Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘dipingere’

“Vivere come dipingere: i segreti dell’Ars Combinatoria” di Silvia Vannozzi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Vivere come dipingere è il libro che unisce saggistica e narrativa di Silvia Vannozzi, edito da Terre Sommerse; è una filosofia, una proposta, un modo di vivere, dove non esistono né assolutismi né fallimenti irreversibili. Siamo noi gli attori delle nostre scelte e dei nostri percorsi di vita e siamo noi gli artefici degli eventi che generiamo, anche qualora dovessimo essere inerti a causa delle avverse e a volte spigolose proposte che la vita ci offre, possiamo sempre fermarci, riflettere, comprendere a fondo e decidere il momento più opportuno per agire o compiere scelte. Spesso situazioni complesse possono essere, con i tempi e la consapevolezza giusta, da noi scomposte e ridotte in realtà più semplici e trasparenti ai nostri occhi. Attraverso questo gioco di composizioni e scomposizioni costruiamo il tessuto connettivo che collega passato presente e futuro, all’interno di uno spazio predefinito che è la vita stessa, così come la tela bianca di un quadro delimita i numerosi e molteplici processi di combinazioni tra colori e forme che continuamente si possono generare. Tra tutte le combinazioni possibili, ne troveremo una più adatta a noi, in relazione al momento storico di riferimento e alla nostra volontà e consapevolezza. L’equilibrio raggiunto durerà per sempre? Sarà quello giusto? L’unico modo per scoprirlo è vivere, sperimentare, provare e tentare di trasformare negatività in positività, difficoltà in conquiste e fallimenti in successi. Il tempo e l’attesa faranno il loro gioco e saranno insieme all’esperienza, alla ragione, all’istinto e alla creatività, gli elementi necessari per proseguire la nostra strada in evoluzione e in continua costruzione. Silvia Vannozzi ha 36 anni ed è nata a Roma. Ha vissuto la sua infanzia e adolescenza nel quartiere di Trastevere, per poi andare a vivere a Monteverde.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dipingere l’impossibile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 gennaio 2017

Nysnø i alleenSolendipingere-limpossibile2Martigny (Svizzera) 3 febbraio – 11 giugno 2017 tutti i giorni ore 10-18 Fondation Pierre Gianadda. Mostra organizzata dal Musée Marmottan Monet di Parigi e dalla Fondation Pierre Gianadda con il Munch-Museet di Oslo. Una mostra che riunisce per la prima volta tre artisti particolari: lo svizzero Ferdinand Hodler (Berna 1853 – Ginevra 1918), il francese Claude Monet (Parigi 1840 – Giverny 1926) e il norvegese Edvard Munch (Løten 1863 – Oslo 1944).Attivi tra impressionismo, postimpressionismo e simbolismo, appaiono come pittori fondamentali della modernità in Europa, con opere che si spingono nel XX secolo fino al 1918 per Hodler, fino al 1926 per Monet, fino al 1944 per Munch.I loro capolavori hanno esercitato un’influenza determinante nella storia dell’arte: tutti e tre hanno affrontato con la stessa costanza, a rischio anche di risultare incompresi, alcuni problemi della pittura, in apparenza insormontabili.Il problema per Hodler, ad esempio, era come dipingere la neve, il lago, la montagna. Ma anche – e lo ha fatto per tutta la vita – come raccontare l’orizzonte delle Alpi, in una ricerca continua dall’alba al crepuscolo; per Monet come suggerire i movimenti e le variazioni della luce sull’acqua o sul tronco di un albero, malgrado l’immobilità della pittura; per Munch come trattare con i colori alcuni motivi particolari (una casa rossa, i marinai nella neve, il tramonto) e su questo si concentra incessantemente, fino alla depressione.
Tutti e tre questi artisti, insomma, hanno messo la pittura alla prova dell’impossibile.La rassegna, attraverso questo approccio originale, propone una lettura nuova di queste figure dalle origini e dalle culture certo diverse.
Oltre alla mostra sono visitabili alla Fondation Pierre Gianadda il Parco delle Sculture, il Museo gallo-romano e il Museo dell’automobile.ingresso: adulti CHF 18 (€ 16,50) terza età: CHF 16 (€14,50) famiglie: CHF 38 (€ 34,50) Tunnel del Gran San Bernardo: ritorno gratuito presentando il biglietto della mostra. (fonte: http://www.uessearte.it)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Réné Bokoul in mostra a Milano

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 Maggio 2011

Milano, 27 maggio 2011. Alla Casa delle culture del mondo (Provincia di Milano) la mostra di Réné Bokoul, rifugiato dal Congo e artista africano di prima grandezza. 40 oli su tela di Réné Bokoul, pittore originario del Congo, considerato un caposcuola nel suo Paese e uno dei più importanti artisti africani in attività, vincitore del Premio Picasso e del Premio della Presidenza della Repubblica del Congo. Nato a Brazzaville nel 1973, Leticia Paterne Mahoungou, in arte Réné Bokoul, comincia a dipingere all’età di 11 anni e a 15 entra come allievo nella scuola di pittura di Poto-Poto, la più celebre del continente africano, e in breve si afferma per il suo stile che coniuga la tradizione della scuola a intuizioni d’avanguardia, riscuotendo successo internazionale: il suo atelier era meta di visite di capi di stato e importanti personalità, e i suoi quadri sono stati acquisiti da importanti collezioni private e sedi istituzionali. Costretto a fuggire dal suo Paese sconvolto dalla guerra, e rifugiatosi in Italia dal 2006, Bokoul conduce un’esistenza difficile. Attraverso la sua arte, Réné Bokoul vuole comunicare lo splendore della cultura africana e le innumerevoli tragedie che funestano il “continente dimenticato”. Il dramma dei profughi travolti dai conflitti, spesso ancora vittime di abusi, violenze e atti di rifiuto è sempre presente nelle sue opere, nelle sue figure di africani sospesi sopra una terra che sembra quasi intoccabile, nelle sue esili ma orgogliose donne che portano la vita, celate all’interno di foreste sacre e serene come sogni di pace e uguaglianza. (Réné Bokoul)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Liguria di Antonella Cotta

Posted by fidest press agency su martedì, 31 agosto 2010

San Remo. Sino al 30 settembre, presso le Sale d’arte del Nyala Suite Hotel di Sanremo (via Solaro 134). L’esposizione verrà inaugurata venerdì 3 settembre alle ore 18. Oltre all’artista, interverranno Giorgia Cassini e Igor Varnero.  Sarà presente anche Paola Forneris, già direttrice della Biblioteca Civica di Sanremo che, per l’occasione, ha preparato uno scritto dedicato al modo di dipingere di Antonella Cotta e all’amicizia con questa pittrice così “versatile” (in allegato).
La mostra è  composta da 40 opere dipinte su tela con acrilico, olio e tecnica mista e mette in luce l’evoluzione che la pittura di Antonella Cotta sta subendo, poiché le opere più recenti sono chiaramente astratte, sebbene continuino a richiamare i colori e gli stati d’animo della Liguria.  Giorgia Cassini modulerà la mostra creando un’apposita sezione dedicata proprio a questi ultimi lavori, per godere dell’esperienza visiva nella sua completezza e creare così un raffinato e completo apparato scenografico.
Antonella Cotta nasce il 9 luglio 1954 ad Imperia. Qui vive fino al 1985. Poi si trasferisce a Diano Castello, dove tuttora abita. Inizia a dipingere su seta in occasione della nascita dei suoi figli Nicolò ed Eugenia.  Antonella propone agli abitanti di Sanremo, ma anche al pubblico più vasto, un equilibrio, una misura suggerita insieme dalla natura e dalla lezione dei grandi maestri del passato

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alessandro Spadari: Riflessioni 20.10

Posted by fidest press agency su domenica, 18 aprile 2010

Almese (TO) fino al 19/5/2010 Piazza Martiri della liberta’ Torre di San Mauro P.O.W Gallery inaugura la programmazione alla Torre di San Mauro con la personale di Alessandro Spadari. Trae suggestione da visioni naturali di montagne appenniniche, vulcani siculi, ambienti lacustri e marine tirreniche, nebbie, e restituisce sulla tela la risonanza interiore di queste visioni. Filtra i viaggi, li vive e interpreta, li seleziona attraverso la sua sensibilità. Le colature di colore sono sinonimo di pioggia o acqua che scorre. Le accensioni luminose dei rossi e dei magenta possono diventare albe luminose o tramonti infuocati. Le tracce ocra e marrone possono costituire lo strato magmatico dei vulcani. Ci sono momenti in cui la terra e’ ferma e altri in cui e’ in tempesta e cio’ corrisponde a due modi di dipingere: uno meditativo e l’altro piu’ istintivo e passionale.  Dopo oltre dieci anni di attività sul paesaggio ha sentito recentemente il bisogno di ”smuovere” il lavoro, di cercarne un nuovo limite. Da qui l’idea dell’inserimento di un elemento iconografico che dia all’opera una nuova valenza e visione, senza scardinarne le tematiche emotive. Questa nuova serie di opere, con la presenza forte di queste grandi petroliere, abbandonate, alla deriva, pongono silenziosamente delle domande, mediante le quali lo spettatore, intimamente, deve rispondere a se’ stesso. (Immagine: Natura morta contemporanea, cm 140×140, 2010)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pupazzi con rabbia e sentimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Pontedera (Pi) 16 aprile 2010 ore 11.00 Museo Piaggio “Giovanni Alberto Agnelli” Viale Rinaldo Piaggio, 7  La vita e l’arte di Dario Fo e Franca Rame  che si terrà alla presenza di Dario Fo e Franca Rame. Saranno presenti: Avv. Simone Millozzi, Sindaco del Comune di Pontedera  Prof. Tommaso Fanfani, Presidente della Fondazione Piaggio Un rappresentante della Regione Toscana Andrea Pieroni, Presidente della Provincia Stefano Tognarelli, Assessore alla Cultura del Comune di Pontedera Marco Abbondanza, Presidente del Festival Sete Sóis Sete Luas. Lo spettacolo di Dario Fo “Dipingere è come recitare”, ideato per la speciale occasione della mostra, avrà luogo presso il Teatro Era di Pontedera venerdì 16 aprile alle ore 21.15

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dipingere è come recitare

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 aprile 2010

Pontedera 16 aprile alle ore 21.15 al Teatro Era l’anticonformista premio Nobel per la letteratura Dario Fo spiegherà che “Dipingere è come recitare”. Lo spettacolo è ideato dal grande istrione per la speciale occasione della mostra Pupazzi con rabbia e sentimento. La vita e l’arte di Dario Fo e Franca Rame che si inaugurerà il prossimo 17 aprile in tre sedi espositive a Pontedera (Pi): Il Centro per l’Arte Otello Cirri, la Fondazione Museo Piaggio “Giovanni Alberto Agnelli” e il Centrum Sete Sóis Sete Luas. La rassegna, organizzata in sezioni monotematiche e filologiche, ripercorre le fasi che hanno caratterizzato la produzione artistica e l’attività teatrale di Dario Fo e Franca Rame.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bottegantica: Dipingere la luce

Posted by fidest press agency su sabato, 3 aprile 2010

Milano dal 15 aprile – 2 luglio 2010 via Manzoni 45, Galleria Bottegagantica Dipingere la luce. Opere dei più noti maestri dell’Ottocento italiano: Leonardo Bazzaro, Mosè Bianchi, Giovanni Boldini, Ulisse Caputo, Giuseppe Casciaro, Luigi Conconi, Fabio Fabbi, Giovanni Fattori, Arnaldo Ferraguti, Achille Formis Befani, Eugenio Gignous, Pio Joris, Vincenzo Irolli, Pompeo Mariani, Filippo Palizzi, Alberto Pasini, Silvio Poma, Attilio Pratella, Daniele Ranzoni, Federico Rossano, Giulio Aristide Sartorio, Pietro Scoppetta, Telemaco Signorini, Aurelio Tiratelli, Achille Tominetti, Francesco Vinea. Per l’occasione sono stati selezionati 25 dipinti di notevole bellezza che esemplificano in modo compiuto le tendenze del naturalismo nella pittura italiana tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento. Esempi sono il suggestivo Effetti di luce a Riomaggiore di Telemaco Signorini; la raffinata composizione del Parco di Monza di Pompeo Mariani; gli accesi cromatismi del Venditore ambulante a Costantinopoli e Cavalieri nel cortile di Alberto Pasini; la dolce solarità di Gignese di Mosè Bianchi e del Menestrello di Francesco Vinea; il seducente dinamismo del Nudo di donna dai capelli rossi di Giovanni Boldini; il suggestivo silenzio evocato da La rosa bianca di Giuseppe Casciaro; fino ai variopinti Napoli vista dall’alto di Attilio Pratella e La moglie dell’artista sulla terrazza di Posillipo di Vincenzo Irolli. La mostra si articola intorno al tema fondamentale del “dipingere la luce” su cui molti artisti italiani del secondo Ottocento fondarono la loro personale ricerca pittorica. Lo studio della luce, unito a quello del colore, ha caratterizzato, infatti, il movimento dei macchiaioli, della scapigliatura, gli artisti attivi in quegli stessi anni in Francia, come pure quelli di scuola romana e napoletana.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »