Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘documentario’

Corso di alta formazione in “Cinema documentario e sperimentale”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 febbraio 2019

Parma. Sta per prendere il via a Parma la terza edizione del corso di alta formazione in “Cinema documentario e sperimentale”, promosso dalla Cineteca di Bologna e dall’Università di Parma (CAPAS – Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo) con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e del Fondo Sociale Europeo, in collaborazione con il Comune di Parma.Dopo gli ottimi riscontri del 2017 e del 2018 via dunque all’edizione 2019, per la quale le iscrizioni sono aperte fino al 5 marzo. 18 i posti disponibili.
Importante attività del Distretto del Cinema, inaugurato nel 2017 dal Comune di Parma per far crescere la cultura delle arti audio visive e le professioni a esse collegate, il corso di alta formazione in “Cinema documentario e sperimentale” vede nello specifico la collaborazione del Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo (CAPAS) dell’Università, e fa parte dell’ampio ventaglio di proposte formative della Cineteca di Bologna realizzate grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna e del Fondo sociale Europeo. La Cineteca di Bologna offre infatti agli interessati una serie diversificata di corsi per sviluppare le proprie competenze professionali: dall’archivistica alla valorizzazione del patrimonio, dalla fotografia al restauro delle opere filmiche.
Il corso è pensato per un numero massimo di 18 studenti, che saranno selezionati sulla base di specifici requisiti minimi richiesti dal bando attraverso la valutazione dei documenti inviati, di un successivo test scritto di cultura generale audiovisiva e di un colloquio orale. Grazie al finanziamento regionale, i partecipanti potranno frequentare il corso gratuitamente. È indirizzato a persone residenti o domiciliate in Emilia-Romagna in possesso di diploma di scuola secondaria o di laurea triennale in qualsiasi ambito, con competenze in storia della tecnica del cinema e dell’audiovisivo.Si privilegerà la formazione tecnico-professionale degli studenti, senza trascurare le competenze produttive e distributive e la consapevolezza storico-teorica necessaria a garantire una piena autonomia d’azione.
Sono previste 730 ore di didattica (di cui 300 di lezioni frontali e 430 di project work), articolate in 9 moduli. Per partecipare alla selezione è necessario presentare la domanda d’iscrizione pubblicata sul sito della Cineteca di Bologna (www.cinetecadibologna.it/formazione)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al via le riprese del documentario realizzato con la Ane Frank Fonds Basel

Posted by fidest press agency su martedì, 29 gennaio 2019

Come sarebbe stata la vita di Anne Frank se fosse sopravvissuta ai giorni di Auschwitz e Bergen Belsen? Cosa ne sarebbe stato dei suoi sogni e dell’adolescenza di cui scriveva nei suoi diari? E che tipo di identificazione si crea oggi in una ragazzina della stessa età di Anne e di Kitty, l’amica immaginaria a cui Anne scrive nel suo diario, dopo una visita nel Memoriale di Bergen Belsen? Che comunicazione può sviluppare coi suoi coetanei per condividere i pensieri che quella vicenda le trasmette?È da queste domande che nasce il nuovo docufilm scritto e diretto da Sabina Fedeli e Anna Migotto e prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in collaborazione con la Anne Frank Fonds Basel, le cui riprese partono ufficialmente proprio questa settimana in occasione del Giorno della Memoria e a novant’anni dalla nascita di Anne. Certo, Anne, deportata ad Auschwitz e poi a Bergen-Belsen, dove morì di stenti tra il febbraio e il marzo del 1945, è diventata negli anni un’icona di cui si è scritto e detto moltissimo. Questo documentario vuole però focalizzare il suo ruolo di testimone con una modalità di racconto fortemente contemporanea, perché il suo approccio alla vita, lo sguardo sulle cose, la profondità della scrittura insieme al taglio giornalistico dei suoi scritti, la rendono capace di parlare direttamente ai giovani d’oggi, sintonizzandosi sulla stessa velocità di rete, con immediatezza e sensibilità straordinarie.Il docufilm si concentra sulla storia di cinque donne sopravvissute all’Olocausto, scelte per le precise attinenze delle loro vite con quella di Anne: Sarah, Edith, Helga e le sorelle Tatiana e Andra. Grazie a loro e alle connessioni tra le loro esperienze e quella di Anne -accomunate dalla deportazione, la sofferenza, la negazione dell’infanzia e dell’adolescenza- avremo modo di restituire un desiderio di vita e di giovinezza che fu proprio anche di Anne e che le permise di combatte la paura e di resistere anche nelle condizioni più inumane. Inoltre, ripercorrendo i “luoghi e le geografie” di Anne, avremo modo di conoscerla attraverso alcuni brani significativi, tratti dal diario, entrando nel suo mondo reale e nel suo mondo immaginario: quello dove abita Kitty, nata dalla fantasia di Anne e a cui lei si rivolge scrivendo il suo diario. Kitty stessa è il diario (come scrive la Frank) e, dunque, un mezzo di comunicazione. Kitty si rivolge al mondo esterno e cerca di capire quale potrebbe essere l’antidoto contro ogni forma di razzismo, facendoci riscoprire l’assoluta contemporaneità del messaggio di Anne come strumento per decifrare il mondo attuale.
Anne Frank (1929-1945) ricevette il diario rosso e bianco da suo padre per il suo tredicesimo compleanno, il 12 giugno 1942. Il suo ultimo testo è stato scritto il 1° agosto 1944, tre giorni prima dell’arresto avvenuto nell’«Alloggio segreto», sito nello stabile di Prinsengracht 263. Miep Gies e Bep Voskuij trovarono i diari di Anne Frank dopo che la famiglia era stata deportata. Miep li conservò nella speranza che un giorno sarebbe stata in grado di restituirli ad Anne. Quando, dopo la guerra, scoprì che Anne era morta in campo di concentramento, Miep consegnò i quaderni al padre, Otto Frank, unico sopravvissuto della famiglia che decise così di esaudire il desiderio della figlia, pubblicandone il diario col titolo che Anne avrebbe voluto dargli: “Het Achterhuis”, l’alloggio segreto.L’Anne Frank Fonds fu fondata a Basilea nel 1963 da Otto Frank come fondazione di beneficenza designata come sua erede universale. La fondazione detiene i diritti per le opere, le lettere e le foto di Anne Frank e dei membri della sua famiglia.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Documentario Giosetta Fioroni: Pop Sentimentale

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 novembre 2018

Roma Lunedì 3 dicembre, al Teatro Vascello di Roma, ore 18, via Giacinto Carini 78 verrà proiettato il documentario Giosetta Fioroni. Pop Sentimentale, un lavoro improntato sulla vita ed opera dell’ultima esponente della scuola romana di Piazza del Popolo ed unica donna del gruppo che può essere considerata la risposta italiana alla Pop Art degli USA, senza dubbio annoverata tra gli artisti più riconosciuti nel panorama internazionale.
Il documentario – scritto da Didi Gnocchi, sceneggiato da Sabina Fedeli, presentato da Piero Mascitti e diretto da Gabriele Raimondi – ripercorre in dettaglio la carriera di Giosetta Fioroni con una serie di mostre e di incontri a Roma, Mosca, Parigi, nella campagna veneta e Milano, dove le è stata recentemente dedicata una grande retrospettiva, inaugurata nella primavera 2018 al Museo del ‘900.
Attraverso la sua testimonianza diretta, torna a rivivere una stagione dell’arte e della cultura italiana, nonché uno sguardo ‘femminile sul femminile’ di estrema attualità attraverso il quale i racconti sposano tanto le memorie sulla difficoltà personali in quanto donna per imporsi a livello artistico, quanto aneddoti su colleghi ed amici che ha intersecato nel corso della sua carriera – da Mario Schifano a Federico Fellini e Marcel Duchamp. Su tutti, il ricordo dell’amore per il compagno, lo scrittore Goffredo Parise, con cui ha attraversato con leggerezza e lucidità i conflitti sociali e ideologici di quegli anni.Arricchita da diverse fonti documentarie e di repertorio, l’opera si completa con le interviste ad amici, artisti, stilisti, critici, curatori che l’hanno incontrata e hanno condiviso con lei affetti e passioni, e che corrispondono ai nomi di Hans Ulrich Obrist, Maria Grazia Chiuri, Pierpaolo Piccioli, Francesco Vezzoli, Achille Bonito Oliva, critico, Paola Pitagora, Marco Meneguzzo, Marzio Breda, Guido Ceronetti, Giorgio Amitrano, Silvia Tofanelli, Lina Sari, Olga Strada e Piero Mascitti.Giosetta Fioroni Pop Sentimentale è una produzione 3D Produzioni realizzata in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà. Il documentario è, dal 26 ottobre 2018, in programmazione sul canale Sky Arte ed è stato scelto per la sezione a concorso dedicata ai documentari dell’11º Festival del Cinema Italiano di Madrid in programma dal 22 al 28 novembre 2018.
A seguire, dopo la proiezione e alle ore 19.00, avrà luogo la conferenza “L’avanguardia di piazza del Popolo”, una tavola rotonda con Daniela Lancioni, Senior Curator del Palazzo delle Esposizioni e il critico d’arte Ludovico Pratesi, sui temi della rassegna.L’evento fa parte della rassegna FIATO D’ARTISTA. Amori eroici e Artisti rivoluzionari a Piazza del Popolo negli anni ’60, di Evita Ciri e Nicola Campiotti, progetto liberamente tratto dal libro omonimo di Paola Pitagora edito da Sellerio e dedicato ai protagonisti che animarono piazza del Popolo a Roma nel decennio tra il 1958 e il 1968, in programma dal 29 novembre al 9 dicembre al Teatro Vascello.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Living Architectures

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 novembre 2018

Parma Sabato 17 novembre 2018, ore 18.00 Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 sarà proiettato all’interno della chiesa dell’abbazia – e in differita nella sala polivalente CSAC – Moriyama-San, documentario dedicato a una settimana nella straordinaria vita ordinaria del signor Moriyama, un’amante giapponese d’arte, architettura e musica che vive in una delle più famose architetture contemporanee, la casa Moriyama, costruita a Tokyo nel 2005 dal vincitore del premio Pritzker Ryue Nishizawa (SANAA). Il film entra in questo microcosmo sperimentale, che ridefinisce completamente l’idea comune di vita domestica, per raccontare la personalità unica del proprietario: un eremita urbano che vive in un’isola di pace e contemplazione nel cuore di Tokyo.Come Koolhaas Houselife, The Infinite Happiness e Barbicania, proiettati presso l’Abbazia di Valserena tra luglio e agosto all’interno di questa rassegna, anche Moriyama-San fa parte di un ciclo di 16 film che nel 2016 sono stati acquisiti dal MoMA. The Museum of Modern Art di New York e che fanno ora parte della collezione permanente.
Alla proiezione farà seguito l’incontro con il regista Ila Bêka, alla presenza di Michele Guerra (assessore alla cultura del Comune di Parma e professore di Storia e Critica del Cinema all’Università di Parma), Sara Martin (docente di Storia e Critica del Cinema presso l’ateneo parmense). Interverranno Francesca Zanella (presidente dello CSAC) e Cecilia Merighi (Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Parma), modera Mara Corradi (giornalista).
Living Architectures è una serie di film che racconta in modo sorprendente la vita di opere di architettura firmate da alcuni dei più celebri architetti del nostro tempo. Se l’immagine dell’architettura tende normalmente a costruire una sua rappresentazione idealizzata, perfetta e a volte sacrale, i film girati dai giovani documentaristi francesi ribaltano il punto di vista mettendo in dubbio la facile fascinazione e descrivendo anche i capolavori della contemporaneità non come infallibili monumenti ma come luoghi di vita quotidiana.
Il prezzo d’ingresso al film è di 5 euro e dà diritto alla visita alla mostra 1968. Un Anno, allestita nello spazio dell’Abbazia di Valserena, al costo agevolato di 3 euro a partire dalle ore 16.30 a fronte di presentazione di biglietto del film. http://bit.ly/MoriyamaSan.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proiezione del documentario di Valerio Jalongo “Il senso della bellezza”

Posted by fidest press agency su martedì, 10 aprile 2018

Madrid 11 aprile ore 11.00 Istituto Italiano di Cultura di Madrid – Calle Mayor, 86. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Proiezione in versione originale. Nell’ambito della “Giornata della ricerca italiana nel mondo” organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid presenta il documentario di Valerio Jalongo “Il senso della bellezza”.
Scegliere qualcosa di non filmabile per definizione, come la bellezza, e costruirci su un film è operazione rischiosa e ambiziosa allo stesso tempo. Per aiutarsi nell’impresa e ancorarsi a qualcosa di concreto, Valerio Jalongo sceglie di filmare al CERN di Ginevra alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. Diecimila scienziati di tutto il mondo collaborano intorno alla più grande macchina mai costruita dagli esseri umani. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare: un’esplorazione della materia intorno a un milionesimo di secondo dopo il Big Bang che ha dato origine al nostro universo.
Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.
“Il senso della bellezza” vuole essere un viaggio alla ricerca di nuove immagini, che possano sostituire quelle che abbiamo perso.Mentre il nuovo esperimento del CERN procede nella sua esplorazione della misteriosa energia che anima l’universo, scienziati e artisti ci guidano verso quella linea d’ombra in cui scienza e arte, in modi diversi, inseguono verità e bellezza.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Proiezione documentario “Napoletani en Barcelona”

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

napoletani en barcellonaRoma Giovedì 15 giugno dalle ore 18.50, al Cinema Trevi di Roma, Vicolo del Puttarello, 25, proiezione del documentario “Napoletani en Barcelona” del documentarista e sociologo visuale Marco Rossano nella programmazione della IIª edizione di “S-Cambiamo il Mondo”rassegna di cinema e culture organizzata da Eidos Cinema Psyche e Arti Visive e da Dun-Onlus con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e Amnesty International. A seguire tavola rotonda “Nuove Identità”: dialogo interculturale. Interventi di Marco Rossano, Suranga Deshapriya Katugampala, Chiara Tozzi, Celestino Victor Mussomar.Il documentario “Napoletani en Barcelona” è un saggio di Sociologia Visuale, parte di un più ampio progetto che l’autore, Marco Rossano ha condotto all’Università di Barcellona. Protagonista la comunità napoletana in Catalogna parte dei movimenti migratori transnazionali che caratterizzano la nostra epoca e che, a differenza di quanto accadesse in passato, grazie alle nuove tecnologie e ai mezzi di trasporto veloci ed economici mantiene il legame con la propria terra d’origine alimentandolo quotidianamente e, spesso, rafforzandolo attraverso la rielaborazione della propria identità nel nuovo contesto. Cosa fanno i napoletani che vivono a Barcellona? Che attività svolgono? Quali sono le occasioni di incontro? Perché hanno lasciato Napoli? Che rapporti mantengono con le proprie radici? Quali sono le differenze e quali le analogie tra le due città? Tra calcio, pizza, ‘sasicce e friarielli’, cornetti portafortuna, teatro, musica, attività politica e vita quotidiana, il saggio sociologico visuale descrive uno spaccato di napoletanità lontano da Napoli, senza la presunzione di analizzare il fenomeno nella sua globalità, ma solo con la volontà di puntare l’obiettivo su una parte della vita dei napoletani che vivono a Barcellona e raccontarne i momenti di aggregazione e socialità. Senso di continuità con le proprie origini, la nostalgia rafforza il senso di identità personale, alimentando la speranza che si traduce in progetto, che si fa storia. Anzi tante storie. Quella di Chiara, tifosa del Napoli, di Matteo, ricercatore, di Alex pizzaiolo e di Diego, proprietario di un piccolo ristorante, ma ci sono anche gli attori Sergio, Stefania e Daniela e Pasquale, che fa il drammaturgo, mentre Sandra è architetto, Emanuele farmacista, Marcello ha una società di comunicazione. Cosa li unisce? Sono napoletani e vivono a Barcellona. Il documentario racconta i loro sogni, le loro speranze, i successi e le sconfitte, gli aspetti positivi e quelli negativi legati alla scelta di vivere in un paese straniero.
L’autore – Marco Rossano (Napoli, 1976) è un documentarista sociologo visuale che dal 2002 vive in Spagna dove si occupa di sociologia visuale all’Università di Barcellona dove ha terminato un Dottorato in Sociologia. Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Napoli Federico II, diplomato in regia cinematografica presso il Centre d’Estudis Cinematogràfics de Catalunya, esperto di produzione video e organizzazione di eventi culturali e teatrali, ha lavorato al Piccolo Teatro di Milano (2006) e al Napoli Teatro Festival Italia (2009-2010). Tra i documentari realizzati, selezionati da diversi festival internazionali di cinema, Memini (2017), Sulla via dei Mille con mio padre (2016), Napoletani en Barcelona (2015), Mondo Azzurro (2012), Cento passi per la libertà (2011), El Diego – concerto nº10 (2010), Stati d’ansia (2008). Oltre a vari articoli accademici è autore del racconto “La grande illusione” (2011) e del libro “Mondo Azzurro” (2013) entrambi pubblicati con Edizioni Eracle.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proiezione del documentario Danze nel Presente. Roberto Castello 1993-2013

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 Mag 2017

PRapalinoSTANZERoma Giovedì 1 giugno (ore 21) Teatro Argentina Largo di Torre Argentina proiezione del documentario Danze nel Presente. Roberto Castello 1993-2013, ideato e realizzato da Graziano Graziani e Ilaria Scarpa, una serata dedicata alla danza contemporanea e a uno dei suoi protagonisti più controversi e impegnati della scena coreografica.
Il documentario ripercorre vent’anni – dal 1993 al 2013 – di una singolare esperienza professionale e umana, quella di Roberto Catello: dalla fondazione di ALDES fino ai giorni nostri, due Premi Ubu, dieci anni di docenza in coreografia digitale, il progetto SPAM!, le collaborazioni con Peter Greenaway, Eugene Durif, Studio Azzurro e RaiTre.
Parlare di danza contemporanea facendo riferimento a Roberto Castello e al suo percorso artistico appare molto articolato: teatro di ricerca? teatrodanza? coreografia radicale? danza urbana? danza NEL DISASTROcritica o critica della danza? E quanto c’è di politico e di pubblico nella sua attività? Basta assistere a due tra i suoi più recenti lavori, il reiterante In girum imus nocte et consumimur igni o il coreocabaret confusionale di Trattato di economia per non trovare risposta. «Pubblico. Se c’è una parola in grado di sintetizzare le molteplici tensioni che hanno innervato attività artistica di Roberto Castello e di ALDES nell’arco di vent’anni di lavoro credo sia questa. […] – annota Graziano Graziani – Il pubblico a cui ci si rivolge e le responsabilità nei suoi confronti; la dimensione pubblica, e dunque politica, del gesto e del discorso artistico; le risorse pubbliche che permettono alla danza e al teatro non commerciali di esistere, e per estensione il ruolo di queste nella scala di valori di una comunità».Presenta la serata Christian Raimo, giornalista di Internazionale, mentre a seguire la proiezione, il dibattito moderato da Gaia Clotilde Chernetich (Teatro e Critica) alla presenza di Roberto Castello e Graziano Graziani. Si segnala che l’11 e il 12 luglio al Teatro India andrà in scena, per la prima volta a Roma, Alfa – appunti sulla questione maschile un progetto di Roberto Castello. (foto: PRapalino, stanze, nel disastro)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Documentario: “Buio a Mezzogiorno”

Posted by fidest press agency su domenica, 16 aprile 2017

Loy e SimmonsPerugia Mercoledì 19 aprile, ore 11,00 Sala Goldoni di Palazzo Gallenga dell’Università per Stranieri di Perugia sarà presentato il documentario “Buio a Mezzogiorno” di Angelo Loy e Tommy Simmons. Ad aprire i lavori della giornata sarà il Magnifico Rettore, prof. Giovanni Paciullo. A seguire sono previsti, inoltre, gli interventi degli autori del documentario Angelo Loy e Tommy Simmons, e di Federica Guazzini, docente di Storia e Istituzioni dell’Africa dell’Università per Stranieri di Perugia.
Il 2 aprile del 2015, miliziani di al-Shabaab con decisione, brutalità e violenza fino ad allora mai viste nel nord-est del Kenya hanno attaccato l’unica Università presente sul territorio, a Garissa, uccidendo 143 studenti – tutti “non locali” – e sei membri delle forze dell’ordine, diffondendo un senso di terrore che ha avuto un impatto devastante su di un territorio vastissimo. Nelle settimane successive all’attacco l’Università è stata chiusa e dalle scuole, i centri sanitati e gli ospedali della zona c’è stato un intenso esodo di personale “non locale” portando ad un forte indebolimento dei servizi sociali che continua a perdurare. Con il massacro di dozzine di ragazzi innocenti i terroristi hanno raggiunto l’obiettivo di impoverire e rendere ancora più isolate le vaste zone aride e semi-aride del nord est del Kenya, emarginando ancor più e frustrando le speranze delle popolazioni islamiche che le abitano. (foto: Loy e Simmons)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Rai cancella e poi reinserisce il documentario sul Genocidio degli Armeni

Posted by fidest press agency su sabato, 23 aprile 2016

armeniaLa RAI ha reinserito nel palinsesto il documentario sul Genocidio degli Armeni inizialmente previsto per sabato 16 aprile, alle 22.30, sul Canale Rai Storia e inspiegabilmente “scomparso”. Il documentario verrà trasmesso, sempre su Rai Storia, alle 23.00 di domenica 24 aprile. Il 24 aprile è il giorno in cui gli armeni di tutto il mondo ricordano l’inizio del Genocidio, il primo del secolo XX, che in lingua armena viene chiamato “Metz Yeghèrn”, il Grande Male. Dopo la cancellazione del documentario sabato scorso, la Rai aveva ricevuto molte proteste e richieste di chiarimenti. Il Consiglio della Comunità armena di Roma aveva interessato anche la Commissione di Vigilanza sulla Rai. Il Genocidio, commesso a partire dal 1915 dal governo turco dell’epoca in tutto l’impero ottomano, e che ha causato secondo molte fonti almeno un milione e mezzo di vittime, fra uomini, donne e bambini, è un tema delicato per la Turchia. Il governo di Ankara mette in atto una politica negazionista molto attiva nei confronti di governi e di privati cittadini. Giornalisti e studiosi che difendono l’esistenza del Genocidio, contro la tesi ufficiale, corrono rischi gravi. L’ipotesi era che la Turchia avesse fatto pressione sulla Rai per la non messa in onda del documentario. Un’ipotesi non accertata, ma più che plausibile. Il documentario, “Il genocidio armeno” realizzato da Andrew Goldberg per la Pbs, è la storia completa del genocidio armeno e presenta interviste con studiosi di fama, tra cui molti di origine turca, come Peter Balakian, Samantha Power, Ron Suny, Taner Akcam, Halil Berktay e Israele Charny. È raccontato da Julianna Margulies e comprende narrazioni storiche di Ed Harris, Natalie Portman, Laura Linney e Orlando Bloom.
(Marco Tosatti)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Film Awards

Posted by fidest press agency su domenica, 8 novembre 2015

European Film AwardsLe cinquine che parteciperanno alla serata di premiazione il 12 dicembre a Berlino sono state annunciate oggi al Festival del Cinema Europeo di Siviglia.
Dancing With Maria racconta Maria Fux. 93enne danzatrice argentina, ancora in attività, che accoglie nel suo studio di Buenos Aires allievi di ogni provenienza. Il suo metodo di danza-terapia spinge al superamento dei limiti del corpo attraverso l’ascolto del ritmo interiore. Dopo aver aiutato centinaia di allievi a trasformare i propri limiti in risorse, oggi Maria Fux ha preso in consegna l’allieva più difficile, sé stessa.
Dancing With Maria è stato il primo documentario ad essere selezionato alla Settimana della Critica di Venzia dove è stato presentato in anteprima mondiale nel 2014. Dopo il successo ottenuto a Venezia ha partecipato a più di 50 festival internazionali ed ha vinto numerosi premi, tra cui il Nastro d’Argento, il Civitas Vitae Award a Venezia, Anti Stigma Award in Scozia, Miglior Documentario in Portogallo, Macedonia e Polonia.
Uscito in sala in Italian a Febbraio di quest’anno distribuito da Exit Media, ha totalizzato più di 20.000 spettatori, La RAI ha recentemente acquisito i diritti di trasmissione e la messa in onda è prevista per la fine del 2015. (foto: European Film Awards)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal Profondo di Valentina Pedicini

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 Mag 2015

dal profondoPalermo lunedì 18 maggio | ore 18:00 sala bianca Centro Sperimentale di Cinematografia a Palermo – sede Sicilia. In collaborazione con 100autori – Associazione delll’autorialità cinetelevisiva e il Centro Sperimentale di Cinematografia, sede Sicilia porta sugli schermi d’Italia e d’Europa il quarto dei cinque film che concorrono a vincere il Doc/it Professional Award, premio al miglior documentario italiano dell’anno. Il Mese del Documentario presenta Valentina Pedicini, unica regista donna ad entrare nella cinquina dei finalisti Doc/it Professional Award, premio al miglior documentario italiano dell’anno, e porta sugli schermi di 14 città in Italia e in Europa il suo Dal Profondo.Dove si finisce quando si muore? Sottoterra, ci hanno sempre insegnato. Dal Profondo ribalta le prospettive mostrando come 500metri sotto il livello del mare si nasconda, invece, la vita. E una donna: Patrizia, unica minatrice in Italia.Valentina Pedicini e Patrizia ci conducono in un mondo capovolto che si addentra nel cuore duro della terra fatto di una notte perenne, chilometri di gallerie, pietre e silenzio. E popolato dell’orgoglio, le lotte e la fatica dei 150 lavoratori dell’ultima miniera italiana.La regista ha vissuto accanto a loro per tre mesi, rischiando anche la vita durante una frana, per portare alla luce le storie di un lavoro pericoloso, ormai desueto e popolato unicamente da uomini. Ad eccezione di Patrizia.Presentato in anteprima mondiale al Festival di Roma e vincitore di numerosi riconoscimenti, il film concorre ora a diventare il miglior documentario italiano dell’anno come finalista delDoc/it Professional Award, il più importante premio di categoria italiano che hadal profondo1 visto più di 150 professionisti del settore votare le migliori opere del Cinema del Reale fra oltre le 80 che hanno partecipato quest’anno.Il documentario sarà proiettato nelle sale di 14 città, in Italia e in Europa, grazie a Il Mese del Documentario, manifestazione giunta quest’anno alla terza edizione e che ha visto triplicare il suo pubblico nell’edizione precedente. Organizzato e fortemente voluto da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani in collaborazione con l’Associazione dell’Autorialità Cinetelevisiva 100autori, Il Mese del Documentario nasce con l’intento di promuovere e diffondere il meglio del Cinema del Reale in sala e, in una formula unica nel suo genere, quest’anno si terrà a Roma, L’Aquila, Bari, Milano, Napoli, Nola, Noto, Nuoro, Palermo, Trieste e per l’estero Berlino, Grenoble, Londra e Parigi nell’arco di un intero mese di proiezioni.Dal Profondo si contenderà assieme agli altri 4 finalisti anche il Premio del Pubblico, proclamato dagli spettatori di tutte le 14 città de Il Mese del Documentario e offerto dall’Associazione dell’Autorialità Cinetelevisiva 100autori che riconferma il suo sostegno all’iniziativa a testimonianza della sua vicinanza con il mondo del documentario.
Le altre quattro opere finaliste sono Sacro GRA di Gianfranco Rosi, SmoKings di Michele Fornasero, Stop the pounding heart di Roberto Minervini, The stone river di Giovanni Donfrancesco.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Documentario: Il codice tra le mani

Posted by fidest press agency su sabato, 22 ottobre 2011

Sight of Brescia from the city castle

Image via Wikipedia

Brescia 9 novembre ore 20.45, Cinema Teatro Sereno traversa XII n. 158 – Villaggio Sereno Proiezione del documentario prodotto dalla Sgi di Torino di Stefano Caselli e Davide Valentini Regia: Igor Mendolia Il codice tra le mani Storia di Guido Galli Un codice aperto accanto ad un cadavere coperto da un lenzuolo bianco, riverso lungo un corridoio dell’Università Statale di Milano. È l’ultima immagine di Guido Galli, 47 anni, magistrato e professore universitario, ucciso da un commando di Prima Linea nel pomeriggio di mercoledì 19 marzo 1980, un uomo che credeva nella Legge come strumento di democrazia, che amava il Diritto e che amava insegnarlo alle generazioni più giovani. Interviene: Alessandra Galli.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missione Cuore per la Vita 2011

Posted by fidest press agency su domenica, 12 giugno 2011

Palermo 18 Giugno ore 16.00 Sala Gialla – Assemblea Regionale Siciliana Piazza del Parlamento sarà presentato l’inedito Documentario “Un altro Mondo è Possibile” realizzato dal Cantautore e Missionario Rino Martinez in occasione della recente Spedizione Umanitaria denominata “Cuore per la Vita – Aprile > Marzo 2011” all’interno della Grande Foresta Equatoriale Congolese (Africa), messa in atto per continuare un necessario progetto sanitario e culturale a favore delle popolazioni autoctone in estinzione dei Pigmei e dei Bantous. L’urgente ed improrogabile spedizione ha ottenuto “L’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana” ed è stata elogiata dalle più alte istituzioni Italiane e Congolesi. È stata l’ennesima spedizione umanitaria in Congo, organizzata dall’Associazione ONLUS “Ali per Volare”, affiancata dalla Nazionale Italiana Cantanti, che per l’importanza degli obbiettivi raggiunti in un territorio impervio e pericoloso si è distinta a livello internazionale, divenendo un esempio ed un punto di riferimento educativo dialto profilo sociale e morale nel mondo. All’impegno benefico hanno partecipato medici e volontari italiani e congolesi, che hanno curato e vaccinato 22.355mila persone, soprattutto, bambini, donne incinte e migliaia di rifugiati. Testimonials
• S.E. Angelo Travaglini (Già Ambasciatore Italiano in Congo)
• Dr. Francesco Cascio (Presidente ARS – Assemblea Regionale Siciliana)
• Mons. Salvatore Di Cristina (Arcivescovo della Diocesi di Monreale)
• Prof. Roberto Lagalla (Magnifico Rettore dell’Università di Palermo)
• Dott.ssa Stefania Petyx (Giornalista di Mediaset)
• Dott. Francesco Sciortino (Medico Chirurgo – Vice Presidente di Ali per Volare Onlus)
• Dott. Maurizio Mongiovì (Medico Cardiologo – Missionario laico di Ali per Volare Onlus)
• Dott. Salvatore Demma (Medicina Umanitaria di Ali per Volare Onlus)
• Dr. Corrado Castagnetta (Commercialista e componente di Ali per Volare Onlus)
• Dr. Alessandro Ferrara (Regista e Documentarista)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Film documentario: Mezzanottemezzogiorno

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2011

Ponsacco (Pisa) – 15 aprile ore 21:00 Cinema Odeon anteprima di il film-documentario scritto e diretto da Andrea Bertini, prodotto da 3nero con la collaborazione di ASMdC, che attraverso interviste, documenti fotografici e filmati racconta l’esperienza della musica techno-progressive affermatasi in Italia alla fine degli anni ’80. Ad emergere sin dalle prime immagini è lo spaccato di una generazione sotterranea, nell’accezione britannica underground, che visse la propria gioventù anagrafica e fecondità artistica tra la caduta del Muro di Berlino (1989) e l’inizio dell’Età della Globalizzazione (1994). La Toscana è in quegli anni il fulcro della generazione progressiva. La storia si svolge in triangolo immaginario che ha i suoi vertici nelle Province di Massa, Firenze e Livorno, il suo centro nella cittadina di Tirrenia e il suo luogo simbolo nella discoteca Imperiale, contesto da cui partirà il racconto di Mezzanottemezzogiorno. La cittadina, fondata durante il Ventennio, visse il suo massimo splendore in concomitanza col l’apertura degli Studi Cenematografici della Pisorno. A seguito della seconda guerra mondiale subisce notevoli contraccolpi che culminano con la chiusura della Cosmopolitan, la vecchia “Pisorno”, agli inizi degli anni ’80, perdendo, almeno nei mesi invernali l’appeal che aveva conquistato. Sarà da questo momento, nello specifico dal ’90 al ’95, che Tirrenia sarà attraversata da una nuova energia. L’apertura della discoteca Imperiale, che in breve diventerà catalizzatore di novità artistiche e musicali. I dj’s d’avanguardia, i vocalist più dissacranti, e migliaia e migliaia di giovani provenienti da tutta Italia si riversano in città. É una massa pressoché invisibile, un popolo di nottambuli che fugge le convenzioni senza scontrarvisi che si sposta lungo tutto il litorale tirrenico fino all’entroterra: il Duplè di Aulla, il Jaiss di Empoli, il Tartana di Follonica, l’Insomnia di Ponsacco e il The West, solo per citarne alcuni, i luoghi deputati ad accoglierli. Mezzanottemezzogiorno è prodotto da 3nero in collaborazione con ASMdC con il patrocinio di Comune di Ponsacco, Viareggio Europa Cinema, Mediateca Toscana – Film Commission e del corso di laurea in “Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione”, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Pisa. Un grazie particolare va ad Alfea Cinematografica e al Cineclub Arsenale.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Documentario: Parla con lui

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Giallo a Milano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Milano 21 ottobre alle 21.15 proiezione del documentario “Giallo a Milano” di Sergio Basso al Teatro-Cinema Rondinella (viale Matteotti 425, Sesto San Giovanni), presentato da Alessandra Lavagnino. Costo biglietto: 4 euro. Per informazioni: Cinema Rondinella,  La Cina “vicina”, nei volti e nelle parole dei cinesi che vivono nelle nostre città. Il lungometraggio, che sta facendo letteralmente il giro del mondo (il regista si trova in questi giorni  in “tournée” in Cina, dove sta proiettando il documentario in diverse città), è un viaggio all’interno della comunità cinese di Milano attraverso le testimonianze di alcuni dei suoi rappresentanti. Si va dall’anziano calligrafo alla ginnasta, da Miss Cina in Italia 2007 alla cantante di opera lirica, dalla tenutaria di un dormitorio abusivo a un collaboratore di giustizia. Una galleria di personaggi che raccontano sogni, storie e problemi, illuminando i molti volti di una comunità che continua a far parlare di sé.  Presentazione a cura di Alessandra Lavagnino, professore di Lingua e cultura cinese all’Università degli Studi di Milano e direttore dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incontro con Carlo Lizzani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 settembre 2010

Roma 30 settembre alle 19.00 cinema Trevi, Vicolo del Puttarello, 25, Carlo Lizzani inconterà il pubblico del Trevi per commentare degli estratti del suo ultimo lavoro, il documentario Il mio Novecento (2010). L’incontro, moderato da Vito Zagarrio, curatore della retrospettiva pesarese, durerà due ore e avrà inizio alle ore 19.00. Seguirà il film Mamma Ebe (1985).
Realizzato in occasione del 24° Evento Speciale della Mostra di Pesaro, Il mio Novecento ripercorre, attraverso un montaggio di immagini dei film dell’autore, la storia politica, sociale e cinematografica del secolo scorso. Contemporaneamente testimone e protagonista dei cambiamenti che hanno segnato l’Italia dall’epoca del fascismo a quella attuale, Lizzani propone una rilettura meta-cinematografica del repertorio di temi, generi e modelli produttivi con cui ha raccontato la storia del Paese. «Il Novecento è un secolo che è stato definito breve, da Hobsbawm, che va dalla Prima Guerra Mondiale alla Caduta del Muro di Berlino. È un secolo che, essendo io nato nel ’22 e attivo fin dagli anni Cinquanta, ho attraversato tutto materialmente e facendo film che via via si soffermavano su momenti che lo hanno caratterizzato: basti pensare a Fontamara, Cronache di poveri amanti, Mussolini ultimo atto e tanti altri. Senza la presunzione dello storico, montando sequenze di miei film, credo di aver colto momenti essenziali, visti in un’ottica italiana, pur ogni tanto offrendo la possibilità di uno sguardo fuori dal Paese. […] Quindi questo è il Novecento non di uno storico, ma di un regista che si è avventurato nel proprio Paese e nel mondo con quell’occhio critico che ha caratterizzato poi tutto il nostro cinema. Ci sono sequenze di film drammatici come di commedie: insomma, c’è una varietà di colori e di aspetti che penso possano essere interessanti. È la mia visione del Novecento, ma forse permetterà anche alla critica un ulteriore approfondimento» (Lizzani).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo album di Linkin Park

Posted by fidest press agency su martedì, 14 settembre 2010

Esce oggi su etichetta Warner Music il nuovo e attesissimo album dei Linkin Park “A thousand suns”. L’album, è co-prodotto da Rick Rubin (U2, Johnny Cash) e da Mike Shinoda (voce dei Linkin Park), che aveva partecipato anche alla produzione dell’ultimo “Minutes to midnight” del 2007. Composto di quindici brani, “A THOUSAND SUNS” esce in due versioni: CD standard  e CD +DVD in versione limitata.  Il DVD contiene il documentario “Meeting of thousand suns”, 30 minuti di immagini esclusive del “making of” dell’album.
La band (Mike Shinoda, il cantante Chester Bennington, il batterista Rob Bourdon, il chitarrista Brad Delson, il dj Joe Hahn ed il bassista Dave “Phoenix” Farrell) che si è esibita agli Mtv award ieri a Los Angeles cantando per la prima volta  “The Catalyst,” primo singolo dell’album, ha annunciato che presto sarà in tour in Europa, a partire dal prossimo 20 ottobre da Berlino per chiudere l’11 Novembre a Londra. Durante i prossimi mesi, attraverso la piattaforma  My Space Music, i fans dei LP di tutto il mondo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il documentario – speciale tg1

Posted by fidest press agency su domenica, 20 giugno 2010

Roma  24 giugno Ore 12.00 Sala A Viale Mazzini, 14 –  Conferenza stampa per la presentazione del progetto  Il documentario – speciale tg1  Tg1 e Rai Cinema per la prima volta insieme in un progetto di collaborazione per rilanciare il documentario italiano Saranno presenti: Il Vice Direttore Generale  della Rai Antonio Marano, il Direttore del TG1 Augusto Minzolini,  il Presidente di Rai Cinema Franco Scaglia, i registi dei documentari tra i quali  Giuliano Montaldo, Edoardo Winspeare, i giornalisti Monica Maggioni,  Vincenzo Mollica, Roberto Olla  In onda dal 18 luglio

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Doc Fest: Aspettando il MAXXI

Posted by fidest press agency su domenica, 20 giugno 2010

Roma 22 giugno 2010 ore 21.00 Cinema Azzurro Scipioni Sala Lumiere – Via degli Scipioni, 82 presenta anteprima di un estratto di un film in lavorazione sul Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, di Rubino Rubini e con A day with Zaha Hadid di Michael Blackwood, in cui l’architetto iraniano racconta del suo lavoro in occasione della retrospettiva a lei dedicata “Zaha Hadid has Arrived” al museo MAK di Vienna. Martedě 22 giugno all’Azzurro Scipioni per l’ultimo incontro mensile con Appuntamento con il documentario. Appuntamento con il documentario č la rassegna ideata e organizzata dalla Doc Fest. Ogni mese, l’iniziativa propone una selezione della migliore documentaristica italiana e internazionale, raccolta da Doc Fest dal 2004 a oggi. Documentari sull’arte, l’architettura, il cinema, il teatro, la musica e la danza, provenienti anche da paesi la cui produzione č per lo piů invisibile (Lettonia, Turkmenistan, Iraq, Yemen e molti altri), offrono una panoramica vasta e articolata delle piů recenti realizzazioni. Ingresso gratuito.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »