Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘elaborazioni’

Metalmeccanica: Export italiano

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

impreseAl primo semestre del 2015 l’export italiano dei prodotti della metalmeccanica verso il mercato tedesco vale 12.949 milioni di euro. La regione più attiva è la Lombardia con un totale di 4.528 milioni (in aumento dell’1,3% rispetto al primo semestre 2014), seguita da Emilia Romagna (1.806 milioni), Veneto (1.777 milioni) e Piemonte (1.682 milioni). A livello provinciale è Brescia la regina dell’export in Germania, con 1.085 milioni di euro, seguita da Torino (974 milioni), Milano (814 milioni) e Bergamo (634 milioni). Le imprese italiane attive nel settore metalmeccanico sono 111.677, di cui 65.690 artigiane (il 58,8%).
I dati provengono dal Centro Studi di Confartigianato Imprese (elaborazioni su dati Istat) in collaborazione con l’Osservatorio MPI di Confartigianato Lombardia. Le elaborazioni sono state presentate alle imprese artigiane in occasione degli incontri con buyers e delegazioni commerciali internazionali all’Italian Makers Village, il fuori Expo di Confartigianato in via Tortona a Milano. Scopo del Village è anche quello di favorire l’internazionalizzazione di PMI e MPI: dall’inizio di Expo ad oggi oltre 700 aziende di diversi settori hanno partecipato agli incontri del programma Expo-rt 2015, sviluppando così opportunità di scambi commerciali su scala mondiale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

16 artisti contemporanei

Posted by fidest press agency su sabato, 12 dicembre 2009

Reggio Emilia fino al 23/12/2009 Vicolo Scaletta, 1 Spazio Temporaneo di Vicolo Scaletta esposizione collettiva ideata da Daniele Lunghini per il Circolo degli Artisti di Reggio Emilia. In mostra, dipinti, fotografie, elaborazioni digitali, installazioni e sculture di sedici autori contemporanei (Marco Arduini, Ilaria Borraccino, Mariangela Carnevali, Alessio Cigarini, Lorenzo Criscuoli, David Chance Fragale, Nero Levrini, Daniele Lunghini, Andrew May, Eugenio Paterlini, Costantino Piazza, Daniela Rumini, Francesco Sambo, Michele Sassi, Andrea Valenti, Imma Visconte), molti dei quali legati al Circolo degli Artisti e attivi sul territorio di Reggio Emilia, con l’aggiunta di alcuni invitati da Cremona, Trieste, Marghera, Milano e Mellbourne.  Il progetto, come spiega Daniele Lunghini, si propone di -scavare le ragioni dello stato di assoluta confusione e insicurezza che sembra, mai come in questo particolare momento storico, aver colpito l’uomo-. Non a caso, il titolo dell’esposizione e’ scritto tutto di seguito, senza spazi, con la stessa velocità e circospezione con cui probabilmente si sussurrerebbe un segreto irrivelabile. Se l’umanità trovasse il suo DNA, la sua data di scadenza, se l’umanità scoprisse la verità – conclude Lunghini – allora e’ proprio vero che impazzirebbero tutti all’istante.  Daniele Lunghini, regista ed illustratore, con il cortometraggio in computer grafica 3D -Le foto dello scandolo-, selezionato come miglior produzione europea al festival Imagina di Montecarlo, ha vinto nel 2001 il Grand Prize al World Animation Celebration di Los Angeles, partecipando a numerose rassegne internazionali. Nel 2009 e’ stato chiamato come regista dalla Black Smoke Organization per far parte del progetto internazionale The Danger Global Warming Project. (artisti contemporanei)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carlo Previtali: Vizi capitali

Posted by fidest press agency su martedì, 27 ottobre 2009

vizi capitaliRoma 6 – 28 novembre 2009  Via S. Agostino, 11 Biblioteca Angelica, Galleria mostra a cura di Domenico Montalto e Andrea D’Agostino  Le maschere grottesche del peccato. Inaugurazione: giovedì 5 novembre, ore 18.00  Carlo Previtali ha lavorato a lungo e in modo pressoché esclusivo a questo nuovo e inedito ciclo di sculture ceramiche avente a tema i sette vizi capitali. Un quadriennio operoso nel quale l’artista ha messo mano a studi grafici, bozzetti, elaborazioni plastiche che alcune volte sono riuscite di getto, baciate dalla freschezza della prima intenzione, altre volte hanno richiesto varie versioni del medesimo soggetto, in un lavorìo di rifacimenti fino alla soluzione ritenuta più valida.  Superbia, avarizia, lussuria, invidia, gola, ira, accidia e, infine, la Vanitas: un piccolo corpus di rara forza espressiva, corredato dai relativi disegni, in cui l’artista rappresenta le maschere di una commedia umana in cui la deformazione fisica si fa specchio della deformazione morale, grazie all’accentuazione grottesca ed espressionistica della figura, tipica del linguaggio scultoreo dell’artista. Oltre alle otto sculture, sono presentati in mostra alcuni disegni preparatori che alzano il sipario sul “dietro le quinte” dell’operare artistico dello scultore.  L’ultima di queste opere è la Vanitas: “dove il Re e la Regina – osserva Domenico Montalto – seppur splendenti di platino, sono due scheletri, che guardano sprezzanti le cose di questo mondo. Sapendo già come va a finire”. (vizi capitali)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimissioni dal Pd

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Gli esponenti più in vista dell’ex-partito Ds di Marino Centro hanno restituito la tessera del PD al partito. E’ stato un po’ un colpo di scena, nel primo giorno di Congresso del Partito Democratico di Marino, tenutosi sabato 19 settembre scorso e le ragioni di tale gesto sono state spiegate chiaramente in un documento letto all’assemblea da Marina Caputo, membro del Direttivo del circolo Pd di Marino. Ela ha, tra l’altro, detto: “Alle speranze, ai buoni propositi, ai progetti che avevano accompagnato l’adesione al Pd, non è seguita una realtà dei fatti” Mentre Sandro Caracci, capogruppo uscente, spiega la decisione presa: “Le aspettative che ognuno di noi aveva riposto nel Pd si sono dissolte di fronte ad un preoccupante immobilismo sul piano della elaborazione politica e su quello dell’opposizione alla giunta di destra che governa questa città. Personalmente, credo di aver dato un contributo di idee e di impegno concreto che è risultato vano, in un contesto, come quello marinese, pervaso da interessi trasversali. E’ umiliante, per chi come me proviene da una storia fatta da tanti anni di volontariato sul territorio, confluita in quello politico, vedere come le decine di iniziative portate avanti per denunciare il malgoverno della nostra città siano state vanificate all’interno del Pd, i cui gruppi dirigenti hanno dato dimostrazione di essere più interessati alle logiche di corrente e di potere, che non al radicamento di quelli che erano gli ideali per i quali circa 2 anni or sono ci eravamo impegnati a costruire un nuovo soggetto che doveva riformare la politica italiana. Non voglio portare la responsabilità delle scelte che sta facendo questo partito, sulle quali non ho la possibilità di incidere. Siamo stanchi, e parlo anche a nome degli altri firmatari, di essere additati come compiacenti dell’amministrazione Palozzi e vogliamo recuperare il rapporto con i cittadini che guardano alla nostra città con preoccupazione e pericolosa rassegnazione, per ridare ad essi fiducia e speranza in un prossimo futuro.” “Continueremo la nostra battaglia – conclude Caracci – attraverso ‘MADE – Marino Democratica’, non per fare l’ennesima lista locale, quanto per portare avanti con coerenza gli impegni presi con il nostro elettorato. Anche a questo scopo, è online il mio nuovo sito internet http://www.sandrocaracci.it dove non solo pubblicherò il lavoro portato avanti in Consiglio Comunale, ma sarà soprattutto uno spazio in cui i cittadini potranno commentare, scrivere e segnalare situazioni di disagio, in un dialogo continuo e aperto con quanti vorranno contribuire alla crescita sociale e culturale della nostra città.”

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il più potente supercomputer universitario del Regno Unito

Posted by fidest press agency su domenica, 2 agosto 2009

La ricerca universitaria presso la University of Southampton – una delle più affermate al mondo – riceverà un’ulteriore spinta al suo sviluppo grazie a un investimento di diversi milioni di sterline nell’acquisto di un nuovo Supercomputer, costruito usando la tecnologia dei server iDataPlex di IBM e capace di oltre 74 trilioni di calcoli al secondo.  Il nuovo supercomputer, che contiene più di 2000 processori, sarà utilizzato da ricercatori ad altissima specializzazione di tutta l’Università per eseguire elaborazioni complesse in campi che spaziano dalla ricerca sul cancro ai cambiamenti climatici. Sarà il primo IBM System iDataPlex in un’università del Regno Unito e uno dei 100 supercomputer più potenti al mondo, secondo la classifica dei Top 500 di giugno 2009 (disponibile all’indirizzo internet http://www.top500.org).  Il computer – disegnato appositamente per il cliente da OCF plc (www.ocf.co.uk), integratore di storage e computer ad alte prestazioni, che provvederà anche alla sua costruzione, rapida implementazione e configurazione – ha una capacità equivalente di circa 4.000 computer da ufficio standard, che operino simultaneamente.  Sarà di grande aiuto ai ricercatori medici dell’università, come commenta il docente di genetica Andrew Collins: “Abbiamo bisogno di livelli estremamente elevati di potenza di elaborazione, per il nostro lavoro di mappatura dei geni delle malattie implicati nel cancro al seno, IBD e glaucoma. Con il ritmo annuale di aumento nel volume di dati genetici, il lavoro di analisi richiede le strutture più sofisticate.”  Uno dei gruppi di engineering chiave della ricerca che userà il computer sarà lo University Technology Centre for Computational Engineering, dove il direttore Professor Andy Keane e il suo staff sfrutteranno la potenza del sistema per migliorare il design di motori per aerei. Il supercomputer  Una volta operativo, sarà il più potente HPC universitario in tutto il Regno Unito.  Sarà una risorsa condivisa da tutti i dipartimenti dell’università, ma con un particolare focus su scienza e engineering. La costruzione di un HPC unico e condiviso sta prendendo piede nel mondo universitario e inverte il trend storico di installazioni di piccole dimensioni a livello di dipartimento. La costruzione di un unico sistema ha dimostrato di essere più efficiente dal punto di vista dei costi.  L’hardware include:  IBM System x™ iDataPlex™ server – il primo del suo genere nel settore pubblico nel Regno Unito.    La forma innovativa, di tipo half-depth, riduce il flusso di aria necessario nei suoi componenti, diminuendo l’alimentazione richiesta per il raffreddamento mentre, allo stesso tempo, raddoppia il numero di server nell’unità di spazio in uno standard 42u rack.  Il Rear door di un iDataPlex dispone di un heat exchanger integrato che usa l’acqua per raffreddare il calore espulso prima che venga immessa nel data center, rendendo il tutto ancora più rispettoso dell’ambiente rispetto all’utilizzo del solo condizionamento ad aria.  L’equivalente di 26 normal racks; 1000 nodes; 2000 processori (4 core CPUs) = 8000 cores; 100 TB di capacità storage con utilizzo di IBM DS4700  L’uso della Cluster Resources Adaptive HPC Suite per fornire, a richiesta, un carico di lavoro misto tra Linux e Windows.
La University of Southampton è una delle principali nel Regno Unito, con una reputazione a livello mondiale grazie al livello della sua ricerca in diversi settori, quali engineering, scienza, scienze sociali, salute e scienze umane.    Con oltre 22.000 studenti, circa 5.000 persone nello staff, e un giro d’affari annuale di oltre £370 milioni, la University of Southampton è riconosciuta come una delle principali istituzioni nei campi della engineering, computer science e medicina. Combina l’eccellenza accademica con un approccio innovativo e imprenditoriale alla ricerca, con un approccio che impegna e sfida gli studenti e lo staff all’approfondimento della conoscenza. L’università ospita anche una serie di centri di ricerca di livello mondiale, inclusi il National Oceanography Centre, Southampton, l’Institute of Sound and Vibration Research, l’ Optoelectronics Research Centre, il Web Science Research Initiative, il Centre for the Developmental Origins of Health and Disease e il Southampton Statistical Sciences Research Institute.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »