Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘elezioni europee’

Elezioni europee: le proposte della comunità Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 aprile 2019

«Abbiamo preparato un breve compendio che illustra la nostra visione per un’Europa bella e solidale e portiamo a tutti, in particolare ai candidati per le elezioni europee del prossimo 26 maggio, le proposte articolate che abbiamo maturato nel nostro cammino di condivisione con le persone più fragili e vulnerabili della nostra società». Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, illustra le proposte politiche ai candidati alle prossime elezioni europee. Proposte che partono dalla condivisione diretta della vita con gli ultimi, secondo la vocazione ereditata da don Benzi, l’inventore della casa famiglia. La pace positiva come priorità con l’istituzione di un Commissario europeo per la pace. L’accoglienza dei minori e della persone disabili. L’eradicazione della povertà e delle diseguaglianze con politiche del lavoro a misura dei più deboli e con la tassazione delle grandi transazioni finanziarie. Incentivare e favorire canali legali di migrazione tramite corridoi umanitari. Promuovere e sostenere la difesa della vita umana, in particolare nelle sue fasi di sviluppo più vulnerabili, dal concepimento, infanzia, maternità, malattia, disabilità, vecchiaia e fine vita. Abbandonare ogni forma di legalizzazione delle droghe leggere e pesanti. Eradicare il traffico di esseri umani e sostenere l’adozione del modello nordico in tutti gli stati membri che preveda sanzioni agli sfruttatori/clienti. Abolire l’ergastolo ostativo, incentivare le misure alternative al carcere e non permettere che esistano mai più bambini in carcere. Infine promuovere un nuovo modello di economia.
«Il nostro modello di società cui ci ispiriamo è quella che don Benzi chiamava la Società del gratuito. – continua Ramonda – In essa, ognuno detiene il bene dell’altro. Nel bene di tutti c’è anche il bene individuale per una visione inclusiva di società nella quale il lavoro, l’economia e l’organizzazione sociale sono al servizio della persona umana, soprattutto quando la sua vita è indifesa, fragile, debole, da sostenere. Dobbiamo partire dagli ultimi. Il motivo è semplice: se si parte dagli ultimi, allora si possono abbracciare ed aiutare tutti».Le idee sono illustrate in un breve pamphlet, in cui partendo da una breve analisi dei problemi si arriva a proposte politiche concrete che i candidati al prossimo parlamento europeo dovrebbero far loro.Per approfondire, si può scaricare il pamphlet al link: L’Europa in cui crediamo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EUROPA: Il presidente Anief interviene sul dibattito attuale in vista delle elezioni europee

Posted by fidest press agency su sabato, 20 aprile 2019

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, ha preso parte all’importante incontro tenutosi presso il CNEL, per ribadire come sia necessario lavorare tutti insieme, affinché venga costruita un’identità europea, incentrata sui valori del passato, che investa sulla cultura e si apra alle altre culture, capace di far rifiorire un umanesimo rispettoso del diritto al lavoro e del conseguente sviluppo economico. Il presidente Pacifico ha partecipato nella delegazione Confedir per esprimere un giudizio su un testo base chiesto dal CESE, Comitato economico e sociale europeo, al CNEL sul futuro della UE. Presidente, avete condiviso il documento? “Certamente, il testo base è frutto di riflessioni condivise che approviamo, perché da sempre la nostra storia nazionale ha dimostrato come lo spazio euro-mediterraneo sia il nostro orizzonte comune”. Cosa avete chiesto? “Di inserire tre parole: cultura, uomo e lavoro”. Sembrano tre slogan…
“E in effetti dovrebbero esserlo. Infatti l’Europa deve ancora costruire una sua identità dopo il no a una Costituzione comune e deve riscoprire i suoi valori forgiati nel Duecento tra Carlo Magno e Federico II; inoltre deve investire sul suo patrimonio culturale, deve riaprire le frontiere al continente africano e asiatico. Altresì deve far rivivere la propria cultura, deve far rinascere un umanesimo rispettoso del diritto al lavoro e del conseguente sviluppo economico tra reddito di cittadinanza e salario minimo garantito, deve investire in istruzione dedicando il 30% del budget comunitario e fuori dal fiscal compact. Infine, ci deve ricordare Federico II, il suo “Liber augustalis”, il significato di una nazione che ha le chiavi dello sviluppo della società mondiale”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europee. de Bertoldi (FdI): elezioni saranno occasione per rafforzare autorevolezza Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 aprile 2019

“La vicenda Tercas, con la Corte di Giustizia europea che ha dato ragione all’Italia, conferma che il 26 maggio bisogna voltare pagina, per ricostruire un’Europa che risponda al vero spirito dei trattati di Roma. Non quell’Europa che in questi anni ha voluto il Pd, nella quale l’Italia è stata ai margini e calpestata, ma in cui ritrovi la sua dignità e autorevolezza. Questo vale anche sul piano del sistema bancario, che dovrà essere il banco di prova della nostra Nazione e rispetto al quale dovrà pretendere parità di confronto e trattamento, come finora non è stato. Fratelli d’Italia dal 26 maggio porterà al Parlamento europeo queste istanze e questa nuova visione d’Europa, facendosi portavoce dei diritti della nostra Nazione”. Lo ha detto in Aula il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, nel corso della discussione sulla Legge europea.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni europee, verso l’ora X

Posted by fidest press agency su sabato, 6 aprile 2019

Che impatto avranno le forze euroscettiche sul prossimo Parlamento europeo? Che maggioranza uscirà dalle urne e come le fake news sapranno e potranno incidere sul risultato elettorale? Di questo si è parlato all’incontro-dibattito organizzato il 5 aprile scorso da Parlamento europeo e Commissione europea al Festival Internazionale di Giornalismo di Perugia. Le elezioni europee del prossimo 23-26 maggio sono probabilmente le più importanti dal 1979 a oggi. Per la prima volta, in gioco c’è la stessa idea di Europa e di Unione europea per come la conosciamo. Quanto forte sarà l’avanzata dei partiti euroscettici? Quali i possibili equilibri del futuro Parlamento europeo in base ai dati attualmente disponibili? Come si prefigura e quando verrà nominata la prossima Commissione europea? Che ruolo possono giocare i social network per dare un’informazione il più possibile corretta e scevra da fake news? E cosa può fare ognuno di noi, semplici cittadini, per promuovere la partecipazione democratica alle prossime elezioni europee?
A 48 giorni dall’appuntamento elettorale l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia e la Rappresentanza in Italia della Commissione europea organizzano un panel di discussione nell’ambito della campagna Stavoltavoto.eu, rivolta a incoraggiare la partecipazione al voto soprattutto fra gli elettori più giovani, quelli comunque chiamati a costruire l’Europa del futuro. L’evento si terrà venerdì 5 aprile dalle 17 alle 18 nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni.Valeria Fiore, responsabile dell’Ufficio del Parlamento europeo in Italia, Philipp Schulmeister, capo della Public Opinion Monitoring Unit del Parlamento europeo, e Beatrice Covassi, Rappresentante della Commissione europea in Italia, discuteranno con Laura Bononcini di Facebook in un incontro moderato da David Parenzo. All’evento parteciperà anche il caporedattore di Europhonica Andrea Fioravanti, che farà il punto sui prossimi progetti del network radiofonico, ed alcuni giovani del NID, il Nuovo Istituto di Design di Perugia, testimonial della campagna Stavoltavoto.eu.
Con StavoltaVoto.eu, il Parlamento europeo ha deciso di puntare sui giovani chiedendo loro di trasformarsi in ‘attivisti’ del voto. L’obiettivo di ognuno di questi volontari è quello di convincere più persone possibile a recarsi alle urne a maggio, il tutto organizzando eventi, aperitivi o creando grafiche ed oggetti proprio con l’obiettivo di incentivare la partecipazione, come fanno i giovani del NID di Perugia. https://www.stavoltavoto.eu/

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I 100 giorni dalle elezioni europee

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 febbraio 2019

Milano Venerdì 15 febbraio a partire dalle 15:30, presso Cascina Cuccagna a Milano, l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia, in collaborazione con la Rappresentanza a Milano della Commissione europea, organizza un evento legato alle prossime europee. A cento giorni dalle elezioni, i giornalisti potranno conoscere tutti gli strumenti a disposizione dei media per raccontare al meglio le elezioni (dati, sondaggi e proiezioni che il Parlamento metterà a disposizione, il processo di selezione dei candidati alla presidenza della Commissione europea e le opportunità di intervista). I giornalisti potranno inoltre confrontarsi con i protagonisti della campagna istituzionale StavoltaVoto.
Stavoltavoto.eu, la piattaforma voluta dal Parlamento europeo per le prossime elezioni, unisce decine di migliaia di cittadini in tutta Europa per contrastare l’astensionismo e vede l’Italia tra i Paesi più attivi. A partire dalle 17.30, decine di giovani che aderiscono alla piattaforma animeranno una serie di incontri faccia a faccia con i cittadini per mobilitarli al voto. Sul modello dello speed-date, racconteranno in pochi minuti perché hanno deciso di aderire alla campagna. “Il titolo dell’evento ‘Cento per cento’ – spiega Bruno Marasà, direttore dell’Ufficio del Parlamento europeo a Milano – evoca non solo quanti giorni mancano alle elezioni. Cento è anche il numero dei volontari, attivisti e influencer che interverranno nel corso della giornata e che si stanno mobilitando per una più alta affluenza alle urne.” La giornata rientra nella serie di incontri di avvicinamento alle europee del 26 maggio e prevede, in chiusura, un cocktail e l’intervento dell’attrice comica Annagaia Marchioro che tirerà le fila delle idee emerse.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elezioni europee e politica agricola comune

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 gennaio 2019

Con l’avvicinarsi delle elezioni europee – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – sta per entrare nel vivo il dibattito sulla prossima Politica Agricola Comune, ed è bene sottolineare che nella Pac 2021 – 2027 vi saranno dei criteri diversi rispetto a quelli vigenti. Ad avere particolare incidenza, infatti, saranno soprattutto le scelte strategiche che verranno assunte internamente dai diversi Paesi dell’U.E. A tal proposito – continua Tiso – auspichiamo si dia presto il via ad un tavolo politico che permetta a tutti gli attori del mondo agricolo di esprimere le proprie idee sulla struttura della prossima Politica Agricola Comune.Come Confeuro – continua Tiso – crediamo sia necessario puntare su un’agricoltura che favorisca il connubio tra strumenti tecnologici e qualità e sostenibilità delle produzioni; ed è per questo che insistiamo sull’agricoltura 4.0 e sull’applicazione di modelli agroecologici. Il nostro auspicio è anche che a guidare questo cambio di paradigma siano gli agricoltori under 40, i quali, se agevolati e tutelati da regimi fiscali ad hoc e da modalità di assegnazioni dei terreni agricoli favorevoli, potrebbero determinare il vero valore aggiunto del primario italiano dei prossimi anni. Il mondo agricolo – conclude Tiso – attende un forte segnale di discontinuità rispetto al passato e la Pac può essere l’occasione giusta per dimostrare attenzione e interesse verso tutti gli agricoltori e non solo per una loro parte di essi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elezioni europee 2019: cosa fa l’Europa per me

Posted by fidest press agency su sabato, 17 novembre 2018

Il sito web interattivo e multilingue “Cosa fa l’Europa per me”, realizzato dal Servizio di ricerca del Parlamento europeo, contiene centinaia di articoli di una pagina e di facile lettura che forniscono esempi dell’impatto positivo che l’UE ha sulla vita dei cittadini. Gli utenti possono facilmente trovare informazioni specifiche su ciò che l’Europa fa per la loro regione, la loro professione o il loro passatempo preferito.
Il sito mette a disposizione circa 1.800 articoli di una pagina per una lettura semplice, la condivisione o il riutilizzo come pagine web, o come file PDF. Gli articoli sono suddivisi in due sezioni principali. La prima, “Nella mia regione”, consente agli utenti e alle loro famiglie di selezionare il luogo in cui vivono o lavorano. Come è presente l’Europa nelle nostre città e regioni? Tale sezione comprende oltre 1.400 località in ogni parte dell’Unione europea.Tra gli esempi troviamo il progetto Giovanisì, realizzato in Toscana con l’aiuto dell’UE, che ha sostenuto oltre 230.000 giovani a diventare autonomi, promuovendo opportunità legate allo studio e alla formazione, il sostegno al loro inserimento nel mondo del lavoro e l’aiuto all’avvio di startup.Si parla anche delle iniziative dell’UE in favore delle piccole e medie imprese: nelle Marche, ad esempio, il prestito d’onore, ha contribuito a creare 1.355 nuove imprese e 3.300 nuovi posti di lavoro negli ultimi dieci anni, anche grazie a fondi europei per un importo di quasi 8 milioni di euro.In Puglia, il mercato interno dell’UE, con circa 500 milioni di consumatori, offre alle produzioni regionali la possibilità di ampliare il mercato. L’UE rappresenta il mercato di sbocco per oltre il 60% dei prodotti manifatturieri e per ben il 70% dei prodotti dell’agricoltura, silvicoltura e pesca pugliesi.La seconda sezione del sito, “Nella mia vita”, permette a ogni utente di scegliere tra 400 articoli che toccano gli aspetti importanti per i cittadini europei. Ad esempio, in che modo l’UE ha un impatto su famiglie, assistenza sanitaria, hobby, viaggi, sicurezza, scelte dei consumatori e diritti sociali? In che modo l’UE sostiene le persone nella loro vita professionale in decine di lavori, dagli apicoltori, agli autisti di autobus e ai produttori di birra? Che cosa fa l’UE per coloro che amano hobby come lo sport, la musica o la tv? Per questa sezione è disponibile anche una serie di podcast in un numero crescente di lingue.Gli articoli forniscono un’istantanea dell’operato dell’UE per i suoi cittadini – basata su esempi interessanti, con link a informazioni ulteriori – piuttosto che cercare di elencare tutto ciò che l’UE ha fatto negli anni.Tali articoli saranno integrati, in una terza sezione del sito, nello specifico da documenti informativi più esaustivi sulle politiche dell’UE. Questa sezione illustrerà alcuni dei risultati dell’attuale legislatura e le prospettive per il futuro, con particolare attenzione alle preoccupazioni e alle aspettative dell’opinione pubblica e dei cittadini in merito all’azione dell’UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Manca un anno alle prossime elezioni europee

Posted by fidest press agency su sabato, 26 maggio 2018

A un anno da oggi, dal 23 al 26 maggio 2019, i cittadini UE in 27 Paesi voteranno per eleggere i propri rappresentanti al Parlamento e aiuteranno a decidere chi guiderà la Commissione.In un incontro con la stampa ad un anno dalle elezioni europee, il Presidente Antonio Tajani ha annunciato l’avvio del conto alla rovescia per le elezioni europee del maggio 2019 per eleggere i 705 deputati del prossimo Parlamento europeo a suffragio universale diretto e, indirettamente, il Presidente della Commissione europea.Nel corso dei prossimi dodici mesi, il dibattito sul futuro dell’Europa coinvolgerà i cittadini a livello nazionale e locale in tutta l’Unione. Il Parlamento europeo è al centro del dibattito per scegliere l’Europa che desideriamo. Dal gennaio di quest’anno, i leader degli Stati membri dell’UE sono stati invitati a discutere con i deputati la loro visione dell’Europa.Nel frattempo, all’inizio di giugno, il Parlamento ospiterà a Strasburgo più di 8.000 giovani (in rappresentanza della prossima generazione) per raccogliere le loro speranze e i loro timori sull’Europa e discutere le prospettive future.Per la prima volta dal 2007, il 60% degli europei ritiene che l’appartenenza all’UE sia un fattore positivo per il proprio paese e il 67% ritiene che il proprio paese abbia tratto beneficio dall’adesione all’UE, la percentuale più elevata dal 1983.”Secondo l’ultimo sondaggio Eurobarometro, sebbene il 50% degli europei si sia detto interessato alle elezioni europee, solo uno su tre è a conoscenza della data alla quale si svolgeranno. Entro maggio del prossimo anno, nessuno dovrebbe ignorare la data o le scelte principali da intraprendere per la futura direzione del nostro continente”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Commissario dell’UE Oettinger: adottare il bilancio dell’UE prima delle elezioni europee

Posted by fidest press agency su martedì, 22 maggio 2018

Nel corso di un dibattito svoltosi al Comitato europeo delle regioni a Bruxelles, gli esponenti politici regionali e locali e il commissario europeo al Bilancio, Gunther Oettinger, hanno chiesto che un accordo sul nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP), che stabilisce i massimali annui di spesa per tutte le politiche dell’UE per il periodo 2021-2027, sia raggiunto prima delle prossime elezioni europee del 2019, al fine di garantire la continuità del sostegno dell’UE per i cittadini e le imprese.I leader locali e regionali dell’UE appoggiano gli sforzi della Commissione europea volti ad aumentare gli investimenti nel settore dell’istruzione, della ricerca, della gioventù e della migrazione, nonché le misure proposte per ridurre la dipendenza del bilancio dell’UE dai contributi finanziari degli Stati membri. Al tempo stesso, i rappresentanti delle regioni e delle città sottolineano che la proposta di una riduzione del 10 % per la politica di coesione comprometterà la loro capacità di affrontare le disparità e di promuovere l’innovazione in tutte le comunità locali dell’Unione.I leader locali e regionali dell’UE hanno evidenziato, oltre alla necessità di disporre di finanziamenti adeguati, l’esigenza di definire in modo appropriato il ruolo delle regioni e delle città europee nell’attuazione della prossima generazione di tutte le politiche dell’UE, al fine di migliorare le sinergie e l’impatto di queste politiche. In questa prospettiva, un passo fondamentale sarà costituito dalle proposte della Commissione europea relative ai nuovi regolamenti sui fondi dell’UE, che si prevede saranno pubblicate tra la fine di maggio e l’inizio di giugno.Il Presidente del Comitato europeo delle regioni, Karl-Heinz Lambertz, ha osservato che “Le priorità definite nel progetto di bilancio dell’UE sono quelle giuste, ma ciò che serve davvero è un bilancio dell’UE più consistente per un futuro dell’UE più ambizioso ed è per questo che il nostro Comitato chiede un aumento all’1,3 % dell’RNL dell’UE a 27. È un dato di fatto che l’Europa deve affrontare nuove sfide, come la migrazione e la difesa, ma ciò non deve avvenire a scapito della politica di coesione dell’UE. Fondamentalmente, si tratterà ora di vedere come i fondi saranno gestiti e di garantire che un accordo sia raggiunto presto affinché gli enti locali e regionali possano pianificare per il futuro . “Il commissario Oettinger ha preso atto delle preoccupazioni delle regioni e ha invitato i leader locali a mobilitarsi presso i loro governi nazionali al fine di garantire il sostegno per un bilancio dell’UE adeguato, invitando anche i membri del CdR a leggere le proposte della Commissione con la dovuta attenzione ai nuovi programmi: “I fondi di coesione sono importanti, ma non sono gli unici. Vi è la ricerca, che è realizzata anche nelle regioni, la protezione delle frontiere, per esempio, e la migrazione. Il raddoppio dei fondi per Erasmus +, è un’azione che riguarda i vostri figli, non i figli della Commissione! Così, quando fate i vostri calcoli, non mettete nel conto solo i fondi strutturali, ma considerate altri programmi che sono anch’essi significativi e importanti nella vostra attività quotidiana.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni europee 2019: il sistema degli “Spitzenkandidaten” non può essere revocato

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 febbraio 2018

Il PE respingerà i candidati a Presidente della Commissione che non siano stati “candidati principali” dei partiti politici europei
·Il sistema degli “Spitzenkandidaten” (candidato principale alla Presidenza della Commissione) si è rivelato un successo nel 2014
·I Commissari in carica potranno essere designati come “Spitzenkandidaten” prima delle elezioni UE
Il PE respingerà qualsiasi candidato a Presidente della Commissione che non sia stato nominato “candidato principale” dai partiti europei prima delle elezioni del 2019. Secondo i deputati, il cosiddetto sistema dei “candidati principali”, in cui i partiti politici europei, prima delle elezioni europee, designano ciascuno un candidato per la carica di Presidente della Commissione europea, non può essere revocato. Questo sistema è stato utilizzato per la prima volta nel 2014 per selezionare l’attuale Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.
Il sistema degli “Spitzenkandidaten”, termine tedesco comunemente usato per indicare il “candidato principale”, deve essere quindi confermato per le prossime elezioni. Il Parlamento è infatti pronto a respingere qualsiasi candidato alla Presidenza della Commissione che non sia stato selezionato in questo modo.I deputati ritengono che nel 2014 il sistema si sia rivelato un successo, stabilendo un legame tra la scelta del Presidente della Commissione e l’esito delle elezioni europee, e sottolineano che le elezioni del 2019 saranno l’occasione per consolidare questa prassi.I Commissari in carica possono presentarsi come “candidati principali” prima delle elezioni UE. I deputati hanno adottato le proposte di modifica dell’accordo quadro sulle relazioni tra il Parlamento europeo e la Commissione europea.Nella risoluzione, approvata con 457 voti favorevoli, 200 contrari e 20 astensioni, si chiede di:
· consentire ai Commissari UE in carica di candidarsi per l’elezione al Parlamento europeo e di essere designati dai partiti politici europei come “Spitzenkandidaten”, ovvero candidati principali, per l’incarico di Presidente della Commissione, senza dover prima richiedere un congedo non retribuito,
· obbligare il Presidente della Commissione a informare i deputati delle misure adottate per garantire che i Commissari candidati rispettino le norme in materia di indipendenza e integrità durante la campagna elettorale,
· esigere che i Commissari non utilizzino le risorse umane o materiali della Commissione per attività legate alla campagna elettorale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni 2019: distribuzione dei seggi del PE e riforma della legge elettorale europea

Posted by fidest press agency su domenica, 4 febbraio 2018

ElezioniLogoStrasburgo 5-8 febbraio 2018, sessione plenaria parlamento europeo. Il numero dei deputati del Parlamento europeo dovrebbe ridursi da 751 a 705 quando il Regno Unito lascerà l’UE, secondo un’iniziativa legislativa che sarà discussa e votata mercoledì.Secondo la proposta di ridistribuzione, oltre a ridurre le dimensioni del Parlamento, 46 dei 73 seggi liberati dalla Brexit sarebbero messi in riserva per il periodo 2019-2024. Gli altri 27 seggi verrebbero ridistribuiti tra i 14 Stati membri che al momento sono leggermente sottorappresentati.
Nel testo si sottolinea come tale assegnazione sarebbe d’applicazione solo qualora il Regno Unito lasciasse effettivamente l’UE. In caso contrario, l’attuale ripartizione dei seggi rimarrebbe invariata.I deputati voteranno inoltre una proposta per l’istituzione di liste elettorali transnazionali che comprendano l’intero territorio dell’Unione.La decisione finale sulla composizione del Parlamento per la prossima legislatura richiede il sostegno unanime di tutti i capi di Stato e di governo degli Stati membri.
Sempre mercoledì, i deputati ribadiranno la loro richiesta ai governi degli Stati membri di portare a termine la riforma della legge elettorale dell’UE, necessaria per creare una base giuridica per l’introduzione di liste transnazionali. Il Parlamento chiederà al Consiglio di porre fine allo stallo interistituzionale che ha ostacolato i precedenti tentativi di modernizzazione delle regole per le elezioni europee.L’11 novembre 2015 il Parlamento, in base all’articolo 223 (1) del TFUE, ha avviato la procedura di riforma dell’Atto elettorale europeo del 1976.La riforma della legge elettorale UE deve essere prima approvata all’unanimità dal Consiglio dei Ministri UE e poi dal Parlamento nel suo insieme. Infine, per entrare in vigore, dovrà essere ratificata da tutti gli Stati membri sulla base dei loro rispettivi ordinamenti costituzionali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni europee

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 giugno 2009

Dai primi dati in nostro possesso potremmo dire: “come volevasi dimostrare”.  Il caso Italia è di quelli che un qualsiasi specialista chiamato al suo capezzale potrebbe dargli poche speranze di guarigione. Nella migliore delle ipotesi resterebbe un malato cronico. Eppure non riusciamo a dare per intera la colpa agli elettori che se da una parte sono molto critici nei confronti di chi ci governa dall’altra nel segreto dell’urna cambiano atteggiamento. La verità è che non abbiamo una opposizione credibile. Non abbiamo una leadership in grado di presentare un progetto alternativo all’attuale maggioranza. Siamo a tutt’oggi condizionati dai due clamorosi insuccessi nel governo della sinistra. La prima volta con la tripletta Prodi-Amato-D’Alema e, la seconda con Prodi e la caduta del governo dopo due anni di mandato con un triste esempio di disaccordo interno che paralizzò ogni iniziativa riformistica. Oggi, per giunta, la tecnica mediatica è diventata una vera e propria presa in giro. Costatiamo, ad esempio, che tutte le volte in cui le forze dell’ordine riescono a sventare qualche atto delittuoso o ad arrestare i colpevoli di un efferato delitto fioccano a ripetizione i messaggi di congratulazione e di stima. Circostanza giusta e opportuna, ovviamente ma che ha il privilegio della gratuità per chi la esprime mentre non si fa nulla per sostenere materialmente tale sforzo organizzativo e di intelligence. Per non parlare poi delle grandi riforme sempre annunciate come quelle della giustizia, della sanità, del welfare e della scuola e che nella migliore delle ipotesi si rivelano un pateracchio se qualcuno ci mette mano sia pure parzialmente. Su tutto, alla fine, regna la disinformazione. L’ultimo esempio è dato dalla recente relazione del Governatore della Banca d’Italia. In un primo momento da destra, da sinistra e da centro le sue parole divennero un altrettanto motivo di lode e di condivisione come se Draghi fosse stato un iscritto al Pd e al tempo stesso del Pdl e degli altri movimenti minori e un loro pedissequo esecutore. Ma quando qualcuno fece notare a Berlusconi che il Governatore aveva parlato di un milione e mezzo di disoccupati privi di ogni forma di tutela economica, subito ritenne d’affermare che si trattava di una affermazione non vera. Vorrei chiedermi, a questo punto, per chi hanno votato questi ex-lavoratori e le loro famiglie considerato che sono i testimonial di chi si fa gioco dell’emarginazione cui sono stati condannati. Ma forse è meglio non sollevare questo velo.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Esiti parziali delle elezioni

Posted by fidest press agency su domenica, 7 giugno 2009

Milano 9 giugno, alle 10.30, l’Ufficio a Milano del Parlamento Europeo ( Sala Conferenze PE- c.so Magenta, 59 – 2° piano) terrà la conferenza stampa sugli esiti parziali delle elezioni europee nella circoscrizione Nord Ovest,  saranno presenti gli Eurodeputati che, al momento della conferenza, avranno certezza del  risultato che li riguarda.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spazio Europa e la notte delle elezioni europee

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 giugno 2009

Roma la sera del 7 giugno a partire dalle ore 19.00″ Porte aperte” presso lo “Spazio Europa” ( Via IV Novembre, 149). L’Ufficio di Informazione per l’Italia del Parlamento europeo e la Rappresentanza della Commissione europea, in occasione delle prossime elezioni per il rinnovo dell’ Europarlamento, organizzano una serata   in collegamento da Bruxelles, grazie a un sistema di videoconferenza, gli interventi del Presidente uscente del Parlamento europeo Hans Gert Pottering, dei Leaders dei partiti europei, e di altre personalità politiche di rilievo che si confronteranno su vari temi. Nel corso della serata saranno proiettati anche i risultati delle elezioni nei 27 Paesi europei.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni europee e locali

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2009

Editoriale fidest. Ci siamo, oramai. Le ultime battute della campagna elettorale non cambieranno, se non marginalmente, il gioco delle parti per accaparrarsi il voto degli italiani. E’ un voto che i politici nostrani, in massima parte, dedicano a una sorta di sondaggio d’opinione sui grandi numeri declassando, di fatto, la valenza politica del voto europeo. Se così fosse c’è da chiedersi il motivo per il quale i tanti scontenti continueranno a votare per il Pdl e i suoi alleati. La verità è che molti sono convinti che non esiste una forza d’opposizione capace di determinare una svolta nel sistema Italia così com’è pervicacemente legato ai richiami del potere economico, finanziario e industriale. A ben considerare sta proprio qui il nodo Gordiano che i politici italiani nemmeno tentano di sciogliere. Nello stesso tempo è proprio il nostro presidente del consiglio a ricordarcelo non per voler cambiare le cose ma per far capire che l’attuale andazzo condanna la politica a svolgere un ruolo marginale nella vita del Paese. Dove sono, infatti, le riforme che possono portarci verso una società più egalitaria, più in difesa dei diritti, meno spendacciona, più forte e solidale con il popolo degli emarginati che ingrossa sempre di più? Abbiamo spesso riflettuto sulle ragioni del decadimento di grandi civiltà come quella babilonese, egiziana, greca, romana o sulle rivoluzioni che avrebbero dovuto cambiare il ruolino di marcia della storia a partire dalla ateniese del 400 a.C. alla francese, alla russa del socialismo reale e alle piccole rivolte regionali spuntate dalla radice di un moto popolare che aveva sete di giustizia e si è ritrovata soffocata dalla gramigna. Cosa possiamo oggi dedurne? E’ che esiste una grande parte dell’umanità che è stata condannata ad essere suddito senza diritti o, nella migliore delle ipotesi, con l’illusione d’averli o di poterli conquistare, e che è attraversata da due grosse dipendenze: la prima sta nel suo spirito gregario che crea i potenti e ne diventa servitore e la seconda è nella sua incapacità di conservare la memoria per le offese ricevute, le attese mancate e i tradimenti perpetrati. Tutto questo non ci permette oggi, nel nostro piccolo, di compiere ciò che un genere diverso di popolo dalla memoria lunga e dall’orgoglio della propria appartenenza farebbe. Ci condanna solo a restare servus servorum Dei sebbene oggi, più di ieri, abbiamo le tecnologie, gli strumenti e l’intelligenza creativa e propositiva per voltare pagina e riflettere sul più grande, a mio avviso, insegnamento della storia allorchè i plebei dell’antica Roma contrastarono il passo ai Patrizi dimostrando loro che vi è una grande mano non fatta solo per servire ma per condividere, per ritrovare la solidarietà, perché non esistono primati ma compiti che vanno svolti senza umiliare il più umile, senza spirito servile per il più potente e che la ricchezza di un popolo e dell’intera umanità si misura sulla sua capacità di stare insieme e sul modo di guardarsi e di stringere la mano. La storia del poi tradì quel segnale come oggi il tradimento si rinnova nei rituali che la cosiddetta democrazia compiuta ci impone. Sta diventando una strada senza uscita? Non credo. Cerchiamo un risveglio, neutralizziamo i soporiferi che ci ammanniscono e ritroviamo la nostra memoria, la nostra dignità, la nostra volontà di crescere senza per questo far pagare un prezzo ai nostri simili che non sia un prezzo che noi stessi paghiamo. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Introduzione alle elezioni europee

Posted by fidest press agency su martedì, 26 maggio 2009

In ognuno dei 27 Stati membri dell’Unione europea, tra il 4 e il 7 giugno 2009 si svolgeranno le elezioni europee. Più di 375 milioni di cittadini europei potranno recarsi alle urne per eleggere i loro rappresentanti al Parlamento europeo che avranno un mandato di cinque anni. Sui 736 eurodeputati che conterà il Parlamento, 72 saranno italiani.   Il Parlamento europeo rappresenta i cittadini degli Stati membri a livello di Unione europea. Si tratta dell’unica istituzione europea eletta direttamente – dal giugno 1979 – e il solo parlamento multinazionale del mondo eletto a suffragio universale. Dal 1958 al 1979, i deputati europei erano nominati dai rispettivi governi nazionali ed avevano tutti un doppio mandato.  Le elezioni del Parlamento europeo si svolgono ogni cinque anni. Quella che inizierà a giugno 2009 sarà la settima legislatura e coinciderà con il trentesimo anniversario delle prime elezioni europee a suffragio universale diretto.  Dal 1958, il Parlamento europeo è cambiato notevolmente a causa dei progressivi ampliamenti dell’UE: il numero di Stati membri è salito da 6 a 27, il numero di deputati è aumentato da 142 a 736 e le lingue ufficiali dell’UE sono cresciute da 6 a 23. Inoltre, la successiva revisione dei trattati ha esteso i poteri del Parlamento europeo: da un ruolo meramente consultivo nel 1958, è diventato un co-legislatore, assieme ai rappresenti dei governi nazionali, per la maggior parte della normativa UE.   Quando si recheranno alle urne i cittadini europei? Le elezioni del 2009 si terranno tra il 4 e il 7 giugno. Le date delle elezioni variano da paese a paese in funzione delle tradizioni locali, ma i risultati di ognuno dei 27 Stati membri saranno resi noti solo alla sera del 7 giugno.  Nel Regno Unito e nei Paesi Bassi si voterà il 4 giugno, mentre in Irlanda il 5. In Repubblica ceca le urne saranno aperte il 5 e il 6 giugno, mentre a Cipro, in Lettonia, a Malta e in Slovacchia si voterà solo il 6 giugno. In Italia, si potrà votare il 6 giugno pomeriggio e per tutta la domenica 7. In Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lituania, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria, si terranno le elezioni nella sola giornata di domenica 7 giugno.   Quanti sono gli eurodeputati?  Il numero di deputati europei è cresciuto in parallelo ai successivi ampliamenti dell’UE. Dal 2007, il Parlamento europeo è composto di 785 deputati provenienti dai 27 Stati membri. Tuttavia, il Trattato di Nizza, modificato a seguito dell’adesione di Romania e Bulgaria, sancisce che il numero totale di deputati sarà pari a 736 a partire dalle elezioni del 2009. Di seguito figura la ripartizione dei seggi tra i diversi Stati membri.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lista Bonino-Pannella: chi lo sa?

Posted by fidest press agency su domenica, 17 maggio 2009

Solo il 3% degli elettori sa di poter votare la Lista Bonino-Pannella alle prossime elezioni europee. E’ questo quanto emerge da un sondaggio che rendiamo pubblico e che conferma quanto il Regime abbia anche in questa occasione cancellato completamente l’esistenza del movimento radicale e la presentazione del simbolo Lista Bonino-Pannella. Tra gli interpellati, alla domanda “sa quali partiti troverà indicati nella scheda elettorale delle prossime elezioni europee” rispondono spontaneamente, solo 3 su cento, Lista Bonino-Pannella. E’ evidente che si tratta di una partita truccata dove è materialmente impedito “scendere in campo”. La conoscenza dell’offerta politica è negata. Quel che è sicuro è che i Radicali non accetteranno inermi questa esecuzione di Regime.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa su patto federativo tra m.p.a. e d.c.

Posted by fidest press agency su martedì, 12 maggio 2009

Roma 13 maggio 2009 alle ore 10.30, presso la sede nazionale dell’M.P.A., in Via dell’Oca n. 27, conferenza stampa dell’On. Raffaele Lombardo e di Angelo Sandri, rispettivamente Segretario Federale dell’M.P.A. e Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana – Terzo Polo di Centro.Oggetto della conferenza stampa l’accordo raggiunto tra  le due formazioni politiche per un patto federativo che sancisce la collaborazione tra le parti non solo in vista delle prossime elezioni europee ed amministrative del prossimo 6 e 7 giugno 2009, ma anche in vista della formazione di un nuovo soggetto politico che metta al centro del proprio programma lo sviluppo dell’autonomia quale concetto cardine per un equilibrato futuro sviluppo in Italia come in Europa. Angelo Sandri, nel confermare questo importante appuntamento, ha voluto sottolienare come la Democrazia Cristiana, che ha cercato da vari mesi ormai, di coinvolgere nella sua iniziativa politica tutta una serie di partiti, movimenti ed associazioni di ispirazione centrista, condivide fortemente il progetto politico autonomistico che incardina il principale insegnamento di don Luigi Sturzo, giustamente definito il Padre delle autonomie locali in Italia. Ma non sono certo da trascurare altri elementi forti alla base dell’azione politica della Coalizione per l’Autonomia, quali la difesa delle radici cristiane, in Italia come in Europa, ed anche la valutazione che è necessario impegnarsi concretamente per difendere quella importazione democratica e partecipativa che la attuale Costituzione italiana ha garantito per tanti anni e che taluno vorrebbe cancellare per dar vita ad un sistema verticistico e molto meno garantista di quel principio di sovranità popolare a cui sia l’MPA che la Democrazia Cristiana-Terzo Polo di Centro dichiaratamente si ispirano.  Sarà presente alla conferenza stampa anche l’On. Carmelo Lo Monte, Responsabile nazionale del Dipartimento Enti locali del Movimento per le Autonomie, nonchè una delegazione della Democrazia Cristiana – Terzo Polo di Centro della Corinzia, con cui la D.C. italiana ha sviluppato in questi mesi proficui rapporti di amicizia, e che sarà guidata da Armando Longo, Responsabile del dipartimento nazionale della D.C. per gli italiani all’estero.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal mondo della scuola: Elezioni Europee

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2009

Esami che slittano e studenti che ripongono il costume borbottando.. Rimarranno con il fiato sospeso fino ad estate inoltrata gli studenti che quest’anno dovranno affrontare le prove di maturità. L’inizio è infatti slittato per non sovrapporsi alle prove di licenza media che si terranno a partire da giovedì 18 giugno. Anche se non è entrato nel merito delle motivazioni che hanno contribuito allo slittamento dell’avvio degli esami nel prossimo anno scolastico, il Miur è stato costretto a fissare la data della prima prova scritta “al giorno 25 giugno 2009, alle ore 8.30” per evitare sovrapposizioni con altre attività, esattamente una settimana di ritardo rispetto alla maturità dello scorso anno. L’impossibilità è data dalle Elezioni Europee previste per sabato 6 e domenica 7 giugno. Di conseguenza scuole chiuse fino al 10.. In merito alla scelta delle date chiamiamole “forzate”, L’Avv. Marco Polizzi Presidente di Primoconsumo: “ In politica si discute delle elezioni, sul quando e come fissarle. Eppure non si pensa mai alle esigenze delle strutture, e quindi delle persone che ne usufruiscono. Disagio per studenti e docenti costretti a slittare di una settimana gli esami di licenza media e liceale, e disagi per le famiglie, costrette a rimodulare le già complesse organizzazioni dell’anno con gli esami dei figli.”

Posted in Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Europa dei diritti

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2009

Bologna (BO) 16/04/2009 ore 21 Via Andreini n. 6 Marco Lombardo organizza un incontro nell’ambito del ciclo di incontri “Bologna in Europa” per un voto consapevole alle elezioni europee del 6-7 giugno. Relatori: M. Lombardo, M. Bertuzzi, G. Codrignani, R. Donini. Ciclo di incontri promosso dal Forum Europa del PD, dai Giovani Democratici e dal Circolo PD di Bologna (San Donato) per parlare di Europa e di politiche europee in vista delle prossime elezioni del 6-7 giugno.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »