Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘dialisi’

Dialisi peritoneale, il 30 gennaio il corso a San Miniato

Posted by fidest press agency su martedì, 24 dicembre 2013

Nacional de Nefrología

Nacional de Nefrología (Photo credit: ExpoMeloneras)

Si svolgerà il 30 gennaio 2014, nei locali dell’Unità operativa Nefrologia, all’ospedale “Degli Infermi”, in Piazza XX Settembre a San Miniato, la prima edizione del corso “Dialisi peritoneale: la scelta del trattamento adeguato”.Le iscrizioni on line entro il 23 gennaio 2014Il corso, della durata di 8 ore, è rivolto a medici, infermieri, tecnici di laboratorio e biologi e tratterà le indicazioni, le controindicazioni e le metodiche di trattamento della dialisi peritoneale, il percorso clinico assistenziale del paziente sottoposto a PET, la rilevazione e l’interpretazione dei parametri, la gestione dei dati del laboratorio e l’esecuzione della pressione intra peritoneale.Per iscriversi occorre compilare on line l’apposito modulo entro il 23 gennaio 2014, reperibile sul sito http://www.usl11.toscana.it, nello spazio dedicato all’Agenzia per la formazione, nella pagina “Catalogo AGF”.Nella stessa pagina saranno pubblicate le date di svolgimento delle prossime edizioni del corso. Nel 2014, infatti, sono in programma altre tre edizioni che si terranno nei mesi di aprile, giugno e novembre prossimi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fresenius Medical Care: obiettivi finanziari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 febbraio 2012

Bad Homburg (Francoforte), Fresenius Medical Care AG & Co. KGaA, quotata alla borsa di New York e Francoforte, il più grande fornitore di tecnologie e servizi per la dialisi, ha chiuso il 2011 registrando ricavi per 12.795 milioni di dollari, in crescita del 6% rispetto al 2010. L’EBIT è aumentato dell’8% rispetto al 2010 raggiungendo 2.075 milioni di dollari. A fine 2011, Fresenius Medical Care opera in 2.898 cliniche ed ha in trattamento dialitico 233.156 pazienti nel mondo, con una crescita del 9% rispetto all’anno precedente. Fresenius Medical Care ha 79.159 addetti rispetto ai 73.452 di fine 2010. Per l’esercizio 2012, Fresenius Medical Care conferma i propri obiettivi che prevedono ricavi per circa 14 miliardi di dollari ed un utile di circa 1.3 miliardi di dollari. La società ha reso noto che dispone di circa 1.8 miliardi di dollari per possibili acquisizioni. Ben Lipps, Chief Executive Officer di Fresenius Medical Care, ha commentato oggi, durante una conferenza stampa nella sede di Bad Homburg, Germania: “Siamo soddisfatti di aver chiuso un altro anno positivo. Con questa nostra performance del 2011 ci proponiamo di conseguire un incremento di dividendi per il quindicesimo anno consecutivo. Abbiamo gestito con successo l’implementazione di un nuovo sistema di rimborso negli Stati Uniti e abbiamo fatto buoni programmi di crescita per il futuro. Siamo confidenti che continueremo mantenendo alto il target della nostra performance per il 2012.” In Italia Fresenius Medical Care ha chiuso il 2011 registrando ricavi complessivi per le sue attività di vendita prodotti e gestione ambulatori di dialisi per oltre 148 milioni di euro.
Fresenius Medical Care è il più importante gruppo al mondo nella produzione di dispositivi medici e nella gestione globale di servizi per il trattamento dell’insufficienza renale. Il Gruppo, che opera in oltre 100 paesi al mondo, gestisce una rete di 2.898 centri dialisi in tutto il mondo con 233.156 pazienti in trattamento dialitico (circa 4 volte il numero complessivo dei pazienti in dialisi in Italia). (Dati a fine 2011) In Italia Fresenius Medical Care è presente con uno stabilimento a Palazzo Pignano (CR), che occupa complessivamente circa 540 addetti, uno stabilimento a Canosa Sannita (CH) con circa 130 addetti per la produzione di sacche per la dialisi peritoneale e una sede a Napoli per il coordinamento delle attività di cura gestite da NephroCare S.p.A. Il fatturato nel 2011 è stato pari a 148 milioni di Euro. In 6 regioni Italiane, è inoltre presente con un’importante rete di centri dialisi accreditati, gestiti da NephroCare S.p.A, in grado di seguire circa 1.850 pazienti in dialisi cronica, con uno staff di circa 550 tra medici, personale infermieristico, ausiliario ed amministrativo. In particolare ha in gestione la Nefrologia e i Centri Dialisi dell’Ospedale Bolognini di Seriate (BG) in un accordo di partnership pubblico-privato. Su tutto il territorio Italiano, Fresenius Medical Care è attiva anche con una rete di Informatori Scientifici del Farmaco per la commercializzazione di una linea di farmaci dedicati ai pazienti in insufficienza renale cronica. Nel corso del 2011, Fresenius Medical Care ha iniziato anche la commercializzazione di Venofer ®,, farmaco indicato per il trattamento della carenza di ferro nei pazienti in insufficienza renale cronica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dialisi e Trapianti nel Lazio

Posted by fidest press agency su domenica, 20 marzo 2011

I dati contenuti nel rapporto diffuso nel Gennaio 2011 sono riferiti alle persone in trattamento dialitico cronico alla data del 31 dicembre e a quelle che hanno iniziato per la prima volta la dialisi nel corso dell’anno 2009. Sono interessate tutte le persone immesse in un programma di dialisi cronica di tipo ambulatoriale o domiciliare, presso le strutture pubbliche e private presenti nella Regione Lazio. Non sono, quindi, considerati i trattamenti dialitici effettuati in regime di ricovero a favore di pazienti con insufficienza renale acuta o cronica.I Pazienti prevalenti presso un centro, un’area geografica etc.. ad una data, sono i pazienti che ad una definita data (ad es. al 31.12) dializzanostabilmente  presso il centro o nell’area geografica ecc.  Sono pertanto esclusi  i pazienti che dializzano temporaneamente nel centro o nell’area geografica per motivi clinici, perché ospiti etc.. La prevalenza comprende tutti i pazienti che dializzano cronicamente in un centro od in un’area indipendentemente dal fatto che essi siano o no residenti nella stessa area. Ad esempio sono prevalenti nel Lazio al 31.12 tutti i pazienti che dializzano stabilmente in centri di quella regione al 31.12, anche se essi provengono da comuni di confine della Campania, Toscana, Umbria ecc.Dal rapporto Asp, nel corso degli anni si è osservato un costante incremento dell’offerta di dialisi da parte dei centri pubblici che nel 1994 costituiva il 36,3% del totale ed è divenuta prevalente nel 2002; da allora l’offerta pubblica si è collocata su valori tra il 55% e il 60%. Da riscontrare che tra i nuovi ingressi in dialisi, l’offerta di dialisi pubblica era del 36,6% nel 1994 ed è rimasta inferiore a quella privata fino al 2000 (42,5%); da allora, i nuovi ingressi in dialisi si sono verificati prevalentemente presso strutture pubbliche con lievi variazioni percentuali nel corso degli ultimi anni, fino al 57,3% osservato nel corso del 2009 (più che la tipologia di offerta si è modificata la sua classificazione, in quanto alcuni centri, prima classificati come privati sono poi stati classificati come pubblici n.d.r.).Fra i Prevalenti e gli Incidenti le nefropatie di base più frequenti erano le malattie renali vascolari (23 % – 25%), le nefropatie a eziologia incerta e/o sconosciuta (19,8 % – 21%), il diabete (17,6% – 22%). Le malattie renali vascolari erano le più frequenti nella classe di età superiore a 64 anni (28,2%), seguite dal diabete (22,6%). Nel complesso, tenendo conto anche dell’emodialisi in acetato o in bicarbonato, l’emodialisi in bicarbonato rappresentava il 73,5% e l’87,3% metodiche utilizzate, rispettivamente per prevalenti ed incidenti. Le membrane più utilizzate erano polisulfone e poliamide ed i farmaci utilizzati da almeno la metà delle persone in dialisi sono stati l’eritropoietina 85 %, gli inibitori dei recettori H2 o l’Omeprazolo (72,9%), la vitamina D (56,3%), il ferro per uso endovenoso (55,5%), gli antiaggreganti piastrinici (50,3%). Tutti i soggetti assumevano almeno una terapia. Tra i nuovi ingressi in dialisi nel 2009 all’86,7% dei pazienti è stata somministrata eritropoietina.Nel complesso le persone considerate idonee al trapianto erano il 10,8%, con una frequenza più elevata tra i presenti nei centri pubblici rispetto ai centri privati (12,9% vs. 7,9%). Sono stati 1911 i trapianti notificati dal 1.7.1994 al 31.12.2009 con un valore medio intorno ai 123 trapianti l’anno.Il 67,0% dei pazienti in dialisi è stato giudicato non idoneo al trapianto. Dal 30.6.1994 al 31.12.2009 sono stati notificati 8087 decessi. Le principali cause di morte tra i 612 decessi notificati nel 2009 sono state quelle cardiache (6,6 decessi per 100 persone in dialisi), seguite dalle vascolari e dalla cachessia (1,6). (in sintesi)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fmc riporta un forte inizio per il 2010

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 maggio 2010

Fresenius Medical Care AG & Co. KgaA, il più grande fornitore al mondo di prodotti e servizi di dialisi, ha registrato nel primo trimestre 2010 ricavi per $ 2,882 milioni, +13% rispetto al primo trimestre del 2009. I ricavi dalle attività dei servizi di dialisi sono cresciute del 13%, toccando quota $ 2,171 milioni. I ricavi dai prodotti per dialisi sono aumentati del 12%, a $ 711 milioni, rispetto allo stesso periodo 2009. Il risultato operativo (EBIT) è cresciuto del 7%, raggiungendo i $ 423 milioni. Il margine operativo di periodo è passato dal 15,5% del 1° trimestre 2009 al 14,7% del pari periodo 2010. A fine marzo, Fresenius Medical Care aveva in trattamento dialitico 198.774 pazienti nel mondo (+6% pari periodo 2009), operando in 2.580 cliniche. La società opera con 69.329 addetti (impiegati a tempo pieno), paragonati ai 67.988 impiegati a fine 2009. L’aumento di 1.341 dipendenti è dovuto principalmente alla crescita globale della società. Per l’esercizio 2010, Fresenius Medical Care prevede di ottenere ricavi per oltre $ 12 miliardi e un utile di circa $ 950 – 980 milioni. Fresenius Medical Care è il più importante gruppo al mondo nella produzione di dispositivi medici e nella gestione globale di servizi per il trattamento dell’insufficienza renale, una condizione che affligge oltre 1.890.000 persone nel mondo. Il Gruppo, che opera in oltre 100 paesi al mondo, gestisce una rete di circa 2.580 centri dialisi in tutto il mondo con circa 198.774 pazienti in trattamento dialitico (circa 4 volte il numero complessivo dei pazienti in dialisi in Italia). In Italia Fresenius Medical Care è presente con una sede a Palazzo Pignano (CR), occupando complessivamente circa 170 addetti per l’attività commerciale e 284 per quella produttiva. In Campania e Sicilia è inoltre presente con una rete di 32 ambulatori, direttamente gestiti da Nephrocare, in grado di seguire oltre 1.500 pazienti in dialisi cronica. Circa 500 persone tra medici e personale infermieristico costituiscono lo staff di Nephrocare.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fmc : inizio in crescita per il 2009

Posted by fidest press agency su martedì, 12 maggio 2009

Fresenius Medical Care AG & Co. KGaA, il più grande fornitore al mondo di prodotti e servizi di dialisi, ha registrato nel primo trimestre 2009 ricavi per $ 2,560 milioni, +2% rispetto al primo trimestre del 2008. I ricavi dalle attività di dialisi sono cresciute del 4%, toccando quota $ 1,923 milioni. I ricavi dai prodotti per dialisi registrano una flessione negativa del 5%, a $ 637 milioni, rispetto allo stesso periodo 2008. Il risultato operativo (EBIT) è cresciuto del 2%, raggiungendo i $ 396 milioni. Il margine operativo di periodo è rimasto invariato al 15,5%. A fine marzo, Fresenius Medical Care aveva in trattamento dialitico 187.476 pazienti nel mondo, operando in 2.448 cliniche. La società opera con 65.670 addetti rispetto ai 64.666 impiegati a fine 2008. L’aumento di circa 1000 dipendenti è dovuto principalmente alla crescita globale della società. Per l’esercizio 2009, Fresenius Medical Care prevede di ottenere ricavi per oltre $ 11,1 miliardi e un utile di circa $ 850 – 890 milioni, + 8% di crescita, a tassi di cambio costanti. Fresenius Medical Care AG & Co. KGaA è il più importante gruppo al mondo nella produzione di dispositivi medici e nella gestione globale di servizi per il trattamento dell’insufficienza renale. Il Gruppo, che opera in oltre 100 paesi al mondo, gestisce una rete di circa 2.400 centri dialisi in tutto il mondo con circa 187.00 pazienti in trattamento dialitico (circa 4 volte il numero complessivo dei pazienti in dialisi in Italia). In Italia Fresenius Medical Care è presente con uno stabilimento a Palazzo Pignano (CR), occupando complessivamente circa 170 addetti. In Campania e Sicilia è inoltre presente con un’importante rete di ambulatori di dialisi, direttamente gestiti da Nephrocare, in grado di seguire oltre 1.300 pazienti in dialisi cronica, con uno staff di 500 persone tra medici e personale infermieristico.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mieloma multiplo: nuova procedura salva il rene

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 aprile 2009

L’emodialisi estesa con un dializzatore a soglia elevata (HCO-HD) migliora gli esiti nei pazienti con mieloma multiplo ed insufficienza renale dialisi-dipendente. Nonostante le ridotte dimensioni dello studio, è stato dimostrato che una combinazione di chemioterapia ed HCO-HD migliora la funzionalità renale e la sopravvivenza complessiva in questa popolazione. Era stato precedentemente dimostrato che solo il 25 percento di questi pazienti è in grado di sospendere la dialisi con il tempo, ma con questa nuova procedura ciò accade nel 74 percento dei casi, ed i pazienti in cui si ripristina la funzione renale presentano una sopravvivenza significativamente migliorata, il che risulta eclatante a fronte della pessima prognosi storicamente attribuita a questi pazienti. E’ plausibile che i pazienti che recuperano la funzionalità renale vadano anche incontro ad un miglioramento della qualità della vita, specialmente a fronte della liberazione dalla dialisi. L’emodialisi estesa con HCO-HD è in grado di rimuovere grandi quantità di FLC, che sono sottoprodotti della sintesi delle immunoglobuline: in situazioni fisiologiche, esse vengono rapidamente rimosse dalla circolazione tramite la clearance renale, ma la proliferazione clonale di cellule plasmatiche può determinare una concentrazione sierica di FLC monoclonali diverse migliaia di volte più elevata del normale nei pazienti con mieloma multiplo. Questa complicazione è responsabile del 70 percento circa delle insufficienze renali dialisi-dipendenti in questa popolazione. (Clin J Am Soc Nephrol. 2009; 4:  745-54)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fare la dialisi a domicilio

Posted by fidest press agency su sabato, 4 aprile 2009

Un corso per aiutare i pazienti e i loro famigliari a gestire la malattia, prendersi cura di sé e collaborare nel migliore dei modi con il personale di assistenza: è l’obiettivo di un’iniziativa dell’Azienda sanitaria locale di Chieti rivolta alle persone in dialisi peritoneale. Il corso, che si è svolto presso l’Ospedale Policlinico di Chieti, ha coinvolto direttamente i pazienti che eseguono la dialisi peritoneale a domicilio e chi ne ha in carico la cura. Il team medico e infermieristico del Servizio di Dialisi Peritoneale – attivo presso la Clinica Nefrologica e Terapia Emodepurativa – ha esaminato gli aspetti che caratterizzano la malattia renale e la dialisi peritoneale. Si è parlato del comportamento alimentare – poiché una dieta corretta aiuta a vivere bene chi è in dialisi -, dell’importanza dell’esercizio fisico, della necessaria attenzione all’igiene e alla prevenzione delle infezioni. Durante il corso sono state fornite indicazioni pratiche su come affrontare ogni giorno l’esperienza della malattia e della dialisi, rispondendo in maniera assai colloquiale, quasi familiare, a tutti i dubbi e le curiosità dei partecipanti. La dialisi a domicilio ha un doppio valore: per i pazienti significa poter seguire la terapia a casa, nel luogo e in condizioni ideali, senza il fastidio e lo stress di doversi recare continuamente in ospedale, avendo comunque la sicurezza di un team qualificato al quale rivolgersi in qualsiasi momento; per la Asl rappresenta un alleggerimento delle attività svolte in una difficile fase legata alla nota carenza di personale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale del rene 2009

Posted by fidest press agency su sabato, 7 marzo 2009

Giovedì 12 marzo a Chieti (Piazza G.B. Vico, ore 10-20) Secondo i dati del Registro Abruzzo di dialisi e trapianto, anche nella nostra Regione vi è un progressivo e costante incremento durante gli anni del numero di pazienti in terapia sostitutiva renale (dialisi e trapianto). La prevalenza di tali pazienti è, infatti, passata da 865 per milione di abitanti nel 2003 a 980 nel 2008. Al 31 dicembre scorso risultavano in trattamento dialitico cronico oltre 1.000 residenti in Abruzzo, mentre i portatori di trapianto renale erano 242. Rispetto ai dati dei Registri di dialisi e trapianto, la rilevanza epidemiologica dell’Insufficienza Renale Cronica (IRC) appare comunque molto più preoccupante. Si stima, infatti, che nella popolazione generale, tra il 7% e il 10% delle persone possa avere un danno renale, molto spesso sconosciuto. Il rischio di evoluzione verso la fase avanzata di IRC è elevato ed è ancora maggiore quello di una malattia cardiovascolare invalidante o mortale. A illustrare il fenomeno, in vista della Giornata mondiale del rene 2009, che si celebra il 12 marzo, è il professor Mario Bonomini, direttore della Clinica Nefrologica dell’Università “G. d’Annunzio” e della Asl di Chieti. Giovedì prossimo, dalle ore 10 alle 20, in collaborazione con la sezione provinciale della Croce Rossa Italiana (Cri), la Clinica Nefrologica allestirà a Chieti, in piazza G.B. Vico, una postazione nella quale personale medico specializzato sarà disponibile gratuitamente a effettuare il controllo della pressione arteriosa e dell’esame delle urine nonché a fornire informazioni e materiale illustrativo a tutti i cittadini interessati. Lo slogan di quest’anno è «Cura la tua salute: cura i tuoi reni». «L’insufficienza renale cronica – spiega il professor Bonomini – è uno stato di malattia di grande impatto clinico, sociale ed economico sul Servizio Sanitario per tre fattori principali. Il numero di pazienti affetti da IRC è in costante ascesa per l’aumento di età della popolazione generale e delle patologie a essa correlate, soprattutto ipertensione e diabete mellito tipo 2, che rappresentano oggi le principali cause di IRC. Inoltre, la mortalità e la morbilità cardiovascolare nell’IRC sono significativamente elevate. Infine, il trattamento dialitico, punto di arrivo di molti pazienti con IRC, è una terapia ad alto costo sociale ed economico».
Negli scorsi decenni molto è stato fatto per assicurare un trattamento dialitico di qualità a tutti coloro che ne presentassero la necessità e per aumentare il numero di trapianti renali. Oltre a intensificare l’impegno per un ulteriore sviluppo di queste terapie, è necessario promuovere una energica campagna di prevenzione e diagnosi precoce delle nefropatie.E’ proprio questo l’obiettivo della Giornata mondiale del rene. L’evento, che si celebra annualmente in tutto il mondo, intende aumentare l’attenzione nei confronti del danno renale cronico e dell’importante patologia cardiovascolare a esso associata, sottolineando la necessità di diagnosi precoce e prevenzione delle malattie renali.La Clinica Nefrologica teatina ha aderito al progetto nazionale «Prevenzione delle malattie renali 2009» proposto dalla Fondazione Italiana del Rene e dalla Società Italiana di Nefrologia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »