioni socioeconomiche imposte. Sono stati continui gli appelli rivolti al Governo di turno per redigere testi semplici, chiari e riepilogativi delle varie disposizioni emanate ma anche in questo caso ecco 7 pagine piene di rinvii a disposizioni contenute in altri provvedimenti. Ora ci chiediamo: Nell’era della informatizzazione al servizio del Governo di turno non ci sono dei dipendenti in grado di preparare un testo unico ogni volta che si impongono limitazioni socioeconomiche ai cittadini? Oppure: L’emanare leggi incomprensibili è una scelta precisa per impedire ai cittadini di capire e partecipare? Il risultato sicuro è che: Ormai, appare chiaro che la “caccia” ai provvedimenti e la conoscenza di obblighi e doveri, è diventata una micidiale costante, quindi è da archiviare il principio: “L’ignoranza del diritto non può essere invocata come scusa”. By Pier Luigi Ciolli – http://www.coordinamentocamperisti.it

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzione: La Lega manda in crisi il Governo e salta il Decreto legge sulla scuola

Posted by fidest press agency su domenica, 11 agosto 2019

Dopo un anno di annunci sul precariato con proposte di legge mai discusse, accordi mai onorati, decreti-legge non risolutivi, c’è un’unica certezza: la Commissione UE multerà il nostro Paese per il continuo abuso dei contratti a termine. Il resto è solo propaganda elettorale, come quando prima delle ultime elezioni politiche si era promesso alle migliaia di maestre col diploma magistrale che sarebbero state tutte salvaguardate, salvo ritrovarle dopo il voto licenziate. Dunque, un anno di annunci e decisioni sbagliate sul precariato.
All’inizio la proposta di legge del Presidente della VII Commissione del Senato faceva ben sperare; presentata a luglio, di un anno fa, avrebbe risolto il problema del precariato, peccato che non l’abbia mai messa ai voti. Poi il decreto legge Dignità che introduce un concorso straordinario nella scuola dell’infanzia e della primaria e rinnova di un anno i contratti al termine delle attività didattiche. La sua utilità è pari al nulla, perché alcune sentenze arrivano e fanno licenziare centinaia di maestre che avevano superato l’anno di prova. Molte altre arriveranno nel prossimo anno quando le aule rimarranno senza insegnante, tanto che lo stesso Pittoni lo scorso mese ha pensato uno straordinario bis. La soluzione, in verità, l’aveva tra le mani: riaprire le GaE che aveva votato per errore, salvo chiedere al Governo di emendare quanto da lui approvato in Senato sempre nel luglio scorso.Quindi la legge di stabilità che cancella il riservato bis voluto da Renzi, ma che ricompare nell’accordo coi sindacati di Palazzo Chigi della primavera, un accordo che si sarebbe tradotto in un decreto legge che viene approvato, salvo intese, nella prima settimana di agosto e che probabilmente non vedrà ma la luce. Comunque avrebbe risolto poco e niente, perché la soluzione per risolvere il precariato passa dall’adeguamento dell’organico di fatto a quello di diritto, da organici differenziati in base alle esigenze del territorio, dalla stabilizzazione del personale abilitato e anche con 36 mesi di servizio, attraverso le graduatorie d’istituto. Sarebbe stato una vera fucina di provvedimenti il decreto scuola approvato martedì scorso dal Consiglio dei ministri con l’insolita modalità del “salvo intese”. La rivista Orizzonte Scuola, ha realizzato una sintesi delle misure previste: si va dall’avvio dei corsi Pas abilitanti al concorso straordinario; dalla trasformazione dei contratti al 30/06 per i diplomati magistrale con riserva, che possono essere licenziati durante l’anno in seguito alle sentenze di merito, all’adeguamento dal normativa antincendio; dalla garanzia del trasporto scolastico a modalità varie di intervento per dirigenti scolastici e tecnici del Miur; dalla proroga graduatorie concorso 2016 agli acquisti funzionali alle attività di ricerca, fino alle risorse destinate agli interventi di sostegno della ricerca. Il “cuore” del provvedimento sono, comunque, le abilitazioni e i concorsi straordinari.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DL sull’emergenza terremoto

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

del rio graziano“Il decreto legge che il governo si appresta a fare deve contenere risposte chiare e nette sulla gestione dell’emergenza in Centro Italia. Perché se è vero che la nevicata è stata eccezionale, altrettanto vero è che le province, che sono state smantellate dal governo con una riforma che porta il nome del Ministro Delrio, tenevano i mezzi fermi per mancanza di operai. I mezzi erano fermi perché non esiste più l’organizzazione che può fornire le risposte necessarie e soprattutto con velocità. La riforma delle province ha smantellato un’organizzazione senza garantire un dopo. E’ stata un’azione arrogante e oggi quella stessa arroganza la rivediamo nelle guerre intestine del Pd, nell’accapigliamento interno al partito di governo concentrato solo su quando tornare al voto e non sul dare una risposta vera, seria e concreta alle popolazioni colpite. Mi fa rabbia non avere la possibilità di dare risposte ai miei conterranei che con dignità, sofferenza e senso del dolore mi hanno tante volte interrogato e a cui tante volte non ho saputo dare risposte. “
Così Fabrizio Di Stefano, deputato di Forza Italia, intervenendo in aula, dopo l’informativa urgente del governo sugli sviluppi della situazione di emergenza in Centro Italia.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Il ddl 1934 continua ad essere oggetto di contestazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

Pupils in primary school  -ALLIANCE-INFOPHOTO

Pupils in primary school -ALLIANCE-INFOPHOTO

In tutte le regioni, dalle prime informazioni che giungono dagli istituti, risulta pressoché totale l’adesione al boicottaggio ‘intelligente’ delle valutazioni di fine anno. In particolare alle superiori, dove i presidi sono stati costretti a riconvocare gli scrutini a sabato o ai primi due giorni della prossima settimana. Intanto, la Commissione Ue continua a ricevere richieste di attivazione di ricorsi contro lo Stato italiano e interrogazioni parlamentari su una vergogna nazionale che con il disegno di legge ‘La Buona Scuola’ rischia di acuirsi. Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): è l’ennesima risposta importante del personale della scuola contro questa riforma che piace solo a chi l’ha ideata: il Governo oggi più che mai deve fare un passo indietro. E approvare un decreto legge che dia finalmente il via libera all’assunzione su tutti i posti vacanti, come l’Europa ha indicato di fare da oltre tre lustri.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »