Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 137

Posts Tagged ‘editoria’

Editoria e fondo straordinario

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Gli editori della Fieg, riuniti nel Consiglio generale tenutosi oggi, invitano il Governo a definire con la massima sollecitudine possibile le misure per l’utilizzo delle risorse già stanziate e disponibili del Fondo straordinario per l’editoria del 2022 che dovevano essere individuate entro la fine dello scorso mese di marzo. Gli editori sottolineano l’ulteriore aggravarsi della crisi dell’editoria giornalistica anche a seguito dei rilevanti incrementi dei costi di produzione (carta ed energia) e, esprimendo soddisfazione per la pubblicazione della lista per l’accesso al beneficio del credito d’imposta per la carta acquistata nel 2019 e nel 2020, auspicano che in tempi rapidi si proceda alla presentazione delle domande per il credito della carta acquistata nel 2021 e per il credito sulle spese di distribuzione sostenute nel 2020 che, previsto dal decreto-legge sostegni bis del giugno 2021, a distanza di dodici mesi è tuttora in attesa di attuazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Editoria di varia in flessione del 2,5% a copie

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 Maggio 2022

Nei primi quattro mesi del 2022 l’editoria italiana di varia, ovvero romanzi e saggi venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, è in flessione del 3,7% a valore e del 2,5% a numero di copie rispetto ai primi quattro mesi del 2021, che avevano registrato un andamento particolarmente positivo. Le vendite a prezzo di copertina nelle prime sedici settimane sono state pari a 469,1 milioni di euro, le copie vendute 31,585 milioni. L’incremento rispetto ai primi quattro mesi del 2019, ovvero rispetto al periodo pre-pandemia, è del 16% a valore e del 17,1% a numero di copie.Sono i dati rielaborati dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su rilevazione di Nielsen BookScan, aggiornati mensilmente e disponibili online nella pagina Studi e ricerche del sito AIE.A partire dai dati di mercato e in collaborazione con il programma Aldus Up finanziato dalla Commissione Europea attraverso Europa Creativa, AIE annuncia una mattinata di confronto tra editori sul futuro del settore in occasione del Salone Internazionale del Libro di Torino. L’incontro “Il mercato del libro nei primi quattro mesi del 2022. Nuovi generi e formati, la rivoluzione dei canali e social network: dove va l’editoria” si tiene venerdì 20 maggio dalle 11.00 alle 12.30 in Sala Blu. Con la moderazione di Sabina Minardi (L’Espresso) e sulla base dei numeri presentati da Gianni Peresson (ufficio studi AIE) si confronteranno sul palco due panel. Il primo, composto da Sandro Ferri (Edizioni E/O), Renata Gorgani (Editrice Il Castoro), Giuseppe Laterza (Editori Laterza) e Stefano Mauri (GEMS) dibatterà sul tema “Il futuro dell’editoria: i canali di vendita e l’offerta editoriale nel post pandemia”. Il secondo, composto da Lorenzo Armando (Lexis Compagnia Editoriale in Torino), Alessandra Carra (Giangiacomo Feltrinelli Editore), Antonio Sellerio (Sellerio Editore), Enrico Selva Coddè (Gruppo Mondadori) dibatterà sul tema “Il futuro dell’editoria: nuovi generi, i formati digitali e la promozione in Rete”.“Vogliamo andare oltre ai semplici numeri di mercato per riflettere sulle trasformazioni che ci aspettano nei prossimi anni – spiega il presidente di AIE Ricardo Franco Levi, che introdurrà l’incontro –. Il peso dei diversi canali nelle vendite, l’imporsi di generi come i fumetti e nuovi formati come l’audiolibro, la promozione della lettura tra i più giovani e la ricerca dei canali più adatti per raggiungerli sono tutti temi che vogliamo portare alla luce della riflessione pubblica”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’editoria Cai alla 70esima edizione del Trento Film Festival

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2022

Trento sabato 30 aprile a sabato 7 maggio si articoleranno nelle diverse location e nei palazzi storici di Trento l’editoria del Club alpino italiano sarà tra le protagoniste della 70esima edizione del Trento Film Festival, insieme ai suoi libri e ai suoi autori. Il primo appuntamento da segnare sul calendario è giovedì 5 maggio con la presentazione del libro di Silvia Metzeltin e Linda Cottino, “L’alpinismo è tutto un mondo”. Le autrici ripercorrono le tappe dell’azione alpinistica dando voce ad alcune prestigiose protagoniste dell’alpinismo mondiale. All’incontro, sarà presente l’autrice Linda Cottino, insieme alla pittrice Riccarda de Eccher e alla Vicepresidente generale del Cai Lorella Franceschini. Al termine dell’incontro è prevista la proiezione del documentario “Donne in controluce”, che offre uno spaccato sociale della condizione della donna nelle Terre alte. Sabato 30 aprile è il giorno del convegno Bibliocai dedicato a “La montagna scritta”: un’opera su due volumi che celebra il patrimonio documentario della Biblioteca Nazionale del Cai. Il volume è arricchito da 27 saggi di un collettivo di autori, che si sono soffermati su diversi argomenti: dalla glaciologia alla geologia, passando per l’archivistica, la cultura della montagna, la letteratura, l’alpinismo, la scienza e la cartografia. All’evento parteciperanno il presidente della Biblioteca Nazionale del Cai, Gianluigi Montresor e la curatrice Alessandra Ravelli. Infine, martedì 3 maggio è il turno de “Il nuovo laboratorio della natura” di Paola Giacomoni. Il saggio, edito dal Cai, sarà oggetto di un incontro dal titolo “Il laboratorio delle alpi: la SAT tra natura e società”. L’appuntamento si terrà presso la sede della Società Alpinisti Tridentini e vedrà la partecipazione dell’autrice che dialogherà con Alessandro Pastore, presidente del Centro operativo editoriale del Cai. Venerdì 6 maggio, è il giorno de “La memoria della luce”, il libro di Antonio Massena che ripercorre la storia del cinema di montagna, vista attraverso il grande archivio filmico e le strumentazioni conservate nel Centro di cinematografia e cineteca del Cai. Il volume sarà presentato nella prestigiosa location della Corte Cassa di Trento. Saranno presenti, oltre all’autore, il Presidente generale del Cai Vincenzo Torti e la curatrice del volume Pamela Lainati. Modera il direttore di Montagne360 Luca Calzolari. Sabato 7 maggio, Irene Borgna presenta il suo ultimo libro “Manuale per giovani stambecchi”, edito in collaborazione con Salani editore. Si tratta di un manuale di escursionismo dedicato ai più piccoli, con tanto di consigli e suggerimenti per affrontare le Terre alte. Dall’organizzazione di un’escursione alla scelta dell’attrezzatura, dall’orientamento al riconoscimento delle tracce degli animali passando per i rischi da considerare e gli accorgimenti responsabili per minimizzarli. L’incontro si terrà nel giardino del museo della scienza (Muse) di Trento. Insieme all’autrice sarà presente anche l’illustratrice del volume Irene Biasetti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Editoria di varia in flessione

Posted by fidest press agency su domenica, 20 marzo 2022

Nei primi due mesi del 2022 l’editoria italiana di varia, ovvero romanzi e saggi venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, è in flessione del 4,1% a valore e del 3% a numero di copie rispetto ai primi due mesi del 2021, che avevano registrato un andamento particolarmente positivo. Rispetto al 2019 e al 2020, le vendite sono in crescita del 20,3% e del 15,2% a valore e del 19,8% e del 15,9% a numero di copie.Le vendite a prezzo di copertina nelle prime otto settimane sono state pari a 246,9 milioni di euro, le copie vendute 16,504 milioni.Nel solo mese di febbraio (31 gennaio-27 febbraio) le vendite sono state pari a 123,3 milioni (136 nell’anno precedente) e le copie 8,145 milioni (8,869 nell’anno precedente). Sono i dati rielaborati dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su rilevazioni di Nielsen BookScan, aggiornati mensilmente e disponibili online nella pagina Studi e ricerche del sito AIE.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Editoria: Fieg, preoccupazione per il permanere della crisi del settore

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2022

Gli editori della Fieg, riuniti nel Consiglio generale tenutosi oggi, esprimono preoccupazione per il permanere della crisi del settore ulteriormente aggravata dall’incremento del prezzo della carta e dell’energia, per alcune voci più che raddoppiate, e da un andamento del mercato pubblicitario che stenta a recuperare il crollo registrato a seguito della crisi pandemica.Gli editori preso atto con soddisfazione degli interventi già previsti per il settore dal Governo e dal Parlamento, nel confermare il loro impegno a garantire ai cittadini una informazione responsabile e corretta, svolgendo così un importante servizio di interesse pubblico, auspicano il rafforzamento delle misure di sostegno pubblico e la loro rapida attuazione.In questa situazione di grave aumento dei costi di produzione, gli editori rilevano la difficoltà di mantenere i programmati investimenti per la transizione e lo sviluppo digitale e per la produzione d’informazione di qualità con le professionalità adatte, e sottolineano la necessità di ulteriori risorse, considerato che quelle stanziate saranno erose dai costi crescenti di carta ed energia.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria di varia in crescita del 2,7%

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2022

Nel mese di gennaio 2022 l’editoria italiana di varia, ovvero romanzi e saggi venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, è cresciuta dell’1,8% a valore e del 2,7% a numero di copie rispetto al gennaio 2021. Le vendite a prezzo di copertina nelle prime quattro settimane sono state pari a 123,5 milioni di euro, le copie vendute 8,357 milioni. Sono i dati rielaborati dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su rilevazioni di Nielsen BookScan, aggiornati mensilmente e disponibili online nella pagina Studi e ricerche del sito AIE.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formazione per l’editoria, c’è anche TikTok nella nuova offerta dei corsi di AIE

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 febbraio 2022

TikTok entra nel nuovo piano di formazione che l’Associazione Italiana Editori propone a soci e professionisti dell’editoria e la cui offerta per il nuovo semestre è stata pubblicata online sul sito di AIE, in una nuova pagina che semplifica le procedure di iscrizione. Il social network più utilizzato dalla generazione Z si è mostrato capace di “spingere” titoli fino al top delle classifiche di vendite, in Italia e all’estero, sprigionando in libreria, secondo la definizione di James Daunt, amministratore delegato di Waterstones e ceo di Barnes & Noble «la stessa energia che abbiamo visto con Harry Potter». Come spiegato da Federico Rognoni, social media strategist e docente del corso che si tiene il 22 febbraio (10.00-13.00), oggi TikTok per gli editori è un social in grado di raggiungere pubblici che non sono presenti su altri canali. Inoltre i costi per la promozione delle campagne sono, ad oggi, molto inferiori a quelli di Instagram e questo fa di TikTok un’ottima soluzione anche per realtà medio-piccole.Più in generale, il programma formativo offerto dall’AIE si articola quest’anno in una serie di appuntamenti innovativi per argomento e formato. Un’attenzione particolare sarà dedicata alle novità legislative, con tre appuntamenti: il primo sul recepimento della nuova Direttiva Copyright a cura della struttura AIE (28 febbraio dalle 10.00 alle 13.00), il secondo sul tema dell’accessibilità in collaborazione con Fondazione LIA (19 aprile dalle 11.30 alle 13.00) e infine un corso sulla riforma del Codice del Consumo tenuto dagli avvocati Beatrice Cunegatti e Daniele Sborlini (12 maggio dalle 14.30 alle 17.30).Federico Rognoni, social media strategist, parlerà invece di comunicazione su TikTok e Instagram in due moduli (quello su Instagram si tiene il primo marzo, sempre dalle 10.00 alle 13.00) che alle tre ore «frontali» affiancano un’ora di consulenza e attività pratica su come modulare la presenza della casa editrice sulle due piattaforme, tenendo conto di budget, piani editoriali e risultati attesi.La programmazione del primo semestre prosegue poi con l’esplorazione dei formati audio per l’editoria con un nuovo appuntamento con Sandra Furlan e le ultime novità in tema di audiolibri e podcast (26 maggio dalle 10.00 alle 13.00). Sul fronte della produzione Lorenzo Capitani illustrerà invece come riconoscere ed evitare i difetti di stampa e confezione per migliorare costi e tempi della produzione libraria (14 aprile dalle 11.30 alle 13).Torna anche quest’anno il corso Dalla Passione all’impresa (7-8-14-15 marzo dalle 17.00 alle 20.00), che si rivolge agli aspiranti imprenditori raccontando loro tutto quello che devono sapere per avviare un’attività editoriale. A Lino Apone, coordinatore e docente del corso, si affiancheranno per le parti di rispettiva competenza Giovanni Peresson, Gianmarco Senatore, Davide Giansoldati e Paola Mazzucchi.A maggio e giugno, infine, AIE proporrà per la prima volta un corso di alta specializzazione sul piano editoriale digital della casa editrice. Calendari e programmi sono ancora in via di definizione, ma verranno pubblicati a breve sulla nuova pagina web dedicata all’offerta corsi e formazione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’editoria di varia (romanzi e saggistica) cresce nel 2021 del 16%

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2022

Nel secondo anno di pandemia, l’editoria di varia (libri a stampa di narrativa e saggistica venduti nelle librerie fisiche, online e grande distribuzione organizzata) raggiunge gli 1,701 miliardi di euro di vendite a prezzo di copertina, per 115,6 milioni di copie (ben 18 milioni in più del 2020), in crescita rispettivamente del 16% e del 18% rispetto all’anno precedente. “I dati confermano le nostre previsioni di settembre: l’editoria italiana ha saputo reagire alla pandemia e, anche grazie alle politiche di sostegno pubblico messe in atto da governo e parlamento, chiude il 2021 in forte crescita, dopo un 2020 già soddisfacente” ha spiegato il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi intervenendo alla giornata conclusiva del XXXIX Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto ed Elisabetta Mauri durante la quale sono stati presentati i dati di mercato realizzati in collaborazione con Nielsen BookData.Il confronto (positivo) con l’Europa nel 2021. L’Italia si conferma la sesta editoria nel mondo (dopo Usa, Cina, Germania, UK e Francia) e la quarta in Europa.La crescita del 16% del mercato italiano è seconda in Europa, davanti a Germania e Regno Unito, e dietro solo a Francia, in recupero dopo il calo del 2020, e Spagna.Cresce la produzione. Nel 2021 sono state pubblicate 85.551 novità a stampa, in crescita del 22,9% rispetto all’anno precedente. Gli e-book scendono a quota 49.313, in calo del 5,6% rispetto all’anno precedente, ma in crescita dell’1,1% rispetto al 2019.Continua la corsa degli audiolibri. Il valore del mercato della varia, pari a 1,701 miliardi per i soli libri a stampa, cresce fino a 1,811 miliardi (più 14%) se teniamo conto anche di audiolibri ed e-book. Gli audiolibri, in particolare, passano da 17,5 milioni di euro (valore degli abbonamenti) a 24, in crescita del 37%. Assestamento per gli e-book che dopo il boom del 2020 arretrano dell’11% a 86 milioni.Le librerie online crescono ancora, quelle fisiche recuperano parte del terreno perso. Dopo il terremoto del 2020, le librerie online continuano la loro crescita, passando – secondo le rielaborazioni di AIE su dati di fonte diversa – da 632,96 milioni di vendite a prezzo di copertina a 739,93 milioni. Recuperano le librerie fisiche, che avevano perso nel 2020 quasi 200 milioni di vendite, portandosi nel 2021 a 876 milioni. La grande distribuzione organizzata cala ancora a 85,1 milioni.Il primo canale di acquisto per i libri restano le librerie fisiche: a livello di quote di mercato, ricoprono infatti il 51,5% mentre quelle on-line il 43,5%, entrambe in crescita di pochi decimali rispetto all’anno precedente, mentre la grande distribuzione perde 0,9 punti percentuali e oggi copre il 5%.Si muove tutto il mercato, non solo i bestseller. Cresce (tanto) il catalogo – I 50 titoli più venduti pesano sul totale del mercato solo per il 5,4% a valore di copertina e per il 4,5% a copie: segno di un mercato distribuito su un sempre maggior numero di titoli, che cresce sulle novità (+7%) ma ancor più sul catalogo (+20%).Ottime le performance di tutti i generi. La crescita del 2021 è uniforme a tutti i generi, con una performance eccezionale della macro-categoria in cui ricadono i fumetti (manualistica e altro), che progredisce del 37,2%, ben sopra la media del 16%. La top ten (vedi allegato) rispecchia questa distribuzione con titoli di narrativa italiana e straniera, saggistica, fumetti. Ben due i titoli presenti nella top ten annuale sono stati pubblicati a novembre, a conferma dell’importanza del mercato natalizio.I generi che gli italiani hanno comperato di più nel 2021. Se guardiamo ai milioni di copie vendute per genere, notiamo rispetto all’anno precedente il boom dei fumetti, che passano da 4,7 a 11 milioni di copie vendute nel 2021 (+134% sul 2020). Segue, nella classifica di copie vendute, la narrativa di genere straniera con 9,2 milioni (più 15% sul 2020) e i libri per bambini da 0 a 5 anni, con 8,5 milioni di copie (in crescita del 23%). Crescono però anche la narrativa di genere italiana (+13%), biografie e autobiografie (+22%), politica e attualità (+32%), famiglia e benessere (+25%).Cala il prezzo medio dei libri venduti. Nel 2021 cala il prezzo medio di copertina dei libri venduti: è pari a 14,72 euro, in calo del 2,4% rispetto all’anno precedente anche per l’effetto delle vendite di manga e fumetti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La media e piccola editoria cresce più della media del mercato di varia

Posted by fidest press agency su martedì, 7 dicembre 2021

La media e piccola editoria in Italia è cresciuta nel 2021 più della media del mercato (più 25% contro più 22%) e oggi ha una quota di venduto del 45% nei canali trade (librerie e grande distribuzione), in crescita di un punto percentuale rispetto al 2020 e due sul 2019: sono i numeri presentati a Più libri più liberi, Fiera nazionale della Piccola e Meda Editoria di Roma organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), durante l’incontro del programma professionale La media e piccola editoria tra 2019 e 2021. “La ricerca che presentiamo oggi – ha spiegato il presidente di AIE Ricardo Franco Levi – esplora un insieme di case editrici molto vario ma tutte ugualmente importanti per la nostra associazione, che da vent’anni organizza Più libri più liberi per accoglierle e dare visibilità a tutte. I numeri mostrano un’estrema effervescenza, con indici di crescita significativi per i piccolissimi editori, con vendite a prezzo di copertina sotto il milione di euro, e per quelli più grandi, con vendite tra 10 e 25 milioni”.“Il consolidamento dell’editoria piccola e media in Italia negli ultimi due anni – ha spiegato il presidente del Gruppo Piccoli Editori Diego Guida – dimostra la capacità del settore di sapersi innovare e rendersi sempre più competitivo. Per questo è importante che nella legge per il libro annunciata dal ministro della Cultura Dario Franceschini trovino spazio misure che aiutino anche i piccoli editori a fare ancora meglio, ad esempio con incentivi fiscali a favore di chi investe per l’ottimizzazione della filiera distributiva mirati in particolare alle realtà medio-piccole, e sostegni alla domanda”.Quante sono e quanto vendono. La ricerca illustrata dal responsabile dell’ufficio studi di AIE Giovanni Peresson si concentra sulle case editrici con vendite di libri di varia (romanzi e saggi) nei canali trade fino a 25 milioni di euro annui a prezzo di copertina, escluse partecipate e controllate di gruppi editoriali. Le case editrici in questa fascia sono 6.998, in crescita del 17% sul 2020 e hanno venduto complessivamente 612,4 milioni di euro di libri, oltre 120 milioni in più rispetto al 2020 (più 25%). Tali vendite sono distribuite su 431.183 titoli, in crescita dell’8%.Le quote di mercato. Nel 2021, le case editrici medie e piccole hanno una quota nei canali trade del 45%. Le vendite sono realizzate per tre quarti nelle librerie online e di catena (76%), nel 24% dei casi nelle librerie indipendenti. In numeri assoluti, questo si traduce in 467 milioni di vendite in librerie di catena e online (crescita del 27% sul 2019), e 147,6 milioni nelle librerie indipendenti (crescita del 9%).La struttura del mercato. L’andamento 2019-2021 ci mostra come, in due anni, il mercato sia cresciuto ai due poli estremi: le case editrici con vendite tra i 10 e i 25 milioni di euro sono passate da 3 a 12. Quelle con meno di un milione di euro di vendite sono passate da 5.698 a 6.901. Stabili le case editrici che vendono tra i 5 e i 10 milioni di euro (sono sedici), in lieve calo quelle con vendite tra 1 e 5 milioni (da 72 a 69). Le case editrici tra i 10 e i 25 milioni di euro, in particolare, negli ultimi due anni hanno visto crescere il loro venduto complessivo da 49,1 milioni a 172,2 milioni, quelle sotto il milione da 158,5 a 184,6 milioni. In calo le fasce medie.Il focus sui più piccoli. Gli editori più piccoli, con vendite sotto il milione di euro, generano un mercato complessivo di 185 milioni, in crescita del 18% sul 2020. Nel corso degli ultimi due anni questo particolare comparto si è consolidato: il mercato di chi vende tra 500mila euro e un milione di euro è cresciuto del 24% fino a 56,6 milioni, il mercato di chi vende tra i 300mila e i 500mila euro è cresciuto del 45% fino a 34,7 milioni, il mercato di chi vende meno di 300mila euro è cresciuto del 5% fino a 93,7 milioni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’editoria per ragazzi protagonista di Più libri più liberi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 dicembre 2021

Da sempre Più libri più liberi – l’evento editoriale più importante della Capitale promosso e organizzato dall’Associazione Italiana Editori (AIE) – riserva una particolare attenzione all’editoria per ragazzi, impegnandosi attivamente per favorire la diffusione della letteratura tra i più giovani. Molti saranno gli eventi dedicati a loro, a cominciare dal programma culturale curato dall’Istituzione Biblioteche di Roma che, nel suo venticinquesimo anniversario, rinnova la partecipazione con un fitto calendario di incontri, letture, mostre, presentazioni e laboratori che si terranno nello Spazio bambini e ragazzi, in collaborazione con importanti partner come Teatro di Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Palaexpo e Romaeuropa Festival. La torta è troppo in alto! è il titolo della mostra allestita nell’Area Nati per Leggere – NPL (per i bambini tra 0 e 6 anni) insieme all’appuntamento quotidiano Ti leggo una storia (tutti i giorni, alle 10.30 e alle 17.30) che accompagnerà i più piccoli alla scoperta del mondo dei libri con letture a cura dei bibliotecari, dei volontari del Servizio Civile e del progetto Nati per Leggere. Due le mostre nell’Area bambini e ragazzi: Beaver, come castoro, per bambini dagli 8 anni in su, e Bao presenta Geist Maschine volume 1. Diversi i laboratori didattici interattivi rivolti ai giovani lettori nell’Area bambini e ragazzi: Il Cielo e Oltre! (6 dicembre, ore 16, fascia 7-12 anni), Da zero a mille zampe (7 dicembre, ore 16, fascia 6-10 anni), Animal FreeStyle (7 dicembre, ore 17.30, fascia 5-11) e Tra Scienza e arte. Libri illustrati che raccontano il mondo (6 dicembre, ore 17.30, fascia 7-11 anni), in collaborazione con diversi partner come il Laboratorio d’arte di Palazzo delle Esposizioni, il Laboratorio Gabrielli del Teatro di Roma e RomaEuropa Festival. Inoltre, nello Spazio Arena, Biblioteche di Roma ospiterà una serie di appuntamenti di informazione e aggiornamento sulla filiera editoriale, sull’alleanza tra le biblioteche e le librerie del territorio, sui servizi delle biblioteche di pubblica lettura e sulla letteratura per ragazzi. Ogni pomeriggio, infine, cinque protagonisti del mondo culturale italiano – Carlo Ossola, Giulio Ferroni, Igiaba Scego, Maria Giovanna Luini e Walter Barberis – accompagnati da vari esperti, discuteranno sul tema della Fiera, La Libertà. Più libri junior. Un concorso digitale rivolto agli studenti, un progetto che punta a stimolare e valorizzare il potenziale di immaginazione e creatività dei ragazzi. Gli studenti potranno partecipare al concorso da soli o con tutta la classe, l’importante sarà liberare la propria fantasia nell’inventare una storia – con un testo di massimo 5000 battute, spazi inclusi – ispirata al tema della libertà e ai libri che li hanno liberati. Fra tutti i lavori inviati verranno selezionati 6 testi. I vincitori riceveranno in premio una selezione di libri che gli verranno spediti direttamente a casa. Il premio è in collaborazione con l’Istituzione Biblioteche di Roma e La Repubblica. Molti gli eventi da segnalare: tra questi la presentazione del libro La Divina Commedia di Arianna Punzi con le illustrazioni di Desideria Guicciardini; il volume La Ester più Ester del mondo di Anton Bergman, con le illustrazioni di Emma AdBåge, con la traduttrice, Samanta K. Milton Knowles, e l’editor Chiara Belliti; la presentazione del volume St. Louis, il coraggio di un capitano di Sara Dellabella e Alessio Lo Manto, con l’autrice e Marco Caviglia e ancora il libro Quando arrivi è Natale di Barbara Ferrero e L’eco del bosco. I Mondiali dell’Olympic Boscaglia di Marco Iosa, con l’autore e Francesca Tamberlani. Poi, “Sentire”, laboratorio e presentazione del libro di Lorenzo Terranera, a cura di Treccani Libri. Curato da Fondazione Treccani sarà l’evento in Auditorium dal titolo “Ti Leggo. Viaggio con Treccani nelle forme della lettura”, una Lectio magistralis con Laura Boella. Pera Toons parlerà del suo libro Sfida all’ultima battuta, in un incontro moderato da Piero Guglielmino. Annalisa Di Gennaro verrà a parlare del suo I racconti di Annalisa, con Micol Fontana. Un silent book per raccontare la via dei migranti di Joub&Nicoby sarà presentato in un appuntamento con Laura Scarpa e Elisabetta Brivio. Roberto Piumini presenterà il suo libro Il ragazzo di fuoco, con Saverio Simonelli. “Semi e radici: ricordare il passato per cambiare il futuro” è il titolo dell’incontro con Cezary Harasimowicz in cui l’autore parlerà anche del suo libro Mirabella, con Laura Rescio e Lorenza Novelli. La minaccia degli sguiscianti è il titolo del libro di Federica D’Ascani che l’autrice presenterà con Della Passarelli. I misteri di Mercurio è invece il nome della collana che illustreranno in Fiera Davide Morosinotto, Daniele Nicastro e Giada Pavesi.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Editoria e il monopolio cinese dell’industria della carta

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2021

E’ inaccettabile, con rischi per l’industria anche editoriale. La carta è una materia prima chiave per la produzione dei giornali, con costi per l’industria editoriale – dichiara il deputato Federico Mollicone, responsabile Cultura di FDI e capogruppo in commissione Editoria – abbiamo presentato sul DL Fiscale emendamenti per rifinanziare il credito d’imposta per la carta, che già fu introdotto grazie, anche, a una nostra battaglia per l’editoria nazionale in precedenti provvedimenti. In legge di bilancio proporremo emendamenti per più fondi a tutela dei posti di lavoro e del pluralismo informativo.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’editoria italiana di varia verso una crescita a due cifre nel 2021

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 ottobre 2021

Potrebbe chiudere l’anno con una crescita a due cifre, compresa tra l’11% e il 16%, l’editoria italiana di varia, ovvero libri a stampa di narrativa e saggistica venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, per un giro d’affari (vendite a prezzo di copertina) tra gli 1,6 e 1,7 miliardi di euro. Nel 2019 le vendite sono state pari a 1.487 milioni, 1.470 nel 2020.La proiezione, ottenuta sommando al risultato dei primi nove mesi i valori del 2019 (per la stima più prudente) e del 2020 (per quella più ottimista), è contenuta nell’analisi periodica del mercato che l’Associazione Italiana Editori (AIE) realizza in collaborazione con NielsenIQ e che è stata discussa oggi 15 ottobre al Salone internazionale del Libro di Torino, durante un incontro moderato da Sabina Minardi (L’Espresso) e a cui hanno partecipato, accanto al presidente di AIE Ricardo Franco Levi e al responsabile dell’ufficio studi Gianni Peresson, Enrico Selva Coddè (Mondadori Libri), Stefano Mauri (Gems), Isabella Ferretti (66thand2nd), Vittorio Anastasia (Ediciclo editore) e Aldo Addis (vicepresidente Associazione Librai Italiani).Le vendite dei primi nove mesi – Nei primi nove mesi dell’anno le vendite nel settore della varia sono state pari a 1.037 milioni di euro, segnando una crescita del 29% sul 2020 e del 16% sul 2019. Come numero di copie, i nove mesi si attestano a 72 milioni di copie, in crescita del 31% sul 2020 e del 18% sul 2019. Il prezzo medio di copertina del venduto è infatti in calo e pari a 14,35 euro (-1,9% sul 2020 e -1,7% sul 2019).I canali – Le librerie fisiche tornano primo canale di vendita: sono a quota 499,9 milioni (362,5 milioni nel 2020), contro i 479,1 milioni delle librerie online (383,4 milioni nel 2020), e i 58,1 milioni della grande distribuzione (57,9 milioni nel 2020). A livello di quote di mercato le librerie hanno il 48,2%, tre punti percentuali in più rispetto al 2020 ma oltre dieci in meno rispetto al 2019. L’online pesa per il 46,2%, la grande distribuzione per il 5,6%.Titoli pubblicati in crescita – Rispetto al 2020, anno in cui la pandemia aveva fatto segnare una notevole contrazione delle novità a stampa nel settore della varia, c’è stata una parziale ripresa. Sono 52.500 le novità a stampa pubblicate nei primi nove mesi, in crescita del 9,6% rispetto al 2020 ma in calo del 2,5% rispetto al 2019.I generi – Sono in crescita uniforme tutti i generi, narrativa e saggistica, con picchi per i libri su giochi e tempo libero (+251%), fumetti (+202%) e attualità politica (+66%). I primi 50 libri più venduti pesano sul mercato solo il 6,2% a valore e il 5,5% a numero di copie. Non subisce variazioni significative – infine – l’equilibrio tra i primi cinque gruppi editoriali e gli altri editori: i primi hanno il 45,2% del mercato della varia, i secondi il 54,8%, in crescita di meno di un punto percentuale rispetto all’anno precedente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’editoria di varia cresce ancora

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Continua la crescita dell’editoria italiana nel 2021: nei primi nove mesi dell’anno il mercato di varia, ovvero libri di fiction e non fiction venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, vale 1.037,1 milioni di euro, in aumento del 29% sul 2020, anno della pandemia, e del 16,2% rispetto al 2019. Il dato fa parte della consueta analisi periodica che l’Associazione Italiana Editori (AIE) realizza in collaborazione con NielsenIQ e che verrà discussa al Salone internazionale del Libro di Torino il prossimo 15 ottobre. “Si consolida un andamento che avevamo già rilevato alla fine del 2020 e poi nel primo semestre dell’anno – spiega il presidente dell’AIE Ricardo Franco Levi –: sono numeri che impongono una riflessione attenta e siamo contenti di poterla fare assieme a grandi protagonisti del settore in occasione del Salone di Torino, la cui riapertura in presenza è un nuovo segno di vitalità dell’editoria italiana”. L’incontro “Il mercato del libro nei primi nove mesi del 2021” è in programma il 15 ottobre dalle 12 alle 13 in Sala Blu, moderato dalla giornalista Sabina Minardi (L’Espresso). Dopo la presentazione dei numeri a cura di Giovanni Peresson (responsabile ufficio studi AIE) e l’introduzione del presidente AIE Ricardo Franco Levi, ne discuteranno Enrico Selva Coddè (vicepresidente e amministratore delegato Trade di Mondadori Libri), Stefano Mauri (presidente e amministratore delegato di Gems), Isabella Ferretti (66thand2nd), Vittorio Anastasia (Ediciclo editore), Aldo Addis (vicepresidente Associazione Librai Italiani).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gazzetta del Mezzogiorno kaput! Avanti il prossimo. La ‘banchizzazione’ dell’editoria?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 agosto 2021

L’autorevole quotidiano pugliese “Gazzetta del Mezzogiorno” ha per ora chiuso i battenti. Nella recente storia sono pochi i quotidiani di un certo rilievo che sono andati a gambe all’aria (ricordiamo l’Unità e Paese Sera) perchè lo Stato verso molti di essi è generoso, tant’è che esiste alla bisogna il Dipartimento per l’informazione e l’editoria (Presidenza Consiglio ministri). Si pensi che il maggior partito di Governo (M5S) aveva tra i suoi obiettivi quello dello smantellamento di questo Dipartimento ma poi, si sa, hanno cambiato tante cose, inclusa questa. Si dice che questi soldi dei contribuenti dovrebbero servire a garantire la pluralità dell’informazione. A parte alcune eccezioni, garantiscono invece un’esistenza che altrimenti non ci sarebbe grazie all’assenza della logica minimale di qualunque azienda i cui conti non tornano, bilanci attivi e prodotti confezionati per essere venduti.E’ sintomatica la reazione, per esempio, dell’ordine professionale dei giornalisti. Giustamente preoccupati per i loro aderenti si prestano al classico sport nazionale di “sparare sul pianista” (istituzione), sempre colpevole di non aver fatto abbastanza (cioè: dato più soldi). Sono come quei sindacati che se la prendono con aziende che non producono capitale e non vanno neanche in pari e licenziano i lavoratori. In entrambi i contesti si chiede l’intervento pubblico: lavoro e informazione sono pilastri della nostra comunità che, però, non possono essere mantenuti solo da chi è bravo a produrre e paga le tasse. L’alternativa a questa logica di base è lo Stato imprenditore, che forse alcuni vorrebbero, ma che non è nella nostra economia (abbiamo già scelto il capitalismo, per ora).Quindi occorrerebbe, nel caso dei giornali e non solo, sfruttare le occasioni che le leggi offrono. Se c’è un capitalista, affidarsi a lui nel bello e cattivo tempo e non restare di stucco se poi il capitalista è tale e, senza capitale, cerca migliori lidi. Altrimenti ci sono le cooperative: i lavoratori si accordano fra di loro e gestiscono con il loro capitale minimo, essenzialmente umano. In entrambi i casi, se non producono e vendono, kaput!Queste logiche sono però teoriche perché, per esempio, per le banche si applica l’assioma che “non devono fallire mai”, anche se sono state gestite coi piedi e le mani bucate. E lo Stato, vedi l’ultimo caso Mps, interviene. Abbiamo l’impressione che si voglia procedere così anche per i media che, non a caso (ma non per tutti), sono intrecciati con sponsor partitici. In attesa di essere smentiti, seguiamo, e invitiamo a seguire, gli eventi della Gazzetta del Mezzogiorno.Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fondi per riordinare il sistema editoria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 Maggio 2021

Sosterremo l’appello “accendiamo le radio” e ne trasformeremo le istanze in azione parlamentare: è doveroso portare avanti un complessivo riordino del sistema. Abbiamo sostenuto la transizione digitale della radiofonia con il DAB e promosso più volte, nel corso delle discussioni sul PNRR, sostegni per l’editoria, in particolare per nuove assunzioni e per garantire la transizione digitale ed ecologica. Lo abbiamo fatto anche nella risoluzione unitaria in commissione Cultura alla Camera. Gli editori radiofonici chiedono nell’immediato sostegni economici ma anche una legge quadro per l’editoria e l’informazione. Quello del dl Sostegni bis è un primo segnale d’attenzione, anche se non esaustivo, per la tutela dei posti di lavoro e per la difesa del comparto di un settore che rischia di soccombere nel confronto con le piattaforme digitali e l’editoria straniera. In sede di conversione del decreto presenteremo emendamenti per più fondi per il comparto. Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è presente un intervento limitato per l’innovazione dell’editoria, con un rimando nella linea di intervento Transizione 4.0.” Così il responsabile Innovazione di FDI e capogruppo in commissione Editoria, deputato Federico Mollicone, intervenendo su Crc Radio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Necessari fondi per editoria cartacea e audiovisiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 Maggio 2021

“La mozione a prima firma Giorgia Meloni che oggi inizia il proprio iter in Aula chiede al governo di adottare con urgenza le iniziative legislative necessarie per evitare un vuoto normativo su un principio cardine della democrazia che è quello del pluralismo delle fonti di informazione, costituzionalmente garantito; a considerare in detto intervento legislativo le mutate condizioni di mercato con la presenza sempre più rilevante delle diverse piattaforme multinazionali; a porre in essere tutte le iniziative legislative volte a scongiurare il rischio di colonizzazione culturale straniera e di marginalizzazione della produzione identitaria nazionale; ad accelerare, come da delega al Governo, il riordino del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici attraverso l’emanazione di un nuovo Testo unico dei servizi di media digitali, da adottare, come già previsto, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari. Riteniamo improcrastinabile un intervento urgente del legislatore, considerato che in un futuro prossimo i principali soggetti regolati nel settore media e tlc avranno l’occasione di concorrere per prendere parte a importanti scelte strategiche aventi un sicuro impatto sull’evoluzione tecnologica. Auspichiamo, come da odg approvati, che il decreto legislativo di recepimento della direttiva Copyright voglia specificare che gli editori debbano essere tutelati prevedendo un meccanismo di negoziazione obbligatoria tra le parti interessate che individui una quota adeguata di proventi che gli editori devono percepire; e che, in caso di mancato accordo in un termine prestabilito tra gli editori e gli OTT, intervenga l’Autorità di settore a definire le condizioni, anche economiche, della utilizzazione dei contenuti da parte delle piattaforme digitali. Da sempre FDI è a favore del pluralismo dell’informazione che passa da un’infrastruttura solida di sostegno. L’editoria – sia essa radiofonica, televisiva e digitale – di qualità in Italia raggiunge ogni mese il 75% della popolazione, una platea di circa 40 milioni di individui che la scelgono e l’acquistano. Gli stessi investimenti pubblicitari globali si spostano dai media tradizionali alle piattaforme online. È ora di affrontare il tema, per salvaguardare la libertà d’espressione, la creatività e certamente i posti di lavoro.Colmare lacune normative di questa portata è importante anche per la principale azienda culturale nazionale, la Rai. Come ha chiesto Giorgia Meloni in questa mozione vanno adottate con urgenza iniziative legislative necessarie per evitare un vuoto normativo su un principio cardine della democrazia che è quello del pluralismo delle fonti di informazione, costituzionalmente garantito. Ne va della democrazia e dello sviluppo della Nazione. Dal sottosegretario Ascani sappiamo, su nostra sollecitazione nel corso dell’istruzione, che il MiSE sta lavorando alla riforma del TUSMAR e alla regolamentazione delle piattaforme. Ne va della sovranità digitale.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“L’editoria è allo stremo”

Posted by fidest press agency su sabato, 6 marzo 2021

“Auspichiamo che il sottosegretario Moles riesca ad inserire nel dl Sostegno il credito di imposta per la distribuzione della stampa e la proroga, per il 2021, dell’agevolazione sull’Iva per la vendita di quotidiani e periodici. FDI, indipendentemente da chi siede al governo, è in prima linea a difesa delle aziende editoriali e del lavoro degli operatori dell’informazione – così il capogruppo di FDI in commissione Editoria e Cultura, deputato Federico Mollicone – Sul sostegno alla filiera editoriale e sui progetti per l’innovazione da inserire nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza Moles avrà il nostro sostegno. Provvedimenti necessari per la salvaguardia delle imprese e di tanti posti di lavoro, sia di giornalisti che tecnici. Abbiamo già chiesto l’audizione in commissione Editoria per confrontarsi sulle linee programmatiche, certi della sua sensibilità.” By Carlo Prosperi

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria in crisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2021

“L’editoria sta subendo trasformazioni radicali per via della digitalizzazione e lo Stato deve essere in prima linea con interventi mirati per garantire l’industria creativa italiana e migliaia di posti di lavoro. L’editoria e l’informazione non possono essere ridotti a pochi incisi, nemmeno 4 righe, nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – così Federico Mollicone, deputato capogruppo di FDI in commissione Editoria e Responsabile Nazionale Innovazione – chiediamo al sottosegretario Moles di impegnarsi a inserire una specifica componente sull’Editoria 5.0 nel PNRR, così da tutelare il pluralismo e la qualità dell’informazione, fattori cruciali di una democrazia. La crisi necessita di interventi per il sostegno alla transizione al digitale, sostenendo i processi di trasformazione digitale con contributi sulle spese per la digitalizzazione, istituendo un fondo apposito cosi come realizzato ad esempio in Francia ed Austria; per ridurre i costi di produzione e distribuzione; per favorire l’innovazione e il ricambio generazionale; per sostenere la rete di distribuzione, anche delle edicole; per il sostegno alla domanda con un bonus annuale per la sottoscrizione di abbonamenti cartacei ed on line a quotidiani e periodici. Vanno, inoltre, assunte iniziative per il recepimento e l’attuazione della direttiva Copyright, anche per tutelare la sovranità digitale; per garantire che la comunicazione istituzionale e legale dello Stato e degli enti locali sia veicolata tramite i giornali, per limitare il ruolo dei centri media, in linea con il modello francese, e per una disciplina più efficace dell’attività di intermediazione sulla pubblicità.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Milleproroghe: Serracchiani, rinvio tagli editoria è ottimo risultato

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2021

“Queste sono alcune tra le cose buone che ci aspettiamo da questa inedita maggioranza e che oggi costituiscono un ottimo risultato: manteniamo il pluralismo dell’informazione per cui il Pd ha sempre lottato. Non solo viene ancora riconosciuta l’utilità pubblica del servizio che quotidianamente rende Radio Radicale ma si permette di sostenere giornali che altrimenti sarebbero condannati. Tra questi voglio ricordare il ‘Primorski dnevnik’ la storica testata della minoranza slovena pubblicata a Trieste, che in qualche modo del pluralismo è uno dei simboli”. Lo afferma la presidente della commissione Lavoro della Camera Debora Serracchiani, dopo che le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato due emendamenti al Milleproroghe che spostano di altri due anni l’entrata in vigore dei tagli all’editoria previsti con la manovra per il 2019.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parlamento: Emendamenti per editoria

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2020

Roma. “Siamo soddisfatti dell’approvazione dell’emendamento in commissione VII sul rifinanziamento per il 2021 e per il 2022 del credito d’imposta sulla carta. Il Parlamento risponde all’appello della FIEG. Abbiamo votato a favore e sottoscritto l’emendamento di maggioranza che prevede uno stanziamento di 24 milioni, per sostenere una categoria in crisi come quella dell’editoria. Il nostro emendamento, che abbiamo poi ritirato, prevedeva, piuttosto, uno stanziamento di 30 milioni. L’editoria è in profonda crisi e la mancanza di misure straordinarie rischia di impoverire la qualità dell’informazione nazionale, causare il rischio economico per molte imprese e colpire i lavoratori del settore e di tutto l’indotto. Auspichiamo, e per questo lanciamo un appello al sottosegretario Martella, che nell’approvazione finale del testo la misura possa essere garantita e ampliato lo stanziamento complessivo per il settore dell’informazione, grazie anche ai nostri emendamenti presentati in commissione Bilancio per la proroga per l’anno 2021 del regime straordinario di forfettizzazione delle rese dei giornali ai fini IVA.”Così il capogruppo in commissione Editoria, Responsabile nazionale Innovazione di Fratelli d’Italia, deputato Federico Mollicone. carloprosperi1991@gmail.com, senatofdi@gmail.com, stampa.meloni@fratelli-italia.it,

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »