Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘egoismo’

Sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 novembre 2009

“Per l’ennesima volta abbiamo assistito a iniziative di sensibilizzazione per il triste e grave fenomeno, per altro lungi dall’essere risolto, degli incidenti stradali dovuti a cause legate a responsabilità individuali, che sicuramente potevano essere evitati. Mi duole dover constatare che i familiari delle vittime continueranno ancora a protestare e a manifestare il loro dolore per i tragici eventi da cui sono stati colpiti, ma purtroppo tali manifestazioni resteranno inutili se dall’altra parte le istituzioni continueranno a essere sorde agli appelli, trincerate dietro il cinismo e l’egoismo dei propri rappresentanti”. Con queste parole Antonello De Pierro, presidente dell’Italia dei Diritti, esprime il suo commento sulla “Giornata Mondiale di Memoria per le vittime della strada”, celebratasi il 15 novembre. In Italia ogni anno perdono la vita 7 mila persone a causa di incidenti stradali o perché vittime di pirati della strada, 18 al giorno, 145 mila sono i  ricoveri ospedalieri, più di 300 mila i feriti. “Purtroppo – conclude preoccupato il leader del movimento nazionale – duole constatare che i comportamenti realmente pericolosi per l’incolumità degli utenti della strada vengono sottovalutati. Come per esempio alcuni passaggi col rosso in incroci tristemente noti. Mi auguro che prima o poi qualcuno si svegli e pensi realmente a risolvere concretamente questo problema e che siano sempre meno le famiglie a piangere vittime della strada, a cui va la nostra assoluta vicinanza. Non esito a ritenere responsabili di molte morti alcuni organi istituzionali, decisionali e di controllo”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La fame nel mondo che fa paura

Posted by fidest press agency su martedì, 18 agosto 2009

Le cifre che la Fao a reso note in questi giorni sono impressionanti. Ogni 3,6 secondi una persona muore di fame. Vi sono milioni di bambini disidratati e malnutriti, sono 820 milioni gli abitanti della terra che hanno poco da mangiare e gli aiuti dei paesi “ricchi” per sollevare le sorti dell’agricoltura del terzo mondo in dieci anni sono scesi del 45%. E’ chiaro che a questo punto occorra fare una seria riflessione sul futuro dell’umanità e sull’aspetto dirompente che questi segnali hanno su tutti noi, indistintamente. Tutti i piani, persino quelli di basso profilo varati negli anni passati si sono rivelati inadeguati. L’egoismo dei governi e degli stessi popoli ricchi non sembra offrire uno spazio ragionevole al lato “oscuro” dell’umanità sofferente. Non si può lasciare alla deriva una massa di 30 milioni di derelitti che invocano un tozzo di pane ed un sorso d’acqua dalla “vicina” Africa mentre vi sono europei che possono bere a volontà e sprecare cibi. Ma questa miseria sta diventando ancora più inquietante anche perché incomincia ad albergare con una certa consistenza nelle stesse periferie delle città dell’opulenza e si rischia anche a Palermo o a Lecce o nella stessa Milano trovare qualcuno che se non fosse per la pietà di una elemosina potrebbe morire di fame. Non vi è prezzo a questo punto che i ricchi possono spendere per lenire tali e tante sofferenze. Un giorno vi sarà qualcuno che finirà con il cavalcare questa causa persa nella disperazione di tanti e porterà un nuovo olocausto con distruzioni e altre miserie un po’ ovunque, perché non è più possibile nascondere questo dramma a lungo, senza renderlo evidente ed assaporarne l’impegno alla lotta e alla rivolta. E’ bene pensarci per tempo, prima di restarne travolti.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »