Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘discussioni’

Politica: Non è più tempo di discussioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 agosto 2019

Ci risiamo. Dopo aver digerito non sempre bene i risultati elettorali ora il passatempo dei nostri “esperti” dalla politica alla filosofia, dalla sociologia al pettegolezzo sembrano concentrati sui passi che i nuovi leader compiranno e come intendono risolvere gli aspetti più urgenti del nostro vivere quotidiano. Da più disparate parti i talk-show, infatti, impazzano con discussioni di ogni genere ora sul tema d’attualità sulla formazione del nuovo governo e sul ritorno alle urne e quando, sul conflitto d’interessi, sulla riforma della giustizia, sulla legge elettorale e la riduzione del numero dei parlamentari, ora sulla riforma del lavoro e via di questo passo. Non bastano per questi amatori delle tavole rotonde i tanti bla bla che per decenni abbiamo dovuto sorbire sulle riforme preannunciate, quasi realizzate salvo un nulla di fatto all’ultima ora. E’ tempo di concretizzare e non di parlare al vento. Il sistema Italia ha in nuce tutte le potenzialità possibili e immaginabili per darsi una nuova figura di sé. Ciò che manca è la volontà politica. Ciò che manca è l’impegno parlamentare a realizzare e non ad anticipare il bene e a razzolare male tra le pieghe delle commissioni, dei rinvii, degli approfondimenti ecc. Basterebbe stabilire per regolamento parlamentare che tutte le proposte di legge dei suoi membri venissero esaminate dalle apposite commissioni entro sessanta giorni e votate o rinviate in aula per l’esame generale e il relativo voto. Diamoci una mossa se vogliamo realisticamente imprimere una svolta al paese e non lasciamo che la nuova speranza per un cambiamento radicale sul modo come interagire tra i cittadini e le istituzione non si trasformi come in passato in un mero esercizio tautologico. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

G7: Una passerella

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 giugno 2015

g7Il G7, ovvero il Gruppo dei 7, cioe’ la riunione dei Paesi occidentali piu’ il Giappone, si e’ concluso con un nulla di fatto. Il tema principale riguardava l’ambiente e l’unica decisione presa e’ stata quella di contenere l’innalzamento termico entro i due gradi con la decarbonizzazione entro fine secolo e la riduzione dei gas entro il 2050. Tempi lunghi che non interesseranno piu’ gli attuali attori del vertice. L’altro argomento e’ stata la crisi ucraina e, non a caso, pochi giorni prima del vertice, sono ripresi gli scontri tra ucraini e filorussi, quindi l’occasione per minacciare ulteriori sanzioni. Anche la crisi greca e’ stata argomento di discussione. Si e’ ribadito che la Grecia deve restituire i debiti, magari con ulteriori dilatazioni, ma deve dare qualcosa in cambio che, a nostro parere, non e’ proprio disponibile a dare. Esempio? Far pagare le tasse agli armatori greci (seconda flotta mercantile al mondo) che hanno un’Iva agevolata e che non pagano tasse sui profitti generati all’estero e alla Chiesa Ortodossa (guarda un po’).Insomma, un G7 da passerella. Potevamo risparmiarcelo.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc) (Photograph: Sven Hoppe/dpa/Corbis)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non è più tempo di discussioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 marzo 2013

Ci risiamo. Da più disparate parti si preannunciano convegni dibattiti, discussioni di ogni genere ora sul conflitto d’interessi ora sulla riforma della giustizia, ora sulla legge elettorale ora sulla riforma del lavoro e via di questo passo. Non bastano per questi amatori delle tavole rotonde i tanti bla bla che per decenni abbiamo dovuto sorbire sulle riforme preannunciate, quasi realizzate salvo un nulla di fatto all’ultima ora. E’ tempo di realizzare e non di parlare al vento. Il sistema Italia ha in nuce tutte le potenzialità possibili e immaginabili per darsi una nuova figura di sé. Ciò che manca è la volontà politica. Ciò che manca è l’impegno parlamentare a realizzare e non ad anticipare il bene e a razzolare male tra le pieghe delle commissioni, dei rinvii, degli approfondimenti ecc. Basterebbe stabilire per regolamento parlamentare che tutte le proposte di legge dei suoi membri venissero esaminate dalle apposite commissioni entro sessanta giorni e votate o rinviate in aula per l’esame generale e il relativo voto. Incominciamo con l’Imu che tanti voti ha portato a Berlusconi dai soliti gnoccoloni. Aboliamo o riduciamola in modo consistente per la prima casa abitata da pensionati o famiglie monoreddito. E se mancano le risorse c’è sempre Silvio Berlusconi che pubblicamente ha affermato che è ben disposto a donare quattro dei suoi miliardi di euro per questa causa. Diamoci una mossa se vogliamo realisticamente imprimere una svolta al paese. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

150° Italia; festeggiamo l’Italia!

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2011

Map of Italy in 1860 AD

Image via Wikipedia

Non vi è dubbio che il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia debba servire a rinsaldare i vincoli della comune appartenenza nazionale e a rafforzarne il senso di unione spirituale e di lingua, di solidarietà tra le generazioni, le comunità e i territori. Con l’avvicendarsi di questa data, si è sviluppato nel Paese un amaro dibattito, per certi versi persino surreale, relativo all’opportunità delle celebrazioni solenni. Queste discussioni hanno avuto l’unico pregio, semmai ce ne fosse ancora bisogno, di mettere in evidenza la necessità di rafforzare il vincolo comunitario, soprattutto laddove sembrano prevalere egoismi, localismi, o peggio venature antinazionali. Perché di questo si tratta quando parliamo delle squallide manifestazioni di antitalianità e di disprezzo per le Istituzioni a cui la Lega ci ha brutalmente sottoposto. Questi episodi risultano ancora più disgustosi in quanto i maggiorenti di quel partito ricoprono oggi ruoli di altissima rilevanza istituzionale. La difesa della nostra lingua, la promozione della nostra cultura e il rafforzamento della nostra identità non devono essere intese come negazione delle specificità territoriali, né delle altrui identità, perché è proprio nell’unione di queste specificità che risiede lo spirito patriottico del Risorgimento. È necessario, dunque, riaffermare le profonde ragioni culturali e spirituali dell’unità nazionale e cogliere, proprio attraverso un evento celebrativo e popolare il senso dell’italianità, del bene comune, della continuità e del progresso ordinato della Nazione. Festeggiamo, quindi, con orgoglio e passione questi meravigliosi centocinquant’anni dell’Italia, in nome di tutti quelli che, con sacrificio, hanno combattuto per unirla; di coloro che la vivono e la rappresentano oggi e di tutti quelli che l’ameranno in futuro. Quanto si legge in una nota firmata dall’on. Roberto Menia, coordinatore nazionale di FLI, sul sito http://www.areanazionale.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agli italiani piace la vacanza in comitiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 agosto 2010

In ferie trionfa la comitiva di amici che partono insieme e condividono spazi e ritmi. Ma per 6 esperti su 10 la preparazione della cena diventa la causa principale delle rotture ma anche l’unico modo in cui ritrovare l’armonia e rinsaldare l’amicizia. Ecco i consigli per ritrovare la pace utilizzando un po’ di fantasia e creatività a tavola. Basta con scenate per chi deve buttare la pasta (69%); basta con inutili discussioni per chi deve lavare i piatti (61%) e stop ai soliti malumori per la scelta del menu’ (58%). In vacanza gli italiani preferiscono partire in gruppo (66%) con il sorriso sulle labbra, ma  rischiano di tornare a casa con musi lunghi e volti tirati. Il motivo? La scelta e la preparazione dei pasti: la tavola infatti batte tutti gli altri problemi, come la mancanza di condivisione sugli orari della sveglia mattutina (54%), la scelta del programma della giornata (48%),  e i turni della doccia (37%). A generare piu’ problemi sono gli orari dei pasti (57%) e la scelta di chi deve cucinare (69%). E’ l’ “Effetto Grande Fratello: ovvero la convivenza forzata durante le vacanze estive che mette a repentaglio anche le amicizie piu’ solide. Da chi mangia soltanto alcuni cibi (43%) a chi non sopporta di andare a fare la spesa (47%), da chi non intende sporcarsi le mani ai fornelli (69%), a chi non vuole perdere troppo tempo a ideare ricette ogni sera nuove (58%), da chi non accetta un orario prestabilito per mangiare (57%) per finire con chi non vuol sentir parlare di piatti e stoviglie da pulire (61%).
Ma perché si decide di partire in comitiva? Innanzitutto, per risparmiare (81%) e dividere i costi (77%), a cui seguono motivi meno pratici ma di primario interesse per una vacanza speciale, ovvero il divertimento (61%) e le esperienze condivise in passato (54%). Gli obiettivi, infatti, sono quelli di mantenere una sorta di tradizione perpetua nel tempo (49%) e rinsaldare ancor di piu’ un gruppo che solitamente in inverno non ha sempre la possibilita’ di viversi appieno (43%). Agli hotel (29%) e ai bed & breakfast (41%), considerati troppo costosi (49%), con poca liberta’ (65%) e senza spazi da poter vivere in comune (71%), le comitive preferiscono alloggiare in appartamenti in affitto (59%) o nei campeggi (45%), considerati piu’ economici (88%) e piu’ semplici (74%). Ma chi E’ il popolo delle comitive? Sono i giovani tra i 18 e i 25 anni (74%), gli adolescenti dai 14 ai 18 anni (67%) e le giovani coppie tra i 25 e i 35 anni (53%). Partono solitamente in gruppi da 8 (31%) o da 12 persone (23%), rare le comitive composte da meno di 8 membri (11%) e non mancano quasi mai al loro interno le neo coppiette (63%).  I rischi pero’ sono dietro l’angolo e i buoni propositi di divertimento corale vanno a farsi benedire di fronte ad una convivenza forzata. I motivi? Spesso si litiga e si discute per la difficolta’ di trovare un accordo sugli orari della sveglia mattutina (54%), sulla scelta del programma della giornata (48%), sui turni della doccia (37%), del budget a disposizione (39%) o di chi si erge in maniera autonoma a comandante della compagnia (55%).

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scienze religiose: convenzioni con i comuni italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2009

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (www.upra.org) sta avviando una serie di convenzioni con i comuni italiani. La prima è con il comune di Ladispoli (Roma). Prevede un’agevolazione economica riservata ai cittadini residenti, per i corsi di Baccalaureato e licenza in Scienze Religiose Executive. Si tratta di un nuovo programma che permette di ottenere la formazione teologica universitaria con riconoscimento ecclesiastico e di conseguire il Baccalaureato e la licenza in Scienze Religiose, titoli che abilitano all’insegnamento della religione cattolica nelle scuole. Nei corsi si alternano laboratori e discussioni di gruppo che arricchiscono, approfondiscono e rendono vivi i concetti appresi. L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, diretto dai Legionari di Cristo, è stato canonicamente eretto dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica il 15 settembre 1993. Attualmente ha tre facoltà: Teologia, Filosofia e Bioetica. Può contenere fino a quattromila studenti ed è dotato di un centro di teleconferenza che permette ai professori di impartire lezioni a studenti in sede e allo stesso tempo di collegarsi con altri centri accademici in diverse parti del mondo.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visite omeopatiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2009

Reggio Calabria 22 Ottobre L’associazione Adimo – Associazione Di Informazione sulla Medicina Omeopatica non a fini di lucro terrà il trimestrale ciclo di visite omeopatiche riservate agli associati (associazione annuale Euro 20,00), grazie alla disponibilità dei medici dottor Mohamed Bahà El-Din Ghrewati e dottor Ahmed El Beick. Adimo si occupa di Omeopatia organizzando incontri, conferenze, discussioni e dibattiti centrati sui principi generali dell’Omeopatia e sui metodi di preparazione, di confezionamento e di distribuzione dei rimedi omeopatici, basati sui principi della farmacopea tedesca. Il loro fine è far conoscere tale disciplina a un pubblico sempre maggiore, contribuendo al risanamento della società: gli individui, quando sono malati, riflettono la propria patologia nel comportamento e, di conseguenza sulla società. Le visite sono riservate esclusivamente agli associati Adimo. Il contributo visita a carico di ogni socio è pari a euro 60,00. Per gli ulteriori componenti del nucleo familiare del tesserato il contributo è ridotto del 50%. A titolo esemplificativo il titolare della tessera: euro 60,00, il coniuge euro 30,00; il figlio euro 30,00; Totale euro 140,00. Per prenotare la propria visita, basta comunicare, entro Domenica 11 Ottobre, il proprio nominativo e un recapito telefonico a cui si verrà ricontattati,  all’indirizzo fax 0965.1870430, al numero di telefono 0965.895917 (non riceverà risposta chi chiama con numero privato o nascosto), via sms o telefonica al numero 388.1818910 (Gabriella Caputo).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il presidente Barroso al vertice del G8

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

verticeL’Aquila 8-10 luglio. Per la quinta volta, il Presidente Barroso rappresenterà la Commissione al vertice del G8, che quest’anno si svolgerà sotto la presidenza italiana all’Aquila. I leader del G8 parleranno dell’economia mondiale, affrontando temi come il commercio, i cambiamenti climatici e l’energia, l’Africa e lo sviluppo e la sicurezza alimentare. Insieme ai leader della Svezia, presidente di turno del Consiglio dell’Unione europea, agli altri quattro membri UE facenti parte del G8 (Francia, Germania, Italia e Regno Unito) e a Stati Uniti, Russia, Canada e Giappone, il Presidente Barroso solleciterà una risposta internazionale coordinata alle sfide comuni connesse alla crisi economica e finanziaria, al commercio, all’ambiente, ai cambiamenti climatici e all’energia, allo sviluppo, all’Africa e alla sicurezza alimentare. I cambiamenti climatici saranno oggetto di intense discussioni sia in sede di G8 che alla riunione del Major Economies Forum. Il Presidente Barroso insisterà sull’importanza della scienza e di un aumento delle temperature circoscritto a 2°C e inviterà a ribadire l’obiettivo di ridurre le emissioni mondiali almeno del 20% entro il 2050. Tutti i paesi industrializzati dovrebbero inoltre essere pronti a ridurre le emissioni almeno dell’80% nello stesso periodo, assicurando un primo, notevole contributo a questo obiettivo mediante forti riduzioni a medio termine di entità paragonabile. Questo dovrebbe motivare a sua volta le principali economie emergenti a prendere provvedimenti per ridurre collettivamente le loro emissioni al di sotto dei livelli attuali. Il Presidente sottolineerà altresì le opportunità economiche che comporta il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio. Quanto all’economia mondiale, il Presidente Barroso esorterà il G8 a inviare un segnale forte per ribadire la necessità di non cedere alle spinte protezionistiche nel settore del commercio e degli investimenti in un periodo di crisi economica. Alla luce del grave impatto sociale che provoca la crisi attuale, il Presidente chiederà a tutti i governi di porre al primo posto i cittadini, elaborando politiche sociali e occupazionali che contribuiscano a tutelare le persone e i posti di lavoro onde promuovere la ripresa economica e la creazione di un nuovo contesto globale più equo. Il Presidente insisterà altresì perché alla riunione dell’Aquila si imprima un nuovo impulso onde concludere quanto prima l’agenda di Doha per lo sviluppo. Il Presidente Barroso sottolineerà, infine, l’importanza che riveste tuttora la sicurezza alimentare mondiale per la quale, dopo l’ultima riunione del G8, la Commissione ha adottato e iniziato ad attuare uno strumento alimentare di 1 miliardo di euro. Il Presidente si compiace dell’attenzione sempre più viva manifestata dagli altri partner del G8 per questo grave problema. Quanto alla partecipazione, il vertice del G8 di quest’anno rispecchia la ferma volontà dei leader del gruppo di sviluppare il dialogo con i loro partner globali e di farne una parte integrante e imprescindibile del vertice, creando inoltre collegamenti con altri processi in corso, in particolare i negoziati delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e il G20. (vertice)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »