Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘elementi’

I quattro elementi: Festival diffuso di poesia e scrittura

Posted by fidest press agency su domenica, 30 settembre 2018

Madrid. Dal 2 al 4 ottobre l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid organizza I quattro elementi. Festival diffuso di poesia e scrittura, progetto anticipato, a fine 2017, da una proiezione speciale nel corso del X Festival de cine italiano de Madrid, del film d’arte “Spira Mirabilis”, di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti.Volto a celebrare la poesia italiana contemporanea, in connessione con la letteratura e tutte le altre arti, in questa sua prima edizione 2018 I quattro elementi é dedicato ai temi dell’Acqua e della Terra. L’elemento Acqua riporta, inevitabilmente, all’Odissea.
Odissea che, nella versione televisiva di Franco Rossi, datata 1968, verrà mostrata per la prima volta integralmente in Spagna il prossimo 2 ottobre nella sede del Palacio de Abrantes mentre, nella serata del 3 ottobre, intitolata Odissea oggi, i poeti Mario De Santis, Vincenzo Ostuni, Luigi Severi, Italo Testa e Gian Mario Villalta intesseranno un dialogo tra i loro versi e la poesia di Omero, nella magnifica traduzione in italiano di Emilio Villa.
Acqua è poi il Mar Mediterraneo, le sue musiche, le sue vite, che il pianista italiano Admir Shkurtaj, nato in Albania, racconterà nel concerto Mesimér.
L’elemento Terra richiama il nostro pianeta, i suoi boschi, i legni, quegli abeti rossi “di risonanza” della Val di Fiemme che hanno dato vita agli straordinari strumenti di Antonio Stradivari. La leggenda racconta che questi strumenti abbiano gli stessi timbri della voce femminile. Ed é con le voci femminili di Maria Borio, Maria Grazia Calandrone, Maddalena Lotter e Renata Morresi che lo straordinario Paganini Quartet, suonato dal Quartetto di Cremona, dialogherà il 4 ottobre, in una serata dedicata a Poesia e Stradivari.
Il festival sarà tuttavia anche un’occasione di ricerca, che vedrà i poeti e l’artista Marina Misiti impegnati a comporre una possibile Mappa immaginaria della poesia italiana contemporanea da presentare nelle prossime edizioni.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Itinerario di una forma

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 Mag 2018

Parma sabato 19 maggio 2018 Conferenza dalle ore 18 Vernissage dalle ore 19 (fino a lunedì 4 giugno 2018) CUBO Galleria Bianca Via La Spezia 90. Itinerario di una forma è il titolo prescelto per questa retrospettiva sulla produzione di inediti elementi di arredo ideati e realizzati dal rinomato designer Franco Poli lungo gli anni della sua carriera. L’inaugurazione della mostra proposta nell’ambito del “Fuori – Fuori Salone” e del Circuito Off di Parma 360 Festival della Creatività Contemporanea si terrà alla presenza del designer.
Dalle 18 il maestro Poli terrà una conferenza introduttiva in cui illustrerà il processo poetico e materiale che lo ispira e conduce nella produzione delle sue opere. Itinerario di una forma, a cura dell’architetto Guillaume Pacetti e Elisabetta Baratti, proporrà una rassegna di elementi d’arredo creati da Poli nel corso della sua pluridecennale carriera, iniziata già negli anni Settanta, per importanti brand di arredamento e design.Per la prima volta esposti in mostra saranno presentati numerosi prototipi, oggetti unici e rari, oltre che pezzi della fortunata sequenza di reti in cuoio concepiti per Matteo Grassi e poi per Midj, frutto di una originalissima tecnica incisoria del designer derivante da una appassionata ricerca sulle reti topologiche e la geodesia di Fuller.Racconta Poli a proposito della mostra: “L’idea sposata dall’amico architetto Guillaume Pacetti che firma l’allestimento è quella di collocare un mondo di forme molto definite su un basamento informe e caotico di materia bruta. E’ l’idea che rappresenta meglio l’anima del progetto: ridefinire le forme di una materia originaria per rappresentare l’itinerario, il processo creativo e il momento dove l’invisibile diventa visibile, tangibile e codificato in una forma. La maggior parte degli oggetti in mostra sono una sequenza di oggetti rari o unici che è quasi impossibile vedere se non in questa mostra, alcuni sono prototipi di parecchi decenni fa, altri sono esperienze dinamiche di concetti che successivamente si applicano al progetto (quello che io chiamo “pretipi”) principalmente sono prove di reti in cuoio, e per finire vi sono alcuni oggetti contemporanei che rappresentano l’applicazione fisica di concetti “pretipi”. Per Poli La forma e il suo linguaggio, la funzione e il suo progresso sono inscindibili e nella disciplina del design non può esistere una senza l’altra.
Nell’ambito del Circuito Off di Parma 360 Festival della Creatività Contemporanea e in concomitanza con l’inaugurazione della mostra Itinerario di una forma – Franco Poli – al Cubo Gallery apre Secret Garden un’opera installativa dell’artista Alessandra Calò, curata da Andrea Saltini con testo critico di Marta Santacatterina, che inaugurerà sabato 19 maggio alle ore 19 e sarà ospitata fino al 28 giugno 2018. Secret Garden è un’installazione composita costituita da una parte fotografica di antiche lastre ritrovate, una parte letteraria, una botanica ed infine una strutturale, funzionale alla fruizione da parte del pubblico.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

22° Corso Base “Elementi di Chirurgia e Riabilitazione della Mano”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2018

Milano 22 marzo presso il Centro Congressi Stelline ventiduesima edizione, torna il “Corso Base: Elementi di Chirurgia e Riabilitazione della Mano”, la settimana di didattica dedicata a questo organo e alla sua cura. Un’iniziativa organizzata dal professor Giorgio Pajardi, direttore dell’UOC di Chirurgia e Riabilitazione della Mano dell’Ospedale San Giuseppe, Gruppo MultiMedica, Università di Milano, che vedrà un totale di 172 partecipanti tra studenti di medicina, fisioterapia, terapia occupazionale, terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, scienze infermieristiche e specializzandi in chirurgia plastica, ortopedia e fisiatria.
«Si tratta di una vera e propria scuola dedicata alla mano, dove le figure professionali (chirurghi formati, terapisti, specializzandi) possono partecipare alle sessioni didattiche più in linea con i propri interessi. In questa settimana, chiunque sia interessato a una o più sessioni, può seguirla esattamente come all’università – spiega il professor Pajardi -. È importante ricordare che in Italia non esiste una specializzazione riconosciuta in chirurgia e riabilitazione della mano. Le figure del terapista e del chirurgo della mano devono partecipare a percorsi formativi di diverso tipo sul territorio nazionale, di solito in ortopedia o chirurgia plastica dove si tratta anche un po’ di mano. Siamo gli unici ad offrire una Scuola dedicata, cui si aggiunge il Master in Riabilitazione della Mano, giunto alla sua dodicesima edizione».
Si tratta dell’unico Master in Europa che identifica la figura del terapista della mano conferendogli un titolo universitario. In questi anni (2006-2017) ha visto la partecipazione di 123 studenti di età compresa tra i 23 e i 33 anni, dei quali 72 fisioterapisti, 46 terapisti occupazionali e 5 medici. Oggi è riservato ai laureati in fisioterapia, terapia occupazionale e terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva e consiste in dieci settimane di didattica e sette di tirocinio formativo (250 ore) che danno diritto a 60 crediti formativi. È aperto anche ai terapisti più esperti previa valutazione del loro percorso professionale. Al termine è previsto un esame e la discussione di una tesi.
La settimana proseguirà con la 16a Giornata Milanese di Chirurgia della Mano – “Il Trattamento delle Complicanze e degli Esiti nella Chirurgia del Polso” (22-23 marzo). Due giorni che vedranno alcuni dei maggiori esperti in chirurgia della mano riuniti a Milano per fare il punto sulla corretta gestione delle fratture e dei problemi a carico del polso. Il 23 marzo, invece, si terrà la 5a Hand Rehabilitation – Top Master Class, che offrirà ai 72 iscritti tra fisioterapisti e terapisti occupazionali una panoramica sulla riabilitazione del gesto funzionale del polso in seguito a traumi di origine sportiva. A conclusione, il 24 marzo, sarà la volta del 7° Corso Nazionale di Formazione Infermieri Mano a cui quest’anno parteciperanno 44 studenti.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Servizio Sanitario Nazionale è paragonabile a una nave che si sta dirigendo verso la tempesta perfetta

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 Mag 2015

Lorenzin beatriceGli elementi per prevedere lo scenario imminente sono chiari: aumento progressivo delle malattie croniche (ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari e tumori), tagli alla spesa sanitaria, scarsi investimenti strutturali, blocco del turn over. Bastano alcuni numeri per comprendere la portata del possibile ‘naufragio’: negli ultimi 60 anni in Italia il numero di cittadini di età pari o superiore ai 65 anni è aumentato di oltre 30 volte. Nel 2015 sono previsti oltre 13 milioni di over 65 e, in base ai dati ISTAT, nel 2030 saranno più di 16 milioni. Nell’ultimo ventennio la proporzione di italiani affetti da almeno una malattia cronica è aumentata dal 35,1 al 37,9% (pari a 2,7 milioni di cittadini), mentre la percentuale di persone colpite da almeno due di queste patologie è passata dal 17,7 al 20% (2 milioni). I ‘multicronici’ saranno quasi 13 milioni nel 2024 e oltre 14 milioni nel 2034, pari rispettivamente al 20,2% e 22,6% della popolazione (nel 2013 si attesta al 14,4%). Il sistema rischia di non riuscire a reggere le crescenti richieste di salute di questi cittadini. Ma la nave si può salvare e la ricetta è contenuta nel volume “La tempesta perfetta” (ed. Vita e Pensiero, pp. 138), presentato oggi al Ministero della Salute con l’intervento del Ministro, Beatrice Lorenzin, e degli autori, Walter Ricciardi, Claudio Cricelli, Vincenzo Atella e Federico Serra. “Innanzitutto – spiega il prof. Walter Ricciardi, Ordinario di Igiene presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità – è necessario evitare che il Sistema Sanitario Nazionale sia l’espressione, a volte schizofrenica, delle volontà di 21 Regioni e Province Autonome che, in nome della riforma federalista, interpretano il dettato costituzionale come possibilità di operare senza vincoli, salvo poi trovare un salvatore di ultima istanza nello Stato. Questo non significa voler tornare indietro al dirigismo centralista precedente agli anni 2000. I vantaggi di una gestione locale più vicina al paziente sono a tutti noti e, quindi, vanno preservati. Deve però essere rivalutato il ruolo di cooperazione e di scambio di esperienze tra Regioni e tra Centro e Regioni che in questi anni è venuto a mancare per vari motivi. Questa fase di ristrettezze economiche potrebbe rappresentare un’opportunità proprio per migliorare l’efficienza del sistema, eliminando la corruzione e gli sprechi che lo affliggono grazie ad una vera e sistematizzata valutazione delle performance e all’applicazione di una logica dell’accountability”. Nel 2011 in Italia la spesa sanitaria rappresentava il 9,2% del PIL, una percentuale leggermente inferiore alla media dei Paesi dell’OCSE (9,3%), ma decisamente più bassa rispetto a quella di altre nazioni europee come i Paesi Bassi (11,9%), la Francia (11,6%) e la Germania (11,3%). “Le dinamiche osservate dal 2011 fino a oggi sul fronte del finanziamento pubblico alla Sanità ci lasciano immaginare che non vi saranno risorse aggiuntive in questo settore – sottolinea il dott. Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). La sanità nel nostro Paese va cambiata in modo strutturale. È necessario introdurre politiche efficaci per prevenire le malattie, rafforzare l’accesso a un’assistenza primaria di qualità e migliorare il coordinamento delle cure, soprattutto per le persone con patologie croniche. I vantaggi di questa operazione sono elevatissimi e consentiranno di traghettare la nave del sistema sanitario verso un porto sicuro”. L’Italia, in merito ai corretti stili di vita, si attesta fra le peggiori realtà europee. Il nostro Paese è, infatti, terzo, dietro a Grecia e Stati Uniti, presentando il 30,9% di bambine tra i 5 ed i 17 anni di età in condizione di sovrappeso o obesità, nonostante un patrimonio di tradizioni e cultura legato ai benefici della dieta mediterranea. Differisce non di molto la situazione legata ai maschi che vede i bambini italiani dietro ai coetanei di Grecia, Stati Uniti e Spagna, con il 32,4% di obesi o sovrappeso (media europea: 22,9%). E il 39,2% degli italiani (23 milioni di persone) è sedentario. “La nuova rotta – continua il dott. Cricelli – dovrà spostare risorse economiche e umane dalla cura delle malattie alla prevenzione. Questo imporrà di dover ‘re-ingegnerizzare’ l’intero Servizio Sanitario Nazionale, formando una nuova classe di professionisti della salute preventiva e trasformare, mettendole in rete, le strutture già esistenti sul territorio (ad es. strutture sanitarie, scuole alberghiere, scuole primarie e secondarie, palestre pubbliche) per educare attivamente i cittadini alla tutela della propria salute”. Un altro aspetto centrale riguarda gli investimenti. Da tempo, infatti, il sistema sanitario ha fortemente contenuto le spese per il rinnovo e lo sviluppo strutturale, infrastrutturale e tecnologico, soprattutto nelle Regioni del Sud, portando a strutture sanitarie, soprattutto pubbliche, sempre più vetuste che spesso si confrontano con centri privati che al contrario risultano più moderni, confortevoli e all’avanguardia. “Ma non sono solo le mura degli ospedali ad invecchiare – sottolinea il prof. Vincenzo Atella, Direttore del CEIS Tor Vergata (Center for Economic and International Studies). Il blocco del turnover pone il problema di un personale sanitario sempre più anziano e spesso numericamente insufficiente per soddisfare le necessità dei pazienti: il personale in dotazione alle strutture sanitarie pubbliche è infatti in continua riduzione dal 2010, come testimoniato dal tasso di turnover, sceso in media di oltre il 78%, con le Regioni del Centro-Nord che presentano valori più elevati rispetto al Meridione”. “Negli ultimi 13 anni – continua il dott. Federico Serra, Vice Presidente Public Affairs Association – vi è stata una totale assenza di visione strategica e di governance nel settore della programmazione delle risorse umane in Sanità, che ha visto arrivare l’intero sistema sull’orlo della non sostenibilità, a causa della perdita di equilibrio tra accesso alla formazione pre-laurea, alla formazione post-laurea (Scuole di Specializzazione e formazione specifica di Medicina Generale) e al mondo del lavoro. Si potrebbe dire che le modalità di contenimento della spesa adottate finora hanno preferito il razionamento alla razionalizzazione. In altri termini, si è scelto di perseguire la logica del ‘fare lo stesso con meno’, senza assicurarsi di soddisfare davvero i bisogni di salute dei cittadini. Proseguire sulla linea dei tagli lineari, riducendo ulteriormente la spesa sanitaria pubblica, che è tra le più basse del mondo, finirebbe per compromettere il lavoro virtuoso di riduzione dei disavanzi fatto da molte Regioni, costringendo molte Aziende ad operare con fortissime restrizioni che minano pesantemente la tenuta del sistema e, in alcuni casi, la possibilità di mantenere l’adeguata erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza”. “La realtà che abbiamo vissuto negli ultimi anni – conclude il prof. Ricciardi – è quella di una frammentazione esasperata, di una conflittualità latente e dell’aumento esponenziale delle differenze nella qualità e quantità dei servizi, non solo tra Regioni, ma anche all’interno della stessa Regione. È possibile fare bene anche con le risorse attualmente a disposizione, purché vengano utilizzate correttamente, ad esempio riducendo gli sprechi e riallocando le risorse facendo attenzione all’andamento degli indicatori di processo e di risultato, premiando le buone pratiche e incentivando trasparenza e merito”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercato autoriparazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 16 ottobre 2011

Auto in Wand - Car in the wall

Image by wupperhippo via Flickr

Il mercato delle autoriparazioni non risente della crisi (è anticiclico), ha indici di spesa stabili perché i costi degli interventi non subiscono aumenti marcati a differenza delle assicurazioni, e si rivolge a un mercato nazionale costituito da trenta milioni di auto private che vengono portate in officina mediamente due volte l’anno (sessanta milioni di ingressi) anche se l’Italia dispone di un parco circolante fra i più giovani d’Europa perché l’età media delle nostre vetture è di circa otto anni e mezzo. Si è basato su questi elementi l’intervento svolto da Marc Aguettaz, Responsabile di Gipa Italia e International Manager, per illustrare i risultati forniti da un’accurata ricerca un panel di Imprese CNA fornendo fornito dati di estremo interesse agli operatori intervenuti al convegno organizzato sabato 15 ottobre da CNA a CarraraFiere nell’ambito di 4x4Fest, dedicato al “post-vendita” nel comparto automobilistico. Il settore, include un universo che va dai motori alle carrozzerie, dalle revisioni ai pneumatici, conta su circa 200.000 occupati, comprendendo sia chi lavora nelle officine sia gli addetti ai servizi e alla logistica, e offre un’assistenza di alto livello sia per gli interventi ordinari (dai tagliandi alle riparazioni “stagionali”), sia per quelli straordinari con imprese e specialisti che operano con standard qualitativi elevatissimi mantenuti grazie a un continuo aggiornamento. “La nostra associazione ha detto Leonardo Lazzoni, presidente di CNA/Autoriparazione di Massa Carrara aprendo i lavori – è partita da queste specificità per approfondire aggiornare le nostre analisi e illustrare meglio offerte e proposte nel settore dell’autoriparazione che dovrà pensare ed agire sempre di più in termini di “filiera dell’after market indipendente”, alla quale dovremo riferirci anche a livello locale”. L’intervento centrale è stato quello di Marc Aguettaz che ha fornito e commentato dati di estremo interesse , frutto di una ricerca approfondita, sottolineando fra l’altro che il settore “ è stabile, non risente degli sbalzi di mercato e della contrazione delle immatricolazioni perché serve le auto già circolanti e porta un fatturato di oltre quindici miliardi di euro per interventi ordinari e straordinari. Se sommiamo il fatturato generato dai veicoli commerciali e quello delle autoriparazioni si arriva a circa trenta miliardi di euro cifra pari al 2% del PIL. Un settore che, per le sue caratteristiche non consente delocalizzazioni e sul quale vale la pena investire anche dal punto di vista degli sbocchi professionali perché impone continui aggiornamenti ed ingressi di figure ad altissima specializzazione.” Dopo un dibattito che ha permesso di affrontare alcune tematiche con il contributo degli operatori, ha concluso i lavori Ivo Bobini,Presidente CNA/Autoriparazione Toscana annunciando che “l’associazione lancerà un progetto nazionale che ha come obiettivo quello di mettere in rete gli autoriparatori che potranno così accedere ad informazioni e aggiornamenti in tempo reale. Resta solo da attendere che il legislatore intervenga per adeguare le norme relative all’indennizzo diretto che resta uno dei problemi da affrontare per un settore che resta qualitativo e competitivo mantenendo sostanzialmente invariati i prezzi delle prestazioni”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Idrogeno ed energie rinnovabili

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

The Italian politician Nichi Vendola at the Na...

Image via Wikipedia

Bari, 31 gennaio 2011 alle ore 11:00, nella Sala delle Videoconferenze del Politecnico di Bari (Via Amendola, 126/b), in un’apposita conferenza stampa a cui parteciperanno il Rettore del Politecnico di Bari, Nicola Costantino, il Presidente della Fondazione H2U – the Hydrogen University, Nicola Conenna e il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.al Politecnico di Bari, alla presenza del Presidente della Regione Puglia, on. Nichi Vendola ci sarà la firma degli accordi nei settori inerenti l’impiego di idrogeno derivante da fonti di energia rinnovabili e dell’efficienza energetica. Costituiranno gli elementi portanti di un accordo scientifico triennale, rinnovabile, che il Politecnico di Bari e la Fondazione H2U – the Hydrogen University,
Il protocollo di intesa determinerà da subito l’avvio di una sperimentazione, già in fase avanzata di progettazione, relativa all’uso di  motori a combustione interna alimentati con una miscela di metano ed idrogeno (idrometano). Le prove sperimentali coinvolgeranno da subito alcune aziende pugliesi interessate ad investire su queste tematiche e presso le quali si svolgeranno le prove sui motori alimentati ad idrometano. L’impegno coinvolgerà anche gli studenti del Politecnico a cominciare con lo svolgimento di una  tesi di laurea su motori a combustione interna alimentati con idrometano. L’impiego dell’idrometano è un tema di particolare attualità, anche alla luce delle politiche di riduzione delle emissioni climalteranti in atmosfera. Nel febbraio prossimo è infatti prevista l’entrata in vigore del Regolamento Europeo sull’immatricolazione di veicoli alimentati ad idrogeno e miscele metano idrogeno, inoltre alla fine del 2011 scadrà il primo Protocollo di Kyoto che sarà ridiscusso e nuovamente approvato nella Conferenza ONU di Durban (Sudafrica).
Per l’occasione saranno esposte autovetture modificate per essere alimentate ad Idrogeno ed Idrometano.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Berlusconi

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 gennaio 2011

Dichiarazione del Vice Presidente del Gruppo PD Luigi Zanda  “Nel suo ultimo video messaggio Berlusconi ha detto: ‘Io vorrei andare subito dai giudici’. E’ una dichiarazione di straordinaria impudenza. Da vent’anni Berlusconi non fa altro che trovare ogni stratagemma per non presentarsi mai ai giudici e per non rispondere alle numerosissime e gravi imputazioni che gli sono state sempre contestate sempre sulla base di consistenti elementi di fatto”. Così’ il Vice Presidente del Gruppo Pd al Senato Luigi Zanda commenta il video messaggio del Presidente del Consiglio. “Sentire adesso Berlusconi – ha continuato Zanda – dire di voler andare subito dai giudici, la dice lunga sulla credibilità degli argomenti che porta per difendersi dalla valanga di fatti riportati nella documentazione inviata dalla Procura di Milano al Parlamento. L’unica verità di quel video è la minaccia finale di Berlusconi di ritorsioni alla magistratura”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scontri a Roma: perplessità

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 dicembre 2010

“La presenza di infiltrati che l’altro ieri hanno devastato le strade cittadine, mettendo in pericolo i manifestanti pacifisti e le forze dell’ordine è, oltre che inaccettabile, al momento inspiegabile”. Lo dice in una nota il vice capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera, Antonio Borghesi. “Il governo faccia chiarezza sugli elementi che rimangono oscuri – aggiunge Borghesi – innanzitutto, come mai non sono stati fermati in tempo, magari prima che raggiungessero il centro della città. E’ possibile che si siano mossi così in sordina da non essere visti da chi di dovere? Ed inoltre, da chi sono stati mandati?”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio – Napoli, conta l’X-Factor

Posted by fidest press agency su sabato, 13 novembre 2010

La Lazio cerca il riscatto davanti al suo pubblico dopo il ko nel derby, mentre il Napoli si presenta all’Olimpico con la classifica e la mentalità da grande. Questi elementi spingono la maggioranza (45%) degli scommettitori Sisal Matchpoint a puntare sul pareggio, offerto a 3.1.   Sul successo della squadra di Reja (2.2) ha puntato il 28%, mentre il 27% crede nell’ ennesima vittoria corsara di Lavezzi e compagni (offerta a 3.4). In molti prevedono poi una gara tattica, di grande attenzione da parte delle due compagini e povera di gol (under al 70%).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regione Veneto: cinema di qualità

Posted by fidest press agency su sabato, 9 ottobre 2010

Verona – 11 e 12 ottobre la Regione porterà in altrettante sale della città quattro dei nove film proiettati al Lido durante la venticinquesima “SIC”. La rassegna, che ha fatto tappa in altre cinque città del Veneto, è organizzata in collaborazione con il Sindacato nazionale dei critici italiani (SNCCI) e con la FICE (la federazione dei cinema d’essai) delle Tre Venezie. Tutte le serate sono, come nelle passate edizioni, ad ingresso gratuito.
Lunedì 11 le “Giornate” si aprono al cinema Pindemonte alle 20.20 con “Hitparzut X” dell’israeliano Eitan Zur. Come uccidere l’amante segreto della propria moglie e farla franca senza che l’amata ne venga mai a conoscenza è un plot base per un noir, ma in questo film  la trama si arricchisce di elementi psicologici che ruotano intorno a un mai evoluto rapporto figlio-madre e, quasi a specchio, a uno tra marito-moglie in cui, per la grande differenza d’età, l’uomo tende a fare quasi da padre alla donna.
Martedì 12 ottobre le “Giornate della mostra” propongono al multisala Rivoli “Svinalängorna” (Beyond) della svedese Pernilla August (ore 20.20) e “Angèle et Tony” della francese Alix Delaporte (alle 22.20). Il primo vede un’attrice debuttare dietro la macchina da presa: Pernilla August, la splendida interprete di “Fanny e Alexander” di Bergman, porta sullo schermo il bestseller  di Susanna Alakoski, tragica storia di una famiglia allo sbando in una cittadina di provincia negli anni ’70. Protagonista Noomi Rapace, la giovane ribelle Lisbeth Salander della trilogia Millennium da Stieg Larsson.“

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vincere la crisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 settembre 2010

Si è concluso il convegno “Rappresentare la domanda formativa delle filiere meccaniche” organizzato da FormaMec e Ial-CISL al Grand Hotel Palatino di Roma, realizzato con il coordinamento dell’Università Statale di Milano e finanziato da Fondimpresa. Durante il convegno sono stati illustrati gli elementi necessari a creare un’evoluzione nella rappresentazione della domanda formativa delle imprese meccaniche italiane, soprattutto quelle piccole e piccolissime. Le parti confindustriali e sindacali hanno individuato elementi di innovazione sistematica in grado di garantire la concreta applicazione del teorico principio di bilateralità.
FormaMec da sempre si impegna ad offrire soluzioni concrete che possano rispondere alle esigenze di questo settore che in Italia conta oltre 155 mila imprese, per un totale di 1,5 mln di addetti [Dati Istat 2008]. In particolare, le imprese meccaniche rappresentano, rispetto all’economia italiana, il 2,6% delle imprese e l’8,7% degli addetti. L’obiettivo dell’Ente è dare una risposta efficace ai bisogni di tutte queste aziende che, attualmente, hanno uno dei più bassi indici di formazione dovuto al fatto che le loro esigenze non possono essere soddisfatte da una formazione standardizzata.
Dal dato poco confortante si evidenzia un accesso alla formazione limitato da fattori geografici, demografici ma soprattutto culturali. Spesso, infatti, non viene colto il vero potenziale dell’investimento in formazione né dagli imprenditori, né dai lavoratori. Per avere un quadro completo delle opinioni e degli interessi coinvolti e per poter proporre soluzioni concrete atte a migliorare il sistema nel suo complesso, FormaMec ha coinvolto tutti i player interessati: dalle associazioni sindacali a quelle datoriali, dalle imprese ai lavoratori, senza dimenticare la Commissione Nazionale della Meccanica.
È necessaria quindi una nuova cultura della formazione che si basi su una governance innovativa che si sviluppi intorno al principio della bilateralità. Infatti per una crescita costante delle imprese e un aumento del valore e dell’impiego delle risorse non basta un’ampia offerta di contenuti formativi standardizzati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artisti in mostra

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Rossano (CS) Sabato 3 luglio 2010 dalle 18.00 Centro storico Artisti in mostra Eugenia Serafini – Isidoro Esposito – Ombretta Gazzola – Dino Vincenzo Patroni & Raffaele Jannone  Prosegue, con il patrocinio del Dipartimento Politiche dell’Ambiente della Regione Calabria e del Comune di Rossano, ARCANUM NATURAE, progetto elaborato da Settimio Ferrari e Francesca Londino, finalizzato ad indagare il rapporto della società attuale con la realtà naturale e urbana, attraverso l’arte e la poesia contemporanea. Arcanum Naturae è articolato in due diversi momenti. Dopo l’inaugurazione della mostra itinerante “Urban Creatures”, avvenuta il 19 giugno 2010, prende il via “Arte + Elementi – Aer, Terra, Ignis, Aqua”, quattro installazioni, dedicate ai quattro elementi, realizzate da Isidoro Esposito, Ombretta Gazzola, Dino Vincenzo Patroni & Raffaele Jannone, Eugenia Serafini, in esposizione dal 3 al 6 luglio. Gli artisti partono da una dimensione chimico-fisica dei quattro elementi naturali per posarsi su ciò che li trascende, ovvero oltre l’esperienza immediata dei nostri sensi, su ciò che evocano, racchiudono, contengono.  Le opere, collocate in quattro location diverse del centro storico di Rossano, comprese nel quadrilatero tra il quattrocentesco Chiostro di Palazzo San Bernardino e la storica Piazza Steri, sono tutte inedite e realizzate per l’occasione. In concomitanza all’inaugurazione della mostra verrà presentata l’antologia poetica Flowers, dedicata all’elemento fiore, muto guardiano del confine tra l’effimero e l’eternità. A cura di Anna Lauria. Il volume, pubblicato appositamente per l’evento, fornisce un’interessante esplorazione della scena poetica contemporanea. La serata terminerà  con un simposio di arte e poesia, ospitato nello storico scenario del Pascià Restaurant, a Rossano, dove sarà inaugurata la mostra di Vincenzo Larocca, artista impegnato in tematiche contemporanee, legate ai problemi ecologici del pianeta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Cento cavalli di Aligi Sassu”

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Il consiglio di amministrazione della Fondazione Paparella-Devlet, con il beneplacito della Fondazione Crocevia di Alfredo e Teresita Paglione e della vedova di Aligi Sassu, Maria Helenita Olivares, ha deciso di prorogare fino al 31 ottobre l’apertura della mostra.  alla Fondazione Paparella-Devlet Museo “Villa Urania” di Pescara «Abbiamo ritenuto importante non solo rendere fruibile ai turisti questa esposizione, che affianca quella permanente di maioliche appartenute ai fondatori del museo – spiega Augusto Di Luzio, presidente della Fondazione Paparella-Devlet – ma anche per dare l’opportunità alle scolaresche, da settembre, di venire a visitare questi cento elementi tra piatti, zuppiere, ciotole e sculture in maiolica o terracotta eseguite da Aligi Sassu tra il 1939 e il 1965, con la figura a lui più cara, quella del cavallo. In mostra è presente anche il celebre servizio da tavola del 1949 “I cavalli del mare” composto da 73 pezzi, nel quale l’artista si confronta direttamente con la tradizione ceramica ligure quattro-ottocentesca recuperando la tipica bicromia bianco e blu “vecchia Savona”» La mostra sarà  visitabile dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 21 ogni giorno tranne il lunedì. (piatto)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aiuto medico contro l’infertilità

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Oltre 10.000 persone hanno partecipato al più grande studio internazionale mai realizzato volto a comprendere i processi di decisione delle coppie con difficoltà di concepimentoI risultati aiutano a chiarire i differenti tassi di fertilità L’indagine rivela cosa impedisce alle coppie con problemi di infertilità di cercare un aiuto medico e di intraprendere una terapia. I dati principali rivelano che: Il valore sociale legato all’essere genitore e avere figli, e i benefici economici  ad esso associati, sono i fattori chiave che aiutano a spiegare le differenze del tasso di fertilità nei vari Paesi; a questi seguono il senso soggettivo di sicurezza economica e il sentirsi pronti a livello personale e di relazione. Scarsa è la conoscenza dei fattori di rischio della fertilità e degli elementi che aiutano a decidere quando chiedere una consulenza medica per la fertilità e tale conoscenza varia considerevomente da Paese a Paese. Meno della metà dei partecipanti sa che una coppia si definisce infertile e che dovrebbe cercare aiuto dopo 12 mesi di tentativi, che si riducono a 6 mesi per gli over 35. Inoltre, circa la metà degli intervistati ritiene erroneamente che le donne a 40 anni abbiano una analoga possibilità di rimanere incinte delle donne di 30 anni. La maggioranza non è consapevole che la fertilità è messa a rischio dalle malattie sessualmente trasmissibili, dalla parotite dopo la pubertà per gli uomini e dall’essere in sovrappeso per le donne.  Accettare i problemi di fertilità, essere in grado di parlarne con il partner, con la famiglia e con gli amici, conoscere la disponibilità di trattamenti rimborsabili e avere un atteggiamento positivo nei confronti del trattamento sono tra i fattori tipici che caratterizzano le persone che cercano una consulenza medica. Il 40% degli intervistati non sa se siano disponibili trattamenti rimborsabili. La maggior parte degli intervistati è ottimista sulla percentuale di successo e sulla sicurezza dei trattamenti per la fertilità. Si registra però una forte percezione che il trattamento sia costoso e che possa essere fonte di stress. Le persone conoscono meglio i trattamenti più complessi come la fecondazione in vitro (IVF) piuttosto che le cure per stimolare l’ovulazione. Le persone non considerano i mass media (quotidiani, periodici, radio e televisioni) come fonte utile di informazione sulla fertilità e ritengono scarsa la qualità dell’informazione fornita dei mass media relativamente ai trattamenti per la fertilità. I risultati dettagliati dell’indagine sono stati presentati e discussi nel corso dell’ESHRE e verranno pubblicati nel rapporto Fertility – the Real Story che sarà disponibile sul sito http://www.fertility.com e sul sito http://www.icsicommunity.org
Merck Serono è leader mondiale nella medicina della riproduzione ed è l’unica azienda che offre una gamma di trattamenti per l’infertilità per ogni fase del ciclo riproduttivo e i tre ormoni necessari per il trattamento dell’infertilità prodotti con tecniche da DNA ricombinante: follitropina alfa, per la stimolazione  ovarica  e per la produzione degli ovociti nelle donne e per l’induzione della spermiogenesi negli uomini; lutropina alfa, per la stimolazione follicolare in donne con grave carenza di LH e FSH; coriogonadotropina alfa, per favorire la maturazione dei follicoli e il rilascio degli ovociti; follitropina alfa/lutropina alfa per la stimolazione follicolare in donne con grave carenza di LH e FSH; cetrorelix acetato per prevenire l’ovulazione prematura; e progesterone gel, per aiutare le fasi iniziali ed il mantenimento di una gravidanza. Non tutti i prodotti sono disponibili in tutti i Paesi.www.merckserono.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medicina tradizionale cinese

Posted by fidest press agency su martedì, 1 giugno 2010

Milano 3 e venerdì 11 giugno alle 18.30 Largo Corsia dei Servi 11, negozio civico ChiAmaMilano, nel cuore della città, Micaela Montalto, medico agopunturista e insegnante di Medicina Tradizionale Cinese, accompagnerà il pubblico milanese nell’esplorazione di un mondo affascinante, antico eppure attualissimo. Tra premesse filosofiche e consigli pratici, ma senza concessioni all’esotismo, si scopriranno gli aspetti fondamentali della medicina tradizionale cinese.Come è visto il corpo umano dalla Medicina Tradizionale Cinese? Cosa sono i “cinque elementi” e come si relazionano ad essi le emozioni e le sensazioni? Ci sono “trucchi” che la pratica orientale può insegnarci per mantenerci in salute?
La serata di giovedì 3 giugno sarà dedicata al tema Il corpo umano e la sua psiche come specchio del macrocosmo nella Medicina Tradizionale Cinese. Organismi inseriti in un universo pulsante, i nostri corpi sono una riproduzione in piccolo del cosmo e, proprio come esso, sono regolati da leggi eterne, semplici e precise. Leggi che la medicina tradizionale cinese segue da millenni e che partono dalla combinazione dei “cinque elementi” – acqua, legno, fuoco, terra e metallo – che sono presenti in ogni cosa. Essi interagiscono anche con i nostri organi interni e con le nostre emozioni. Come il legno, legato al fegato e al sentimento della rabbia.
Venerdì 11 giugno, nel corso dell’incontro intitolato I mille volti della prevenzione nella Medicina Tradizionale Cinese e i suoi possibili impieghi nella cultura occidentale, Montalto illustrerà invece come l’approccio olistico orientale possa arricchire e integrare gli aspetti più avanzati della scienza moderna. Si parlerà allora del concetto di prevenzione, che non corrisponde alla diagnosi precoce dell’approccio occidentale. E si impareranno alcuni principi della Medicina Tradizionale Cinese per preservare lo stato di salute: dalle norme “igieniche” che sono anche culturali alle diverse abitudini di vita, come la ginnastica, i massaggi, la dietetica, l’impiego delle erbe, l’agopuntura e la medicina dell’orecchio.http://www.chiamamilano.it/cgi-bin/testo2.pl?pmid=21&pos=5, (punti fegato)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Fondi per Unicam dalla geologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 aprile 2010

Camerino, In questo particolare momento di tagli ai fondi per la ricerca, numerose notizie positive arrivano invece per Unicam: dopo aver ottenuto il finanziamento del progetto PRIN sui modelli di evoluzione dell’Appennino e la formazione del Mar Tirreno (coordinatore nazionale prof. Turco), uno dei 6 arrivati all’Ateneo,  la Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie ottiene il prestigioso FIRB Progetto Giovani, l’unico della geologia tra i 100 finanziati in ogni ramo delle scienze in tutta Italia per i ricercatori con meno di 38 anni!   Il progetto FIRB, finanziato con circa 250 mila euro è coordinato dal dr. Gabriele Giuli e riguarda lo studio degli effetti di alcuni elementi, come lo zolfo, sul comportamento dei magmi e delle implicazioni che questo può avere per le eruzioni vulcaniche esplosive. Un argomento quindi che mette in collegamento la ricerca di base in ambito mineralogico-vulcanologico e le implicazioni di particolare rilevanza ambientale come si e’ visto dalle recenti eruzioni in Islanda.  Grazie al finanziamento, il Laboratorio di vulcanologia sperimentale di UNICAM, in cui saranno effettuati tutti gli esperimenti, si arricchirà di nuovi strumenti che lo renderanno più competitivo e potrà mettere a disposizione borse di studio per giovani ricercatori.  Buona ricerca e buona didattica, in un connubio inscindibile e fruttuoso, testimoniato anche dal successo del corso di laurea magistrale in Geologia sulle risorse e rischi geologici (Geoenvironmental resources and risks, in inglese, in consorzio con Monaco di Baviera) che vede già numerose richieste di accedere al corso del prossimo anno da parte di studenti di altre università italiane e straniere. (G. Giuli, vulcano)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

RamhaL Pensiero ebraico e kabbalah

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 aprile 2010

RamhaL è l’acronimo di Rabbi Moeh Hayyim Luzzatto (Padova 1707  Acco 1746/47), poeta, filosofo e autore di componimenti morali. La sua vita è legata alle vicende del circolo di studi cabbalistici che egli guidò in età giovanile a Padova e che lo portò a doversi confrontare con l’accusa di eresia. Ramh.al sostenne di aver udito la voce misteriosa di un maggid, un’entità divina rivelatrice di segreti celesti, che sarebbe divenuta la principale fonte di sapere che l’avrebbe guidato nel corso degli anni a produrre numerose opere di qabbalah successivamente messe all’indice dalle principali autorità rabbiniche europee. Le opere e il pensiero di Ramhal divennero un punto di riferimento sicuro da cui i fi-loni culturali dell’ebraismo moderno e con-temporaneo trassero gli elementi che più si avvicinavano alle singole sensibilità e modi di intendere l’ebraismo; a modo suo egli fu un precursore di una visione pluralistica del mondo ebraico uscito dalla crisi dell’età moderna. Gli studi raccolti in questo volume offrono per la prima volta al lettore italiano un panorama critico completo dell’opera di Luzzatto. (Autore: vari Collana:  Toledoth. Studi di cultura ebraica (Caratteristiche editoriali: formato cm 17 x 24, 290 pp., ISBN 88-6058-034-X; € 28) http://www.esedraeditrice.com

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Robert Kusmirowski: The Otolith Group

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 marzo 2010

Trento fino al 6/6/2010 Galleria Civica di Arte Contemporanea via Belenzani, 46 prima mostra personale dell’artista in un’istituzione pubblica italiana, Kuśmirowski presenterà due nuove installazioni (P.A.P.O.P., 2010, e Cosmorama, 2010) e una vasta documentazione di materiali. Kuśmirowski costruisce manualmente tutti gli elementi che compongono le sue opere e li assembla con oggetti di varia natura e provenienza, producendo meticolose ricostruzioni di ambienti storici dove una grande sapienza manuale si accompagna, sul piano concettuale, a profonde riflessioni sulla nostra esperienza della realtà e della storia, sul ruolo della memoria e dell’immaginazione. Robert Kuśmirowski nasce a Łódź, (Polonia) nel 1973. Vive e lavora a Lublino. Ha studiato presso l’Università Maria Curie Slodowska di Lublino e l’Università Rennes II, Haute Bretagne, in Francia. Ha partecipato a mostre personali e collettive in numerosi musei e istituzioni pubbliche. (robert)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fattori di competitività

Posted by fidest press agency su domenica, 27 dicembre 2009

Fattori di competitività e sviluppo nella ricerca e nell’innovazione tecnologica. Sono concetti che hanno costituito, si può dire da sempre, il “piatto forte” degli economisti e degli analisti di mercato. E’ un modo senza dubbio essenziale per comprendere la posizione relativa ad un Paese, rispetto ai propri concorrenti, in una data regione economica, come ad esempio l’Europa, ed anche per un confronto con le altre parti del mondo. Due di questi modelli sono la competitività  e l’attrattività. Il primo si riferisce, in particolare, all’evoluzione di un dato sistema-Paese e, il secondo, alla capacità di questo stesso Paese di attirare risorse per lo sviluppo o migliorare quelle esistenti. Non solo. Con un’innovazione tecnologica fatta non solo di macchine, ma di elementi che possono gestirla al meglio, possiamo dire che due sono i motori che portano avanti il processo di crescita di un Paese: il capitale umano e quello finanziario. Il primo è un termine specialistico da qualche anno entrato nell’uso corrente e sta a significare il fatto che non basta avere delle braccia per muovere una leva ma è necessario un costante miglioramento delle conoscenze e delle capacità dei singoli coinvolti direttamente o indirettamente nei processi produttivi. L’altro motore, parimenti essenziale, è la dotazione di risorse finanziarie adeguate all’impegno che si intende intraprendere. Nel mezzo vi sono tutte le altre possibili variabili: le infrastrutture, l’efficienza della macchina burocratica pubblica, la capacità di ridurre al minimo lo spreco delle risorse e via di questo passo. C’è chi in proposito rileva la necessità di avere una maggiore cultura della valutazione per garantire che le risorse a disposizione siano utilizzate nel modo migliore possibile. E in questo tratto noi indichiamo una più stretta performance e attribuzione delle risorse in specie se esse sono pubbliche. Solo se tutti questi elementi sono virtuosi noi possiamo affermare che si stia facendo “sistema”. Ma la crescita economica di un Paese non sta solo nella sua capacità di rendere al meglio le risorse disponibili in termini umani e finanziari, ma anche di saper guardare con fermezza al proprio futuro che si chiama, nello specifico, ricerca. E la ricerca ha come fine la produzione di nuova conoscenza, ed essa ha un valore solo se è finalizzata alla maggiore capacità di capire e quindi di fare. Ma vi è anche un altro concetto che non sembra sia stato digerito dal sistema economico attuale con la dovuta attenzione e si chiama globalizzazione ed il che vuol dire, per noi, un modo di trasferire il sistema-paese al sistema continente e nel ricercare nella competitività  un equilibrio nelle rispettive specializzazioni volgendole alla complementarietà e non alla contrapposizione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’idv rilancia sulla politica scolastica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 novembre 2009

La direzione provinciale dell’IDV della Spezia, in riferimento alla complessa evoluzione della razionalizzazione che sta riguardando plessi ed indirizzi scolastici provinciali, propone al Presidente Fiasella, con cui ha già avviato un percorso politico di analisi, di istituire un tavolo congiunto al quale possano partecipare simultaneamente i dirigenti scolastici coinvolti in questo delicato percorso. Lo scopo è quello di mettere i presidi nella condizione non solo di condividere lo sviluppo della pianificazione e di concorrere attivamente alla piena legittimazione delle sue fasi, ma di acquisire gli elementi necessari per orientare serenamente le famiglie e gli studenti. L’IDV crede infatti che la costante fibrillazione del sistema scuola, derivata dalle incerte e confuse indicazioni ministeriali, sia risolvibile unicamente attraverso la condivisione politica e istituzionale dei processi utili alla rivitalizzazione della dimensione scolastica, l’unica in grado cogliere e strutturare le importantissime risorse umane che provengono dal territorio spezzino. E’ in questa direzione che si declina la ferma intenzione dell’IDV di sostenere e rilanciare il progetto di attivazione del Biennio Economico Fossati-Da Passano in Val di Vara, nella consapevolezza che i sindaci dell’area interessata, se attivati e coinvolti nel rispetto dei reciproci ruoli, sapranno elaborare la sintesi più ragionevole per il bene della comunità, senza produrre ragionamenti strumentali.

Posted in Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »