Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Posts Tagged ‘educativi’

Ad Expo Dubai i modelli educativi all’avanguardia dell’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 settembre 2021

È uno degli eventi più attesi a livello mondiale. Rinviata di un anno a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia da Covid-19, Expo Dubai 2020 avrà luogo nella straordinaria cornice della città più onirica al mondo dall’1 di ottobre 2021 al 31 marzo 2022.Con oltre 200 Paesi partecipanti, l’Esposizione Universale è la prima a tenersi nell’area ME.NA.SA. (Medio Oriente, Nord Africa, Asia meridionale).Opportunità, Mobilità e Sostenibilità saranno i macro temi al centro dell’evento che per sei mesi trasformerà Dubai in una vetrina mondiale in cui i Paesi partecipanti presenteranno al mondo il meglio delle loro idee, progetti, modelli esemplari e innovativi nel campo delle infrastrutture materiali e immateriali.Lo scopo è quello di agevolare a livello mondiale il dialogo, l’engagement e la cooperazione tra i Paesi. L’Italia, con il suo padiglione tricolore, ispirata dal motto “La bellezza unisce le persone” è già stata protagonista dell’Esposizione Universale con dieci eventi digitali che hanno anticipato di un anno il confronto sui contenuti chiave dell’Expo.Dagli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite all’Agrifood, dall’Aerospazio alla lotta per contrastare il cambiamento climatico e preservare la biodiversità. Dalla rigenerazione degli spazi urbani al dialogo interculturale e religioso per passare alle nuove connessioni e ad un nuovo modello nel campo dell’Education. Un focus di grande importanza tra i temi trattati dal padiglione Italia sarà quello sul tema Open Education Italy con le scuole d’istruzione superiore, gli istituti tecnici professionali, le Università, i centri di ricerca per delineare un nuovo panorama educativo, che raccolga le opportunità offerte dal crescente bisogno di nuovi modelli e livelli di istruzione richiesti oggi per professioni creative e culturali. Tra gli protagonisti italiani dell’Education troviamo in prima linea all’interno dell’Expo Dubai 2020, Monica Perna, Direttore dell’Accademia The English Academy e creatrice della Masterclass Impara l’Inglese con Monica.La English coach, originaria di Seveso, in provincia di Monza e Brianza, parteciperà all’Esposizione Universale nelle vesti di Team Member della AUGE International Consulting, l’impresa di alta formazione fondata nel 2018 con Francesco Iannello. Tra le prime in Italia a compiere il passaggio dall’aula tradizionale a quella virtuale con un approccio multidisciplinare e tecnologico all’avanguardia, Monica Perna, insegnante di inglese originaria di Seveso in Brianza, è un’imprenditrice digitale di successo, e CEO di un’impresa che in due anni ha conquistato un ruolo rilevante nel settore dell’alta formazione linguistica a livello mondiale.Le soluzioni formative proposte dalla Perna, infatti, oltre ad aver dato un contributo metodologico e scientifico all’insegnamento dell’inglese ed all’e-learning, sono oggi utilizzate da più di 700.000 studenti in tutto il mondo.All’interno di Expo Dubai 2020, dove sono attesi in sei mesi circa 25 milioni di visitatori, Monica Perna si confronterà con un pubblico internazionale portando la propria testimonianza di ideatrice di un metodo di insegnamento della lingua inglese inizialmente pensato per gli italiani ma ben presto diffusosi tra studenti di tutto il mondo.Il suo percorso professionale, intrapreso nel 2008 quando a Milano aveva fondato la sua accademia, l’ha condotta a Dubai. La città le ha permesso di crescere come imprenditrice circondata da un ambiente in fermento, qual è quello degli Emirati Arabi Uniti, che rappresentano ormai da anni il punto di incontro di imprenditori ambiziosi e visionari. Un ambiente stimolante e nuovo, culla della concezione futuristica dell’istruzione universitaria a livello mondiale.Proprio l’educazione e l’istruzione saranno tra i temi cardine del programma italiano ad Expo Dubai. La piattaforma Open Education Italy affronterà appunto la tematica delle nuove professionalità richieste dal mondo del lavoro globale che necessita di figure sempre meno localizzate e sempre più connotate da competenze trasversali, skills multidisciplinari che non possono prescindere dalla conoscenza della lingua inglese.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Bisogni educativi speciali e inclusione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 marzo 2021

“Bisogni educativi speciali e inclusione”: è questo il tema del nuovo ciclo gratuito di incontri di formazione online per docenti organizzato a partire dal 17 marzo da FAES Campus, la Scuola di alta formazione del FAES a cui collaborano dirigenti e docenti scolastici, professori universitari e pedagogisti. Scuole FAES è un network di oltre 500 scuole nel mondo – dagli asili nido ai licei – che segue un metodo basato su educazione personalizzata, didattica partecipativa, tutoring, alleanza scuola famiglia: grazie alla propria esperienza e alla partnership con le principali Università italiane e straniere, oltre che con un centinaio di realtà professionali e imprenditoriali di primo piano, promuove progetti di formazione, ricerca e innovazione per contribuire allo sviluppo dei contesti scolastici e alla loro valorizzazione, anche attraverso specifiche consulenze.In questo contesto si sviluppa il ciclo “Bisogni educativi speciali e inclusione”, quattro appuntamenti sulla piattaforma Google Meet, dalle 16.30 alle 18, con Roberta Galentino, psicologa e psicoterapeuta di Fondazione Clerici con cui FAES Campus ha una proficua collaborazione. Si partirà il 17 marzo con “Leggere, capire e utilizzare le certificazioni di DSA. Passare dalla certificazione al PDP” e il mercoledì successivo sarà la volta di “BES e DSA, i vantaggi dell’inclusione scolastica”. Dopo la pausa pasquale si riprenderà il 14 aprile con “Sessione pratica: lettura di alcuni PDP, visione di verifiche e mappe, casi concreti” per terminare il 21 aprile con “DSA e materie specifiche. L’insegnamento di una lingua, dell’italiano, della matematica”.L’ultimo, più breve, ciclo di incontri dell’anno partirà invece a fine aprile e sarà dedicato all’“Etica della professione docente”, sempre il mercoledì dalle 16.30 alle 18 su Google Meet. Le tre lezioni saranno tenute da Paola Premoli, docente di Etica nelle organizzazioni all’Università degli Studi di Padova. Si comincia il 28 aprile con “Coscienza e autonomia professionale. La dignità della professione docente”, per proseguire il 5 maggio con “Le quattro lenti per valutare un problema etico: i risultati, i principi, la giustizia e l’eccellenza personale” e terminare il 12 maggio con “La responsabilità individuale e la responsabilità collettiva”. Per informazioni e iscrizioni consultare il sito https://www.faesmilano.it/faes-campus/

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impegno sicurezza nei servizi educativi scolastici 0-6

Posted by fidest press agency su domenica, 17 Maggio 2020

“È necessario un protocollo nazionale con i Ministeri competenti e l’apertura di un confronto di merito sul documento, che sarà stilato dal Comitato tecnico-scientifico, al fine di garantire sicurezza totale per le bambine e i bambini, così come per il personale impegnato nei servizi scolastico educativi”. Ad affermarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl dopo un confronto con l’Anci, annunciando che: “Insieme monitoreremo le indicazioni che il Comitato tecnico scientifico ci fornirà per garantire la riapertura in totale sicurezza dei servizi sia gestiti dal pubblico che dal privato”.Insieme a questo elemento, i sindacati rivendicano inoltre: “Un’attenzione determinante da parte dello Stato, in termini di investimenti, per garantire la continuità dei servizi educativi, contrastando processi di progressivo indebolimento. Serve per queste ragioni garantire e rilanciare il tema dell’occupazione del settore, di investire risorse economiche adeguate anche per sostenere le attività svolte dai soggetti privati e di assicurare un impegno sul tema dell’edilizia scolastica. C’è bisogno di mettere al centro questo settore strategico, offrendo la garanzia di continuità e al tempo stesso di rilancio dei servizi educativi. Diamo rilevanza a questo settore, parte essenziale e fondante del sistema scuola, assicurandone continuità e futuro, garantendo un diritto delle bambine e dei bambini, delle lavoratrici e dei lavoratori”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La scuola e i servizi educativi per la prima infanzia

Posted by fidest press agency su martedì, 5 Maggio 2020

È importante ricordarci in questo momento complesso che il sistema educativo italiano risponde innanzitutto ai diritti costituzionali dei bambini e ragazzi a ricevere un’istruzione e ad avere accesso a risorse adeguate al fine di assicurare il pieno sviluppo delle proprie capacità fin dai primi anni di vita e di contrastare le disuguaglianze di partenza. Esso è anche importante e fondamentale per aiutare a risolvere i problemi di conciliazione famiglia-lavoro per i genitori. In questa prospettiva, condividiamo l’importanza di rafforzare nell’immediato gli interventi di conciliazione in atto (congedo parentale straordinario, lavoro a distanza laddove possibile, voucher babysitter). Segnaliamo tuttavia che essi coprono solo in maniera limitata il bisogno dei lavoratori/lavoratrici che vi hanno accesso. Sono, inoltre, difficilmente fruibili di principio o di fatto dalla maggior parte delle lavoratrici/lavoratori autonome. In ogni caso, non affrontano e tanto meno mettono al centro i bisogni educativi di bambini e ragazzi. La riapertura dei servizi educativi per l’infanzia, delle scuole e dei servizi socio-educativi in condizioni di sicurezza sanitaria pone senza dubbio complessi problemi organizzativi, di utilizzo dello spazio e di personale, così come di attività effettuabili.
Nell’ottica di un rafforzamento delle opportunità educative e di socializzazione per bambini e ragazzi già durante l’estate, è necessaria una riprogettazione dei servizi comunali a gestione diretta o indiretta (tramite appalti, e/o convenzioni), che coinvolga tutti i principali soggetti presenti in ogni territorio (enti locali, scuole, servizi sanitari, sindacati, terzo settore). Tutte le energie disponibili sul territorio vanno convogliate nella direzione di una risposta quanto più possibile coordinata al fine di promuovere opportunità educative e di socializzazione diffuse e di prossimità (per evitare spostamenti) sul territorio, in micro-gruppi, svolti all’aperto o in spazi chiusi che consentano il rispetto dei requisiti di distanziamento fisico, con chiari protocolli sanitari.Tali azioni a nostro avviso dovrebbero partire da una mappatura, territorio per territorio:degli spazi aperti e apribili a bambini e ragazzi, privilegiando quelli verdi e attrezzati e le sedi scolastiche, che potrebbero essere utilizzate per la fornitura di servizi;
dei soggetti che operano in ambito educativo, culturale, ricreativo e sportivo, al fine di valutare il coinvolgimento di tutti gli attori disponibili in un piano inclusivo di servizi che valorizzi le risorse, le esperienze e le professionalità già presenti sul territorio, utilizzando anche i giovani già selezionati per il servizio civile.
Contestualmente, senza aumentare la numerosità delle commissioni operanti nell’ambito della risposta pubblica alla pandemia, ma per focalizzarne meglio le competenze in un quadro integrato, è necessario che ai tavoli e commissioni che stanno lavorando alle condizioni necessarie per la riapertura dei servizi per la prima infanzia e le scuole partecipino maggiormente i soggetti che in questi servizi operano e di questi servizi sono responsabili: ANCI, Conferenza Stato-Regioni, insegnanti, educatori, sindacati, enti di terzo settore e di associazionismo civico.Accanto ad una progressiva riapertura dei servizi e della scuola, per favorire la conciliazione ci sembrano necessari i seguenti strumenti:
utilizzo del lavoro a distanza ovunque sia possibile, ma con possibilità di negoziare gli orari (inclusa la possibilità di fruire di part time) e con equilibrio tra i sessi e lungo la filiera gerarchica, auspicabilmente regolato attraverso percorsi partecipati dalle rappresentanze dei lavoratori. Nel rispetto delle tutele previste dalla legge e della contrattazione, la priorità dovrebbe essere data ai genitori con figli minori di 14 anni
previsione della facoltà di andare in part time lungo straordinario se espressamente richiesto da genitori con figli minori di 14 anni, assicurando il pieno diritto alla reversibilità su richiesta del lavoratore e della lavoratrice, sia per i padri sia per le madri (anche per favorire l’alternanza tra i due)
prolungamento del congedo genitoriale straordinario, con la possibilità di fruirne part time (analogamente al congedo ordinario), con una maggiore copertura contributiva e con un premio di giorni aggiuntivi se condiviso a turno da entrambi i genitori.
Da notare, infine, che la prolungata chiusura dei nidi, delle scuole e dei servizi integrativi per l’infanzia, nonché dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, costituisce un rischio, già in atto, per la stessa esistenza di questi servizi e l’occupazione di chi vi lavora.Il nostro paese ha già una dotazione relativamente limitata di servizi per la prima infanzia (in particolare per la fascia di età sotto i tre anni): sarebbe tragico se nei prossimi mesi, invece di procedere per un ampliamento di tale rete, così come il governo si era impegnato a fare fino a pochi mesi fa, ci dovessimo ritrovare con un drammatico ridimensionamento della stessa in conseguenza della chiusura di molte esperienze.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Partono i progetti educativi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 aprile 2020

L’educazione ambientale non si ferma e i progetti “Scarabeo Verde” e “Tree for future”, promossi da ATA Rifiuti della Provincia di Ancona insieme ad AAto 2 per la regolazione del servizio idrico integrato e alla Ludoteca “Riù” della Regione Marche, diventano digital. Le attività di sensibilizzazione sui temi dei rifiuti, della risorsa idrica e del rispetto per l’ambiente, rivolti alle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Ancona, si trasformano quindi in contributi utilizzabili in modalità digitale. Con la chiusura delle scuole, si è deciso di ripensare la didattica tradizionale, adottando forme di didattica a distanza per dare continuità al processo educativo di bambini e ragazzi e portare avanti alcune attività di educazione ambientale, anche in sintonia con le indicazioni del MIUR. “Scarabeo Verde” e “Tree for future” restano quindi al fianco di docenti e studenti, nell’eccezionalità della situazione che sono chiamati ad affrontare. I percorsi digitali approfondiscono i temi cardine del progetto con medotologie interattive e strumenti differenziati in base all’età degli studenti: presentazioni, kit digitali, quiz a tema, schede di approfondimento e la possibilità di prenotare videolezioni in diretta con gli educatori. Inoltre, per tutto il periodo di attività, sarà attivo un servizio di tutoraggio
per poter rispondere a tutti i dubbi dei docenti e supportarli per una buona riuscita del progetto. I docenti delle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di I e II grado, che hanno aderito ai progetti di educazione ambientale, a partire dalla seconda metà di aprile potranno accedere a questi contributi di didattica digitale dalla pagina FB di ATA e dalla sezione apposita “Didattica on line” del manuale on line https://scarabeoverde.atascuole.org/ (per gli Istituti comprensivi) e https://treeforfuture.atascuole.org/ (per gli Istituti Superiori), mediante la password inviata via mail.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Modelli educativi utili

Posted by fidest press agency su domenica, 29 luglio 2018

Come evidenziato dal Rapporto Annuale Istat 2017 – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – il 65% dei bambini che stanno per entrare nella scuola elementare farà una tipologia di lavoro che ancora non esiste e avrà davanti a sé un mondo totalmente diverso da quello di oggi. E’ da dati come questi – continua Tiso – che si rafforza la nostra convinzione di dover lavorare sin da ora su dei modelli educativi utili e virtuosi come quelli espressi dal mondo agricolo. Infatti, come abbiamo più volte evidenziato, l’agricoltura può rappresentare una grande occasione di riscatto se vissuta, non come un semplice aggregato economico, ma come il paradigma giusto per ristabilire un rapporto sano con l’ambiente, la natura e il cibo. Il primario – conclude Tiso – contiene in sé numerose occasioni di crescita e per questo va concepito, non come il passato, ma come la vera strada per il progresso e per la crescita. È solo da questo cambio culturale e sociale che può partire il vero cambiamento tante volte auspicato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Parco del Taro apre l’anno scolastico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 settembre 2009

Il Centro di Educazione Ambientale Borgo della Pulce del Parco del Taro apre l’anno scolastico 2009/2010 con numerose proposte e interessanti novità per le scuole di ogni ordine e grado del territorio provinciale. Molteplici sono gli ambiti all’interno dei quali è possibile costruire percorsi educativi: dalla biodiversità e l’ecologia, all’agricoltura, alle energie rinnovabili e alle altre tematiche legate allo sviluppo sostenibile. Particolare attenzione è rivolta a metodologie e strumenti di comunicazione: teatralità, sperimentazione, gioco, cooperazione.  Per ciascun tema gli insegnanti possono richiedere consulenza gratuita presso lo Sportello insegnanti del Parco per la formulazione di un progetto definito in contenuti, tempi e metodi. Per gli interventi degli esperti in aula e sul campo è prevista l’erogazione di un contributo del 30% delle spese sostenute per: le scuole dei Comuni consorziati (Parma, Collecchio, Fornovo, Noceto, Medesano) e dei Comuni ricadenti nel Sito di Importanza Comunitaria denominato “Medio Taro” (Fontevivo, Solignano, Varano De’ Melegari). Pari agevolazioni sono previste per le scuole dei Comuni presenti lungo l’asta dei fiumi Taro e Ceno che richiedano un progetto sul tema dell’acqua. Tra le principali novità di quest’anno, per le scuole dei Comuni consorziati, di Berceto, ricadenti nei Siti di Importanza Comunitaria denominati “Medio Taro” e “Basso Taro” (Fontevivo, Solignano, Varano De’ Melegari, Fontanellato, S.Secondo parmense, Trecasali, Sissa, Roccabianca) e per tutte le scuole superiori, è prevista la realizzazione di incontri in aula e sul territorio inerenti l’attuale tema delle aree d’importanza comunitaria SIC e ZPS (valori naturalistici, gestione delle risorse e degli ambienti) e la possibilità, per le scuole superiori, di coinvolgere attivamente gli studenti in azioni concrete di gestione e conservazione, il tutto ad un costo minimo per la scuola, grazie anche al cofinanziamento della Regione Emilia Romagna e l’appoggio di diversi Enti del territorio. Altra interessante proposta, la possibilità di effettuare gratuitamente un percorso educativo mirato alla realizzazione di uno spettacolo teatrale inerente tematiche ambientali da rappresentare, a fine anno scolastico, nella suggestiva cornice della Corte di Giarola La consulenza e la realizzazione delle attività sono curate da Esperta Srl, che ha ottenuto il marchio di qualità ECO nell’ambito del progetto di qualificazione ambientale delle imprese dei Parchi e delle Riserve regionali in area Leader+ di Parma e Piacenza. Per informazioni: CEA “Borgo della Pulce” del Parco del Taro – Centro Parco Corte di Giarola,

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »