Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 255

Posts Tagged ‘editoria’

Sostegno all’editoria digitale

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2020

«Servono più fondi per l’editoria digitale. La crisi attuale richiede uno sforzo maggiore per sostenere le piccole testate locali che in questi mesi di emergenza hanno garantito un’informazione puntuale e direttamente dal territorio. Il dialogo avviato con le amministrazioni regionali di Emilia Romagna e Lazio ha portato ad uno stanziamento straordinario di 2 milioni di euro: che questo sia da esempio anche per altre Regioni». Il presidente dell’Associazione Nazionale della Stampa Online – ANSO, Marco Giovannelli, torna ad insistere sulla necessità di un «intervento più significativo per il settore dell’editoria digitale; un settore definito strategico, ma già in crisi prima dell’avvento del Coronavirus». Eppure è stata l’emergenza sanitaria ha mettere in evidenza il ruolo dell’informazione locale, e a quella digitale in particolare. Dai diversi territori sono arrivati i racconti, quasi sempre in presa diretta, di quegli avvenimenti che spesso, troppo spesso, si sono trasformati in tragedie. Le testimonianze provenienti da Bergamo, Savona, ma anche da Piacenza e Taranto hanno riferito alle loro comunità locali e a tutto lo scenario nazionale quanto stava avvenendo, senza sosta. Ma la crisi economica, derivata dall’emergenza Covid, ha colpito anche il settore dell’informazione. «Le prime regioni a muoversi sono state Emilia Romagna e Lazio: hanno voluto sostenere la filiera dell’informazione, dalla carta alle radio tv, dal digital alle edicole, con provvedimenti ad hoc e uno stanziamento straordinario di 2 milioni di euro», prosegue Giovannelli. «ANSO ha lavorato fianco a fianco agli organismi di Emilia Romagna e Lazio per arrivare al risultato sperato, ovvero destinare aiuti certi al mondo degli editori del web, un risultato importante per un mondo spesso “dimenticato” dai contributi».
Ma non basta. Come ricorda il presidente di ANSO: «Anche grazie all’interlocuzione avuta con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria, Andrea Martella, il Governo ha inserito alcuni provvedimenti per l’editoria, prestando attenzione specifica al mondo digitale. All’interno del Decreto Rilancio, per la prima volta sono stati previsti aiuti concreti e definiti per il settore del web. Ora però occorre avere ancora più coraggio aumentando le risorse e soprattutto garantendo alle realtà più piccole di accedere ai contributi». ANSO lancia un appello alle forze politiche di tutti gli schieramenti per compiere un ulteriore passo nella direzione di ottenere un contributo sicuro per le testate iperlocali del web. «Nel pacchetto del sostengo all’editoria del Decreto Rilancio due articoli interessano direttamente le nostre realtà: il primo riguarda il credito di imposta a fronte degli investimenti pubblicitari. A fronte di uno stanziamento di 60 milioni la nostra associazione rimarca come il fondo sia decisamente sottodimensionato a fronte della platea che potrà accedervi. Chiediamo quindi che venga aumentato o in seconda istanza che come fatto per il contingente dedicato alle tv, anche una parte di questo sia dedicato esclusivamente agli investimenti sulle testate online. Il secondo prevede un credito imposta per i le testate digital su server, connessioni, e attività relative. Facciamo un appello a tutto l’arco parlamentare perché venga alzato il plafond ad oggi fermo a soli 8 milioni di euro».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: “Tutelare l’Ansa è tutelare il Paese”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Per questo considero criticabile il comportamento dell’azienda che, dopo oltre una settimana, non ha ancora dato risposte concrete e convincenti ai dipendenti in agitazione per difendere le proprie condizioni lavorative. Si mettono a rischio 75 anni di gloriosa attività dell’Ansa, cioè della prima agenzia italiana, che pure in emergenza Covid ha svolto brillantemente il proprio lavoro al servizio dell’informazione. Ritengo che le misure proposte dall’azienda con massiccio ricorso alla cassa integrazione e soprattutto col taglio del budget dei collaboratori (quindi dei più deboli e meno tutelati), sarebbero pesantemente negative per i lavoratori, e determinerebbero conseguenze negative su tutto il sistema informativo nazionale, anche per le conseguenze sulle sedi locali ed estere. Il governo dimostri sensibilità per l’Ansa e l’azienda rifletta sulla natura e sulla mission della storica agenzia nazionale, che è parte del nostro Paese”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze e Tesoro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: Serracchiani, proprietà dialoghi con giornalisti Gazzettino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2020

“Auspico che la proprietà possa aprirsi a un dialogo con i giornalisti del Gazzettino in stato di agitazione, cui va la mia solidarietà. Per ragioni anche molto concrete, deve preoccuparci la situazione in cui si trova l’unico quotidiano di rango nazionale del nordest”. Lo afferma la deputata Debora Serracchiani (Pd), in merito alle richieste di “rispetto delle regole” e di un “reale rilancio della testata”, formulate dal Comitato di redazione del quotidiano Il Gazzettino alla proprietà, il Gruppo Caltagirone Editore.”Le difficoltà in cui versano i quotidiani sono ormai conclamate e – osserva Serracchiani – l’unica risposta pare siano stati di crisi, riduzioni d’organico, accorpamenti, tagli ai collaboratori. Il malessere portato alla luce dai giornalisti del Gazzettino è sintomatico, chiede risposte concrete, immediate. Ma ribadisce anche l’urgenza di una strategia più articolata, concertata tra Governo e chi fa impresa, per rendere l’editoria un settore sostenibile autonomo. In alternativa c’è la resa, il calo ineluttabile delle copie, la precarizzazione dei giornalisti e – conclude – l’onda montante delle fake news”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dove va l’editoria italiana?

Posted by fidest press agency su domenica, 24 maggio 2020

L’Associazione Italiana Editori (AIE), in collaborazione con IE-Informazioni Editoriali e Nielsen, presenta i dati sul mercato del libro da gennaio ad aprile 2020 e sull’impatto che ha avuto l’emergenza Covid-19 sulla produzione, sulle vendite e sui comportamenti dei clienti. Si tiene martedì 26 maggio, dalle 11.00 alle 12.30, l’incontro online “Il mercato del libro: dall’emergenza sanitaria a quella di sistema”. Saranno presentati i dati che propongono in forma estesa e sistematica l’impatto del sisma che ha attraversato l’editoria italiana, tracciando e interrogandosi sui segnali di cambiamenti in corso e che, verosimilmente, influenzeranno a lungo l’industria del libro e i consumi culturali degli italiani. Quanto vale il mercato nei primi quattro mesi del 2020 rispetto al corrispondente periodo del 2019? I generi hanno perso tutti in misura uguale? La produzione come e di quanto è cambiata? Le librerie come hanno cercato di contenere le perdite provocate dal lockdown e lo spostamento verso gli store on line? È cambiato il modo di informarsi su cosa comprare?Sono queste alcune delle domande a cui si proverà a dare risposta durante l’incontro, moderato da Sabina Minardi, giornalista dell’Espresso, e introdotto e commentato dal presidente di AIE Ricardo Franco Levi. Giovanni Peresson (responsabile dell’ufficio studi AIE) racconterà, attraverso i dati, “I tre mesi che sconvolsero il mondo” mentre “Dal cambiamento dell’offerta alla resilienza delle librerie” è il tema dell’intervento di Simonetta Pillon (IE-Informazioni Editoriali).L’incontro può essere seguito sul sito di AIE alla pagina https://www.aie.it/Mercatodellibro.aspx o sulla pagina Facebook di Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Soddisfazione per il fondo per l’editoria

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 maggio 2020

“Siamo soddisfatti che il governo, sostenuto dal concorde appoggio di tutte le forze politiche in Parlamento, abbia raccolto l’appello di editori (AIE), librai (ALI) e bibliotecari (AIB) e abbia istituito un fondo per la cultura da 210 milioni di euro che guarda specificamente al mondo del libro” ha dichiarato il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi. Rapidità nell’utilizzo dei fondi e sguardo in avanti: sono i principi che, secondo l’associazione, dovrebbero ora guidare il governo nell’utilizzo delle risorse stanziate all’interno del decreto Rilancio.“Adesso – continua Levi – si apre la fase delicata della definizione dei meccanismi attraverso i quali distribuire le risorse stanziate. In questo senso, i principi che ci dovrebbero guidare sono due. Da un lato la rapidità con la quale erogare queste risorse a sostegno del mondo del libro, perché siamo in una situazione di assoluta emergenza. Dall’altro, la necessità di guardare in avanti: approfittiamo di questa terribile crisi non solo per sanare le ferite di questi giorni, ma anche per costruire il futuro del libro e della lettura in Italia. In questa prospettiva, AIE presenterà in tempi strettissimi al ministro dei Beni e delle attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, una propria proposta”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La crisi sanitaria Covid-19 rischia di decimare la piccola e media editoria italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 16 maggio 2020

Quasi un editore su dieci (il 9%), infatti, sta valutando la chiusura già quest’anno. Un altro 21% la considera probabile. È quanto emerge dalla quarta rivelazione dell’Osservatorio sull’impatto Covid-19 dell’Associazione Italiana Editori (AIE) con dati raccolti dal 19 al 23 aprile e che, in questa uscita, è tutta dedicata all’editoria medio-piccola.“Questa emergenza avrà impatti rilevanti non solo sull’occupazione, essendo le piccole medie case editrici una parte rilevante del mondo del libro – ha spiegato Ricardo Franco Levi, presidente di AIE – ma anche sul pluralismo nel nostro Paese. Quale che ne sia il volume delle vendite, la perdita di una voce costituisce sempre un impoverimento dell’offerta culturale, una ferita alla democrazia. Il governo e il parlamento devono fare tutto il possibile perché questo non accada”.Se il 9% dei piccoli e medi editori sta valutando la chiusura delle attività già quest’anno e un altro 21% la considera un evento altrettanto probabile che la continuazione delle attività, il 47% la teme, pur ritenendo l’eventualità poco probabile. Solo il 23% si sente di escluderla.“Quello che invece è già un dato certo è la fortissima riduzione dei titoli pubblicati – spiega Diego Guida, vicepresidente di AIE e presidente del Gruppo Piccoli Editori -: tra marzo e aprile il taglio è stato del 35%, a maggio-giugno i rinvii salgono al 59% e proseguono, pur a valori più bassi, nel corso dell’anno: a fine 2020 si stima così una riduzione del 32% dei titoli pubblicati dai piccoli e medi editori. Significa 21.000 opere in meno, il 54% di tutte quelle che andranno perdute nel 2020, a dimostrazione della centralità delle nostre case editrici nel panorama culturale italiano”.Il calo del fatturato è molto pesante: il 72% dei piccoli e medi editori stima una perdita a marzo superiore al 30%, il 56% superiore al 50%, il 29% superiore al 70%. Il crollo delle vendite nelle librerie (chiuse al pubblico) e nella Grande distribuzione organizzata (Gdo) è stato controbilanciato parzialmente dalle vendite di ebook e negli store digitali. Solo il 14% degli editori indicano un aumento nella vendita di ebook superiore al 40%; le vendite negli store online sono cresciute di oltre il 40% solo per il 2% degli editori e quelli sul sito della casa editrice di oltre il 40% solo per il 16%. La crisi già adesso ha un impatto molto grave sugli occupati: il 35% degli editori ha chiesto ai dipendenti di smaltire le ferie non godute, il 34% ha messo alcuni dipendenti in cassa integrazione, il 31% tutti. Motori quasi spenti, insomma, in attesa di una ripartenza su cui pochi sono ottimisti: solo il 2% dei piccoli e medi editori ritiene che quest’anno manterrà il fatturato del 2019 grazie a un recupero nella seconda parte dell’anno. Il 57% scommette nel 2021, il 33% non prima del 2022 e l’8% ancora più in là.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Solidarietà al settore editoriale e ai giornalisti

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 maggio 2020

“Le notizie del rischio di chiusura attività per numerose testate rappresentano, non solo un rischio occupazionale e di tenuta economica di molte imprese, ma un danno al pluralismo informativo e all’informazione tutta. Esprimiamo solidarietà al settore, che abbiamo cercato di aiutare con emendamenti e atti, come nel dl Liquidità dove abbiamo proposto un aumento della dotazione del Fondo per il pluralismo di 200 milioni. Sosteniamo la proposta avanzata dalla Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) di un Fondo con almeno 400 milioni per limitare gli effetti economici sul settore editoriale, così da garantire i posti di lavoro, le aziende, i giornalisti e la buona informazione. Ci auguriamo il sottosegretario Martella possa introdurre la proposta già nel Dl Maggio.”Così il capogruppo di FDI in commissione Cultura ed Editoria, responsabile Innovazione del partito, deputato Federico Mollicone.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Proposte per cultura, editoria, sport, innovazione in DL Liquidità”

Posted by fidest press agency su martedì, 12 maggio 2020

“Abbiamo presentato emendamenti per migliorare l’impianto del DL Liquidità, orientandolo a favore delle industrie della cultura, dell’editoria, dello sport e delle startup innovative. In particolare, per la cultura e lo sport, abbiamo proposto un miglioramento delle condizioni di accesso al Fondo per l’impiantistica sportiva dell’Istituto del Credito Sportivo, così da permettere un accesso a finanziamenti per il miglioramento delle impianti; un credito d’imposta del 60% per le spese in sanificazione dei locali adibiti a cultura e sport con incentivi fiscali per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale; misure per agevolare le imprese culturali e creative; un credito d’imposta per le locazioni di teatri, cinema, luoghi dello spettacolo e centri sportivi; la sospensione fino al 2021 dell’IMU e il suo dimezzamento per l’anno in corso; l’ampliamento dei termini di sospensione contributiva e tributaria per tutto il 2020; l’estensione delle attività di promozione all’estero dell’economia italiana da parte di SACE estese anche al settore culturale; l’introduzione di un voucher “sportivo” per gli abbonati alle palestre e agli impianti, così da rilanciare la domanda e sostenere le imprese. In favore dell’editoria abbiamo promosso un aumento del Fondo per il pluralismo e l’informazione di almeno 200 milioni e fino a 400 per l’anno in corso, così da garantire la buona informazione e le testate editoriali e sosterremo tutte le proposte in questo senso. Per le startup innovative, l’ampliamento delle somme dei finanziamenti garantiti per le PMI da 25 mila euro a 100 mila euro; l’introduzione dei termini di sospensione dei contributi e delle tasse anche per le PMI innovative; l’estensione delle garanzie statali anche alle piattaforme di microcredito e di social lending, come il fintech, spesso utilizzate dalle startup per finanziarsi, così da reincentivare i meccanismi di investimento sul rischio; una ridefinizione del ruolo di Cassa Depositi e Prestiti, all’interno della più ampia normativa sul golden power, per salvaguardare i nostri “gioielli” dell’innovazione, ora in grave difficoltà, che rischiano di essere “predati”; l’introduzione – a fronte dell’uso massiccio del lavoro agile da parte delle aziende e della PA – di un credito d’imposta per gli investimenti in sicurezza informatica. Lanciamo un appello al governo affinchè possa introdurre queste misure, così da garantire fette importanti del nostro tessuto economico-produttivo che, manchevolmente, sono state trascurate negli scorsi provvedimenti.” Così il capogruppo in commissione Cultura, Editoria, Sport e responsabile Cultura e Innovazione di Fratelli d’Italia, deputato Federico Mollicone.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La piccola editoria riparte dal territorio

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 maggio 2020

Ci lavoravano da mesi e ora è realtà. IVG+ è il primo giornale iperlocale al mondo a lanciare un progetto di membership in partnership con Google. «IVG sin dalla nascita ha creduto tantissimo nel concetto di comunità, – racconta Matteo Rainisio, Ceo di Edinet e vice presidente di ANSO, Associazione Nazionale Stampa Online – facendone il suo valore fondante. Siamo sempre stati sul territorio raccontando problemi e speranze della nostra terra, lanciando iniziative e spazi per dar voce ai cittadini. Così anche per quanto riguarda la crescita aziendale: oggi diamo lavoro a 25 persone, tutte del territorio. IVG+ è la naturale evoluzione: non solo vantaggi per gli iscritti ma anche ricadute positive per gli imprenditori locali e il mondo del no profit. Anche se la pandemia ci ha costretto ad adeguare la ricetta, abbiamo comunque voluto dare il via: noi ci siamo e ci saremo, per aiutare il territorio a ripartire. Non ho idea se questa sarà la strada per un modello di business diverso per l’editoria locale, sicuramente era il momento di provarci».Edinet, la webcompany editore di IVG (principale portale di informazione della Provincia di Savona), annuncia di avere implementato una nuova funzionalità di Subscribe with Google per il sito di news IVG, diventando il primo giornale iperlocale al mondo a implementare questo nuovo sistema di sostegno.
Dalla collaborazione tra Edinet e Google nasce quindi IVG+, la membership che permetterà agli utenti di leggere tutti i contenuti online pubblicati su IVG – Il Vostro Giornale.it – senza annunci pubblicitari. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto avviato nei mesi scorsi tra ANSO e Google che ha permesso all’Associazione Nazionale Stampa Online di entrare a fare a parte della Google News Initiative. «In un momento così delicato la nostra associazione è a fianco degli editori delle testate locali – commenta Marco Giovannelli, presidente ANSO -. La scelta di IVG è coraggiosa, ma in linea con la loro e la nostra storia. Un progetto che tiene insieme tanti fattori e guarda al cuore del territorio, valorizzando il lavoro giornalistico e la relazione con i protagonisti locali siano piccoli imprenditori o associazioni. Sosterremo con convinzione la scelta di IVG convinti che sia un modello per tanti altri che vorranno attivarsi in quella direzione».Il meccanismo adottato (“Sostieni con Google”) nasce dall’esperienza di “Abbonati con Google” (utilizzato nel mondo da colossi come New York Times, Washington Post, Financial Times e testate italiane come Corriere della Sera, La Repubblica e Il Fatto Quotidiano), ma ha una filosofia differente: non è un abbonamento che prevede una sezione del sito a pagamento (infatti tutte le notizie del portale restano fruibili anche da chi non lo sottoscrive), bensì un progetto per supportare economicamente l’informazione locale di qualità.Il progetto IVG+ prevede anche una serie di altre iniziative a sostegno dell’economia locale, dall’imprenditoria al settore del no profit, ideate dall’editore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Subito 400 milioni per l’editoria

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2020

“Il settore dell’editoria ha molto sofferto nelle ultime settimane ma nello stesso tempo si è mostrato uno straordinario presidio democratico e di garanzia dell’informazione – dichiara il capogruppo di FDI in commissione Editoria, deputato Federico Mollicone, in un’intervista alla Nazione – per quanto ci riguarda abbiamo sollecitato un credito d’imposta sull’acquisto della carta, la forfetizzazione delle rese, una riforma senza oneri per lo Stato della pubblicità degli avvisi legali rendendoli obbligatori, come di altri aiuti tipo quelli previsti per le edicole e tutta la filiera distribuitiva.” “L’impegno garantito dal governo è avvenuto anche grazie allo stimolo che Fratelli d’Italia ha saputo fornire – ha continuato Mollicone – ora il governo dovrà dirci esattamente il quanto e il quando. Il sottosegretario Martella ci ha spiegato che intende far inserire le norme nel decreto Aprile, staremo a vedere.”
“Chiediamo almeno 400 milioni per il settore – ha sottolineato il deputato di Fratelli d’Italia – altrimenti rimarranno solo i grandi gruppi, le piattaforme internazionali e gli “over the top”. Inoltre, va recepita la direttiva copyright con urgenza, per garantire il diritto d’autore senza mortificare però il pluralismo.” “L’Agcom – ha concluso – deve essere una garanzia di concorrenza, ma nello stesso tempo deve proteggere il mercato dalle sue distorsioni che la contemporaneità ci chiama ad affrontare, come il web, il digitale e gli algoritmi.” (By Carlo Prosperi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: Recepire al più presto direttiva copyright per tutela settore”

Posted by fidest press agency su sabato, 11 aprile 2020

“La decisione dell’antitrust francese che ha stabilito l’obbligo per le piattaforme digitali di definire entro tre mesi i negoziati per il riconoscimento del diritto connesso introdotto nella direttiva copyright è apprezzabile e garantirà la posizione degli editori verso gli “over the top”. Lanciamo un appello affinchè anche il parlamento italiano possa recepire al più presto l’articolo 15 della direttiva copyright, così da definire le condizioni della utilizzazione dei contenuti da parte delle piattaforme digitali, e garantire, riequilibrando il divario di valore, alle aziende editoriali di ottenere una giusta remunerazione e difendere i giornalisti e il loro lavoro, sopratutto in questa difficile fase per il settore, prevedendo espressamente che, in caso di mancato accordo entro un termine predisposto, intervenga l’Autorità di settore a definire le condizioni, anche economiche, dell’uso dei contenuti da parte delle piattaforme digitali.”
Così il deputato responsabile Innovazione di FDI, Federico Mollicone.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“L’editoria italiana chiede immediate misure di sostegno per l’intera filiera del libro”

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2020

Solo in questo modo si può ripartire dopo lo stop per l’emergenza Coronavirus”: lo dichiara l’Associazione Italiana Editori (AIE) dopo il decreto del governo dell’11 marzo che impone la chiusura delle librerie fino al 25 marzo. “Affrontiamo l’emergenza, come tutti, con spirito di sacrificio e responsabilità – spiega il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi –, ma è indispensabile e urgente che il governo e il parlamento facciano tutto ciò che serve per far sì che il mondo del libro, con tutte le sue imprese e i suoi lavoratori possa, al pari e insieme a tutta l’Italia e tutti gli italiani, reggere e superare questo difficilissimo momento. Tutto ciò che serve. Niente di meno”.“Già prima dei decreti che hanno limitato e quindi sospesa la libera circolazione dei cittadini in Lombardia e poi in tutta Italia – continua Levi – avevamo segnalato un calo di vendite del 25% con punte del 50%. La chiusura totale avrà conseguenze gravissime per noi editori e rischia di compromettere la rete delle librerie fisiche, già in forte difficoltà prima dell’emergenza Coronavirus, e dell’intero sistema”.“I danni che questa crisi potrebbe avere non sono solo economici: è in gioco la tenuta culturale del Paese” spiega Levi. AIE chiede in particolare il sostegno della domanda di libri: “Deduzione fiscale per gli acquisti di libri, ricostituzione della dotazione originaria della carta cultura per i giovani (la cosiddetta 18App), un rafforzamento del fondo destinato alle famiglie bisognose per l’acquisto dei testi scolastici fermo da vent’anni alla cifra di 103 milioni di euro”.AIE chiede inoltre, accanto alle altre associazioni confindustriali, strumenti per far fronte alla crisi di liquidità e ammortizzatori sociali in grado di preservare ogni professionalità interna al settore e scongiurare così perdite di posti di lavoro.La chiusura delle librerie non è il solo grave danno che sta subendo il settore, oggi alle prese con la cancellazione e la riprogrammazione delle Fiere e dei Saloni nazionali e internazionali. “Stiamo rischiando – spiega Levi – un circolo vizioso fatto di calo dei consumi, cui segue diminuzione delle prenotazioni, delle tirature, quindi del lancio delle novità. Questo si può tradurre in un calo della lettura i cui bassi indici già adesso segnalano che siamo in emergenza. L’Italia che uscirà dalla crisi Coronavirus non può permettersi di ripartire senza libri e lettori”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Partnership esclusiva tra Euronews e Outbrain per l’editoria digitale

Posted by fidest press agency su sabato, 1 febbraio 2020

Outbrain, la piattaforma a livello mondiale di discovery e native advertising dell’open web, ha annunciato oggi di aver siglato un accordo di partnership esclusiva con Euronews, uno dei principali canali di informazione internazionali. L’accordo permetterà ad Euronews di sfruttare lo Smartfeed di Outbrain: un’esperienza digitale che trasforma ogni pagina in un flusso infinito di discovery.
“Non vediamo l’ora di lavorare con Outbrain come partner strategico. Siamo ansiosi di guidare l’incremento di pubblico e crediamo che le innovazioni di prodotto di Outbrain ci permetteranno di coinvolgere i nostri lettori mantenendo saldi la qualità e il tono editoriale del nostro sito”, ha dichiarato Carolyn Gibson, CRO, Euronews.L’innovativa tecnologia Smartfeed di Outbrain consente agli editori di coniugare la cura editoriale con la personalizzazione, guidare la crescita e il coinvolgimento del pubblico e aumentare le opportunità di monetizzazione. È progettata per una gamma di contenuti che include articoli promossi, editoriali e video dei brand, e fornirà all’editore la flessibilità di far circolare i propri contenuti per coinvolgere in modo costante il pubblico in tutto il sito. Inoltre, l’ottimizzazione dinamica tramite AdNgin consentirà al sito di migliorare continuamente, rispondendo alle preferenze del pubblico per creare un’esperienza di lettura ottimale.Euronews attualmente copre 12 lingue in 160 paesi. Euronews è imparziale e cerca di offrire una diversità di punti di vista. La tecnologia Smarfeed di Outbrain e gli strumenti di sviluppo dell’audience forniti da Outbrain aiuteranno ulteriormente l’editore nel suo obiettivo di crescita e coinvolgimento del pubblico.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La pirateria del mondo del libro vale 528 milioni, danno per il sistema Paese di 1,3 miliardi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 gennaio 2020

L’indagine Ipsos per AIE presentata nel primo incontro de Gli Editori (AIE e FIEG): in fumo 8.800 posti di lavoro. La pirateria sottrae ogni anno al mondo del libro 528 milioni, pari al 23% del valore del mercato (escludendo scolastica ed export), 1,3 miliardi complessivi al sistema Paese e 216 milioni al fisco: persi in termini di mancata occupazione 8.800 posti di lavoro, di cui 3.600 nella filiera del libro. Per la prima volta una ricerca commissionata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) a Ipsos traccia le dimensioni del fenomeno: ogni giorno nel nostro Paese si compiono circa 300.000 atti di pirateria (293.000) ai danni del mondo del libro, 107 milioni in un anno. Il fenomeno coinvolge più di un italiano su tre sopra i 15 anni (il 36%), addirittura il 61% dei professionisti (avvocati, notai, commercialisti, ingegneri, architetti e altri) e il 90% degli studenti universitari (la sintesi è in allegato).
Per questo Gli Editori, l’accordo di consultazione e azione comune di AIE e Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), chiede al governo di intervenire: “Sono dati drammatici che vanno al di là di qualsiasi previsione – ha dichiarato il presidente di AIE Ricardo Franco Levi –. Dati che richiedono e impongono una forte azione di contrasto attraverso la repressione dei fenomeni illegali e l’educazione degli utenti, non sempre pienamente consapevoli degli effetti dei loro comportamenti; è inoltre necessario un forte sostegno alla domanda che consenta di esercitare in forma legale la richiesta di informazione e di cultura. 18App da riportare alla dotazione originale e detrazione fiscale per l’acquisto dei libri sono gli strumenti decisivi”.
“Il digitale ha portato opportunità ma anche rischi – ha osservato il presidente della FIEG, Andrea Riffeser Monti, richiamando l’attenzione sulle molteplici forme di utilizzo abusivo dei contenuti –: dalle rassegne stampa online realizzate e diffuse senza autorizzazione, alla condivisione non autorizzata di pdf di giornali, anche attraverso piattaforme social, applicazioni telefoniche o di messaggistica. È necessario migliorare gli strumenti di tutela contro ogni forma di sfruttamento parassitario del diritto d’autore”. Riffeser ha quindi lanciato un appello alle Istituzioni affinché “supportino una campagna di comunicazione per la lettura di giornali e libri. I dati sulla lettura, infatti, confermano il grande interesse per l’informazione, nonostante le vendite continuino a scendere. Occorre, inoltre, garantire una diffusione capillare dei giornali, per raggiungere i lettori e facilitarne l’acquisto, anche con la crescita degli abbonamenti”.
“Come governo non possiamo ignorare i dati emersi da questa ricerca e la richiesta di aiuto che viene dal settore dell’editoria – ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’informazione e all’editoria Andrea Martella -. La pirateria va combattuta con la repressione dei comportamenti illegali, promuovendo l’educazione alla legalità ma anche con il sostegno a tutta la filiera, così gravemente colpita. Attraverso editoria 5.0 stiamo studiando nuovi strumenti di supporto per l’editoria periodica e quotidiana perché, come ha ricordato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita all’agenzia Ansa la settimana scorsa, l’informazione primaria “costituisce un elemento decisivo per la democrazia nel nostro Paese. Questo fa comprendere le esigenze di sostegno da parte delle istituzioni”. L’impegno, coerentemente con quanto affermato dal Ministro Franceschini, è quindi quello di lavorare ad un progetto analogo anche per l’editoria libraria, a partire dalle richieste che ci vengono dal settore con particolare attenzione al sostegno alla domanda”.
Secondo la ricerca presentata dal presidente di Ipsos Nando Pagnoncelli, gli italiani (popolazione sopra i 15 anni) sono consapevoli che piratare libri, e-book, accedere a banche dati è illecito e illegale (risponde affermativamente l’84% del campione di 4.000 intervistati), ma una buona fetta lo considera un comportamento poco o per niente grave (39%) e una decisa maggioranza (il 66%) ritiene poco o per nulla probabile che gli illeciti vengano scoperti e puniti.
La maggior parte degli atti di pirateria passa attraverso il web: un italiano su quattro sopra i 15 anni (il 25%) ha scaricato gratuitamente almeno una volta un ebook o audiolibro da siti o piattaforme illegali su Internet; il 17% ha ricevuto da amici/familiari almeno un ebook, l’8% ha ricevuto da amici/conoscenti almeno un libro fotocopiato, il 7% ha acquistato almeno un libro fotocopiato. L’incidenza della pirateria è particolarmente alta tra i lettori forti (lettura giornaliera o settimanale) di libri cartacei (45%), tra quelli di ebook (68%), e tra quelli di audiolibri e podcast (66%).
Ad essere danneggiati sono tutti i settori del mondo editoriale, non solo l’editoria universitaria: le vendite perse nel settore della varia (fiction e saggistica) sono pari a 29,2 milioni di copie (libri ed ebook) all’anno, per un mancato fatturato di 324 milioni di euro. Le copie perse nel settore universitario sono 4 milioni, per un fatturato di 105 milioni di euro, quelle nel settore professionale e banche dati 2,9 milioni, pari a 99 milioni di euro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli editori e le misure urgenti per l’editoria contenute nella Legge di Bilancio

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 dicembre 2019

Per il Presidente della Fieg Andrea Riffeser Monti “il riconoscimento dell’importanza dell’informazione da parte del Governo, del Parlamento e delle forze politiche, costituisce un importante stimolo per gli editori a continuare a svolgere il loro ruolo e ad essere “garanti” del rapporto fra le Istituzioni e i cittadini”. Riffeser, nel sottolineare l’importanza della condivisione delle forze politiche per un settore così importante per la democrazia, esprime l’auspicio che questa rinnovata attenzione prosegua con una Legge di sistema per l’editoria che affronti i temi della tutela del prodotto, della distribuzione e della pubblicità e possa avviare a soluzioni strutturali per il prossimo futuro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fiera nazionale della piccola e media editoria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2019

Roma 4-8 dicembre 2019 La nuvola Eur. Più libri più liberi. Il 2019 si conferma come un anno positivo per l’editoria italiana. Lo dicono i dati Nielsen per l’Associazione Italiana Editori (AIE) riferiti alle vendite di libri di varia (esclusi quindi scolastici e universitari) nei canali trade (librerie indipendenti e di catena, grande distribuzione organizzata, piattaforme online compreso Amazon) che registrano una crescita del 3,7% nei primi undici mesi dell’anno, pari a 1,131 miliardi di euro. Crescono – ed erano molti anni che ciò non accadeva – anche il numero di copie vendute toccando, a un mese dal Natale, il più 2,3%, pari a 77,4 milioni di copie.Sono questi i primi dati dell’andamento del mercato che verranno illustrati a Roma, in occasione di Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria. Nel corso del convegno Il Natale è alle porte: come è andato il mercato trade nel 2019 per piccoli e grandi editori, in Sala Aldus mercoledì 4 dicembre dalle 15.30. Un focus particolare durante l’illustrazione dell’andamento del mercato sarà dedicato al ruolo giocato dalla piccola e media editoria. Intervengono, all’incontro organizzato in collaborazione con Nielsen, Carlo Gallucci (Gallucci editore), Diego Guida (Presidente Gruppo Piccoli Editori dell’AIE), Bruno Mari (Giunti), moderati dalla giornalista Sabina Minardi (L’Espresso).
E il focus sul ruolo della piccola e media editoria torna in maniera centrale nel convegno Per un programma di filiera, in Sala Aldus giovedì 5 dicembre dalle 14.30, durante il quale verrà presentato il documento “Professione editore, un programma del Gruppo Piccoli Editori AIE. Proposte per una filiera più efficiente”, frutto delle riflessioni scaturite dal tavolo di lavoro attivato due anni fa dal Consiglio del Gruppo Piccoli Editori e base di confronto per tutto il comparto. All’incontro, organizzato in collaborazione con Aldus, il network delle fiere del libro europee supportato dal programma Europa Creativa della Commissione Europea, intervengono Lorenzo Armando (Armando Editore), Diego Guida (Presidente Gruppo Piccoli Editori di AIE), Gregorio Pellegrino (Effatà).
Quest’anno il polo consolida ulteriormente la sua centralità in un’area organica di 500 metri quadrati, composta dal Business Centre al Piano Forum de la Nuvola e dal Rights Centre – che ospiterà ben 36 operatori stranieri – al Livello N5, e che venerdì 6 dicembre, per la prima volta, diventerà Area Book Influencer, per veri e propri speed date tra book influencer ed editori. L’obiettivo è accrescere l’importanza che queste attività (convegni, servizi alle aziende, incontri b2b) hanno per gli operatori italiani e stranieri, seguendo una delle vocazioni costitutive della Fiera: essere punto di riferimento, di aggiornamento, di formazione, di dibattito per gli addetti ai lavori e confermarsi punto di riferimento internazionale per le piccole e medie case editrici europee (ma non solo). Il Rights Centre: 35 gli operatori stranieri provenienti da 18 Paesi Continua a crescere infatti il percorso di valorizzazione del programma di scambi di diritti per incentivare l’internazionalizzazione della piccola editoria in fiera. Il 4 e 5 dicembre al Piano N5 sarà in funzione il Rights Centre per gli appuntamenti B2B per lo scambio dei diritti con 35 operatori stranieri (erano 30 l‘anno scorso) provenienti da 18 Paesi – Brasile, Canada, Croazia, Francia, Germania, Lettonia, Lituania, Olanda, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Turchia, Ucraina. Nuovi modi di informarsi e nuove forme di marketing, ma anche nuovi prodotti che rinnovano la lettura e il modo in cui sono veicolate le storie: se nell’incontro “Audiolibri e podcast.
Momenti professionali a 360 gradi che si svolgono in forma gratuita per gli operatori durante i cinque giorni della Fiera ma preparati anche da momenti introduttivi, come il seminario sugli Strumenti della Business Intelligence per la gestione dell’impresa, il webinar dedicato a «come si presenta il proprio progetto editoriale ai book influencer», lo sviluppo di Professione editore per migliorare l’efficienza della filiera, la visibilità dei piccoli editori nei canali e per mettere a disposizione dei piccoli editori strumenti operativi e pratici funzionali a migliorare la loro attività.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le Biblioteche di Roma alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 novembre 2019

Roma 4-8 dicembre 2019 Viale Asia 40. Torna anche per il 2019 il tradizionale appuntamento con i libri al Roma Convention Center La Nuvola per la diciottesima edizione di Più libri più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, e le Biblioteche di Roma, partecipano con un programma di iniziative, incontri, laboratori, spettacoli, mostre e proiezioni, che punta alla partecipazione attiva di famiglie, scuole, librerie. Particolare attenzione è stata riservata allo scrittore Gianni Rodari che il 23 ottobre 2020 avrebbe compiuto 100 anni. Tanti gli incontri e gli appuntamenti dedicati alla figura e all’opera del grande scrittore che continua ad affascinare il pubblico dei grandi e dei piccini con l’ironia, la fantasia e la capacità di immaginare un mondo migliore. Si comincia con la proiezione del film restaurato La Freccia Azzurra come anticipazione della Fiera (2 dicembre dalle ore 14.00 -Teatro San Raffaele al Trullo). Si prosegue con l’inaugurazione della mostra inedita ” Munari per Rodari” e con la presentazione del calendario delle celebrazioni e dei festeggiamenti in occasione dell’anno rodariano che sta per cominciare (4 dicembre h. 11.00 – Spazio ragazzi). “ Bruno Munari e Gianni Rodari Hanno liberato le immagini e le parole, che con tanta fatica, la nostra tradizione culturale voleva inscatolare e ridurre a schemi rigidi e rassicuranti” cosi il Presidente di Biblioteche di Roma Paolo Fallai. A seguire, nei giorni successivi, tutti gli altri appuntamenti: “Gianni Rodari. Una storia romana” (5 dicembre h.12 – Spazio arena); ” I gatti del Colosseo. Roma per Rodari” (6 dicembre h. 10.30 – Spazio arena), all’incontro saranno presenti alcuni rappresentanti del Comune di Omegna (luogo di nascita di Rodari); “Di Andersen in Andersen: il discorso di Rodari del 1970” (6 dicembre h.15.30 – Spazio ragazzi); “Rodari fra i libri”( 6 dicembre h. 17.30 –Spazio ragazzi); Rodari. La fantasia che si connette al reale (7 dicembre h.10.30 – Spazio arena); “Insegnare la disubbidienza. Date risposte oneste ai bambini”, (7 dicembre h.15.30 – Spazio ragazzi); “ Chimica rodariana. Gianni e la scienza” (8 dicembre h.10.30 – Spazio arena). Gli incontri saranno moderati da Vanessa Roghi. Tra le novità di quest’anno ci sono gli incontri con i rappresentanti dei municipi su “La nuova città delle biblioteche. Il bookcrossing – prendi un libro, libera un libro”, una riflessione sulla nuova esperienza del bookcrossing realizzata grazie alla collaborazione tra Biblioteche di Roma ed i municipi II III IV V VI VII VIII IX e XV che hanno aderito all’iniziativa (4-5-6-7-8 dicembre h. 17.00 -Spazio arena).
Cuore del programma è lo Spazio Ragazzi, 400 mq divisi in area Incontri e area Laboratori a disposizione dei bambini/e e dei ragazzi/e che potranno giocare, sperimentare e apprendere in piena libertà. In questo spazio, infatti, sono in programma, oltre alle visite guidate, agli incontri, ai laboratori e alle letture ad alta voce, alcune esposizioni di illustratori. I bambini e le bambine (0-6 anni) potranno, inoltre, avventurarsi fra i libri di storie illustrate, favole, filastrocche da leggere o sfogliare scoprendo la magia della lettura condivisa e provare il piacere della lettura con Nati per leggere. Spazio anche alle altre mostre: nell’area Nati per leggere sarà allestita una mostra inedita Prendilo!, a cura di Babalibri, di Matthieu Maudet e Michaël Escoffier; inoltre in occasione dei 60 anni dall’uscita di “Piccolo blu e piccolo giallo” e a 20 anni dalla morte di Leo Lionni, Babalibri curerà l’allestimento di una mostra dedicata all’opera dell’artista. Sempre nello Spazio ragazzi sarà allestita la Mostra “Libri senza parole. Destinazione Lampedusa”, anteprima della quarta edizione del progetto internazionale, realizzato da IBBY International e IBBY Italia in collaborazione con il Palazzo delle Esposizioni, che ha portato alla nascita della Biblioteca IBBY Lampedusa.
Tutte le mostre saranno accompagnate da momenti di approfondimento, laboratori, letture;
un reportage fotografico sulle biblioteche Aldo Fabrizi, Collina della Pace e Laurentina, pone l’attenzione sulla vita del quartiere e sul ruolo fondamentale che esse svolgono nel tessuto sociale di quel territorio. Il reportage è accompagnato da un insieme di parole, come partecipazione, sapere, integrazione aggregazione, incontro, suggerendo così una visione artistica delle biblioteche e del loro valore.
Il tema dell’Europa sarà il Leitmotiv di tutta la Fiera e le Biblioteche ospiteranno la mostra Cosa diventeremo? Riflessioni sulla natura di Antje Damm curata in collaborazione con il Goethe Institut e la casa editrice Orecchio Acerbo dedicata all’approfondimento del tema dell’ambiente presente nel dibattito in Europa.
Non mancherà, inoltre, il consueto focus sul tema intercultura: Storie d’amore e di migranti e Roma Multietnica per la promozione della cultura curda nella città. L’Arena Biblioteche sarà, come di consueto, anche lo spazio nel quale illustrare i principali servizi e progetti sviluppati dall’Istituzione Biblioteche nel corso del 2019: il progetto Bookcrossing, Vent’anni in libertà. Le Biblioteche in carcere a Roma; La Casa della Memoria. Raccontare la Storia tra documenti, testimonianze e progetti; Il progetto Bibliopoint. Una scelta vincente; Mediateca Roma. La nostra storia in video.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intelligenti pauca: la rima inferiore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 novembre 2019

Il primo appuntamento della rassegna sarà giovedì 7 novembre ore 18:30 presso la storica Libreria Popolare in via Tadino n.18 a Milano. L’argomento affrontato sarà il confronto tra grande e piccola editoria.Interverranno a riguardo Maurizio Cucchi (Mondadori), Gerardo Masuccio (Bompiani), Alessandro Canzian (Samuele Editore), Chiara Evangelista (I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno).Letture a cura di Elisa Longo, Riccardo Giuseppe Mereu, Luigi Cannillo, Emilia Barbato, Emilio Di Stefano, Federico Rossignoli e Maurizio Cucchi.Modera Rocio Bolanos.
Un ausilio alle menti, per risvegliarle dal torpore e fare chiarezza laddove vi sia nebbia. L’esigenza di mettere i puntini sulle i. Queste sono le rationes che si celano dietro l’organizzazione del ciclo che si propone di instaurare dialoghi costruttivi, muovendo dalle posizioni individuali degli ospiti invitati, per ampliare le prospettive a 360° sulle tematiche che saranno oggetto di discussione. Di conseguenza, basteranno poche parole al buon intenditore! La direzione artistica è affidata ad Alessandro Canzian e a Chiara Evangelista.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: “No ai licenziamenti Askanews”

Posted by fidest press agency su domenica, 27 ottobre 2019

“Chiederemo che vengano attivati tutti i canali possibili per scongiurare il licenziamento dei giornalisti di Askanews, che da troppo tempo vivono una situazione difficile e ai quali oggi l’azienda ha tristemente comunicato il licenziamento di 23 dipendenti”. Lo afferma il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli. “Ai cronisti dell’agenzia di stampa va la nostra completa solidarietà – aggiunge Donzelli – il mondo dell’informazione merita di continuare ad avere il loro contributo di professionalità e competenza, non possiamo accettare che il panorama giornalistico venga ancora una volta indebolito così. Invitiamo la proprietà a ripensare la scelta – conclude Donzelli – da parte nostra confermiamo la volontà ad aprire un tavolo istituzionale per discutere della situazione e salvare i posti di lavoro”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: servono misure di sostegno alle edicole

Posted by fidest press agency su sabato, 3 agosto 2019

Sostenere le edicole, cruciali sia nel garantire il diritto all’informazione sia come presidio del territorio, in particolare nei centri storici delle città e dei piccoli comuni, con uno stanziamento di 500 mila euro. È l’impegno assunto dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che nei giorni scorsi ha incontrato il presidente della Fieg, Federazione italiana editori giornali, Andrea Riffeser Monti. Un confronto anche alla luce della legge regionale sull’editoria locale dell’Emilia-Romagna, approvata nel giugno 2017 per un comparto fondamentale nell’assicurare una sempre maggiore informazione ai cittadini e la loro partecipazione alla formazione dei processi decisionali.In questo ambito, i due presidenti hanno convenuto sulla necessità di dedicare uno sforzo particolare al sostegno delle edicole, per la peculiare funzione economica e sociale che queste ricoprono non solo nel settore, ma più in generale nella vita delle città. Le edicole rappresentano storicamente uno dei luoghi d’incontro naturali, coniugando la propria funzione di servizio con quella non meno importante di presidio del territorio. Concorrono anzitutto al compito di assicurare il diritto all’informazione, con un ruolo pressoché insostituibile nel garantire il pluralismo dell’informazione stessa attraverso la carta stampata, ma sempre più spesso assolvono anche ad altri compiti di servizio e di pubblica utilità, complementari a quelli della rivendita dei giornali. È tuttavia evidente, è stato sottolineato nell’incontro, che le difficoltà del mercato dell’editoria e dei giornali cartacei mettono sempre più a dura prova la sopravvivenza di molti di questi esercizi, impegnati da tempo in una faticosa riconversione. Garantire la loro presenza sul territorio, con un’attenzione particolare ai piccoli centri, rappresenta quindi un interesse pubblico a cui la Regione vuole concorrere.“Ci siamo trovati d’accordo sulla necessità di misure specifiche di sostegno alle edicole – afferma il presidente Bonaccini – e considero estremamente significativo che questa sollecitazione venga proprio dalla Fieg. Nei giorni scorsi, peraltro, ho avuto alcuni contatti con i sindacati degli edicolanti, assicurando loro un interessamento non solo della nostra Regione, ma della stessa Conferenza delle Regioni. Per parte nostra, come Emilia-Romagna, siamo ora pronti a destinare un primo contributo di 500 mila euro al settore affinché le edicole possano rafforzare la loro presenza sul territorio e approntare gli investimenti necessari per implementare ulteriori servizi. Si tratta naturalmente di concordare con i sindacati del settore le misure più efficaci: per questo promuoveremo un incontro alla ripresa di settembre al fine di valutare insieme gli strumenti migliori. Mi pare essenziale poi coinvolgere in questa azione i Comuni stessi, primi attori istituzionali del territorio. Infine, anche col presidente Riffeser abbiamo convenuto sull’utilità di un momento di approfondimento più generale in sede di Conferenza delle Regioni”.Il presidente della Fieg, nel ringraziare Bonaccini per la sensibilità dimostrata, ribadisce “il ruolo delle edicole quale luogo fondamentale per la diffusione della stampa quotidiana e periodica” e sottolinea “l’impegno della Federazione perché sia mantenuta la capillarità della rete di vendita. Ritengo – conclude Riffeser – che con la fattiva collaborazione fra le istituzioni locali, gli editori e gli edicolanti si possa svolgere un significativo passo in avanti nel riconoscimento del ruolo dei punti vendita avvicinando i cittadini alla lettura dei giornali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »