Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘disinvoltura’

Biodiversità Mistiche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 ottobre 2010

Milano  inaugurazione: 20 ottobre 2010 ore 18.30, inizio performance ore 19.00 via G. Gadio 2 presso l’Acquario Civico di Milano mostra personale di Miriam Secco a cura di Nila Shabnam Bonetti. La giovane artista si forma tra Milano e Bruxelles dove approfondisce un linguaggio espressivo che si muove con disinvoltura tra metodi di lavorazione antica e artigianale come la tessitura di arazzi, il disegno a china e la cartapesta per le maschere da utilizzare nel corso di azioni artistiche contemporanee come performances e installazioni, volte a stimolare i sensi dei visitatori, coinvolti attivamente ed emotivamente nei suoi lavori. In Belgio l’artista approfondisce la sua ricerca orientandosi verso un approccio antropologico all’arte, rendendo la pratica artistica  stessa una forma di ritualizzazione. L’arte di Miriam Secco porta con sé domande sul senso dell’esistenza, alla riscoperta di una dimensione spirituale troppo spesso soffocata dal consumismo della società occidentale. http://www.acquariocivicomilano.eu http://www.fraubluker.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rai: violazione sui compensi e consulenze

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2009

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali – Pd: “Mentre si discute se la Rai deve essere un po’ piu’ di destra o un po’ piu’ di sinistra, come se la perfetta applicazione del manuale Cencelli corrispondesse al compito del servizio pubblico, l’occasione puo’ essere quella giusta per portare alla luce e chiarire perche’ la Rai non rispetta la legge che la obbliga a rendere pubblici i rapporti di consulenza esterna, nomi e cifre. Si leggono sui giornali i compensi dei personaggi tv piu’ famosi, ma la legge obbliga la Rai a farlo per tutti i contratti. Sapere come funziona il canone, dove finiscono le tasse dei cittadini e’ un dovere che la Rai non rispetta, nonostante glielo imponga la legge. Dopo piu’ di due anni dalla sua creazione, sul sito apposito (www.contrattidiconsulenza.rai.it) predisposto dalla Rai per conoscere i nomi e i relativi importi percepiti dai consulenti e professionisti esterni, cosi’ come stabilito per legge, l’unica cosa che appare e’ la scritta “Lavori in corso”. La legge 244/2007 (art. 3, comma 44) e’ chiara: “Nessun atto comportante spesa […] puo’ ricevere attuazione, se non sia stato previamente reso noto, con l’indicazione nominativa dei destinatari e dell’ammontare del compenso, attraverso la pubblicazione sul sito web dell’amministrazione o del soggetto interessato, nonche’ comunicato al Governo e al Parlamento”. In caso di violazione la Rai e gli stessi consulenti sono tenuti al rimborso, a titolo di danno erariale, di una somma pari a dieci volte l’ammontare della somma illegittimamente erogata.Di fronte alla palese violazione della legge da parte dell’azienda radiotelevisiva e ad una interrogazione depositata nel giugno dello scorso anno, nessuna risposta (Atto n. 3-00082: http://blog.donatellaporetti.it/?p=108). Come del resto nessuna risposta (se non quella che effettivamente la cosa e’ complessa e va chiarita) su chi deve pagare il canone: possessori di pc e di videotelefonini che sono apparecchi atti a ricevere trasmissioni radiotelevisive, ad esempio, evadono le tasse se non pagano il canone Rai? Questa e’ la televisione di Stato? Il problema non si porrebbe se fosse stato rispettato quanto richiesto dagli italiani con un referendum, la privatizzazione. Ma, fintanto che la Rai e’ un soggetto pubblico, si deve comportare come tale, rispettando quelle leggi che oggi invece viola con disinvoltura.”

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

José Luis Serzo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2009

la revolucionaria MayaTorino 25 settembre 2009 – 30 ottobre 2009 Marena Rooms Gallery via dei Mille 40/a,   Inaugurazione: venerdì 25 settembre 2009 ore h 18,00 – 21,00 A cura di Monica Trigona  “La vita è sogno (“La vida es sueño”) è un dramma filosofico – teologico scritto nel 1635 da Pedro Calderón de La Barca, ma è anche un’affermazione che bene si adatta al mondo immaginifico di José Luis Serzo. José  Luis, nativo di Albacete, capoluogo dell’omonima provincia, è considerato oggi uno dei giovani più promettenti dell’arte contemporanea spagnola, che esplica attraverso l’utilizzo di tecniche variegate: passa con disinvoltura dalla pittura alla scultura, dall’installazione al video. La sua capacità di “fare mondi”, per mutuare la locuzione che Daniel Birnbaum ha voluto come imperativo della sua biennale veneziana, è favorita da un animo idealista e sognatore che brama scenari  zuccherati e utopici dove può prendere parte tutto l’inventario espressivo dell’arte contemporanea. Gli olii su tela esposti alla Marena Rooms Gallery hanno una gamma di sfumature di colore molto vasta che ricorda la perfezione dei fiamminghi, i quali riuscivano ad esprimere al meglio la magia delle foreste, la poesia delle selve, l’incanto dei paesaggi del nord del mondo. Allo stesso tempo, strizzano l’occhio al barocco spagnolo e a quella pittura che si ispirava ai motivi della vita quotidiana pur essendo pervasa da visioni di sogno e caos. Il colore ha grandissima importanza nelle composizioni di Jose Luis: risplende in bagliori smaltati e sfuma in ombre dorate. Le composizioni sono complesse, ricche di particolari, inglobano elementi eterogenei per creare un clima frivolo e allo stesso tempo sensuale. Le opere grafiche in bianco e nero di Luis Serzo richiamano alla mente la caricatura veneta settecentesca, alquanto legata al mondo del teatro e i cui protagonisti erano ben identificati nella loro identità personale”. Marena Rooms Gallery via dei Mille 40/a, 10123 Torino (la revolucionaria maja)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »