Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘diventare’

Salvatore Rosetti: Tia non parla a nessuno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 maggio 2011

Nascere, crescere e diventare grandi a Palermo, tra vicoli dove la violenza si respira insieme agli odori del mercato, tra i miti dei boss e l’ossessione delle femmine. È qui che vive Tonino, capo di una banda di ragazzini del quartiere Brancaccio, dove si vive rispettando solo la legge del sangue e dell’onore. Il suo è un mondo senza innocenza fino al giorno in cui incontra Tia, che non parla a nessuno. Il silenzio in cui vive la ragazzina è un richiamo irresistibile per il giovane: deve proteggerla anche se non sa spiegarsi perché. Una storia potente, drammatica e cruda dove la morale sta dentro la canna di una pistola. Pagine 342 Euro 18,00 Codice 23781K EAN 978-88-425-4646-7 Mursia editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primi passi per diventare diplomatico

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2010

Roma Il 22 e 23 settembre, si svolgeranno alla SIOI Palazzetto Venezia (Piazza San Marco 51) le selezioni gratuite per l’accesso alla Quarantunesima edizione del Corso di preparazione al concorso per la carriera diplomatica – Master in Studi Diplomatici. Per diventare diplomatici è necessario superare un concorso pubblico, indetto tradizionalmente ogni anno dal Ministero degli Esteri.  Il concorso mira ad accertare la preparazione accademica, le conoscenze linguistiche, la cultura, nonché la capacità di svolgere l’attività diplomatica con riferimento alle doti di analisi, sintesi e logicità del ragionamento e attitudine al problem solving. Lo studio, dunque, deve proseguire anche dopo la laurea e può essere “guidato” attraverso la frequenza ad un corso ad hoc, come quello di preparazione al concorso organizzato dalla SIOI, d’intesa con l’Istituto Diplomatico del Ministero degli Affari Esteri che si svolgerà dal prossimo settembre al mese di maggio 2011.
La SIOI, ente morale a carattere internazionalistico, è la più antica scuola di formazione per diplomatici.  Dal 1945, anno in cui fu organizzato il primo corso di preparazione alle carriere diplomatico e consolari, molti tra i vincitori del concorso si sono formati nelle aule di Palazzetto Venezia. Gli Ex Alunni della SIOI, oggi in attività di servizio nel ruolo diplomatico del Ministero degli Affari Esteri sono 381. In relazione, inoltre,  all’ultimo concorso diplomatico, le cui prove preselettive si sono svolte nello scorso aprile, si segnala l’ammissione di 160 corsisti della SIOI su un totale di 458 candidati.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ bello vivere liberi!

Posted by fidest press agency su martedì, 2 marzo 2010

Roma 2 marzo (ore 10.30 e 21.00) e mercoledì 3 marzo (ore 10.30) al Teatro Biblioteca Quarticciolo va in scena il racconto della Resistenza vissuta da una giovane ragazza incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese, esempio di partecipazione attiva e di come ogni singolo individuo può diventare indispensabile per la vita di un intero popolo: “E’ bello vivere liberi!”, testo ispirato alla biografia di Ondina Peteani scritta dalla storica Anna Di Giannantonio, (Edizioni IRSML FVG 2007).  Lo spettacolo si inserisce nell’ambito delle iniziative che i Teatri di Cintura dedicano al tema della donna in occasione della ricorrenza  dell’8 marzo.  Ondina è  stata definita da alcuni storici “prima staffetta partigiana d’Italia”, per la precocità del suo impegno nella lotta di Liberazione, avvenuta in un territorio in cui la Resistenza è iniziata prima rispetto al resto d’Italia, grazie alla vicinanza con la Jugoslavia dove fin dal 1941 si erano formati gruppi partigiani attivi contro l’occupazione fascista. La sua storia attraversa gli anni del fascismo nel Monfalconese, viene segnata in modo indelebile dalla detenzione ad Auschwitz e continua nel dopoguerra, come ostetrica e organizzatrice culturale e politica all’interno del PCI, poi PDS. Lo spettacolo si ispira alla prima parte della vita di Ondina fino alla liberazione dai campi di concentramento e mette in luce alcune particolari tematiche: il contributo fondamentale apportato dalla Resistenza femminile all’emancipazione della donna; i sogni di libertà, gli ideali di pace e fratellanza dei giovani che aderirono al Movimento di Liberazione; l’incubo della deportazione nazista e la sopravvivenza nei lager. Deportata, umiliata, privata della sua identità e torturata, Ondina racconta una Resistenza vissuta al di fuori di ogni celebrazione o irrigidimento retorico. Resistenza personale, segnata dai tempi impetuosi di una giovinezza che è sfida, scelta e messa in gioco personale. Resistenza politica, dove la protagonista incontra la storia e la sua violenza. Resistenza poetica all’orrore che avanza e annulla. Resistenza adolescente che incontra la morte continuando ad affermare la necessità della felicità, della voglia di vivere liberi, la gioia di lottare per difendere la democrazia e la libertà.
Lo spettacolo coniuga un lavoro di narrazione fatto di testimonianze, e dunque, attento ai piccoli gesti e agli stupori di ragazza, con il mestiere del burattinaio per ritrovare la forma del teatro popolare e per raccontare in modo evocativo l’orrore dei lager. (bello)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »