Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘dirigenza’

I sindacati della dirigenza s’incontrano a Palermo in un convegno sul middle management nella scuola italiana

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 Mag 2019

Palermo 24 maggio 2019 dalle ore 8 alle 14 presso l’Aula Magna dell’IC A. UGO Via E. Arculeo, 39. Anche Udir ha risposto all’invito dell’Associazione Nazionale Collaboratori Dirigenti Scolastici e presenterà la sua proposta su un tema così cruciale come valorizzare il ruolo dei collaboratori dei dirigenti scolastici, per migliorare la scuola dell’autonomia. Come riporta la rivista specializzata Orizzonte Scuola, “il convegno sarà l’occasione per chiedersi se il riconoscimento dei “quadri intermedi” – che ai sensi dell’art. 25 comma 5 delD.lgs. 165/2001 e dell’art. 1 comma 83 della Legge 107/2015 operano nella visione dell’autonoma Istituzione scolastica al fianco dei dirigenti scolastici, dei docenti, dei DGSA e del personale non docente – possa considerarsi una necessaria innovazione contrattuale o rimanere un’utopia nel sistema scolastico italiano”, oltre a essere un importante “momento di confronto unitario per capire se è arrivato il tempo per sostenere nelle sedi proprie quelle azioni giuridiche e contrattuali finalizzate all’istituzione delle figure quadro nella scuola italiana attraverso la determinazione di procedure di accesso, di selezione, di carriera, di formazione”. Tante le varie sigle della dirigenza scolastica, prenderà la parola anche la giovane Udir, nella persona del suo presidente nazionale, Marcello Pacifico, che affronterà il cuore del tema nella relazione su “Come riconoscere il middle management nel Ccnl 2019/21”, perché possa avviarsi anche per via contrattuale il pieno riconoscimento della vice-dirigenza e del lavoro svolto dai tanti collaboratori del preside e si possa superare l’attuale impasse dovuto anche alla spending review. Presente anche l’ANCI Sicilia piccoli Comuni, “poiché è nelle piccole realtà locali che le relazioni istituzionali in prima istanza vengono tenute dai Collaboratori Fiduciari di plesso che quotidianamente si adoperano in tutti i modi per consentire all’Istituzione scolastica di espletare al meglio il proprio servizio per alunni e famiglie”, dopo il processo di dimensionamento delle scuole autonome che ha falciato negli ultimi dieci anni un quarto delle sedi di presidenza. Prenderà parte anche il Miur con un rappresentante del ministro Bussetti.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Mef dà il suo beneplacito alla firma del CCNL per la dirigenza

Posted by fidest press agency su domenica, 28 aprile 2019

Udir conferma la volontà di ricorrere al contratto sottoscritto per il recupero della RIA nel FUN e della perequazione piena dal 2016 previste dalla normativa, facendo dichiarare illegittimi gli eventuali CIR. L’iniziativa legale partirà subito dopo la sottoscrizione definitiva per attribuire migliaia di euro sottratti a ogni dirigente.Sono trascorsi quattro mesi dalla sottoscrizione dell’ipotesi di contratto e ora si aspetta il parere del Ministero della Funzione Pubblica per poter procedere ad assegnare i miseri aumenti degli stipendi e iniziare ad armonizzare la retribuzione di posizione parte fissa tra i dirigenti scolastici confluiti nella stessa area dell’istruzione e della ricerca.
Intanto il Miur conferma il taglio del FUN per il 2017/2018, dando avvio alla firma dei CIR regionali, incurante di quanto disposto dalla legge ‘semplificazione’ sullo sblocco del salario accessorio. Si tratta di, almeno, un taglio di 5 mila all’anno per ogni preside rimasto in servizio. Rimane, pertanto, critica la posizione di Udir che avvierà le iniziative legali annunciate da tempo alla firma definitiva del contratto già scaduto per far rientrare la RIA degli ex presidi andati in quiescenza dal 2012 e ridefinire il FUN e conseguentemente gli stipendi erogati dal 2016.Se dal dicastero dell’Economia e delle Finanze di Via XX Settembre arriva il via libera alla sospirata firma del Contratto collettivo nazionale per la dirigenza scolastica, già sottoscritto con i sindacati rappresentativi lo scorso mese di dicembre, tuttavia, non si può tacere come anche la perequazione interna tra le ex aree confluite nella stessa area per un recupero netto a favore dei ddss di almeno 8 mila euro annui, debba avvenire dal 2016 e non a pieno regime dal 2020. Anche su questo, pertanto, Udir ricorrerà al tribunale.
Prima di vedere assegnati i mini-aumenti previsti, quasi offensivi per la mole di lavoro che porta incessantemente avanti ogni giorno la categoria dei dirigenti scolastici, il testo del Ccnl passa ora all’esame del Dipartimento della Funzione Pubblica: l’obiettivo dichiarato rimane quello di assegnare la retribuzione di posizione parte fissa tra i dirigenti scolastici confluiti nella stessa area. Non appena sarà firmato definitivamente, il giovane sindacato avvierà le iniziative legali per le quali ha già ricevuto parecchie adesioni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contratti: Sindacati, sbloccata trattativa per rinnovo dirigenza Funzioni Centrali

Posted by fidest press agency su sabato, 16 febbraio 2019

“Grazie all’impegno profuso, che ha sbloccato lo stallo, sono riprese, ed avranno un ritmo serrato, le trattative per il rinnovo del contratto nazionale della dirigenza delle Funzioni Centrali”. È quanto affermano in una nota Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa e Unadis, aggiungendo che, nella trattativa che si è svolta ieri “si è esaminata soprattutto la parte delle relazioni sindacali e della costituzione del rapporto di lavoro della dirigenza”. “Abbiamo apprezzato – proseguono i sindacati – lo sforzo dell’Aran di accogliere le istanze recate dalla piattaforma congiunta da noi presentata lo scorso novembre, ma ancora non siamo pienamente soddisfatti. Restano da sciogliere, in particolare, i nodi cruciali della partecipazione attiva ai processi di riorganizzazione e delle modalità di conferimento degli incarichi dirigenziali”.Il tavolo, fanno sapere Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa e Unadis, “si è aggiornato alle date del 20 e del 26 febbraio per approfondire, rispettivamente, le sezioni dei professionisti e della dirigenza sanitaria. L’auspicio è quello di chiudere velocemente e con senso di responsabilità un Ccnl ormai scaduto e aprire un nuovo corso”, concludono.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: In Sardegna dotare le scuole dei Dsga mancanti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 ottobre 2018

Come se non bastassero i già tanti problemi e le responsabilità che ricadono sulla persona del dirigente scolastico, molti DS devono fare i conti anche con l’assenza di personale che coadiuva e integra il loro operato. In tantissime scuole l’anno scolastico è iniziato senza Dsga e alcuni istituti sono stati dati nuovamente a reggenza. Ad esempio, la situazione è critica nella provincia di Cagliari, dove diversi Dirigenti Scolastici si trovano in gravissime difficoltà a causa della mancata nomina del Direttore Amministrativo. Numerosi istituti si avviano purtroppo al collasso, mentre i Dirigenti versano già in uno stato di prostrazione, preoccupati per una gestione impossibile e avviliti dal disinteresse e dall’inerzia totale dell’USR e del Ministero che risultano informati della situazione. In una riunione di Ambito tenutasi due giorni fa, i Dirigenti delle scuole prive di Dsga, dopo avere evidenziato pure l’inattività dell’Amministrazione Regionale e del Ministero, hanno preso l’iniziativa di redigere una seconda nota da inviare al Direttore dell’USR e al Ministero per chiedere un incontro e una soluzione “Assenza di Direttori SGA su posti vacanti: richiesta soluzioni”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuole: il Miur abusa delle reggenze, dopo i presidi ora tocca ai Dsga

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

scuola1Un preoccupante silenzio è calato sulla selezione nazionale dei Direttori dei servizi generali ed amministrativi, il cui ultimo concorso risale addirittura all’anno 2000. Perché, al netto delle 200 immissioni in ruolo effettuate questa estate (su 761 previste dal Miur, con il 70% andate perse per mancanza di candidati), oggi rimangono ancora vacanti circa 1.500 posti. Significa che nell’anno scolastico appena avviato, in una scuola italiana su cinque l’organizzazione del personale Ata e la gestione dei flussi finanziari sarà gestita da un Dsga titolare di un altro istituto che raddoppierà il lavoro oppure, come spesso avviene, sarà affidata a un assistente amministrativo disponibile a farsi carico del ruolo superiore in cambio di un compenso irrisorio. L’ultima notizia sul concorso risale all’emendamento dei vaccini dello scorso luglio, che poi però fu bocciato.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): È chiaro che al Ministero dell’Istruzione, ma ancora prima al Mef, conviene troppo utilizzare del personale per ruoli superiori a costi ridicoli. Ecco perché il concorso non è stato organizzato e bandito per così tanti anni: non c’era la volontà a organizzarlo. Stavolta, però, c’è stato un impegno, preso anche pubblicamente, da alti rappresentanti ministeriali e di Governo nel pubblicare finalmente il bando. Speriamo, tra l’altro che, come abbiamo chiesto per i dirigenti scolastici, il testo preveda una riserva di posti per gli amministrativi che abbiano assunto il ruolo di Dsga per almeno 36 mesi anche non continuativi. In caso contrario, siamo pronti a impugnare la ‘dimenticanza’ nelle apposite sedi legali.Per questi motivi, Anief invita il personale non assunto ad aderire ai ricorsi per la stabilizzazione e gli scatti di stipendio non percepiti (cliccare qui). Ma anche per il recupero della differenza retributiva per aver ricoperto il ruolo di DSGA, come per la stabilizzazione per chi ha svolto funzioni DSGA per oltre 36 mesi (cliccare qui). È sempre attivo il ricorso per il personale Ata su posto vacante e disponibile per recuperare gli stipendi dei mesi estivi, sottratti in modo illegittimo. il sindacato offre la possibilità di aderire al ricorso per non soccombere sulla “temporizzazione”.Anief ricorda, infine, che in collaborazione con Eurosofia, ha predisposto un corso formativo per il Concorso DSGA, specifico per affrontare e superare le prove selettive:un’équipe di esperti del settore, con corsi on-line e in presenza, guiderà i candidati alla preparazione dell’esercizio della professione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Dirigenza e governance scolastica”: un master all’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2017

salvaraniL’Università Europea di Roma, in collaborazione con AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) ha attivato il Master di secondo livello “Dirigenza e governance scolastica”.
Si propone di arricchire il curriculum professionale dei docenti di significative competenze relative sia alle funzioni di responsabilità (figure di sistema, staff di direzione, vice-dirigenza) sia alla funzione dirigenziale (direzione coordinamento e gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali). E’ destinato anche alla preparazione per l’imminente concorso a dirigente scolastico.
Il Master intende fornire, alla luce della Legge 107/2015, gli strumenti giuridico/legislativi, organizzativi e culturali per rispondere ai nuovi tratti della leadership emergenti nella scuola dell’autonomia. L’attuale contesto del management educativo è contrassegnato, infatti, da complesse e integrate attività di promozione dell’innovazione, della ricerca didattica, di valutazione e rendicontazione, di sviluppo professionale del personale in un quadro di rapporti con il territorio, le altre istituzioni scolastiche, Enti e agenzie esterne..
Le lezioni saranno svolte da docenti universitari, ispettori, dirigenti scolastici, direttori servizi generali e amministrativi ed esperti di settore. Sono inoltre previsti tutor, uno per ogni 25 iscritti, con il compito di accompagnare i corsisti durante tutto il percorso.
Per poter essere iscritti al Corso è necessario essere in possesso di una laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o laurea specialistica (3 + 2) o titoli equipollenti.Tra gli argomenti del piano didattico: istituzioni e organi dell’Unione Europea; la valutazione dell’attività del dirigente scolastico; la gestione finanziaria dell´Istituzione scolastica e delle relative aziende speciali nel quadro della “contabilitá dello Stato” e la nuova disciplina sugli appalti; trasparenza, privacy al tempo dei social network; la scuola multiculturale; norme giuridiche dell’accoglienza degli alunni stranieri.
Coordinatrice scientifica del Master è la Prof.ssa Renata Salvarani, dell’Università Europea di Roma.
Il Comitato Scientifico è composto da: Prof.ssa Renata Salvarani, Università Europea di Roma; Prof. Andrea Dessardo, Università Europea di Roma; Dott. Giuseppe Desideri, pedagogista, Presidente nazionale AIMC; On.le Prof. Beniamino Brocca – pedagogista – già sottosegretario Ministero P.I.; Prof. Piero Boscolo, Emerito Psicologia dello sviluppo – Università di Padova; Prof Mario Falanga – docente di Diritto amministrativo e di Diritto scolastico – Libera Università di Bolzano; Prof. Giuseppe Nerio Carugno – docente di Diritto amministrativo – Scuola Superiore dell’Economia e delle Finanze “Ezio Vanoni” di Roma; Prof. Claudio Marchitiello – Consigliere di Stato; Prof. Carlo Pacella – Presidente Comitato Scientifico Centro Studi Parlamentari.E’ possibile vedere il programma completo sul sito dell’Università Europea di Roma: http://www.universitaeuropeadiroma.it//documenti/upload/files/MASTER-DirigenzaScolastica%281%29.pdf (foto: salvarani)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli: nuova dirigenza rifondazione comunista

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 dicembre 2011

Paolo Ferrero

Image by funadium via Flickr

Il Comitato Politico Federale del Partito della Rifondazione Comunista della Federazione di Napoli, ieri sera, ha votato a larghissima maggioranza la segreteria provinciale ed attribuite le relative cariche politiche.
Affiancheranno Antonio D’Alessandro, di recente eletto segretario provinciale dal congresso della Federazione napoletana, Gabriele Gesso (organizzazione), Giuliano Pennacchio (Partito sociale), Fabio Matteo (Ambiente), Ussi Arianna (luoghi di lavoro, precarietà e conoscenza), Raffaele Carotenuto (enti locali e coordinamento degli eletti di Napoli) e Marina Paparo (lavoro e sviluppo produttivo). Il nuovo quadro dirigente locale è stato eletto dal 90% degli appartenenti allo stesso, formato da 90 compagne e compagni dell’intera Provincia di Napoli.Questa ritrovata unità darà slancio all’azione dei comunisti in città, a partire dalle questioni che riguardano l’amministrazione De Magistris di cui fanno parte.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: criminali di guerra

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2011

Secondo l’Associazione per i popoli Minacciati (APM), l’uccisione di Osama bin Laden deve fornire l’occasione affinché finalmente la Comunità internazionale riveda la sua strategia in Afghanistan. Se da un lato viene ucciso il leader di un gruppo terroristico, dall’altro la Comunità internazionale non ha alcuna intenzione di arrestare e portare davanti a tribunali internazionali i signori della guerra afghani responsabili di massacri e che, anzi, si sono profilati come importanti partner dei governi europei e occidentali. Dopo l’uccisione del capo di Al-Qaeda Osama bin Laden si è riacceso negli Stati Uniti come anche in Europa il dibattito sull’intervento in Afghanistan. L’intervento avrebbe dovuto impedire che il paese potesse fungere da base per nuovi attacchi terroristici e avrebbe dovuto porre le basi per uno sviluppo pacifico del paese. Le mete prefissate in origine non hanno alcuna possibilità di essere realizzate fintanto che la Comunità Internazionale continua a collaborare con i signori della guerra afghani. Così Abdul Rab Rasul Sayyaf, ex-partner di Osama bin Laden, dovrebbe presto assumere la dirigenza del Tribunale Supremo afghano. Nel 1993 a Kabul le sue milizie si sono rese responsabili degli omicidi di massa di oltre 10.000 Hazara sciiti. Da anni Abdul Rab Rasul Sayyaf lavora nel parlamento afghano per la non-persecuzione dei crimini di guerra da parte dei tribunali afghani. Abdul Rashid Dostum è uno dei più famigerati signori della guerra ed è consulente militare del presidente Karzai. Le sue milizie controllano diverse province dove continuano a commettere impunemente gravi violazioni dei diritti umani contro persone appartenenti a minoranze nonostante si tratti di un territorio controllato dalle truppe internazionali sotto il commando delle forze armate tedesche. Abdul Rashid Dostum è considerato responsabile del massacro di almeno 2.000 prigionieri di guerra talebani (novembre 2001). A causa della partecipazione di soldati statunitensi al massacro, l’amministrazione USA impedisce ogni forma di persecuzione penale. Tra il 1993 e il 1995 Gulbuddin Hekmatyar ha fatto bombardare la capitale Kabul causando la morte di circa 50.000 persone. Al suo partito Hezb-e Islami appartengono oggi un quinto dei ministri del governo afghano, dieci governatori e una miriade di ambasciatori. Da marzo 2011 un funzionario di Hezb-e Islami gestisce l’ufficio di presidenza afghano.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ugl medici: convocazione Aran

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2011

Il 6 aprile le organizzazioni sindacali mediche sono state convocate dall’Aran per comiciare a predisporre un Testo unico dei contratti collettivi di Lavoro della Dirigenza Medica e Sanitaria del SSN, che armonizzi le norme dal 1996 ad oggi. “Finalmente -ha commentato l’evento il Segretario Nazionale Ugl Medici Ruggero Di Biagi- e’ stato ascoltato l’appello per l’elaborazione di un Testo unico che superi la frammentazione e il vero e proprio affastellamento di norme talora caotiche se non contraddittorie dei Contratti nazionali della dirigenza medica e non” “Prima o poi, quando finira’ il blocco imposto ai contratti dalla manovra finanziaria 2010, si potra’ chiarificare con questa operazione legislativa-ha concluso Di Biagi- una serie di difficolta’ interpretative che lasciano oggi ampio spazio alla peggiore discrezionalita’ e difformità”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Arcigay: sede di rappresentanza a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 22 febbraio 2011

L’ufficio è situato in Via di San Giovanni in Laterano 10, esattamente nel cuore della Capitale e nella cosiddetta “Gay street”, centro della socializzazione della comunità lgbt (lesbica, gay, bisessuale e trans) romana, offrirà all’associazione l’opportunità di disporre di un punto di riferimento per supportare lo svolgersi di attività politiche, culturali, sociali e di rappresentanza. La dirigenza nazionale ha così dato seguito al mandato del Congresso di Perugia di un anno fa, di dotarsi di uno spazio fisico di visibilità nella Capitale, luogo simbolo per le battaglie politiche, in funzione e a servizio dell’impegno e dell’iniziativa politica dell’Associazione su tutto il territorio nazionale. Gli spazi garantiranno maggior agibilità alla battaglia di cittadinanza delle persone omosessuali lesbiche e transessuali, il rafforzamento delle relazioni istituzionali e saranno utilizzati per incontri, confronto, dibattiti e conferenze stampa. L’ufficio sarà uno strumento a servizio degli obiettivi di sempre della militanza lgbt italiana e sarà un punto di riferimento per ogni associazione che voglia proporre i temi dell’uguaglianza, della cultura del rispetto delle differenze e della giustizia. La bandiera di Arcigay già sventola alle finestre dell’ufficio, che sarà inaugurato a breve, e che assumerà un importante valore simbolico in vista degli eventi di Europride Roma 2011. Le attività di amministrazione e segreteria continuano nella sede legale dell’associazione che è ospitata da Arcigay Cassero di Bologna. (Stefano Bolognini)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo: meglio dimissioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 gennaio 2011

“Anna Finocchiaro e Dario Franceschini hanno chiesto in Parlamento, le dimissioni di Berlusconi per la palese impossibilità che possa proseguire il suo mandato nell’assoluta condizione di discredito e di ricattabilità determinata dal fiume di notizie sui suoi comportamenti indecenti e sui reati che gli sono stati addebitati. Alla richiesta di dimissioni del Pd, tutta la dirigenza del Pdl, a cominciare da Gasparri e Cicchitto, hanno risposto con arroganza negando l’evidenza, incuranti che sarebbe proprio nell’interesse del Pdl che Berlusconi spiegasse ai giudici e ai cittadini la sua versione dei fatti, diradando i sospetti e rassicurando l’opinione pubblica”. Lo dichiara il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda che aggiunge: “È assurdo che il Pdl cerchi di intimorire il Paese minacciando elezioni anticipate quando, ormai, è evidente a tutti che ancora due anni abbondanti di governo Berlusconi sarebbero molto più dannosi per l’Italia di qualsiasi elezione anticipata”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maserati: Piano industriale

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2010

Informazioni certe sul Piano industriale e sulle prospettive aziendali e occupazionali della Maserati di Modena. Le chiedono con un’interrogazione i consiglieri regionali del Partito Democratico Palma Costi e Luciano Vecchi. Nei giorni scorsi, in base a quel che hanno raccontato i giornali locali, nel corso dell’incontro tra le organizzazioni sindacali e la dirigenza della Maserati “la direzione dell’azienda – scrivono i due consiglieri – non ha dato risposte in merito al piano industriale per i prossimi anni sul futuro dell’azienda, in particolare nella sua sede di Modena”. A ciò si aggiunga che “le recenti rassicurazioni dell’Amministratore delegato della FIAT – proseguono Costi e Vecchi – sul futuro della Maserati a Modena contrastano con i piani dello stesso dottor Marchionne che prevedono uno sviluppo dello stabilimento non a Modena ma in altre aree del territorio nazionale. Ipotesi del resto avvalorata da voci sempre più insistenti di nuove produzioni che sarebbero avviate negli stabilimenti torinesi”. Considerando che “la Regione Emilia-Romagna, accogliendo la richiesta avanzata unitariamente dalle organizzazioni sindacali, ha chiesto un incontro con la direzione dell’azienda al fine di chiarire il futuro della Maserati a Modena e scongiurare problemi occupazionali e un impoverimento del tessuto economico e produttivo modenese e regionale”, i due consiglieri regionali chiedono alla Giunta che “l’Assemblea legislativa venga informata rispetto al piano industriale e le relative prospettive aziendali e occupazionali della Maserati di Modena”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bufera nel movimento di Pionati

Posted by fidest press agency su domenica, 27 giugno 2010

Il consiglio regionale dell’Alleanza di Centro convocato dal vice-segretario regionale Andrea Cometti e dal segretario organizzativo Carmelo Dinoto e di altri dirigenti e componenti del movimento ha preso atto dell’ambiguità degli accordi e strategie che nei fatti hanno sancito la confluenza del movimento di Pionati all’interno del Popolo della Libertà. Valutata, altresì, l’ambigua e contraddittoria posizione tenuta dal segretario Pionati nell’imporre l’entrata a poche settimane dal voto di elementi provenienti dall’UDC (Iles Braghetto  e Flavio Silvestrin, Flavio Frasson), fino all’ultimo impegnati, e non tanto velatamente, in trattative con altre forze politiche, mossi unicamente da una sfrenata ricerca della “poltrona” e dando origine ad una inspiegabile dirigenza bicefala, ad una serie di equivoci, non ultima l’auto delega alla trattativa con gli alleati da parte di Iles Braghetto, che con l’immobilismo di Pionati ha indebolito la posizione del segretario Alfonso Saetta, sfociando nelle paradossali riunioni separate AdC ed ex-UdC di Mestre all’Hotel B4 e surreale incontro a Castelbrando organizzato “dall’indipendente” Massimino Colomban, candidato capolista AdC alle regionali a Treviso e in altra lista alle comunali di Venezia: “ovviamente in concorrenza con la lista AdC”. Assodato, a questo punto, che Alleanza di Centro non rappresenta un movimento autonomo del centro-destra, bensì una componente interna del Popolo della Libertà, da cui per altro, la maggioranza degli associati AdC proviene dai loro partiti fondativi (Forza Italia – Alleanza Nazionale e Dc di Rotondi) e che a suo tempo hanno evidentemente rifiutato di aderire al PdL; da ciò, ritengono ininfluente la presenza dell’on.Francesco Pionati nel quadro politico Veneto, chiaramente e colpevolmente interessato ad avere delle sole “bandierine” sacrificabili, da sventolare nel tavolo con Silvio Berlusconi, come è stato fatto in passato dai vari, Gianfranco Rotondi, Alessandra Mussolini, Giuseppe Pizza, Carlo Giovanardi, Daniela Santanchè, Clemente Mastella ecc. A questo punto i componenti del Consiglio regionale costituito dalla maggioranza dei suoi componenti rassegnano le loro irrevocabili dimissioni da ogni incarico nel movimento politico Alleanza di Centro per la libertà, proclamando la loro auto determinazione ed autonomia politica in particolare nei confronti dei partiti guidati da Umberto Bossi e Silvio Berlusconi, ribadendo la non accettazione a confluire all’interno del Popolo della Libertà.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

“Donne di medicina”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 Mag 2010

Parma 20 maggio, alle 11, presso l’Aula B del Polo Didattico (via Del Prato – angolo Borgo Carissimi), si terrà la presentazione del volume “Donne di medicina. Il percorso professionale delle donne medico in Italia”, di Giovanna Vicarelli, docente di sociologia economica presso l’Università Politecnica delle Marche, organizzato dal Dipartimento di Psicologia dell’Università di Parma con il patrocinio del Comitato Pari Opportunità dell’Ateneo.  Discuteranno insieme all’autrice Ornella Cappelli, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Donne Medico, Nadia Monacelli, Docente di Psicologia dei gruppi e gestione dei conflitti presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Parma e Antonella Vezzani, Presidente dell’Area Dirigenza del Comitato Pari Opportunità dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. A coordinare l’incontro sarà Sergio Manghi, del Dipartimento di Psicologia, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Parma. Giovanna Vicarelli nel suo volume narra i molti e difficili percorsi delle donne medico in Italia: dalle “pioniere” che tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento decisero di scegliere la medicina come professione, a coloro che subirono la politica restrittiva del regime fascista verso il l avoro femminile, fino alla lenta e definitiva emancipazione di fine Novecento, quando le donne riuscirono tra l’altro ad affrancarsi da una specializzazione considerata tipicamente femminile quale la pediatria. Il percorso di “femminilizzazione” della medicina italiana viene infine posto a confronto con le modalità di crescita del professionalismo medico in altri paesi europei, così da rintracciare le specificità e in certa misura il ritardo che anche su questo versante sembra caratterizzare l’Italia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presidio al Ministero della Funzione Pubblica

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Roma 25 settembre Corso Vittorio Emanuele II, 116 – Ore 11-14 la RdB Pubblico Impiego si mobilita per la difesa di salario, diritti e dignità dei lavoratori pubblici e dello Stato Sociale come bene comune; per una Pubblica Amministrazione vicina al cittadino nel rispetto della condizione lavorativa dei dipendenti; in difesa delle libertà sindacali. Il presidio nazionale, che si terrà a Roma davanti al Ministero della Funzione Pubblica, intende contrapporsi all’attacco ai lavoratori pubblici da parte del governo Berlusconi e del Ministro Brunetta, attacco condotto con l’obiettivo di recuperare sempre più soldi dalla Pubblica Amministrazione e dai salari per trasferirli alle imprese ed alle banche a sostegno dei loro profitti.  L’incontro di ieri fra governo e parti sociali conferma infatti quanto previsto in Finanziaria: niente risorse per il rinnovo dei contratti. Intanto il decreto Brunetta, varato a marzo ed in via di approvazione, realizza la controriforma della Pubblica Amministrazione distruggendone funzione e servizi. Il decreto inoltre toglierà stipendio al 25% dei lavoratori, utilizzando un modello di valutazione che attribuisce massima discrezionalità alla dirigenza. Per sostenere tali politiche vengono tolte le libertà sindacali ai sindacati indipendenti, tramite l’accorpamento dei comparti che snatura le specificità di ogni settore e regala il monopolio della rappresentanza e delle agibilità sindacali a CGIL,CISL,UIL.  Pertanto la RdB P.I. ritiene indispensabile una forte mobilitazione di tutti i lavoratori pubblici, nell’ambito del percorso lotta verso lo sciopero generale nazionale, indetto dal Patto di Base per il prossimo 23 ottobre con manifestazione nazionale a Roma.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Strutture private e pazienti psichici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 agosto 2009

Lettera aperta del Direttore generale della Asl di Chieti Ing. Mario Maresca: “Sul caso delle strutture psicoriabilitative del Gruppo Villa Pini è tempo di porre fine allo scaricabarile delle responsabilità e cogliere l’opportunità per attuare le ipotesi progettuali di riorganizzazione del settore che l’Azienda sanitaria locale di Chieti ha formulato da mesi, dopo avere verificato le situazioni di tutti i pazienti psichici (352) ospitati in quelle strutture, ma senza ottenere risposte. Il bubbone «Sanità privata» e le tensioni che esso ha creato e continua a creare si sono scaricati tutti sulla dirigenza della Asl di Chieti, che oggi ha il torto di essere rimasta con il cerino acceso in mano: soprattutto perché questa Azienda ha la ventura di avere sul proprio territorio la più alta concentrazione di strutture private. Il nucleo ispettivo della Asl di Chieti ha verificato tonnellate di cartelle cliniche; ha controllato l’appropriatezza e la legittimità di oltre 80mila ricoveri ospedalieri e altre prestazioni sanitarie, ricostruendo il quadro dal 2005 in poi: un lavoro immane che ha prodotto una corposa documentazione che ha consentito di recuperare somme importanti e, in sede giudiziaria, di contestare ai privati richieste di pagamento non dovute per decine di milioni di euro. Cio’ ha portato tutti al rispetto delle regole e ha evitato altri sperperi di denaro pubblico. Al settore della psicoriabilitazione eravamo già arrivati. Ma va fatta una premessa. Il Piano sanitario regionale assegna alla Asl di Chieti 70 posti per la gestione di pazienti in strutture psicoriabilitative. Nella realtà, sul territorio teatino ve ne sono 352 dei circa 700 presenti in tutto l’Abruzzo. Non basta: tra il 1996 e il 1997 i pazienti che dimorano in queste strutture hanno improvvisamente preso la residenza a Chieti. In tal modo il loro costo grava interamente sul bilancio della Asl di Chieti e non sulle Asl e sulle Regioni di provenienza, oltre che sulle famiglie per la quota sociale di loro spettanza.  Questo lavoro ha prodotto un documento per il riordino complessivo del settore della psicoriabilitazione, che la Direzione generale della Asl di Chieti ha inviato alle competenti autorità regionali. La discussione a livello regionale non è stata avviata. Questa Azienda sanitaria locale non si vuole sottrarre ad alcuna responsabilità, ma di sicuro non accetta un processo mediatico ingiusto.Sento il dovere di difendere il lavoro dei dirigenti di questa Asl, cui solo la carenza di tempo e risorse ha impedito di completare in tempo utile quel grande lavoro di rivisitazione di tutte le prestazioni erogate dai privati o rimettere ordine in un sistema da troppo tempo fuori controllo. Le continue tensioni legate proprio alla sanità privata e la necessità di risolvere continuamente problemi scaricati sulle spalle di questa Asl, hanno bruciato il tempo necessario per completare l’opera, provocando l’indagine della Commissione d’inchiesta del Senato”. (In sintesi)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »