Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘dimensione’

Nuove misure per dare impulso alle competenze chiave, alle competenze digitali e alla dimensione europea dell’istruzione

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 gennaio 2018

european commissionBruxelles. Dando seguito al vertice di Göteborg, la Commissione europea ha adottato oggi nuove iniziative per migliorare le competenze chiave e le competenze digitali dei cittadini europei, per promuovere valori comuni e la conoscenza del funzionamento dell’Unione europea nelle scuole.
Le nuove proposte giungono appena due mesi dopo che i capi di Stato e di governo europei hanno parlato di istruzione, formazione e cultura al vertice di Göteborg del novembre 2017 e mirano a ridurre le disuguaglianze socioeconomiche, sostenendo nel contempo la competitività, al fine di costruire un’Europa più unita, più forte e più democratica.Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione e Commissario responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “Le iniziative odierne mirano a fornire alle persone gli strumenti affinché possano vivere pienamente e per costruire economie e società caratterizzate da equità e resilienza. Dobbiamo garantire che l’istruzione porti frutti a tutti nell’intera Europa e che ognuno sia in grado di adattarsi ai cambiamenti e trarne vantaggio: si tratta di un aspetto di importanza vitale per la crescita sostenibile e la competitività dell’Europa e lo sarà sempre più in futuro. Siamo pronti a sostenere gli Stati membri e collaborare con loro affinché tutto ciò diventi realtà.”Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: “I sistemi di istruzione e formazione europei devono trasmettere a persone provenienti dai contesti più diversi le competenze giuste per progredire e prosperare nella vita professionale, ma anche per metterle in grado di svolgere attivamente il proprio ruolo di cittadini attivi. Dobbiamo saper convogliare il potenziale dell’istruzione per promuovere la coesione sociale e il senso di appartenenza. A tal fine dobbiamo partire dai nostri valori comuni e garantire che l’istruzione permetta agli studenti di vivere l’identità europea in tutta la sua diversità e di conoscere meglio l’Europa, gli altri paesi europei e sé stessi.” Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali, ha dichiarato: “L’era digitale sta permeando tutti gli aspetti delle nostre vite: la necessità di fare attenzione alla trasformazione digitale non si limita a coloro che lavorano nelle tecnologie dell’informazione. La carenza di competenze digitali è un fenomeno reale. Mentre il 90% dei lavori del futuro richiedono determinate competenze in campo digitale, il 44% degli europei non possiede neanche le abilità di base. Il piano d’azione per l’istruzione digitale che proponiamo oggi aiuterà gli europei, gli istituti e i sistemi di istruzione a prepararsi meglio a vivere e lavorare in società sempre più digitali.” Le nuove proposte saranno anche discusse al primo Vertice europeo dell’istruzione che il commissario Navracsics ospiterà il 25 gennaio a Bruxelles, dedicato al tema “Porre le basi dello spazio europeo dell’istruzione – Per un’istruzione innovativa, inclusiva e basata sui valori”. Le tre iniziative proposte dalla Commissione sono:
1. Una raccomandazione del Consiglio relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente: prendendo le mosse dalla raccomandazione relativa alle competenze chiave adottata nel 2006, la nuova proposta contiene aggiornamenti importanti che riflettono la rapida evoluzione verificatasi nel frattempo nell’insegnamento e nell’apprendimento. Essa mira a un migliore sviluppo delle competenze chiave delle persone di qualsiasi età durante tutto l’arco della vita e a fornire orientamento agli Stati membri su come pervenire allo scopo. Si sottolinea in particolare la promozione dello spirito imprenditoriale e della mentalità orientata all’innovazione, al fine di liberare il potenziale personale, la creatività e lo spirito di iniziativa. La Commissione raccomanda inoltre misure volte a promuovere le competenze in scienze, tecnologie, ingegneria e matematica (gli ambiti STEM) e a motivare un maggior numero di giovani a intraprendere carriere in tali ambiti. Le proposte avanzate oggi rientrano nella risposta all’esigenza di migliorare urgentemente i sistemi di istruzione europei per far fronte alle numerose sfide rivelate dalla più recente indagine PISA. Più in generale, le misure aiuteranno gli Stati membri a preparare meglio i discenti ai cambiamenti dei mercati del lavoro e alla cittadinanza attiva in società globali più differenziate, mobili e digitali.
2. Un piano d’azione per l’istruzione digitale che delinea in quali modi l’UE può aiutare cittadini, istituti e sistemi di istruzione a prepararsi meglio a vivere e lavorare in un’era di rapidi cambiamenti digitali mediante:un migliore impiego delle tecnologie digitali per l’insegnamento e l’apprendimento; lo sviluppo delle competenze e delle abilità digitali necessarie per vivere e lavorare in un’era di trasformazioni digitali e il miglioramento dell’istruzione mediante una previsione e un’analisi dei dati più attente.
3. Una raccomandazione del Consiglio sui valori comuni, l’istruzione inclusiva e la dimensione europea dell’insegnamento: tale iniziativa propone modi in cui l’istruzione può aiutare i giovani a comprendere l’importanza dei valori comuni sanciti dall’articolo 2 del trattato sull’Unione europea e a farli propri. Gli obiettivi perseguiti sono rafforzare la coesione sociale e contribuire a contrastare l’avanzata del populismo, della xenofobia, del nazionalismo fonte di divisioni e della diffusione di notizie false. Tale proposta potenzia inoltre l’istruzione inclusiva per promuovere l’istruzione di qualità per tutti gli studenti insieme alla dimensione europea dell’insegnamento, in modo che a scuola si possano conoscere anche il patrimonio comune e la diversità dell’Europa, oltre a comprendere il funzionamento dell’UE. A sostegno di tali obiettivi la Commissione adotterà misure per aumentare gli scambi virtuali tra le scuole, in particolare tramite la riuscita rete e-Twinning, e per stimolare la mobilità nell’ambito del programma Erasmus+.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La dimensione sociale dell’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 5 marzo 2017

europeRoma lunedì 20 marzo presso la Sala dell’ABI in Piazza del Gesù 49 L’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”, con il supporto del Centro Studi e Ricerche IDOS, ha realizzato la pubblicazione del volume La dimensione sociale dell’Europa. Dal Trattato di Roma ad oggi.
50 rappresentanti del mondo sociale e di quello della ricerca hanno esaminato i più importanti temi del processo di integrazione, sia negli aspetti problematici che in quelli positivi, al fine di favorire un dibattito argomentato e fruttuoso.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le mie lettere a Monti

Posted by fidest press agency su domenica, 12 febbraio 2012

Prof. Mario_Monti

Image via Wikipedia

Giorni fa rispondendo ad una mia lettrice ho fatto riferimento ad una mia iniziativa che si è tradotta nello scrivere ben 15 lettere al presidente Monti sui temi di grande attualità e sul modo di pervenire alla crescita competitiva del sistema paese e alla possibilità d’indicare una via diversa ai soliti rimedi da manuale che un’economia capitalista ha scritto e riscritto nei suoi “testi sacri”. La prima domanda che mi sono posto è se la mia iniziativa non fosse un atto di arroganza e di presunzione considerato l’autorevolezza del mio interlocutore rispetto alle mie limitate conoscenze in materia di economia, di bilanci e quanto altro. Poi ho pensato agli esempi che la storia sottopone alla nostra riflessione riguardo personaggi che sono stati in grado d’indicare, tra la diffidenza di tanti, una strada nuova e dimostrare che si può imboccare e percorrerla con successo anche se non si è versati nella disciplina affrontata. Ecco perché non ho ceduto ai limiti che mi riconosco ma, semmai, ho sperato di non essermi imbattuto in colui che possa aver tratto dalla sua dottrina economica un rigido ed esclusivo simulacro. Intendo dire che il “modello capitalistico” che da tempo abbiamo affinato ed esaltato oggi presenta tutti i suoi limiti e se continuiamo ad accettarlo è perché siamo convinti che non vi è alternativa. Possiamo, invece, fare qualcosa di diverso, ma dovremmo anche avere l’apertura mentale per recepirne il messaggio e sperimentarne il percorso senza preclusioni ideologiche. E’ questa la sfida non da poco in quanto ci tocca esplorare un terreno sconosciuto e i timori possono essere tanti ma anche gli interessi e i privilegi acquisiti sono duri a morire.
Quindici lettere non sono di certo riassumibili in poche righe. Mi limito in questa circostanza ad indicare gli argomenti che a mio avviso sono più significativi.
Il primo in assoluto, se non altro per il dibattito che è in atto in queste ore, è quello del lavoro. Oggi la discussione sembra incentrarsi su tre punti cruciali: l’art. 18 indicato come la salvaguardia per il posto di lavoro, l’età pensionabile e il posto fisso. A mio avviso sono dei falsi problemi. Se noi partiamo dal riconoscere un diritto che è quello del lavoro, poiché è un imperativo che ci consente di vivere e di prosperare, allora dovremmo orientarci in modo diverso. Dovremmo partire dal presupposto che si debba stabilire con i lavoratori una regola che consenta loro ogni 10 anni di contributi di percepire una rendita pari al 20% della media retributiva percetta in detto periodo di tempo. Consideriamo i vantaggi di questo percorso che mette i lavoratori nella possibilità di avere una base, via via, sempre più consistente, economicamente parlando, per affrontare le variabili della vita (disoccupazione, riconversione del lavoro, corsi di aggiornamento e specializzazione, malattie invalidanti, ecc.). Da qui ci caliamo in un altro diritto: quello della salute. In proposito dobbiamo uscire dall’equivoco assistenza pubblica o privata. Se riconosciamo il primato della salute dobbiamo convenire che il problema sta a monte: la salute è un bene universale e la prevenzione universale a questo punto diventa un suo punto vitale. Anche qui abbiamo indicato una ricetta e spiegato come pervenirvi. Per il viatico migratorio un altro progetto è quello di consentire una crescita della ricchezza dei ceti meno abbienti, nelle aree depresse, con uno scambio di conoscenze con la costruzione delle cosiddette “cittadelle del sapere”. Altre soluzioni sono state indicale sul fronte delle questioni carcerarie, della sicurezza, della giustizia, della difesa, della lotta al lavoro in nero, dell’evasione fiscale, ecc. In tutto questo va precisato che non è tutta farina del mio sacco e che molti spunti sono venuti leggendo, partecipando, ascoltando quanto è stato detto e scritto in proposito, ma che hanno avuto scarsissima audience, per non dire nulla più per interessi partigiani che per intima convinzione. Convengo, quindi, che un modello di società nuova esiste già anche se i nostri occhi non riescono a riconoscerla per tale, abbagliati come siamo da interessi personali e corporativi. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le dimensioni territoriali di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Bene ha fatto il Sottosegretario Francesco Giro a sottolineare a Nicola Zingaretti che Roma rappresenta qualcosa di diverso sul territorio nazionale. Le dimensioni territoriali di Roma, i suoi quasi 3 mln di abitanti ai quali si aggiungono circa 500 pendolari al giorno, le sue competenze, il suo ruolo di sede di diverse istituzioni, la pone su un livello decisamente diverso. Nonostante ciò e le parole di Giro, la Capitale continua ad essere trattata come un qualsiasi ente locale. Tant’è che nella manovra non si parla più della riduzione dei parlamentari mentre qualche mese fa lo stesso Parlamento senza batter ciglio ha ridotto da 60 a 48 il numero dei consigliere comunali delle grandi città, come se gli eletti dal popolo per preferenza nella città fossero il vero costo della politica. A questa barzelletta non ci crede nessuno, i cittadini per primi, infatti sul numero dei consiglieri nelle assemblee comunali nessuno ha mai avuto nulla da obiettare, sia perchè vengono scelti direttamente dalla gente con l’espressione della preferenza sia perchè sono presenti sul territorio e vicini ai problemi della gente. Di tutto questo non si è tenuto conto, si è fatta un’operazione spot che priverà di rappresentanza il territorio romano, i quartieri e i municipi, il risparmio non c’entra nulla anche perchè parliamo di cifre bassissime. Sembrerebbe da un calcolo fatto che 12 consiglieri comunali costino all’anno allo Stato quanto un parlamentare, quindi a Roma, Napoli, Milano, Torino e Firenze si è preferito tagliare un’intera classe dirigente facendo fuori 60 consiglieri, invece di soli 5 parlamentari, ovviamente è un esempio per far capire che a parità di costo almeno per una volta sarebbe stato riconosciuto il nostro lavoro. Invece no, anzi, in tutti i dibatti si è sempre detto che i consiglieri di Roma Capitale vogliono aumentare il loro numero, falso, abbiamo chiesto di rimanere 60, così come è oggi, proprio in virtù di quello che rappresentiamo, della grandezza del territorio e delle maggiori competenze che dovrebbero essere assegnate a Roma Capitale. Purtroppo in questo clima di anti politica e di crisi questo passaggio potrebbe essere letto come una difesa della casta, ma visto che i consiglieri eletti nei comuni d’Italia tutto sono fuorchè una casta credo che davanti a tali disparità sia giusto far sentire la nostra voce e quella di chi ci ha eletto. Questo quanto dichiara Federico Rocca Consigliere del PdL di Roma Capitale. (On. Federico Rocca)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Göran Schildt: Vent’anni di mediterraneo

Posted by fidest press agency su martedì, 31 maggio 2011

Poco dopo la Seconda guerra mondiale, l’autore, noto storico dell’arte e scrittore finlandese, famoso per i suoi resoconti di viaggio, partì dalla Svezia insieme alla moglie alla volta del Mediterraneo. Era qualcosa di più di una vacanza, era un modo per ritrovare, dopo l’atroce conflitto, un senso alla vita. In queste pagine Schildt riepiloga i momenti più significativi di quei viaggi e anticipa in tutta la sua drammatica dimensione e attualità il problema del degrado ambientale e delle condizioni di vita e la difficoltà per trovare uno spazio in cui l’individuo possa avere un minimo di semplicità, di genuinità e di libertà. Pagine 348 Euro 15,00 Codice 17795T EAN 978-88-425-4799-0. Mursia editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cervello umano: tra virtuale e reale

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 maggio 2011

“Entro il 2023 potremo trovare nuove cure per le malattie mentali con un simulatore che riprodurrà integralmente un cervello umano, emozioni comprese”: Henry Markram, del Brain Mind Institute dell’École Polytechnique Fédérale di Losanna, lo sostiene con convinzione, nel corso della presentazione italiana di HBP – Human Brain Project, progetto di dimensioni europee che si propone di riprodurre un “cervello artificiale” grazie all’uso di supercalcolatori. Il cervello umano si comporta come un computer super performante, energeticamente autonomo, capace di ripararsi da solo e di auto apprendere. La scienza, allo stato attuale, ha compreso moltissimi aspetti del funzionamento del cervello, e dall’altra parte ha sviluppato macchine di calcolo potentissime. Mettendo insieme le conoscenze che i ricercatori hanno acquisito ed acquisiranno sul funzionamento delle molecole, dei neuroni, dei circuiti neuronali e quelle sui più potenti database attualmente sviluppati grazie alle tecnologie ICT, si può costruire un simulatore biologicamente molto dettagliato dell’intera attività del cervello umano.
Gli studi nel settore sono già piuttosto avanzati, grazie agli elevati livelli tecnologici oggi disponibili e alla solida base costituita dai precedenti studi di Markram: nel 2007, la sua equipe era riuscita a modellizzare il funzionamento biologico di 10mila neuroni della corteccia cerebrale dei topi; l’obbiettivo dello HBP, sfruttando i progressi negli algoritmi di modellizzazione e nella tecnologia, è quello di riuscire a costruire un modello dei 100 miliardi di neuroni di un cervello umano su un solo supercomputer. Un risultato che permetterebbe di trovare nuove cure e trattamenti innovativi per le principali disfunzioni e malattie degenerative del sistema nervoso, come Alzheimer, Parkinson, Epilessie, e Schizofrenia.
L’Italia è attualmente presente con sei ricercatori nel gruppo di oltre 150 scienziati che stanno lavorando alla predisposizione della proposta di finanziamento per il progetto HBP. I rispettivi enti di appartenenza (Politecnico di Torino, Università di Pavia, Università di Firenze, LENS e CNR con gli istituti di Scienze e Tecnologie della Cognizione (Roma), di Biofisica (Palermo) e di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (Roma) hanno dato vita ad un “cluster” nazionale che si propone di ricoprire un ruolo di primo piano nella predisposizione e, successivamente, nell’esecuzione del progetto, sia mettendo a disposizione l’eccellenza delle proprie competenze e risorse scientifiche multidisciplinari, sia impegnandosi per reperire un’adeguata dotazione economica pubblica per il cofinanziamento dell’iniziativa, clausola essenziale per l’ingresso del nostro Paese nel progetto. Un progetto che potrebbe portare a benefici sociali enormi. Questi modelli aiuteranno infatti a comprendere le cause profonde delle malattie neurologiche e a diagnosticarle già dai primi sintomi, quando è più facile curarle. Sarà anche più semplice e meno costoso sperimentare l’effetto di nuovi farmaci, limitando la sperimentazione animale ed umana. Questi rilevanti risultati medici avranno anche delle conseguenze importanti dal punto di vista economico, considerato che le malattie neurologiche costituiscono una delle principali voci di spesa nei bilanci della sanità dei paesi europei. Un risultato altrettanto considerevole del progetto sarà di dare impulso a una straordinaria rivoluzione tecnologica, con la realizzazione (già in una fase intermedia) di sistemi artificiali intelligenti, sempre più capaci di interazioni e relazioni con gli esseri umani e di esprimere risposte e comportamenti intelligenti. Nuovi robot, computer e sistemi interattivi potranno così aiutarci nell’apprendimento, nelle cure o nell’accudimento di disabili e anziani, e anche ad allenare le nostre abilità più complesse, come la leadership o la capacità di cooperazione.
“Il LENS e l’università di Firenze si occuperanno della messa a punto di un tomografo ottico per la ricostruzione dell’intera rete del cervello con un dettaglio mille volte superiore alle tecniche esistenti, tipo la Risonanza magnetica Nucleare” ha asserito Francesco Pavone, referente per il progetto per l’Università di Firenze.
“Il gruppo di ricerca dell’Università di Pavia in associazione con l’IRCCS Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino, porterà alla generazione del primo modello computazionale realistico del cervelletto.
Michele Migliore, referente del progetto per l’IBF del CNR, ha spiegato che “il laboratorio di Neuroscienze Computazionali dell’ Istituto di Biofisica (Palermo) metterà a disposizione dello HBP le proprie competenze di Multiscale modeling di neuroni e reti di neuroni realistiche, Simulazioni di sinapsi e meccanismi di plasticità sinaptica, Modelli di simulazione di disfunzioni e patologie del sistema nervoso centrale”.
“L’Istituto di Ricerca sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR è molto attento alla ricerca scientifica e alle tecnologie che hanno impatto sulla società e sulle persone. E’ in questa direzione che si colloca l’adesione allo Human Brain Project, iniziativa che affronterà almeno tre grandi sfide scientifiche rivolte a migliorare la vita delle persone: comprendere il cervello umano e le malattie neurologiche, definire nuove macchine computazionali più simili al cervello umano e definire nuovi modelli computazionali in grado di riconoscere e processare la complessità della realtà che è intorno a noi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centri urbani calabresi

Posted by fidest press agency su sabato, 23 aprile 2011

On. Franco Laratta (PD): “Il governo Berlusconi si ritira sempre più dai piccoli e medi centri urbani. Dopo il taglio delle autonomie scolastiche e la soppressione di scuole primarie e secondarie, dopo la chiusura e il forte ridimensionamento degli ospedali di piccola e media dimensione ad opera del presidente Scopelliti, a rischio sono ora alcuni importanti uffici pubblici come l’Inps. Una cosa inaccettabile che rischia di creare ulteriori condizioni di abbandono dei comuni calabresi. Intanto per il prossimo anno scolastico si annunciano ulteriori ridimensionamenti di istituti scolastici di primo e secondo grado. A rischio anche gli uffici pubblici e le scuole di diversi comuni calabresi. Chiediamo al governo nazionale e alla giunta regionale di fermare la mortificazione dei centri urbani calabresi e dei cittadini che saranno sempre più costretti a fare mille sacrifici per studiare, informarsi, curarsi ed avere un minimo di servizi pubblici. questo è quello che sa fare la destra al governo nazionale e regionale!”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quale scienza per il XXI secolo?

Posted by fidest press agency su domenica, 9 gennaio 2011

Albert Einstein

Image via Wikipedia

L’evo moderno per la scienza parte dalla meccanica classica di Galilei-Newton, si dispiega con la relatività di Einstein ed oggi tende ad affrontare “l’insondabile” cercando di ridurre sempre più lo spazio che ci divide con l’ignoto che va oltre le stelle e va oltre la nostra vita. Non vi è dubbio che il principio di relatività di Einstein formulato nel 1905 è l’effettivo classico giro di boa della scienza contemporanea. Con lui abbiamo digerito non senza qualche difficoltà di comprensione il modo di stabilire una profonda connessione tra spazio e tempo o cronotopo a quattro dimensioni, l’uso della geometria degli iperspazi, cioè a più di tre dimensioni. Senza voler avere la pretesa di addentrarmi in una materia certamente affascinante ma altrettanto ostica per i nostri palati di non addetti ai lavori posso semplicemente dire che il vero segreto sulle origini della vita, intendo nella forma scientifica testata, resta inaccessibile, anche se la fantascienza più volte vi soccorre con teorie suggestive ma che hanno il solito difetto di non essere provate di là di ogni ragionevole dubbio. Penso, ad esempio, all’Universo e al problema cosmologico. “Le difficoltà della cosmologia – osserva Giuseppe Arcidiacono – derivano dal fatto che noi non possiamo muoverci liberamente nello spazio e nel tempo e quindi ci dobbiamo limitare ad osservare l’universo.” Questa impotenza della scienza di produrre dal sapere scientifico un sistema di verità definitive, ma di procedere solo per tentativi ed errori ci da la misura dei complessi problemi che sono a monte e delle sfide che noi abbiamo lasciate ai posteri, sia pure ad torto collo. Posso solo aggiungere l’interessante riflessione che ho proposto nel mio libro “Le ombre” dove la risposta sui temi della vita e della morte pur non trovando una spiegazione definitiva in termini scientifici in un certo qual modo li affianca con una conversazione da me avuta con una “entità” che vi appare e vi scompare e che sembra volermi dire che esiste una attiguità di mondi paralleli che la nostra vista non riesce ad individuare, colta da cecità spaziale, e che la loro interdipendenza ci rende meno soli nell’universo ma non ci spiega il perché dei nostri errori e delle nostre malvagità se non come uno specchio delle “cattive brame” che spettatori di una immaginaria platea assistono allo spettacolo che noi offriamo loro con trame da film degli orrori. Siamo i guitti dell’universo, ma specializzati in parti drammatiche. Forse la scienza potrà renderci tutto ciò più consapevoli o escluderlo in modo definitivo. Forse è proprio questo l’altro giro di boa che ci attendiamo. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torino: elezioni comunali

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 dicembre 2010

Sono molto dispiaciuto per la decisione del prof. Profumo di rinunciare alla candidatura a Sindaco di Torino. La sua disponibilità era importante per rinnovare un legame virtuoso tra la politica e quel vasto mondo dell’economia, della cultura, dell’impegno sociale che sente il dovere civico di lavorare  per la città.  Si tratta di un’esperienza già percorsa nel 1993, che ha contribuito ai successi del centro sinistra torinese di Castellani e di Chiamparino, e che poteva essere riproposta nei termini nuovi di una convergenza sul progetto della Torino del futuro. Una Torino aperta alla dimensione internazionale, nodo delle grandi sfide tecnologiche ed industriali del mondo, punto di eccellenza della capacità di integrare innovazione e solidarietà. Il Rettore del Politecnico era la figura adatta per  interpretare questo progetto, e per assicurargli una guida autorevole e prestigiosa.  Pur manifestando in più occasioni stima nei confronti di altri possibili candidati, ho sempre ritenuto che la sfida del centro sinistra torinese, e in particolare del PD, fosse quella di un disegno alto, che non rinunciava alle prerogative della politica, ma non le rinchiudeva nell’orizzonte degli schieramenti interni e della competizione personale.  Ho lavorato per realizzare questo obiettivo. Devo prendere atto che sono prevalse nel partito opinioni differenti, diffidenze ed ostilità, e che la confusione delle voci che blandivano o minacciavano hanno avuto peso nella decisione definitiva del prof. Profumo.  La lettera del Rettore fornisce molte indicazioni, di metodo e di merito, sulle cose da fare. Ed è certamente preziosa la sua disponibilità a continuare a lavorare al progetto per Torino. Una disponibilità che bisogna raccogliere subito per l’urgenza del lavoro programmatico che attende il centro sinistra. La lettera è caratterizzata tuttavia da una diffidenza  nei confronti della politica che mi sembra ingiustificata. Non è mai stato in discussione, almeno nella mia opinione, il profilo “civico” della candidatura del prof. Profumo, la necessità di lavorare per costruire un laboratorio di idee e di impegno che potesse dare vita ad una lista rappresentativa di mondi ed ambienti non impegnati  nei partiti, che, accanto ai partiti, si candidasse a governare la città. E le convergenze ampie delle forze politiche di centro sinistra e di forze di centro  sulla possibile candidatura del prof. Profumo contribuivano a rafforzare la sua caratteristica di “federatore” di un ampio arco di forze disponibili a fare  del programma il punto di verifica e l’elemento su cui costruire la coalizione politica.  Le cose sono andate diversamente, ed ora si apre una fase nuova.  Non ho dubbi che i partiti, e il PD in particolare, sapranno formulare una proposta in grado di costruire il futuro della città, e ritessere su di essa un rapporto con la società civile. Ho sempre ritenuto sbagliata, e anche un po’ strumentale, la contrapposizione tra politica e società civile. Ho messo in guardia più volte dal rischio che il legittimo orgoglio di partito suggerisse una presuntuosa autosufficienza, e allo stesso modo sono convinto che nei partiti ci sono visione, competenza, spirito di servizio. Temo la separatezza della politica, ma anche l’enfasi sul ruolo della società civile. Bisogna tornare alla collaborazione ed al lavoro comune, per riproporre l’esperienza virtuosa rappresentata dal buon governo di Torino.  In questa prospettiva il PD ha una grande responsabilità. Abbiamo deciso di svolgere le primarie di coalizione, non soltanto per rispetto della norma statutaria, ma per confermare un modello di partito aperto che affida ai suoi elettori decisioni fondamentali nella individuazione della classe dirigente. Conta tuttavia il modo in cui il partito si presenta alle primarie, la capacità di selezionare attraverso un approfondito dibattito interno la sua offerta politica e di collegare le candidature ad opzioni strategiche ed a specifiche caratterizzazioni programmatiche. In questo ci vengono incontro le regole che ci siamo dati: la sottoscrizione delle candidature tra i nostri iscritti sarà il primo banco di prova per gli esponenti del PD per verificare progetti, proposte e radicamento nel partito e nella società torinese.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le famiglie e i mezzi di comunicazione

Posted by fidest press agency su martedì, 26 ottobre 2010

Roma 6 novembre 2010 Pontificia Università della Santa Croce (Piazza S. Apollinare, 49) Il compito educativo della famiglia nell’ambito della dimensione religiosa, l’influenza dei mezzi di comunicazione e la sfida educativa che ne consegue saranno al centro della Giornata di studio su Famiglia ed educazione religiosa nel contesto dei media, organizzata per il prossimo 6 novembre dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose all’Apollinare della Pontificia Università della Santa Croce, in collaborazione con il Forum delle Associazioni Familiari. Gli organizzatori partono dal presupposto che i mezzi di comunicazione rappresentano “un fattore caratteristico della cultura attuale non solo dal punto di vista formale, per essere cioè modi nuovi di comunicare, ma anche per la capacità creativa di forgiare e diffondere stili di vita, di esaltare o avvilire i valori etici”. Infatti, per propria specifica funzione “si pongono oggi come punto di cerniera tra persona e società e rivestono un ruolo rilevante anche nel processo educativo”. La Giornata vuole pertanto offrire uno spunto di riflessione su come “la famiglia sia fortemente condizionata dall’immagine che i media offrono della Chiesa, dei problemi etici, della religiosità” nel momento di trasmettere i valori religiosi, e indicare una delle vie d’uscita che hanno a che fare inevitabilmente con il compito educativo. Perché “educare i figli alla libertà e all’autonomia di pensiero dipende anche dal modo di affrontare i mezzi di comunicazione, di conoscerli e di imparare a farne uso”. All’incontro prenderanno parte il prof. Norberto Gonzàlez Gaitano, docente di Opinione Pubblica presso la Pontificia Università della Santa Croce, il prof. Tonino Cantelmi, psichiatra, Presidente dell’Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici, l’ing. Franco Olearo, Segretario Generale della Fondazione Perseus e membro del Comitato di Revisione Cinematografica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e il prof. Francesco Belletti, Presidente del Forum delle Associazioni Familiari. La giornata prevede anche la presentazione di alcune iniziative digitali a servizio della famiglia.Il programma è disponibile sul sito http://www.issra.it, dove è anche possibile effettuare l’iscrizione online.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vinzela: Ghenomenos

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 maggio 2010

Benevento fino 31/5/2010 Piazza Castello, Rocca dei Rettori, Sale Museo La mostra, realizzata con il patrocinio della Provincia di Benevento, presenta un ciclo di venticinque tele realizzate appositamente per gli spazi della Rocca dei Rettori.  Il titolo Ghenomenos – che in greco si traduce con divenire, venire al mondo – vuole alludere alla dimensione di trasformazione e di passaggio che contraddistingue ogni singola opera, a un processo in fieri dallo stato inconscio dell’artista e della materia stessa, che prende vita in una galleria di personaggi catturati in un preciso istante temporale.  Questa modalità tecnica di operare trova analogie con i processi fotografici. In ogni tela infatti, l’artista riproduce frammenti di realtà quotidiana che attingono dal mondo mediatico, da internet, dalla televisione, dai giornali, dal proprio vissuto emozionale e dalla pura immaginazione, rivelando una capacità tecnica e compositiva in bilico tra figurazione e astrazione.  Le aspre pennellate con le quali Vinzela plasma i suoi soggetti, mescolando anatomie e sfondi prospettici, immortala una commedia umana apparentemente comune ma che cela una profonda tensione emotiva e psicologica. La forte accentuazione cromatica utilizzata mediante linee spesse e incisive, cosi’ come il senso del movimento che fa vibrare le forme, altera e stravolge il tessuto iconografico, lasciando emergere al suo stato piu’ puro la dimensione spirituale ed inconscia della realtà. (vinzela)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Russia cristiana: ieri e oggi

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Cinquant’anni fa, esattamente nel gennaio 1960, usciva il primo numero di una rivista dal titolo programmatico: «Russia cristiana ieri e oggi». I promotori erano tre sacerdoti studiosi e appassionati dell’Oriente ortodosso: Romano Scalfi, Nilo Cadonna e Pietro Modesto. In quegli anni non si parlava di Russia bensì solamente di Unione Sovietica. Perciò quel titolo si collocava decisamente fuori dal coro, era una precisa dichiarazione d’intenti: nell’epoca della guerra fredda, in cui tutto girava attorno alla politica, questa piccola rivista non metteva a tema l’Unione Sovietica, superpotenza e patria del socialismo, ma rivendicava il primato della dimensione religiosa del popolo russo e della sua cultura, che si era incarnata in una tradizione letteraria ed artistica senza pari. Alla base c’era la convinzione che quella fosse la vera chiave per comprendere anche il mondo contemporaneo. Anche la vita della Chiesa, sotto questo sguardo, mostrava la sua fondamentale unità e apriva a un ecumenismo sostanziale fondato sulla testimonianza di fede e il martirio. Da allora la rivista, che col tempo è stata ribattezzata «L’Altra Europa» e infine «La Nuova Europa», allargando i propri interessi all’Est europeo, è cresciuta, passando dalle 32 pagine iniziali alle 106 attuali, si è arricchita di immagini e colori, di temi d’attualità. Ma il fil rouge della cultura spirituale è rimasto il suo asse portante. Che si è mostrato così produttivo da generare un’ulteriore certezza: che la grande cultura russa, nel suo radicamento cristiano, rappresenta una sorta di chiave per comprendere l’uomo e la storia contemporanei.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Un liberale attento alla realtà”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 aprile 2010

Roma, 9 aprile dalle 9,10 alle 14 sala del Tempio di Adriano – Piazza di Pietra Fondazione Luigi Einaudi per studi di politica ed economia Fondazione David Hume Centro Einaudi Seminario di studi su Ralf Dahrendorf Un liberale attento alla realtà”con la collaborazione della Rappresentanza in Italia della Commissione europea Apre il convegno: Roberto Einaudi a nome dei presidenti degli enti organizzatori. ore 9,35 – Saluto di Elisabetta Olivi, Rappresentanza in Italia della Commissione europea ore 9,50 –Proiezione filmato su Dahrendorf. Seguono le relazioni di Piero Ostellino: “Libertà e conflitto”. Guy Verhofstadt*: “Europa: un progetto da completare,” Dino Cofrancesco: “Dahrendorf, gli intellettuali e il costruire la libertà”. Csilla Hatvany: “Libertà e dimensione globale”. Carlo Scognamiglio Pasini: “Economia di mercato e globalizzazione regolata”. Si passa, poi, agli interventi e alle testimonianze di Giuseppina De Sanctis, Valerio Zanone, Beatrice Rangoni Machiavelli, Luca Anselmi, Pier Luigi Barrotta, Vincenzo Ferrari, Luca Diotallevi, Giacomo Marramao, Raffaello Morelli,  conclude: Franco Chiarenza

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perchè Rol affascina sempre?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 marzo 2010

Torino 12 marzo 2010, alle ore 18,00presso il Salone delle Feste del Circolo Ufficiali dell’Esercito, Palazzo Pralormo, corso Vinzaglio 6, conferenza nell’ambito degli “Aperitivi culturali”. L’iniziativa è proposta dall’Associazione Immagine per il Piemonte propone l’Aperitivo culturale sul tema: Perchè rol affascina sempre? Il mito intramontabile del grande Sensitivo rivive nei nuovi libri di Maria Luisa Giordano. Dopo le parole di apertura del Gen. Div. Franco Cravarezza, Comandante Regione Militare Nord, “padrone di casa”, seguono le testimonianze di: Massimo Introvigne, sociologo, direttore del Centro Studi sulle Nuove Religioni; Bruno Quaranta, TuttoLibri “La Stampa” e Alberto Sinigaglia, giornalista de “La Stampa”. Interviene la scrittrice Maria Luisa Giordano, autrice dei best-sellers in nuova edizione: Rol mi parla ancora, Rol e l’altra dimesione, Lo scarabeo di giada. Modera: Vittorio G. Cardinali, Presidente dell’Associazione Immagine per il Piemonte. Nicolò  Bongiorno, regista, figlio dell’indimenticabile Mike, presenta alcune sequenze del suo documentario Gustavo Rol, un mondo dietro al mondo, Medusa (2008). È una collaborazione tra Associazione Immagine per il Piemonte, Comando Regione Militare Nord e Ananke Edizioni.
Maria Luisa Giordano ha seguito Gustavo Rol da vicino, accompagnandolo per anni nelle sue frequenti visite a malati e sofferenti, restandogli accanto mentre dipingeva o conversava con personaggi famosi della cultura e dello spettacolo (Adriana Asti, Federico Fellini, Valentina Cortese, Franco Zeffirelli, ecc.), partecipando, con stupore ed emozione, agli esperimenti organizzati in casa.  In Rol e l’altra dimensione, Maria Luisa Giordano ci mostra un Gustavo Rol inedito, inconsueto, eccezionale nella vita privata come in quella pubblica, capace di sorprendere continuamente se stesso e gli altri.
Questo è il 4° appuntamento dedicato dall’Associazione Immagine per il Piemonte onlus alla vita e alle opere di Gustavo Adolfo Rol. Il primo si è tenuto il 26 marzo 1999 al Centro Congressi dell’Unione Industriale nell’ambito delle attività dell’Anno Culturale 1999 per la presentazione del volume di M. L. Giordano, Rol mi parla ancora. Testimonianze dall’Aldilà (Sonzogno). Il secondo, del 15 giugno 2000, riguardava il volume uscito dall’abile penna della Giordano, La stanza delle meraviglie: romanzo ispirato dal sensitivo Gustavo Rol edito per i tipi della Piemme di Casale e presentato all’Auditorium della Banca Popolare di Novara in piazza San Carlo. Il terzo, gennaio 2001, si è tenuto all’Unione Industriale in collaborazione con Sonzogno, Rol e l’altra dimensione.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lorenzo Mattotti: Sul paesaggio

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2010

Bologna fino al 9/4/2010 p.zza Cavour 2 Galleria Stefano La mostra vedrà la presenza di una cinquantina di opere tra disegni e dipinti sul tema del paesaggio, tratti da diversi periodi dell’artista bresciano, tra cui Appunti sul paesaggio, Altrove, Foreste. In questa prima personale bolognese le opere di Mattotti si presentano con la loro forza visionaria e trovano la massima intensità nelle campiture di colore, nei cupi bianco e nero, negli intricati grovigli di linee delle sue vedute. Il paesaggio per Mattotti è un esercizio dello sguardo, uno spazio in cui si riflette la dimensione interiore dell’autore e dei suoi personaggi.  La mostra e’ stata organizzata in occasione di BilBolBul 2010 – Festival Internazionale di Fumetto in collaborazione con Hamelin Associazione Culturale. Lorenzo Mattotti, nato nel 1954 a Brescia, e’ considerato uno dei maggiori illustratori contemporanei. (paesaggio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tavole a fumetti

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2010

Bologna 5 marzo ore 14.30 Via Orefici, 19 Presso la libreria Coop Ambasciatori. All’interno del festival Bilbolbul. Orari di apertura: lunedì/sabato 9-24 – domenica 10-24 In mostra le tavole a fumetti di Nancy Poltronieri e Cristina Portolano, rispettivamente prima e seconda classificata dell’edizione 2009 del concorso Coop for words. Ad accomunare l’opera delle due autrici, un’attenzione rivolta al quotidiano, uno sguardo su piccoli eventi, che se nella Poltronieri sfocia in una dimensione fiabesca, quasi onirica, nell’opera della Portolano si fa indagine sociale, reportage ancorato alla vita di tutti i giorni. Il concorso è nato come premio letterario promosso da Coop Adriatica, Librerie Coop e Librerie Coop Ambasciatori. Grazie al sito http://www.coopforwords.it  è diventato una vetrina permanente per giovani autori fino ai 35 anni .  Questa manifestazione fa parte della quarta edizione di Bilbolbul. Festival internazionale di fumetto a Bologna, dal 4 al 7 marzo 2010. http://www.bilbolbul.net/mostra_coop10_ita.html

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

White apre l’ex Ansaldo

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2010

Milano, 28 febbraio/2 marzo 2010 Superstudio Più/Ex Ansaldo Via Tortona 27 e 54, dalle ore 9.30 alle 18.30 (ultimo giorno chiusura alle 17.00) per presentare le collezioni moda donna ed esclusive proposte bellezza. La manifestazione inaugura con grandi novità, aprendo il secondo quartiere ed estendendo l’esposizione ai suggestivi spazi dell’ex fabbrica Ansaldo.  L’area dell’ex-Ansaldo sarà inaugurata durante WHITE con una visita ufficiale del Sindaco Letizia Moratti e dell’Assessore Giovanni Terzi, lunedì 1 marzo 2010 alle ore 10.00. “Il nostro costante impegno verso lo sviluppo di WHITE e il coinvolgimento della città di Milano ci consentono di aprire quest’anno con una nuova dimensione che vorremmo, in prospettiva, trasferire anche alle nostre manifestazioni più giovani dedicate alla moda uomo e bambino. WHITE si amplia quest’anno poiché le condizioni e i segnali del mercato sono favorevoli. Abbiamo avuto un record di richieste di partecipazione al Salone, circa 2000, soprattutto dall’estero. Le aziende e i designer stranieri vogliono essere a Milano per raggiungere il mercato italiano che è attualmente uno dei più forti consumatori di prodotto moda. Questo porterà come conseguenza un aumento della presenza dei buyer esteri con un giovamento per il salone e gli showroom mono e multi marca ed un indotto favorevole a tutta la città. Lo sviluppo di WHITE non può non prescindere dallo sviluppo di Milano come capitale della moda internazionale” Massimiliano Bizzi, Presidente White. Il Salone ospiterà, nelle aree dell’ex Ansaldo, una singolare mostra a tema dal titolo “Tanto di cappello in white”: un’esposizione di 50 cappelli degli anni tra il 1910 e il ’60, tutti rigorosamente di colore bianco, selezionati tra circa 3000 creazioni d’epoca di proprietà di Francesca Di Maria (curatrice) discendente di una nobile famiglia siciliana dalla quale li ha ereditati. Padrino d’eccezione di questa esposizione, lo stilista Elio Fiorucci. La nuova edizione di WHITE sarà presentata nel corso di una conferenza stampa che si terrà nei prossimi giorni a Palazzo Marino, Piazza della Scala 2, Milano.(white)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: “L’impresario delle Smirne”

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2010

Roma dal 9 al 21 febbraio al Teatro Argentina arriva “L’impresario delle Smirne” di Carlo Goldoni per la regia di Luca De Fusco. “L’impresario delle Smirne” è una commedia  gustosa, geniale,esilarante, una precoce sperimentazione  metateatrale  in cui Goldoni si diverte a fare il verso al tic, alle smanie , alla futilità dei poeti e degli impresari di “opera in musica”, un genere che egli conosceva bene per averlo frequentato come librettista. Il piacevolissimo testo è al centro di un progetto che Luca De Fusco  desiderava  affrontare da tempo, mettendo in una dimensione di  “teatro musicale “ una realtà artistica  che sempre più tende a valicare  i confini di genere. Così racconta Luca de Fusco la nascita dello spettacolo: “Durante la tournée de La famiglia dell’antiquario al Festival di Bogotà, Eros Pagni si ritrovò un pianoforte in camerino. Gli prese una gran voglia di cantare e iniziò ad intonare un’aria che mi sembrò uno dei famosi temi musicali della colonna sonora de Il padrino. Eros mi raccontò che quella musica Nino Rota nel 1957 e poi successivamente riutilizzata per il film di Coppola. Da quella conversazione nacque l’idea di recuperare la partitura di Rota e allestire questo spettacolo che inizia proprio così, con Eros in un camerino immaginario che canticchia un’altra musica del compositore e accendendosi la sua vera pipa dà inizio allo spettacolo”. Continua De Fusco.”Con il musicista  Antonio Di Pofi e con Alessandra Panzavolta, mio inseparabile alter-ego registico e coreografico, abbiamo subito pensato che un omaggio a Rota non poteva basarsi solo sulle musiche scritte dal maestro per l’Impresari, ma doveva inevitabilmente includere anche una parte del suo repertorio cinematografico: le colonne sonore  de La strada, La dolce vita, Otto e mezzo. Ho allora immaginato di raccontare la storia di un gruppo di guitti del 1950, i quali ricevono l’invito di una tournée a Smirne. Abbandonando ogni ambientazione realistica, ho così raccontato la vicenda in palcoscenico, trasformando le camere d’albergo in camerini,, mostrando ludicamente le varie tecniche scenografiche e  adottando un unico colore, quello teatrale per eccellenza: il rosso”. Le musiche neosettecentesche composte da Rota per Visconti sono tutte concentrate nel terzo atto,  mentre  sono condensate nel centro dello spettacolo le citazioni settecentesche, raccontando l’esile vicenda (in cui il testo goldoniano viene sostanzialmente rispettato), come una sorta di gioco teatrale in cui la compagnia si racconta. Conclude il regista: “ Personalmente ho messo nello spettacolo il mio grande amore per Fellini e mi sono divertito ad inventare numeri teatrali sospesi tra l’avanspettacolo e il surreale, tra il gioco e l’astrazione”. (anita bartolucci, gaia aprea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne e agricoltura nel Lazio

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2010

Roma 10 febbraio, ore 16,00 Aula Magna Università Roma Tre Via Ostiense 159 La prima copertina di ‘noidonne’, nel 1944, ritraeva una giovane contadina, sorridente, durante i lavori di raccolta. In quell’epoca l’Italia era un paese prevalentemente agricolo ma la rivista ‘noidonne’ ha sempre mantenuto, anche quando l’agricoltura è diventata la ‘cenerentola’ dell’economia, un’attenzione viva su questo settore in cui le donne hanno dato molto in termini di lavoro, di organizzazione, di amore. Dal felice incontro con l’Assessora all’Agricoltura della Regione Lazio, Daniela Valentini, è nato Donne e agricoltura nel lazio. ieri, oggi e domani, un progetto di ricerca nel passato e nel presente sul ruolo, le funzioni, le responsabilità delle donne impegnate in agricoltura. Il libro, diviso in due parti, è un racconto del percorso fatto dalle donne. Il passato è affidato alla storia di una contadina, Delfina, ed è narrato sfogliando i vecchi numeri di ‘noidonne’. Il presente è rappresentato attraverso un viaggio tra le aziende agricole a conduzione femminile per narrare una dimensione umana e produttiva molto più vicina a noi di quanto non ci si renda conto. Il DVD raccoglie ritratti di donne impegnate in agricoltura oggi, con incursioni nel passato, attraverso la voce di protagoniste storiche, come Marisa Rodano e Leda Colombini ed immagini tratte dall’Archivio Storico di ‘noidonne’. Insieme all’Assessora Daniela Valentini, saranno presenti Guido Fabiani – Rettore dell’Università Roma Tre, Francesca Brezzi – Docente di Filosofia morale, Università Roma Tre e Leda Colombini e Marisa Rodano, protagoniste storiche delle lotte di emancipazione delle donne italiane. Modera Tiziana Bartolini, Direttora ‘noidonne’

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sull’Amore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 dicembre 2009

Lettera al direttore. Sull’Amore è stato detto tanto ma non abbastanza. Su di esso grandi filosofi, poeti, intellettuali ecc. si sono espressi senza arrivare a darne un’immagine compiuta; ma se l’Amore fosse, semplicemente, il teatro di manifestazione in cui si attiva, polarizzandosi, la vita con tutte le sue forze fisiche e ultrafisiche (attrattive, repulsive, centrifughe, centripete…), non ci sarebbe certo da limitarsi al valore sentimentale, ancor peggio positivizzato, dell’Amore, da noi comunemente attribuito. Ma in politica anche un‘Essenza così alta e profonda può divenire strumento di propaganda elettorale; accade oggi che il significato delle parole sembra poter essere sostituito a piacimento… Si crea, ad hoc, l’equivoco e l’Amare (o l’Amore) evocato e ristretto in una dimensione sentimentalistica e dualistica, contrapposta al suo interno e in perenne lotta (bene e male…), può diventare un indistinto “carismatico” (pur separativo) verbo di apertura e di simpatia pronto a sconfiggere ipotetiche, terrifiche ed avverse irreali correnti di odio, sempre pronte a rappresentarsi, o molto più meramente, al di là dei mostri evocati, a raccogliere ben più “preziosi” voti e consensi. (Fedele  Boffoli)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »