Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘election day’

Trump: election day

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 novembre 2016

gambino“All’apparenza passa alla storia solo la vittoria di Trump, ma l’election day nordamericano ci ha oggi consegnato anche due decisioni prese dagli elettori che segnano un significativo arretramento per la centralità del rispetto della dignità umana e della sua fragilità: il suicidio assistito in Colorado ed il ripristino della pena di morte in Nebraska”. Lo dichiara il Presidente nazionale di Scienza e Vita e Prorettore dell’Università Europea di Roma, prof. Alberto Gambino. “Si tratta di due scelte, facce della stessa medaglia: il potere dello Stato di porre termine ad un’esistenza umana. Una democrazia davvero rispettosa di ogni essere umano e delle sue fragilità– conclude il prof. Gambino – dovrebbe piuttosto puntare su cura e accudimento dei malati e sul recupero di chi ha sbagliato, non invece eliminare pesi e problemi umani con un’iniezione letale”. (foto Gambino)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Election day o election mai?

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2010

Roma, 18 Novembre ore 14.30 Capranichetta Hotel Nazionale  Piazza di Monte Citorio 125. L’Unione Sindacale di base ed il Forum Diritti/Lavoro, associazione di operatori del diritto e sindacalisti, organizzano il dibattito “Election day o election mai? rappresentanza e democrazia nei luoghi di lavoro”, che si terrà ia Roma..La scelta del 18 novembre non è casuale: proprio in questa data si sarebbe dovuto tenere l’”election day” dei dipendenti pubblici per il rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie, unico momento di democrazia diretta in cui i lavoratori possono scegliere i propri rappresentanti nei luoghi di lavoro. Invece, dopo il già avvenuto rinvio di un anno delle elezioni nella Scuola, ora si prospetta uno slittamento a tempo indeterminato per tutto il Pubblico Impiego.  Intanto nel settore privato, dove non esiste una legge sulla rappresentanza e da sempre manca ogni regola di effettiva validazione democratica su contratti collettivi e avvisi comuni, le elezioni RSU vanno progressivamente scomparendo, mentre rimangono solo parzialmente elettive a causa della riserva del 33% di componenti non votati dai lavoratori ma nominati dai sindacati firmatari di contratto.  Presiedono Carlo GUGLIELMI – Presidente del Forum Diritti/Lavoro Paola PALMIERI – Forum Diritti/Lavoro e USB Relazioni Riccardo FARANDA – avvocato del lavoro Arturo SALERNI – avvocato del lavoro Intervengono  Sergio MATTONE – Associazione per i diritti sociali e di cittadinanza Paolo NEROZZI- PD
Massimo BETTI – USB Cesare SALVI – Federazione della Sinistra Piero BERNOCCHI – Cobas Scuola Leoluca ORLANDO – IdV Corrado ODDI – CGIL FP Alfonso GIANNI – SEL Fabrizio TOMASELLI – USB Armando ROMEO – Or.S.A Claudio BALDASSERONI – Snater Franco RUSSO Forum Diritti/Lavoro Sono invitati il Ministro del Lavoro Maurizio Sacconi il Ministro per la Funzione Pubblica Renato Brunetta

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terremoto e l’election day

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 aprile 2009

Abbinare referendum ed elezioni europee farebbe risparmiare 400 milioni di euro e con quei soldi si potrebbero costruire 1.600 appartamenti da 100 metri quadrati ciascuno. Il calcolo è presto fatto: calcolando un prezzo medio di 2.500 euro a metro quadrato di costruito, si spenderebbero 250.000 euro per un appartamento di 100 metri quadrati; dividendo i 400 milioni per questa cifra si ottengono, appunto, 1.600 appartamenti da 100 metri quadrati. Ovviamente se la superficie diminuisce aumentano gli appartamenti (es. 2.139 case da 75 metri quadrati). Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, dichiara che, per la ricostruzione post terremoto 2009, i soldi li ha gia’ trovati? Bene, allora i 1.600 appartamenti possono essere attribuiti ai 4.000 terremotati abruzzesi, che ancora vivono nelle “baracche realizzate a titolo precario” (32 metri quadrati di superficie) per il terremoto del 1915, sempre in quel di Abruzzo. Non sarebbe piu’ utile utilizzare i soldi dell’election day in questo modo? D’altronde i soldi sono pubblici, cioe’ dei contribuenti, e dovrebbero essere restituiti agli stessi in opere e servizi.  Se il presidente Berlusconi teme che la Lega possa mettere in pericolo il suo governo  ebbene afferri il toro per le corna una volta per tutte: metta in atto una campagna di denuncia contro la richiesta-ricatto della Lega, abbini referendum ed elezioni europee e utilizzi i 400 milioni per la ricostruzione post-terremoto del 1915 in Abruzzo. I cittadini comprenderanno e gli daranno fiducia. (fonte aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terremoto e election day. Il “pizzo” della Lega

Posted by fidest press agency su sabato, 18 aprile 2009

Il “pizzo” di 400 milioni di euro pagato alla Lega per non abbinare la scadenza referendaria con le elezioni europee del 5-6 giugno prossimo. Cosi’ l’hanno definito nella nota trasmissione televisiva “Striscia la notizia”. Vediamo di capire. Se vincesse il si’ al referendum il premio di maggioranza, che viene attribuito nelle elezioni per Camera e Senato, passerebbe dalla coalizione (in questo caso Pdl piu’ Lega) al partito che prende piu’ voti (in questo caso il Pdl). Fondamentale, per questo risultato, e’ che si raggiunga il quorum (50% piu’ uno degli elettori) e l’abbinamento alla data elettorale europea offre maggiori chance di successo. A scalare le possibilita’ di esito positivo per il primo e il secondo turno delle amministrative, che, tra l’altro, non si svolgono in tutto il Paese. Ovvio che la Lega si opponga, che’ il suo diverrebbe un ruolo marginale, ma i soldi che si risparmierebbero con l’abbinamento degli appuntamenti politici potrebbero essere utilizzati per i terremotati dell’Abruzzo. Alla Lega, per dirla alla romana, “nun ne je po’ frega’ de meno”, pensa a se stessa, alla propria sopravvivenza politica e degli abruzzesi in tenda non se ne cura. Chissa’ cosa avrebbe fatto se il terremoto si fosse localizzato nella “Padania”. La proposta di spostare la data referendaria al prossimo anno presenta gli stessi problemi di quelli attuali perche’ il prossimo anno ci sono le elezioni regionali: si abbinera’ il referendum con le elezioni regionali per risparmiare? O si avranno due date diverse con i relativi costi maggiorati, rispetto a quelli di giugno prossimo, visto che le elezioni regionali si svolgono in un solo turno? La domanda che tutti si pongono e’ semplice: possiamo sprecare soldi in un momento di crisi economica, con il debito pubblico alle stelle e con la tragedia e il dramma dei terremotati? (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum elettorale. Fatuzzo (pp), sì all’election day

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2009

“In un momento in cui la crisi economica ha colpito pesantemente il nostro Paese, milioni di famiglie versano in gravissime difficoltà economiche ed un terribile terremoto ha colpito l’Abruzzo con danni incalcolabili, spendere oltre 400 milioni di euro per il referendum elettorale è un vero e proprio schiaffo alla miseria, anche in considerazione del fatto che l’election day con l’accorpamento di europee, amministrative e referendum sarebbe la soluzione più logica e più giusta, perché altre soluzioni non sarebbero comprese dai cittadini e li allontanerebbero ancora di più dalle Istituzioni.” Così ha dichiarato il Segretario Nazionale del Partito Pensionati, Carlo FATUZZO a proposito del dibattito sulla data del referendum elettorale.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »