Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘dono’

Tommaso Pincio: Il dono di saper vivere (Einaudi)

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 novembre 2018

Torino Martedì 6 novembre, ore 18.30 Circolo dei lettori, via Bogino 9. Tommaso Pincio, annoverato tra gli scrittori italiani più interessanti, sorprendenti e anche misteriosi, porta al Circolo dei lettori il nuovo Il dono di saper vivere (Einaudi), con Massimo Vincenzi. Nato a Roma nel 1963, ha scritto Lo spazio sfinito (minimum fax), Un amore dell’altro mondo (Einaudi) e La ragazza che non era lei (Einaudi). Esperto di letteratura nordamericana, collabora con Rolling Stone e alle pagine culturali di la Repubblica e di il manifesto. Come traduttore, ha lavorato alle opere di Francis Scott Fitzgerald, Jack Kerouac, Philip K. Dick, John Cheever, Oakley Hall. Pincio è anche artista, sue sono le “sfere celesti”, per esempio, ciclo di ritratti di scrittori, scrittrici e intellettuali.
Esiste un dono del saper vivere, uno speciale talento nello stare al mondo, senza il quale ogni altra qualità finisce per risultare inutile? E che cosa puoi fare se scopri che non hai quel dono? Con queste domande, che prima o poi chiunque si pone nel corso dell’esistenza, ho fatto i conti per anni, lavorando in un luogo che somigliava alla fortezza del Deserto dei Tartari, una galleria d’arte situata nella stessa strada in cui Michelangelo Merisi, meglio noto come Caravaggio, uccise e si avviò a una fine rovinosa. Ci ho fatto i conti perseguitato dal fantasma di un uomo che al genio artistico univa una spiccata propensione a cacciarsi nei guai, tanto da spingere un insigne studioso ad affermare che, seppure incredibilmente dotato, Caravaggio non disponeva del dono di saper vivere. Ci ho fatto i conti per anni, finché un giorno ho pensato che fosse il caso di risolvere la partita scrivendo un romanzo, ignaro, o almeno non abbastanza consapevole, che il raccontare può rivelarsi una maledizione.
Nella cella della prigione in cui è rinchiuso, un uomo narra la sua storia. E dal fondo della propria disfatta si domanda che cosa significhi saper vivere, se davvero esista qualcuno con un simile talento. Un talento che mancava persino a Caravaggio, l’artista da cui l’uomo è ossessionato. È questo l’innesco del nuovo libro di Tommaso Pincio, considerato tra i più originali scrittori italiani della sua generazione. Un vertiginoso gioco di specchi che sorprende il lettore, lo spiazza, non lo fa mai sentire al sicuro. Non è un romanzo su Caravaggio, ma forse è il più appassionato, inedito ritratto che del pittore sia mai stato realizzato. Non è un’opera di fiction, e neppure un testo autobiografico. È il tentativo struggente di confessare che impresa fallimentare, antieroica, sia vivere, per ciascuno di noi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rose per dono

Posted by fidest press agency su domenica, 30 aprile 2017

rose per donoAssisi. Fino al 1° maggio ci sarà, a Santa Maria degli Angeli, un evento che avrà al centro la rosa ed il perdono: due elementi che stanno all’origine dell’Indulgenza della Porziuncola o Perdono di Assisi di cui ricorre quest’anno l’ottavo centenario.Le rose in riferimento a quei rovi in cui si gettò nudo Francesco d’Assisi, vedendole poi mutare in rose senza spine come tutt’ora fioriscono solo nel roseto della Porziuncola. Il Perdono perché proprio quello chiese ed ottenne Francesco per tutti coloro che avessero visitato la chiesetta, situata allora nella campagna assisana, pentiti e confidenti nella Misericordia di Dio.Tante le occasioni per godere di questi due doni del Creatore: la Misericordia ogni volta che la chiediamo accostandoci al Sacramento della Riconciliazione e visitando la Porziuncola, mentre le rose particolarmente in questo periodo di fioritura. All’apertura ufficiale, che sarà sabato 29 aprile alle ore 16.00, interverranno p. Rosario Gugliotta, Custode della Porziuncola, Stefania Proietti, Sindaco di Assisi, e Daniela D’Auria, Presidente della Scuola Italiana Arte Floreale. Seguirà un interessante rinfresco con biscotti, tè e torte alle rose, offerto da A.P.I. Umbria con la partecipazione dell’Istituto Alberghiero di Assisi.
Fino a lunedì 1° maggio, i visitatori potranno liberamente visitare il Chiostro grande del Santuario della Porziuncola che sarà decorato con numerose composizioni floreali, a cura della Scuola Italiana Arte Floreale,con delle ceramiche d’autore, a cura della Pro-loco di Deruta in collaborazione con gli Artigiani ceramisti di Deruta, e le bellissime infiorate di Spello e di Cannara. Nei giardini della Basilica sarà allestita un’estemporanea di pittura, mentre nella Sala Pio X, attigua al Museo della Porziuncola, “oMaggio” a Maria: una mostra fotografica – esposta per tutto il mese di maggio – di Edicole votive Mariane nel territorio di Assisi. All’esterno del Santuario, sulla Piazza Garibaldi, si troveranno una serie di stand floro-vivaistici e “Fai sbocciare l’artista che è in te”: un laboratorio didattico per i ragazzi delle scuole elementari e medie.L’evento si concluderà lunedì 1 maggio con il Corteo delle Associazioni che porterà in omaggio delle rose in Porziuncola. (foto: rose per dono)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La religione della sofferenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2011

Gesù è nato ed è gioia. Gesù è diventato un apostolo e predica alla genti ed è gioia. Gesù è risorto ed è gioia. Dov’è in tutto questo la sofferenza? Vi sono, si obietta, momenti tristi e drammatici ma ciò, a mio avviso, non giustifica che si debba solo parlare del male che gli è stato fatto e non della gioia che ci ha offerto. Perché non donare all’umanità un redentore che ci insegni a sorridere e non a piangere? Perché non diamo alla vita il taglio che si merita votandoci alla ricerca del bene come fonte primaria del nostro essere e divenire? Il bene non si conquista attraverso la sofferenza ma facendo in modo che essa non ci sia. Noi non pecchiamo perché siamo buoni ma perché siamo saggi, avveduti e consapevoli e sappiamo essere dei buoni maestri, perché sappiamo interfacciarci con la nostra morale interiore. Il peccato, tuttavia, non porta sofferenza perché, pur sbagliando ci porta piacere. Il pentimento, a sua volta, non è sofferenza ma è gioia perché ci rende consapevoli di un errore e che lo abbiamo emendato. Ma se nonostante ciò viviamo tra esseri umani brutali, ispiratori di genocidi, di torture, di violenze, dobbiamo chiederci, innanzitutto, se in qualche modo non li abbiamo incoraggiati con la nostra indifferenza e voglia di lucrarvi. E allora il male non sta tanto in chi lo fa ma in chi lo permette e potrebbe evitarlo. E se non gli diamo quartiere il male stesso perderebbe la sua forza propulsiva. E allora usciamo dallo stereotipo della religione come sofferenza ed adottiamo il precetto della religione come gioia, perché solo in questo modo il presente ci avvicina in maniera più pregnante al nostro sogno di là della vita e ci evita di conferirgli quella discontinuità che ci atterrisce. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Il dono di Dio in una bella cornice

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2011

Lettera al direttore. Mettiamo il caso che una carissima amica mi regali un prezioso dipinto in una bella cornice. Ovviamente, anche per gratitudine verso di lei, avrei gran cura di simile dono. Passa il tempo, e un giorno mi rendo conto che i tarli hanno fatto scempio completo della bella cornice: il legno si sfarina e cade a pezzi. Mettiamo anche il caso che io non abbia la possibilità di cambiarla, e che faccia invano tutto il possibile per ripararla. Che dite, vi sembrerebbe mancanza di riguardo verso l’amorevole donatrice, liberare il dipinto dall’ormai inutile telaio destinato a diventare polvere? Il dono più importante sarebbe salvo: pazienza per la povera cornice diventata orribile, che lo teneva prigioniero. Sono certa che la cara amica non si offenderebbe. L’offenderei invece, se io deliberatamente sciupassi la cornice, o me ne disfacessi pur non essendo essa irrimediabilmente rovinata. Ora, s’immagini che il dipinto sia la vita eterna, e la cornice la vita terrena; e ci si renderà conto che considerare la vita un dono di Dio, non significa necessariamente che in determinate particolari circostanze non possiamo disporre della parte terrena di essa. Sono certa che il buon Dio, come la cara amica, non se l’avrebbe a male. (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il cavaliere bestemmia?

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

Lettera al direttore. C’è da sperare che Putin sia una persona buona e onesta e che non abbia gravissimi peccati sulla coscienza, oppure, se per caso è responsabile di qualche crimine, c’è da sperare che sia profondamente pentito, altrimenti il Cavaliere non avrebbe commesso solo una gaffe in Russia, come riferiscono i giornali, ma avrebbe bestemmiato attribuendo simile dono al Signore. Sarebbe, con tutti i limiti del paragone ovviamente, come se qualcuno affermasse che Hitler fu un dono del Signore. Una vera e propria offesa a Dio. Don Verzé magari glielo potrebbe spiegare al Cavaliere. (Attilio Doni Genova)>

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il soffio del dono

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

Diario di Fratel Christophe, monaco di Tibhirine, 8 agosto 1993 – 19 marzo 1996. Edizioni Messaggero Padova Pagg. 207 Euro 14,46 In occasione della prossima uscita del film Des hommes et des Dieux¸ di Xavier Beauvois, già presentato con grande successo a Cannes durante la scorsa edizione del Festival del Cinema, le Edizioni Messaggero Padova ripropongono questo libro, già pubblicato nel 2001, che per primo ha tradotto in italiano il diario di Fratel Christophe, il più giovane dei frati assassinati in Algeria nel 1996.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alle donne il calendario 2010

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 dicembre 2009

Bergamo, Ospedali Riuniti E’ dedicato alle tremila donne che lavorano ai Riuniti il calendario 2010 dell’Azienda Ospedaliera di Bergamo. Dodici immagini scattate in sala operatoria, nelle stanze di degenza e nei vari servizi di un ospedale fatto per tre quarti da donne e in cui la presenza femminile supera quella maschile nel settore amministrativo, nell’area della dirigenza sanitaria, tra gli infermieri, i tecnici, il personale della riabilitazione e il personale ausiliario.  Otto delle 12 immagini sono firmate da Fabio Proverbio, fotografo professionista che da alcuni anni collabora con gli Ospedali Riuniti e trova nell’intensa realtà ospedaliera ispirazione per creare videoinstallazioni sincere e suggestive. Cinque delle otto immagini usate nel calendario sono tratte dal reportage “Il dono”, presentato nell’omonima mostra allestita lo scorso ottobre in occasione di BergamoScienza: quattro storie di ritorno alla vita grazie alla scelta di chi, lasciando questo mondo, ha deciso di donare ad altri una seconda possibilità.  Nella stessa occasione il pubblico ha potuto rivedere anche “Prendersi cura”, videoinstallazione realizzata con gli scatti fatti nel reparto di Terapia Intensiva degli Ospedali Riuniti nel 2007 e da cui è tratta la foto di dicembre. Altre due foto sono state estrapolate da un reportage di Proverbio sul lavoro dei volontari della Croce Rossa e del personale del 118 un sabato notte.  La foto di maggio ritrae invece alcune mamma protagoniste della prima “Festa delle mamme che lavorano ai Riunti”, svoltasi lo scorso 29 maggio, che ha riunito molte delle operatrici dei Riuniti che dividono la loro energia, sensibilità e dolcezza tra l’ospedale, la famiglia e i figli. Infine hanno trovato spazio anche operatrici che occupano ruoli meno visibili ma non per questo meno importanti, al centralino o in corsia per le attività alberghiere. (caterina)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »