Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘efficace’

Sarcomi dei tessuti molli

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2015

tumore metastatico1Una nuova strategia terapeutica, più efficace e più tollerabile, per i malati di sarcoma dei tessuti molli che devono sottoporsi a intervento chirurgico: la suggerisce uno studio condotto dal dottor Alessandro Gronchi, referente chirurgico della patologia dei Sarcomi dell’Istituto Nazionale dei Tumori, in collaborazione con un team italo-spagnolo. La ricerca, pubblicata sul Journal of Clinical Oncology, ha dimostrato che la somministrazione di tre cicli di chemioterapia, anche in combinazione con la radioterapia, in fase preoperatoria, ha garantito risultati ottimali su tutti i pazienti – appartenenti a diverse fasce d’età – inseriti nel percorso sperimentale. Questo programma, infatti, ha l’effetto di erogare in un tempo minore – rispetto all’approccio che prevede anche cicli di terapia post operatoria – il miglior trattamento oggi disponibile, e ciò massimizza il controllo locale della malattia, l’esito funzionale e le chance di guarigione, minimizzando al contempo gli effetti indesiderati tipici della chemio. “Abbiamo valutato nel dettaglio la tollerabilità dei tre cicli di chemioterapia somministrati preoperatoriamente, tenendo anche conto delle diverse fasce di età, e la fattibilità del trattamento chemio-radioterapico concomitante nei pazienti che erano stati candidati a un trattamento radioterapico preoperatorio – spiega il dottor Gronchi -. In questo modo abbiamo dimostrato che, nonostante molti pazienti abbiano riportato l’attesa tossicità ematologica nel corso della chemioterapia con riduzione del numero dei globuli bianchi, delle piastrine e dell’emoglobina, complessivamente l’intenso trattamento chemioterapico somministrato è stato molto ben tollerato. È stato infatti interrotto solo in una minoranza di pazienti (6,6%).Anche le riduzioni della dose di chemioterapia, per effetti indesiderati nel corso dei tre cicli, si sono registrate in un numero limitato di casi (15,2%)”.Gronchi aggiunge: “Questi risultati ottimali sono stati ottenuti anche nei pazienti più anziani, oltre i 65 anni, e in ogni caso l’associazione fra chemio e radioterapia ha permesso di massimizzare il risultato del trattamento preoperatorio a livello locale, senza perdere l’efficacia generale della chemio sulla riduzione del rischio di metastasi”.Gli studi in questa direzione proseguono e il prossimo passo sarà valutare se la cura dei diversi sottotipi istologici nella famiglia dei sarcomi può risultare ancora più efficace attraverso una chemioterapia personalizzata, rispetto a quanto già emerso dallo studio appena concluso, che si basava ancora sul trattamento standard. In tal senso, un nuovo trial è attualmente in corso in Italia, Francia, Spagna e Polonia: il reclutamento di 500 pazienti si concluderà entro il prossimo anno.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WAidid: gastroenterite, in Italia un vaccino efficace e sicuro c’è

Posted by fidest press agency su martedì, 19 maggio 2015

gastroenteritiLe gastroenteriti rappresentano una vera e propria emergenza sanitaria, secondo l’OMS: ogni anno, nel mondo, l’infezione da Rotavirus, la più diffusa, causa circa mezzo milione di decessi sotto i 5 anni; di questi, l’80% circa si verifica nei Paesi in via di sviluppo. Nei paesi industrializzati come l’Italia, dove la mortalità è bassa, nell’ordine di pochi casi per anno, il Rotavirus costituisce tuttavia la prima causa di ricovero per diarrea entro i 5 anni di vita. A volte definita erroneamente “influenza intestinale”, la gastroenterite è un’infezione molto comune che riguarda lo stomaco e l’intestino ed è causata per lo più da virus come Rotavirus, che colpisce soprattutto i bambini più piccoli, e Norovirus, che colpisce anche gli adolescenti e gli adulti, o da batteri tra cui Salmonella e Clostridium difficile. Siano esse virali o batteriche, le gastroenteriti sono caratterizzate da sintomi quali nausea, vomito, diarrea o dolori addominali.
Nei giorni scorsi, in occasione del 33° Congresso della Società Europea di Infettivologia Pediatrica (ESPID) a Lipsia e, nella stessa settimana, dell’Europaediatrics Congress, a Firenze, gli esperti internazionali hanno ribadito quanto sia difficile la prevenzione delle infezioni da Rotavirus e la sua diffusione: la vaccinazione resta la forma più efficace di prevenzione. In Italia, dal 2006, è disponibile un vaccino orale contro il Rotavirus che permette di immunizzare i bambini a partire dalla quarta settimana di vita. Riguardo, invece, il Norovirus al momento sono in fase di sviluppo due vaccini, indicati anche per adolescenti e adulti: uno contro il Norovirus ed un altro combinato contro Norovirus e Rotavirus. Entrambi potranno essere disponibili nel giro di 2-3 anni.
“Il vaccino contro il Rotavirus dovrebbe essere raccomandato a tutti, come anche sottolineato nel Calendario per la vita condiviso da alcune Società Scientifiche italiane e come sottolineato dalle linee guida internazionali – commenta la Prof.ssa Susanna Esposito, Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano e Presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – e soprattutto per quei bambini che vanno all’asilo molto presto, per le categorie a rischio come nel caso dei bambini prematuri o per chi, per esempio, è costretto a dover fare molte visite in ospedale. E invece, in Italia il vaccino c’è e non si fa e questo accade per vari motivi: perché non è previsto nel calendario nazionale delle vaccinazioni e quindi non viene indicato dagli stessi pediatri di famiglia, perché dovrebbe essere fatto precocemente, già dalla 6° settimana di vita e il ciclo vaccinale andrebbe completato entro l’8° mese e, non da ultimo, perché non è gratuito”. Come si trasmette:
Nei casi di gastroenteriti virali, la principale via di trasmissione del virus è quella oro-fecale, sebbene talvolta la diffusione possa avvenire anche per contatto o attraverso secrezioni respiratorie. Poiché il virus è stabile nell’ambiente, la trasmissione può avvenire attraverso l’ingestione di acqua o cibo contaminato o a causa del contatto con superfici contaminate.
La diffusione da persona a persona attraverso la contaminazione delle mani è probabilmente la più diffusa negli ambienti comunitari, per esempio negli asili nido o, in situazioni particolari, come possono essere i viaggi in crociera: portare alla bocca cibo contaminato da mani non lavate (ma anche un bicchiere, una stoviglia o una posata maneggiate da mani contaminate da virus o batteri della gastroenterite), può rappresentare un importante fattore di rischio per questo tipo di infezioni.
La malattia ha un periodo di incubazione di circa due giorni, dopo i quali insorgono febbre, disturbi gastrici, vomito e diarrea per 3-8 giorni. Nella maggior parte dei casi, quando si sviluppa una forma blanda di diarrea, i malati guariscono senza alcun trattamento. Tuttavia è consigliabile assumere probiotici, ossia microrganismi, quali il Lactobacillus GG, in grado di migliorare l’equilibrio della microflora endogena. Nei casi di diarrea acuta, la principale problematica è la disidratazione comune soprattutto nei bambini con meno di 2 anni di età: in questo caso, l’organismo perde quantità eccessive di acqua e di sali e non riesce a ristabilirle. I segni della disidratazione sono chiari: ridotta produzione di urina, sete eccessiva, secchezza della bocca e sonnolenza insolita. Non vanno utilizzati né antibiotici né farmaci antiemetici.
Secondo fonti ISS, in media, circa 1 bambino con diarrea acuta su 40 necessita del ricovero in ospedale per la somministrazione di fluidi per via endovenosa, ma di solito il trattamento è aspecifico e consiste nella reidratazione per via orale per compensare la perdita di liquidi. Vanno, però, evitate le bibite ad alto contenuto di zucchero come i succhi di frutta confezionati che potrebbero aggravare la diarrea. E’ raccomandabile, poi, non smettere di mangiare, meglio se leggero, in pasti piccoli e frazionati (es. 6 pasti al giorno).
Tra le gastroenteriti batteriche, oltre alle salmonellosi associate al consumo di uova e prodotti a base di uova crude o carni poco cotte di pollo e maiale, sempre più diffuse sono le infezioni da Clostridium difficile: il fattore di rischio più comune per quest’infezione è l’uso degli antibiotici, specialmente quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo, che sono in grado di sconvolgere il normale equilibrio della flora batterica intestinale. Inoltre, i soggetti immunocompromessi anche per terapie farmacologiche rappresentano una categoria a rischio. La cura delle forme di diarrea causate da infezioni da Clostridium difficile avviene attraverso un trattamento orale con antibiotici quali metronidazolo o vancomicina. Il rischio di recidiva è comunque il 30% e in alcuni casi è stato impiegato con successo il trapianto fecale. Al momento, è in fase di sperimentazione anche nel bambino un nuovo farmaco, la fidaxomicina che si sta rivelando efficace nel trattamento delle infezioni da Clostridium difficile. La prevenzione delle infezioni gastroenteriche si basa prevalentemente su misure igieniche e comportamentali, gli esperti di WAidid ci ricordano con un decalogo alcune semplici regole da seguire a casa e quando si è in vacanza:
Lavare sempre bene le mani con acqua e sapone o un disinfettante a base di clorexidina dopo essere stati alla toilette e prima di mangiare o manipolare del cibo
Porre attenzione alla conservazione dei cibi: non è consigliabile consumare carne, insalate, salse, che siano state tenute a temperatura ambiente per più di 2 ore
Mantenere la temperatura del frigorifero tra 1 e 4°C
Se non si è certi della provenienza, consumare la carne ben cotta ed evitare uova o salse fatte con uova crude
Evitare cibi contaminati potenzialmente a rischio come ad esempio molluschi e mitili crudi
Consumare solo latte pastorizzato
Evitare le contaminazioni tra cibi, avendo cura di tenere separati i prodotti crudi da quelli cotti
Proteggere i cibi preparati dalla contaminazione di insetti e roditori
Non condividere tovaglioli, bicchieri, posate e stoviglie
Quando si viaggia in zone con scarse condizioni igieniche, bere solo acqua in bottiglia, non consumare verdure crude e frutta sbucciata, evitare sempre il ghiaccio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe: l’hymne à la peur

Posted by fidest press agency su martedì, 25 febbraio 2014

l'hymne à la peurLe climat de peur qui entoure la campagne des élections européennes dans de nombreux pays de l’Union européenne doit conduire à quelques clarifications politiques salutaires à 3 mois du scrutin de mai prochain.Dans cette Tribune, Yves Bertoncini s’intéresse notamment à trois éléments:
1. Même si elle inquiète nombre de ses citoyens, l’UE n’est pas responsable de la crise en cours ;
2.L’Union européenne peut être une réponse efficace aux principales menaces qu’affrontent ses citoyens ;
3. Les protections offertes par la construction européenne sont menacées par la poussée populiste. (l’hymne à la peur)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ipertensione, il telemonitoraggio del farmacista è efficace

Posted by fidest press agency su martedì, 15 maggio 2012

I pazienti che vengono seguiti da un farmacista mediante telemonitoraggio unitamente a un supporto per la gestione dell’ipertensione sanguigna, hanno più probabilità di migliorare i valori pressori, rispetto a quelli che non ricevono sostegno supplementare. Lo ha rilevato una ricerca presentata alle American heart association’s quality of care and outcomes research scientific sessions 2012. I soggetti inclusi nel programma di telemonitoraggio, erano stati istruiti a inviare i valori pressori misurati a casa con dispositivi elettronici, tramite un sito web ad accesso protetto. Dal canto loro, i f armacisti potevano accedere alle letture e consultavano il paziente ogni due o quattro se settimane per telefono. Per avere dati certi e corretti, per tutti i 450 soggetti era prevista una misurazione iniziale e dopo sei mesi, presso un centro clinico coinvolto nella ricerca. Gli autori hanno rilevato che la riduzione della pressione al di sotto di 140/90 mm Hg interessava il 45,2% del gruppo in terapia tradizionale e il 71,8% del gruppo “telemonitorato”. Inoltre in questo gruppo il calo era più marcato, infatti, se al basale i valori medi si attestavano 148/85 mm Hg, dopo un semestre di programma la media era scesa a 126/76 mm Hg contro 138/82 mm Hg dell’altro gruppo. I vantaggi si sono evidenziati anche sul fronte terapeutico, con una maggior aderenza alla terapia e gli stessi pazienti telemonitorati confermavano di essersi ricordati più facilmente di assumere i farmaci correttamente. L’attività del farmacista, on line e telefonica, diventa, quindi, un valore a ggiunto nella gestione dell’ipertensione e, secondo gli autori, «se questi primi risultati potessero essere mantenuti nel lungo periodo, potrebbe diminuire il numero di attacchi cardiaci, ictus o altra complicazione di alta pressione sanguigna».(fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dapagliflozin efficace nel diabete 2 non ben controllato

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 aprile 2012

Dapagliflozin, inibitore selettivo del cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2, migliora il controllo glicemico, stabilizza il dosaggio di insulina e riduce il peso senza incrementare il numero di episodi maggiori ipoglicemici nei soggetti con diabete tipo 2 non adeguatamente controllato. Sono le conclusioni di un gruppo di studio sul nuovo farmaco che – sotto il coordinamento di John P. H. Wilding dell’Ospedale universitario Aintree di Liverpool (UK) – ha voluto valutare l’efficacia e la sicurezza del principio in soggetti diabetici non controllati nonostante il trattamento insulinico con o senza impiego aggiuntivo di antidiabetici orali. A tale scopo sono stati coinvolti, in 126 centri europei e nordamericani, 800 pazienti in terapia con almeno 30 Ui di insulina e non utilizzatori di antidiabetici orali o utilizzatori fino a un massimo di 2 farmaci di tale classe. I pazienti sono stati randomizzati in 4 gruppi a ricevere un placebo oppure dapagliflozin unum/die per 48 settimane alle dosi di 2,5, 5, o 10 mg. Dopo 24 settimane, l’emoglobina glicosilata media (outcome primario) era scesa dello 0,79%-0,96% nel gruppo dapagliflozin rispetto allo 0,39% con il placebo. Il dosaggio insulinico giornaliero è diminuito di 0,63-1,95 Ui con il farmaco mentre è aumentato di 5,65 Ui dopo il placebo. Anche il peso corporeo si è ridotto con dapagliflozin di 0,92-1,61 kg mentre è aumentato di 0,43 kg nel gruppo placebo. Questi effetti si sono mantenuti nelle successive 24 settimane. Rispetto ai pazienti del gruppo placebo, quelli trattati con dapagliflozin, raggruppando i vari dosaggi, hanno evidenziato complessivamente un tasso più elevato di episodi ipoglicemici (56,6% vs 51,8%), eventi indicativi di infezioni genitali (9,0% vs 2,5%) e di infezioni delle vie urinarie (9,7% vs 5,1%). Ann Intern Med, 2012; 156(6):405-15 (fonte farmacista33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Efficace lotta all’evasione fiscale

Posted by fidest press agency su domenica, 16 gennaio 2011

Il tasso d’inflazione medio annuo per il 2010 è risultato pari all’1,5%, raddoppiato rispetto a quello del 2009 (+0,8%). L’inflazione è la tassa più iniqua che possa esistere perché finisce per colpire i redditi fissi e più deboli delle nostre famiglie. Altro dato fortemente preoccupante rilevato dall’Istat è quello degli incrementi tendenziali. I più elevati si sono registrati nei capitoli Trasporti (più 4,2 per cento), Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 3,6 per cento) e Altri beni e servizi (più 3,2 per cento). A dicembre i prezzi della benzina sono saliti del 9,9% (6,1% novembre) su base annua e del 2,5% su base mensile. Come sempre – prosegue Giordano – piove sul bagnato! Proprio i beni ed i servizi indispensabili per le famiglie sono quelli che hanno il maggiore incremento in termini percentuali. Tutto ciò accade mentre Confcommercio rileva un ulteriore calo dei consumi negli ultimi otto mesi. Solo nuovi investimenti nelle attività produttive e non speculative, unitamente ad una reale politica di lotta all’evasione fiscale ed ad una concreta politica che ridimensioni la pressione fiscale sui redditi da lavoro dipendente e da pensione, riuscirà a liberare risorse capaci di mettere in sicurezza i redditi e quindi l’economica del nostro Paese, oltre che rilanciare veramente un’economia ancora in sofferenza.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cala il potere d’acquisto delle famiglie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 gennaio 2011

“Il calo del potere d’acquisto delle famiglie è un dato molto grave, cui bisogna rimediare con un intervento immediato ed efficace”. Lo dice in una nota il vice capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera, Antonio Borghesi. “Con le spese in aumento ed il potere d’acquisto in calo – aggiunge borghesi – le famiglie rischiano di non farcela e di conseguenza il sistema economico del Paese rischia il collasso vero e proprio”. “Il ministro Tremonti – conclude – che finalmente sembra essere approdato sul pianeta terra, ammettendo che la crisi non è finita, la smetta di mettere le mani nelle tasche dei cittadini, come sta accadendo per il trasporto pubblico e si muova subito per un pacchetto di riforme destinate all’aumento del potere d’acquisto delle famiglie”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bello, giusto, efficace

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2010

Milano dal 22 al 24 ottobre 2010 alla Triennale Trasformare le organizzazioni attraverso le arti è il titolo della terza edizione di Art For Business Forum, il grande appuntamento in cui dialogano arti, cultura e mondo delle imprese.Organizzato dall’Associazione non profit Art For Business, il Forum 2010 si presenta, rispetto alle edizioni precedenti, arricchito di ricerche, esperienze sul campo, riflessioni teoriche e di una crescente condivisione grazie a un network sempre più ampio e all’importante partnership con la Fondazione La Triennale di Milano. Ospite d’onore del Forum sarà il Professor Howard Gardner, studioso di psicologia e direttore di Harvard Project Zero, noto al grande pubblico per la sua teoria sulle intelligenze multiple, e ritenuto uno dei cento intellettuali più influenti al mondo.
In un periodo di forte discontinuità economica, sociale e culturale come quello che stiamo vivendo, Art For Business Forum 2010 propone il contributo delle arti e della cultura come risorsa strategica per le organizzazioni – siano queste imprese, istituzioni territoriali, culturali e non profit – per interrogarsi su possibili nuove soluzioni. Per questo il Forum lancia tre domande aperte su cui avviare una piattaforma di riflessione: Che contributo possono offrire le arti per sviluppare le nuove capacità  richieste dalle organizzazioni per affrontare il futuro?  Come le istituzioni culturali possono divenire luoghi di apprendimento permanente?  Come configurare un modello di sponsorizzazione che generi valore per l’organizzazione?
E tre sono le parole che Art For Business Forum propone come punto di partenza da cui tracciare un percorso alternativo ai modelli manageriali tradizionali: apprendimento, significati e relazioni.
La crisi economica globale, per quanto lunga e dura, può costituire un’importante opportunità che ci viene offerta. La storia insegna che le crisi sono necessarie quanto i periodi di espansione, e che i tempi bui fanno da incubatore alle fasi di rilancio che seguiranno: sono i momenti in cui vanno messi in discussione i vecchi modelli di sviluppo e in cui ne vanno costruiti di nuovi, come avvenuto nel 1929, nel secondo dopoguerra, o con la crisi petrolifera del 1973. In tutte queste occasioni una delle chiavi di volta capaci di far uscire i Paesi dal baratro è stata la cultura. La crisi planetaria di questi ultimi anni, tuttavia, ha caratteristiche completamente diverse da quelle precedenti, perché non coinvolge solo la sfera economica e finanziaria, ma ha radici molto più profonde, che toccano il sistema etico e valoriale su cui poggiano le nostre società. Per questo, per uscirne, l’unico modo è di considerarla una straordinaria occasione di svolta, e per farlo è necessario essere capaci di formulare un progetto a lungo termine, di elaborare una visione, dove le arti e la cultura abbiano un ruolo fondante. Bisogna allora richiamare le istituzioni pubbliche e politiche e le organizzazioni a riconsiderare lo scenario uscendo dalla logica del pensiero lineare causa-effetto, per affrontarne invece l’analisi in modo trasversale. Solo così sarà chiara l’entità del contributo che le arti e la cultura possono dare, divenendo l’ingrediente essenziale per generare competitività: la cultura è soprattutto innovazione, sviluppo e crescita individuale, prima ancora che collettiva, oltre che partecipazione, inclusione e, in questo senso, efficace antidoto all’insicurezza e all’intolleranza.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gestione servizio conciliazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2010

Marghera 23 settembre 2010, dalle ore 11.30, nella sede di Marghera della Camera di Commercio, Banchina Molini 8 (Sala Nautilus). La Camera di Commercio di Venezia, la Camera Arbitrale Nazionale e Internazionale di Venezia e l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia tengono una conferenza stampa in occasione della sottoscrizione di un importante convenzione tra i tre Enti per la gestione del servizio di conciliazione quale strumento particolarmente efficace, anche per i professionisti, per la composizione amichevole di tutte le controversie riguardanti diritti disponibili alla luce dell’entrata in vigore della recente normativa in materia (Decreto Legislativo N.28/2010), comprese quelle tra imprese e tra imprese e consumatorie e utenti.   L’accordo, tra le varie cose, prevede il riconoscimento da parte dell’Ordine dei Commercialisti veneziano, che peraltro né è già socio da diversi anni, della Camera Arbitrale di Venezia quale proprio organismo di conciliazione a cui delegare il servizio di conciliazione e mediazione, nonché l’impegno da parte della Camera di Commercio e della stessa Camera Arbitrale a sostenere i costi organizzativi del servizio. A siglare il protocollo e ad illustrarne le linee agli organi di informazione interverranno tutti i Presidenti dei tre soggetti firmatari: Giuseppe Fedalto per la Camera di Commercio, Patrizia Chiampan per la Camera Arbitrale e Massimo Miani per l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi GRA e Salerno-Reggio Calabria

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 settembre 2010

“Con l’introduzione di nuovi pedaggi stradali e autostradali, il Governo adotta la solita tattica di colpire in modo indiscriminato e ingiusto i consumi quotidiani dei cittadini per fare cassa. In assenza di una seria politica di potenziamento del trasporto pubblico, la decisione ha tutta l’aria di essere il primo passo per una futura privatizzazione: infrastrutture costruite con soldi pubblici per ricavi destinati a privati.  Il risultato è che i cittadini sono costretti a pagare due volte, prima come contribuenti e poi come utenti, per far fronte all’incapacità delle Istituzioni di gestire le risorse pubbliche in modo efficace e trasparente”. Nelle parole del vicesegretario generale, Antonio Gaudioso, la contrarietà di Cittadinanzattiva in merito alla decisione di introdurre ennesimi balzelli sulle spalle dei cittadini, “a conferma di come la volontà del Governo di diminuire le tasse sia da tempo ferma al casello”.Per Cittadinanzattiva, i nuovi pedaggi rappresentano una misura ingiusta in quanto incidono profondamente sul diritto alla mobilità delle persone, come nel caso del Grande Raccordo Anulare di Roma, di fatto “strada cittadina” utilizzata ogni giorno da migliaia di lavoratori. Sono anche una misura iniqua, perché applicati in maniera indiscriminata anche in zone depresse economicamente, e senza garanzie sul rispetto di elevati standard di qualità del servizio.
Rasenta infine lo scandalo l’estensione del pedaggio alla Salerno-Reggio Calabria, l’autostrada perennemente incompleta che detiene tutti i primati negativi: pericolosità, ritardo nei lavori, inefficienza, illegalità.  A fronte di questa decisione, Cittadinanzattiva si dichiara pronta a tutelare in ogni sede gli interessi dei cittadini danneggiati.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un fisco a misura di famiglia

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 agosto 2010

«Ben venga la verifica politica e di governo se servirà a dare all’Italia una reale ed efficace politica familiare». E’ il commento di Francesco Belletti, presidente del  Forum delle associazioni familiari.
«Dopo anni di sforzi e di mobilitazione (compresa la raccolta di un milione e duecentomila firme) da parte nostra e di silenzio da parte dei vari governi che si sono succeduti, sembra che il fisco a misura di famiglia sia finalmente entrato nei punti irrinunciabili intorno a cui costruire e verificare alleanze di governo.   «Come non esserne soddisfatti? Certo, l’esperienza suggerisce la prudenza, ma fin da ora confermiamo la nostra disponibilità ad essere accanto al governo che nelle prossime settimane si presenterà alle Camere per studiare insieme come ottimizzare le risorse disponibili per dare alle famiglie le risposte che attendono da anni. «Se poi lo strumento migliore sarà il quoziente familiare o altro, si vedrà» conclude Belletti.  «L’importante in questa fase è che la famiglia entri nella politica che conta, e che vengano individuate risorse certe, consistenti, per un fisco a misura  di famiglia con una modifica non effimera, ma strutturale: basta  provvedimenti una tantum!».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settimana Vegetariana Mondiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Dall’1 al 7 ottobre si celebra la Settimana Vegetariana Mondiale, sostenuta da gruppi vegetariani/vegan, animalisti, ambientalisti, di tutto il mondo, con lo scopo di spiegare al pubblico che con un’alimentazione a base vegetale si possono ridurre i problemi che un’alimentazione ricca di carne, latte e altri prodotti animali causa alla salute, all’ambiente, agli animali e alla società in generale.  Lo scopo dell’iniziativa è mostrare a tutti questo modo facile ed efficace per migliorare la propria salute e quella dell’ambiente. La scelta vegetariana viene compiuta da un numero sempre maggiore di persone, dato che comporta così tanti vantaggi.
Altri sostenitori dell’iniziativa sono personalità da tutto il mondo: il dott. Rajendra Pachauri, direttore dell’IPCC, il Panel Intergoventivo sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, il dott. Jean Ziegler, vice presidente del Comitato Consultivo dell’ONU per i diritti umani, il prof. Douglas Hofstadter, professore universitario di Scienze Cognitive negli USA, i filosofi e autori Florence Burgat e Helmut F. Kaplan, rispettivamente dalla Francia e dalla Germania, la scrittrice olandese Lisette Kreischer, ma anche artisti come Michèle Scharapan (Francia), Maria Daines (Regno Unito) e Romana (Portogallo).
Le attività della Settimana Vegetariana evidenzieranno dunque anche questo aspetto. Chi volesse partecipare può scegliere tra varie possibilità: organizzare conferenze, workshop, proiezioni di video, incontri con le istituzioni; organizzare campagne che per esempio promuovano un giorno della settimana in cui si usino solo ingredienti vegetali; preparare un pasto vegetariano per i propri amici e familiari; per i negozi, offrire sconti sui prodotti vegetariani; e soprattutto organizzare tavoli informativi con assaggi e volantinaggi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi satelliti UE per catastrofi naturali

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 giugno 2010

Strasburgo Parlamento europeo 14/6/2010 (attività legislativa dal 14/6 al 18/6) Terremoti, inondazioni, perdite di petrolio e altre importanti calamità in futuro potranno essere gestite in maniera più tempestiva ed efficace, grazie al nuovo osservatorio satellitare terrestre che sarà ultimato dall’Unione Europea entro il 2014. Il Parlamento dovrebbe dare il suo via libera alle operazioni iniziali di costruzione (2011-2013) e approvare 107 milioni di euro di finanziamento supplementare per rendere il sistema pienamente operativo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Plastica antireflusso più efficace dei farmaci antiacidi

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2010

Una recente revisione Cochrane sostiene che alcune tecniche chirurgiche come la fundoplicatio gastrica (plastica antireflusso) possono essere più efficaci degli antiacidi nel trattamento della malattia da reflusso gastro-esofageo. Dalla revisione emerge infatti un più pronunciato miglioramento dei sintomi dopo la chirurgia rispetto al trattamento farmacologico. Il primo approccio a questo disturbo prevede la modificazione della dieta e l’utilizzo di farmaci che riducono la secrezione acida. Nei casi più gravi, però, si può ricorrere a un intervento di chirurgia mini-invasiva (fundoplicatio) che consiste nell’avvolgere una parte dello stomaco intorno alla parte più bassa dell’esofago. La revisione sistematica Cochrane si è interrogata sull’efficacia di questo procedimento chirurgico rispetto all’impiego di farmaci. Sono stati analizzati i dati provenienti da quattro sperimentazioni cliniche, per un totale di 1.232 pazienti. Dopo tre mesi e a un anno dall’intervento, la chirurgia mini-invasiva si è dimostrata molto efficace nel ridurre i sintomi del reflusso gastro-esofageo. Ma restano incerti i benefici a lungo termine dell’approccio chirurgico e si registra una piccola proporzione di pazienti con una disfagia persistente. «Storicamente il trattamento chirurgico del reflusso gastro-esofageo portava a benefici transitori, che non duravano nel tempo. Per questo servono studi clinici che valutino l’efficacia a lungo termine di queste nuove tecniche chirurgiche mini-invasive» afferma il capo ricercatore Samantha Wileman dell’Università di Aberdeen nel Regno Unito. «Inoltre sarebbe importante studiare e confrontare le implicazioni cliniche ed economiche della terapia farmacologica a lungo termine rispetto alla chirurgia». Cochrane Database of Systematic Reviews 2010, Issue 3. Art. No.: CD003243. (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La crisi di fiducia nella democrazia in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 22 agosto 2009

Le nuove generazioni, nello specifico, hanno mostrato in più occasioni un alto grado di sfiducia nella democrazia come strumento di composizione dei conflitti e di sviluppo della società civile. Se vogliamo è proprio dentro questa incrinatura che trova spazio e consensi una rinascente cultura della violenza. La domanda che ci poniamo, a questo punto è d’obbligo: come mai in una generazione o più generazioni cresciute in regime democratico si viene oscurando la fiducia sul metodo democratico fino a nascere la convinzione, in una sia pur ristretta minoranza, che la violenza sia l’unica via efficace per la realizzazione di una società più giusta? Sul piano politico hanno certamente inciso le inefficienze del sistema. Ma c’è da chiedersi se non abbia contribuito a questa crisi di fiducia nel metodo democratico una idea della democrazia, largamente condivisa dai partiti popolari, concepita finalisticamente come ordine ideale definito e dovuto sicché al cittadino spettano solo diritti, piuttosto che, per dirla con Dahl, come condizione e strumento di una ricerca che esige virtù dei cittadini. Qui si apre il vasto capitolo, appena esplorato, della mancata educazione civica e più ancora dei limiti della cultura democratica nel nostro paese.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »