Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘e-book’

Formazione ECM, ora i medici si aggiornano con gli e-book

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 settembre 2019

Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Vogliamo offrire ai nostri medici strumenti sempre più efficaci e all’avanguardia per ottemperare all’obbligo formativo e per rispondere alle esigenze della professione medica: dopo aver innovato la Formazione a Distanza con l’edutainment dei Film Formazione ed il Paziente Virtuale, con gli e-book forniamo una serie di titoli sulle principali tematiche di interesse anche dei pazienti»
Oltre 15mila crediti erogati finora tramite e-book. Più di 5mila medici si sono formati nell’ultimo anno con questa innovativa forma di aggiornamento professionale. Ma le previsioni per i prossimi anni sono ancora più floride: 50mila crediti l’anno con almeno il 70% dei camici bianchi che ne usufruirà entro il 2022. Sono questi i numeri forniti da Consulcesi, realtà leader nella formazione della classe medica italiana ed europea, in occasione del “Read an e-book day”, giornata internazionale in cui si celebra proprio questa innovativa forma di lettura. Con e-book realizzati appositamente per la classe medica, la collana edita da Paesi Edizioni è stata lanciata da Consulcesi solo lo scorso gennaio ma i numeri registrati fino ad ora testimoniano di un trend importante che segna una svolta epocale nella storia della formazione ECM.
«L’e-book è diventata la nuova frontiera della formazione ECM dei medici italiani – spiega Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. Ascoltando le necessità di una classe medica sempre più pressata da ritmi pesanti e turni massacranti, Consulcesi Club continua a proporre soluzioni innovative che coniugano la qualità dell’aggiornamento professionale con modalità di fruizione smart e crossmediali».
I titoli pubblicati fino ad ora spaziano tra le più diverse tematiche di interesse per i camici bianchi e sono curati nel dettaglio dai principali referenti scientifici e università italiane. I crediti ECM vengono riconosciuti dopo un test di verifica delle nozioni apprese.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Far conoscere gli autori Italiani in Brasile con gli ebook

Posted by fidest press agency su martedì, 30 ottobre 2018

In soli tre anni di attività editoriale i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno iniziano una nuova avventura editoriale di respiro internazionale anzi intercontinentale. Grazie all’intraprendenza del Direttore dell’Accademia Italiana Pellegrini (il link a fine comunicato) la Dott.ssa Ilaria Bisanti (salentina d.o.c.) che vive e lavora in Brasile come direttore dell’Accademia Pellegrini e la voglia di esportare cultura italiana all’estero dell’editore Stefano Donno ecco che arriva il primo ebook su Amazon Kindle. Ed ecco che The Doors, in direzione del prossimo whiskey bar: il libro di Giuseppe Calogiuri diventa un ebook per il Brasile e per tutti i lettori nel mondo di lingua portoghese. Si tratta di un’iniziativa nata nello spirito di portare avanti per la casa editrice un’idea di comunità letteraria che attivi collaborazioni e promuova cultura oltre i confini italiani. L’iniziativa ha incontrato il favore della Dott.ssa Ilaria Bisanti che ha voluto attivarsi anche per il futuro in una collaborazione che porterà gli autori interessati a farsi conoscere nella terra multicolore, multietnica e multiculturale del Brasile “Ci vuole coraggio. Sì, ci vuole molto coraggio nel chiedermi di scrivere una prefazione a un libro su di una band degli anni ’60. Perché, anche a voi che leggete, qual è il primo pensiero che vi viene in mente? Sicuramente uno di quegli insopportabili gruppi frikkettoni, hippie, pacifisti, lenti e insulsi sul modello di Mamas&Papas o Jefferson Airplane (ne sono certo). Per fortuna, anche in quegli anni terribili dal punto di vista musicale qualche luce affiorava nel buio. E, forse, una luce più di tutte, quella di The Doors! Ed è di questa luce che questo libro vi parla.iQdB edizioni di Stefano Donno (i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riduzione dell’IVA per gli e-book

Posted by fidest press agency su sabato, 3 giugno 2017

londonbookfairI cittadini dell’UE dovrebbero pagare meno i libri elettronici, in seguito al voto del Parlamento su una proposta che consentirà agli Stati membri di ridurre l’IVA su tali prodotti.Una proposta della Commissione UE per consentire agli Stati membri di applicare una riduzione dell’aliquota IVA sui libri elettronici – in linea con l’IVA applicata alla carta stampata – è stata approvata dal Parlamento giovedì con 590 voti in favore, 8 contrari e 10 astensioni.”Il nostro modo di leggere è cambiato rapidamente negli ultimi anni. Al giorno d’oggi non ha senso applicare un doppio standard, per cui un quotidiano online viene tassato di più di quello stampato acquistato in un negozio. Questa nuova direttiva darà agli Stati membri la possibilità di allineare l’IVA dei contenuti digitali con quella della carta stampata”, ha dichiarato il relatore Tom Vandenkendelaere (PPE, BE). Attualmente, le pubblicazioni elettroniche sono assoggettate a un’aliquota IVA ordinaria pari ad almeno il 15%, mentre gli Stati membri mentre sono liberi di applicare l’aliquota ridotta di almeno il 5%, e in alcuni casi anche un tasso zero, alle pubblicazioni stampate.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria religiosa in sofferenza

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Mag 2016

Più libri più liberi 2010_Foto di Jacopo Pergameno_Courtesy AIE_Associazione Italiana Editori_PANORAMICA_Otteneva fino al 2013 risultati migliori (o meno negativi) rispetto alla media del mercato del libro. Oggi la situazione per il settore del libro religioso è esattamente opposta: –5,2% per fatturato (ma +0,9% nell’ultimo periodo dell’anno) e un +1,6% a copie, quando il mercato complessivamente registrava nel 2015 un +0,7% a valore e un – 2,1% a copie per i canali trade (che sale a un +1,6% comprendendo gli e-book). Se si analizza poi l’andamento degli ultimi tre anni, il fatturato dei titoli religiosi pubblicati dagli editori laici è calato del 23%, mentre quello degli editori confessionali è calato solo del 4%. È quanto emerge dal Sesto osservatorio sull’editoria religiosa, commissionato dall’Unione Editori e Librai Cattolici Italiani (UELCI) al Consorzio dell’Editoria Cattolica (CEC) in collaborazione con l’Ufficio Studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e che è stato presentato oggi, 12 maggio, nell’ambito dell’incontro Editoria religiosa tra dinamiche di mercato e nomadismo degli autori, in programma al Salone internazionale del Libro di Torino.Un segnale di trasformazione più che di sofferenza vera e propria se si considera che oggi il 5%-6% delle vendite di libri nei canali trade è fatto da libri di argomento religioso. Non poco e con segnali importanti di recupero sul 2016, secondo i dati Nielsen per AIE che saranno resi noti domani al Salone. Una trasformazione a trecentosessanta gradi se si pensa che il pubblico risulta più giovane, più attento, pure più curioso nella sua ricerca di forme di spiritualità e senso della vita. E che questo mutamento interessa non solo chi compera questo tipo di libri, ma anche il dove li compera, quali autori e pure gli editori.Dove si compera il libro religioso? Il primo canale (anche se in forte calo) restano le librerie religiose di catena, seguite dalle librerie indipendenti religiose. Crolla il canale della grande distribuzione organizzata (forse per l’assenza di titoli religiosi “pop”). Sempre più importante l’online (tanto che il peso delle librerie online raddoppia, forse anche per il peso preponderante del catalogo rispetto alle novità).
Cresce il peso degli editori laici nella produzione religiosa: nel 2010 gli editori «laici» rappresentavano infatti il 24% dell’offerta, nel 2015 salgono al 25%. Ben un titolo su quattro. Sono oltre 5600 i titoli religiosi (5686 per la precisione) e rappresentano oltre il 9% della produzione complessiva. Questo dato di incremento va di pari passo con una certa sofferenza del comparto laico nel sell-out, segno che nel segmento religioso luci e ombre si stanno rincorrendo verso un futuro in trasformazione.
Nomadismo degli autori e non solo. Cresce la fetta di autori laici che si occupano del religioso: i bestseller tra gli autori religiosi sono pubblicati prevalentemente dai marchi dei grandi gruppi editoriali laici: dei 53 autori di libri di argomento religioso più venduti nel 2015 il 23% è simultaneamente presente con più titoli nei cataloghi di case editrici laiche e cattoliche.
Un altro fenomeno risulta però altrettanto evidente: cresce e si fa sempre più rilevante il popolo degli autori nati e cresciuti nell’editoria laica ma che affrontano temi religiosi.
Editori e self publishing: Tra i primi 30 editori «laici» per numero di titoli pubblicati un terzo sono self-publishing: il 32,5%, quasi 1 su 3.“I dati evidenziano una trasformazione profonda che sta investendo il settore dell’editoria religiosa: nei canali distributivi come nelle politiche editoriali, di cui le migrazioni autoriali sono un indicatore, come lo sono autori che nascono oggi dentro l’editoria non confessionale – ha commentato Giovanni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi AIE-. La crescita dell’on-line è, a sua volta, un evidente segnale di cambiamento del pubblico e del suo modo di informarsi, scegliere, comprare. Il settore, con l’Osservatorio, dispone di molti strumenti conoscitivi e dovrà saperli tradurre velocemente in strumenti ed azioni operative per affrontare il cambiamento e la concorrenza”.
Giovanni Cappelletto, Presidente di UELCI ha sottolineato come “nell’editoria laica i titoli non sembrano ispirati da un progetto editoriale, quanto piuttosto da scelte e decisioni legate a fatti e vicende contingenti. Mentre, oggi, come in ogni fase storica, è necessario continuare a fare scouting, trovare e far crescere una nuova generazione di autori; ma dove trovarli? Tra i teologi, i catechisti, i laici. Come editori cattolici accettiamo la sfida che viene dall’editoria laica, compreso il suo irrompere in aree tematiche che tradizionalmente non presidiava”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ nato il primo e-book dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2012

e-book

e-book (Photo credit: Ángela Espinosa)

“Valorizzazione dei borghi storici minori. Strategie d’intervento” a cura di Samuele Briatore. “Valorizzazione dei borghi storici minori. Strategie d’Intervento” è il primo e-book dell’Università Europea di Roma. Fa parte delle azioni del progetto “Dal restauro alla gestione programmata – una metodologia sostenibile per castelli, torri e chiese medievali”, promosso dalla stessa università, cofinanziato dalla Fondazione Cariplo e con la direzione scientifica della Prof.ssa Renata Salvarani.
L’obiettivo del progetto è la comprensione della genesi degli edifici storici per risalire alle modalità di costruzione e quindi di intervento: questa è stata la sfida per l’elaborazione di una nuova metodologia per il recupero e la manutenzione del patrimonio artistico e architettonico, basata su criteri sostenibili e a basso costo. La metodologia sperimentale, elaborata in sede accademica, trova la funzionalità e la sua efficacia attraverso operazioni di recupero e manutenzione concrete su tipologie di beni culturali molto diffusi in Italia come castelli, torri e chiese medievali. Da qui è nato anche un libro “Ricerca storica e manutenzione dei beni culturali” edito da Diabasis.
L’e-book “Valorizzazione dei borghi storici minori. Strategie d’intervento” è curato da Samuele Briatore, giovane ricercatore del progetto e collaboratore di Italia Nostra Onlus su studi e progetti di valorizzazione culturale e turismo sostenibile. Lo studio nell’e-book analizza i concetti di recupero sostenibile e valorizzazione applicati ai borghi storici minori partendo dagli aspetti teorici e normativi per arrivare alla loro applicazione pratica. La nuova consapevolezza della necessità di ridurre i consumi energetici e recuperare i manufatti edilizi in modo ecosostenibile è diventato un imprescindibile requisito progettuale, cha ha portato a riscoprire e a rendere attuali antiche modalità di costruzione, in grado di utilizzare l’esistente come risorsa preziosa. La valorizzazione del territorio, oltre ad essere un’opportunità economica, è una possibilità per mantenere vivi quei luoghi altrimenti destinati allo spopolamento e alla rovina. La sostenibilità diventa essenziale in vista di una tipologia di turismo che si sta affermando sempre più rapidamente, nella consapevolezza che lo sfruttamento turistico può mettere a rischio il patrimonio culturale di cui si nutre.
I tre borghi storici minori virtuosi, riportati all’interno del testo come esempio italiano di valorizzazione culturale e turismo sostenibile, sono Calcata, nel Lazio, Santo Stefano di Sessanio, in Abruzzo, e Torri Superiore, in Liguria. Il sito dell’Università Europea di Roma è: http://www.universitaeuropeadiroma.it

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Inglese in 30 giorni in un insolito eBook edito da Bruno Editore

Posted by fidest press agency su domenica, 5 febbraio 2012

“Inglese Veloce 3x” è il titolo dell’opera scritto da Marco De Carlo. Si tratta di un insolito libro elettronico pensato per imparare l’inglese attraverso un metodo pratico e divertente in un solo mese! Basato sull’apprendimento attivo, nelle 267 pagine del testo vengono infatti non solo affrontate le basi della grammatica, i verbi con suggerimenti sul come semplificare il loro studio, le forme frasali e le tecniche per la conversazione, ma anche come memorizzare 1000 parole in pochissimo tempo e tanti altri preziosi suggerimenti, fra cui l’uso di social network, email e skype. L’autore Marco De Carlo è un giovane di soli 27 anni, laureato in Ingegneria Elettronica e autore di diversi libri che ormai parla regolarmente l’inglese dopo averlo imparato da autodidatta tramite le sue esperienze universitarie, professionali e finanziarie, ed è esperto anche di tecniche di memoria, lettura veloce e apprendimento rapido. La scelta di affidare un testo così intrigante ad una altrettanto giovane casa editrice è stata vincente: nel 2011 il gruppo editoriale di Giacomo Bruno ha infatti chiuso con un +47% e si è riconfermato leader nel settore dei libri elettronici.(Michela Albanese)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abel Books sbarca in Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 settembre 2011

Cover of "Kindle Wireless Reading Device,...

Cover via Amazon

Amazon, Apple e Google, i tre giganti della rete stanno per varare i loro grandi progetti legati agli ebook. Di fatto nel 2012 assisteremo ad una vera rivoluzione nel mondo dell’offerta di lettori (in testa Kindle) che si alimenteranno di migliaia di libri elettronici. L’Italia negli ultimi mesi è diventato un vero e proprio laboratorio e la nascita di Abel Books dimostra che molti cittadini sono pronti a diventare lettori virtuali. Alcune librerie come BookRepublic accolgono tra i loro scaffali oltre 300 editori e in questi giorni ha fatto notizia la cessione di oltre 1000 ebooks da parte di Mondadori per la messa in vendita su Amazon. Il mercato infatti sta registrando una crescita che entro gennaio 2012 porterà alla vendita di oltre 900 mila libri elettronici, con un giro d’affari stimato in 12 milioni di euro (fonte Corriere della Sera). Al momento in Italia le grandi major editoriali stanno osservando dalla finestra, cercando di difendere le proprie posizioni e concentrazioni tradizionali. L’ebook infatti corrode lo stretto controllo del flusso di mercato, permettendo quindi ad ogni editore di poter avere le medesime possibilità. E di conseguenza per la prima volta gli scrittori potranno tutti partire dagli stessi blocchi di partenza. Abel Books rappresenta in questo una importante novità assoluta, considerato che è una pura casa editrice digitale, che ha costruito una rete di distribuzione di vendita capillare (grazie a Bol di Mondadori, Mediaworld, Rizzoli, Bookrepublic, etc.) e che si presenta con una trasparente gestione editoriale. Il catalogo è prevalentemente formato da saggistica e manualistica per poter diventare supporto a chi intende approfondire argomenti di studio o ampliare la propria conoscenza. Il libro cartaceo non verrà mai sostituito (ridurrà certamente le tirature), ma sarà affiancato dall’ebook che diventerà utile e valido strumento e innovativo compagno di viaggio. Per questo è nata Abel Books.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’e-book multimediale per smartphone!

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 Mag 2011

“La novità del Salone Internazionale del Libro di Torino 2011? L’e-book multimediale per smartphone!” Historica Edizioni, la giovane casa editrice di Cesena fondata a soli 16 anni (nel 2008) da Francesco Giubilei, guarda dritta al futuro anticipando quelle che probabilmente saranno le tendenze del Salone 2012: nuovi media e nuovi linguaggi, dalla musica, ai video per arrivare all’e-book. Infatti, nel padiglione 1 stand F06 Historica Edizione (www.historicaedizioni.com) con la partnership di Otto Editore, propone ai visitatori della fiera due nuovi libri in formato EBM (Enhanced book): “Metro Milano” di Paolo Melissi e “Chi è Charlie?” di Francesco Giubilei (prezzo fiera €10,00 entrambi i racconti compresa chiavetta USB da 1 GB). Non semplici libri elettronici, non semplici audiolibri, ma un prodotto multimediale e multi sensoriale che racchiude testo, voce recitante, musica, video e riproducibile con dispositivi diversi, pc, prodotti apple ma anche su smartphone.
Presente per la seconda volta consecutiva, Historica Edizioni in quest’ultimo anno si è potenziata. Da ottobre scorso, ad affiancare alla guida Francesco Giubilei, classe ’92, un nuovo socio, Giorgio Regnani imprenditore modenese nel campo alimentare e grande appassionato di libri ed editoria, che ha dato nuovi impulsi nel progetto di espansione della casa editrice. La nuova struttura è cambiata nella veste grafica delle pubblicazioni ed è stata ampliata la distribuzione. Anche lo staff si è arricchito e attualmente consta di un editor, di un ufficio stampa, di un grafico, di un webmaster e una fitta rete di consulenti editoriali. Historica si propone di svolgere un attento lavoro di scouting alla ricerca di autori esordienti, con l’obiettivo di proporre un’editoria indipendente e di qualità.
La Historica Edizioni, nata nel 2008, ha all’attivo un catalogo di più di quaranta titoli. Pubblica una rivista letteraria; una collana di narrativa contemporanea; una di saggistica; una collana di racconti brevi, “Short cuts”, nata dalla collaborazione con lo scrittore Alessandro Cascio, è una collana per gente che va di fretta o forse per gente che ha più fame di storie di quante ne abbiano gli altri comuni lettori, dalle trame drammatiche, fantastiche, street, pulp, generazionali; una collana di racconti brevi “Celeris”, diretta da Francesco Giubilei, libri di narrativa, di genere e non, agili, veloci, che non rientrano nella linea editoriale di “Short cuts”; una collana di “Cahier di viaggio”, affiancata dai “Petit cahier”, diretta da Francesca Mazzucato; una collana di Cinema diretta da Massimiliano Spanu e Fabio Zanello; e lacollana “Gutenberg & Lumiere” che affronta il tema dell’influenza della letteratura sul cinema diretta da Giuseppe Mallozzi. Inoltre Historica è editore della rivista digitale Scrivendo Volo (www.scrivendovolo.it) dedicata agli amanti della scrittura e della lettura.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più Libri più liberi

Posted by fidest press agency su martedì, 7 dicembre 2010

Roma Eur palazzo congressi fino all’otto dicembre. Esposizione della piccola e media editoria. Sono più che triplicati nel 2010 i titoli di e-book disponibili sul mercato italiano: è quanto emerge dai dati presentati dall’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) nell’ambito dell’incontro E-book: primi segnali dal mercato, che si è svolto oggi al Palazzo dei congressi dell’EUR a Roma nell’ambito della Fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi. L’offerta di titoli ebook arriva a coprire l’1,5% dei titoli – Secondo le elaborazioni su dati IE-Informazioni Editoriali, sono oggi 5.900 i titoli e-book in italiano disponibili (esclusi articoli di riviste scientifico-accademiche), e arrivano a coprire l’1,5% dei titoli “commercialmente vivi”. Per un confronto, a gennaio 2010 erano 1.619, pari allo 0,4%. I generi: in base alle elaborazioni dell’Ufficio studi AIE su 5.135 campionamenti, il 70% dei titoli riguarda la narrativa adulti italiana, seguiti a distanza dai classici (11,5% dei titoli) e dai gialli (8,4% dei titoli), dalla fantascienza e fantasy (4,1%) e dalla narrativa rosa (3,7% dei titoli). Il mercato: si confermano le stime: 0,1% del mercato del libro – Si conferma il dato di stima presentato a metà anno: oggi l’ebook vale in Italia lo 0,1% del mercato trade (3.440.000 euro). Per un confronto, secondo l’Association of American Publishers, negli Stati Uniti le vendite degli e-book si prevede supereranno a fine anno il 9% delle vendite complessive di libri. Acquirenti di ebook: sono 665mila nell’ultimo anno – L’1,3% degli italiani (pari a 665mila persone) negli ultimi 12 mesi ha acquistato un ebook, come emerge dalle elaborazioni dall’Osservatorio permanente contenuti digitali. È nel cluster degli Eclettici – gli italiani che abbinano spesso contenuti culturali e tecnologia – che troviamo però la maggior concentrazione di persone che dichiarano di “aver acquistato” file di e-book da piattaforme straniere e/o italiane: 238.000 individui, il 36% di chi li compra. Esistono forti correlazione con genere (1,7% uomini rispetto allo 0,9% donne) e titolo di studio (2,3% tra i laureati rispetto allo 0,7% licenza media). Lettura su ebook: interessa già oltre 1 milione di italiani – Secondo le elaborazioni dell’Ufficio studi AIE sull’Osservatorio permanente contenuti digitali, la lettura (e l’abitudine a leggere) su schermi digitali continua a crescere: più o meno è triplicata rispetto al 2006. Riguarda oggi oltre 2 milioni di italiani (con più di 14 anni), che si percepiscono lettori anche se il supporto non è più la pagina ma internet,  il computer, etc etc. Di questi, il 2,1% (e parliamo di oltre un milione di italiani – 1.091.000 persone per la precisione) afferma di aver letto un ebook. E i piccoli? Pubblicano già il 6% dei loro titoli in formato eBook – Sono 131, in base alle elaborazioni dell’Ufficio studi AIE, le case editrici italiane che hanno in catalogo “almeno un titolo” in formato e-book in lingua italiana. Di queste, 94 sono piccole case editrici, con un catalogo medio di e-book di 16 titoli. Complessivamente il “catalogo” che sviluppano è di 1.472 ebook corrispondente al 6% di titoli che la piccola editoria ha proposto (tra novità e ristampe).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione nona edizione di “Più libri più liberi”

Posted by fidest press agency su martedì, 23 novembre 2010

Roma 23 novembre alle 11 al Tempio di Adriano a Roma (Piazza di Pietra).Cresce l’attesa per la nona edizione di Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, unico appuntamento in Europa dedicato all’editoria indipendente, che si terrà a Roma al Palazzo dei Congressi dal 4 all’8 dicembre.  Oltre 400 editori e più di 700 ospiti tra autori, artisti ed intellettuali animeranno nella cinque giorni di dicembre i 300 eventi in calendario per un programma con grandi ospiti internazionali, focus e appuntamenti professionali dedicati al mondo dell’e-book e al futuro del libro e della lettura e laboratori e incontri per i più piccini. La nona edizione della manifestazione sarà presentata domani, Interverranno, introdotti dal saluto del vicepresidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo, il presidente del Gruppo Piccoli editori dell’AIE Enrico Iacometti, il direttore della fiera Fabio Del Giudice, l’Assessore alle Politiche culturali e della Comunicazione del Comune di Roma Umberto Croppi, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti. Chiuderà la mattinata l’intervento del Sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attività Francesco Maria Giro. La fiera apre i battenti forte di dati significativi per l’editoria indipendente: una crescita del numero dei piccoli e medi editori del 6% (passati dai 2653 del 2008 ai 2794 del 2009) e un’ulteriore conferma della loro quota mercato, che arriva a coprire nel 2009 il 35,6% del canale libreria.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Innovazione e sviluppo e-book

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2010

L’avvocato Guido Scorza, Presidente dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione, nel corso di un’intervista rilasciata oggi in esclusiva al Blog Relazioni Pubbliche (www.cutuli.it), rileva come “il principale freno alla diffusione dell’e-book sin qui registrata non sia stato dovuto dall’assenza di tecnologie di supporto quanto, piuttosto, dal drammatico ritardo culturale del nostro Paese – e più in generale del resto d’Europa” La tecnologia, da sola, non basta quando si parla di innescare virtuosi meccanismi di rivoluzione culturale che, sino ad oggi – in tutta sincerità – il nostro Paese non ha mostrato di voler avviare.”Sul rapporto tra editoria elettronica ed editoria tradizionale, l’intervistato non crede “che – persino in un Paese come il nostro tanto restio ai rinnovamenti culturali – la carta possa restare ancora a lungo il veicolo di circolazione delle informazioni, delle idee, della cultura e del sapere. Non so se esista ancora un mercato “dell’editoria di carta” che ha, sin qui, rifiutato di aprirsi al digitale e riconvertirsi ai bit ma se, effettivamente, esiste non c’è dubbio che l’editoria digitale – e-book compresi – è destinata a condurlo progressivamente ai margini del mercato come, peraltro, è economicamente e storicamente naturale che accada.”  Scorza inoltre pone l’accento sulle qualità del settore editoriale del nostro Paese “Se discutiamo del mercato dell’editoria inteso come selezione e produzione libraria, credo che fantasia, talento e competenza dei nostri autori ed editori mettano il nostro Paese al riparo da qualsiasi rischio di colonialismo di oltreoceano “ anche se ravvisa un maggior forza commerciale da parte dei colossi americani della distribuzione di contenuti “è difficile negare l’esistenza di un enorme ritardo del nostro Paese rispetto ad altri. Si tratta, peraltro, di un ritardo che interessa in modo trasversale l’e-commerce italiano e che è figlio di una grave forma di miopia politico-normativa in forza della quale si è, sin qui, complicata la vita ai mercanti online anziché agevolargliela come accaduto all’estero.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libri: Quanto spendono gli italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 2 Mag 2010

Torino 13 maggio 2010 ore 13.45-15.30 Sala Azzurra Salone del Libro.  Quasi 1,5 miliardi di euro. Tanto spendono gli italiani per acquistare i libri nei tradizionali canali di vendita: librerie di catena e indipendenti, banchi libri della Grande Distribuzione Organizzata (GDO), librerie nei centri commerciali, librerie on line. Il mercato del libro è un mercato fatto di “libri di carta”. Negli Stati Uniti il 98% del fatturato del settore deriva ancora da qui. Giusto quindi continuare a osservarlo e analizzarlo nelle sue evoluzioni.  Accanto a questo però si fanno sempre più distinguibili una serie di segnali deboli che stanno preannunciando un cambiamento di cui riusciamo a percepirne l’intensità e l’ampiezza solo con difficoltà: è l’arrivo degli e-book, su cui anche diverse case editrici italiane iniziano a cimentarsi assieme alle possibili applicazioni per l’iPhone. Da queste premesse nasce il convegno “Che fine farà l’ebook. Tra libri di carta e applicazioni digitali”. I primi segnali di un cambiamento stanno arrivando da quella parte della mappa sociale messa a punto dall’Osservatorio permanente dei contenuti digitali assieme a Nielsen in cui si colloca il gruppo sociale degli Eclettici: 6,5 milioni di individui con più di 14 anni. E’ questo il target cosiddetto di “Avanguardia tecnologia”, attento ai prodotti che le aziende dell’ICT propongono ma con elevata propensione ai consumi culturali: cinema, musica, e appunto lettura/acquisto di libri.  E’ da questo gruppo di individui che entrano tutti i processi innovativi e di trasformazione della società italiana. E tra questi anche l’uso degli e-book, o l’accesso a contenuti tramite iPhone. In sintesi: altri modi di leggere e di procurarsi i libri. In questo cluster troviamo – secondo una indagine condotta dall’Ufficio studi di AIE nel dicembre scorso – che il 7,5% dichiara di aver già comprato (o di accingersi a farlo) un e-book. Un altro 5,8% aspetta solo un maggior numero di titoli in italiano, e un altro 2,8% la possibilità di leggersi sullo schermo dei best seller. E il 27,0% solo la discesa del prezzo degli ereader. Numeri per ora ancora lontani da quelli del mercato dei canali trade (di cui NielsenBookScan presenterà il quadro dell’andamento nel 2009 con una anticipazione sui primi mesi di quest’anno). Numeri da cui però emerge anche una dinamica precisa, molto simile a quella di un ecosistema nel quale ogni produttore di contenuti editoriali – narrativi, manualistici, di studio, ecc. – cresce e si evolve in relazione a ogni altro.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso l’ebook?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2009

E-book sì, ma i numeri sono ancora piccoli e – al momento – i contenuti più adatti sembrano quelli legati allo studio e al lavoro: è quanto emerge dalla terza indagine per l’Osservatorio permanente contenuti digitali, presentata oggi a Milano, che ha fotografato in modo trasversale i diversi modi in cui il pubblico accede ai contenuti digitali attraverso le tecnologie in base a uno studio qualitativo etnografico e quantitativo su un campione di 8.500 individui del paner consumer di Nielsen rappresentativo della popolazione italiana (la sintesi dell’indagine è in allegato, così come le curiosità).  Solo un italiano su dieci (il 10%) pensa che in futuro i libri elettronici (da leggere su uno schermo) si affiancheranno con successo a quelli tradizionali. I contenuti più adatti sembrano quelli legati allo studio e al lavoro: il 14% di chi possiede un Pc sembrerebbe propenso a utilizzarlo per leggere un libro di studio/lavoro. Questa percentuale scende al 6% se si parla di contenuti di svago/intrattenimento. Più limitato il gradimento per l’e-book sul cellulare (4% per studio e lavoro, 2% per libri di svago). Un italiano su tre afferma che potrebbe fare tranquillamente a meno di leggere libri (è il 34%, stabile rispetto al 2008). I giovani che la pensano così sono anche di più: il 37% (erano il 32% nel 2008). Non è però solo un problema di libri, farebbero a meno di praticamente di tutti i contenuti culturali. Nel 2007 la ricerca su Google di “forum letteratura” produceva 1.680.000 risultati, oggi 1.470.000. Alle stesse date i risultati per “forum calcio” sono passati da 1.940.000 a 4.850.000. Diminuiscono i lettori e diminuiscono anche gli acquirenti – I lettori di un libro nei 12 mesi precedenti sono il 56% degli italiani (con più di 14 anni – pari a 29 milioni di individui). Erano nel 2008 il 60% (31 milioni di individui). Le cose non vanno meglio sul fronte acquisti: solo il 45% (era il 48% nel 2008) ha acquistato almeno un libro nel corso dell’anno.
L’Osservatorio permanente sui contenuti digitali è stato creato nel 2007 da AIDRO, AIE, ANICA, FIMI, PMI, UNIVIDEO, principali Associazioni che operano nella produzione e gestione dei contenuti, e Cinecittà Luce, in collaborazione con la società Nielsen.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: tutte le novità dell’editoria scolastica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

Una volta si chiamavano libri di testo, ora si chiamano libri misti, versioni online scaricabili, e-book. Queste sono le ultime novità nell’editoria scolastica, novità con le quali famiglie e studenti si troveranno a fare i conti. Per questo, Adiconsum, insieme alle Case editrici G. D’Anna di Firenze e Loescher di Torino, ha realizzato la brochure “Il libro di testo: cose da sapere”, che verrà distribuita gratuitamente alle scuole e alle sedi territoriali Adiconsum. Nella brochure viene spiegato tutto quello che è legato al libro di testo: cosa sono i libri misti, le versioni online scaricabili e gli e-book, come funzionano l’adozione dei testi e i tetti di spesa, come sono determinati gli aumenti dei prezzi, come possono intervenire studenti e genitori. Troppo spesso dai mezzi di comunicazione sono venute informazioni a dir poco imprecise sull’argomento – dice Albertina D’Anna, direttore generale dell’omonima casa editrice – abbiamo letto articoli in cui veniva confuso l’aumento dei prezzi  con gli sforamenti  dei tetti di spesa, per questo è necessario fare chiarezza, per rispetto verso gli studenti, i genitori e gli insegnanti. Siamo consumatori anche noi – aggiunge Marco Griffa, amministratore delegato della Loescher – per questo comprendiamo l’importanza di un’informazione corretta, a maggior ragione su un argomento come i testi scolastici che, non lo dimentichiamo, sono uno strumento importantissimo per costruire il futuro dei nostri ragazzi. la brochure è scaricabile dai siti: http://www.adiconsum.it; http://www.danna.it; http://www.loescher.it

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caro libri

Posted by fidest press agency su martedì, 15 settembre 2009

Anche quest’anno scolastico si apre all’insegna del caro-libri di testo. Il diritto allo studio sancito dalla nostra Costituzione resta un capitolo importante di spesa nel bilancio delle famiglie italiane. Adiconsum ha attivato da qualche anno uno spazio sul proprio sito dedicato ai temi della scuola. Sui libri di testo, in particolare, Adiconsum denuncia il mancato inserimento nel tetto di spesa dei c.d. libri “consigliati”. Con questo “escamotage” le scuole sembrano rispettare il tetto di spesa deciso dal Ministero, ma di fatto lo sforano perché i libri “consigliati” risultano essere poi adottati al pari di quelli di testo veri e propri. Adiconsum chiede al ministro Gelmini di inserire nel tetto di spesa anche i libri “consigliati”. Molte saranno già a partire dal prossimo anno scolastico le novità nell’editoria scolastica. Già da tempo si parla ad esempio di e-book. Per spiegare come si sta evolvendo il mondo dei testi scolastici Adiconsum ha realizzato la brochure “Libri di testo: cose da sapere” che verrà distribuita gratuitamente alle scuole e alle sedi territoriali Adiconsum. La brochure è scaricabile dal sito http://www.adiconsum.it

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »